Connect with us

Food Mood

Alta Cucina e Oriente: il caso della Famiglia Liu

Stefania Buscaglia

Published

on

Claudio, Giulia e Marco.
In comune hanno il cognome.
Liu. Uno tra i cognomi più altisonanti nel panorama della ristorazione di Milano.

Eppure, penserete, quel nome sembra non portare con sé nulla della tradizione meneghina. E così del resto è: Liu racconta infatti la storia di una famiglia proveniente dal sud della Cina che – giunta in Italia oltre trent’anni addietro – attraverso duro lavoro, sacrifici, spostamenti repentini e il caso di un’integrazione genuina e positiva, agli inizi del nuovo millennio mette radici nel capoluogo lombardo aprendo un ristorante in quella che un tempo era considerata la zona delle pizzerie “fighette” di Milano. Ma c’è di più. Liu racconta infatti la storia di Xue Zhen e di Hu, bravi genitori che attraverso un esempio virtuoso di dedizione a un lavoro votato alla qualità, crescono quella che oggi è considerata la generazione “d’oro” della Cucina Orientale in Italia: Claudio, Giulia e Marco Liu.

Tre fratelli, rappresentanti della ristorazione etnica milanese e non solo che – con un occhio rivolto a Oriente e uno all’attitudine cosmopolita delle maggiori capitali europee – hanno saputo dare forma a tre ristoranti che, per qualità ed eccellenza, se la giocano ad armi pari con i protagonisti dell’Alta ristorazione italiana.

Un esempio unico quello dei Liu: da un lato perché – a dispetto delle grandi famiglie della tradizione italiana – come i Cerea o i Santini per intenderci – vi è la scelta di “dividersi” sotto insegne differenti, rimanendo però saldamenti uniti da un forte legame di sangue e dal fil-rouge dell’eccellenza. Dall’altro perché, a differenza della nutrita comunità cinese meneghina – solita a concentrarsi in un quartiere tematico (si pensi alla Chinatown di via Paolo Sarpi), scelgono di gestire tre ristoranti, in tre zone differenti della città, così da riuscire a “dominare” Milano in tre epicentri di infinita rilevanza strategica.

Il risultato: un successo oltre a ogni possibile immaginazione! Ristoranti perfetti dalla cucina, alla location al servizio, sempre pieni e dagli incassi mirabolanti! Un esempio unico e virtuoso che, senza esitazione, può indurci a parlare di “modello Liu”.

Un modello che decolla nel 2006 e – all’insegna di continui miglioramenti – suggella il successo dei ristoranti della famiglia Liu come le esperienze gourmet più cool della città di Milano.

CLAUDIO E IYO
È il 2006 quando Claudio Liu, classe ’82 e maggiore dei tre fratelli, sceglie di dare forma al suo sogno, staccandosi dall’attività di famiglia e aprendo Iyo, ristorante pioneristico in Italia, di alta cucina giapponese con richiami alla cultura occidentale. Come zona sceglie via Pier della Francesca, strada che negli stessi anni, vede sorgere locali come il Roialto e il Gattopardo, divenendo punto di riferimento di stile e piacere dei milanesi più curiosi ed esigenti. Uno stile che non resta mai immobile e che comprende quanto il cambiamento sia naturale in una città come Milano: via via, i piatti ispirati alla cucina nipponica subiscono l’influenza della contaminazione nazionale, imprimendo indelebile il marchio di fabbrica dello stile Iyo che – nel 2015 – consacra il suo successo con l’ottenimento della Stella Michelin, la prima e l’unica per un ristorante etnico in Italia. L’atmosfera, di evidente ispirazione orientale, si concretizza in un ambiente raffinato e al contempo accogliente. I piatti sono eleganti ed emozionanti e mostrano come i più classici sushi, sashimi, uramaki e nigiri possano raggiungere vette altissime ed essere affiancati da ricette imperdibili e indimenticabili come lo Yka Somen (“spaghetto” di calamaro crudo, caviale Kaluga Amur, verdure croccanti, uovo di quaglia e salsa soba dashi) o l’Asado (un manzo nobile italiano marinato in soia e mirin, cotto sous-vide a bassa temperatura e servito con crema di mais abbrustolito, funghi cardoncelli affumicati in legno di sakura giapponese e salvia in tempura). Piatti che – da quest’anno – potranno per lo più essere gustati anche a casa, grazie ad Aji, ultima creatura di Claudio Liu, aperta in società lo Chef Lin Yin Lu e il Restaurant Manager Federico Zhu. L’idea è quella di un delivery di altissima qualità che parte da Milano, sia destinata a crescere anche oltre confine. Un’idea che – oltre all’importante continuità votata all’eccellenza – porta in sé un messaggio etico e virtuoso attento all’ambiente, grazie ai packaging biodegradabili e ai mezzi elettrici utilizzati per le consegne a domicilio. Una novità da sperimentare anche in loco, comodamente seduti al tavolo esclusivo all’interno del locale. Dove? A pochi passi da Iyo, sempre in Pier della Francesca.
iyo.it

MARCO E BA ASIAN MOOD
Marco è il più piccolo di casa ed è l’unico dei fratelli Liu ad essere nato in Italia. E qui i numeri fanno davvero impressione, considerando che nel 2011, all’età di soli vent’anni, è lui a prendere in mano le redini del cambiamento del ristorante di famiglia, trasformando quella che era una pizzeria e un luogo in cui gustare la cucina della tradizione italiana in un ristorante che potesse colmare tutte le lacune dei (troppo) numerosi ristoranti cinesi presenti in città: dalla qualità della proposta, all’ambiente; dalla cantina al servizio. Un esperimento che risulta vincente sin da subito, onorando la sincera tradizione della cucina cinese, e liberandola da quei fastidiosi cliché fatti di lanterne, gattini del benvenuto e polli alle mandorle che per anni hanno offuscato la bellezza e l’assoluta qualità di una cultura vasta e articolata come quella cinese. Una cultura che al Ba viene esaltata e reinterpretata incessantemente attraverso visioni contemporanee che ne esaltino il carattere sempre contemporaneo. Stile che non si ritrova solo nei piatti ma anche in un ambiente di rara suggestione, in cui la linearità e i toni neutri della Sala sono piacevolmente contrastati da scenografiche macchie di colore rosso rappresentate da elementi di design di grande pregio. Cosa mangiare? Imperdibile la variazione di Dim Sum, la giocosità del Porcino nel Bosco (un bun ripieno di funghi, pepe di Sichuan e tartufo) e la variazione del Singapore Chilli Crab.
ba-restaurant.com

 

GONG E GIULIA
Il 2015 è un anno fondamentale per la famiglia Liu: non solo Claudio viene consacrato nell’universo Michelin, grazie all’ottenimento della Stella; Giulia – la sorella “di mezzo” – apre Gong, arricchendo il ventaglio di ristoranti di famiglia e donando alla città di Milano un locale unico, capace di mettere in relazione la cultura orientale e l’inconfondibile stile della cucina mediterranea. Uno stile peculiare in cui l’equilibrio tra tradizione e innovazione e tra le differenti culture sappiano armonizzarsi in un gioco di incastri e contaminazioni: l’esperimento, perfettamente riuscito, nasce dal desiderio di Giulia di sottolineare con efficacia sia l’aspetto culturale della cucina, che la sua attinenza intrinseca con il concetto di creatività. Attitudine che risulta naturale a Giulia Liu, grazie alla formazione artistica e agli studi nel settore moda: «Da ragazza volevo fare la stilista», ammette Giulia; «penso di aver ereditato la vena artistica da papà che da giovane era intagliatore del legno; credo che questa formazione e predisposizione mi abbia guidato nell’individuare un filo conduttore per quello che dovrebbe rappresentare per me un ristorante al giorno d’oggi». E cos’è dunque il ristorante di Giulia Liu se non un “ponte” capace di unire culture e dimensioni differenti? Un luogo di cui, vi è da crederci, sentiremo sempre più parlare. Tra i piatti imperdibili la Ceviche di spigola all’asiatica, il Raviolo di Wagyu e il Calamaro all’onda asiatica.
gongmilano.it

photo credits © Lucio Elio, ristorante Iyo, ristorante BA, ristorante Gong

di Stefania Buscaglia per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − tredici =

Food Mood

Pic-nic in allegria: i consigli e le 3 ricette per non sbagliare mai

DailyMood.it

Published

on

Adesso che il bel tempo è di fatto dietro l’angolo, a parte qualche piccolo acquazzone improvviso, arriva il momento di tirar fuori dalla credenza il cestino e la tovaglia da pic-nic. Questo perché possiamo finalmente tornare a goderci i classici pranzi al sacco all’aperto, magari approfittando del verde dei parchi e dei prati inondati dai caldi raggi del sole. Però va anche detto che un pic-nic organizzato a regola d’arte richiede di prendere alcuni piccoli accorgimenti.

Consigli per organizzare un picnic perfetto

Si parte ovviamente dalla qualità degli ingredienti, ma anche dalla modalità di conservazione di certi cibi. Intanto mai usare dell’olio di oliva low cost, perché questo ingrediente è fondamentale per i condimenti. In secondo luogo, si consiglia di preferire sempre il tonno in scatola e possibilmente conservato in olio di oliva e non al naturale. Non dimenticatevi poi dell’importanza di condimenti come le cipolle, le olive, i capperi e le acciughe, procedendo sempre all’assaggio delle insalate per evitare sapori troppo forti o sbilanciati.

Si passa poi a qualche consiglio pratico, partendo dalla tovaglia: qualsiasi telo va bene, a patto che sia posizionato sopra una cerata, per evitare di inzupparlo a causa dell’umidità del prato. In secondo luogo, ricordatevi che al cestino va aggiunto anche un box termico, utilissimo per il trasporto del ghiaccio.

Evitate, inoltre, piatti e stoviglie usa e getta: sono molto scomodi per mangiare per terra, inquinano e rappresentano dunque un costo per il portafoglio e per l’ambiente, tanto che saranno presto vietati in tutta Europa. Infine, non dimenticatevi di portare con voi una bella bottiglia di vino: un brindisi in compagnia è quello che ci vuole.

Alcune ricette classiche ma sfiziose

Il mondo è pieno di ricette che si adattano perfettamente ad un pic-nic, ma molte di queste sono a dir poco inflazionate. Per evitare le banalità, è meglio optare per 3 ricette come queste.

Pasta fredda in versione greca: sì alla pasta fredda, assolutamente sì alla versione greca. Un’insalata di pasta come si deve, infatti, dovrebbe possedere degli ingredienti saporiti e particolari, come ad esempio il formaggio feta greco. Anche le olive nere non possono mancare, e lo stesso dicasi per i cetrioli, i pomodorini, la cipolla e la mentuccia: tutti condimenti insoliti ma al contempo molto gustosi.

Piadine multi-gusto per tutti i palati: le piadine sono proprio quello che ci vuole per un buon pic-nic: sono semplici e veloci da preparare, ma anche molto comode da consumare in una situazione del genere. Certo, bisogna pensare a delle ricette in grado di soddisfare tutti i palati, prevedendo dunque la preparazione di diverse piadine. Si parla ad esempio di quelle con speck e robiola, arricchite dalla salsetta all’avocado, oppure delle piadine con cotto, carciofi e formaggio cremoso. Un’ottima soluzione per acquistare tutti gli ingredienti, comprese le piadine, è quella di rivolgersi a nuovi servizi di e-grocery a domicilio come Easycoop, che consentono di fare la spesa tramite il proprio device connesso in rete.

Rotolo di frittata: si chiude con un classico saporito come il rotolo di frittata, una prelibatezza da cucinare al forno usando ingredienti gustosi come la fontina e il prosciutto.

Con l’arrivo della primavera finalmente è tempo di pic-nic e con i consigli e le ricette viste oggi non vedrete l’ora di stendere il vostro telo su un prato verde e gustarvi tutte le delizie che avrete preparato.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Food Mood

Il meglio dell’Emilia gourmet e gluten free

Polici Francesca

Published

on

L’Emilia è una delle regioni più belle e più ricche della nostra penisola. Qua si concentrano il meglio di arte, cultura, moda e soprattutto buon cibo. Tra tutte le regioni italiane, forse, l’Emilia è una di quelle che più di tutte predilige una certa cultura e tradizione culinaria estremamente raffinata – non a caso, il miglior ristorante del mondo si trova proprio a Modena. E, come era naturale immaginare, qui il gourmet si sposa alla perfezione con il gluten free.
Ma, ancora una volta, è necessaria una premessa. Proprio come nel caso della Lombardia, anche l’Emilia vanta un incredibile lavoro da parte dell’A.I.C. regionale (Associazione Italiana Celiachia) degno di nota. Ogni locale con questo marchio è una vera e propria garanzia. Tutto quello di cui dovrete preoccuparvi sarà scegliere dove volete mangiare, sedervi e prepararvi a gustare una delle cene più deliziose di sempre.

Nella scelta dei migliori locali, naturalmente ci pensiamo noi. Qui, trovate i migliori locali di Reggio Emilia, Modena e Parma.

REGGIO EMILIA
Questa bellissima città, oltre ad essere la patria del Parmigiano Reggiano insieme alla vicina Parma, è un piccolo gioiello che vanta un incredibile fermento culturale. Dall’arte alla moda, Reggio non vi deluderà. Noi vi consigliamo di visitarla durante il festival Fotografia Europea che, ogni anno, da aprile a giugno coinvolge ogni angolo della città. E se siete dei “fashion addicted”, non perdetevi gli eventi e le mostre che organizza la Fondazione Maramotti.
Tra una visita e l’altra, ecco due soste gourmet e gluten free:
Cucine Clandestine
Situato in pieno centro, quest’ottimo ristorante di mese in mese vi offre un menù sempre diverso. Il segreto dei gusti genuini, infatti, è usare solo materie prime fresche e di stagione. Scordatevi di mangiare i carciofi ad agosto (e meno male)! Troverete i migliori piatti della tradizione emiliana, tutti anche in versione rigorosamente gluten free, che vi verranno serviti in un ambiente intimo e familiare.
Per iniziare, vi consigliamo una squisita “Terrina di Zucca sfranta”, a cui non potrete non aggiungere degli irresistibili “Tortelli verdi con crema di Parmigiano e Noce Moscata”, vera specialità della casa!
Locale: Cucine Clandestine
Indirizzo: Via dell’Aquila 6 (Reggio Emilia)
Sito: http://www.cucineclandestine.it/

 

• Ristorante La Grattugia
Se siete stanchi del caos cittadino e avete voglia di una fuga romantica in mezzo alla natura, questo è decisamente il posto giusto. Immerso nel verde, all’interno di un bellissimo agriturismo, La Grattugia è forse il miglior ristorante emiliano in assoluto. Qua si respira un’aria fiabesca che non potrà non entrarvi nel cuore. Soprattutto perché finalmente potrete provare i famosissimi “Gnocchi fritti” gluten free. E per regalare un sogno indimenticabile alle vostre papille gustative, provate anche degli “Gnocchetti di patate alle rape rosse con fonduta di gorgonzola e cialde di parmigiano e nocciole”. Non ve ne pentirete!
Locale: Ristorante La Grattugia
Indirizzo: Via Monterampino ,7 (Canali di reggio emilia)
Sito: https://www.facebook.com/lagrattugia/

 

PARMA
Ogni cinefilo che si rispetti dovrebbe visitarla. E, mentre sarete sulle tracce di Bertolucci nei luoghi mitici dei film che più avete amato, concedetevi una bella pausa pranzo Al Petitot.
Non solo parmigiano. Ma anche tortelli in ogni modo (noi suggeriamo di prendere i due classici intramontabili: al parmigiano e in brodo). E, ovviamente, un immancabile culatello con gnocco fritto.
Locale: Al Petitot
Indirizzo: Via Torelli 1/A (Parma)
Sito: https://urly.it/31vpm

MODENA
Anche chi non ama il mondo delle automobili, una volta qui non potrà non visitare il Museo della Ferrari. In fondo, questa bellissima città è famosa in tutto il mondo proprio per questo, senza dimenticare cibo e moda naturalmente – piuttosto, vi ricordiamo che a Modena trovate anche l’amatissima catena di abbigliamento spagnola Blanco!
Da non perdere è l’osteria Stallo del Pomodoro. Situato nella cuore della movida cittadina, in questo locale si coniugano tradizione e modernità. Potrete gustare dei raffinatissimi “Tortelli con grano saraceno, bietole, ricotta, burro e timo”, con qualche forma di Parmigiano offerta in diverse versioni: a cannolo, a mousse e a tortino.
Locale: Stallo del Pomodoro
Indirizzo: Largo Hannover; 63 (Modena)
Sito: http://www.stallodelpomodoro.it/

Per finire, se ne avete abbastanza di tortelli e parmigiano (non ditelo mai ad un emiliano), allora non ci resta che consigliarvi un buonissimo orientale. Sì, avete capito bene. Situato a metà strada tra Reggio Emilia e Modena, troverete a Rubiera il ristorante Shibuya – l’unico orientale certificato A.I.C. in tutta la regione!
Per gli amanti del sushi questo è un vero e proprio paradiso! Assaggerete dei Nigiri ed Hosomaki particolarissimi ed uno più buono dell’altro. Non solo. Potrete gustare anche dei ravioli senza glutine – una rarità nel mondo del gluten free –, la squisita salsa di ostriche e la rarissima salsa Teriyaki marinata. Per non parlare del Sashimi freschissimo, e dei singolari ma ottimi abbinamenti (sushi con mango e fragola). Chiunque ami la cucina orientale dovrebbe provarlo almeno una volta.
Locale: Shibuya
Indirizzo: Via Palmiro Togliatti, 2/3 (Rubiera)
Sito: https://www.facebook.com/Shibuya.Rubiera/

 

A questo punto, non ci resta che augurarvi bon appétit!

di Francesca Polici per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Food Mood

Gourmet e gluten free, i migliori ristoranti di San Diego

Polici Francesca

Published

on

Tra le esperienze da fare almeno una volta nella vita, mangiare a San Diego è sicuramente una di quelle. Sì, perché questa piccola perla della California ospita davvero alcuni dei migliori ristoranti del mondo e, al contrario di quanto si possa immaginare, la cultura culinaria è fortemente sentita. Certo, i “piatti” che possiamo annoverare nella “cucina tipica” del posto non sono molti e alla fine sono sempre gli stessi (proprio come vi abbiamo detto anche parlando dei migliori ristoranti di Los Angeles), ma qui troverete tantissime cucine internazionali provenienti da ogni parte del mondo.

Tra le migliori proposte gourmet e, naturalmente, gluten free al primo posto c’è sicuramente l’ottimo ristorante persiano Bandar. Situato nel cuore di uno dei quartieri più trendy della città, Gaslamp, il locale è estremamente curato in ogni singolo dettaglio. Il menù è molto ampio ed offre tantissimi piatti della tradizione persiana (tra l’altro, il ristorante è frequentato da molti persiani, il che è sempre un ottimo indizio). E, soprattutto, ogni pietanza è realizzata con prodotti biologici e senza glutine. Tutto il ristorante, infatti, è 100% gluten free (ad eccezione del pane che, però, è situato fuori dalla cucina evitando così ogni possibile contaminazione). Il punto di forza di questo locale è proprio quello di saper coniugare uno stile alimentare sano con le migliori tendenze gourmet.

Il prestigioso e sempre affidabile Zagat Survey (una sorta di Trip Advisor dedicato al solo mondo del food), infatti, gli ha assegnato i premi come: Best Service Award Winner; Best Fine Dining Winner; e lo ha nominato come Best Persian, Mediterranean, Ethnic, and International Restaurant.
Tra i piatti consigliati dal bravissimo chef iraniano, ci sono sicuramente quelli a base di agnello (in particolare, non perdetevi il Lamb Shank). Assolutamente deliziosi.

Se amate la cucina orientale, vi infuriate ogni volta che vi trovate di fronte alla scarsa qualità di un banale “All you can eat” e siete alla costante ricerca di un qualcosa di raffinato e ricercato, allora dovrete assolutamente conoscere il rinomatissimo ristorante cinese Del Mar Rendezvous. Questo posto, assolutamente suggestivo, che affaccia proprio sul Pacifico vi farà innamorare in un solo istante. L’atmosfera è ammaliante e rilassante e il menù offre più di cento piatti della migliore tradizione cinese rivisitata in chiave moderna. Ovviamente, tantissime sono anche le opzioni gluten free e vegan, con un personale a dir poco eccellente, capace di venire incontro con estrema professionalità ad ogni esigenza alimentare.
Rendezvous nasce dall’idea del popolarissimo chef Mark “Mau” Sun, che vanta una carriera quarantennale nel mondo della ristorazione. L’obiettivo è quello di rivisitare le più antiche ricette cinesi e orientali con estrema creatività ed audacia, mantenendo sempre un livello di primissima qualità. Ciò che rende davvero unici i suoi piatti, è la capacità con cui riesce a districarsi fra i sapori più tradizionali della sua cultura culinaria e quelli di altre cucine internazionali. Il risultato è un’indimenticabile cena fusion che vi farà letteralmente leccare i baffi.

Per quelli che, invece, trovandosi negli States, non possono rinunciare a mangiarsi una buona steak (effettivamente sarebbe folle farlo!), allora dovrete assolutamente correre a provare le specialità di Greystone Prime Steakhouse & Seafood. Questo è sicuramente il paradiso degli amanti della carne, dove troverete un’incredibile varietà di carni speciali e selvaggina esotica come: alci, bisonti, cinghiali e antilopi. Ma, soprattutto, è la sede dell’unica selezione internazionale di taglio a mano di manzo Wagyu a San Diego. La consistenza di questa carne, talmente morbida da sciogliersi in bocca (e no, non è grazie al burro questa volta!) e un mix di sapori esotici, forti e raffinati vi daranno la profonda convinzione che state assaggiando la miglior steak della vostra vita. D’altronde, Greystone rientra anche nella top 10 delle migliori Steakhouse della California.
Il tutto potrà essere accompagnato da un ottimo cocktail o un’ampia selezione di vini, il cui abbinamento perfetto è prontamente consigliato da un personale eccellente e di indiscussa professionalità. Ancora una volta, gourmet e gluten free con il solo obiettivo di regalarvi non una semplice cena, ma una vera e propria esperienza sensoriale. Così, immersi nella magica atmosfera soffusa nello storico Gaslamp, dopo Greystone avrete la sensazione che nessuna carne sarà mai all’altezza delle vostre aspettative. E, ovviamente, non potrete fare a meno di sognare arditamente di tornarci il prima possibile.

di Francesca Polici per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending