Connect with us

Style & Luxury

A Parigi la presentazione pubblica di una delle più importanti evoluzioni dei segnatempo, che combina alta tecnologia e design

DailyMood.it

Published

on

07 settembre 2012

Una storia particolare. Una storia più che centenaria. Era il 1889. All’Esposizione Universale di Parigi. Una “première”. Il celebre movimento «Tourbillon con Tre Ponti d’Oro» riceve gli onori, nonché una medaglia d’oro all’Esposizione, lasciando il segno Girard-Perregaux nel XX secolo. E successivamente. Nel XXI secolo, Girard-Perregaux ha festeggiato la Ville Lumière. Ed il mondo.

Ed i giovani talenti. Parigi, terza tappa del grande tour iniziato lo scorso maggio a New York, passato poi da Pechino in giugno, ha messo in mostra i nuovi volti della Tradizione dell’Alta Orologeria. Sono giovani. Giovani e già celebri orologiai. Giovani ed infinitamente nella loro epoca. L’evento si è svolto presso Christie’s. Casa d’aste più che bi-centenaria. Come l’Avenue Matignon dove si è tenuto. Come Girard-Perregaux.

L’ARTE DI SEGNARE IL TEMPO

Lo scrigno Christie’s ha accolto «L’Arte di Creare il Tempo». Una selezione di pezzi eccezionali del Museo Girard-Perregaux di La Chaux-de-Fonds, la più grande e mai presentata in Francia. Dalle creazioni originali dei «pionieri» alle più contemporanee, accuratamente orchestrate per invitare ad un viaggio didattico attraverso il tempo e la sua misurazione, gli eventi, i personaggi, le principali correnti artistiche della storia moderna. Un’esposizione interattiva e dei seminari introduttivi, che sono stati proposti ogni giorno al pubblico per rivelare i misteri e le tecniche dell’Alta Orologeria.

L’ARTE DI SEGNARE UN’EPOCA

Girard-Perregaux ha una nuova generazione di orologiai. Il cambio rimarrà registrato nel lignaggio dei maestri orologiai e nel tempo. Otto giovani orologiai sono associati a questo « Tour », tre dei quali sono stati a Parigi. La passione che li anima ogni giorno nei loro atelier si combina con altre, più segrete, personali, che svolgono con lo stesso entusiasmo. Danzatrice orientale, sciatore, chitarrista o suonatore di corno delle Alpi. Delle personalità ricche, molteplici e differenti, garanzia di dinamismo creativo della marca. Dei giovani talenti sostenuti da Dominique Loiseau, leggenda dell’Alta Orologeria, che elabora un progetto d’eccezione con Girard-Perregaux.

L’ARTE DI SEGNARE LA CITTA’

Perché la creazione ed il talento dovrebbero restare chiusi dietro i muri di una Manifattura? Come a New York e Pechino, Girard-Perregaux ha posizionato dei banchi da lavoro con i suoi giovani orologiai nei posti più emblematici di Parigi per essere in linea con la cultura del bello e del vivere energicamente del suo tempo. Incontri colorati, insoliti e gioiosi.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Fashion News

Marni Pop Folk Market

DailyMood.it

Published

on

L’universo colorato del Pop Folk Market arriva su marni.com, con una serie di divertenti complementi di arredo, oggetti di design e lifestyle disponibili online a partire dal 8 ottobre, per un periodo di tempo limitato.

Interpretando lo spirito del brand attraverso un design che trova ispirazione nell’identità poliedrica delle collezioni, nei materiali non convenzionali e nelle cromie inaspettate, i prodotti del Marni Pop Folk Market sono unici ed eclettici, e si adattano con creatività ad ogni spazio.

Il nuovo Market online di Marni ospita una linea di borse proposte in colorazioni inedite, come le Crochet Bag in cotone e lana dal carattere rétro, le Hammock Bag che ricordano piccole amache e le iconiche Striped Bag. Quest’edizione di Marni Market vede inoltre l’introduzione di una Fish Bag in maglia dalle tonalità fluo e di un’originale reinterpretazione della Basket Bag in PVC, caratterizzata dall’intarsio POP FOLK.

Il marketplace accoglie inoltre oggetti-scultura in metallo a forma di giraffa, e ancora funghi, robot, portariviste, miniature e coffee table in PVC intrecciato.

Ogni creazione del Market è unica, frutto della lavorazione manuale di artigiani colombiani che collaborano con il brand da molti anni. Nel rispetto delle tradizioni locali, ogni prodotto è realizzato secondo meticolosi processi artigianali che richiedono attenzione per ogni dettaglio.

Marni racconta i prodotti protagonisti del Pop Folk Market attraverso una serie di immagini e video clip che narrano di un viaggio on the road, in cui il sole del Sud illumina istantanee ironiche del vissuto quotidiano.

#MarniPopFolkMarket
#MarniMarket

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

LOÏS – Buon Compleanno Lady Oscar

DailyMood.it

Published

on

Lady Oscar compie 40 anni: LOÏS rende omaggio all’eroina che ha stravolto il mondo dei cartoon, con la sua collezione Marie Antoniette

Era il 1979 quando per la prima volta comparve sugli schermi giapponesi la folta chioma bionda di Oscar François de Jarjayes, più semplicemente ‘Lady Oscar’. Da quel giorno le sue vicende, gli amori, gli intrighi e le battaglie che hanno interessato la reggia di Versailles negli anni subito precedenti alla Rivoluzione francese hanno fatto il giro del mondo, arrivando nel 1982 anche in Italia. Nata donna ma cresciuta dal padre come un uomo, Oscar è stato un personaggio d’avanguardia, destinato a rimanere nella storia dei cartoni animati. Si è fatto amare da subito per la sua forza e la sua indipendenza, distinguendosi dall’immagine femminile stereotipata offerta dai cartoon del tempo, anche per la sua sessualità non ben definita.

LOÏS ne omaggia i costumi e la moda con le sue creazioni sartoriali.

La sua musa è un’ambigua figura dura e carismatica racchiude in sé una personalità maschile e femminile al tempo stesso, che strega ed incanta. Un gioco di opposti per trasmettere un messaggio , per darsi un tono, per mostrare le unghie, per sfidare e, ovviamente, per sedurre. Proprio come Lady Oscar, eroina immortale.

INSTAGRAM @loisminimal
FACEBOOK @loisminimaldesign

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

Chanel SS 2020 Ready-To-Wear Collection

DailyMood.it

Published

on

A youthful breeze of liberty blows across the rooftops of Paris. Or more precisely those installed in the nave of the Grand Palais for the CHANEL Spring-Summer 2020 Ready-to-Wear show. Roofs so typical of the fashion capital and the rue Cambon with their zinc surfaces, walkways, chimney pots and windows opening onto the sky.

The roofs of Paris remind me of the atmosphere of the Nouvelle Vague. I saw silhouettes walking on the roofs. I thought about Kristen Stewart playing Jean Seberg and all the actresses Gabrielle Chanel dressed at that time,” says Virginie Viard, Artistic Director of the Fashion collections.

Today, the ethereal allure is dancing. Accessorised with sandals that come with jewelled or strass-embellished straps or are flat and two-tone, and occasionally little hats, the silhouette is fluid and light. The materials are supple and hinder no movements. For both day and night, the collection plays with the simplicity and balance of volume. Jackets with flounced collars and cuffs and short skirts reinterpret the tweed suit. Capri pants and denim jackets with ruffles also join the dance. Very pure little white coats finished with braid, are worn with voluminous skirts and tops in black and white tweed. The straight-cut masculine tweed jacket is revisited, transformed into playsuits, jumpsuits or a little dress with a flared skirt. Long coats come in tweed or wool crêpe while a striped top and a carelessly knotted shirt add masculine-feminine accents.

Satin, silk faille and taffetas carry the short, wraparound or asymmetric skirts, always worn high on the waist: petticoated, or not, with organza, they move with an unimpeded freedom. Their charm is enhanced with ruffled tops and delicate pleated blouses with balloon sleeves embellished with little bows or raffia and organza petals.
In their transparency, the fabrics reveal the breathtaking work of the ateliers required for the construction of the dresses and their handkerchief hems. Tiers of printed chiffon, organza, feathers and raffia fringes structure the delicate tops and long skirts. Embroidered around the collar with sequins in matte red like a lipstick, dresses in anthracite chiffon are printed with Parisian facades. Their flat pleats seem ready to float away with beautiful amplitude. A series of skirts, jackets and a long dress pass by in silk twill printed in the tonalities of dusk, with braids and trimmings in two-tone grosgrain.

Stripes, checks, vibrant block colours – red, orange, pink, blue – illuminate the collection and the emblematic black and white of the House. The prints are in unison: on one ultra-graphic version, the letters of CHANEL haphazardly stand out from the roofs.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In a large version, the CHANEL 19 bag comes swathed in printed silk twill, while the 11.12 bag is back in tweed to match its suit. Zip-up bags in leather or tweed are reminiscent of schoolgirls’ pencil cases: the CHANEL signature appears handwritten in chain interlaced with

leather. The flap bag is refreshed with a wrist bracelet or a braid in two-tone grosgrain ribbon. Others have a more precious note: beads set with chains or sequinned embroideries with floral motifs. Gently, a ruffle is laid here on a strap or there on the flap of a half-moon clutch. Ever present, couture jewellery is worn in accumulation: pearl sautoirs and brooches, necklaces in coloured crystal or punctuated with strass-covered balls and cuff bracelets signed CHANEL PARIS.

Feminine, urban, in motion, never the same and yet always identifiable, the silhouette of CHANEL’s Spring-Summer 2020 Ready-to-Wear collection has the nonchalant grace of a cinematographic heroine. Inspiring, contemporary, eternal.
The CHANEL Spring-Summer 2020 Ready-to-Wear show created by Virginie Viard was applauded by the CHANEL ambassadors Caroline de Maigret, Alma Jodorowsky, Soo Joo Park, Nana Komatsu and Jennie Kim, as well as singers Sting, Cardi B, Angèle, Ace Tee and Yuna, the musician Orelsan, the actresses Isabelle Adjani and Xin Zhi Lei and finally the choreographer and dancer Blanca Li.

#CHANELSpringSummer

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending