Connect with us

Serie TV

What/if: Renée Zellweger, Bridget Jones non c’è più

Published

on

Vi faccio qualche nome, e vediamo cosa vi viene in mente. Demi Moore, Robert Redford, Woody Harrelson e un mucchio di dollari. Sì, avete indovinato, è Proposta indecente, un film cult degli anni Novanta. Lo definiscono “un pessimo film degli anni Novanta” in un dialogo di What/If, la nuova serie tv Netflix in streaming dal 24 maggio. Da quel dialogo i personaggi dimostrano di essere consapevoli della situazione in cui si trovano. È una vera proposta indecente quella che Anne Montgomery sottopone a Sean (Blake Jenner) e Lisa (Jane Levy), una giovane coppia di sposi. Lei è una ricca investitrice che, dopo averli incontrati per caso (o forse no?), decide di finanziare la startup di Lisa, che opera nel settore del biotech, e che, senza fondi, rischia di chiudere. Il patto, però, è che Sean passi la notte con lei. E che non parli mai di quella notte. Un po’ come la prima regola del Fight Club.

Se la storia, apparentemente, è già sentita, lo è meno tutto il resto. A partire da una sorprendente, strepitosa Renée Zellweger, che, dopo il tentativo riuscito male di restare giovane con la chirurgia estetica, ha deciso di lasciare definitivamente la sua età dell’innocenza, le commedie, e la bonarietà di Bridget Jones. Non ci sono più le gote paffute, e quegli occhi piccoli e stellati che eravamo abituati a vedere in lei. La nuova Renée è una dark lady che, sul volto, mostra l’età che ha, con la pelle invecchiata, le labbra avvizzite, qualche ruga. Nel corpo mostra una forma fisica strepitosa, a partire da quelle gambe affusolate e tornite con cui entra in scena la sera in cui conosce Sean. È cattiva o, come Jessica Rabbit, la disegnano così? Tutto avrà una risposta, nessuno è veramente quello che sembra in una serie che mostra molte sorprese. Se in Proposta indecente la notte era la chiave del film, il punto d’arrivo, qui è solo il punto di partenza. Sean e Anne non possono nemmeno immaginare cosa li aspetta.

A proposito di Proposta indecente, sarà la suggestione, ma What/If ha un vago sentore di anni Novanta, di quei film di Adrian Lyne e Paul Verhoeven, un po’ pruriginosi, un po’ sociologici, un po’ amorali e un po’ superficiali, che però in qualche modo ci mettevano di fronte a noi stessi, alle scelte che, in teoria ma molto in teoria, avremmo potuto fare in certe situazioni. Un “what if”, appunto, come il titolo di questa serie. E non è un caso: alla regia dei primi episodi c’è Phillip Noyce, regista in voga in quegli anni, che aveva partecipato al filone con il torbido Sliver, che sfruttava il sex appeal di Sharon Stone dopo il successo di Basic Instinct. Noyce è stato anche il produttore di una serie noir al femminile, Revenge, che questa serie ricorda in molti aspetti.

Come in quel cinema degli anni Novanta, ognuno tradisce o immagina di tradire, è tradito o spinge gli altri al tradimento. Come quei film, ma anche come una serie che abbiamo visto di recente su Netflix, You, What/If è un racconto che vive su una serie intrigante di attrazioni, su corpi e volti avvenenti, e su un senso di mistero costante che non può che incuriosire e spingere a continuare la visione. Sì, What/If è una serie da binge watching.

What/If è il Proposta indecente 4.0, aggiornato all’era dei social media e delle startup, e anche alle cattiverie, le invidie, le insoddisfazioni di questa era. C’è dentro tutto il voler entrare nella vita degli altri, il volersi prendere quello che appartiene loro, che caratterizza la nostra vita social di questi anni. Non tutto funziona, soprattutto alcune sottotrame legate a personaggi secondari, ma molte cose sì, a partire dalla sua straordinaria protagonista. Vietato ai minori di 14 anni, What/If è una serie pensata per un target leggermente più adulto rispetto alla maggior parte delle proposte di Netflix, pur restando nell’ambito di uno stile ben codificato dal colosso dello streaming, fatto di immagini nitide, patinate, luminose e seducenti. Ora sta a voi lasciavi sedurre. Sappiate che Anne Montgomery è pronta a tutto.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + uno =

Serie TV

Dispatches From Elsewhere. La serie da guardare in questo momento. Su Prime Video

Published

on

Cosa accadrebbe se, un giorno, vi arrivasse un messaggio scritto e indirizzato proprio a voi e vi convocasse nella sede di una misteriosa società che sembra conoscervi molto bene? È quello che accade a Peter, Simone, Janice e Fredwynn, i quattro protagonisti di Dispatches From Elsewhere, la nuova serie di Amazon Prime Video disponibile in streaming dal 15 giugno. Sono quattro persone nella cui vita manca qualcosa, ma non riescono a capire che cosa sia. Peter, Simone, Janice e Fredwynn si ritrovano insieme, forse per caso, forse per un disegno superiore. C’è un enigma da risolvere che prima li appassiona, poi comincia a diventare un’ossessione. Dispatches From Elsewhere è creata, prodotta e interpretata da Jason Segel, ed è prodotta da Scott Rudin, Eli Bush e Garrett Basch. Nel cast, ricchissimo, ci sono Richard E. Grant, Sally Field, Eve Lindley e Andre Benjamin, attore e rapper del duo hip hop degli Outkast. La serie è ispirata al documentario The Institute, del 2013, che ricostruisce la storia del Jejune Institute, un gioco di realtà alternativa ambientato a San Francisco che coinvolse 10mila persone…

Dispatches From Elsewhere è presentata come una serie antologica, composta da 10 episodi tra i 40 e i

60 minuti, ma in realtà è qualcosa di molto diverso. Gli episodi sono profondamente connessi tra loro, come e ancor di più di quelli di un’altra serie antologica, Tales From The Loop, disponibile su Prime Video da qualche mese: lì gli episodi, pur connessi, potevano essere visti anche separatamente, anche non in ordine. Qui sono uno la conseguenza dell’altro, ogni episodio contribuisce alla progressione del racconto, allo svelamento del mistero, e sono assolutamente da vedere in sequenza. La natura “antologica” della serie è data dal fatto che ogni episodio è dedicato a un personaggio e segue il suo punto di vista, ma presenta sempre tutti i personaggi e porta avanti una storia lineare a livello temporale. I primi quattro episodi si chiamano come i quattro protagonisti, Peter, Simone, Janice e Fredwynn, e ci presentano le loro vite, per poi trascinarci con loro dentro il mistero della storia. L’episodio 5 è dedicato a Clara, misteriosa artista bambina che è al centro del mistero. Il n.6, Everyone, è dedicato a tutti, e il n.7, Cave Of Kelpius, a un luogo dove la storia sembra risolversi. Ma gli ultimi tre episodi, Lee, The Creator e The Boy, scoprono altre carte quando credevamo che fossero tutte già sul tavolo.

Dispatches From Elsewhere è una di quelle serie da guardare fino alla fine, da non abbandonare quando sembra avere un momento di stanca, nelle prime puntate. Possono esserci dei momenti in cui potrebbe sembrarvi troppo intellettuale, o troppo astratta, o troppo fantasiosa, troppo tesa a sorprendere a discapito dell’empatia con i personaggi e il loro approfondimento. D’altra parte l’anfitrione che ogni volta ci introduce alle storie guardando in macchina e parlando direttamente a noi ce lo dice chiaramente: vuole spiegarci in pochi cenni le back story dei protagonisti per gettarci subito nel racconto. È probabilmente una tattica: come il Jejune Institute al centro del racconto, vuole trascinarci nel gioco, attirarci, stupirci, giocare con le nostre percezioni e le nostre sensazioni. Ma è solo la prima parte del “gioco”. I sentimenti dei personaggi verranno fuori, e con essi la nostra empatia con loro.

Dispatches From Elsewhere è come un videogame, dove a ogni schema c’è una sfida nuova e diversa, uno di quei “tunnel of love” dei Luna Park in cui dietro a ogni curva sbuca una sorpresa. È un caleidoscopio di forme e colori che cambia continuamente lo scenario dove i nostri si muovono. È come in The Game di David Fincher, dove in ogni momento si è in dubbio tra l’essere nel gioco o nella realtà: senza il senso di pericolo di quella storia, ma con un continuo senso di stupore e di mistero. Se vi piace abbandonarvi al racconto senza troppi richiami alla logica, Dispatches From Elsewhere è la serie che fa per voi. Se siete alla ricerca della razionalità, forse non lo è.

Dispatches From Elsewhere è una caccia al tesoro in cui il premio non è scontato. Forse è la verità, forse il proprio posto nel mondo, forse il tassello mancante alla propria esistenza. È immagine stordente (fatta anche di un eccezionale lavoro sulle scenografie, eclettiche e retrò, e alla musica elettronica di Atticus Ross) che in alcuni casi diventa anche cartone animato, ma per ricordarci che la vita non è un cartoon. È un racconto che sa essere motivazionale, oltre che emozionale. Ci dice che “it’s ok to be wrong”, che è giusto essere sbagliati. Che, nella vita, si può prendere una decisione e, se non va bene, se ne può prendere un’altra. È un inno alla libertà, alla liberazione dalle convenzioni. È un mondo dove, per un attimo, si possono fermare tutte le playlist che ci impongono gli algoritmi e può partire Good Vibrations dei Beach Boys.

Clara, l’episodio 5, è tutto dedicato al valore dell’arte, della bellezza come ancora di salvezza. È l’arte che può trasformare il mondo dove viviamo in “un posto in cui fuggire” invece che “un posto da cui fuggire”. Non sappiamo ancora dirvi, a caldo, se Dispatchers From Elsewhere sarà la migliore serie dell’anno. Forse non lo è, troppo di nicchia, troppo eterea. Ma probabilmente è la migliore serie che potete vedere quest’anno, la più adatta da guardare in questo momento di buio e di chiusure, e di una (nuova) normalità che non lo è. Allora aprite questi “dispacci dall’altrove” e state al gioco.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

Curon. Un campanile sommerso, il nostro Io sommerso. Su Netflix

Published

on

C’è un campanile che spunta dal lago di Resia, in Trentino-Alto Adige, a 1498 metri di altitudine in provincia di Bolzano. Per metà è visibile, ed emerge dalle acque dal lago, per metà è sommerso. Quel campanile è quello che resta del paesino di Curon Venosta e dell’antica chiesa di Santa Caterina, risalente al 1357. Siamo quasi al confine con l’Austria e Indiana Production ha deciso di ambientare qui la storia di Curon, la quinta serie italiana di Netflix, disponibile in streaming dal 10 giugno. Una leggenda dice che in certe notti dell’anno è possibile sentire le campane suonare. Ma le campane sono state rimosse nel 1500…

Intorno al campanile e ai suggestivi luoghi circostanti è stata costruita la storia di una famiglia. Anna, una giovane madre, torna a Curon, il suo paese natale, insieme ai suoi figli, Mauro e Daria. Mauro è quello nato dopo, è il più fragile, ma quello che è stato più vicino al cuore della mamma, e forse lo è ancora. Ha dei problemi di udito, ed è taciturno. Daria è quella che è nata per prima, la più tenace, la più combattiva, addirittura rissosa. Anna è in fuga dall’ex marito e torna nell’hotel dove vive ancora il padre Thomas e dove, quando era bambina, è accaduto un fatto tragico. Le vite di Mauro e Daria si intrecciano con quelle dei ragazzi del luogo, Giulio e Micki, fratello e sorella, figli di Albert, che era stato il primo amore di Anna, e che rimane colpito dal suo ritorno. Anna, però, scompare all’improvviso.

Quel campanile sommerso per metà è già di per sé un ottimo punto di partenza per un racconto. È immediatamente cinematografico, iconico, misterioso e irresistibilmente attraente. È un’immagine che cattura da subito. Per metà visibile, per metà nascosto, racchiude in sé la nostra natura. Da un lato il nostro aspetto visibile a tutti, dall’altro la nostra metà oscura, quella che non facciamo vedere, quella che teniamo a bada. Anche i lupi, ci viene detto, sono così: c’è il lupo gentile, quello che caccia per i propri piccoli e per il branco, e il lupo oscuro, quello rabbioso. Ma le due componenti sono entrambe dentro di noi. Cosa accadrebbe se il nostro lato oscuro avesse la prevalenza sulla nostra parte buona?

Come avrete capito, la chiave di Curon è tutta nel concetto di doppio, continuamente evocata dall’intrigante regia di Fabio Mollo e Lyda Patitucci, che firmano rispettivamente le prime quattro e le rimanenti tre puntate (la scrittura è affidata a Ezio Abbate come head writer insieme agli autori Ivano Fachin, Giovanni Galassi e Tommaso Matano). Vediamo continuamente immagini di specchi, ma non solo: le due lampade che vediamo nel salone dell’hotel, i due rossi d’uovo nella padella, tutto rimanda all’idea del doppio.

La forza di Curon sta proprio qui, nelle atmosfere, in una fotografia molto particolare, dove i colori – i rossi, i verdi, i gialli – spiccano dal buio eppure continuano a farne parte. E sta nelle location (si è girato in Alto Adige, a Bolzano, in Val Venosta tra Curon e Malles, sul Lago di Caldaro e a San Felice), sia per quanto riguarda la natura selvaggia sia per gli interni, con quell’albergo che ci fa venire in mente l’Overlook Hotel di Shining. L’Alto Adige è una terra di confine, come l’immaginaria Twin Peaks dello Stato di Washington (a proposito, attenzione alle teste di animali impagliate…). È un confine tra due stati, ma anche un confine tra la civiltà e la natura. Ed è un luogo dove il confine tra razionale e irrazionale, cioè tra la parte di noi che abbiamo sotto controllo e la nostra parte più sfrenata, è più labile. E così può capitare che, chi si sente più frustrato, più insoddisfatto, più debole possa perdere il controllo e lasciare spazio, come si direbbe in Star Wars, al proprio Lato Oscuro…

Il senso di Curon è questo. Ed è chiaro, fin troppo, sin dalle prime sequenze del film. Forse il maggior difetto di una serie come Curon, rispetto ad altre serie mistery con risvolti sovrannaturali come Stranger Things e Dark, è che tutto è troppo spiegato, chiaro fin da subito, e così la storia diventa un gioco a carte scoperte, troppo scoperte. Una delle chiavi della grande serialità dei nostri tempi, pensiamo a Lost, è proprio il saper nascondere fino all’ultimo le soluzioni ai propri enigmi. Detto questo, la storia si segue comunque molto volentieri: è bella, intrigante, è un coming of age e allo stesso tempo un fantasy con elementi horror. Se alcuni dialoghi non sono all’altezza dell’atmosfera del racconto e alcuni attori (i personaggi secondari) ci sembrano acerbi, Curon nel complesso è una produzione coraggiosa, ambiziosa, che fino a qualche tempo fa non credevamo fosse possibile nel panorama italiano. L’idea, per ammissione degli autori, è prendere il soprannaturale e il magico e portarlo nel reale: i punti di riferimento sono quelli del cosiddetto quality horror, film come It Follows, Babadook e A Quiet Place.

Fabio Mollo e Lyda Patitucci dirigono un cast dove spiccano una convincente Valeria Billello (eravamo abituati a vederla in commedie, come in Happy Family, dov’era perfetta) e soprattutto i due giovani attori che interpretano Daria e Mauro. Lei è Margherita Morchio (vista al cinema in Succede e in tv in Volevo fare la rockstar), grinta da vendere per un personaggio di adolescente molto coraggioso (nella prima puntata della serie la vediamo giocare con un sex toy e chiedere, appena arrivata a scuola, se ci sia della marjuana). Lui è Federico Russo (visto da piccolo ne I Cesaroni), occhi chiari e una sensibilità notevole. Anche Luca Lionello, nei panni di Thomas, ci è sembrato in parte. Vedendo Curon vi verrà voglia di andare in quei luoghi, di perdervici dentro. E magari di tornare diversi…

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

Little Fires Everywhere. Reese Whiterspoon, Kerry Washington e quei piccoli fuochi… su Prime Video

Published

on

Una casa prende fuoco, nella notte. Elena Richardson e il marito Bill guardano la loro lussuosa villa andare in fumo. La polizia dice che ci sono stati “little fires everywhere”, tanti piccoli fuochi lungo tutta l’abitazione che hanno causato l’incendio. Little Fires Everywhere è la nuova serie Abc, cioè Disney Television Studios, andata in onda in America su Hulu, e disponibile ora anche in Italia su Amazon Prime Video dal 22 maggio (in inglese con sottotitoli in italiano, la versione doppiata arriverà più avanti). La serie è tratta dal romanzo Little Fires Everywhere del 2017 di Celeste Ng. (Tanti piccoli fuochi in italiano) e vede come protagoniste due grandi star: Reese Witherspoon e Kerry Washington.

Ma riavvolgiamo il nastro, ed eccoci a quattro mesi prima dell’incendio. Siamo nell’agosto del 1997, a Shaker Heights, un sobborgo di Cleveland, Ohio, una di quelle tante periferie residenziali che siamo ormai abituati a vedere nei film e nelle serie americane. Elena (Reese Witherspoon) è una giornalista ed è la madre di quattro figli, adolescenti o preadolescenti. Insieme al marito Bill (Joshua Jackson, l’indimenticabile Pacey di Dawson’s Creek) vive una vita perfettamente organizzata e schematizzata, dove ogni cosa ha un posto e ha un tempo. Anche fare l’amore ha il suo momento, il mercoledì o il sabato sera. Nel quartiere arriva Mia (Kerry Washington), madre single, con la figlia Pearl (Lexi Underwood). Mia è un’artista, vive alla giornata, e nella vita ha cambiato più volte casa e città. Elena le affitta una sua casa. Mia trova lavoro come cameriera in un ristorante cinese, e poi anche come domestica in casa di Elena, che ha capito la sua situazione e cerca di aiutarla. Mentre Pearl sembra legare particolarmente con Moody (Gavin Lewis), il figlio di Elena. Izzy (Megan Stott), la figlia minore di Elena e Bill, è una ribelle, tenta di bruciarsi i capelli e, a un concerto di musica classica, si presenta con la scritta sulla fronte “Not Your Puppet”, non sono il tuo burattino.

Quei piccoli fuochi del titolo allora sono tutte quelle piccole scintille che, nelle nostre vite, avvengono all’improvviso e, se trascurate, rischiano di divampare in incendi molto pericolosi. Possono accendersi con un niente, e crescere fino a diventare devastanti. Come quelle piccole grandi bugie che potrebbero sembrare innocenti, ma possono portare a delle tragedie. Non abbiamo usato queste parole a caso, perché Little Fires Everywhere sembra seguire la strada di Big Little Lies, che aveva proprio Reese Witherspoon come protagonista. Il viaggio nelle famiglie della borghesia americana, la dinamica di inclusione/esclusione dei nuovi arrivati e dei diversi, le ombre che si nascondono dietro case ed esistenze perfette sono le stesse. Little Fires Everywhere però ha una sua personalità e suo tono ben distinto. Le storie che si muovono tra le ville dell’Ohio sono meno tragiche, meno estreme e più sfumate (non a caso lì si parte con un omicidio, qui con un incendio…). C’è meno violenza, non c’è una vera e propria guerra, ma un confronto continuo, fatto di solidarietà e diffidenza, complicità e dubbi, tra due mondi completamente diversi. E, a differenza di Big Little Lies, dove i figli sono più piccoli e non sono una vera e propria parte integrante del racconto, quanto un mezzo per scatenare i contrasti tra le varie famiglie, qui ci sono dei figli adolescenti, con personalità definite, che sono i veri motori della storia.

Little Fires Everywhere è una storia fondata, da subito, sul contrasto. Elena entra in scena con un quadro da Mulino Bianco, la famiglia che fa colazione prima di uscire. Mia e la figlia si svegliano dopo aver dormito in macchina. Elena è wasp, bionda, chic e impeccabile, e ha tutto sotto controllo. Mia è afroamericana, scarmigliata, hippie, e la sua vita sembra un caos. La grande magione padronale e la piccola casa in affitto, una serie di vite pianificate contro una vita alla giornata. Elena pare aver buon cuore e aiutare Mia. Ma continua a sospettare di lei. E i loro due mondi cominciano a lavorare come due vasi comunicanti (di cui, evidentemente, uno è troppo pieno e l’altro troppo vuoto, per cui tendono a compensarsi). Così Pearl, la figlia di Mia, entra nelle simpatie di Elena, oltre che del figlio Moody, e rimane affascinata dalla loro grande casa e dalla loro vita. Izzy, ribelle e insicura, vittima di bullismo, sembra entrare in sintonia con Mia.

Se la storia è già molto forte, a farla vivere sono due grandi attrici che in tv stanno vivendo da tempo una nuova vita di successo. Reese Witherspoon, dopo essere stata una reginetta della commedia al cinema, in tv sta dando prova di una grande maturità, fino a diventare il simbolo delle contraddizioni delle donne borghesi americane. Il ruolo di Elena arriva dopo Big Little Lies (senza dimenticare The Morning Show). Kerry Washington, esplosa con il cinema di Spike Lee, arriva dal successo di Scandal, in cui aveva un personaggio molto diverso da Mia. Sensuale, empatica, dolente, Kerry Washington porta con sé un intero mondo in questa serie.

Little Fires Everywhere fa parte di un genere ormai molto ricco. Potremmo chiamarlo Suburbs Drama, e, tra cinema e tv, vive lungo quelle strade perfette dai prati verdi e dalle casette eleganti, tutte uguali, che si trovano nelle zone residenziali americane. Da American Beauty a Revolutionary Road, passando per le Desperate Housewifes di Wisteria Lane per arrivare a Big Little Lies e Littles Fires Everywhere, c’è tutto un mondo da scoprire dentro a queste ville così ben curate. Ed è un mondo che prende fuoco.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending