Connect with us

Food Mood

A Roma il sushi è luxury e gluten free

Polici Francesca

Published

on

Chi vive a Roma sa bene che negli ultimi anni c’è stata una vera e propria esplosione di locali e ristoranti orientali. La richiesta sempre maggiore da parte del pubblico capitolino, ha portato la città ad un’offerta sempre più vasta. Tanto da rendere la scelta estremamente complicata.
Ecco allora che vi proponiamo la nostra lista dei migliori ristoranti giapponesi e fusion dove gustare indimenticabili luxury sushi. Ovviamente, tutto rigorosamente anche gluten free.

ROKKO
Al primo posto non potevamo che mettere Rokko, storico ristorante giapponese e tra i primissimi locali orientali della città. Situato nel pieno centro storico di Roma, offre un’atmosfera intima e rilassante, in cui ogni dettaglio viene curato con estrema accortezza, sempre con un tocco molto raffinato.
Qui è possibile gustare la vera cucina giapponese. Nessuna rivisitazione e nessuna formula fusion, solo le migliori specialità della tradizione nipponica. Non solo sushi (con il riso prodotto direttamente dai proprietari del ristorante) e sashimi, ma anche sukiyaki, salmone in salsa teriyaki preparata al momento e ovviamente lo squisito tempura di gamberi e verdure.
Una tappa imperdibile per gli amanti della VERA cucina giapponese.
Locale: Rokko
Indirizzo: Passeggiata di Ripetta, 15
Sito: https://www.facebook.com/RistoranteRokko/

NOJO
Nel cuore della movida romana, invece, troviamo Nojo, dove il giapponese si fonde prima con l’hawaiano e poi con alcune delle migliori tradizioni culinarie internazionali moderne. Questo è senza dubbio uno dei migliori ristoranti fusion della città, dove è possibile immergersi in un ambiente elegante e alla moda con suggestioni dai sapori decisi ma delicati.
Perfetto per una cena gourmet a lume di candela in cui si possono deliziare squisitezze come tartare di tonno rosso con mayo Giapponese e scaglie di tartufo. Ma ideale anche per un aperitivo trendy e luxury, in cui al normale sushi è possibile abbinare uno dei tanti cocktail preparati con grande cura dai bartender del locale.
In una parola, unico.
Locale: Nojo
Indirizzo: Viale Tor di Quinto, 35
Sito: http://www.nojo.it/

MANIOKA
Ancora fusion con l’ottimo Manioka che, grazie all’enorme successo riscosso, ha da poco aperto la sua terza sede a Prati. Ispirato ai sapori e ai colori del Brasile, questo locale propone delle vere e proprie delizie capaci di mischiare sapientemente due delle migliori tradizioni culinarie del mondo. Il sushi brasiliano, infatti, oltre a conquistare immediatamente per la freschezza del pesce, riesce a trovare il giusto equilibrio tra i sapori più dolciastri della cucina brasiliana e quelli più austeri della cultura nipponica.
Il piatto d’eccezione che è assolutamente proibito non provare è senza dubbio il “Salmao cremoso”, irresistibile sushi a base di salmone, avocado, philadelphia, erba cipollina, scaglie di mandorle, salsa agrodolce e salsa manioka.
Anche qui imperdibili i cocktail, dalle caipirinhe alle caipiroske ce n’è davvero per tutti i gusti.
Locale: Manioka
Indirizzo: Via Ofanto, 35
Viale Aventino, 40
Via Oslavia, 33
Sito: http://www.manioka.it/

SAMBAMAKI
Esattamente come Manioka, anche Sambamaki propone una cucina fusion giappo-brasiliana preparata dall’ottimo chef Ricardo Takamitsu.
Anche questo, sull’onda del grande successo riscosso, si è trasformato ben presto in una vera e propria catena. Ogni locale offre un ambiente estremamente trendy e di design.
Squisiti sushi e crudités sono serviti su piatti in pietra di sale himalayano. Sarà impossibile rimanere delusi dalle ottime tartare o dai sushi di spigola arricchiti da salse al tartufo. Vastissima anche l’offerta enologica, capace di accontentare ogni palato.
Locale: Sambamaki
Indirizzo: Viale Regina Margherita, 168
Via Vittoria Colonna, 17
Piazzale Luigi Sturzo, 28
Sito: https://www.sambamaki.com/

 

di Francesca Polici per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × quattro =

Food Mood

Musement: il giro d’Europa in 5 piatti tipici

DailyMood.it

Published

on

Se gli italiani non possono ancora viaggiare in Europa, l’Europa arriva direttamente nelle case di tutti i viaggiatori. Come? Passando dalla cucina. Esistono itinerari di viaggio organizzati per scoprire le tradizioni enogastronomiche di ogni paese e poi ci sono dei piatti tipici che consentono di esplorare il mondo in un solo boccone, scoprendo piccole cittadine e metropoli dalla fama internazionale. Grazie alla classifica dei 5 tra i piatti più pop del continente, Musement sottolinea come i confini geografici non siano una barriera per coloro che nutrono la propria anima lasciandosi trasportare de esperienze di viaggio insolite ed indimenticabili, anche attraverso il gusto.

Pasta al pomodoro – Italia
Italia è sinonimo di pasta. Con il sugo di pomodoro, una foglia di basilico e una spolverata di parmigiano, non sarà più necessario attraversare la penisola per assaporare il gusto mediterraneo del paese delle grandi eccellenze, enogastronomiche e non. Bianco, rosso e verde: proprio come la bandiera dell’Italia, sono pochi gli ingredienti necessari a completare la ricetta che più rappresenta la cultura culinaria del Bel Paese. Una vera celebrazione di autenticità e di quei sapori semplici che, sposandosi alla perfezione, regalano un viaggio sensoriale senza paragoni.

Moules Frites – Belgio
Morire dalla voglia di visitare il Belgio ma essere bloccati a casa? Ecco che corrono in soccorso le Moules Frites, una delle ricette più gustose del paese. Niente pregiudizi però: le cozze accostate alle patatine fritte potranno sembrare un insulto a tutte le cucine che si rispettino fino al momento in cui non le si avranno sotto i denti. La ricetta, nata a Lille, nel nord della Francia, è semplice e non richiede grandi doti culinarie. Pochi i passi da seguire per bollire le cozze, marinarle nel vino o nel burro, friggere le patate e completare l’opera con un po’ di salsa… il vostro palato apprezzerà certamente!

Smørrebrød – Danimarca
Fast food danese per scoprire il paese scandinavo. Lo smørrebrød, letteralmente “pane imburrato”, è una delle pietanze da non lasciarsi sfuggire durante un viaggio al nord e perché quindi non provare a riprodurlo direttamente dalla propria cucina? Grande classico della tradizione di questa nazione, il pane imburrato è considerato un ottimo modo per usare ciò che è rimasto in frigo. Tra gli ingredienti più famosi, il paté di fegato e il sild, aringa sottaceto con salsa. Amato dai giovani e diventato cibo super trendy, prima di mettersi ai fornelli sarà necessario ricordare solo pochi consigli: per ogni alimento il suo pane specifico. Qualche esempio? ll salmone e i gamberetti vanno serviti su pane bianco. La salsa tartara con pane nero, preferibilmente guarnito con tuorlo d’uovo e rafano.

Bitterballen – Olanda
Sono famose in tutto il mondo e riscuotono tanto successo quanta diffidenza. Le Bitterballen sono un piatto grezzo e sorprendente da gustare ad Amsterdam, ma anche seduti comodamente sul proprio divano. Le polpette di carne sono un piatto tipicamente olandese che rappresenta la ‘gezelligheid’, parola che significa comfort, socialità e convivialità in toto. Non esiste una festa dove non siano offerte e le si trova praticamente in qualsiasi bar. Per un’autentica esperienza dutch home made, sarà sufficiente procurarsi carne di manzo o di vitello, burro, prezzemolo e noce moscata. A piacimento un pizzico di curry o dei piccoli tocchetti di verdura e uno strato di senape: in Olanda anche lo street food è sorprendente!

Paella – Spagna
Crocevia di gusti e tradizioni, la Spagna ha saputo accontentare tutti i golosi con un unico piatto: la Paella. Riso, zafferano, spezie, verdure, carne e pure pesce nella sua versione originale valenciana. La ricetta è conosciuta come uno dei piatti che porta in alto la cucina spagnola nel mondo. Celebre in ogni angolo del globo, pochi sanno che la paella, nel corso del tempo, è mutata dando così vita a numerose varianti a seconda della zona della spagna in cui la si mangia. Il segreto per riprodurre la versione più autentica nelle proprie cucine? Materie prime di ottima qualità e tanta passione.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Food Mood

Viaggi Gluten Free – L’alimentazione non dev’essere un problema

DailyMood.it

Published

on

Da Evolution Travel tante proposte per gustare al meglio le vacanze

Per molte persone andare in vacanza non sempre equivale a totale relax, ma può significare anche preoccupazione e paura di non sentirsi bene. Questa situazione si presenta soprattutto a coloro che soffrono di intolleranze alimentari come, ad esempio, i celiaci.

Prima di prenotare un viaggio è fondamentale cercare hotel e ristoranti che offrano pietanze senza glutine e di cui potersi fidare: spesso non è facile, specialmente all’estero perché non sempre si conosce ciò che si mangia.

Evolution Travel ha quindi pensato di proporre differenti itinerari tutti con l’intento di offrire un viaggio sereno ai celiaci anche in cucina!

NELLA NATURA DELLA VALLE AURINA
In una struttura tipica tirolese, dotata anche di centro benessere, questo soggiorno è ideale per persone di tutte le età, ma soprattutto per chi ha il desiderio di immergersi nella natura e nel relax che offre la Valle Aurina: cascate, itinerari da trekking o da percorre in bici, e una cucina gluten-free di alta qualità. Colazione, merenda e cena totalmente senza glutine. Tutto rigorosamente fatto a mano seguendo le linee guida dell’AIC e con prodotti del territorio!
Quota a persona, per 8 giorni 7 notti, a partire da euro 680 in hotel.
Il trattamento incluso è di mezza pensione.

 

BASILICATA ALL INCLUSIVE
A Novi Siri Marina, tra il verde delle colline e distese di frutteti, un nuovissimo resort ecologico offre una vista ideale per poter ammirare il Golfo Jonico. Una vacanza a contatto con il territorio della Basilicata: mare, natura, possibilità di fare numerose attività – come raccogliere frutti o fare visite guidate a Matera – e animazione per i più piccoli. Per i celiaci, previa prenotazione, è possibile avere piatti senza glutine.
Quota a persona, per 8 giorni 7 notti, a partire da euro 650 in struttura 4 stelle, trattamento all inclusive.

 

WEEKEND A PARMA
Nel 2020 Parma è stata nominata capitale europea del cibo e del gusto anche gluten free! Durante questo soggiorno si potrà gustare una colazione “made in Food Valley” completamente senza glutine così da ricaricare le energie per una visita al Battistero e al Duomo della città.
Quota a persona, per 3 giorni e 2 notti, a partire da euro 110 in struttura 4 stelle.
Il trattamento comprende il pernottamento e la prima colazione.

CANARIE GLUTEN FREE
Club situato a Tenerife, molto apprezzato dagli italiani e considerato una vera eccellenza all’estero. Tra estesi giardini, campi da golf e possibilità di sport in solitaria, la vacanza sarà all’insegna del relax. L’hotel offre la possibilità di avere piatti senza glutine.
Quota a persona, per 8 giorni e 7 notti, a partire da euro 610, volo incluso.

Per informazioni:

https://celiachia.evolutiontravel.it/it_IT/home.html

www.evolutiontravel.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Food Mood

Tre ricette da Portorose e Pirano Per un viaggio di gusto da fare a casa!

DailyMood.it

Published

on

In questo periodo la casa sta diventando uno spazio da reiventare ogni giorno e associare un luogo, una passione o un’ispirazione alle cose che si devono fare di ruotine può aiutare ad alleggerire la testa e rendere meno pesante non poter uscire. E visto che si deve cucinare, tanto vale provare a fare un viaggio di gusto domestico che ci porti tra i sapori di un altro Paese, già provati o nuovi.

Quelli dell’Istria slovena, conosciuta per località di mare come Pirano e Portorose, sono buonissimi e alla perfezione mettono insieme terra e mare con delizie come i carciofi di Strugnano, i tartufi locali, il sale di Pirano (usato dagli chef stellati di tutto il mondo), l’aglio di Nova Vas, lo straordinario olio EVO fatto con cultivar locali come la Bianchera Istriana e pesce di eccellente qualità, grazie all’ottima salute del mare. Senza dimenticare, naturalmente, apprezzati vini rossi e bianchi quali il refosco o la malvasia.

Tra le ricette tipiche, queste tre – seppie con biete e polenta, zuppa di bobiči (mais) e crespelle al refosco – mettono insieme gusto, facilità nel trovare gli ingredienti e semplicità della preparazione. E pazienza se in casa non si ha proprio tutto. Mai come adesso, l’ingrediente più importante in cucina è la fantasia! Na zdravje! (alla salute)!

Seppie con biete e polenta
Soffriggere nell’olio EVO cipolla affettata, aglio sminuzzato e il prezzemolo. Aggiungere le seppie pulite, lavate e tagliate a pezzettini. Cuocerle lentamente fino ad ammorbidirle. Aggiungere acqua, di tanto in tanto, e in un secondo tempo le biete lavate e tagliuzzate. Salare, pepare e cuocere lentamente fino ad ammorbidire le biete Aggiungere acqua, se necessario, per ottenere la giusta densità. Preparare nel frattempo la polenta anche utilizzando la farina che cuoce in pochi minuti: in una pentola con acqua bollente salata, versare un quarto della farina di mais che si intende usare, mescolare aiutandosi con una frusta per evitare i grumi, versare il resto della farina, abbassare la fiamma, e cuocere, mescolando regolarmente con un cucchiaio di legno, facendo in modo che la polenta risulti morbida e cremosa. Poco prima della fine della cottura, aggiungere un cucchiaino d’olio d’oliva. Quando la polenta è cotta, versarla a specchio in un piatto da portata, ricavare un’incavatura al centro e adagiarvi le seppie con le biete e il loro intingolo. Se non si trovano le biete, vanno bene anche gli spinaci e in mancanza della polenta, utilizzare riso al vapore.

Bobiči (zuppa di mais)
In una grande pentola, far soffriggere nell’olio d’oliva aglio e prezzemolo sminuzzati, aggiungere 2 patate pelate, e tagliate a tocchetti, 400 grammi fagioli borlotti, 3 cucchiai di chicchi di mais, 1 pezzo di carne di maiale affumicata (si può preparare anche senza o utilizzare un po’ di pancetta), 2 pomodori pelati tagliati a pezzetti o 2 cucchiai di passata di pomodoro, sale, pepe, 1 litro d’acqua e cuocere lentamente a fuoco lento per 2-3 ore, aggiungendo acqua se necessario. Quando la zuppa è quasi cotta, togliere le patate con un mestolo, schiacciarle e versare la purea nella pentola per rendere il piatto più cremoso. Se non si trovano gli ingredienti freschi, avendo la necessità di utilizzare ciò che si ha in casa, è possibile utilizzare anche quelli in scatola.

Crespelle al refosco
Per preparare l’impasto, sbattere 2 uova in mezzo litro di latte, con un pizzico di sale. Aggiungere mezzo bicchiere di refosco (o vino rosso), 3 cucchiai di farina setacciata e mescolare fino a ottenere un impasto liquido, ma cremoso. Per la farcitura, rosolare in un tegame, con 1 cucchiaio di olio o di burro, 2 mele grattugiate, 1 cucchiaio e mezzo di zucchero (o di miele) e un generosa presa di cannella fino ad ottenere una purea. La purea può anche essere sostituire con della marmellata. Dopo aver tolto la purea, nello stesso tegame, rosolare un paio di cucchiai di pangrattato con un po’ di burro e zucchero vanigliato, sfumando a fiamma alta con mezzo bicchiere di refosco e facendo evaporare bene l’alcol. Per cuocere le crespelle: in un tegame antiaderente di 18/20 centimetri di diametro far scaldare bene un cucchiaio di olio e versare qualche cucchiaio di impasto, avendo cura di distribuirlo uniformemente su tutta la superficie. Quando la crespella inizia a imbiondirsi, girarla per farla cuocere da entrambi i lati. Alternare le crespelle con la purea di mele o la marmellata, mescolata al pangrattato, formando degli strati e terminando con la purea. Tocco da chef per servire: una riduzione di vino al miele o allo zucchero. Per i bambini, naturalmente, la ricetta può essere preparata senza vino, usando succo d’uva o di mela.

Per ulteriori informazioni:

www.portoroz.si  

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending