Connect with us

Serie TV

Stranger Things 3. Gli anni ottanta, le ragazze e l’adolescenza: che mistero.

Published

on

È arrivata l’estate, a Hawkins, e i nostri amici sono tornati. È l’estate del 1985, ci stiamo avvicinando al 4 luglio, e proprio il 4 luglio torna in streaming su Netflix Stranger Things, arrivato alla stagione 3. I ragazzi passano le loro giornate tra la piscina e un nuovo, sfavillante centro commerciale che ha aperto fuori città, tra cinema, primi lavori, primi baci e shopping. Ma, al cinema, proprio mentre vede un horrror, a Will Byers vengono dei brividi sul collo. È il segnale che qualcosa di pericoloso arriverà. È Stranger Things, e su questo non c’è dubbio. L’attesissima terza stagione di uno dei prodotti simbolo di Netflix è finalmente tra noi: preparatevi a ore di binge watching, e ad essere catapultati negli anni Ottanta.

Inizia piano, Stranger Things 3, come se volesse prendersi tutto il tempo per riannodare i fili, e per raccontare come, meno di un anno dopo le vicende della seconda stagione, stanno andando le vite dei nostri amici. Nei primi due episodi il pericolo incombente è accennato, insinuato pian piano nelle tranquille vite dei ragazzi, e sembra quasi di stare in una di quelle commedie sentimentali americane anni Ottanta, alla John Hughes per capirci. I ragazzini sono cresciuti, e sono alle prese con i primi amori. Mike (Finn Wolfhard) e Undici (Mille Bobby Brown) non si staccano per un attimo, cosa che sta mandando ai pazzi lo sceriffo Jim Hopper (David Harbour), alle prese con il lavoro più difficile, quello di papà, e un non troppo velato interesse per Joyce (Winona Ryder). Anche Lucas (Caleb McLaughlin) e Max (Sadie Sink) stanno insieme tra continue scaramucce e Will (Noah Schnapp) soffre un po’ questo interesse degli amici per le ragazze. Dustin (Gaten Matarazzo), che è tornato dalle vacanze raccontando di una ragazza “più sexy di Phoebe Cates” si lega sempre di più a Steve (Joe Keery), che, in un improbabile vestito da marinaio, lavora in una gelateria insieme a una ragazza molto particolare, Robin (Maya Hawke, la figlia di Uma Thurman e Ethan Hawke). Anche gli altri ragazzi, Jonathan (Charlie Heaton) e Nancy (Natalia Dyer) sono al lavoro, uno stage al giornale locale dove non si trovano proprio benissimo. Ma, a un certo punto, cose strane cominciano ad accadere: i magneti non si attaccano più alle pareti di ferro, e i topi cominciano a impazzire. E, come potete immaginare, questo è solo l’inizio.

Leggendo questa lunga premessa si può capire subito una cosa: la forza di Stranger Things è avere dei grandi personaggi, e tanti grandi personaggi. Nella terza stagione i Dufffer Brothers riescono con abilità a valorizzarli tutti, facendoli crescere, disegnandoli benissimo, dividendoli in delle squadre che seguono ognuno la propria pista: ci sono i ragazzini con le loro ragazze, ci sono Dustin, Steve e Robin, con una ragazzina incontrata al centro commerciale, ci sono Jonathan e Nancy e gli adulti Joyce e Hopper. La nuova stagione della serie cult di Netflix è abilmente costruita secondo varie linee narrative e secondo vari generi, la commedia sentimentale, l’horror e anche la spy-story, tutti amalgamati alla perfezione e fatti vivere in un universo ben preciso, che è quello del cinema anni Ottanta.

Per farlo i Duffer Brothers e il regista Shawn Levy usano gli stilemi di quel cinema – inquadrature, luci, canzoni, tematiche, toni – e anche le citazioni, che però sono meno evidenti che nelle altre stagioni. Ma non sono mai fini a se stesse, sono sempre lì per dirci qualcosa. Così Day Of The Dead (da noi Il giorno degli zombi), il film del 1985 di George A. Romero, che i nostri amici vedono al cinema, è lì per dirci che, prima o poi, ci troveremo in un horror. E Magnum P.I., che Hopper vede alla tivù, ci anticipa che i protagonisti dovranno improvvisarsi tutti investigatori per risolvere un caso. A un certo punto viene nominato Arnold Schwarzenegger, e troveremo un personaggio che richiama Terminator. Wonder Woman, il fumetto Max e Undici leggono nella cameretta, ci ricorda che lì non c’è solo una ragazzina ma anche un supereroe. A proposito di donne meravigliose, in linea con la nuova tendenza di Hollywood, anche Stranger Things 3 è un film dove le donne sono al centro della scena, personaggi autonomi, coraggiosi, intraprendenti. E anche, per i ragazzini, un universo così difficile da capire.

Una delle chiavi del successo di Stranger Things è proprio questa: unisce mistero al mistero. Perché già il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, dai giochi di ruolo alle prime cotte per le ragazze, è un viaggio complicatissimo. E in più, per i nostri eroi, al mistero di questo passaggio si aggiunge sempre un mistero soprannaturale.

Ma è solo per questo che ci piace così tanto Stranger Things? Non solo. Stranger Things è la nostra infanzia, però più affascinante ed emozionante di come la ricordavamo, un po’ perché è lontana, ma soprattutto perché qui è ammantata dai colori, dai suoni e dal mondo delle pellicole con cui siamo cresciuti. E ci sono rimaste dentro: sono nel nostro inconscio, sono nel nostro dna. Stranger Things allora non è solo un ottimo prodotto di intrattenimento, non è solo un’operazione nostalgia. È una madeleine proustiana che ci riporta a un tempo perduto, è una miccia che scatena dentro di noi l’esplosione di tutta una serie di emozioni, la chiave che apre una serratura e libera tutta una serie di cose che abbiamo già dentro. Riesce a fermare un istante preciso. Quello in cui abbiamo smesso di giocare e abbiamo dato un bacio a una ragazza.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + 9 =

Serie TV

1994. Dopo 1992 e 1993, la serie Sky racconta la restaurazione

Published

on

La Storia si ripete, ciclicamente, e ricade sempre negli stessi schemi. Dopo la Rivoluzione viene il Terrore. E infine la Restaurazione. Ed è questa che racconta – dopo le brillanti stagioni di 1992 e 1993 – 1994, la serie tv in onda su Sky Atlantic dal 6 ottobre, nata da un’idea di Stefano Accorsi e scritta magistralmente da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo, per la regia di Giuseppe Gagliardi e Claudio Noce. 1994 tira le fila del racconto, fa arrivare tutti i nodi al pettine, è il compimento di tutto quello a cui abbiamo assistito in 1992 e 1993. Come scrivevamo due anni fa, assistere al terzo capitolo della trilogia è come vedere l’episodio III di Star Wars. Se nel terzo film della trilogia prequel di George Lucas, alla fine, compariva finalmente quel Darth Vader che avevamo seguito evolversi nei primi due episodi, 1994, il terzo atto del racconto sugli anni che hanno cambiato l’Italia, è finalmente il momento dell’ascesa di Silvio Berlusconi e di Forza Italia, che nei primi due capitoli avevamo visto prima come un’idea, e poi come una forza che stava nascendo.

E il Silvio Berlusconi di Paolo Pierobon è ora un protagonista assoluto della serie, non solo uno dei personaggi reali che, nell’economia della serie, rimanevano sullo sfondo rispetto ai personaggi di finzione che stavano sul proscenio. Silvio Berlusconi è un mattatore, è uno dei personaggi più importanti: lo vedremo nel famoso faccia a faccia televisivo contro Achille Occhetto prima delle elezioni del 1994, elezioni che cominciò a vincere proprio in quello studio; lo vedremo in Costa Smeralda, nel famoso incontro dell’agosto 1994, quando incontrerà Umberto Bossi, il famoso Bossi ritratto in canottiera bianca, per tenere in vita il suo governo. Accanto a loro ci saranno, da un lato, il Leo Notte di Stefano Accorsi, diventato il braccio destro di Berlusconi, e il Pietro Bosco di Umberto Caprino, sottosegretario agli interni leghista, che proverà a ricordare al suo capo la vera natura della Lega. È sempre in quel momento – raccontato dall’episodio 5 – che arriverà in Sardegna l’altra grande protagonista di 1994, Veronica Castello, la bellissima Miriam Leone, che non è più la donna dei politici, ma una politica, visto che ormai ha una carica in Parlamento.

È proprio guardando questi personaggi che si può capire la grandezza di una serie come 1994. Prima di tutto perché, a differenza di altre serie, che tendono a mantenere il più possibile gli stessi personaggi e a dosare le loro storie, questa non ha paura di abbandonare personaggi come il Luca Pastore di Domenico Diele e la Bibi Mainaghi di Tea Falco, e di portare in primo piano, come personaggi a tutto tondo e non solo come riferimenti storici, caratteri come Silvio Berlusconi. E poi perché la scrittura eccezionale di Sardo, Rampoldi e Fabbri ne fa dei personaggi a tutto tondo, allo stesso tempo vividi e reali, ma anche simbolici e paradigmatici di un certo modo di vivere dei nostri anni, di certe tipologie di italiani. Il Berlusconi di Pierobon è forse il miglior Cavaliere che abbiamo visto sui nostri schermi, reale, concreto, incisivo: è lontano dalle imitazioni e le semplificazioni dei tre Berlusconi de Il caimano, ma anche dalla caricatura, seppur geniale, di Servillo in Loro. Non è disegnato con un pregiudizio, o perché serva a rafforzare una tesi, non è mostrato con un’ottica di parte: è raffigurato per essere lui, per riuscire a raccontare, in modo freddo, che cos’è stato per l’Italia. Accanto a lui trova il suo posto naturale Leo Notte (Stefano Accorsi) personaggio chiave della serie, un altro carattere costruito in maniera geniale. Fare di un pubblicitario il protagonista assoluto di una serie che ha a che fare con la politica, da un lato, permette di costruire un personaggio degno di quelli americani, un po’ il Don Draper di Mad Men, un po’ il Patrick Bateman di American Psycho di Bret Easton Ellis. E, dall’altro, di svelare quello che è stata Forza Italia e l’ascesa politica di Berlusconi: la più grande operazione di marketing mai vista, come scrive Giuseppe Gagliardi nelle note di regia.

In questo senso, sono fondamentali altri due personaggi della serie. Il Pietro Bosco di Guido Caprino è un politico della Lega, uno di quei militanti duri e puri che, condivisibile o no, almeno avevano un’idea, forse anche un’etica. Vedere oggi Pietro Bosco sullo schermo fa quasi tenerezza, e marca una distanza abissale tra la Lega degli albori e quella di oggi, quella di Matteo Salvini. Così, in Veronica Castello, che Miriam Leone porta sullo schermo con una bellezza quasi illegale, ma con un continuo senso di sconfitta e dolore che danno uno spessore unico al personaggio, troviamo il seme di molti personaggi della scena – politica e non – degli anni che verranno. La soubrette che, per la sua bellezza, diventa una politica, è l’archetipo delle Mara Carfagna e delle Nicole Minetti che sarebbero arrivate e, sebbene appartengano più al terzo Berlusconi (quello delle Olgettine e dello scandalo Ruby) che al primo, in 1994 ci sta benissimo. Anche perché, e qui il tono si fa più serio, il suo impegno per una legge contro la violenza sulle donne permette al personaggio di fare un salto, e anche di portarlo direttamente ai giorni nostri, visto che il tema è di stretta attualità.

Da tutto questo possiamo finalmente capire che cosa sia la trilogia 1992 – 1993 – 1994: non la serie su Tangentopoli, com’era stata un po’ troppo facilmente lanciata nel 2016, ma una serie sul Ventennio che ha cambiato l’Italia. È un film sull’ascesa di Berlusconi, sulla televisione e la politica che diventano una cosa sola, come prefigurato da Ennio Flaiano che negli anni Settanta diceva “Fra 30 anni l’Italia non sarà come l’avranno fatta i governi, ma come l’avrà fatta la tv”. È una serie su come tutto questo ha cambiato gli italiani e come siamo diventati le persone che siamo oggi. E, in questo senso, tutti i personaggi che vivono 25 anni fa sono personaggi che potrebbero vivere nel nostro mondo. Anche Berlusconi, che c’è ancora. La nuova stagione, che chiude il trittico, ha una struttura diversa: non c’è più un racconto che segue i personaggi in montaggio alternato, ma una serie di episodi quasi monografici, con al centro un personaggio o un avvenimento storico preciso. Come l’incontro di Bossi e Berlusconi a Villa Certosa, che inizia con qualcuno che racconta la storia da morto, come in Viale del tramonto. E finisce con Black Hole Sun dei Soundgarden. Come se ci volesse dire che la politica è un buco nero che inghiotte tutto, sogni, speranze e ideali.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

Johnny Depp ha scelto Palazzina Red Passion per il post red carpet di ieri sera

DailyMood.it

Published

on

Tutto il cast del film in concorso “Waiting for the Barbarians”, tra cui Deep e l’attore Premio Oscar Mark Rylance, hanno cenato prima e ballato dopo, sulle note della musica di DJ Clapton, nella splendida cornice di Palazzina

Una notte magica quella a Palazzina Red Passion, che si è confermata, anche sul finire della 76° Mostra del Cinema di Venezia, come luogo più amato delle notti del festivaliere. Le bollicine Moët & Chandon, sponsor dell’evento, hanno poi reso il party ancora più frizzante.

Palazzina Red Passion non è stata solo un luogo ma il punto della mondanità, ha saputo stupire per tutti gli undici giorni della Mostra del Cinema con eventi esclusivi e after dinner che hanno ospitato star internazionali e DJ di fama mondiale.

 

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

Èlite 2. A Las Encinas la passione brucia ancora

Published

on

Elite 2. A Las Encinas la passione brucia ancora

L’estate è finita, si torna tra i banchi di scuola. E si riaprono le porte di Las Encinas, il prestigioso liceo destinato ai rampolli delle famiglie più ricche. L’estate è finita e ritorna Èlite, la serie tv spagnola firmata Netflix, disponibile in streaming dal 6 settembre. Il delitto al centro della prima stagione è risolto, o forse no, ma sicuramente non sono risolte le attrazioni, le pulsioni, le rivalità e o conflitti interiori dei protagonisti. Mentre dalla casa di Marina, che la sua famiglia ha venduto dopo i tragici fatti della prima stagione, stanno portando via le sue cose in dei cartoni, arriva una nuova ragazza in città: è Rebeca (Claudia Salas), look street style, modi irriverenti da maschiaccio, e una passione per la boxe. A casa di Lu (Danna Paola) arriva il fratellastro Valerio (Jorge Lopez), capelli ricci e scompigliati ad arte, comportamenti sempre sopra le righe, e una spiccata passione per droghe e alcolici. Entreranno ben presto nel gruppo degli studenti di Las Encinas, scompigliando le già fragili dinamiche esistenti fra loro. Rebeca fa amicizia con Nadia (Mina El Hammani), aiutandola nel suo percorso di emancipazione, mentre lei è ancora attratta, ricambiata, da Guzman (Miguel Bernardeau), il leader del gruppo, che la scomparsa della sorella Marina ha reso ancora più fuori controllo. Carla (Ester Expòsito) ha sempre più paura che i segreti che sa sul delitto vengano fuori e la tensione con Cristian (Miguel Herràn) è sempre più alta, e rischia di minare la loro relazione. Intanto Samuel (Itzan Escamilla) cerca di capire chi sia il colpevole del delitto di cui è accusato il fratello Nano (Jaime Lorente).

Non era facile far ripartire una storia come quella di Èlite che, nella sua prima stagione, si apriva con un delitto e si chiudeva con la sua soluzione. Se la soluzione della trama “gialla” della serie poteva anche far sembrare Èlite una storia autoconclusiva, i personaggi della serie rimangono potenzialmente una fonte infinita di intrecci e sviluppi: sono tutti all’inizio del loro percorso di crescita e accettazione di sé, sono nel pieno della tempesta di passioni e tormenti, e le dinamiche tra loro sono potenzialmente esplosive. Il mix tra teen drama e noir, però, deve continuare: e se le vicende personali e sentimentali sono assicurate, resta da costruire una trama gialla che tenga il pubblico con il fiato in sospeso come nella prima stagione. E così, fin dalle prime scene, vediamo la polizia indagare: non su un delitto, ma sulla scomparsa di uno studente di Las Encinas. Le prime due puntate si intitolano proprio così: 20 ore dopo la scomparsa, e 34 ore dopo la scomparsa. E, mentre seguiamo le indagini, tutta la vicenda scorre in flashback. In questo modo i creatori di Èlite riescono a ricreare lo schema della prima stagione.

Ma, almeno a vedere le prime puntate, il gioco sembra meno avvincente. Un po’ già visto, un po’ meno interessante. E poi non è facile riprendere una storia che ha perso il suo personaggio più carismatico, Marina (Maria Pedraza), una bellezza velata da tristezza e tormento, che era letteralmente il motore della prima stagione. E con un altro personaggio, Nano (Jaime Lorente, il Denver de La casa di carta) fuori gioco perché in carcere. I personaggi più carismatici rimasti in scena allora sono Nadia, ragazza palestinese alle prese con un faticoso percorso di emancipazione, divisa tra le tradizioni della propria famiglia e i desideri di una ragazza della sua età, e Guzman, ragazzo ricco, viziato e violento, diviso tra l’elaborazione del lutto e la voglia di vendetta e l’attrazione innegabile che ha per Nadia. I momenti sexy, come nella prima stagione, sono soprattutto sulle spalle minute della provocante Carla. Mentre le new entry, Valerio e Rebeca, ma anche la svampita Cayetana (Georgina Amoros), che vive da sola in una grande villa, sembrano più dei jolly in grado di scompaginare le carte del mazzo che personaggi intensi come quelli principali. Ma vedremo la loro crescita.

A proposito di sex appeal, dopo la prima stagione e le prime puntate della seconda, confermiamo che Èlite è un esperimento interessante. Complici i tempi che stanno cambiando, il carattere disinibito degli spagnoli, il modello Netflix, la via spagnola al teen drama è molto più spinta, sexy, esplicita, irriverente rispetto ai prodotti americani capisaldi del genere, come Beverly Hills 90210, The O.C. e anche il più recente Riverdale. A volte, anzi spesso, Èlite pecca di una recitazione troppo sopra le righe, e di una voglia di stupire a tutti i costi, con svolte e sorprese che tengono desta l’attenzione ma rischiano di far sembrare alcune vicende poco credibili. Un pregio, invece, è quello di parlare di tematiche come l’integrazione, l’omosessualità, le dipendenze. Èlite 2, a conti fatti, è un prodotto ben confezionato, che merita di essere visto. Per poi confrontarlo, sempre su Netflix, fra pochi mesi, con Baby, la serie italiana ambientata a Roma, sempre in un liceo, e sempre con le divise scolastiche a celare intrighi e passioni. La sfida è lanciata.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending