Connect with us

Celebrity

Venezia 74: i migliori look da Red Carpet

Polici Francesca

Published

on

Venezia è sempre Venezia e ogni anno con il suo scintillante tappeto rosso ci regala sogni ed emozioni. Le più grandi star di tutto il mondo, durante uno degli appuntamenti annuali più glamour ed attesi della stagione, attraversano il tanto ambito red carpet, sfoggiando elegantissimi abiti che fanno girare la testa. E, in questa 74a edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, le dive si sono veramente superate.

Molti sono gli abiti e i look che hanno saputo farsi notare tra charme ed eleganza. Ma una classifica dei migliori abiti al femminile, per quanto difficile, è assolutamente necessaria. Vediamo quindi i migliori look da red carpet che Daily Mood ha selezionato per voi.

Partiamo subito da una delle giurate più attese, Jasmine Trinca che con il suo fascino sbarazzino ha sfoggiato una raffinatissima jumpusuit blu di raso firmata Prada, abbinata a decolté dalle stesse tonalità cromatiche ed impreziosita da gioielli Tiffany & Co.

Un’apertura in grande stile anche per la Top Model Bianca Balti che invece ha optato per un outfit low cost e total white del brand OVS. L’ascendenza orientale del suo soprabito a kimono su vestito corto ha scatenato i flash impazziti dei fotografi, completamente ammaliati dal fascino della modella.

Sceglie invece il lungo Alessandra Mastronardi, che sembra uscita direttamente da un ritratto degli anni Sessanta con la sua raffinatissima acconciatura vintage. L’attrice incanta con l’abito a sirena viola dell’edizione limitata di Alba Ferretti. Un look estremamente pudico ma di un’eleganza sopraffina – da notare la lunga collana che spezza il minimalismo dell’abito.

Raffinatezza e bellezza d’altri tempi anche per Vittoria Puccini – complice il ruolo a lungo interpretato nella popolarissima serie tv Elisa di Rivombrosa che tanto l’ha fatta amare dal pubblico e che, ancora oggi, le concede quell’alone di fascino antico. L’attrice ha scelto un bellissimo abito nero dotato di ricami e trasparenze di Valentino – perfettamente in regola con le tendenze della prossima stagione.

Ma la vera regina d’eleganza non può che essere la straordinaria Jane Fonda che, nonostante la sua veneranda età, non smette di dare lezioni di classe. Indimenticabile il suo abito nude in tulle di Marchesa, ricoperto di fiori azzurri e cristalli. Una vera e propria icona di stile assieme al tanto amato Robert Redford che l’ha accompagnata sul red carpet.

Scintillante e sexy più che mai Micaela Ramazzotti con il vistosissimo abito nero in pallette firmato Prada. Un outfit che è una carica esplosiva di sensualità, esaltato anche dall’audace scollatura sulla schiena. Ma in quanto a sensualità non c’è che l’imbarazzo della scelta. Infatti, se la Ramazzotti scopre la schiena, Penelope Cruz – icona del cinema spagnolo – mostra uno spacco vertiginoso sulle sue lunghe e perfette gambe, su cui cade impeccabilmente l’abito dalla gonna di piume di Atelier Versace.

Frange scintillanti anche per Julianne Moore che con i luminosissimi riflessi argentati del suo abito Valentino conquista la scena.

E ancora vintage con i pois neri sul romantico abito rosa a balze e ricamo floreale firmato Rodarte, indossato magnificamente dalla biondissima e radiante Kirsten Dunst.

Per finire, poi, i look ispirati alle principesse. Su tutte, Jennifer Lawrence con il suo splendido abito Christian Dior dall’elegantissimo corpetto che si allarga sulla vita, fino a diventare una gonna larga. A seguire, Giulia Bevilacqua con il vestito di seta verde acqua di Philosophy by Lorenzo Serafini.

Insomma, un red carpet di gran classe quello di quest’anno. Ma d’altronde si sa, Venezia è sempre Venezia.
Photo Credits: @MatteoMignani
                         ©La Biennale di Venezia – Foto ASAC

di Francesca Polici per DailyMood.it

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + 5 =

Celebrity

Maria Grazia Cucinotta: “Mizzica, sono 50!”

Polici Francesca

Published

on

Sembra ieri, quando per la prima volta Maria Grazia Cucinotta è entrata nei nostri cuori con un’indimenticabile interpretazione al fianco del grande Massimo Troisi ne Il postino. Invece, sono passati ben ventiquattro anni e da allora ne ha fatta di strada la bella messinese, diventando una vera e propria diva italiana. Attrice, regista e produttrice, Maria Grazia Cucinotta è un’icona dello spettacolo italiano (e non solo) e, proprio qualche giorno fa, ha festeggiato i suoi cinquant’anni nella splendida cornice romana di Villa Appia Antica con gli amici di sempre. “Mizzica, sono cinquanta!”, ha ironizzato al suo arrivo in uno splendido abito d’oro di Myriam Maraziti che l’ha fatta brillare ancora di più.

Il party esclusivo – organizzato dall’amico Andrea Riccio – è stato un vero e proprio inno alla Sicilia. Cannoli, maioliche e limoni per una festa intitolata, non a caso, #Mizzica50. La serata era stata pensata come una sorpresa, fortemente voluta da Riccio – ben noto nello star system dove organizza favolosi eventi con il suo Wedding Solution. E, nonostante la Cucinotta avesse intuito qualcosa, entrare nella splendida villa sulle note de Il Postino è stata comunque un’emozione unica. Sentiamo cosa ci ha raccontato.

DailyMood.it: Maria Grazia come è stata questa sorpresa e cosa hai provato?
Maria Grazia Cucinotta: Entrare qui sulle note de Il postino con lui [Andrea Riccio] che mi guardava è stato un qualcosa di indescrivibile. A un certo punto mi sono detta: ‘Adesso piango!’. Ovunque mi giro vedo facce che sono venute a festeggiarmi e che mi emozionano. È una festa meravigliosa ed io sono davvero troppo emozionata per parlare. Posso solo dire, grazie. Grazie di cuore.

DM.: In cinquant’anni ti sei cimentata in moltissimi ruoli. Sei attrice, regista e produttrice, ma dove ti senti più a tuo agio?
MGC: Da donna direi un po’ tutto. È stata un’evoluzione, una crescita. Mi metto sempre alla prova, lo faccio tutti i giorni e spero di riuscire a continuare a fare questo lavoro. È logico quando si cresce tutto evolve, quindi la regia e la produzione sono un po’ il futuro perché cerchi di mettere in pratica tutta la tua esperienza.

DM.:E da donna ti chiediamo: come ti poni rispetto a quello che sta accadendo nel mondo dello spettacolo sulla scia del movimento #Metoo?
MGC: Penso che è giusto e doveroso denunciare. Non si deve aver paura, bisogna mettere da parte il timore di non lavorare più. Non è vero, si continuerà a lavorare lo stesso ma dobbiamo avere il coraggio di ribellarci e di dire no.

DM.:Un bilancio di questi primi cinquant’anni?
MGC: Non si tratta di un vero e proprio bilancio. Sono felice perché ho vissuto ogni attimo della mia vita. Ho fatto trentadue incredibili anni di carriera che non avrei mai neanche sognato. Sai il successo ti arriva, però mantenerlo per così tanto tempo è davvero un traguardo. Questo è un giorno importante per me non solo per i cinquanta, ma perché sono circondata dalle persone che mi hanno voluto veramente bene e che mi stimano. Persone che ci sono sempre state e che spero continueranno ad esserci.

DM.: Cinquant’anni e dieci di questi vissuti negli States. Perché hai decido di tornare in Italia?
MGC: Perché volevo che mia figlia, la mia ragione di vita, crescesse e vivesse in Italia che, nonostante tutto, continua ad essere un paese straordinario. Personalmente, poi, sono sempre stata molto legata alle mie origini. Credo sia fondamentale non dimenticarsi mai da dove si viene.

DM.:Prima di salutarti e augurarti buon compleanno, ti chiediamo quello che vorrebbero chiederti moltissime donne… Qual è il segreto della tua bellezza?
MGC: Ridere, ridere sempre.

E allora, tanti auguri Maria Grazia Cucinotta!

di Francesca Polici per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Celebrity

I migliori look del Royal Wedding

Polici Francesca

Published

on

Si è appena concluso l’evento più romantico dell’anno, quello che tutti aspettavamo e che ha tenuto incollati davanti alla tv migliaia e migliaia di spettatori da tutto il mondo. Il fatidico sì del Principe Harry e della bellissima e “ribelle” Meghan Markle che con la sua dolcezza e semplicità ha spazzato via arcaici codici nobiliari.

Il Principe Harry e Meghan Markle (Credits Getty Images)

Ma ad attendere questo grande evento non erano solo gli inguaribili romantici ma anche le fashion addicted, desiderose di scoprire i look degli invitati e ovviamente della sposa. E allora partiamo proprio da lei che, come nel suo stile, ha spiazzato tutti. A discapito di ogni aspettativa, mentre ci aspettavamo di vedere un abito firmato dal duo Ralph&Russo, la Markle ha lasciato tutti a bocca aperta scegliendo invece un abito Givenchy della designer britannica Clare Waight Keller – d’altronde, come darle torto? In una nota ufficiale della Royal House, infatti, la neosposa ha dichiarato di aver scelto la Keller per la sua “estetica senza tempo ed elegante, la qualità sartoriale impeccabile e il mood rilassato”.
A colpire è stata soprattutto la silhouette dell’abito in seta, estremamente semplice e di un’eleganza sopraffina. La scelta della scollatura a barca che scopre le spalle, infatti, spezza il minimalismo dell’abito che definiremo quasi scultoreo, ma lo fa con gran classe e inserendo un elemento di brio in un perfetto equilibrio. Indimenticabile poi il velo, lungo ben cinque metri con ricami a mano che rappresentavano i cinquantatre paesi appartenenti al Commonwealth con uno speciale omaggio a Kensington Palace e alla California, per non dimenticare le proprie origini. Il tutto, come da tradizione regale, adornato dalla tiara Queen Mary e gioielli Cartier.

Ma anche gli invitati al Royal Wedding hanno saputo farsi notare per eleganza e sobrietà. Partiamo dalla famiglia reale, la menzione speciale va senza dubbio alla Regina Elisabetta in un completo verde acido di Oscar De La Renta, con tanto di dettaglio viola sul copricapo, chapeau! Anche la mamma della sposa, Doria Ragland, ha scelto la stessa maison della regina, optando però per un verde più pastellato. Ovviamente, Kate Middleton non poteva non scegliere un abito del suo brand preferito – lo stesso che l’ha vestita per il suo matrimonio – Alexander McQueen. Al contrario di quanto si è vociferato, non è lo stesso indossato in occasione del battesimo di Charlotte, anche se molto simile nello stile e nelle sfumature cromatiche. Il vero dettaglio di stile è il cappello di Philip Treacy e le decolleté nude di Jimmy Choo.

A farsi notare anche una delle coppie più attese, George Clooney e sua moglie Amal

Amal Alamuddin Clooney in Stella Mc Cartney e George Clooney(Credits Getty Images)

Alamuddin. Lei in un elegantissimo total yellow di Stella McCartney e un elaboratissimo copricapo con retina trasparente – come da miglior bon-ton regale.

Ma c’è poco da fare, la coppia più bella (dopo gli sposi naturalmente) rimangono loro, i Beckham. L’ex Spice ha scelto ancora una volta il blu navy – proprio come aveva fatto per il matrimonio di William e Kate – con un tailleur destrutturato della sua linea. Da notare il dettaglio delle maniche tagliate e la chiusura al collo, un vero tocco di classe. Ottima anche la scelta del decolleté rosso che spezza il rigore dell’outfit. Sul suo consorte, c’è poco da dire… Il completo Dior esalta ancora di più la sua bellezza!

Immancabile Elton John, molto vicino alla famiglia reale e intimo amico di Lady Diana, che si fa notare con i suoi occhiali: montatura Gucci che recita letteralmente “Cieco per amore”.

Attesissimi poi gli attori del cast di Suits, la celebre serie tv che ha reso tanto famosa la sposa. Patrick J. Adams (che interpreta il ruolo del marito di Meghan nella serie tv), è arrivato accompagnato dalla moglie Troian Bellisario (star di Pretty Little Liars). Lui in completo Canali e lei in un abito rosa cipria molto sobrio.
Gina Torres, invece, ha optato per una fantasia floreale, mentre Sarah Rafferty ha seguito l’esempio della Beckam e ha scelto un bellissimo abito blu navy con elaboratissime maniche a pipistrello di Lanvin.

La tennista Serena Williams, intima amica della sposa, invece, ha optato per un rosa antico di Atelier Versace. Bravo anche l’atleta paraolimpico David Henson che ha sfoggiato un coraggiosissimo outfit che ostentava con orgoglio la sua disabilità.

Insomma, un matrimonio degno delle migliori favole. Ma se volete scoprire tutti i look, allora sfogliate la nostra gallery!

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Celebrity

Sacro e profano: i migliori look del Met Gala 2018

Polici Francesca

Published

on

La moda torna ad animare le vie della Grande Mela con uno degli appuntamenti più fashion dell’anno: il Met Gala di New York che giunge alla sua settantesima edizione. Il tema di quest’anno (“Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination”), ci ha regalato un red carpet assolutamente sorprendente dove l’estro creativo degli stilisti ha dato il meglio di sé.

Sacro e profano si sono alternati in una gioiosa ed eccentrica sfilata nella bellissima cornice architettonica del Metropolitan Museum of Art. E le star hanno interpretato alla lettera il tema della serata, sfoggiando look costernati di oro, perle ed espliciti riferimenti sacri. C’è chi ha preferito look più sobri, oseremo dire quasi angelici e celestiali, chi invece – come di consueto – ha voluto ostentare look più barocchi, a tratti quasi blasfemi. Ma, certamente, tutti gli outfit si sono dimostrati all’altezza della serata, dando prova di estrema originalità.

Tra i brand più gettonati e amati dalle star: Versace, Dolce & Gabbana, Ralph Lauren e Louis Vuitton. Ma la vera sorpresa è stata rivedere un brand bandito da tempo dalle celebrities: Marchesa che è passato dall’essere protagonista di ogni red carpet all’oblio totale, in seguito

Scarlett Johansson in Marchesa (Credits Getty Images)

allo scandalo che ha investito il marito della stilista Harvey Weinstein. A indossarlo, sdoganando così per la prima volta il marchio, è stata l’attrice Scarlett Johansson che ha scelto un bellissimo abito porpora in tulle con gonna sfumata sul rosa cipria e spalle scoperte – creando un look estremamente dolce e romantico.

A scegliere una tonalità cromatica similare è stata anche Blake Lively che ha optato per un abito color bordeaux di Versace Atelier, arricchito di cristalli incastonati con lungo strascico.

Rosso fuoco invece per Anne Hataway che ha scelto un voluminosissimo Valentino Haute Couture dall’eleganza innata, e per la star della serie tv già diventata un cult 13 Reasons Why Katherine Langford che, invece, ha scelto un lungo abito di Prada che l’ha fatta sembrare una vera principessa dell’antichità.

C’è chi poi ha preferito andare sul sicuro e ha scelto un total black con cui non si sbaglia mai. È il caso di Bella Hadid che con il suo Chrome Hearts con la silhouette a sirena faceva molto Maleficent. Ma anche di Kate Moss che invece ha preferito un corto di Saint Laurent – forse poco in linea con il dresscode della serata. E poi ovviamente Madonna, tra le vere regine della serata con il suo lunghissimo ed appariscente Jean Paul Gaultier, adornato di retina nera sul volto e corona ha intrattenuto gli ospiti cantando a sorpresa Like a prayer, Hallelujah e Beautiful Game.

Nero e retina anche per Cara Delevigne, il suo Dior Haute Couture ha lasciato tutti a bocca

Cara Delevigne in Dior Haute Couture (Credits Getty Images)

aperta!

La dolce Jen di Dawson’s Creek, la bellissima Michelle Williams invece ha scelto un look più sobrio ed elegante, con un lungo nero e argentato di Louis Vuitton che ha relegato l’anticonformismo solo alle rifiniture e alle maniche costernate di piccole borchie – che facevano molto underground ma con classe. Simile, come ispirazione, il look scelto da Alicia Vikander, anche lei rigorosamente in un Louis Vuitton.

Ma non solo nero, anche l’oro è stato protagonista delle scelte delle dive. A sposarlo:
Gisele Bundchen con un lungo e spacco vertiginoso di Versace; Kerry Washington in uno sgargiante e pudico Ralph Lauren; Kim Kardashian in un sensualissimo Versace che ha valorizzato perfettamente le sue forme; l’irreverentissima Katy Perry che con il suo Versace dotato addirittura di ali di piume ha forse meglio interpretato il dresscode. E ancora, Sarah Jessica Parker in un abito papale firmato Dolce & Gabbana che pullula di riferimenti sacri; Cardi B con un estremamente profano Moschino fatto di pietre e corona.

C’è poi chi ha scelto di indossare abiti che raffigurassero direttamente immagini sacre, come Arianna Grande che nel suo Vera Wang riproponeva decorazioni del Giudizio Universale o Stella Maxwell in Moschino – a dir poco divina!

Anna Wintour in Chanel (Credits Getty Images)

A spiccare per eleganza sono state senza dubbio Anna Wintour con uno Chanel che era l’emblema della perfezione e la lanciatissima top model Gigi Hadid con un Versace che ha fatto girare la testa – anche se su di lei, qualsiasi abito acquista connotati principeschi!

Per finire, una nota a parte, l’hanno meritata i look di Jennifer Lopez, con un cavalleresco Balmain con tanto di lungo strascico in piume, e quello della regina del pop Rihanna in un barocchissimo Margiela by John Galliano – si sarà ispirata forse a The Young Pope?

Insomma, una manifestazione ricca di sorprese ed alta moda. A questo punto, vi consigliamo di non perdervi la nostra gallery con tutti i migliori look di questo incredibile Met Gala!

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending