Connect with us

Cine Mood

Tpff, Gisueppe Pedersoli: “Presto un film sulla vita di Bud Spencer”

DailyMood.it

Published

on

La vita di Bud Spencer diventerà presto un film, al momento si sta lavorando alla sceneggiatura che ripercorrerà la vita di Bud prima del suo debutto nel mondo dello spettacolo. Questo l’annuncio che è stato fatto ieri sera da Giuseppe Pedersoli, figlio di Carlo Pedersoli, durante la cerimonia d’apertura del Terni Pop Film Fest – Festival del Cinema Popolare che ha voluto inaugurare la manifestazione ricordando uno dei volti più simbolici del cinema popolare. Ospiti della serata i figli del grande Carlo Pedersoli, Giuseppe e Diamante e il nipote Alessandro Pedersoli, che hanno raccontato non solo alcuni episodi curiosi della carriera del grande attore napoletano, ma anche e soprattutto il lato umano di “Papà e nonno Bud”.

“Non potevamo non cominciare con lui” – hanno spiegato i direttori artistici Simone Isola e Antonio Valerio Spera – “visto che i suoi film hanno segnato quattro generazioni”.

La filmografia dell’artista, infatti, ha saputo travalicare i confini nazionali, rendendo la figura di Bud Spencer una vera e propria icona scolpita nel tempo: “Per noi è quasi come non se ne fosse mai andato” – ha spiegato Giuseppe Pedersoli – “abbiamo riscontrato, anche aprendo una pagina Facebook in suo ricordo, come la gente da tutto il mondo lo senta come uno di famiglia. Lui diceva sempre di non essere un attore, dopo molti anni ho capito il senso di quella frase. Lui sul set non interpretava nessun personaggio, era esattamente come era nella vita”.

Nostro padre usciva dallo schermo” – ha continuato Diamante Pedersoli – “con la sua simpatia, la sua passione, aveva sempre un sorriso per tutti”.

Particolarmente toccane l’intervento di Alessandro Pedersoli, il nipote di Bud: “Mi sono abituato a vedere mio nonno come Bud Spencer soltanto negli ultimi anni perché nei film c’era quasi quella stessa quotidianità che vedevo ogni giorno. Poi ho iniziato a capire perché fosse così amato nel mondo e la risposta l’ho trovata nella sua autenticità. Anche quando viaggiava in aeroporto si fermava sempre a parlare con le persone che lo chiamavano, diceva che in fondo il suo successo dipendeva da loro”.

Giuseppe Pedersoli ha poi raccontato il passaggio dalla carriera di campione di nuoto a quella di attore: “lui non voleva fare l’attore, poi si è creata una grande alchimia con Terence Hill e come per magia è nato tutto all’improvviso. Nel ’67 Giuseppe Colizzi, che ha sempre ammirato mio padre come sportivo, per il suo film cercava un uomo grande, particolarmente prestante e che avesse dimestichezza con l’acqua per salvare il personaggio che poi è stato affidato a Terence Hill. Per altro, anche il ruolo di Terence fu una coincidenza, l’attore che doveva interpretare il suo ruolo la sera pima si era infortunato dopo un litigio con la fidanzata e solo allora è subentato a Terence. È stato proprio da quel film che è nata la coppia che ha segnato intere generazioni. Ma, soprattutto, è nata una profonda amicizia”. Un legame basato sulla condivisione degli stessi valori morali, in primis quello della famiglia. “Ricordo quando Terence venne a casa nostra per gli ottant’anni di nonno a mangiare gli ‘Spaghetti alla Maria’, che era il piatto preferito di entrambi, erano così uniti…” ha aggiunto il nipote Alessandro.

Nella seconda parte della cerimonia, invece, è stato conferito il Premio “Bud Spencer – Next Generation” al giovane attore Marco D’Amore perché: “Nel suo giovane percorso artistico, Marco D’Amore ha evidenziato talento e passione per il proprio lavoro. Virtù che ha trasferito nei suoi personaggi, sì popolari ma mai banali, che non offrono consolazione al pubblico ma pongono domande e riflessioni profonde. Il nostro premio riconosce inoltre in lui un sincero e autentico bisogno di rinnovarsi attraverso nuovi ed originali progetti”.

L’attore non è potuto venire a ritirare il Premio di persona a causa di impegni lavorativi, ma ci ha tenuto a mandare un video-messaggio di ringraziamento alla Direzione artistica del festival e, soprattutto, alla famiglia Pedersoli.

I premi sono stati consegnati e realizzati dall’artista ternana Lauretta Barcaroli.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − undici =

Cine Mood

Spider-Man: far from home. L’amichevole Spider-Man di quartiere diventa leader?

Published

on

È molto stano vedere l’Uomo Ragno volteggiare, invece che tra i grattacieli di New York, tra i canali di Venezia. Ed è ancora più strano non vederlo quasi mai nella sua classica tuta da supereroe rossa e blu, ma, in borghese, con i panni da studente di Peter Parker. O con una tuta completamente nera. Lo avrete capito, Spider-Man: Far From Home, che segue di due anni Spider-Man: Homecoming, in uscita nelle nostre sale il 10 luglio, il secondo film del nuovo corso, quello con Tom Holland come protagonista e Jon Watts alla regia, è un film molto particolare. Ecco perché.

Spider-Man: Far From Home è il film che, svolgendosi immediatamente dopo i fatti di Avengers: Endgame, chiude la terza fase del Marvel Cinematic Universe e, di fatto, è anche un ponte verso la fase 4 di cui sappiamo ancora pochissimo, ma dove niente sarà come prima. A proposito, l’avvertenza è di vedere Spider-Man: Out Of Home dopo aver visto Avengers: Endgame, appena tornato nelle sale, se vi appassionano le vicende degli Avengers. Se invece volete solo seguire la storia dell’Uomo Ragno, non c’è problema. L’inizio di Spider-Man: Far From Home si ricollega proprio al finale dell’ultimo film degli Avengers. Da un lato si parte con un commiato ai caduti nelle vicende che hanno portato alla definitiva sconfitta di Thanos. Dall’altra si spiega il paradosso del ritorno, cinque anni dopo, delle persone eliminate con lo schiocco di dita da Thanos in Avengers: Infinity War. Lo chiamano il blip, e il paradosso è dato dal fatto che il ritorno di queste persone avviene cinque anni dopo: così, a scuola, alcuni ragazzi, tra cui Peter Parker, trovano i loro coetanei cresciuti di cinque anni. Spider-Man: Far From Home, dopo aver spiegato la cosa, coglie l’occasione per scherzarci su, e inserire il “problema” in uno dei filoni del film, che è quello sentimentale: Peter Parker è innamorato di MJ (Zendaya), ma a corteggiarla c’è anche un altro ragazzo che, a causa di tutto questo, ha cinque anni più di Peter…

Da un aspetto come questo potete capire che, pur lasciando un momento di commozione all’inizio, pur spiegando i paradossi temporali nati dalle vicende degli Avengers, Spider-Man: Far From Home è soprattutto il sequel di Spider-Man: Homecoming. E, come tale, continua a raccontarci le storie di Peter Parker con quel mood tutto particolare, che è lontano dai film più cupi e seriosi dal Marvel Cinematic Universe ma anche dalla comicità più spinta e irriverente di film come Thor: Ragnarok o dei Guardiani della galassia. Il nuovo Spider-Man è la storia di un supereroe che ha i toni di un teen-movie, ma di quelli della miglior qualità: il nume tutelare, qui come nel film precedente, è John Hughes, autore di film come Breakfast Club, Sixteen Candles e Bella in rosa, un regista che Kevin Feige, in fase di brief per Spider-Man: Homecoming, aveva indicato come modello da seguire. Rispetto al film di due anni fa, senza la scuola e il ballo di fine anno, i riferimenti sono meno evidenti, ma l’atmosfera rimane quella: qui vediamo Peter, MJ e i compagni di scuola in gita in Europa (Venezia, poi Praga e Londra), seguiti da Nick Fury (Samuel L. Jackson) e altri agenti dello SHIELD. C’è un pericolo per l’umanità, gli Elementali, degli esseri che riescono a manipolare i quattro elementi, e Spider-Man dovrà affrontarlo insieme a un eroe che dice di essere arrivato da un mondo parallelo, e che viene chiamato Misteryo (Jake Gyllenhaal, una vera sorpresa).

Servirebbe un supereroe, un Iron Man. E invece il nostro Peter Parker si sente solo “un amichevole Spider-Man di quartiere”, un eroe ancora da piccole dimensioni e da piccoli incarichi. Da grandi poteri derivano grandi responsabilità, ci insegna da sempre la Marvel e, al di là della confezione teen, il nuovo Spider-Man riflette anche su questo. Come il film che l’ha preceduto, anche questo ci parla di imperfezione, di inesperienza, impreparazione, ma anche ingenuità. Un ragazzo che scambia gli AC/DC per il Led Zeppelin (quando, nel film, parte Back In Black e si chiude un cerchio iniziato più di dieci anni fa con il primo Iron Man) è un ragazzo ancora molto giovane, e avrà ancora molto da imparare. Nel gestire i suoi poteri, ma anche le sue doti di leadership, e nell’imparare a fidarsi delle persone giuste.

Spider-Man: Far From Home è anche un film di inganni e fiducie mal riposte, di montature mediatiche e fake news in grado di ribaltare la realtà. Ci arriviamo per gradi, e lo capiamo a metà film (ma completamente, attenzione, solo dopo le scene post credits), mentre ci rendiamo conto che il nuovo Spider-Man non è affatto il film a cui credevamo di stare assistendo, ma qualcosa di molto più profondo e attuale. Quando sentiamo la frase “la gente ha bisogno di credere e, di questi tempi, crede in qualsiasi cosa”, capiamo che Spider-Man si muove nel mondo di oggi, mediatico e politico, dove distinguere il vero dal falso è sempre più difficile, e sempre più persone approfittano di tutto questo. Spider-Man: Far From Home è un film costruito abilmente, sorprende più volte con twist inaspettati e nasconde un’anima molto meno leggera di quello che la confezione teen farebbe presupporre. Il finale ci lascia sorpresi, ci dà molti spunti per pensare al mondo di oggi. E, soprattutto, ci fa avere ancora più voglia di assistere alla prossima avventura dell’Uomo Ragno e agli sviluppi dell’Universo Marvel.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

Elle Fanning a Giffoni per l’anteprima nazionale di TEEN SPIRIT

DailyMood.it

Published

on

ELLE FANNING arriva alla 49esima edizione del Giffoni Film Festival, lunedì 22 luglio, insieme all’anteprima nazionale di Teen Spirit – A un passo dal sogno. Il film, esordio alla regia di Max Minghella, sarà nelle sale italiane il prossimo 29 agosto distribuito da Notorious Pictures.

Ispirato alla contemporaneità, in cui a volte basta poco per ottenere il successo, il film sarà presentato proprio dalla sua protagonista, che incontrerà i jurors nella Sala Truffaut. Elle Fanning sarà premiata anche con il Giffoni Experience Award.

Il lungometraggio, esordio alla regia dell’attore Max Minghella (The Social Network, The Handmaid’s Tale), che ne firma anche la sceneggiatura e la produzione esecutiva, racconta le aspirazioni di un’adolescente e la caparbietà nel realizzarle. Violet, sedici anni, sogna di fare la cantante e vive da sola con sua madre che ha difficoltà ad arrivare a fine mese. Quando scopre che sono aperte le audizioni per il talent show Teen Star, partecipa nella speranza che sia il punto di partenza per la sua carriera da cantante. Dopo qualche difficoltà iniziale, riesce ad arrivare in finale e a vincere. La sua voce conquista tutti e realizza il suo sogno diventando una star.

Al cinema dal 29 agosto.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

Juliet, Naked: il libro di Nick Hornby diventa un film con Ethan Hawke

Published

on

Avevamo viaggiato dall’America a Minneapolis per visitare dei gabinetti”. Inizia così Tutta un’altra musica, il romanzo di Nick Hornby che arriva finalmente, come tutti i suoi libri, al cinema, con il titolo Juliet, Naked – Tutta un’altra musica, che è anche il titolo originale del libro. Il film inizia invece con un video di Duncan, professore universitario di cinema e fan di un misterioso artista, Tucker Crowe, che si rivolge all’appassionata community dei suoi fan. Sono poco più di duecento, ma sono ossessionati da Tucker: oltre vent’anni prima era scomparso nel nulla, nel bel mezzo di un concerto, proprio dopo essere andato in bagno in quel locale. E quel disco di culto, Juliet, nato dalla rottura con la donna di cui era innamorato, era rimasto il suo ultimo lavoro. Un po’ come un J.D. Salinger della musica indie, o come un Jeff Buckley senza quel finale tragico. Duncan vive con Annie da 15 anni. Non hanno figli. E lei è consapevole di aver vissuto tutto questo tempo con qualcuno che è innamorato di un altro uomo. Quell’uomo, ovviamente, è il fantomatico Tucker Crowe.

Juliet, Naked è uno di quei film che partono già con un grande vantaggio. Si chiama, ovviamente, Nick Hornby. Ogni libro dello scrittore di Alta fedeltà e Febbre a 90° è diventato un film, e la scrittura dell’autore inglese è perfetta per diventare cinema. È brillante, avvincente, pop, e riesce a cogliere negli esseri umani quelle piccole debolezze che fanno parte di ognuno di noi. Il che permette, se non di identificarci, di essere in qualche modo vicini ai protagonisti. Quelli di Hornby sono un po’ indolenti, un po’ stronzi, passionali e maniacali per alcune cose, distratti e poco impegnati per molte altre. Anche Duncan (Chris O’Dowd) è uno di questi. In più, per chi di noi è un fan di qualche band o qualche artista, riesce a ricordarci qualcosa di noi, quel pizzico di follia e ossessione che abbiamo nel rapportarci con il nostro idolo, e di vedere cose che solo noi vediamo. Nella curiosa storia di Juliet, Naked il tranquillo (noioso?) menage di Duncan ed Annie (Rose Byrne) viene sconvolto dall’arrivo di un demo. Si chiama Juliet, Naked (da qui il titolo del film) ed è la versione spogliata (solo voce e piano o chitarra) di quel mitico disco di vent’anni prima. Accade così che Duncan lo ascolti e lo recensisca sul suo blog. E che Annie, evidentemente esasperata, o solamente sincera, nei commenti scriva una recensione negativa del disco. E che venga contattata via e-mail da Tucker Crowe (Ethan Hawke) in persona, e che questo le dia ragione. Da lì è destinata a nascere una corrispondenza epistolare dagli esisti sorprendenti.

Abbiamo detto che un film tratto da un libro di Nick Hornby parte già in vantaggio. Però poi una pellicola ha il compito di tradurre in immagini tutto quello che abbiamo immaginato. Jesse Peretz prima di essere un regista è stato un musicista, ha suonato nei Lemonheads, una band che ha fatto parte di quella scena rock anni Novanta che qui viene evocata. E ha il pregio di aver costruito intorno a Tucker una sovrastruttura musicale, fatta di immagini e canzoni, che rende credibile la storia. Il suo team è riuscito anche a mettere in scena quella cittadina inglese sul mare (così diversa dalle metropoli che di solito frequenta il cinema) narrata da Hornby alla perfezione. E di aver dato un background a Tucker, mostrando la sua vita e la sua famiglia in America, mentre nel libro tutto è evocato solo dalle sue parole nelle e-mail. Ne viene fuori un film estremamente fedele al libro di Hornby, eppure anche nuovo, più movimentato, con grandi gag (vedi la ricerca delle batterie, o l’incontro in spiaggia tra Tucker e Duncan), con un’attenzione diversa al rapporto tra Tucker e i suoi figli, e un bilanciamento maggiore tra i tre protagonisti: nel libro tutto è più spostato verso Duncan, che è il personaggio in cui Hornby, chiaramente, si identifica.

I tre protagonisti ci appaiono leggermente diversi da come ce li eravamo immaginati. Duncan è più buffo, più comico di quello che traspare dalle pagine, e gran merito va all’espressività di Chris O’Dowd. Annie è più attraente, più giovane, più vitale. È un vero piacere vederla con le fattezze di Rose Byrne, bellezza dolce e garbata, attrice espressiva che è adorabile anche quando, come spesso accade qui, è acida. Quanto a Tucker Crowe: beh, è Ethan Hawke, e basterebbe dire questo. Più giovane, più affascinante del Crowe del libro, riesce a dare un’anima particolare al personaggio e, di fatto, a tutto il film. Per sua stessa ammissione, è come se il Troy di Giovani, carini e disoccupati, che cantava in una band, fosse scomparso per vent’anni e ricomparso in questo film. Con lui nel cast, anche la storia di Hornby trova una luce nuova.

Juliet, Naked è una storia di pieni e vuoti. Chi non ha figli e vorrebbe, come Annie, e chi ne ha troppi e non riesce ad avere un rapporto con loro, come Tucker. Chi ha una compagna, come Duncan, ma in fondo non è interessato alla sua vita, e chi, come Tucker, è solo ma con questa persona ha una sintonia particolare. Juliet, Naked è un film delizioso, stratificato, a più facce: potreste vederlo come una commedia romantica, ma quelle di Hornby non sono mai commedie romantiche, sono pezzi di vita in cui l’amore si mescola a molte altre cose. Potreste vederlo come un film sulla musica, e le passioni che scatena. Juliet, Naked è anche questo. E ci dice che i nostri miti invecchiano e cambiano. E che loro stessi non si vedono assolutamente come li vediamo noi.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending