Connect with us

Resort & SPA

Un rifugio termale per la Musica dell’Anima

DailyMood.it

Published

on

“Spa & Soul” – L’hotel HelvetiaThermal Spa diventa la “Casa degli artisti” del Porretta Soul Festival

Ogni anno le calde voci della musica Soul si danno appuntamento in Italia … alle terme.
Il Porretta Soul Festival è diventato ormai un appuntamento imperdibile per gli amanti della musica afro-americana. Nata agli inizi degli anni ’50 (letteralmente in inglese significa Anima), la sua invenzione viene comunemente attribuita a Ray Charles e la sua caratteristica principale è fondere il canto gospel con l’impeto del rhytm&blues. Una sorta di incontro fra sacro e profano che venne visto agli esordi da alcuni quasi come se si trattasse di un atto blasfemo.
Diavolo e acqua santa dunque, anzi per meglio dire acqua termale, si perché l’anima della musica trova la sua casa in Italia in un rifugio termale e l’Hotel Helvetia Thermal Spa dal 18 al 21 luglio diventa la “casa degli artisti” e si prepara ad ospitare i più grandi nomi della Soul music internazionale.

Per vivere appieno tutta la magia dell’atmosfera calda e avvolgente della Soul music l’Hotel Helvetia ha preparato un rituale per creare un esperienza indimenticabile.
Grazie al pacchetto “SPA&SOUL” per due notti si potrà dormire nella camera accanto ad una delle star del soul e di giorno usufruire della spa per due trattamenti esclusivi. Il THERMAL MASSAGE (50 min) grazie a sfioramenti con tamponi caldi imbevuti di acqua termale contenenti minerali ed oligoelementi, mentre ci si abbandona al relax si può beneficiare delle proprietà drenanti e decontratturanti del trattamento. Con l’HELVETIA SOUL MASSAGE il benessere arriva all’anima, il trattamento diventa sensoriale, psicosomatico e profondo alla ricerca del proprio equilibrio di corpo e psiche per un’armonia anche interiore.
Per tutti i suoi ospiti l’Helvetia regala il cd celebrativo del PORRETTA SOUL FESTIVAL in modo che la vacanza e la sua magica atmosfera possano rivivere anche una volta rientrati a casa.

Ma non finisce qui, infatti per conoscere meglio la Soul music si può visitare il Soul Museum, inaugurato di recente, è situato proprio nel vicolo che presenta il murales dedicato a Sam Cooke, nel pieno del centro di Porretta Terme a pochi passi dall’Hotel Helvetia. Il museo raccoglie le testimonianze del passaggio dei grandi del soul sul palco del Porretta Soul Festival, a cominciare da Rufus Thomas, The Memphis Horns, Solomon Burke, Bobby Rush, Millie Jackson di cui si conservano abiti di scena, calzature o altri oggetti personali. La collezione si avvale di una vasta raccolta fotografica e un ricco archivio audiovideo. Il museo è aperto tutti i giorni dalle 8, 30 alle 12, 30 e dalle 15, 30 alle 19,00. Visita guidata previo appuntamento con Giovanni “Vola” Zangari: cell. 3298072721

Pacchetto “Spa& Soul” con pernottamento e colazione € 550,00 in camera doppia per 2 persone
(valido dal 01-05 al 15-07)

http://www.helvetiabenessere.it/

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + 11 =

Resort & SPA

Matrimonio in vista? Ora si fa in agriturismo

Published

on

Location sfarzose e ambientazioni da favola sono state per anni la scelta prediletta di chi pronunciava il fatidico “sì”. Oggi invece lo stile country chic sta coinvolgendo anche il mondo del wedding e sempre più coppie scelgono gli agriturismi per celebrare il giorno più bello della loro vita. E non sono solo gli italiani a essere affascinati dalle atmosfere bucoliche ma sono in aumento anche le richieste da parte di sposi stranieri: secondo un’analisi di Agriturismo.it, nell’ultimo anno sono cresciute del 38% le richieste di matrimoni da parte di utenti provenienti dall’estero.
L’86% delle coppie che consultano il portale alla ricerca della location perfetta per le nozze è italiano e il 14% è straniero. Nel dettaglio, sul totale delle richieste oltre una su dieci proviene dall’Inghilterra, nazione che predilige in particolar modo le strutture toscane; la rimanente parte arriva da Germania e Francia.

Chi sceglie di sposarsi in agriturismo sembra preferire cerimonie più intime e infatti oltre la metà delle richieste (62%) arriva per matrimoni in cui non ci sono più di 50 invitati.
Analizzando le ricerche dei futuri sposi e rapportandole al numero di strutture presenti, si scopre che Lombardia, Toscana, Umbria, Lazio e Sicilia sono le cinque regioni dove il matrimonio in agriturismo risulta essere più gettonato.

Se i mesi preferiti per sposarsi in agriturismo sono giugno, in cui si concentra il 26% delle prenotazioni, e settembre (21%), quando è il momento in cui si pensa all’organizzazione? Stando all’analisi delle richieste degli utenti, i tre mesi che aprono l’anno sono quelli dedicati alla pianificazione dell’evento: tra gennaio e marzo si concentra infatti il 43% delle ricerche.

E il trend che ha rivalutato il country chic non interessa solo i futuri sposi: sono in costante aumento anche le prenotazioni per altre tipologie di eventi, come cresime, battesimi e comunioni. In questo caso, alle già citate Lombardia, Toscana e Lazio, si aggiungono nella top 5 delle regioni più prenotate la Puglia e la Campania.

«La moda che vede in auge le location bucoliche e la crescente importanza del cibo e dei prodotti del territorio stanno spingendo molto anche il segmento ristorativo in agriturismo – dichiara Francesco Lorenzani, CEO di Feries Srl, società di cui fa parte Agriturismo.it – Da qui la scelta sempre più diffusa, anche fra gli stranieri, di festeggiare matrimoni ed eventi in questo tipo di strutture».
Se anche voi state pensando di organizzare il vostro matrimonio, o una ricorrenza particolarmente importante, in una location dal fascino bucolico, eccone alcune da tenere sicuramente in considerazione.

In Calabria a Serra Giumenta
Su un’altura della campagna calabrese, tra lo Jonio e il Tirreno, immersa nelle colline vestite di vigne e uliveti, Il Castello di Serragiumenta, parte di Dimore d’Epoca, è un luogo di charme ideale per chi cerca un soggiorno di qualsiasi durata, una cucina speciale a base di prodotti locali, una vacanza equestre o per organizzare un evento speciale, a partire dai matrimoni, curati nei minimi particolari.
Costruito nel XVI secolo dal decimo conte di Altomonte, Pietro Antonio Sanseverino, il Castello di Serragiumenta testimonia una storia antica e lontana nei secoli, che nasce con la famiglia Sangineto, che regnò dai primi del 1300 fino al 1381, anno in cui ebbe inizio il dominio, plurisecolare, della famiglia Sanseverino.
Quello di Serra della Giumenta era infatti uno dei 12 suffeudi istituiti dal Conte Filippo di Sangineto per motivi di carattere militare ed economico.
Risale invece all’800, così come riportato in una mappa dell’epoca, la costruzione della Chiesetta con altare barocco, della stalla – oggi Voliera – e di altri piccoli edifici annessi.
La struttura del Castello, perfettamente restaurato, è rimasta a oggi inalterata. Gli interni, salone dopo salone, svelano l’atmosfera e il gusto sobrio delle dimore di campagna dell’epoca
Il matrimonio al Castello di Serragiumenta è intimo e gioioso, semplice e solenne, sempre elegante. Per gli sposi la cerimonia di rito civile celebrata in giardino o in terrazzo, nella luce calda e magica del tramonto sulle colline. Ampia la scelta per il rinfresco, con aperitivo in giardino e cena sul prato sotto un manto di stelle, o più intima in terrazzo, o classica sobria ed elegante nei saloni adibiti in dimora. Per il taglio della torta sempre il castello sullo sfondo, cornice unica. E la cura in ogni dettaglio: candele di ogni forma per illuminare un momento indimenticabile, allestimenti in materiali naturali, spesso realizzati in azienda: tutto grazie alla creatività curiosa e appassionata dello staff. E per le future spose, un piccolo ‘atelier’ con abiti bianchi vintage, di un’eleganza senza tempo.
Per informazioni: http://serragiumenta.com

 


In Toscana a Borgo I Vicelli Relais Firenze

Il matrimonio in Toscana è una fiaba che diviene reale, e l’agriturismo Borgo I Vicelli Relais Firenze, a Bagno A Ripoli, è la cornice perfetta per una cerimonia country chic in campagna e per un soggiorno intimo e di lusso con gli amici e gli invitati. Qui è stato ideato un pacchetto alternativo e originale, sviluppato su almeno tre giorni: quello dei preparativi e degli scherzi, il giorno del matrimonio e una giornata (o più) da trascorrere con una gita fuori porta, tra Firenze, Arezzo, Siena, la Val d’Orcia, le colline del Chianti o addirittura il mare, non così distante da questo prestigioso entroterra.
Immerso nella natura sorprendente delle colline del Chianti, tra uliveti, punteggiato di alberi maestosi, adorno di un lussureggiante tappeto verde, questo piccolo villaggio incantato presenta un’atmosfera tipicamente toscana e bucolica, ma offre agli ospiti anche tutti i comfort appartenenti alla più moderna concezione di hospitality: una spa con vasca idromassaggio e sauna, una piscina (di 162 mq) e un ristorante Evo, dedicato alla scoperta e al culto dell’olio, abbinato al cibo tradizionale.
Borgo I Vicelli Relais Firenze è una location ideale per ospitare gruppi di persone in una delicata atmosfera di eleganza soffusa, in una dimensione sospesa enfatizzata da una tenuta coltivata ad olivi. In estate e primavera il matrimonio in Toscana è senza dubbio all’aperto, con una swing band a spargere le note tra i fili d’erba e fiori del giardino.
Lo chef del ristorante progetterà assieme agli sposi un menù a tema, tradizionale toscano, che segua usanze rivisitandole con un tocco moderno e innovativo. La terrazza panoramica, affacciata sui colli a uliveto lascerà gli invitati a bocca aperta.
Per informazioni: http://www.borgoivicelli.com

In Sicilia all’agriturismo Monaci delle Terre Nere
Monaci delle Terre Nere è il luogo perfetto per le coppie in cerca di un ambiente davvero unico e della tranquillità data dall’avere un team dedicato per rendere indimenticabile il giorno del matrimonio.
l paesaggio è dominato da vigneti, uliveti e frutteti, adagiati sulla ricca e sinuosa terra. In sottofondo, la natura fa il suo corso e accompagna il lento scorrere del tempo. Per un romantico scambio delle fedi, potrete scegliere una delle terrazze della tenuta, in pietra lavica dell’Etna, oppure la cornice di un uliveto con vista vulcano o mare, mentre il ricevimento può svolgersi sulle terrazze della villa nobiliare, a bordo piscina o nelle aree verdi della tenuta.
Lo sfondo creato dalla magnificenza dell’Etna, il blu del mare, e il verde della tenuta saranno lo scenario naturale messo a disposizione per trasformare il giorno speciale in un evento unico che anche gli ospiti si porteranno per sempre nel cuore.
Cura per i dettagli, un meraviglioso sfondo naturale, ma anche una cucina autentica e piena di sapori. Sotto l’occhio attento del Maître D, gli chef creeranno un delizioso menu con autentici sapori siciliani accompagnati dall’ampia lista di vini, compresi quelli dell’azienda agricola annessa.
Se poi volete prolungare l’atmosfera di gioia del matrimonio, a disposizione 27 spaziose camere e suite, una piscina a sfioro, un bistrot, un bar a bordo piscina, un orto, una terrazza e un parco giochi per bambini. Il matrimonio qui può anche essere personalizzato con esperienze e attività come corsi di cucina, degustazioni di vini, escursioni nelle vicinanze, lezioni di Yoga, escursioni a cavallo.
Per informazioni: https://www.monacidelleterrenere.it

In Lombardia a Cascina Caremma
Ambiente rustico, ma raffinatamente curato in ogni dettaglio. Matrimonio in cascina is the new white. Se la pensate così, il vostro rito potete celebrarlo in questa location situata a Besate, poco distante da Milano, circondati da un paesaggio tinteggiato di verde. Tra campi adibiti all’agricoltura biologica, spazi benessere, terrazza panoramica coperta e antiche sale interne, qui tutto viene organizzato alla perfezione, inclusi servizi quali la fornitura delle varie figure professionali che ruotano attorno alla preparazione di un tale evento. Per un matrimonio slow a km zero, chiavi in mano.
In particolare, per il ricevimento, potete scegliere il Granaio, la più ampia delle sale interne, recuperata dalla ristrutturazione dell’antico granaio e ora uno splendido salone perfetto per ricevimenti anche numerosi. Situato al primo piano della struttura, risulta particolarmente luminoso ed è dotato di una lunga balconata con vista sul cortile. Le Sale Interne, invece, sono composte da tre ambienti completamente rinnovati con uno stile elegante, dove protagonisti sono gli antichi camini, le sedute in pelle e l’utilizzo tavoli tondi. Infine, il Fienile, spazio ottenuto dal recupero architettonico dell’antico fienile. Uno spazio di circa 500 mq coperto da un tetto di oltre 4 metri d’altezza completamente restaurato lasciando inalterato il fascino originale. Qui travi a vista e grandi arcate lasciano intravedere un magnifico panorama.
Per informazioni: http://www.caremma.com

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Resort & SPA

Nuovi Skyview Chalets: sulla testa, un tetto di stelle

Published

on

Se fossero semplici chalet, nonostante il luogo incantevole sul meraviglioso Lago di Dobbiaco (BZ) circondato dal teatro naturale delle Dolomiti, non ci sarebbe niente di davvero speciale. Invece, quelle disseminate nell’area del Toblacher See sono strutture futuristiche eppure perfettamente integrate nell’ambiente che consentono di dormire sotto il proverbiale – ma spesso inaccessibile – tetto di stelle. Il che giustifica la pertinente definizione di Skyview Chalets, dedicati a chi ama la libertà ma anche il massimo del comfort.

Grazie al talento visionario dell’architetto Paolo Scoglio  a giugno 2019, il sogno di Andreas Panzenberger è diventato una realtà sotto gli occhi di tutti: 12glass cube che ricordano il deck di una nave, realizzati da maestranze locali impegnate a reinterpretare un concetto tradizionale in senso ultra-contemporaneo, utilizzando stoffe e legni del territorio.

Quella di dormire sotto le stelle ma allo stesso tempo con la vista sul lago è un’ossessione che probabilmente Andreas covava fin da quando, correndo fuori dal ristorante gestito dalla mamma – mente dietro la nascita del campeggio – si ritrovava in uno spazio da togliere il fiato, tra alberi, acqua e cielo.

Quell’idea è montata giorno dopo giorno, nei suoi occhi di fotografo affermato in Germania, attratto dal soggetto proprio perché circondato da qualcosa di normalmente escluso alla vista, per una scelta arbitraria di chi scatta o per le canoniche convenzioni dell’architettura, che sopra la testa vuole un tetto cieco. Il richiamo del bosco e quello del vino hanno fatto il resto. Così, quando i genitori sono andati in pensione, Andreas, la sua compagna Barbara e il loro San Bernardo Lola hanno ripercorso a ritroso la strada per creare un posto unico, in cui la privacy e la tranquillità sono una religione.

A pochi chilometri dalle Tre Cime di Lavaredo ed esattamente al confine tra il Parco Naturale Dolomiti di Sesto e quello di Fanes-Sennes-Braies, il Toblacher See introduce alla dimensione innovativa degli Skyview Chalets con una reception ricavata dal legno dei pini del bosco, al di sotto della quale una cantina con enoteca e cella frigo è la plastica manifestazione della grande passione di Andreas per il vino e per le bollicine, alla base delle masterclass settimanali con più sommelier e delle esclusive degustazioni organizzate su un enorme tronco tagliato a metà.

Ogni glass cube – pensato per favorire il relax anche grazie alla presenza dei trucioli di cirmolo, noti per l’effetto di riduzione del ritmo del battito cardiaco – ha la propria Spa privata con sauna a infrarossi.

Basta muovere un passo all’interno, specie dopo il tramonto, per rendersi conto che la totale assenza dell’inquinamento luminoso permette di dormire letteralmente sotto un cielo di stelle, eccezionalmente invitato a entrare per via di una copertura trasparente, simbolo di un luogo in cui togliersi ogni peso è la prima regola per dimenticare lo stress.
Nella versione deluxe, lo chalet vanta anche una jacuzzi nel terrazzo panoramico. La colazione – ovviamente bio e con prodotti di strutture del territorio – viene recapitata e lasciata davanti alla porta con quad elettrici. Anche questo suggerisce come il Toblacher See sia un campeggio certificato ecologico, con riscaldamento a biomassa, dove viene quasi spontaneo camminare a piedi scalzi sui sassi intorno al lago e sulle sponde dei torrenti. Magari insieme al proprio cane, che qui è un ospite degno di un trattamento speciale, comprensivo di lettino, pappa biologica e doccia dedicata.

Al ritorno da una delle tante passeggiate nei dintorni, il ristorante “Il Fienile”, con vista spettacolare sul lago, è un porto sicuro in cui lasciarsi incantare da piatti tipici altoatesini reinventati con prodotti di qualità a Km0 da un cuoco siciliano che ha scelto di mantenere comunque l’impronta dei genitori di Andreas, esponenti di una grande tradizione di albergatori e macellai. Di mare in bassa stagione e di fiume tutto l’anno, il pesce è tra le portate cult di una tavola sulla quale non possono mancare i vini selezionati dallo stesso Andreas, signore e padrone di una cantina con oltre mille etichette diverse.

Il mini-market propone una vasta scelta dei migliori cibi biologici del territorio, tanto che sarebbe ipoteticamente possibile non oltrepassare mai i confini del Toblacher See senza sentire la mancanza di qualcosa.

In caso di astinenza da mondanità, Cortina è comunque ad appena mezz’ora di auto dagli Skyview Chalets, mentre Dobbiaco offre tentazioni irresistibili per fashion addicted come le boutique Franz Kraler. Inoltre, i gourmet sanno perfettamente che l’Alto Adige è la regione che vanta il maggior numero di ristoranti segnalati dalla prestigiosa Guida Michelin in proporzione al numero degli abitanti. Il che consente di proseguire una vacanza nel segno degli astri, concedendosi un dining around stellato sempre diverso.

Gli sportivi hanno infine l’imbarazzo della scelta, con una pista di fondo antistante, escursioni invernali con e senza ciaspole e un servizio di trasporto che ogni mezz’ora permette di raggiungere gli impianti di risalita per l’Area sciistica Tre Cime Dolomiti e quella di Plan de Corones. D’estate, i laghi dolomitici, i già citati parchi naturali e i percorsi di jogging sono una garanzia per tutti gli appassionati di escursioni a piedi e in bicicletta, in luoghi di culto come Prato Piazza, Val Fiscalina, Monte Serla, Croda deiBaranci, Croda Bagnata, Monte Specie, Monte Piano.

Su soggiorni di minimo 5 notti prontati con almeno 3 mesi di anticipo, Early Birds Fly The Highest garantisce infine uno sconto dell’8% sul prezzo di listino.

Per informazioni: https://www.skyview-chalets.com

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Resort & SPA

E’ nato lo chalet di fieno

DailyMood.it

Published

on

Il profumo è avvolgente, l’esperienza è un’immersione nel benessere alpino, che coinvolge tutti e 5 i sensi: davanti all’Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort di Livigno, entra in scena dalla seconda metà di giugno uno speciale chalet dalla forma quadrata, costruito interamente con il fieno per regalare agli appassionati del benessere naturale un’esperienza insolita, capace di risvegliare vista, tatto, udito, olfatto e gusto. Il leit motiv è la natura alpina e il fieno è il materiale che meglio rappresenta sia il paesaggio di montagna, sia la cultura, la tradizione e il lavoro dei contadini. Si tratta di entrare, in senso letterale, in un ambiente raccolto (lo chalet misura internamente circa 25 metri quadri) e lasciarsi abbracciare dalle note olfattive del fieno, in grado di rilassare e di creare un’atmosfera ovattata.

Da secoli, i contadini si riposano sul fieno e da decenni, nelle spa d’avanguardia il “bagno di fieno” è tra i trattamenti più apprezzati dagli ospiti. L’esperienza “Badent da Fen”, in dialetto di Livigno, va oltre l’ormai classico “bagno di fieno”, per coinvolgere corpo, mente e spirito (e tutti i 5 sensi) in un momento di totale, autentico benessere.
Per accedere al “Badent da Fen”, si passa per la SPA dell’Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort, la Mandir

Lungolivigno_Hotel Lac Salin_Badent Da Fen

a SPA, (fonte di ispirazione per la realizzazione della casetta di fieno), anch’essa legata al concetto di benessere naturale e contatto concreto con il territorio. Qui si trova il celebre angolo delle erbe, l’ “Apotheke”, dove in grandi recipienti di vetro sono custodite, proprio come nelle antiche erboristerie, le profumate erbe alpine con le quali il team della SPA prepara per gli ospiti delle tisane “su misura”. Attraversando l’area della piscina si giunge al giardino esterno, dove è situata la casetta “Badent da Fen”, una sorta quindi di esclusiva “dependance” della Mandira SPA, dove provare l’esperienza circondati letteralmente da pareti di fieno. All’ingresso, una scultura in fieno rappresentante una donna seduta su due covoni evoca il piacevole trattamento che segue una volta entrati nel magico luogo fiabesco. La vista è appagata dall’arredamento interno: il fieno è naturalmente l’elemento principale; i lettini per il massaggio sono coperti di fieno e un albero con le pigne fa da elemento di unione con le sale relax della Mandira Spa, il cui ambiente è in sintonia con il territorio. Entra subito in gioco l’olfatto, inondato dal piacevole profumo che la terapista nebulizza all’interno un piacevole risveglio olfattivo. La conoscenza delle erbe come rimedi naturali hanno permesso alla Mandira SPA di esaltare il contatto con la natura alpina proponendo un trattamento viso e corpo esclusivo: circondati dagli effetti benefici del fieno, tra i profumi, gli infusi e gli olii, il rituale “Badent da Fen” riattiva l’energia interiore per una nuova vitalità. Il trattamento prosegue con l’effetto di speciali campane sui chakra: anche l’udito entra in gioco e viene stimolato da questo benefico suono. Il viso viene deterso e massaggiato con il rituale Mandira, la pelle viene idratata con i prodotti della nuovissima linea Mandira Alpine Care, appositamente studiati per i trattamenti signature della Mandira SPA. La maschera preparata con le erbe dell’Apotheke rigenera i tratti del viso. Il massaggio corpo è eseguito con l’olio Mandira Alpine Care drenante, un toccasana per la schiena e per le gambe: il tatto è coinvolto per tutta la durata del “Badent da Fen”.

Il “Badent da Fen” si conclude con il relax accompagnato da una tisana di erbe di montagna, per invitare anche il gusto a partecipare all’incredibile esperienza.
INFO:
DURATA: 75 MINUTI
COSTO AL PUBBLICO: € 115,00 per una persona
€ 230, a coppia
Info: www.lungolivigno.com
tel. 0342 990111

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending