Connect with us

Cine Mood

Venezia 74, giorno 8: i Manetti Bros e Claudia Gerini alla conquista della Mostra

Published

on

nee make upRisate e divertimento. E tanti applausi, a fine proiezione e anche durante, nei momenti di maggior esplosione dell’estro dei suoi registi. Ammore e malavita dei Manetti Bros è già diventato il film cult di questo Venezia 74. A fine luglio, dopo la conferenza stampa di presentazione del festival, qualcuno aveva storto il naso nel vedere i nomi dei fratelli romani tra gli autori selezionati in concorso: registi troppo “popolari” e commerciali per la competizione di una Mostra d’Arte cinematografica. Fortunatamente però erano in pochi a pensarla così, e adesso, dopo la visione del film, sono ancora di meno. I creatori de L’ispettore Coliandro hanno fatto davvero centro. Dopo l’apprezzato Song’e Napule, dove la coppia omaggiava a suo modo la città partenopea con una brillante storia di malavita locale, i Manetti proseguono sulla stessa scia ma alzando notevolmente l’asticella. Probabilmente l’opera precedente era nel complesso più riuscita, equilibrata e stilisticamente coerente, ma Ammore e malavita è comunque un netto salto in avanti per i due registi, una pellicola a dir poco coraggiosa per quanta originalità mette in campo e per quanto osa, scena dopo scena. Nessuna presunzione, anzi. Solo la voglia irrefrenabile di giocare con il cinema, i suoi generi, i suoi stilemi narrativi. E soprattutto la voglia, divertita e mai banale, di giocare amorevolmente con la cultura napoletana: quella popolare, della gente; quella musicale-neomelodica; quella narrativa della classica sceneggiata. Il risultato è un godibilissimo musical post moderno, in cui i Manetti Bros ribaltano e criticano ironicamente ogni cliché, in cui esorcizzano la cupezza che avvolge oggi la città nei mezzi d’informazione e dove offrono il loro sguardo inconfondibile sulla sua bellezza. Il tutto condito dalla loro folle passione per il cinema con continue citazioni, omaggi e riferimenti.

E’ tanta l’emozione per essere qui in concorso, per noi è come se la Sambenedettese giocasse allo stadio Bernabeu”. Così i Manetti hanno commentato la loro partecipazione al festival in conferenza stampa. “Il film – hanno proseguito i registi – nasce dalla volontà di portare al cinema la tradizione della sceneggiata napoletana con una musica più moderna. Una sceneggiata chiaramente filtrata da ciò che a noi piace”. A rendere ancora più apprezzabile la pellicola sono i protagonisti: il loro attore feticcio Giampaolo Morelli, la bellissima Serena Rossi, il sempre più bravo Carlo Buccirosso e la sorprendente Claudia Gerini, che canta e balla in maniera splendida e recita con un perfetto accento napoletano nel ruolo di Donna Maria, moglie del boss. “Per fortuna, mio nonno era napoletano e questo mi ha aiutata molto a non cadere nel caricaturale – ha affermato l’attrice – per me è stata una sfida”.

Presentato sempre in competizione, a convincere (seppur non fino in fondo) è stato anche Sweet Country, western australiano interpretato da Sam Neil. L’ex protagonista di Jurassic Park, qui quasi irriconoscibile sotto il cappello e la sua barba lunga, si è immerso nell’Australia di fine anni ’20, precisamente nei fatti realmente accaduti di Sam, aborigeno australiano, che lavora in una fattori. Quando uccide il suo proprietario terriero è costretto a scappare per paura di non ottenere giustizia. “E’ una pagina di storia del mio paese poco conosciuta”, ha dichiarato il regista Warwick Thornton. “Anche noi abbiamo avuto la schiavitù e il film vuole raccontare la genesi della colonizzazione e della conquista del Nord Australia per mostrare come è nato questo processo”.

Fuori concorso è invece passato il film che forse più di tutti oggi ha acceso l’entusiasmo dei fan al Lido (almeno di quelli in cerca di autografi e di selfie con i divi). Ci riferiamo a Loving Pablo di Fernando León de Aranoa. La pellicola, che ripercorre la storia d’amore tra Pablo Escobar e la giornalista Virginia Vallejo, vede protagonista assoluta la coppia Javier BardemPenelope Cruz. Una coppia straordinaria, sullo schermo come nella vita, che va ancora di più ad impreziosire la parata di stelle offerta quest’anno dalla Mostra.

di Antonio Valerio Spera per DailyMood.it
Photo Credits: ©La Biennale di Venezia – Foto ASAC

 

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + 18 =

Cine Mood

Terni Pop Film Fest – Festival del Cinema Popolare

DailyMood.it

Published

on

Presentato il Terni Pop Film Fest – festival del cinema popolare

È stato presentato questa mattina in conferenza stampa il Terni Pop Film Fest – Festival del Cinema Popolare che si terrà a Terni dal 27 al 30 settembre, alla presenza dei direttori artistici Simone Isola e Antonio Valerio Spera, il direttore organizzativo Michele Castellani, il Vice Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Terni Andrea Giuli e l’artista che ha firmato le opere che verranno consegnate ai premiati Lauretta Barcaroli.

Ad aprire la conferenza è stato il Vice Sindaco Giuli che ha espresso subito molto entusiasmo nei confronti della manifestazione: “Sono davvero felice di questa splendida iniziativa. Grazie al coraggio dei due direttori artistici Simone Isola e Antonio V. Spera e a quello del direttore organizzativo Michele Castellani, Terni torna a splendere, risollevando le sorti culturali della nostra città con il cinema”. Gli ha fatto eco il direttore organizzativo Michele Castellani: “Ho avuto la fortuna di conoscere Isola e Spera che mi hanno coinvolto in questa bellissima ‘follia’. Il nostro è un festival che vuole rendere omaggio al cinema popolare, restituendogli il peso culturale che merita”.

Simone Isola, invece, ci ha tenuto a porre l’accento sull’importanza di “legare il pubblico al cinema” e di farlo “in un luogo diverso da Roma, cercando di instaurare un forte legame con il territorio. Un’idea necessaria, nata da un’intuizione di Spera, perché oggi i meccanismi di distribuzione e di fruizione sono cambiati. Quello che speriamo di riuscire a fare con questo festival è cercare di ricreare una sinergia fra il pubblico e la sala cinematografica”.

Il cinema popolare è cultura” – ha esordito Spera – “Anche se, purtroppo, negli ultimi tempi non è più considerato tale. Il nostro obiettivo è proprio quello di restituire al cinema popolare il suo giusto ruolo, specie perché parliamo di un’arte, quella cinematografica, che è l’arte popolare per eccellenza”.

Pop ieri, pop oggi ma anche pop domani. È sulla scia di queste tre linee guida che si svolgeranno le quattro giornate interamente dedicate al cinema popolare. “Abbiamo fortemente voluto omaggiare il passato, e per questo abbiamo scelto proprio un grande del passato con cui aprire questa prima edizione, Bud Spencer. Un omaggio a cui prenderà parte anche la famiglia Pedersoli e di cui siamo molto felici” – ha spiegato Spera. A rappresentare il “pop di oggi e di domani”, invece, saranno le due anteprime nazionali Un nemico che ti vuole bene di Denis Rabaglia (nelle sale dal 4 ottobre con Medusa) e Non è vero ma ci credo di Stefano Anselmi (nelle sale dal 4 ottobre con Notorious Pictures). A chiudere il festival sarà la consegna del Premio alla carriera a Christian De Sica durante la cerimonia di chiusura, in cui l’artista si concederà a un incontro con il pubblico, ripercorrendo i migliori momenti della sua carriera.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

NeeMakeUp | London Fashion Week 2018 | 17.09

DailyMood.it

Published

on

Nee Make Up
Nee Make Up Milano a Londra per la London Fashion Week.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

Speciale Dailymood | London Fashion Week 2018 | 17.09

DailyMood.it

Published

on

Nee Make UpSegui lo speciale di DailyMood.it sulla London Fashion Week. Oggi è stato il giorno di Delpozo e Victoria Beckam.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending