Connect with us

Serie TV

Kidding: Jim Carrey, “eroe” della gentilezza

Published

on

È come se nuotassimo con le pietre nelle tasche. Dobbiamo toglierle, se no non torneremo più a galla”. Sono le parole di Jeff Pickles, che ha il volto e l’anima di Jim Carrey, ed è il protagonista di Kidding, la nuova serie tv Showtime diretta da Michel Gondry, in onda dal 7 novembre su Sky Atlantic. È un’immagine vivida, profonda, perfetta per raccontare che cosa sia un lutto, e quanto sia forte il bisogno di elaborarlo. Jeff Pickles è un padre in lutto, ha perso il figlio Phil in un incidente stradale, un marito ferito, che è stato lasciato dalla moglie. Ma è anche Mr. Pickles, una star della tv (nella prima scena lo vediamo ospite in un late night show insieme Danny Trejo), il protagonista di uno storico show per bambini che porta avanti da anni insieme a una serie di animali incantati. Ecco, il personaggio e il marito in crisi non devono mai incontrarsi, gli spiega il padre Ben (Frank Langella) che è anche il produttore dello show. Ma Mr. Pickles è Jeff, e vorrebbe esternare il suo lutto, superarlo insieme agli altri, renderli partecipi. Vorrebbe, finalmente, una volta per tutte, togliersi quelle pietre dalle tasche.

Mr. Pickles vorrebbe girare una puntata sulla morte. In uno show per bambini. Vorrebbe far capire loro cosa significa, vorrebbe prepararli, farli stare sereni su quella che è una cosa naturale. Passare a miglior vita è qualcosa di simile a quello che può accadere a un giocattolo che, durante un trasloco, per caso finisce nello scatolone sbagliato e si trova in un’altra casa. È solamente in un altro posto, ma starà ugualmente bene. Mr. Pickles, cioè Jeff, ha bisogno di dire questa cosa soprattutto a se stesso. Quella puntata non andrà in onda. Per ora.

Da queste piccole cose avrete capito che cos’è Kidding, serie tv molto particolare per le nostre abitudini televisive. È qualcosa che non abbiamo mai visto, qualcosa di delicato, che parla di morte e di separazioni, ma anche di gentilezza e cura, aspetti che troppo spesso trascuriamo nella vita di oggi. Ricalca lo stile di alcune sitcom e alcuni show comedy, dal tono leggero e dalla durata breve (un episodio dura 30 minuti, un formato molto particolare), per parlare in realtà di cose molto profonde. Kidding è come un cioccolato ripieno di liquore, dolce fuori e forte, a volte anche troppo, dentro. La confeziona Michel Gondry, immaginifico autore francese che aveva già diretto Carrey in Se mi lasci ti cancello, e che qui crea qualcosa di molto particolare, meno ad effetto rispetto ad altri suoi lavori, ma dove il suo tocco, anche se più lieve, si sente. Kidding ha qualcosa di surreale, di etereo, eppure è tremendamente reale, concreto, vitale.

Tutto questo è possibile soprattutto grazie a Jim Carrey, qui in una delle interpretazioni più intense della sua carriera. L’attore di Man On The Moon è unico nel far convivere dramma e commedia, luce e tenebra, sorriso e lacrima nella stessa scena, nello stesso momento. Quel sorriso stampato sul volto, che vediamo spesso in Kidding, non è finto, è qualcosa di voluto e dovuto, visto il suo ruolo pubblico, e visto il suo non voler pesare sugli altri. È quello di Truman che continua a dire “buongiorno, e se non dovessi rivedervi, buonasera e buonanotte” ai vicini, solamente perché sente il dovere di essere gentile. Oscar Wilde diceva che le maschere servono a rivelare più che a nascondere. Jim Carrey è questo, una maschera che rivela tutto ciò che il suo personaggio ha dentro. Morte e solitudine, dignità ed empatia, fragilità e solidità, deriva e controllo. In una parola: umanità. Ma, vi prego, non confondete la sua gentilezza con la debolezza.

La proverbiale faccia di gomma di Carrey è fatta oggi di una gomma sempre più pregiata, sfaccettata, sottile. Una gomma che fa passare ogni espressione, ogni sfumatura. Che riesce ad essere solcata dalle lacrime. Ma anche a trattenerle. Kidding è l’ennesima sfida di Jim Carrey, ancora una volta un personaggio dall’anima divisa in due. Ricordate? Era uno schizofrenico in Io, me & Irene. In The Truman Show era diviso tra la realtà e la sua percezione alterata, e in Se mi lasci ti cancello era combattuto tra presente e passato, rimozione e ricordo. Anche in Man on the Moon era scisso in due. tra personaggio pubblico e privato, tra palco e vita. Un po’ come accade al suo Jeff Pickles.

Kidding è una serie unica. Perché non avevamo mai visto finora in tv un “eroe” (proprio così, tra virgolette, come scriveva i suoi “eroi” David Bowie) provare a vincere la sua battaglia non con una prova di forza, o con la sua risolutezza, ma con la misura, la disponibilità, la gentilezza. Dovremmo essere tutti Mr. Pickles, oggi più che mai, dovremmo attuare una rivoluzione con la gentilezza. Gentilezza non è debolezza. È forza. È roba da “eroi”.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × due =

Serie TV

L’amica geniale. Piccole donne crescono nella Napoli del dopoguerra

Published

on

Così lontano, così vicino al nostro cinema. Così moderno, e allo stesso tempo così antico e legato alle nostre radici. È così L’amica geniale, la serie televisiva HBO-RAI Fiction e TIMVISION tratta dai romanzi di Elena Ferrante, e diretta da Saverio Costanzo. Dopo la presentazione al Festival di Venezia, e un’uscita in sala ai primi di ottobre, L’amica geniale arriva finalmente in tv, in contemporanea su Rai 1 e TIMVISION, dal 30 ottobre. La storia segue l’amicizia tra due donne, Elena e Lila, che si conoscono ai tempi della scuola elementare, nella Napoli del dopoguerra. L’amicizia continuerà anche in età adulta.

L’amica geniale è un’operazione davvero interessante. È un prodotto internazionale, attuale, che però ha i colori e i sapori del nostro cinema classico, quello che va dal Neorealismo alla Commedia all’Italiana degli anni Sessanta. Ci troviamo quei colori omogenei, tra il grigio e il marrone, che sembrano uscire da un’altra epoca. Ed è proprio questo che vuole fare Saverio Costanzo con L’amica geniale: portarci in un mondo, farci assaporare un’atmosfera, evocare, farci sentire quasi gli odori. La Napoli de L’amica geniale è qualcosa di familiare, è nel nostro dna, con quei cortili che, fino a pochi anni fa, erano i nostri social network. C’è il teatro di Eduardo De Filippo, ci sono decine di film che sono entrati nel nostro immaginario collettivo.

Eppure L’amica geniale ha una visione completamente nuova, lucida, attuale. A partire dal fatto che Saverio Costanzo mette in scena il copione con estremo – quasi filologico – realismo, per poi scompaginare le carte con momenti onirici e visionari (quella degli animali che escono la notte e portano la rabbia nella testa delle persone è un’immagine potentissima). Per continuare con un discorso sulla condizione femminile che è chiaramente figlio dei tempi che stiamo vivendo. In quelle parole della maestra elementare, in cui dice alle bambine di iniziare fin da subito a far capire ai maschi che sono come loro, c’è tutta la chiave del film. L’emancipazione femminile, l’istruzione che va garantita a chi vuole, e merita, di continuare gli studi. Il bisogno di trovare il proprio ruolo nel mondo. L’amica geniale ci parla di tutto questo. Ci dice cose che nel cinema di un tempo non si sarebbero dette. Le dice in un modo attuale, moderno, al passo con i tempi.

Saverio Costanzo gira in maniera sobria, mettendosi completamente al servizio della storia. Cita apertamente, senza paura di farlo, la scena della morte di Pina in Roma città aperta, quasi a voler suggellare la vicinanza ideale a quel tipo di cinema, ma senza per questo volersi mettere alla pari dei grandi del passato e, soprattutto, restando funzionale alla storia. Gioca con in generi: la discesa di Elena a Lila nello scantinato alla ricerca della bambola sembra un topos di tanto cinema horror, un genere che Costanzo ha dimostrato di saper maneggiare ai tempi de La solitudine dei numeri primi. Eppure tutto questo avviene senza strappi, senza cesure con il resto del racconto, ma integrato in esso, senza soluzione di continuità per un prodotto che scorre omogeneo e coerente.

Ma una delle chiavi del successo de L’amica geniale sono anche le due strepitose protagoniste, Elisa Del Genio e Ludovica Nasti. Scelte tra 5000 bambine, le due sono perfette. Elisa Del Genio è Elena, compita, sensibile, chiara. Ludovica Nasti è Lila, piccola, nervosa, non omologata, con il fuoco dentro che esce da quei piccoli occhi nero carbone. Insieme, queste due Piccole donne (come il libro che le unisce e le fa crescere, simbolo della loro vicenda) danno un’anima nervosa, inquieta e affamata di vita, di cultura, di parole. E del mondo. “Dove vanno le auto, dove vanno i treni, in quale città, in quale mondo?” si chiedono le due bambine. In una frase che dice tutto. Abbiamo voglia di continuare a seguire le loro vite, le loro storie, vederle crescere.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

Sabrina torna su Netflix. L’evoluzione della famosissima strega teenager

Marta Nozza Bielli

Published

on

sabrina

È proprio il caso di dirlo: tremate, tremate, le streghe son tornate! Sabrina Spellman, la biondissima strega teenager che ci ha tenuto incollati interi pomeriggi allo schermo della tv con il telefilm Sabrina – Vita da Strega è pronta a tornare in una nuova serie tv.
Questa volta ad impersonarla ci sarà la giovane ma non di certo esordiente Kiernan Shipka (alla sua prima esperienza da protagonista dopo aver interpretato per 7 stagioni la figlia di Don Draper in Mad Men) e a giudicare dal trailer e dalle anticipazioni trapelate negli scorsi mesi, sembra proprio che il reboot prodotto da Netflix – dal titolo Le terrificanti avventure di Sabrina – presenti delle tinte horror all’apparenza inusuali per il personaggio che siamo abituati a conoscere.

sabrinaCon i suoi 163 episodi e ben due film tv (Sabrina – Vacanze romane e Sabrina nell’Isola delle sirene), Sabrina – Vita da strega ha tenuto compagnia agli spettatori dal 1996 al 2003.
Il carisma di Melissa Joan Hart, il rapporto buffo e litigioso tra le zie Hilda e Zelda, la goffaggine di Harvey e le immancabili battutine a suon di cinismo del gatto parlante Salem contribuirono a rendere la sitcom una delle più amate di quegli anni. I tentativi della sedicenne Sabrina di trovare un equilibrio tra la sua doppia esistenza “magica” e umana la portano a destreggiarsi tra i primi amori, i tipici problemi adolescenziali e gli impronunciabili incantesimi dalle conseguenze più disparate. Pur essendo un’inguaribile combinaguai, Sabrina era un personaggio allegro e positivo in grado di strappare sempre un sorriso, molto più simile alla dolce fattucchiera casalinga Samantha della serie Vita da Strega degli anni ’60 che alle sorelle Halliwell protagoniste nello stesso periodo del cult Streghe, di cui la giovane Spellman rappresentava un efficace contraltare.
Sull’onda del successo del prodotto ABC (andata in onda in Italia su Italia 1) è legata anche la serie animata Sabrina andata in onda tra il 1999 e il 2000, per poi essere riportata in auge in una nuova versione cartoon nel più recente 2013.

sabrinaPer tutti quelli come me cresciuti a cavallo del nuovo millennio quindi, Sabrina Spellman – che fosse nella sua versione “reale” o animata – era l’emblema di quegli anni, impossibile da immaginare senza la componente comedy e coming of age che spesso e volentieri primeggiava rispetto a quella degli incantesimi e delle pozioni magiche. L’annuncio del nuovo rifacimento di Netflix però ha scatenato in me l’interesse ad approfondire il personaggio che tanto avevo amato da piccola, portandomi ad una scoperta a dir poco sorprendente: Sabrina non era affatto figlia della tv anni ’90 ma era sulla scena da più di 50 anni.

La prima comparsa risale al 1962, quando Sabrina Spellman venne introdotta nell’universo degli Archie Comics. Avviata nel 1939, la serie di fumetti dedicata alle avventure di un gruppo di adolescenti – la serie tv Riverdale ne è l’adattamento televisivo – ha visto nel corso degli anni l’introduzione di diversi personaggi secondari, tra cui la nostra strega liceale. Nata esclusivamente come comparsa, Sabrina riuscì a conquistare i lettori tanto da convincere l’editore a dedicarle dapprima maggiore spazio nella serie a fumetti Archie’s Laugh TV-Out pubblicata dal 1969 al 1985 e poi un’intera serie stand-alone, Sabrina, The teenage witch, pubblicata dal 1971 al 1983. Da lì si è passati al salto in tv, e il resto lo conosciamo bene.

sabrinaLa svolta dark preannunciata per Le terrificanti avventure di Sabrina (basata sulla graphic novel The Chilling Adventure of Sabrina) quindi non è per nulla anomala ma anzi vuole riprendere le origini del personaggio della giovane strega, non solo nell’ambientazione anni ’60 ma soprattutto nelle atmosfere.
La nuova serie tv dichiarata come spin-off ufficiale di Riverdale – con cui condivide il creatore Roberto Aguirre-Sacasa, già capo creativo della Archie Comics e sceneggiatore/produttore di serie tv come Glee, Supergirl e lo stesso Riverdale – propone un’immagine molto più oscura di Sabrina, in linea con la storyline affrontata nei fumetti. Qui ritroveremo l’adolescente nel giorno del suo sedicesimo compleanno costretta a scegliere tra la sua parte umana e la sua natura stregonesca. Tra riti d’iniziazione, sacrifici, sangue ed incantesimi Sabrina non riuscirà a rinunciare alla sua vita da normale teenager con i suoi amici e il suo ragazzo Harvey e per questo sulle sue tracce si metteranno delle strane creature sinistre.

Un grande cambiamento per chi non conosceva l’anima tenebrosa all’origine di Sabrina e proprio per questo la curiosità è alle stelle.
L’appuntamento è quindi per il 26 ottobre, con i primi dieci episodi di Le terrificanti avventure di Sabrina su Netflix.

di Marta Nozza Bielli per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

The Deuce. HBO ritorna nella New York anni ’70 con James Franco

Marta Nozza Bielli

Published

on

the deuce

Nel panorama televisivo statunitense – ma è possibile ampliare il discorso anche a livello internazionale – HBO è sempre stato sinonimo di qualità. E The Deuce (in onda in Italia con il sottotitolo La via del Porno) è solo l’ultimo di una lunga serie di fiori all’occhiello del colosso dell’entertainment statunitense.

the deuceLa Home Box Office (questo il significato dell’acronimo) è la rete televisiva cablata a pagamento più longeva: dal 1972 la sua offerta propone serie televisive, film da poco usciti nelle sale ma anche documentari, spettacoli dal vivo e show di stand-up comedy. Tra i titoli più famosi della sua programmazione ricordiamo I Soprano, Six Feet Under, Boardwalk Empire ma anche Sex & the City, Girls, “l’italiana” The Young Pope scritta e diretta dal nostro Paolo Sorrentino e ultimi ma non meno importanti due dei fenomeni seriali degli ultimi anni, quei Games of Thrones e Westworld di cui tutti nel bene o nel male parlano.

Il successo e i riscontri positivi ottenuti nel corso di quasi cinquant’anni risiedono nella “natura” della HBO. L’essere una tv a pagamento – e di conseguenza un canale di nicchia e non generalista – ha consentito un’instancabile ricerca del nuovo, dell’originale senza mai aver paura di sperimentare, allontanandosi dall’eventualità di ripetersi o di allungare troppo il brodo.
Antesignano della commistione tra cinema e televisione sviluppatasi negli ultimi anni – fanno parte della sua schiera True Detective, Big Little Lies e Sharp Objects, per dire qualche nome – il canale televisivo statunitense non ha certo mancato di fare dei buchi nell’acqua, imbarcandosi in produzioni che sulla carta sembravano successi assicurati rivelandosi poi veri e propri flop. L’ultima sconfitta in ordine cronologico è stata Vinyl, andata in onda nel 2016. Creata nientemeno che da Mick Jagger, Martin Scorsese e Terence Winter (sceneggiatore del già citato I Soprano) la serie con protagonisti tra gli altri Bobby Cannavale e Olivia Wilde doveva raccontare l’ascesa della musica rock e punk negli anni Settanta a New York con un focus sull’industria discografica del periodo. Nonostante il pitch interessante e i nomi coinvolti però, la serie si è trascinata a fatica per 10 episodi per poi essere cancellata.

the deuceUn progetto andato male non basta per abbattere un caposaldo come la HBO, la quale disponeva già ai tempi diversi assi nella manica che l’avrebbero fatta ritornare sulla cresta dell’onda. The Deuce è uno fra questi e (neanche a farlo apposta) è ambientato non solo a New York ma proprio negli anni ’70.
Alla guida di The Deuce – in arrivo con la sua seconda stagione su Sky Atlantic dal 15 ottobre – c’è un signore che di scrittura se ne intende. Giornalista prima e sceneggiatore poi, David Simon è una tra le firme più autorevoli nel contesto seriale a stelle e strisce: suo è infatti The Wire, andato in onda per cinque stagioni dal 2002 al 2008 sempre sulla HBO con protagonisti Dominic West (The Affair) e Idris Elba.
Se in Italia questo titolo potrebbe non creare forte richiamo, in madrepatria gli esperti e gli appassionati del settore non mancano mai di citarlo fra le serie tv più belle ed influenti del nuovo millennio, se non addirittura di sempre. Ecco perché allora la nuova creatura di Simon non ha potuto evitare di attirare su di sé l’attenzione del pubblico, allettato anche dalla presenza nel cast di due volti cinematografici di prim’ordine, quali James FrancoMaggie Gyllenhaall.

the deuceIn The Deuce, la prima vera protagonista è la strada. Negli anni ’70 la Quarantaduesima Strada o, come veniva chiamata ai tempi, la Forty-deuce, è teatro del degrado di una fetta di popolazione relegata al confine della società. Prostituzione, droga e criminalità organizzata dilagano in quella piccola parte di metropoli ormai abbandonata a sé stessa. Lungo quei marciapiedi si svolgono, incrociandosi casualmente e non, le vite di Vincent Martino (James Franco) ed Eileen “Candy” Merrell (Maggie Gyllenhaal); lui è un barista che con il fratello gemello decide di collaborare con il boss locale per evitare grane e lei è una delle prostitute che popolano la Deuce ma, a differenza delle altre, non si è affidata a nessun protettore. Insieme ad altri personaggi più o meno ricorrenti (la studentessa ribelle Abby, la prostituta Darlene, i papponi Larry e Rodney, e tantissimi altri) i due cercheranno il più possibile di condurre una vita dignitosa e mentre Vincent stenterà nell’astenersi alla malavita, Candy proverà a riscattarsi nella nascente industria del porno.

the deuceLa prima conferma ricevuta con The Deuce – se mai ce ne fosse stato bisogno – è che David Simon è un grande, grandissimo autore. Ritroviamo qui lo stesso schema adottato in The Wire lasciando intendere che si tratti di un vero marchio di fabbrica della creatività dello sceneggiatore. La sua capacità di ricreare mondi focalizzandosi su microcosmi all’apparenza estranei ed isolati ma in realtà radicati profondamente nella cultura statunitense. Non c’è da stupirsi quindi se, dopo aver analizzato e portato a galla la realtà del traffico di droga che coinvolgeva l’intera città di Baltimora nel suo lavoro precedente, con The Deuce Simon decide di concentrarsi sugli albori del settore pornografico: un argomento ancora oggi tabù sia in tv che nella cultura in generale ma che negli Stati Uniti genera un profitto ci circa 10 miliardi di dollari all’anno. Non proprio una robetta da niente insomma.

L’altro grandissimo punto a favore per la scrittura di David Simon riguarda l’incredibile capacità di gestire alla perfezione una storia corale: seppur vero che i due main characters (sia Franco che la Gyllenhaal qui sono in totale stato di grazia) rappresentano le due storyline più “corpose” tutti i personaggi che orbitano attorno a loro, anche quelli più marginali, arricchiscono l’universo di cui fanno parte intervenendo sempre nel modo giusto, al momento giusto e innescando sempre dinamiche e risvolti interessanti.

The Deuce è un modo alternativo (e bellissimo) di fare televisione: non solo perché il livello tecnico non ha nulla da invidiare al cinema – aldilà della lodevole recitazione e ricostruzione dettagliata del contesto storico, qui la regia e la fotografia ricordano tanto quei film appartenenti al filone della New Hollywood che nasceva proprio negli anni ’70 – ma perché vengono messi in un angolo colpi di scena e cliffhanger vari per potersi concentrare dapprima sui contorni e le rifiniture delle circostanze e sull’introduzione dei protagonisti per poi raccontare quello che succede.
Non è una serie per tutti ma non vuole nemmeno esserlo perché vuole portare con sé una dose di un’unicità.
The Deuce è HBO, allo stato puro. E adesso che è in arrivo la seconda stagione, se non l’avete ancora fatto recuperate immediatamente la prima.

di Marta Nozza Bielli per DailyMood.it

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending