Connect with us

Serie TV

Kidding: Jim Carrey, “eroe” della gentilezza

Published

on

È come se nuotassimo con le pietre nelle tasche. Dobbiamo toglierle, se no non torneremo più a galla”. Sono le parole di Jeff Pickles, che ha il volto e l’anima di Jim Carrey, ed è il protagonista di Kidding, la nuova serie tv Showtime diretta da Michel Gondry, in onda dal 7 novembre su Sky Atlantic. È un’immagine vivida, profonda, perfetta per raccontare che cosa sia un lutto, e quanto sia forte il bisogno di elaborarlo. Jeff Pickles è un padre in lutto, ha perso il figlio Phil in un incidente stradale, un marito ferito, che è stato lasciato dalla moglie. Ma è anche Mr. Pickles, una star della tv (nella prima scena lo vediamo ospite in un late night show insieme Danny Trejo), il protagonista di uno storico show per bambini che porta avanti da anni insieme a una serie di animali incantati. Ecco, il personaggio e il marito in crisi non devono mai incontrarsi, gli spiega il padre Ben (Frank Langella) che è anche il produttore dello show. Ma Mr. Pickles è Jeff, e vorrebbe esternare il suo lutto, superarlo insieme agli altri, renderli partecipi. Vorrebbe, finalmente, una volta per tutte, togliersi quelle pietre dalle tasche.

Mr. Pickles vorrebbe girare una puntata sulla morte. In uno show per bambini. Vorrebbe far capire loro cosa significa, vorrebbe prepararli, farli stare sereni su quella che è una cosa naturale. Passare a miglior vita è qualcosa di simile a quello che può accadere a un giocattolo che, durante un trasloco, per caso finisce nello scatolone sbagliato e si trova in un’altra casa. È solamente in un altro posto, ma starà ugualmente bene. Mr. Pickles, cioè Jeff, ha bisogno di dire questa cosa soprattutto a se stesso. Quella puntata non andrà in onda. Per ora.

Da queste piccole cose avrete capito che cos’è Kidding, serie tv molto particolare per le nostre abitudini televisive. È qualcosa che non abbiamo mai visto, qualcosa di delicato, che parla di morte e di separazioni, ma anche di gentilezza e cura, aspetti che troppo spesso trascuriamo nella vita di oggi. Ricalca lo stile di alcune sitcom e alcuni show comedy, dal tono leggero e dalla durata breve (un episodio dura 30 minuti, un formato molto particolare), per parlare in realtà di cose molto profonde. Kidding è come un cioccolato ripieno di liquore, dolce fuori e forte, a volte anche troppo, dentro. La confeziona Michel Gondry, immaginifico autore francese che aveva già diretto Carrey in Se mi lasci ti cancello, e che qui crea qualcosa di molto particolare, meno ad effetto rispetto ad altri suoi lavori, ma dove il suo tocco, anche se più lieve, si sente. Kidding ha qualcosa di surreale, di etereo, eppure è tremendamente reale, concreto, vitale.

Tutto questo è possibile soprattutto grazie a Jim Carrey, qui in una delle interpretazioni più intense della sua carriera. L’attore di Man On The Moon è unico nel far convivere dramma e commedia, luce e tenebra, sorriso e lacrima nella stessa scena, nello stesso momento. Quel sorriso stampato sul volto, che vediamo spesso in Kidding, non è finto, è qualcosa di voluto e dovuto, visto il suo ruolo pubblico, e visto il suo non voler pesare sugli altri. È quello di Truman che continua a dire “buongiorno, e se non dovessi rivedervi, buonasera e buonanotte” ai vicini, solamente perché sente il dovere di essere gentile. Oscar Wilde diceva che le maschere servono a rivelare più che a nascondere. Jim Carrey è questo, una maschera che rivela tutto ciò che il suo personaggio ha dentro. Morte e solitudine, dignità ed empatia, fragilità e solidità, deriva e controllo. In una parola: umanità. Ma, vi prego, non confondete la sua gentilezza con la debolezza.

La proverbiale faccia di gomma di Carrey è fatta oggi di una gomma sempre più pregiata, sfaccettata, sottile. Una gomma che fa passare ogni espressione, ogni sfumatura. Che riesce ad essere solcata dalle lacrime. Ma anche a trattenerle. Kidding è l’ennesima sfida di Jim Carrey, ancora una volta un personaggio dall’anima divisa in due. Ricordate? Era uno schizofrenico in Io, me & Irene. In The Truman Show era diviso tra la realtà e la sua percezione alterata, e in Se mi lasci ti cancello era combattuto tra presente e passato, rimozione e ricordo. Anche in Man on the Moon era scisso in due. tra personaggio pubblico e privato, tra palco e vita. Un po’ come accade al suo Jeff Pickles.

Kidding è una serie unica. Perché non avevamo mai visto finora in tv un “eroe” (proprio così, tra virgolette, come scriveva i suoi “eroi” David Bowie) provare a vincere la sua battaglia non con una prova di forza, o con la sua risolutezza, ma con la misura, la disponibilità, la gentilezza. Dovremmo essere tutti Mr. Pickles, oggi più che mai, dovremmo attuare una rivoluzione con la gentilezza. Gentilezza non è debolezza. È forza. È roba da “eroi”.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − otto =

Serie TV

Johnny Depp ha scelto Palazzina Red Passion per il post red carpet di ieri sera

DailyMood.it

Published

on

Tutto il cast del film in concorso “Waiting for the Barbarians”, tra cui Deep e l’attore Premio Oscar Mark Rylance, hanno cenato prima e ballato dopo, sulle note della musica di DJ Clapton, nella splendida cornice di Palazzina

Una notte magica quella a Palazzina Red Passion, che si è confermata, anche sul finire della 76° Mostra del Cinema di Venezia, come luogo più amato delle notti del festivaliere. Le bollicine Moët & Chandon, sponsor dell’evento, hanno poi reso il party ancora più frizzante.

Palazzina Red Passion non è stata solo un luogo ma il punto della mondanità, ha saputo stupire per tutti gli undici giorni della Mostra del Cinema con eventi esclusivi e after dinner che hanno ospitato star internazionali e DJ di fama mondiale.

 

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

Èlite 2. A Las Encinas la passione brucia ancora

Published

on

L’estate è finita, si torna tra i banchi di scuola. E si riaprono le porte di Las Encinas, il prestigioso liceo destinato ai rampolli delle famiglie più ricche. L’estate è finita e ritorna Èlite, la serie tv spagnola firmata Netflix, disponibile in streaming dal 6 settembre. Il delitto al centro della prima stagione è risolto, o forse no, ma sicuramente non sono risolte le attrazioni, le pulsioni, le rivalità e o conflitti interiori dei protagonisti. Mentre dalla casa di Marina, che la sua famiglia ha venduto dopo i tragici fatti della prima stagione, stanno portando via le sue cose in dei cartoni, arriva una nuova ragazza in città: è Rebeca (Claudia Salas), look street style, modi irriverenti da maschiaccio, e una passione per la boxe. A casa di Lu (Danna Paola) arriva il fratellastro Valerio (Jorge Lopez), capelli ricci e scompigliati ad arte, comportamenti sempre sopra le righe, e una spiccata passione per droghe e alcolici. Entreranno ben presto nel gruppo degli studenti di Las Encinas, scompigliando le già fragili dinamiche esistenti fra loro. Rebeca fa amicizia con Nadia (Mina El Hammani), aiutandola nel suo percorso di emancipazione, mentre lei è ancora attratta, ricambiata, da Guzman (Miguel Bernardeau), il leader del gruppo, che la scomparsa della sorella Marina ha reso ancora più fuori controllo. Carla (Ester Expòsito) ha sempre più paura che i segreti che sa sul delitto vengano fuori e la tensione con Cristian (Miguel Herràn) è sempre più alta, e rischia di minare la loro relazione. Intanto Samuel (Itzan Escamilla) cerca di capire chi sia il colpevole del delitto di cui è accusato il fratello Nano (Jaime Lorente).

Non era facile far ripartire una storia come quella di Èlite che, nella sua prima stagione, si apriva con un delitto e si chiudeva con la sua soluzione. Se la soluzione della trama “gialla” della serie poteva anche far sembrare Èlite una storia autoconclusiva, i personaggi della serie rimangono potenzialmente una fonte infinita di intrecci e sviluppi: sono tutti all’inizio del loro percorso di crescita e accettazione di sé, sono nel pieno della tempesta di passioni e tormenti, e le dinamiche tra loro sono potenzialmente esplosive. Il mix tra teen drama e noir, però, deve continuare: e se le vicende personali e sentimentali sono assicurate, resta da costruire una trama gialla che tenga il pubblico con il fiato in sospeso come nella prima stagione. E così, fin dalle prime scene, vediamo la polizia indagare: non su un delitto, ma sulla scomparsa di uno studente di Las Encinas. Le prime due puntate si intitolano proprio così: 20 ore dopo la scomparsa, e 34 ore dopo la scomparsa. E, mentre seguiamo le indagini, tutta la vicenda scorre in flashback. In questo modo i creatori di Èlite riescono a ricreare lo schema della prima stagione.

Ma, almeno a vedere le prime puntate, il gioco sembra meno avvincente. Un po’ già visto, un po’ meno interessante. E poi non è facile riprendere una storia che ha perso il suo personaggio più carismatico, Marina (Maria Pedraza), una bellezza velata da tristezza e tormento, che era letteralmente il motore della prima stagione. E con un altro personaggio, Nano (Jaime Lorente, il Denver de La casa di carta) fuori gioco perché in carcere. I personaggi più carismatici rimasti in scena allora sono Nadia, ragazza palestinese alle prese con un faticoso percorso di emancipazione, divisa tra le tradizioni della propria famiglia e i desideri di una ragazza della sua età, e Guzman, ragazzo ricco, viziato e violento, diviso tra l’elaborazione del lutto e la voglia di vendetta e l’attrazione innegabile che ha per Nadia. I momenti sexy, come nella prima stagione, sono soprattutto sulle spalle minute della provocante Carla. Mentre le new entry, Valerio e Rebeca, ma anche la svampita Cayetana (Georgina Amoros), che vive da sola in una grande villa, sembrano più dei jolly in grado di scompaginare le carte del mazzo che personaggi intensi come quelli principali. Ma vedremo la loro crescita.

A proposito di sex appeal, dopo la prima stagione e le prime puntate della seconda, confermiamo che Èlite è un esperimento interessante. Complici i tempi che stanno cambiando, il carattere disinibito degli spagnoli, il modello Netflix, la via spagnola al teen drama è molto più spinta, sexy, esplicita, irriverente rispetto ai prodotti americani capisaldi del genere, come Beverly Hills 90210, The O.C. e anche il più recente Riverdale. A volte, anzi spesso, Èlite pecca di una recitazione troppo sopra le righe, e di una voglia di stupire a tutti i costi, con svolte e sorprese che tengono desta l’attenzione ma rischiano di far sembrare alcune vicende poco credibili. Un pregio, invece, è quello di parlare di tematiche come l’integrazione, l’omosessualità, le dipendenze. Èlite 2, a conti fatti, è un prodotto ben confezionato, che merita di essere visto. Per poi confrontarlo, sempre su Netflix, fra pochi mesi, con Baby, la serie italiana ambientata a Roma, sempre in un liceo, e sempre con le divise scolastiche a celare intrighi e passioni. La sfida è lanciata.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

La casa di carta 3. Noi siamo la resistenza. Su Netflix

Published

on

Fate attenzione. Il Professore è tornato, e con lui la sua banda. Loro sono la Resistenza. Qualcuno ha dichiarato loro guerra, e la banda risponde nel modo in cui sa: rubando. E la posta in gioco, rispetto all’altra volta, sarà ancora più alta. Parliamo de La Casa di Carta: Terza parte, l’attesissima nuova stagione (in streaming dal 19 luglio) di una delle serie di Netflix più sorprendenti, una serie fatta in Spagna e destinata ancora una volta a dividere il pubblico: o la sia ama, e la si guarda compulsivamente, o la si trova decisamente sopravvalutata. Sgombriamo subito il campo agli equivoci: noi siamo tra quelli che la amano.

Ma dove eravamo rimasti? Alla fine della seconda parte, il Professore (Álvaro Morte), e quello che era rimasto della sua banda – Nairobi (Alba Flores), Tokyo (Úrsula Corberó), Rio (Miguel Herràn) Denver (Jaime Lorente), Helsinki (Darko Peric) e Stoccolma (Esther Acebo) – erano riusciti a fare il grande colpo alla Zecca di Stato di Madrid, e li abbiamo visti salpare a godersi la loro pensione dorata nei luoghi più esotici che possiate immaginare. Con loro c’è anche Lisbona (Itziar Ituño), che tutti conoscevamo come Raquel Murillo, e che ora ha sposato la causa del Professore, innamorata di lui. Li ritroviamo proprio qui, tra i Caraibi, la Thailandia e la Pampa argentina. In paradiso, praticamente. Ma anche il paradiso può stare stretto, soprattutto se, come Tokyo, qualcuno ha dentro di sé il rumore, l’incertezza e ha bisogno di ritrovarli. L’inquieta ragazza allora parte, con la promessa di accendere un telefono satellitare, ogni sera alle sei, per sentire il suo Rio. I telefoni non dovrebbero essere registrati, e invece lo sono. Rio viene intercettato e arrestato. E Tokyo contatta il professore, che riunisce la banda. E ora?

Lo scoprirete in questa nuova stagione de La casa di carta. Che, invece che al chiuso di un edificio, come la Zecca di Stato, inizia all’aperto, in varie località in giro per il mondo. Ma è di nuovo al chiuso che la banda si troverà, perché il Professore ha in mente qualcosa, e il piano arriva da molto lontano. L’inizio della terza stagione vede i protagonisti fare un percorso inverso rispetto al finale della seconda stagione, dall’esterno all’interno invece che dall’interno all’esterno. E, se gli amori nelle prime due parti sbocciavano e si concretizzavano, nella terza sono consolidati, ma rischiano di andare in crisi. Entrano in scena dei nuovi personaggi: uno è Palermo (Rodrigo De La Serna), l’altro è una misteriosa donna che tortura Rio in prigionia (Najwa Nimri). Mentre nella banda arriveranno anche Bogotà (Hovik Keuchkerian) e Marsiglia (Luka Peros).

You’ll Never Walk Alone, sentiamo in sottofondo, mentre la banda entra di nuovo in scena, ancora una volta con un’azione eclatante. Non camminerete mai da soli. La forza del professore e della banda è questa: hanno il Popolo dalla loro parte, sono la Resistenza, sono dei moderni Robin Hood – che si autoproclamano tali – che rubano ai ricchi per distribuire alla gente, e sono entrati nell’immaginario collettivo, all’interno della serie, proprio per questo, come vediamo in una scena chiave della seconda puntata. In una delle sue lezioni il Professore fa vedere alla banda come le loro gesta abbiamo ispirato molte persone a ribellarsi. Non rubando, ma manifestando per i propri diritti, usando come simbolo la loro divisa iconica: una tuta rossa e la maschera di Salvador Dalì. Ed è quello che è davvero accaduto in molte parti del mondo, con le inconfondibili tenute della banda usate come simbolo di protesta. La casa di carta ha conquistato tante persone proprio perché ha intercettato un senso di protesta verso banche, istituzioni, governi autoritari. In una parola, verso le ingiustizie.

Per entrare appieno ne La casa di carta si tratta si entrare in questo stato d’animo, di abbracciare idealmente lo spirito del Professore e dei suoi. E di sospendere l’incredulità. Perché le critiche alla serie vanno spesso nella direzione della presunta implausibilità di un racconto che, per sua natura, è invece immaginifico, iperbolico, simbolico. Quello de La casa di carta è un mondo a se stante, come quello di un cinecomic o di un film di Tarantino, che ha le sue regole del gioco, che vanno accettate. A un certo punto, in un dialogo, sentiamo dire che il nuovo colpo del Professore è impossibile. “È proprio il fatto che sembri impossibile che lo rende così bello”, risponde lui. Se ci pensiamo, la chiave del successo de La casa di carta è proprio questa. Assistere ad azioni che, anche solo a pensarle, ci sembrano ardite, e vedere persone che le realizzano. Che si stia o meno dalla parte del Professore e dei suoi (ma è impossibile non esserlo) non si può che rimanere incantati di fronte all’ingegno umano, all’architettura di piani così ben congegnati. Quella del Professore è una partita a scacchi, dove ogni mossa fatta sulla scacchiera prevede una contromossa dell’avversario, che va a sua volta prevista e neutralizzata con quella successiva. Quello del Professore è un combattimento secondo l’arte dell’aikido, dove si sfrutta a proprio favore la forza del proprio nemico. Ogni suo colpo è un’opera d’arte. Come quelle di Salvador Dalì.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending