Connect with us

Collezioni Donna

Relive Ami’s Fall-Winter 22 show

Published

on

AMI presented its Menswear and Womenswear Fall-Winter 2022 collections. Held at Palais Brongniart, the physical fashion show marked the return of the brand on the catwalk, with a live audience, after a two-year intermission.

« My deepest desire, for the Fall-Winter 22, was to embrace AMI’s roots, to revive and reinterpret the fashion-for-all spirit of our beginnings. I was very much inspired by the fascinating combination of styles and people that you see every day in the métro: this is a perfect place to observe, to feel the social and cultural diversity of the city, to experience the zeitgeist, to watch trends develop. I like to think of it as an urban ballet, where everyone, regardless of age, origins and social status, mingles and coexists in ephemeral, fortuitous encounters. This is how I imagined this quintessential Paris, this elevated reality: it is an optimistic collection, for the Parisians. »
Alexandre Mattiussi, Founder & Creative Director, AMI

The Concept
Paris remains a steady source of inspiration for Alexandre Mattiussi and AMI. The Fall-Winter 22 show concept revolves around the métro, an omnipresent urban reference, a public space where everyone mixes and blends, without discrimination. It parallels a collection anchored in the Parisian universe, whose essence runs deep in AMI’s DNA and aesthetics. Like a mirror of the city’s style, a kaleidoscope of its inhabitants: audacious, multicolored, chic, fun, welcoming, diverse.

In real life, the métro transports from one neighborhood to another; in the show, through different metaphorical dimensions and atmospheres, like a travel in space and time. By recreating its tunnels in a mythical monument, AMI pays a playful tribute to its hometown.

In accordance with the recommendations of the French Government and the Fédération de la Haute Couture et de la Mode, AMI has implemented the respect of the strictest COVID-19 safety measures on location.

The Set
AMI’s Fall-Winter 22 fashion show was held at Palais Brongniart, the former headquarter of the Bourse, the French stock exchange, a historical landmark in the heart of Paris.

Upon arriving on Place de la Bourse, guests were ushered into the location through a long métro tunnel, paneled with the characteristic white tiles, specially recreated for the occasion. The collection was presented in the main hall of the Palais: a gigantic space framed by a double set of arcades, under a breathtaking vaulted ceiling, recalling the entrances of old neoclassical stations.

Entering the hall through another similar, white métro tunnel, the models walked into a minimalist grey set. This monochrome background provided a deep sense of space, adding further focus to the collection and highlighting the subtlety of its elevated pieces.

The Casting
This season, casting brought back the notion of community dear to AMI.

A deliberately eclectic crowd of people took to the catwalk, from different backgrounds and horizons, of all ages, genders and origins. It included an element of surprise, with the unexpected participations of iconic faces such Isabelle Adjani, Emily Ratajkowski, Laetitia Casta, Rebecca Dayan and Ben Attal.

Established model names, with the likes of Mariacarla Boscono, Kirsten Owen, Jill Kortleve, Julia Nobis, Mariam de Vinzelle, Leon Dame, Edie Campbell, Paloma Elsesser and her brother Sage Elsesser, Anna Ewers, Malika Louback and Fernando Cabral… mixed with AMI’s signature street-casted models and up-and-coming faces.

Each with their own style and personality, they embodied the broad diversity of Paris, echoing the Fall-Winter 22’s spirit.

The Collection
Luxurious, dynamic and effortlessly chic, the Fall-Winter 22 is a statement collection, celebrating AMI’s quintessential DNA. Its vibrant realism is reflected in audacious associations; in the free-spirited color palette, prints and motives; in the matching of rich textures and eccentric fabrics, lush faux fur and leather-printed fake leopard and python. Volumes are explored through a series of layered, oversized outerwear. Consciously focusing on AMI’s wardrobe, the collection encompasses a rich variety of silhouettes, including strong unisex pieces, together with tailored masculine shapes and more delicate, body-hugging feminine ones.

Questo slideshow richiede JavaScript.

The Accessories
On the runway, AMI unveiled Le Voulez-Vous, its newest it-bag, complementing the lively, urban vibe of the collection. Sharp lines and timeless symmetry, making for a contemporary sophistication. Elegant design characteristics include a supple and soft crinkled leather, a double chain and an AMI de Cœur clasp. Le Voulez-Vous  is available in classical tones: black, burgundy and white.

The show introduced a range of bags in strong colors, underlining the energetic spirit of the wardrobe – both Le Déjà-Vu and L’Accordéon have been reinterpreted in new materials and color palette.

The collection also features a collaboration with jeweler Alan Crocetti: contemporary pieces in sterling silver, whose design revisits the house’s symbolic Ami de Cœur.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AMI’s Friends
AMI’s guests at the Fall-Winter 22 fashion show included Catherine Deneuve, Jonathan Bailey, Isabelle Huppert, Miguel Herran, Carla Bruni, Pierre Niney, Philipine Leroy-Beaulieu, Manu Rios, Farida Khelfa, Noah Beck, Louane, Thilo Kehrer, Ama Lou, Eddy de Pretto, Fary, Ouissem Belgacem, Theo Christine, Dali Bensalah, Caroline de Maigret and Jean-Paul Goude among others.

Ahead of the event, members of the f.AMI.ly, including house ambassadors Enhypen, Camila Mendes, Pierre Niney, Isabelle Huppert, Timmy Xu and Carla Bruni, transported themselves into the universe of the Parisian métro, by participating in a series of digital activations with the brand, aimed at teasing the show to their communities and followers.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − quattordici =

Collezioni Donna

Byblos FW 24/25

Published

on

Un ponte tra natura e tecnologia attraverso la spirale

In un mondo in cui la fusione tra natura e tecnologia diventa sempre più raffinata e innovativa, la collezione Byblos fw 24.25 esplora questa sinergia attraverso il prisma della spirale. La spirale, simbolo universale di evoluzione e connessione, funge da chiave interpretativa per un viaggio che abbraccia tanto il micro quanto il macrocosmo, dalle strutture del DNA alle volute delle galassie, illustrando il percorso dell’innovazione dal passato verso il futuro.

BYBLOS è l’incarnazione di come elementi della natura si intrecciano con l’avanguardia tecnologica. Le nostre creazioni sono ispirate da forme naturali come conchiglie e geometrie vegetali, reinterpretate attraverso materiali high-tech per esprimere un’estetica futuristica. I capi si distinguono per l’uso di tessuti tecnici, come il tessuto Russell luminescente, che creano effetti tridimensionali luminosi, variando la percezione in base all’angolazione di osservazione.

Un esempio emblematico è il trench iconico, che reinventa la sua forma classica attraverso l’aggiunta di elementi spiraliformi che aggiungono un volume circolare distintivo, specialmente nelle maniche e nella parte inferiore della cintura. La sinuosità organica si manifesta anche attraverso l’uso innovativo di lamine termoadesive, che abbracciano e valorizzano la figura femminile con flussi organici, trasformando il capo in una fusione di rigore e fluidità.

La collezione spazia dal nero profondo a tocchi di blu, bianco e un rosso vivace che ricorda l’essenza urban high-tech di BYBLOS, integrando anche eco-pellicce che adottano forme ovoidali per un’interpretazione contemporanea e consapevole. L’evoluzione del trench da solido a liquido, trasformandosi in abiti di seta che fluiscono liberamente, rappresenta la nostra visione di versatilità e cambiamento, sottolineando la transizione continua tra diverse forme e stati.

In BYBLOS, i tradizionali confini tra i vari tipi di capi si dissolvono, dando vita a una collezione che esplora nuovi orizzonti creativi attraverso il gioco di volumi e proporzioni. Ogni pezzo è una testimonianza del nostro impegno a fondere insieme bellezza, innovazione e sostenibilità, offrendo un nuovo linguaggio di design che celebra la fusione tra l’eredità naturale e il progresso tecnologico.

La collezione BYBLOS, un omaggio alla spirale come simbolo di connessione tra il mondo naturale e quello tecnologico, una collezione che non solo si distingue per il suo design innovativo ma anche per il suo impegno verso un futuro più sostenibile, inclusivo e consapevole.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

ACT N°1 Collezione Autunno Inverno 2024/25

Published

on

La nuova collezione ACT N°1 e la sua rappresentazione attraverso gli abiti e le immagini è un omaggio al cinema, una poesia d’amore per l’arte cinematografica e il suo linguaggio analogico, dal passato ad oggi. Non solo amore per le immagini che scorrono sul grande schermo ma per il rito, ormai scomparso, di sedere in una grande sala al buio e lasciarsi incantare dal silenzio e dallo schermo argentato. La nascita del cinema, le tecniche di ripresa, il linguaggio espressivo tolto alle parole e lasciato ai volti, è ciò che Luca Lin ha scelto per comunicare la sua nuova collezione.

Nel video, sono i volti dei personaggi intepreti della collezione a raccontare un sentimento quotidiano che diventa dolore, angoscia, sofferenza del vivere oggi. Ogni look è studiato per comunicare un animus diverso. La collezione parte dalla decostruzione del guardaroba maschile e di un capo femminile, il corsetto con i suoi lacci e le sue limitazioni. La stratificazione parla di sovrastutture sociali da superare. L’effetto è loose e over, con capi scivolati e sovrapposti. Il fit è ampio sia nei capospalla sia nei pantaloni con elastico in vita. Le giacche sono super-over, esasperate nelle proporzioni. La camicia è il prodotto della stratificazione di tre camicie, le t-shirt sono una sopra all’altra, così come le giacche.

Anche i colori usati in degradè, parlano di un incontro tra il grigio urbano e i toni della terra. Antracite, cemento, nuvola, terra, beige, neutri, il contrasto tra bianco e nero. Il verde militare.

Nella storia, alla fine, c’è un senso di liberazione e di integrazione attraverso la rappresentazione del Mahjong, gioco tradizionale in Cina, che unisce diverse età e culture. E una lezione intensa: la guerra è sofferenza e non importa quale guerra sia, non importa da quale parte stai. La guerra è giusta solo se si chiama pace.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

Alla scoperta di Fez con la collezione Primavera/Estate 2024 di Niù

Published

on

«Un viaggio in Marocco, per conoscere, comprendere e ricordare.
Un incontro cercato, preparato, studiato per poi lasciarsi
sorprendere dalla magia dei luoghi e delle persone.
Un’esperienza di vita autentica, per guardare con i nostri occhi,
senza lasciarci condizionare dai racconti altrui».

Serena Cibischino, fondatrice e CEO di Niù.

Per la collezione Primavera/Estate 2024, Niù è volato in Marocco, pronto ad assaporare appieno la cultura, la spiritualità, l’energia potente e dinamica delle sue terre.

Il profumo del tè alla menta si spande per i vicoli di Fez, luogo d’ispirazione per la prima parte della collezione, con la sua Medina brulicante di vita, con gli stucchi che rivestono i palazzi e lo zullayi, il mosaico in terracotta smaltata di cui moschee e le scuole coraniche sono ricoperte. Qui si incontrano le tante nuance della terra, del grano, delle spezie come la curcuma, oltre al verde sgargiante della torre simbolo della città. Qui si respira il Maghreb più colto e le persone si muovono con una spontaneità che lascia il segno.

Queste suggestioni danno vita a fantasie, abbinamenti di colore e di stoffe, giochi di volumi e lunghezze da cui prendono corpo i capi Niù. Gli ampi pantaloni palazzo sono abbinati a capispalla dal peso leggero in vista della primavera, a top annodati sotto al seno o a lunghi abiti con stampe che richiamano i decori geometrici tipici del luogo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending