Connect with us

Accessori

Dal 1987, Chanel dona allure al tempo

Published

on

In 30 anni di avventura nell’orologeria, CHANEL avrà approcciato tutti i métiers che fanno parte dell’Alta Orologeria. Un’orologeria concepita come un oggetto di piacere, che non rinuncia alla competenza tecnica e artigianale necessaria alla creazione di oggetti preziosi, pronti a definire il tempo.

Nell’Ottobre 1987, quando CHANEL creò un orologio, nessuno se lo aspettava.
Venne chiamato Première.

1989-Carole-Bouquet Premiere

Première: aggettivo femminile singolare. Significa che precede gli altri nel tempo, nello spazio, nel rango; principale, superiore.
Nome femminile singolare: ciò che è stato realizzato per la prima volta, ciò che è valutato il migliore. Nei trasporti, la classe superiore.
Nella Haute Couture, la direttrice dell’atelier. In orologeria, il primo orologio creato esclusivamente per le donne da CHANEL, ispirato alla forma del tappo del flacone del profumo N°5 e a quella di Place Vendôme. Contrariamente a tutto ciò che è stato creato prima, questo orologio dedicato alle donne non è una rielaborazione di un orologio da uomo.

Impersonato da Inès de la Fressange, è contemporaneamente un autentico segnatempo e un accessorio di moda. Incorpora tutto. E porta bene il suo nome. L’orologio Première apre il primo capitolo della grande storia della Maison e dell’Orologeria. Con questo, CHANEL dà al tempo tutto lo spazio che merita: una superficie senza fine, senza quadrante né indici. Una superfice liscia e piana sulla quale planano infinite possibilità. L’orologio diventa allora un vero gioiello, quintessenza della femminilità, superando la sua funzionalità.

Tutto è nell’arte della sorpresa e della meraviglia, la voglia inesauribile di creare. Le icone della Maison ispirano e diventano segnatempo: Perle, Camelie, Comete, Matelassé, Fiocchi si legano al polso e contribuiscono a rinnovare senza sosta i codici dell’orologeria femminile. Ormai tutto è disegnato, concepito, sviluppato e fabbricato internamente. Nessun subappalto, nessuna licenza.

Nel 2000, una nuova rivoluzione. Il J12.
In ceramica nera, è la prima icona dell’Orologeria del ventunesimo secolo. Questo inalterabile e scintillante nero racchiuso nel rotore, fa l’effetto di uno shock quando arriva a Place Vendôme. Un bracciale come una seconda pelle si adatta naturalmente alla temperatura del corpo contrariamente al metallo. CHANEL fa della ceramica high-tech una materia preziosa, e del nero profondo un colore essenziale dell’orologeria.

Nel 2003, con la creazione del J12 bianco, CHANEL reinventa il bianco, immacolato, opalescente, e lo impone da più di 10 anni come un colore inevitabile dell’orologeria. Moltiplicando le versioni pur rispettando la sua natura profonda, le serie effimere e le edizioni d’eccezione, ancora oggi, CHANEL continua a reinterpretare questa icona dell’orologeria, fino a proporre una versione XS, altamente femminile. Il J12 non si è accontentato di rivoluzionare l’orologeria CHANEL. Ha anche iniziato un movimento fondamentale nell’orologeria utilizzando: il nero, il bianco e la ceramica.

Nel 2005, l’orologio J12 Tourbillon apre nuovi orizzonti di competenza e di creatività. Cinque anni dopo CHANEL va ancora più lontano, con il J12 Rétrograde Mystérieuse. Di estrema complessità, il movimento del J12 Rétrograde Mystérieuse apre a CHANEL le porte dell’alta orologeria. In CHANEL, la tecnica orologiera è al servizio della creatività, mai il contrario. Tutto è realizzato in-house nel rispetto delle tradizioni svizzere che si adattano alle ambizioni creative. Un orologio CHANEL non è mai dove te l’aspetti. Calibra il tempo, inverte i codici con audacia.

Nel 2012, in occasione del suo venticinquesimo anniversario , l’orologio Première si arricchisce di un tourbillon volante. Il tempo CHANEL decolla. CHANEL offre alle donne l’opportunità di entrare nel mondo delle alte complicazioni meccaniche. Tourbillons di diamanti a forma di camelia o di cometa, complicazioni orologiere mai viste prima. Essendo la tecnica al servizio della creatività, CHANEL non ha limiti. Le innovazioni si susseguono. CHANEL è premiata per la prima volta al Grand Prix d’Horlogerie de Genève nella categoria «Montre Dame» per l’orologio Première Tourbillon Volante.
Questo premio prestigioso viene dato ogni anno alle migliori creazioni e agli attori più importanti dell’universo orologiero.

Lo stesso anno, i pezzi rari della collezione Mademoiselle Privé, sogni da mille e una notte, fanno girare la testa e il tempo. Quadranti fantasiosi, movimenti raffinati, tecniche artigianali rivisitate: ricami con fili d’oro, intarsi di madreperla e diamanti, antica tecnica glyptique, nulla è impossibile. Grazie alle mani dei più grandi artigiani smaltatori, incisori, intagliatori, incastonatori, questa collezione scrive una nuova pagina della storia creativa dell’orologeria CHANEL e diventa territorio d’espressione del savoirfaire d’eccellenza.
L’orologio Mademoiselle Privé Camelia Brodé, il cui quadrante è stato ricamato con fili di seta colorati secondo la tecnica della «Peinture à l’aiguille», ha permesso a CHANEL di conquistare il suo secondo Grand Prix d’Horlogerie de Genève nel 2013, nella categoria «Métiers d’Art».

Nel 2015, l’orologio BOY∙FRIEND riconsidera i codici androgini dell’orologeria femminile. Un orologio dall’allure maschile totalmente dedicato alle donne. Un’altra prima assoluta.
CHANEL presenta nel 2016 per la prima volta un cinturino in metallo che riprende il motivo Tweed per l’orologio BOY∙FRIEND.
Nato da un intreccio di fili d’acciaio, questo cinturino richiede una prodezza tecnica per richiamare la ricchezza del tessuto.

Nel 2016, CHANEL firma il suo primo movimento di Alta Orologeria in-house il CALIBRO 1. Ore saltanti, minuti retrogradi, il primo orologio concepito specificamente per gli uomini: l’orologio Monsieur de CHANEL. Questo orologio non esisteva, è stato immaginato. Il suo movimento non esisteva, è stato concepito per animarlo. La sua cassa non esisteva, è stata creata per accoglierlo.
Così vanno le cose da CHANEL, dalla voglia nascono gli strumenti per trasformare il sogno in realtà.
Dal desiderio nasce una creazione.

Nel 2017, CHANEL Horlogerie compie trent’anni. Trent’anni sempre con la stessa voglia di andare più lontano, più in alto. La Maison firma il suo secondo calibro in-house e interpreta di nuovo l’orologio Première in una versione di Alta Orologeria. Di un nero assoluto, questo movimento scheletrato, unico nel suo genere, incarna uno dei simboli della Maison e la libertà dello Studio Creativo della Maison. Trent’anni e sempre la stessa voglia di creare: per la fine dell’anno 2017, CHANEL lancerà una nuova estetica, un vero codice di riconoscimento da portare al polso.

Nel 2017, CHANEL Horlogerie ha tutto l’avvenire davanti a sè. E, dal 1987, un passato prestigioso alle spalle. Una manifattura svizzera, brevetti, invenzioni. Orologi che sublimano il tempo. Da 30 anni, CHANEL firma la propria visione dell’orologeria e crea nuovi codici orologieri. Orologi che, anno dopo anno, scrivono l’allure del tempo.

Crediti Immagini: ©CHANEL

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 4 =

Accessori

BARROW debuttanell’eyewear con De Rigo

Published

on

Barrow, il brand italiano dedicato ai nativi digitali, lanciato nel 2020 da un team di talenti creativi con alle spalle esperienze internazionali in ambito fashion e digital, annuncia il debutto nell’eyewear con il Gruppo De Rigo, tra i leader mondiali nel settore.

Barrow celebra il desiderio di autenticità dei giovani esprimendo senso di individualità e di appartenenza a una comunità libera, creativa, dinamica, curiosa e aperta alle novità. In pochi anni Barrow ha raggiunto una notevole brand awareness grazie alla sua specifica identità creativa e alla visibilità sempre maggiore data da endorsement e collaborazioni con diverse celebrities, influencers e artisti musicali della scena interazionale che hanno scelto di indossare le creazioni del marchio.

L’accordo di licenza mondiale tra Barrow e De Rigo prevede il design, la produzione e la distribuzione di montature da vista e occhiali da sole a marchio Barrow.

Il lancio della prima collezione occhiali di Barrow, disegnata in partnership con De Rigo è previsto a marzo 2023. La distribuzione avverrà tramite selezionati negozi di ottica e il canale E-Commerce di Barrow.

Michele Aracri, Amministratore Delegato di De Rigo Vision ha dichiarato: “Mi piace molto l’approccio anticonformista alla creatività che Barrow ha con il mondo pop, lo streetstyle e la grafica. Assieme al giovane team creativo del brand, abbiamo portato nell’eyewear tutto lo spirito innovativo e irriverente di Barrow, realizzato con la qualità e con l’attenzione al dettaglio che caratterizzano De Rigo”.

“L’unione tra la competenza e professionalità di una delle principali industrie mondiali dell’ottica e lo spirito irriverente e anticonformista di Barrow, hanno dato vita ad un prodotto che è il perfetto statement del mondo Barrow.” Commenta il gruppo Daddato: “De Rigo è riuscito infatti a tradurre perfettamente il nostro spirito, creando un universo e una visione comune. Sono orgoglioso che in così poco tempo dalla nascita del brand, sempre più realtà vogliano far parte della Barrow Family, dandoci la possibilità di continuare ad offrire la migliore qualità in prodotti cool e senza tempo”.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Accessori

The vintage style “May 85” boot

Published

on

Feminine as can be, the new MAY 85 ankle boots celebrate FREE LANCE’s bootmaking expertise. Perched on an 8.5cm heel with delicate lacing, they are a perfect combination of vintage and contemporary style, thanks to its rounded toe. A desirable silhouette, which can go from everyday wear all the way to the dance floor.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Accessori

Borsalino: a journey to space

Published

on

La collezione Autunno-Inverno 2023/24, che segna il debutto del nuovo Head of Style Jacopo Politi, si spinge alla scoperta della più misteriosa e avanguardistica delle destinazioni: lo spazio

Con la collezione Autunno-Inverno 2023/24 Borsalino apre un nuovo capitolo della sua lunga storia. L’Head of Style Jacopo Politi fa suo il tema del viaggio, da sempre nel Dna della Casa di Alessandria, per accompagnarci in una passeggiata extraterrestre alla scoperta del cosmo. Il risultato è una collezione che guarda al futuro, perché lo spazio, con il suo mistero, è un orizzonte sospeso che apre alle possibilità di un mondo migliore.

Lurex, strass, effetti olografici, laminature, tulle, filati argentati e loghi metallizzati: i cappelli della collezione Borsalino Autunno-Inverno 2023/24 diffondono una luce incantata, un bagliore che illumina questi tempi opachi e ci guida verso destinazioni tutte da scoprire.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le suggestioni cosmiche contaminano sia i materiali che le forme della collezione, esplorando nuove frontiere stilistiche. Il feltro, simbolo della tradizione Borsalino, declinato anche nella versione in lana, si arricchisce delle lavorazioni ‘effetto nebulosa’, ‘terra di Marte’, e ‘cielo stellato’. Colori dal registro sofisticato –Sunny Moon, Opulence Gray, Fermented Mastic e Moon Stuck– donano ai modelli carry-over una nuova energia. Accanto alle classiche silhouette Fedora, Claudette e Sophie, si stagliano inediti feltri contemporanei: spazio quindi al modello unisex a tesa larga e piatta Andrea, al baseball-cap Timothee, ai due nuovi bucket Noa e Zoe, agli ultra-femminili Jo, Kris e Rossy e, infine, a Dario, la prima Fedora della Casa di Alessandria con paraorecchie removibili a prova di freddo.

Tante novità anche nella collezione Borsalino in tessuto, che mette in luce i temi di stagione. Innanzitutto, il basco, icona dalle mille vite, che segna il suo grande ritorno declinato nelle versioni micro Leslie e maxi Sveva. Si conferma imprescindibile il baseball-cap con i nuovi modelli Yvan, a visiera piatta con passante portaocchiali, e Alix con paraorecchie. Se il nuovo beanie in lana bouclé prende il nome di Sandy, la novità delle novità è Cirillo, modello rocciatore realizzato in tessuto tecnico a nido d’ape con chiusura in velcro 2.0. Non mancano, infine, le proposte in maglia: il micro-beanie Enrique, i baschi con lavorazione a treccia Joan e Dora e il baseball-cap in maglia di soffice cachemire Roger. Da non perdere il sofisticato modello Valentina.

In un percorso organico e integrato con i cappelli della collezione, vanno in orbita anche i soft accessories Borsalino, contaminati dallo spazio e dai suoi paesaggi siderali. Sciarpe di tutti i pesi, scialli, mini-stole e scrunchies incontrano le lavorazioni ’effetto nebulosa’ e ‘cielo stellato’, il jacquart, l’animalier lurex e i loghi metallici gommati, esaltando la creatività e le lavorazioni artigianali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending