Connect with us

Style & Luxury

Un tributo alla Grande Maison orologiera che coniuga la tecnica e la bellezza dei diamanti

DailyMood.it

Published

on

09 aprile 2012

Fin dal 16esimo secolo, gli orologi da donna hanno deliziosamente reinventato i ruoli del gioco della seduzione: esplorando tutto lo spettro dall’invisibile al luccicante e dal velamento allo scoprimento, impegnati in una sfida perpetua per trovare il perfetto equilibrio tra bellezza, rifinitura e funzionalità di dire l’ora.

Jaeger-LeCoultre ha arricchito questa tradizione creando oroogi “segreti” con coperchi, così come modelli simili a gioielli come bracciali e pendants, ricoprendo un range di stili che si estende dalla purezza dell’Art Deco fino ai motivi floreali più espressionisti.

Esprimendo l’ultimo appeal dell’estetica e una suprema eleganza, queste creazioni uniscono le arti gemelle dell’alta orologeria e della gioielleria più fine.
Tali esemplari potrebbero essere creati soltanto nei laboratori di una Manifattura che sia in grado di guidare gli intrecci sottili tra perfezione meccanica e le più squisitamente delicate tecniche di incastonatura delle pietre preziose.

Dopo il lancio del 2007 al Festival Internazionale del Cinema di Venezia, “La Montre Extraordinaire La Rose” arriva quest’anno in una versione luccicante, illuminando il polso con oltre 14 carati di diamanti.
Le sue curve delicate sono ispirate allo stile del 19esimo secolo e la sua cassa finemente cesellata scolpita in oro bianco è interamente ricoperta di pietre preziose che accentuano la finezza e ricordano l’andamento di petali sparsi.
Nato dalle mani esperte di veri artisti, questo modello dell’alta gioiellerie incarna bellezza e precisione grazie alla più complessa tra le tecniche di incastonatura: quella a neve.

Tra i laboratori del brand, l’incastonatura è una disciplina esercitata come un’arte a pieno titolo. Gli incastonatori Jaeger-LeCoultre non seguono soltanto le pratiche abituali di questo mestiere, ma hanno addirittura sviluppato loro stessi nuovi procedimenti per rispondere a specifiche domande estetiche.
Inventato dal brand, lo snow setting necessita di tutta la perizia dell’artigiano per riuscire a raggiungere il suo effetto voluttuoso, gelato che è davvero unico nel suo tipo.

Con il modello stesso come unico punto di riferimento, il lavoro dell’artigiano rivela gradualmente come il tappeto di pietre poste progressivamente più vicine possa ricoprire l’intera superficie di metallo.
In aggiunta alla complessità del compito e al tempo richiesto per svolgerlo, la prima selezione di diamanti richiede anch’essa una notevole esperienza: i diametri più piccoli devono riuscire a emergere nelle forme più perfette, per esempio dove i petali non offrono nessuna superficie piatta ed è quindi più difficile incastonare le pietre.
La rosa è coperta da un totale di 120 diamanti.

Lavorando con una palette molto ampia di pietre tagliate e rifinite una per una, i maestri incastonatori le dispongono vicine una accanto all’altra, giocando con la variazione dei diametri e pian piano questo lavoro di artigianato finissimo ricopre interamente l’oro bianco della cassa.

Il quadrante viene creato a mano nell’incastro perfetto e punteggiato da zaffiri rosa che simboleggiano la natura preziosa e trascendente del tempo.

Infine, un tale straordinario lavoro di incastonatura è unito a un meccanismo eccezionale: il calibro a carica manuale Jaeger-LeCoultre 846 che sta nascosto nel cuore di questa creazione scintillante.

Nei secoli, a seconda dei costumi di moda del tempo, le donna hanno determinato l’estetica del tempo e i modi in cui lo si indossa. Hanno adottato tutte le innovazioni e le complicazioni degli orologi. Hanno combinato bellezza e perfezione, rendendo l’orologeria un’arte che si univa a quella della gioielleria e dell’oreficeria.

Sia che fosse attaccato a una collana, o alla cintura tramite una catenella, come un bracciale o un anello, l’orologio ha sempre mostrato le sfaccettature segrete e mutevoli della sua natura mutevole, come quella delle donne.

E quando, nel 18esimo e 19esimo secolo i costumi determinarono che le donne non avessero nessuna necessità di sapere l’ora o di preoccuparsene quando erano in compagnia di qualcuno, la danza delle ore fu delicatamente rivestita di perle e di pietre preziose.

Jaeger-LeCoultre ha sempre prestato una speciale attenzione ai segnatempo da donna, in termini di estetica e di meccanismo. In particolare, questa tradizione risale al più piccolo meccanismo con un estremamente piccolo diametro, come era il Calibro LeCoultre 7HP creato nel 1880 e che si trovava in orologi incastonati con diamanti e perle, generalmente portati intorno al collo.

Il 19esimo secolo vide l’emergere dei braccialetti da polso. Contrariamente a una comune credenza, i primi orologi da polso erano indossati da donne, prima di venire adottati anche dagli uomini, che inizialmente avevano preferito l’eleganza più maschile degli orologi da taschino.

Lo stile impero senza maniche del periodo scoprì sia le braccia che i polsi, incitando così i gioiellieri ad adornare le aree di pelle nuda. Qualcuno ebbe l’idea di incorporare un meccanismo da orologio all’intero e questo segnò la nascita dei primi orologi da polso per donne, creati come pezzi singoli ed ispirati esclusivamente all’approccio gioielliero.

A quel tempo, i calibri più rifiniti di Jaeger-LeCoultre nascondevano la corona del meccanismo sotto l’orologio, per preservare la purezza perfetta della forma circolare. Fermamente attaccati al precetto di produrre integrità in accordo con la quele il movimento deve seguire i contorni della cassa che lo ospita, la Manifattura divenne presto specialista dei cosiddetti movimenti di forma, ovvero quelli con le forme non rotonde.

Nel 1908, il Calibro 6EB LeCoultre era installato su alcuni dei primi orologi da polso da donna. Il suo meccanismo quadrato misurava poco più di un centimetro per lato ed era spesso soltanto 1.5 mm. Gli orologieri del brand dimostrarono una creatività sconfinata a disegnare un “tonneau” rettangolare, allungato o a mandorla.

Gli stili Art Deco degli orologi del brand erano interamente in tono con lo spirito di emancipazione femminile che caratterizzò i “Ruggenti Anni Venti” e infuse di determinazione lo stravolgimento dei costumi sociali.

Fu tra questo contesto che l’orologio Duoplan fu introdotto nel 1925. Il Calibro LeCoultre 7BF Duoplan effettivamente riconciliò due fattori prima sentiti come due nemici mortali nel campo dell’orologeria: la miniaturizzazione e la precisione.

Interpretato in innumerevoli modi diversi, con cinturini di satin o di pelle, confezionato in oro o acciaio e incastonato con diamanti o rubini, il Duoplan potè essere trasformato secondo la volontà in un orologio vero a proprio o in un orologio “segreto” con una speciale cover, presto divenendo così un vero simbolo di femminilità.

La corona del meccanismo era sempre nascosta sotto la casa per assicurare linee morbide perfettamente bilanciate – particolarmente  la deliziosa grazia e le eleganti silhouettes delle cosiddette versioni “tuiles”.

Il Duoplan fu molto apprezzato tra le donne e soprattutto nei circoli dell’avanguardia del periodo tra le guerre, dominati da autrici come Virginia Woolf, Annemarie Schwarzenbach e Simone de Beauvoir.

Nel 1929, la Manifattura rivoluzionò il mondo dell’orologeria femminile con il Calibro 101, che rimane fino ad oggi il più piccolo movimento meccnaico al mondo.  Un compagno fedele per gli eclettici gusti femminili, porta esso stesso verso ogni tipo di interpretazione.

Le sue versioni gioiello circondano i polsi più nobili, come quello della Regina Elisabetta II d’Inghilterra il giorno della sua incoronazione nel 1953.

Il Calibro 101 continua a ispirare le creazioni più raffinate dei designer della Maison, come la versione reversibile anello-oroogio con diamanti e smeraldi presentata nel 1998: un semplice tocco apre la cassa interna dell’anello per rivelare il piccolo meccanismo all’interno.

Tecniche di incastonatura:

L’incastonatura tradizionale è la tecnica che ha reso nobile l’aerte di ornare un oggetto con l’aiuto di pietre preziose. Contrariamente all’incastonatura meccanica, dove il lavoro umano consiste solamente nel posizionare le gemme in forme preparate dalle macchine e poi torna a ricoprire le pietre per tenerle ferme in maniera meccanica, gli artigiani esperti che praticano l’incastonatura tradizionale  determinano personalmente il numero di pietre e la loro posizione, prima di svolgere due operazioni separate: una estremamente raffinate per definire il posizionamento esatto della gemma,una per una, e una seconda per adattarne la grandezza.

Questo lento procedimento richiede letteralmente di scolpire il materiale tagliando e ritagliando più volte la materia per liberare man mano la grana del metallo prezioso che terrà le pietre. Questo processo è seguito da una delicata operazione che richiede una grande destrezza per aggiustare con precisione la gemma nel suo posto.

Questa bravura artigianale rende ogni modello pervaso di un’aura di autentica esclusività anche se molti dello stesso tipo ne sono stati prodotti, dal momento che nessuno di essi sarà mai del tutto uguale a un altro.

Il talento degli artigiani si esprime anche in certe creazioni che accentuano la bellezza delle linee di un orologio combinando l’uso di due tecniche: L’incastonatura Baguette, fatta usando pietre dal taglio angolare, sia quadrate che rettangolari che trapezoidali. L’incastonatura in questo caso segue gli stessi passi del procedimento artigianale normale, ad eccezione del fatto che la preparazione manuale richiesta prima di inserire ogni pietra nel suo posto è molto più lunga. Grazie agli esperti artigiani, Jaeger-LeCoultre ha po sviluppato due nuove ed uniche tecniche che si affiancano a questa: quell snow e quella rock. Grazie a queste due tecniche, il brand riesce ad ottenere risultati ancora più straordinari, molto positivi per i designers e anche peri clienti che apprezzano nuove forme di espressione nell’alta gioielleria.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Style & Luxury

Look Cannes 71: trionfa il girl power!

Polici Francesca

Published

on

La 71a edizione del Festival di Cannes, una delle kermesse più ambite al mondo, si è appena conclusa ed eccoci puntuali come sempre con i nostri commenti sui migliori look.

Partiamo subito da uno dei look che più ha fatto parlare di sé, quello della neomamma più sexy e super social, Chiara Ferragni ovviamente, che non poteva mancare a questo importante appuntamento glamour. Accompagnata dal suo principe azzurro, il rapper Fedez, la Ferragni ha sovrastato la scena con un abito firmato Alberta Ferretti, degno delle migliori favole Disney, quelle che ti restano nel cuore. L’abito da sera total pink con cintura nera in vita e lungo strascico, ha messo perfettamente in risalto il decolleté della regina della moda che, per l’occasione, ha sfoggiato anche un importante gioiello: un girocollo con il nome del suo Leoncino, nato poco più di tre mesi fa.

Ma Alberta Ferretti è stata anche la scelta dell’angelo di Victoria’s Secret, Elsa Hosk. Rosa antico per una mise romantica fatta di un tubino aderente e semi aperto con scollatura a cuore sopra, e lungo fiocco sotto per tenere insieme la gonna ampia e lucida.

Simile nel concept, anche l’abito dell’attrice premio Oscar Lupita Nyong’o in un long dress sempre total pink, ma con sfumature metallizzate, di Prada. Il tubino morbido con gonna ampia, fatto di più strati a veli, l’ha fatta brillare sotto i flash della Croisette. Un abito che, come molti altri sfoggiati durante la manifestazione, ci conferma un trend lanciato già nelle precedenti stagioni: le trasparenze.

Kendall Jenner in Alexandre Vauthier al Secret Chopard Party (Credits Getty Images)

Il nude, infatti, è particolarmente amato dalle star, in particolare dalla top model Kendall Jenner che sul red carpet ha indossato un long dress bianco in tulle, completamente trasparente, di Schiapparelli e poi al Secret Chopard Party ha sfoggiato un sensualissimo minidress metallizzato di Alexandre Vauthier a seno nudo. Ma la Jenner non è stata la sola a osare, molte sono state le celebreties che, abbracciando il movimento “Free the nipples” (letteralmente: “libera il capezzolo”), hanno deciso di mostrare liberamente il proprio corpo, su tutte l’ospite del red carpet di Leto a seno completamente nudo. Un trend che nasce dall’omonimo film di Lina Esco (2014) e che ben presto si è trasformato in un vero e proprio fenomeno di massa destinato a crescere sempre di più. Un movimento che è un vero e proprio monito alla spontaneità del corpo e che, naturalmente, trova terreno fertile nel periodo del #MeToo.
D’altronde, si sa, la moda è da sempre specchio della realtà, e negli ultimi tempi le tematiche sociali stanno invadendo sempre di più passerelle e red carpet internazionali. Cannes non poteva rappresentare un’eccezione in tal senso. Infatti, per il documentario My Profession Is Not Black le attrici hanno sfilato unite, indossando tutte degli outfit di Balmain, per lanciare un messaggio contro la discriminazione di ogni tipo.

Un’atmosfera che si è avvertita già dai primi giorni di Festival, quando 82 donne (registe, attrici e addette ai lavori), guidate dalla straordinaria Cate Blanchett si sono riunite al Grand Théâtre Lumière per parlare della condizione femminile nel mondo dello spettacolo – dal 1971 ad oggi sono state solo 82 le donne registe che hanno preso parte al Festival, contro ben 1688 uomini.

E allora, lunga vita a spacchi vertiginosi e trasparenze. Come è stato per il bellissimo abito della top model Alessandra Ambrosio vestita da Roberto Cavalli, marchio che è stato protagonista di questa kermesse francese. A indossarlo, anche: Hailey Baldwin, Joan Smalls, Stella Maxwell e Toni Garrn.

E ancora Arizona Muse in un elegantissimo nude Christian Dior; Charlotte Le Bon con ampia gonna in tulle completamente trasparente firmata sempre Christian Dior; Sara Sampaio in un abito con profonda scollatura a cuore e spacco vertiginoso fatto di piume e trasparenze di Ralph & Russo.

Un red carpet, quindi, che è stato un vero e proprio inno all’irriverenza – pensiamo al look di Damaris Lewis in uno chicchissimo Athleisure di Off-White – e al “Girl Power”.

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

La Summer Dreaming Collection di Miu Miu

DailyMood.it

Published

on

Miu Miu si prepara all’estate con una colorata collezione che evoca le atmosfere allegre e spensierate della Riviera Francese tra il blu del Mediterraneo e la rigogliosa vegetazione dai colori vibranti.
La collezione presenta abiti e top femminili in tessuti leggeri – come popeline, jersey e chambray – con vezzosi volant e il caratteristico motivo a righe, nelle sfumature rosa e azzurro, dall’inconfondibile fascino francese.
Jeans svasati, gonne in suede e giacche con borchie e frange aggiungono una nota bohémien alla collezione, così come i secchielli in pelle scamosciata con lunghe frange.
Grandi shopper in denim con stampa logo all-over e raffinate borse in paglia intrecciata completano i look.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Accessori

Tiffany & Co. lancia la nuova collezione eyewear primavera

DailyMood.it

Published

on

Le prime creazioni eyewear firmate Reed Krakoff per il brand di lusso americano

Tiffany & Co. presenta la nuova collezione eyewear per la primavera 2018, la prima sotto la direzione artistica di Reed Krakoff. Ispirata all’iconica collezione di gioielli Tiffany T, la gamma da sole e da vista è raffinata e lineare, proprio come lo skyline di New York City a cui rende omaggio. La campagna pubblicitaria, che esalta il modernismo e la creatività del brand americano, è stata realizzata dalla fotografa di moda Cass Bird e vede sotto i riflettori la modella olandese Marte van Haaster.

Tiffany T – TF4148 (Sole)

TF 4148

Questa elegante montatura cat-eye in acetato è caratterizzata dal ciliare curvilineo ornato da un raffinato dettaglio in metallo che varia dal color oro pallido all’oro rosa e al canna di fucile. Il modello è disponibile in nero, havana e havana beige, con lenti marrone sfumato, grigio o grigio sfumato. Le aste nere o havana sono impreziosite dall’iconico logo Tiffany & Co. color oro pallido. Il modello è protagonista della nuova campagna eyewear per la primavera e comparirà sui media e negli store di tutto il mondo.

Tiffany T – TF4147 (Sole)
Reinterpretazione moderna del classico modello pilot, questa montatura cat-eye oversize con

TF 4147

dettagli intagliati in metallo è disponibile nelle versioni oro pallido e argento, a richiamare i motivi dei gioielli Tiffany T. La montatura in acetato è proposta in nero, blu opalino, grigio opalino e avorio opalino con lenti nelle opzioni grigio, azzurro sfumato blu, marrone a specchio/argento sfumato e grigio sfumato. Le aste nere o havana sono contraddistinte dall’iconico logo Tiffany & Co. che richiama il dettaglio in metallo sul frontale.

Tiffany T – TF3061 (Sole)

TF 3061

Chic e iconico, questo modello rotondo in acetato è reso unico dal ciliare arrotondato decorato da un sofisticato dettaglio metallico nei colori argento, oro pallido e canna di fucile. La palette cromatica per le lenti include azzurro sfumato blu, grigio, marrone a specchio/argento sfumato e viola sfumato marrone. La montatura e le aste sono disponibili nei colori argento, canna di fucile e oro pallido, con l’inconfondibile logo Tiffany & Co. in armonia con il dettaglio metallico sul frontale.

Tiffany T – TF2166 (Vista)
Moderno e raffinato, questo modello in acetato è caratterizzato dal ciliare curvilineo ornato da

TF 2166

un delicato dettaglio metallico nei colori argento e rosa o oro pallido e canna di fucile. La montatura e le aste sono proposte in havana, nero, havana scuro e havana beige. Il design richiama l’essenzialità della collezione di gioielli, con il logo Tiffany & Co. color oro pallido sulla barra laterale. Il modello sarà protagonista della nuova campagna eyewear per la primavera e comparirà sui media e negli store di tutto il mondo.

Tiffany T – TF2165 (Vista)

TF 2165

In questa sofisticata montatura da vista ovale in acetato premium la lavorazione stratificata in metallo dei cerchi si ispira al design della linea Tiffany T ed è disponibile in color oro pallido e argento. Tra le tonalità opalescenti disponibili per la montatura figurano blu, grigio e rosa, in aggiunta a un’impeccabile versione nera. Le aste sono proposte in nero o havana con il logo Tiffany T impresso sulla barra laterale a richiamare il dettaglio in metallo sul frontale.

TIFFANY DIAMOND POINT
Il motivo Diamond Point, lanciato nella collezione Home & Accessories nel 2017, entra ora a far parte della collezione di occhiali da sole e da vista. La struttura geometrica s’ispira alla punta di diamante, simbolo del lusso quotidiano dell’eyewear contemporaneo.

Tiffany T Diamond Point – TF4150 (Sole)
Ispirata alle creazioni Tiffany Diamond Point, questa audace montatura squadr

TF 4150

ata in acetato è

realizzata nei colori nero, havana, havana giallo o blu. Le aste rastremate e l’accattivante inserto metallico color oro pallido o argento con cristalli austriaci aggiungono un tocco di glamour. Le aste bicolori a contrasto sono proposte in nero e blu con opzioni havana, havana giallo e blu e il raffinato logo Tiffany & Co. Le lenti da sole sfumate sono disponibili in azzurro, marrone e grigio.

Tiffany T Diamond Point – TF4149 (Sole)

TF 4149

Autentica espressione del lusso moderno, questa montatura cat-eye in acetato è un inno alla femminilità, declinato in sorprendenti combinazioni bicolore: nero e blu, nero e havana giallo, nero e havana, blu e blu opalescente. Le aste metalliche tubolari con dettagli a punta di diamante e logo Tiffany & Co. inciso al laser sono valorizzate da terminali in acetato in nero e blu, havana, blu opalescente e havana giallo. Le lenti da sole sfumate sono disponibili in azzurro, marrone e grigio.

Tiffany T Diamond Point – TF2168 (Vista)

TF 2168

Sofisticata e moderna, questa pregiata montatura ovale in acetato premium è caratterizzata da

sottili aste tubolari in metallo impreziosite dalla lavorazione a punta di diamante e dal logo Tiffany & Co. inciso al laser. Le versioni bicolore includono nero e blu, havana e blu, blu e blu opalescente e una combinazione di marrone, grigio e rosa. I terminali in acetato sono disponibili in nero e blu, havana e blu, blu opalescente e havana rosa.

Tiffany T Diamond Point – TF2167 (Vista)

TF 2167

Raffinati dettagli e lavorazioni di qualità s’intrecciano con la tradizione Tiffany in questa elegante montatura da vista. Il modello in acetato brillante è realizzato nelle tonalità nero, havana scuro, cammello opalino luminoso e blu opalino. Le aste sono proposte in nero e blu, havana scuro, cammello opalino e blu opalino, con il logo Tiffany & Co. a completare la barra laterale. Il ciliare in metallo e il dettaglio sui terminali, ispirati al motivo Diamond Point, sono disponibili in color oro pallido e argento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending