Connect with us

Style & Luxury

Collezionismo d’arte: in vendita la collezione di ceramiche Madoura del grande artista Pablo Picasso

DailyMood.it

Published

on

06 aprile 2012

L’ultima collezione di ceramiche di Picasso, la Madoura Collection, è ora in vendita. Annunciata la vendita della collezione Madoura, ultima opportunità per i collezionisti di comprare queste opere di Picasso direttamente dal luogo dove furono realizzate, il ceramificio Madoura, a Vallauris, in Francia. La collezione è messa in vendita da Alain Ramié, un amico e collega di Picasso per molti anni, l’autore del catalogo ragionato delle edizioni di ceramica dell’artista, oltre che il figlio dei proprietari del ceramificio, Georges e Suzanne Ramié. La famiglia Ramié ispirò Picasso per entrare nel mondo della ceramica per la prima volta,nel 1946. Fu l’inizio di una fascinazione che sarebbe durata fino agli ultimi anni della sua vita. Si stima che questa collezione senza rivali realizzi un totale di circa 2 milioni di sterline e sarà in esposizione al Christie’s South Kensington per oltre due giorni, il 25 e il 26 giugno.

La collezione comprenderà circa 550 pezzi in perfette condizioni, molti dei quali sono rimasti intoccati dal momento della loro creazione, così come stampe, poster, fotografie e mobili del ceramificio. Un’ampia selezione del catalogo ragionato di Picasso è in offerta, dai suoi primi lavori in ceramica del 1947 fino agli ultimi del 1971, e si stima di un valore da 100 sterline fino a 100.000 sterline a pezzo. I pezzi più importanti della collezione saranno esposti a Parigi, Hong Kong, e al Christie’s King Street in anteprima, prima dell’esposizione completa a South Kensington, LOndra.

India Phillips, specializzato in arte moderna e impressionista, ha commentato, “La galleria ha voluto lavorare con Alain Ramié per mettere in scena la collezione in vendita più importante mai tenutasi dedicata alle Ceramiche di Picasso. Lavori di simile qualità  e di una provenienza così impeccabile non saranno mai più offerti sul mercato, direttamente dalla Madoura Pottery dove Picasso si è innamorato per la prima volta del mezzo ceramico e dove ha trascorso molti dei più felici e più prolifici annmi della sua vita. Questa è un’opportunità unica nella vita del 20esimo secolo per i collezionisti di ceramiche e per gli appassionati ed esperti dell’opera di Picasso, e noi siamo molto felici di poter offrire ai nostri clienti opere di tale valore”.

Alain Ramié ha commentato: “Picasso era un maestro di tutte le forme d’arte in cui si è cimentato, e la ceramica non fa eccezione. Sono stato fortunato, per averlo visto lavorare e per aver pubblicato il catalogo ragionato delle edizioni in ceramica. Perciò speravo di rendere partecipi i conoscitori, i collezionisti e gli appassionati di tutto il mondo. Le ceramiche furono una grande passione di Picasso e sono stati una fonte di passione anche per me e i miei genitori. ora che il ceramificio è stato chiuso, è tempo per me di vendere questi pezzi da collezione e offrire agli amanti di Picasso di tutto il mondo l’opportunità di condividere con gioia quello che hanno dato a me”.

La collezione ha come pezzo forte il Grand vase aux femmes voilées, concepito da PIcasso nel 1950, di un valore di 70.000-100.000 sterline. In ogni caso, un gran numero di opere in offerta sono valutati tra 100 e 5.000 sterline l’uno, incluso il piatto figurativo Vallauris (stimato 5.000-7.000 sterline). Molti temi ricorrono tra la ceramica di Picsso oeuvre, che spesso si vedono nei suoi dipinti più famosi, incluse facce, uccelli, pesci e animali come scene di lotta tra tori, tutti rappresentati in scala.

Pablo Picasso venne a conoscenza del ceramificio Madoura nel  1946, durante una visita al festival annuale della ceramica a Vallauris, nel sud della Francia. Incantato dai lavori esposti, chiese di conoscere i creatori, Georges e Suzanne Ramié, che lo invitarono a vedere il loro lavoro. Picasso fu immediatamente ispirato e modellò tre pezzi quel giorno.

Un anno dopo, torno a vedere i suoi lavori finiti e fu deliziato dalla vista dei risultati ottenuti con questo mezzo artistico e non poté resistere ad iniziare a lavorarvi un’altra volta. Una sezione del laboratorio gli fu dedicata, perché si sedesse con i lavoratori,  mentre creava e sperimentava nuove tecniche.

Durante gli anni 40, Villauris diventò un importante luogo per la ceramica e l’artigianato e il romantico artista apprezzò il ritorno alla vita semplice dell’artigiano e il fatto di essere trattato proprio come ogni altro dipendente del laboratorio. Si dedicò alla vita da lavoratore, con come unica compagnia i suoi animali domestici, che divennero tra l’altro motivi tra i preferiti nelle sue opere di quella fase. La semplicità di Vallauris era in gran contrasto con la sua fama internazionale e ogni tanto venivano a fargli visita alcuni tra i più grandi nomi del 20esimo secolo, come Chagal, Cocteau, Brigitte Bardot, Gary Cooper e Richard Attenborough, a cui lui spiegava la sua tecnica e da cui si lasciava ispiare.

La Madoura Pottery occupava un posto davvero speciale nel cuore di Picasso ed ebbe una grande influenza sulla sua vita. Non solo fu qui che incontrò la sua seconda moglie, Jacqueline Roque, (come assistente ceramista), ma passò addirittura 24 anni lì a sperimentare e perfezionare le tecniche ceramiche. Tra il 1947 e il 1971, PIcasso produsse 633 diversi piatti, ciotole, vasi e altro, in edizioni limitate da 25 a 500. Grazie alla crescente fama di Picasso, il laboratorio Madoura ebbe modo di diffondere e pubblicare oggetti prodotti dall’artista direttamente lì.

Oggi la collezione è in vendita per gli appassionati e i collezionisti.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Sfilate

Dsquared2 Spring Summer 2020 Collection & D2 Friends

DailyMood.it

Published

on

The fighters of Dsquared2’s Spring Summer 2020 collection are pacifists of pop culture, in a wardrobe inspired by when kung fu met Hollywood action films in American and Hong Kong cinema from the 70s.

Looks draw on the colour and energy of the time—the neon lights of Hong Kong, giant floral and embellished tiger prints, boxer styled robes, jackets and shorts. An American 50s ‘southern sun-belt’ silhouette is woven through high waisted cropped pants that show the tops of printed satin boxers, tucked-in short sleeve buttoned shirts with notch collars and bomber jackets.

Pants and prints define the collection. The trousers come in three shapes all with high waists, the ‘Brad’, a straight leg, flat front cropped style and ‘Fight’ with a double front pleat. These are constructed in cotton canvas, one design reveals a crystal embroidered tiger on the leg, others in soft leather or clean, dark blue denim. Another women’s style combines the high waist with a full leg that sits higher on the calf.

The silk boxers that can be seen above the pants’ waistbands are cut from the rich prints of the collection: tiger stripe camouflage, oversized chrysanthemums, monkeys and Eastern motifs. The opulent fabrics take shape in other key pieces: kimono style long jackets, paper-feel parkas, and a women’s floor-sweeping chiffon gown made up of a patchwork of the collection’s placed prints in plissé ruffles with an embroidered neckline. Original Bruce Lee movie posters—reprinted in collaboration with the Bruce Lee Foundation—appear on jersey pieces for men and women..

Eveningwear includes men’s tanks in transparent tulle and lace tops with printed colored and shiny stripes, a belted jacket that’s half wool and half floral printed silk duchesse. Perfecto jackets have sweeping shawl collars and a leather sleeveless motorcycle jacket has a standup collar. Bomber jackets have a dimensionality to the floral pattern created by two layers of printed silk organza. A women’s cropped padded printed kimono bomber is also designed to be worn upside down. Zips and lacing feature in jumpsuits—in blue nylon for men and gold leather for women, and corsetry style tops and jackets.

Braiding decorates leather lace-ups and sandals with thick soles, their fronts inset with lines of blue or red, and Dsquared2’s Key bag comes in shiny leather in a compact rectangular shape with a long cross body strap. Women’s stiletto sandals have laced fronts and heels with monkeys or gold pearls.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

DSQUARED2  – D2 Friends

(Photo by Daniele Venturelli/Getty Images for Dsquared2)

WHO: Dean e Dan Caten, Maluma, Annalisa, Moti Ankar, Luke Baines, Christian Bendek, Pietro Boselli, Viktor Cruz, Simone Cotellessa, Chace Crawford, Ahmad Daabas, Caroline Daur, Pelayo Diaz, Karrueche Tran, Alessandro Enriquez, Katherine McNamara, Veronica Ferraro, Marco Ferri, Marcel Floruss, Marc Forné, André Hamann, Anabel Hernandez, Corentin Huard, Giorgio Merlino, Guido Milani, Evangelie Smyrniotaki, Paolo Stella, Tedua, Gabriele Esposito, Ludovica Sauer, Niki Wu Jie, Marta Sanchez, Elbio Bonsaglio, Simone Zin, Sasha Luss

WHEN: Sunday June 16th 2019 – Show @8.30pm – After Party @9.30pm

WHERE: Fabbrica Orobia, Via Orobia, 15 – Milan

WHAT: On Sunday June 16th 2019 Dean and Dan Caten hosted Dsquared2 SS2020 men’s and women’s show and After Party.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

“Summer Mania”: Tutto il meglio della moda mare 2019

Polici Francesca

Published

on

Sarà che ormai le fitness influencer sono diventate le nostre nuove “guru”, sarà che l’Active Wear riesce a coniugare le tendenze più cool con la comodità, fatto sta che lo stile urban-chic che prende in prestito elementi e caratteristiche direttamente dallo sporty, sta spopolando anche nella moda mare 2019.

Non solo. Si riconferma anche in questa stagione l’inarrestabile tendenza della “logo-mania”, abbinata a tessuti tecnici ed elastici che concedono un confort ineguagliabile. E per le più atletiche che amano alternare al tipico relax da spiaggia anche un po’ di sana attività fisica, ci sono delle soluzioni assolutamente perfette. Se preferite il one-piece, allora non potrete perdervi per nessun motivo l’irresistibile Philipp Plein, con pratica e sensuale chiusura a zip sul décolleté. Ma il vero pezzo forte sono le tonalità fluo – sempre più di moda – che hanno l’enorme pregio di mettere ancora più in risalto l’abbronzatura.

Per quelle che invece proprio non possono rinunciare al bikini, invece, c’è sempre l’opzione Etro che in un solo tocco coniuga vintage (con la tipica vita alta anni Cinquanta) e moderno.

Nell’anno in cui abbiamo visto il grande ritorno delle mitiche Spice Girls, non poteva mancare un modello beachwear che omaggiasse la Spice più amata e, diciamolo, anche la più fashion. Ovviamente, non parliamo di Victoria ma dell’indimenticabile Mel. B. Largo all’animalier quindi, quel classico intramontabile che riesce ad essere sempre raffinato e ammaliante. Ma Saint Laurent è andato ancora oltre e ci ha regalato un modello che non può non lasciare a bocca aperta. Sgambatissimo e scollatissimo, il one-piece che gioca molto più sul vedo che sul non vedo, incanterà le spiagge di tutto il mondo. E quella cinta stretta in vita… beh, che dire? Parla da sé.

Naturalmente, per le più pudiche, c’è sempre il modello classico con fondo rosa e deliziosi fiocchetti sulle spalle di Manebì.

Per chi vuole essere sempre scintillante anche in spiaggia, poi, abbiamo l’elegantissimo e sgambatissimo trikini di Julian McDonald. Certo, il confort non sembra essere il suo punto di forza, ma di certo non passerete inosservate.

Non potevano mancare delle proposte floreali – una tendenza che sta letteralmente invadendo i nostri armadi. Il nostro look preferito è, senza dubbio, quello dal mood un po’Country-Hippie e un po’ Boho-Chic di Anna Sui.

Ovviamente, anche lei ha optato per la vita altissima, sicuramente uno dei i must have di stagione più in voga.

E, per finire, festeggiamo un altro grande ritorno, quello dell’uncinetto. Dal classico triangolino, però, quest’anno si passa al costume intero e il più ricercato non poteva che essere quello di Carolina Herrera. Da abbinare con un bel copricostume, o meglio ancora con un lungo caftano, il crochet è sempre una certezza. Carolina Herrera, ancora di più.

di Francesca Polici per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Style & Luxury

Collezione Marni Pre-Fall 2019

DailyMood.it

Published

on

Gli equipaggi […] navigano in territori inesplorati […]. Le due navi rimangono presto bloccate […]. La vita dipende dalla rinuncia all’ordine. I guardaroba seguono“.
(Estratto contaminato di una sinossi abbandonata).

Cosa succede quando il controllo incontra l’abbandono?
Quando il rigore accoglie il caos?
Nascono nuove specie di abiti: clash di opposti per oggetti inaspettati e atteggiamenti imprevedibili.
Un attacco ai codici della formalità. La precisione vista da un punto di vista non regolamentato. L’ordine è toccato dal disordine per andare fuori registro. Ordinatamente.
Mod contro Hippie. Pop, Quadrophenia e psichedelia, tagliati da sprazzi di folk alla ricerca della connessione universale.

Tocchi infantili sui gioielli object trouvé, sensazioni cosmiche nei bijoux scultorei.
Le borse danno struttura, stivali e guanti in pelli selvatiche e metallizzate sregolano.

Il razionale e il primitivo trovano il modo di coabitare.
La formalità si fa obliqua.

Il codice è rotto, eppure in qualche modo puro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending