Connect with us

Style & Luxury

L’ “Arte di creare il tempo”: apprendisti dell’antica e preziosissima arte orologiera in esposizione per il “Young Watchmakers Tour”

Published

on

21 luglio 2012

Dal 29 agosto al 5 settembre 2012 Christie’s, 9 avenue Matignon, 75008 Parigi Aperta al pubblico tutti i giorni dalle 09.30 alle 19.00 Girard-Perregaux, marca emblematica dell’Alta Orologeria svizzera ha svelato, lo scorso aprile, « il giornale » con il nuovo volto della Tradizione, presentando i giovani nel loro Atelier, ma anche nella loro vita privata.

E’ a New York che ha debuttato il tour dei giovani orologiai per il lancio del giornale, avvenuto in occasione di un evento speciale che ha riunito orologiai ed appassionati, seguito poi dalla tappa di Pechino a giugno.

La terza tappa del « Young Watchmakers Tour » sarà a Parigi nel salone dell’illustre Maison di vendite all’asta Christie’s, in Avenue Matignon, 9 dal 29 agosto al 5 settembre 2012.

Situato nel cuore del prestigioso quartiere degli antiquari, dei grandi hotel e delle gallerie d’arte della rive droite, questo antico e particolare hotel delle Sorelle Callot, celebri stiliste di moda di inizio secolo, è lo scrigno ideale per accogliere questa formidabile odissea orologiera.

La settimana parigina del Tour dei giovani orologiai sarà articolata sui seguenti temi : La tradizione, con l’esposizione Girard-Perregaux, “L’arte di creare il tempo ».

Dal 1791, Girard-Perregaux rinnova la grande tradizione orologiera.

Concepito come un viaggio didattico nel cuore dei valori e dello spirito dalla Manifattura, l’esposizione ritraccerà l’evoluzione della misurazione del tempo stabilendo un parallelo originale tra gli avvenimenti, i personaggi e le correnti artistiche principali della storia a livello mondiale in una scenografia originale.

In tale occasione saranno esposte una selezione di pezzi eccezionali del museo e le creazioni contemporanee, senza dubbio la più grande collezione di orologi Girard-Perregaux mai vista in Francia. Il visitatore potrà ammirare sia i pezzi storici, come l’orologio da tasca « Esmeralda », che ha ricevuto la medaglia d’oro all’esposizione universale di Parigi nel 1889, il più grande esemplare del celebre Tourbillon con Tre Ponti d’Oro, oppure dei modelli più contemporanei, come il Vintage Tourbillon con Tre Ponti, insieme a documenti rari e ad utensili orologieri unici.

Le visite saranno guidate da Willy Schweizer, curatore del museo Girard-Perregaux : l’interlocutore perfetto per il visitatore desideroso di saperne di più circa la storia della Manifattura.

Il savoir-faire, con la creazione di workshop orologieri (4), per tutta la durata dell’esposizione.

In programma 5 ateliers al giorno, di due ore ciascuno. Il visitatore potrà entrare nei panni di un orologiaio ed iscriversi ad un workshop iniziale, che prevede lo smontaggio ed il montaggio di un movimento meccanico Girard-Perregaux e che gli permetterà di scoprire le tecniche di base dell’Alta Orologeria.

Sono necessarie almeno due ore di questo minuzioso gioco per comprendere meglio il sottile legame tra savoir-faire artigianale, tecnologia e creatività che rappresenta un orologio.

Infine, un nuovo volto, con l’incontro di 3 giovani orologiai arrivati direttamente dalla svizzera, delle personalità ricche ed eclatanti come gli orologi che creano.

Jean-Luc Borel, abile suonatore di corno delle Alpi, Laïla Tissot, esperta di cucina e di danze orientali e Alexandre Toimil, esperto chitarrista e suonatore di batteria nonché sciatore di talento, parleranno delle loro passioni.

Questa iniziativa, unica nel suo genere, fa parte del nostro motivo conduttore « Il nuovo volto della tradizione, otto giovani orologiai e l’arte di creare il tempo ».

« Troppo spesso gli orologiai di talento restano nascosti dietro i muri delle manifatture », spiega Michele Sofisti, direttore generale di Sowind Group (Girard-Perregaux e JeanRichard).

« Noi siamo fieri dei nostri giovani artisti con i quali condividiamo le nostre passioni orologiere e siamo felici di mostrare chi sono.

The New Face of Tradition (3) intende cambiare l’immagine che molte persone hanno di questo mestiere.

Non si tratta di un’arte desueta (ancora meno che sta scomparendo) ma è giovane, vitale e in costante evoluzione, come coloro che la praticano ».

Inoltre, dopo Pechino, Dominique Loiseau, orologiaio visionario ed attore incommensurabile dell’industria orologiera da più di 30 anni, accompagnerà nuovamente i giovani orologiai durante la loro tappa nella capitale francese.

Girard-Perregaux Girard-Perregaux è una Manifattura Svizzera di Alta Orologeria che affonda le proprie radici nel 1791.

La storia della Marca è caratterizzata da orologi leggendari, che sono un connubio tra design elegante e tecnologia all’avanguardia.

Ne è un esempio il rinomato Tourbillon con tre Ponti d’Oro presentato da Constant Girard-Perregaux nel 1889 all’Esposizione Universale di Parigi e premiato con una medaglia d’oro.

Fedele alle sue creazioni di Alta Orologeria, la Marca è oggi una delle poche Manifatture a riunire sotto lo stesso tetto tutte le conoscenze necessarie per disegnare e realizzare i suoi segnatempo, incluso il movimento: il cuore dell’orologio.

Con più di 80 brevetti registrati, Girard-Perregaux ricerca e sviluppa costantemente orologi legati alla propria tradizione, ma sempre con uno sguardo moderno rivolto al futuro. Girard-Perregaux è detenuta a maggioranza da PPR, gruppo leader nel settore del Lusso, dello Sport e del Lifestyle.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Campagne Pubblicitarie

Róhe presents ‘The Act of Moving’ SS24

Published

on

You feel time slowing down as soon as you make contact with the ground of the island of Menorca. A place where raw beauty is apparent in its purest form.
Set among pebble beaches, dormant villages, and calm waters, the new summer campaign is an exploration of the act of moving, led by talent Eeva Lioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Accessori

“Oltre l’invisibile la ri-evoluzione tarologica di Mür”

Published

on

Mür presenta la sua nuova collezione eyewear genderless che fonde acetato e titanio, il segno distintivo dell’artigianato di precisione nell’occhialeria. La chiave narrativa artistica per interpretare questa collezione parte da una innovativa limited edition di tarocchi ‘’The invisible Tarot ‘’ – ispirati alle pratiche dell’Ordine Ermetico della Golden Dawn del 1887 – una visione concettuale che ruota attorno al brand con un forte storytelling visivo:  i tre modelli Mür avvolti da un’eleganza senza tempo si ispirano agli arcani maggiori e incorniciano lo sguardo di chi li sceglie arricchendo l’esperienza visiva con profondità e significato.

Zingaro, Vagabondo e Picciotto proiettano la narrazione estetica del brand oltre i confini della tarologia, guardando al contesto urbano e metropolitano come mediatori simbolici fra arte e materia, fra progetto e visione. Questa collezione Mür nasce dunque da un’intersezione magica di cultura e tecnica, di luoghi che sono declinazioni del pensiero e dell’umano: creatività italiana, design tedesco, manifattura giapponese. Ciò che nasce da questa fusione alchemica è una cornice per guardare nell’essenza del “qui e ora‘’. Mür è un punto di vista sofisticato sul mondo, un viaggio introspettivo che affiora nello stile: ogni sguardo è una domanda al nostro presente, ogni risposta è un frammento di consapevolezza che influenza il nostro punto di vista condensandolo in un distillato di conoscenza esistenziale. Un’architettura dell’anima mediata dalla visione tarologica tradotta dagli arcani maggiori.

Così attraverso la lente interpretativa di Mür, unita all’approccio rivoluzionario di Falco Flou-Shalom, sciamano urbano e fervido discepolo della scuola di Alejandro Jodorowski, questo evento promette un’immersione oltre i confini convenzionali del visibile e dell’invisibile, del tangibile e dell’intangibile, per toccare con mano l’essenza stessa del qui e ora.

La collezione Mür include costruzioni in titanio Made in Japan e silhouette in acetato di alta gamma. La scelta dei materiali rispecchia il tratto sofisticato essenziale e ultra-leggero di un prodotto che si arricchisce di profili audaci. Lenti in cristallo e cromie ricercate: fantasie monocromatiche o tartarugate che giocano sulla trasparenza e sulle dissolvenze delle montature con colori acidi come verde e giallo e viola adagiandosi a nuance e textures più naturali.

Il brand condensa mistero e carattere e si rivolge a clienti particolarmente attenti agli scenari della moda e del lusso, colti e indipendenti, sicuri ma mai pretenziosi, curiosi mai avventati nelle loro scelte; un pubblico che oltre agli aspetti dello stile sceglie Mür per il savoir-faire e l’essenza artigianale, riconoscendosi in uno status symbol intriso di valori e significati. Un viaggio verso l’inesplorato del proprio mondo interiore tra mistero ignoto e conoscenza, una spedizione necessaria che attraverso il filtro semantico di Mür diviene una riscoperta vitale ed energica della propria forza primordiale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

ALCHÈTIPO by Andrea Alchieri

Published

on

CINEMA’S CHORUS è la collezione seasonless 2024-25 del progetto estetico ALCHÈTIPO by Andrea Alchieri, che ruota intorno al concetto di magia, elemento che ha incantato l’uomo per millenni evocando terrore, risate, shock e stupore.
La collezione si ispira al libro “The Magic Book” edito da Taschen, che dipinge un mondo tinto di nero angosciante e colori eccentrici, con corpi distorti, messaggi criptici e richiami alla perenne lotta fra bene e male. Un tempo perseguitati, i maghi sono sempre stati dei veicoli verso un universo parallelo fatto di spiriti invocati, menti lette, leggi invertite o giochi di prestigio. Pionieri degli effetti speciali, non hanno mai smesso di confonderci rendendo possibile l’impossibile sul palcoscenico, dando così origine agli effetti speciali cinematografici.

La tematica sviluppata è strettamente legata all’identità del progetto estetico di Andrea Alchieri, la cui fascinazione al tetro e macabro compare anche nelle passate collezioni. Emerge dallo stesso naming la suggestione all’alchimia, l’antica arte tra scienza e magia, che per il creativo rappresenta un fil rouge che ciclicamente s’inabissa e riemerge, attingendo al cinema surrealista dove, attraverso il mix di linguaggi, crea un intero progetto cucito di misteri e bellezza occulta.

Il designer, sedotto dall’aspetto esoterico, sviluppa le sue suggestioni mettendo tendaggi e sedie in velluto al centro dell’attenzione, con stampe all-over eccentriche e surrealiste che rievocano trip psichedelici, ispirate al lavoro fotografico di Ira Cohen e ridisegnate dalla print designer Sharon Bassi per dar vita ad una collezione di capi che evocano un viaggio introspettivo.
I suoi trasferimenti al taglio, alla corsetteria, alle stecche protagoniste su rever di blazer decostruiti, ai capelli estremamente fantasiosi ed inquietanti, al trucco eccentrico inspirato ai colori puri delle stampe di collezione, hanno definito lo storytelling del progetto presentando cosi una collezione unica in ogni sua forma.

IL PROGETTO ESTETICO

ALCHÈTIPO by Andrea Alchieri è un progetto estetico mutevole di arricchimenti che dà vita a capsule seasonless senza genere; una scelta consapevole del designer Andrea Alchieri per sottolineare l’indole e il carattere del progetto personale. Nasce dall’unione di due elementi distinti, ma complementari: “Alchimia”, che rappresenta il processo di trasformazione e creazione, e “Alchieri”, che porta con sé la tradizione e l’eleganza italiana.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending