Connect with us

Mood Your Say

Intervista a Fabio Constable: il mood della musica supera ogni distanza

Published

on

Ci sono momenti nella vita in cui la musica diventa segno tangibile di un ascolto differente di se stessi e se qualcosa in questo periodo la musica sta insegnando è che, rilassandosi un po’ si puo’ godere di quello che si ha nel presente con piu’ facilita’. Per questo ne parliamo con Fabio Constable, fondatore della Celtic Harp Orchestra, strumento che piu’ di altri incarna questo mood musicale.  Il mood della musica, che supera ogni distranza, incontra quello del fiabesco e torna anche in questa estate 2020, riportando con sè , non solo un mondo sempre difficile e complesso da comprendere e vivere, ma la voglia di riavvicinarsi in modo nuovo alle proprie emozioni e sensazioni dopo lunghi mesi di confinamento. A Macerata dal 18 Luglio a 9 Agosto 2020, si svolgera’ l‘Opera Festival con un cartellone operistico di tutto rispetto e tanti appuntamenti in totale sicurezza, come richiesto dalle disposizioni post pandemia. Ospite di questa edizione, per la serata del 30 luglio, con un live concert evento, che incarna questo mood della musica come mood del fiabesco,con un evento musicale dedicato a #biancoraggio, tema di questa edizione sono stati Fabius Constable&Celtic Harp Orchestra, presso la piazza vittorio veneto della citta’ di Macerata. Ed è proprio a Fabio Constable a cui si rivolge qualche domanda, riguardo alla magia dello strumento che l’ha reso famoso, noto per il suono ancestrale ed il mood della musica, quale forte identita’ sonora che crea l’empatia tra le persone, che sprigiona, attraverso vere e proprie reazioni sonore nuovi percorsi di incontri, anche a distanza fisica imposta dall’emergenza, attraverso l’ascolto attivo.

DailyMood.it: Buongiorno grazie per averci concesso il suo tempo.Lei è uno dei piu’ noti e conosciuti arpisti e nel 2002 ha  fatto nascere il bel progetto ” Celtic Harp Orchestra”. Ci racconta come è nato tutto?
Fabio Constable: Il progetto è nato quasi per caso. Organizzammo un evento con 44 arpe celtiche, doveva essere un solo concerto, ma la passione e l’amicizia nata durante le sessioni di prove ci hanno convinto ad andare avanti insieme, dando così l’inizio a venti bellissimi anni.

DM: Nella formazione del gruppo spesso si affiancano anche altri strumenti tra cui violini, flauti, violoncelli, chitarra voce o fisarmonica quasi una sorta di “visualizzazione guidata” musicale, una narrazione a piu’ voci in continuo crescendo. E’ cosi?
F.C. :
Diversi suoni in un’orchestra sono come diversi colori in quadro, diversi sapori in un piatto. Le note dell’arpa celtica toccano tantissime corde delle nostre emozioni e altri strumenti non solo aiutano ad esprimere meglio il nostro strumento, ma arricchiscono le musiche in senso compositivo, generando -come hai giustamente detto tu- immagini ed emozioni completamente nuove.

D.M. : Tra i suoi progetti piu’ famosi c’e’ il Dante’s Dream. Molti infatti dimenticano che Dante è stato il “bardo” per eccellenza e che, in fondo, quella selva oscura presto si ritrova nella cultura dei suonatori d’arpa. Ci dice qualcosa di piu’ su questo progetto?
F.C.
Il progetto Dante’s Dream – I fiori dell’Inferno trova le sue radici ai tempi dell’università, quando studiavo le melodie scritte nel medioevo per accompagnare madrigali e sonetti (tra cui quelli di Petrarca e di Dante stesso). Rimasi colpito da come la maggior parte della poesia dei secoli passati fosse cantata, non troppo diversamente dalle nostre canzoni odierne. Volli così provare ad attualizzare le terzine dell’Inferno: nella prima cantica si trovano così tanti colori dell’animo umano da non poter rimanerne indifferenti. Mi sono ispirato a uno stile diverso per ogni canto, dal Tango al Barocco Veneziano, dal Minimalismo Nordico al Romanticismo Russo.

D.M. : Esiste una giornata nazionale dell’arpa in Giappone. E’ stata istituita il 2 agosto dello scorso anno e lei è stato designato supervisore e direttore artistico di tutta la manifestazione cimentandosi addirittura con la musica di Giuseppe Verdi . Come è stata quella esperienza? La rifarebbe?
F.C. Rispondo sinceramente di sì e, ne sono certo, appena ci saranno i presupposti per poter riportare la musica sui palcoscenici senza i terribili sacrifici e le enormi difficoltà di questi giorni, lo rifarò. E’ stato emozionante vedere dei grandi interpreti giapponesi dell’arpa suonare sul palco i miei riarrangiamenti e le mie rivisitazioni di alcune arie verdiane. Il momento in cui, poi, più di 50 arpisti si sono riuniti per il gran finale (era il brindisi da “La Traviata”) è stato da mozzare il fiato!

D.M.: Lei nel 2005 ha anche fuso il tango e la musica celtica. quasi che fossero le corde degli strumenti, piu’ che il timbro delle casse armoniche a rendere il suono in musica. Come è nato Keltango? E perchè è un “meeting point”?
F.C.: “Keltango” è nato in maniera molto egoistica: ho voluto unire la mia passione per questi due generi musicali, creando una fusion tanto improbabile quanto coerente. I due stili, per quanto storicamente molto distanti, riescono a intrecciarsi in modo molto coinvolgente, sia in senso ritmico che armonico.

D.M. Concludendo, il “mood della musica” supera ogni distanza, lo ha dimostrato durante il confinamento con il bel progetto di Myrdhyn’s Last Spell in remote session”, quando 43 musicisti di tutto il mondo hanno suonato insieme per sensibilizzare alla musica cge può portare bellezza, speranza e gioia, ora più che mai ma è quanto mai fragile. Secondo lei è cosi? Esiste un mood della musica come mood del fiabesco? Quale è il ruolo della musicista nell’era post lockdown?
F.C.: Il primo video in “remote session” ha unito 43 musicisti, ma siamo arrivati ad averne quasi 70 nei video successivi. La musica è passione, ma è una -se mi permetti il termine- specie in via di estinzione. Soprattutto in un momento come questo va protetta, i musicisti vanno supportati. Immaginiamo come sarebbe stato il nostro lockdown senza musica. Immaginiamo la nostra vita, senza musica! I musicisti e gli artisti non sono stati supportati o aiutati in alcun modo dal nostro Governo, come se fossero delle suppellettili inutili, e più che mai va ricordato che bisogna proteggere ciò che si ama. L’alternativa è un futuro che conoscerà solo la musica proposta dalle multinazionali, come un bosco in cui crescerà una sola specie di alberi, come un mondo in cui tutti vestono con lo stesso colore.

Crediti Fotografici: ©PiotrDanilov

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 14 =

Mood Your Say

Intervista a Eleonora Mattia, autrice del libro “Igiorni del coraggio. La forza delle donne oltre la pandemia”

Published

on

Questi ultimi anni segnati dalla pandemia sono stati certamente tra i più complicati per tutti noi, ma per le donne ancora di più. Sono state loro a pagare il prezzo più caro, ma hanno saputo lottare con forza e determinazione. Da qui nasce il libro I giorni del coraggio. La forza delle donne oltre la pandemia di Eleonora Mattia, con la prefazione della conduttrice Rai Eleonora Daniele ed edito da Officina d’Arte Out Out. Si tratta di una raccolta di racconti tutti al femminile che forniscono una testimonianza collettiva dei mesi della pandemia da una prospettiva di genere.  Parola dopo parola, il libro racconta le loro vite, con le loro emozioni, paure, punti di vista e, soprattutto, con il loro coraggio. Quindici donne completamente diverse che, con le loro storie, riescono ad appassionare il lettore toccando argomenti importanti e delicati come la fecondazione assistita, i disturbi alimentari e la violenza di genere.

Abbiamo incontrato l’autrice Eleonora Mattia (Presidente della IX Commissione lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio e avvocata) per scoprire qualcosa in più su questo interessante racconto collettivo.

Eleonora com’è nata l’idea di questo libro? E perché la scelta di questo titolo?
Il libro nasce dall’urgenza di raccontare un’altra pandemia, oltre le task forces tutte al maschile e la narrazione degli uomini per gli uomini. Ho voluto mettere al centro le voci delle donne che stavano affrontando l’emergenza, ma tra le quali il Covid-19 è solo il filo rosso che aiuta a raccontare il coraggio e il laborioso sforzo quotidiano – da qui il titolo – che ciascuna di loro mette nel proprio settore. Un racconto corale dove le protagoniste sono solo voci di una sinfonia che fa rumore all’unisono.

Come ha scelto le storie da raccontare? Le è “andata a cercare” o ha raccontato storie che già conosceva, direttamente o indirettamente?
Nel libro ci sono compagne di viaggio che ammiro e che sono state al mio fianco in questi anni. Durante la pandemia, mentre tutto si fermava, loro continuavano ad andare avanti e il loro coraggio, la loro forza e determinazione è stata d’ispirazione per il libro.

 Pensa che questo periodo di pandemia, che ha rappresentato per tutti anche un momento di domande e riflessioni, possa aver portato qualcosa al percorso verso una completa parità di genere? Oppure ha avuto effetti negativi in tal senso?
Possiamo indubbiamente parlare di un impatto di genere (negativo) della pandemia: penso al sovraccarico di lavoro di cura non retribuito – le diverse velocità dello smart working, il peso della DaD o dei caregiver- ma anche, in generale, alla precarietà dell’occupazione femminile. Ma siamo anche a un punto di non ritorno e ciò che la pandemia ha reso evidente può rappresentare la base per una ripresa che colmi le disuguaglianze.

Tra le storie che ha scelto non ci sono profili in qualche modo legati alla “socialità” contemporanea. Per essere più chiari, non ci sono profili di influencer, tiktoker, youtuber ecc… Eppure ci sono tante donne che fanno questo lavoro… Non ci aveva pensato o ha preferito raccontare storie diverse?
Benché non presente nel libro il mondo del digital – con altissima presenza femminile – merita un approfondimento: durante la pandemia, quando tutto si è spostato nella dimensione virtuale, la presenza femminile online è stata veicolo di una narrazione nuova della società. Le donne social hanno potuto continuare a raccontare il mondo trovando online un nuovo protagonismo. Anche se il web spesso si trasforma in un ambiente ostico, amplificando e traducendo su nuovi linguaggi le dinamiche della violenza di genere, rimane uno spazio libero dove esprimere creatività, talenti e – soprattutto – opinioni e visioni, senza insormontabili ostacoli, se non quelli dei divari digitali. Credo che questa debba far riflettere sull’importanza di mettere le donne, fin da bambine nelle condizioni di esprimere se stesse: dove non ci sono spessi tetti di cristallo, la potenza femminile si esprime a pieno.

Quali sono delle storie che non ha inserito nel libro ma che avrebbe voluto raccontare?
Le storie delle bambine che verranno e alle quali ho dedicato questo libro: che sia di ispirazione per trovare la propria strada ed essere sempre dove i loro desideri e i loro sogni le indirizzeranno.

In cosa le donne hanno avuto una marcia in più in questi difficili anni?
Credo semplicemente che in questi anni difficili sia emersa la forza che le donne mettono quotidianamente in campo per essere se stesse in una società che impone loro standard irrealistici e distaccati dalla realtà.

Dopo il successo de I giorni del coraggio, ha in mente un nuovo libro?
La scrittura è per me una passione e ora l’attività politica richiede ogni mia energia in questa fase, ma non sono abituata a tirarmi indietro di fronte alle nuove sfide.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Your Say

Intervista a Lidia Vitale, madrina del Festival Cinema d’Idea

Published

on

Non è un caso che negli ultimi anni sia stata lei ad interpretare Anna Magnani nello spettacolo teatrale apprezzato in tutta Italia. D’altronde il suo talento, la grinta e il coraggio che contraddistinguono il suo percorso artistico, il volto mediterraneo e il suo sguardo profondo e penetrante ricordano molto l’indimenticabile “Mamma Roma”. Parliamo di Lidia Vitale, attrice versatile che da anni si destreggia tra teatro, cinema e televisione, da Ghiaccio a Esterno Notte, e che a breve farà anche il suo esordio dietro la macchina da presa. Un’artista a tutto tondo che non ha paura di rischiare e di mettersi in gioco. E non è dunque un caso che il festival Cinema d’IDEA – International Women’s Film Festival, dedicato al cinema al femminile, abbia scelto proprio lei come madrina della manifestazione.

Partiamo da questo festival, dedicato al cinema delle donne. Quanto pensi siano importanti manifestazioni di questo tipo?
È sempre più necessario dare voce al femminile e al cinema di genere, anche se ad essere sincera mi dispiace che sia ancora necessario creare questa etichetta soprattutto per sensibilizzare all’importanza di un investimento sempre più concreto verso registe donne e storie al femminile.

Rimanendo a questa manifestazione, condividi il ruolo di madrina con tua figlia Blu Yoshimi, anche lei attrice. Com’è il vostro rapporto sul versante lavorativo? Vi confrontate, le dai consigli?
Blu ed io siamo ormai due colleghe leali una verso l’altra. Spesso ci spalleggiamo e ci diamo feedback a vicenda. Io però ci tengo a rimanere ‘la mamma’, è un ruolo che non cambia con la crescita professionale e voglio sempre che lei abbia due braccia dove andarsi a rifugiare quando ne ha bisogno. Per il resto non vedo l’ora ci sia data la possibilità di lavorare insieme ad un progetto a tutto tondo.

Reciti al cinema, al teatro e in TV, ma sei anche regista e autrice. Puoi dirci qualcosa sul tuo imminente esordio alla regia nel lungometraggio?
Ho da poco vinto il MIC per lo sviluppo della sceneggiatura di AMA’, l’opera con cui vorrei debuttare alla regia di un lungo. La definisco un coming of age pop/rock sul tema dell’abuso, ambientato negli anni ’80. Sto partecipando allo sviluppo della produzione e nel frattempo cerco soldi privati per poterlo realizzare al più presto. 

Fortunatamente gli “sguardi femminili” al cinema stanno aumentando anno dopo anno – anche se ancora sono troppo pochi in confronti a quelli maschili. C’è una regista dalla quale ti piacerebbe essere diretta?
Ho un progetto con Kymberly Harris di New York e mi piacerebbe fosse una donna anche a dirigere un film sulla Magnani che ancora non è stato fatto. Ellen Kuras è una di quelle con cui mi piacerebbe lavorare.

Il tuo volto, come attrice, è inevitabilmente legato a quello di Anna Magnani, che hai interpretare con grande successo a teatro. Che eredità ha lasciato quest’attrice straordinaria? Ti vedremo nuovamente nei suoi panni?
Diciamo che Anna è più moderna che mai: le sue lotte per ottenere le stesse paghe degli uomini, la sua posizione di madre single e lavoratrice, il suo coraggio di esporsi e la sua capacità di vivere senza mezzi termini la propria ‘verità’…

Recentemente ti abbiamo vista in diversi film e serie TV, da Luna Park a Ghiaccio, fino ad Esterno notte. Cosa puoi dirci sui prossimi progetti? Quali sono i film in cui potremo apprezzarti nei prossimi mesi?
Sta per uscire, ancora non sappiamo quando, Ti magio il cuore di Pippo Mezzapesa prodotto da Indigo, dove recito a fianco di Elodie e Francesco Patanè. È stato un bel progetto e i personaggi femminili in questo caso sono stati davvero ben sviluppati dalla sapiente penna di Antonella Gaeta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Your Say

Intervista a Blu Yoshimi, protagonista del film “El nido” di Mattia Temponi

Published

on

Tra i volti più interessanti del nuovo cinema italiano, la giovane e talentuosa attrice Blu Yoshimi – che ha debuttato al cinema nel 2008 al fianco di Nanni Moretti nel film Caos Calmo –  dopo essere stata protagonista di Piuma (2016) e di Likemeback (2018), ora torna protagonista con El Nido di Mattia Temponi.

Presentato in anteprima all’ultima edizione del Trieste Science+Fiction Festival e in uscita il 20 giugno su Sky Primafila, Chili, Rakuten Tv, Google Play, Prime Tv e Apple Tv, il film è un horror psicologico che gioca con il genere per mostrare alcune distorsioni della società contemporanea.

Nel film Yoshimi interpreta Sara, una ragazza problematica e di buona famiglia che, dentro a un rifugio moderno ed accogliente – ‘il nido’, appunto –, incontra Ivan (interpretato dall’attore argentino Luciano Cáceres), un uomo all’apparenza anonimo e innocuo, ma che nasconde un passato oscuro.

Sono al sicuro e protetti dal mondo esterno, però Sara è stata infettata e si sta lentamente trasformando in un mostro. Ma invece di ucciderla, Ivan decide che proverà a curarla. Così comincia la loro discesa in una spirale di manipolazione e inganni…

Blu cosa ti ha affascinato di questo progetto?
Ho fatto il primo provino quattro anni prima che il film partisse effettivamente. Da subito Sara, nonostante fosse il mostro della situazione, mi è apparsa umana e in grado di crescere durante la storia. La possibilità di canalizzare con lei rabbia e delusioni che nella vita personale mi avevano fatto sentire una vittima ha reso entrambe vincitrici. Anche se non sapevo se sarei poi stata effettivamente io a fare questo viaggio insieme, sentivo che eravamo legate. Quindi direi lei e la sua storia mi hanno affascinato da subito. E poi Mattia è un regista con forti intuizioni che si lascia sorprendere.

Il Nido, nonostante sia stato scritto prima della pandemia, mette in scena le paure che il mondo ha vissuto direttamente in questi ultimi due anni. Che cosa hai provato nell’interpretare una storia come questa?
Dovevamo iniziare le riprese nel periodo del primo lockdown. Ci siamo ritrovati a vivere una Storia con la “s” maiuscola, e non solo una storia. Amo il genere perché ti permette di mettere in luce aspetti nascosti dell’essere umano. La pandemia, nel film, è l’espediente che fa poi uscire questi aspetti reconditi: la paura che crea confusione e che porta a rabbia e rassegnazione. Questo è il meccanismo base per manipolare le persone e far credere cose che non esistono. Questo è ciò che accade a Sara, che si trova a vivere una vita che si adatta all’idea di qualcun altro.

Dopo più di due anni di pandemia, che effetto ti fa vedere oggi questo film?
Eh… mi fa l’effetto che, a prescindere dalle circostanze, ho deciso di non avere paura. La paura mi fa paura. Sembra un gioco di parole ma penso veramente che non sia la paura la chiave per risolvere nulla e credo che tutti nella vita abbiamo avuto paura di qualcosa o di qualcuno. La pandemia fa paura per mille motivi ma credo fortemente che bisogna essere coraggiosi per poter rimanere lucidi e godere comunque appieno della vita.

È un film claustrofobico ed interamente incentrato sui due protagonisti: che tipo di lavoro hai svolto con il regista Mattia Temponi e con il tuo collega Luciano Caceres?
Innanzitutto vorrei dire che sono stata fortunata ad incontrare Mattia, Luciano e tutta la troupe. Questo film deve molto al lavoro di squadra che c’è dietro, senza ogni elemento di ogni reparto non sarebbe stato lo stesso. Poi si, è vero, in questo caso noi attori avevamo una grossa responsabilità. A causa della pandemia e della distanza fisica (specialmente con Luciano dall’Argentina) abbiamo lavorato un primo momento con zoom e altri mezzi. Letture, osservazione del mondo circostante. Con Mattia abbiamo lavorato molto sulla fisicità di Sara sperimentandola e ricercandola tra le sue e le mie reference. Tutto questo ci ha portato a incontrare Luciano solo qualche giorno prima delle riprese ed è stato amore per tutti. La prima volta che ci siamo incontrati ci siamo commossi e giorno dopo giorno si è dimostrato non solo un collega, ma un compagno di viaggio umile come pochi. Ci siamo messi tutti costantemente in gioco.

Quali sono state le maggiori difficoltà che hai incontrato nell’interpretare Sara?
Fidarmi. Ho dovuto fidarmi tanto del mio modo di lavorare e di essere. Ho sempre avuto un’acting coach, June Jasmine, che mi ha seguita dai primi passi ai primi progetti. Da qualche tempo collaboro con Chloé Xaufflaire e quando le parlai del film mi disse solo: You can do it. Non ho preparato questo personaggio come di solito e questo uscire dalla mia comfort zone mi ha permesso di scoprirmi e riscoprirmi come attrice, sento davvero di aver fatto un salto nel vuoto in alcuni momenti. Arrivavo sul set, ci guardavamo con Mattia e dicevamo: vediamo oggi Sara che vuole fare! Da lí in poi lascio andare, perdo il controllo e non mi fido solo di me, ma di lei, della storia, di Mattia e di tutto il resto. Da un salto nel vuoto diventa un volo a planare.

Quanto c’è di tuo in questo personaggio?
Mi fa sempre strano rispondere a questa domanda perché ogni personaggio mi sembra avere qualcosa in comune con me, anche quelli più diversi! E lo penso davvero. Nello specifico, Sara per me è stata come una sorella minore da guidare e che ha guidato me in un processo catartico molto forte. Conosco la manipolazione, ha dominato la mia vita a lungo e ho dovuto combattere per essere davvero libera. Sento che in questo film ho avuto la possibilità di guardare una piccola me impaurita, arrabbiata ma con un forte animo e ho potuto tenderle la mano e dirle veramente: Andiamo, sono con te, andrà tutto bene.

Da Caos Calmo, film del tuo esordio da giovanissima, a Il Nido, quanto sei cambiata come attrice?
A dire il vero spero poco. Si, sono cresciuta tanto, ma tengo forte con me l’immagine di quella bambinetta con una forte “cazzimma”. Anzi, questa domanda arriva in un momento in cui sento che quella bambina è più viva che mai e voglio che sia così nel mio lavoro. Ciò che cambia è che crescendo si sviluppa la saggezza per proteggerla e farla giocare liberamente! Il mio lavoro è questo oggi, non a caso ho iniziato a fare coaching a giovanissimi bambini e adolescenti come Fabrizio Storiale e Francesco Petit-Bon. Sento che posso capirli e dare loro la possibilità di crescere nel loro modo unico e speciale. Dovremmo tutti permettere ai nostri bambini interiori e non di giocare in sicurezza, oggi in questo mondo più che mai.

Progetti futuri?
A proposito di Caos Calmo, in questi giorni sono sul set con Nanni Moretti. È un ruolo per cui Nanni mi ha chiamata qualche giorno prima di iniziare a girare facendomi correre in ufficio da lui. Negli anni ci siamo incrociati varie volte tra provini e il Nuovo Sacher, è comunque una persona con cui mi permetto di condividere anche alcune vittorie come fu con Piuma quando venne selezionato a Venezia. Sono felicissima di condividere il set con lui alla regia, c’è un’aura di magia e ne sono grata. Nel frattempo ho scritto e continuo a scrivere diverse sceneggiature di corti, concept di serie e un’opera teatrale; tutti progetti che sto proponendo in attesa che parta l’opera prima di mia madre Lidia Vitale, Amà, e il secondo di Mattia nel quale ho collaborato dalle prime fasi di sviluppo.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending