Connect with us

Millennials Mood

Millenial apre i battenti

Gian Marco Ragusa

Published

on

Rubrica era in origine la terra di color rossastro (simile a quella dei campi da tennis, per intenderci), sulla quale, passo dopo passo, si poteva costruire una maratona, una strada, un progetto. Essa prendeva il nome dal proprio colore – ruber, “rosso”, colore di una pietra chiamata rubino, e, nei testi antichi, dei titoli delle parti in cui un libro era ripartito. Quei titoli, allo stesso modo della terra prendevano il nome dal colore; e, della terra, prendevano la propria denominazione. In questo caso il libro s’intitola Dailymood: racconta di tutto ciò che è mood, che letteralmente significa umore, stato d’animo, ma è utilizzato in lingua anche per distinguere un clima sociale. E lo fa tutti i giorni, perché ogni giorno con un soffio di vento cambia il clima, e con esso, l’umore e le tendenze delle persone. Questa rubrica è solo la prossima pagina di un libro ormai letto e affermato.
Una pagina nuova; e se andiamo a cercare nella profondità anche di questo aggettivo troviamo che in latino, il termine novus aveva, tra le altre, un’accezione particolarmente positiva: “straordinario”, inteso come extra-ordinario, fuori da ciò che è comune a tutti; leggerete qualcosa di diverso: la voce di un giovane che narra dei giovani di ieri e di oggi, di ciò che riguarda loro, dell’aria che tira tra loro.
Il nome rubrica, in questo caso, conterrà al suo interno entrambi i significati originali di cui abbiamo parlato: sarà per prima cosa la terra rossastra su cui poter costruire qualcosa di bello, e questa è la prima tappa; un antico proverbio diceva che tutte le maratone si corrono passo per passo; poi, sarà una delle partizioni del libro, una piccola stanza di questa grande casa. La sfida sta nel renderla ricca di particolari, arredata e luminosa; se questo avverrà, sarà grazie ai padroni di casa, e soprattutto a chi verrà a trovarci.
«Non ci sono più i giovani di una volta» è una provocazione sentita e recitata, da chi giovane lo è e da chi lo è stato; sembra ripetersi di generazione in generazione, come se tutti pensiamo di esser migliori di chi viene dopo, di aver dato il massimo possibile, o ancora di più. Forse lo pensiamo, ma con niente in mano, senza analizzare i tempi che cambiano, e soprattutto che noi e il nostro prossimo cambiamo con essi. Scriveremo di questo, scriveremo di noi.
Millenial sarà il titolo della rubrica e ne sarà anche il soggetto. Sarà accompagnato dai suoi vizi e dalle sue virtù, dalle sue tendenze e dalle sue peculiarità. Millenial sarà il nome sul campanello che aspetta solo voi. Le porte sono aperte: prendete, e leggetene tutti.

di Gian Marco ragusa per DailyMood.it

3.5 Users (3 voti)
Criterion 13.5
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + due =

Millennials Mood

Sulle serie tv, ovvero le storie a puntate

Gian Marco Ragusa

Published

on

Chissà chi avrebbe mai immaginato che le dita potessero avere il potere che oggi hanno, che con un dito si potesse essere in contatto col mondo. Oggi in un click, in un touch, si può vedere cosa sta facendo un amico a mille chilometri di distanza, ci si può comunicare; si può verificare il saldo del proprio conto in banca, e perfino accendere le luci di casa, aprire l’auto. Chissà chi avrebbe mai immaginato che con le stesse dita con cui impugniamo una penna o lo spazzolino da denti potessimo connetterci (che è parola bella, significa unirci insieme) con il mondo intero, senza nemmeno intrecciarle in una stretta di mano. Le dita sono il mezzo con cui rispondiamo a moltissime delle nostre esigenze perché, anche prima dell’avvento tecnologico, erano le estremità che connettevano l’uomo al mondo: per prendere qualcosa e portarsela vicino, son sempre state fondamentali, o quasi. L’esigenza di essere connessi al mondo reale, però, viaggia di pari passo a quella di conoscere altri mondi, altre storie. Le serie tv, oggi, sono una risposta a questa esigenza di immedesimarsi nella pelle di altre persone, di tessere vicende magari assurde, iperbolizzate o fantascientifiche.

Una volta, le series erano catene di oggetti strettamente legati tra loro; se vogliamo andare più in profondità, il verbo serere significa intrecciare. Come spesso accade, si può riuscire a capire di cosa si sta parlando soltanto scoprendo il significato del nome: le serie tv, infatti, sono storie, trame, intrecci, divise in puntate che hanno un filo conduttore. Questa divisione fa crescere l’attesa, immaginare come possa andare avanti, tanto che poi si rimane contenti oppure, a volte, male. Per quanto possano essere considerate un passatempo effimero, anche esse rispondono a un’esigenza prevalentemente giovanile: incarnarsi in persone simili, con domande simili. Da Friends a Grey’s Anatomy, da Happy days a Thirteen reasons why, negli ultimi decenni migliaia giovani si sono immedesimati nei personaggi visti in tv, e nelle loro mille peripezie.

Non tutti però sanno che l’idea di tessere (la parola ‘testo’ deriva, in fondo, da qui) trame, puntata dopo puntata, per suscitare l’interesse del pubblico, dare un modello da imitare, non è così recente. Erano gli anni ottanta dell’Ottocento quando Carlo Lorenzini (famoso poi con lo pseudonimo di Collodi), pubblicava le storie di un burattino chiamato Pinocchio. Talmente alto fu il clamore, che il capitolo XV (designato dall’autore come ultimo) in cui il burattino moriva impiccato, destò le proteste dei piccoli lettori, e l’autore fu convinto a continuare la storia e a darle un finale diverso. Da lì nacque poi il libro, e la favola che tutti conoscono.

Oggi come ieri, basta un dito anche per vivere altre storie: per scriverle, riprenderle… o, come tutti noi facciamo, per schiacciare play.

di GianMarco Ragusa per DailyMood.it

Copertina by Designed by Freepik

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending