Connect with us

Accessori

Dal 1987, Chanel dona allure al tempo

Published

on

In 30 anni di avventura nell’orologeria, CHANEL avrà approcciato tutti i métiers che fanno parte dell’Alta Orologeria. Un’orologeria concepita come un oggetto di piacere, che non rinuncia alla competenza tecnica e artigianale necessaria alla creazione di oggetti preziosi, pronti a definire il tempo.

Nell’Ottobre 1987, quando CHANEL creò un orologio, nessuno se lo aspettava.
Venne chiamato Première.

1989-Carole-Bouquet Premiere

Première: aggettivo femminile singolare. Significa che precede gli altri nel tempo, nello spazio, nel rango; principale, superiore.
Nome femminile singolare: ciò che è stato realizzato per la prima volta, ciò che è valutato il migliore. Nei trasporti, la classe superiore.
Nella Haute Couture, la direttrice dell’atelier. In orologeria, il primo orologio creato esclusivamente per le donne da CHANEL, ispirato alla forma del tappo del flacone del profumo N°5 e a quella di Place Vendôme. Contrariamente a tutto ciò che è stato creato prima, questo orologio dedicato alle donne non è una rielaborazione di un orologio da uomo.

Impersonato da Inès de la Fressange, è contemporaneamente un autentico segnatempo e un accessorio di moda. Incorpora tutto. E porta bene il suo nome. L’orologio Première apre il primo capitolo della grande storia della Maison e dell’Orologeria. Con questo, CHANEL dà al tempo tutto lo spazio che merita: una superficie senza fine, senza quadrante né indici. Una superfice liscia e piana sulla quale planano infinite possibilità. L’orologio diventa allora un vero gioiello, quintessenza della femminilità, superando la sua funzionalità.

Tutto è nell’arte della sorpresa e della meraviglia, la voglia inesauribile di creare. Le icone della Maison ispirano e diventano segnatempo: Perle, Camelie, Comete, Matelassé, Fiocchi si legano al polso e contribuiscono a rinnovare senza sosta i codici dell’orologeria femminile. Ormai tutto è disegnato, concepito, sviluppato e fabbricato internamente. Nessun subappalto, nessuna licenza.

Nel 2000, una nuova rivoluzione. Il J12.
In ceramica nera, è la prima icona dell’Orologeria del ventunesimo secolo. Questo inalterabile e scintillante nero racchiuso nel rotore, fa l’effetto di uno shock quando arriva a Place Vendôme. Un bracciale come una seconda pelle si adatta naturalmente alla temperatura del corpo contrariamente al metallo. CHANEL fa della ceramica high-tech una materia preziosa, e del nero profondo un colore essenziale dell’orologeria.

Nel 2003, con la creazione del J12 bianco, CHANEL reinventa il bianco, immacolato, opalescente, e lo impone da più di 10 anni come un colore inevitabile dell’orologeria. Moltiplicando le versioni pur rispettando la sua natura profonda, le serie effimere e le edizioni d’eccezione, ancora oggi, CHANEL continua a reinterpretare questa icona dell’orologeria, fino a proporre una versione XS, altamente femminile. Il J12 non si è accontentato di rivoluzionare l’orologeria CHANEL. Ha anche iniziato un movimento fondamentale nell’orologeria utilizzando: il nero, il bianco e la ceramica.

Nel 2005, l’orologio J12 Tourbillon apre nuovi orizzonti di competenza e di creatività. Cinque anni dopo CHANEL va ancora più lontano, con il J12 Rétrograde Mystérieuse. Di estrema complessità, il movimento del J12 Rétrograde Mystérieuse apre a CHANEL le porte dell’alta orologeria. In CHANEL, la tecnica orologiera è al servizio della creatività, mai il contrario. Tutto è realizzato in-house nel rispetto delle tradizioni svizzere che si adattano alle ambizioni creative. Un orologio CHANEL non è mai dove te l’aspetti. Calibra il tempo, inverte i codici con audacia.

Nel 2012, in occasione del suo venticinquesimo anniversario , l’orologio Première si arricchisce di un tourbillon volante. Il tempo CHANEL decolla. CHANEL offre alle donne l’opportunità di entrare nel mondo delle alte complicazioni meccaniche. Tourbillons di diamanti a forma di camelia o di cometa, complicazioni orologiere mai viste prima. Essendo la tecnica al servizio della creatività, CHANEL non ha limiti. Le innovazioni si susseguono. CHANEL è premiata per la prima volta al Grand Prix d’Horlogerie de Genève nella categoria «Montre Dame» per l’orologio Première Tourbillon Volante.
Questo premio prestigioso viene dato ogni anno alle migliori creazioni e agli attori più importanti dell’universo orologiero.

Lo stesso anno, i pezzi rari della collezione Mademoiselle Privé, sogni da mille e una notte, fanno girare la testa e il tempo. Quadranti fantasiosi, movimenti raffinati, tecniche artigianali rivisitate: ricami con fili d’oro, intarsi di madreperla e diamanti, antica tecnica glyptique, nulla è impossibile. Grazie alle mani dei più grandi artigiani smaltatori, incisori, intagliatori, incastonatori, questa collezione scrive una nuova pagina della storia creativa dell’orologeria CHANEL e diventa territorio d’espressione del savoirfaire d’eccellenza.
L’orologio Mademoiselle Privé Camelia Brodé, il cui quadrante è stato ricamato con fili di seta colorati secondo la tecnica della «Peinture à l’aiguille», ha permesso a CHANEL di conquistare il suo secondo Grand Prix d’Horlogerie de Genève nel 2013, nella categoria «Métiers d’Art».

Nel 2015, l’orologio BOY∙FRIEND riconsidera i codici androgini dell’orologeria femminile. Un orologio dall’allure maschile totalmente dedicato alle donne. Un’altra prima assoluta.
CHANEL presenta nel 2016 per la prima volta un cinturino in metallo che riprende il motivo Tweed per l’orologio BOY∙FRIEND.
Nato da un intreccio di fili d’acciaio, questo cinturino richiede una prodezza tecnica per richiamare la ricchezza del tessuto.

Nel 2016, CHANEL firma il suo primo movimento di Alta Orologeria in-house il CALIBRO 1. Ore saltanti, minuti retrogradi, il primo orologio concepito specificamente per gli uomini: l’orologio Monsieur de CHANEL. Questo orologio non esisteva, è stato immaginato. Il suo movimento non esisteva, è stato concepito per animarlo. La sua cassa non esisteva, è stata creata per accoglierlo.
Così vanno le cose da CHANEL, dalla voglia nascono gli strumenti per trasformare il sogno in realtà.
Dal desiderio nasce una creazione.

Nel 2017, CHANEL Horlogerie compie trent’anni. Trent’anni sempre con la stessa voglia di andare più lontano, più in alto. La Maison firma il suo secondo calibro in-house e interpreta di nuovo l’orologio Première in una versione di Alta Orologeria. Di un nero assoluto, questo movimento scheletrato, unico nel suo genere, incarna uno dei simboli della Maison e la libertà dello Studio Creativo della Maison. Trent’anni e sempre la stessa voglia di creare: per la fine dell’anno 2017, CHANEL lancerà una nuova estetica, un vero codice di riconoscimento da portare al polso.

Nel 2017, CHANEL Horlogerie ha tutto l’avvenire davanti a sè. E, dal 1987, un passato prestigioso alle spalle. Una manifattura svizzera, brevetti, invenzioni. Orologi che sublimano il tempo. Da 30 anni, CHANEL firma la propria visione dell’orologeria e crea nuovi codici orologieri. Orologi che, anno dopo anno, scrivono l’allure del tempo.

Crediti Immagini: ©CHANEL

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 2 =

Accessori

L’artiste et maroquinière Nadia Chellaoui présente le lookbook de sa collection FW23

Published

on

L’artiste et maroquinière Nadia Chellaoui présente le lookbook de sa collection FW23, inspirée de son pays et de ses souvenirs d’enfance.

Dévorée par sa passion et sa créativité, Nadia Chellaoui est l’une des rares artistes peintre marocaine dont l’identité et les codes sont uniques.

Le visage, signature icône et emblème porteur de la marque, est devenu aujourd’hui un symbole de liberté et d’expression de soi. Inspirée par des artistes peintres, comme Modigliani ou Picasso, Nadia Chellaoui affirme ses références visuelles et picturales, et raconte que le visage est pour elle une sorte d’état d’esprit qu’elle cultiva depuis son plus jeune âge :

“Le visage est pour moi une sorte, d’évasion sociale, un état d’esprit qui me donne la force d’assumer ma différence, ma culture et mes émotions.”

Le design des sacs se sont construits à travers les souvenirs d’enfance de l’artiste peintre. Baignée depuis la naissance dans un univers fort en couleurs et rythmé par les senteurs, Nadia Chellaoui se rappelle d’elle, enfant, contemplant sa grand-mère broder. Ce visage est en réalité, le regard de l’artiste porté sur un monde fort en perceptions, et en inspirations.

« Le sac est synonyme d’évasion, de voyage et de passage … Donner la possibilité de transporter mes œuvres picturales à travers un accessoire symbole de féminité, était devenu, pour moi une nécessité » raconte l’artiste peintre.

Un cocktail de sa culture marocaine, son attrait pour le cubisme ainsi que sa passion pour les couleurs, donne naissance au sac, synonyme de combat et de fragilité. Croquis par croquis, Son imagination déborde. Nadia Chellaoui crée de nombreux modèles afin de s’adresser à une audience large en y laissant un message d’amour et de liberté.

Chaque sac détient une forte identité donnant le pouvoir à celui qui le porte, de vivre, le temps d’un voyage ou d’un passage, une assurance et confiance en soi ainsi qu’un nouveau regard sur les choses qui nous entourent.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Accessori

Golden Goose presenta Golden Express, la collezione Journey FW 22-23

Published

on

Ispirandosi ai raffinati viaggi del Novecento, i binari diventano il palcoscenico di una routine abituale ma allo stesso tempo unica. Un viaggio senza fine che coglie l’intima bellezza di momenti ordinari, fatti di sguardi e di calde emozioni.

Ed è questa atmosfera dal sapore vintage ma rivisitato in modo inaspettato, che ispira le tonalità calde e i motivi romantici della collezione. Come le sfumature dei panorami mozzafiato che i passeggeri vedevano dai finestrini: dal verde foresta dei boschi sconfinati al viola brillante dei fiori selvatici, e la nuova stampa stagionale composta da collage di schizzi e appunti che sembrano strappati dal diario dei viaggiatori.

La collezione Golden Goose FW 22-23 propone un guardaroba vintage reinterpretato in chiave urbana e contemporanea. In continua evoluzione e con uno sguardo rivolto al futuro, senza dimenticare il nostro passato e il nostro DNA.

La nuova collezione Golden Express è disponibile sul sito www.goldengoose.com e negli stores Golden Goose in tutto il mondo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Accessori

Ghoud Venice, Campagna Autunno Inverno 2022/23

Published

on

Per la nuova campagna pubblicitaria della collezione Autunno Inverno 2022/23, Ghoud Venice celebra e reinterpreta i codici espressivi che contraddistinguono Venezia, sua città natale, attraverso ritratti ed immagini catturati nella città lagunare dal fotografo Cesare Medri.

Il concept creativo abbraccia i valori di Ghoud Venice che si integrano ai codici della Serenissima.  Umorismo, seducenti enigmi, spirito festaiolo e teatralità esagerata sono i pilastri chiave che fanno da sipario alla campagna pubblicitaria per la prossima stagione invernale.

La collezione è un turbinio di variopinte sperimentazioni che si riflettono nelle linee geometriche e minimali, si fondono con insolite lavorazioni e materiali ed inaspettati contrasti di colori.

Protagonisti della collezione Fall Winter 2022/23 restano sempre i modelli iconici Rush e Tweener, con la novità del modello Atelier.

Il modello Rush viene sviluppato in varie versioni: multicolor che mixa svariati e sgargianti colori, la classica e super leggera one, rush-recycled che strizza l’occhio alla sostenibilità e per la seconda stagione consecutiva la groove con dettagli in camoscio martellato, tallone rinforzato e con suola tagliata a mano.

La tweener, ispirata allo stile delle scarpe utilizzate negli anni ’90 nei campi da terra rossa, viene proposta con dettagli in spugna, taglio vivo sul fianco ed eco pelliccia.

La campagna pubblicitaria resta un tributo ai veneziani, dove non è protagonista solo il prodotto, ma si vuole raccontare il fascinoso riflesso di differenti e quanto più varie influenze che ispirano tutte le sneakers Ghoud Venice, con le sue collezioni che si distinguono per proposte che non aderiscono a un’identità prestabilita, in favore di un’estetica libera e fuori dagli schemi, unica al mondo come solo Venezia è – in virtù dell’importanza storica e culturale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending