Connect with us

Collezioni Uomo

Children of the discordance torna a Milan Fashion Week per presentare la collezione Primavera/Estate 2023 in formato digitale

Published

on

La collezione Primavera/Estate’23 di Children of the discordance verrà presentata all’interno del calendario ufficiale della Milan Fashion Week. Il 21 Giugno alle 10:00 CET, AREA AREA, il fashion film creato per l’evento, verrà trasmesso sulla piattaforma di CNMI (milanofashionweek.cameramoda.it).

Per
la quinta stagione consecutiva, il brand giapponese Children of the discordance, che ha debuttato nel calendario di Milano nel luglio 2020 in occasione dell’edizione di Milan Digital Fashion Week, presenterà la propria collezione nel corso della settimana della moda milanese in formato digitale.

Sarà la mia quinta partecipazione in modalità digitale. Il digitale si è dimostrato un format molto appropriato ed efficace per comunicare il brand. Negli ultimi due anni ho imparato molto dalla produzione dei fashion film di Children of the discordance. La realizzazione dei movies e la presentazione delle mie collezioni attraverso il format digitale hanno
definitamente portato un grande cambiamento nel mio stesso approccio creativo al design e sviluppo le mie collezioni, ha dichiarato Shikama Hideaki, direttore creativo di Children of the discordance.

Il
fashion film stagionale si intitolerà, come la collezione, AREA AREA, e sarà diretto ancora una volta da Keita Suzuki, già regista dei film prodotti nelle ultime tre stagioni del brand.
AREA AREA, la cui ispirazione proviene dal brano AREA AREA del gruppo HipHop/Rap OZROSAURUS, ritrarrà l’atmosfera della cultura hiphop di Yokohama e rievocherà gli anni prossimi al nuovo millennio, svelando la commistione di un tempo in perpetua evoluzione, con il linguaggio del presente. Nel film una performance di VIBEPAK e Hideyoshi su musiche di anche di Hideyoshi.

L’ispirazione principale per la SS23 è Yokohama, la città in cui sono nato e cresciuto. Ho trascorso gli anni ’90 in questa città e ho incorporato elementi di quella cultura in ogni dettaglio della collezione. Come città portuale situata a ovest di Tokyo, Yokohama è la patria della cultura americana della West Coast, del reggae e dell’hiphop. La mia identità si è nutrita di graffiti, di pinstriping su auto custom, di low riders, di skaters, di surfisti e di hiphop dance. Tutte queste forme di street culture coesistevano naturalmente nella città, dando vita a una forma di sottocultura giapponese unica e coinvolgente“.

T
ributo all’esperienza di Shikama nella cultura vibrante di Yokohama nell’ultima decade del vecchio millennio, la SS23 racchiude i ricordi, i tessuti e le grafiche di quel periodo e racconta la storia dell’incontro tra moda e street culture.

La
mia passione per la moda è nata quando avevo 9 anni e ho conosciuto lo street skating.
Da adolescente mi sono appassionato sempre di più alla cultura hiphop e hardcore, ma allo stesso tempo mi sono appassionato alla moda in un modo che trascendeva i generi.
Indossavo jeans di Martin Margiela con un cappellino Supreme Camp quando lo streetwear e la high fashion non si erano ancora intersecate. Andavo in skate con abiti di Raf Simons e mi esibivo sui palchi. C’era un tipo di stile influenzato dalla cultura delle gang che apparteneva agli AREA, come il colore da indossare in questa città. Alla fine degli anni ’90, la street culture è diventata enorme. Ho visto il fashion e lo streetwear unirsi e fondersi l’uno con l’altro proprio al di dell’AREA. Ho sperimentato che la musica e la moda sono vive e si evolvono. È stata una grande esperienza per me e questa collezione ne è un’ulteriore evoluzione“.

La
SS23 presenterà tessuti originali stampati con stampe digitali creati dal brand e ispirati proprio ai graffiti della città. La collezione presenterà anche una collaborazione con il writer SUI. Come nelle collezioni precedenti, la SS23 sperimenterà con tessuti vintage e dead stock, questa volta con particolare attenzione alla pelle. Cappotti in pelle degli anni ’70’80 vengono decostruiti e ricostruiti in gilet e short e divengono pannelli per pantaloni in denim.

Come
nelle passate stagioni, la collezione porterà avanti lo studio di gradazioni di bianco e nero care a Children of the discordance e le sperimentazioni sulle sfumature e tonalità sottili di grigio, dal grigio antracite fino al grigio chiaro.

Questo
studio di gradazioni dal bianco al nero si accompagna a una palette di colori molto accesi e brillanti come il rosso, il verde e l’ocra.

Importante
è anche il lavoro patchwork fatto con combinazioni di tessuto bandana e grafiche del brand.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − 10 =

Collezioni Uomo

Santa Gertrudis collezione Primavera Estate 2022

Published

on

Lo Spirito ibizenco, che si distingue per la sua ventata di libertà e colore, si mixa con l’eleganza, la qualità e l’artigianalità che contraddistingue il made in Italy, dando vita ad una linea beachwear maschile dal sapore gipsy.

Santa Gertrudis è la nuova avventura di Antonino Spinalbese, Alessandro Grange e Federico Chimenti, 3 giovani amici che condividono l’amore e la passione per la cittadina ibizenca, motivo che li ha portati a renderle tributo ideando e realizzando una label di costumi.

Ibiza, meta da sempre nota per la sua vivacità e vitalità agli occhi di molti, per i più avventurieri nasconde scorci ignoti che conservano radici e tradizioni tipiche della perla delle Baleari. Santa Gertrudis, situata nella regione centrale dell’isola spagnola, lontana dalle località più affollate, cela incantevoli vicoli bianchi dal forte carattere mediterraneo, e ospita da sempre una radicata comunità artistica che grazie al suo fascino ha trovato la culla perfetta per uno stile di vita gitano.

Ogni capo della collezione capsule SS2022 nasce con l’idea di poter comunicare sé stessi senza costrizioni imposte ma con la libertà e la leggerezza che solo Santa Gertrudis evoca.

Creata e prodotta interamente in Italia, in fabbriche artigianali, la collezione Primavera Estate 2022 è composta da diverse versioni del modello Gitano come: Azul Claro, Palmas, Pasion, Tribal e Bosque. La costruzione del capo è funzionale e dal design asimmetrico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Uomo

Michele Achille Collezione FW22

Published

on

Il segno in quanto origine visiva del linguaggio costituisce il nucleo ispiratore della collezione FW 2022 di Michele Achille che, dai graffiti, si apre alla street art.

L’espressione stilistica trasforma le preziosità delle lane pregiate, del cachemire, dell’alpaca in tele bianche pronte ad accogliere suggestioni artistiche che strizzano l’occhio tanto alle pitture rupestri che ai muri urbani, alle trame dei tessuti primitivi come alle decorazioni Navajo.

La visione di Michele Achille si esprime in pezzi base del guardaroba maschile a cui si uniscono capospalla declinati con una connotazione no gender, privi di stagionalità e capaci di andare oltre le tendenze per seguire il solo flusso di un’ ars artigiana.

Ogni capo racconta la storia di chi l’ha creato in cui tradizione, sapienza artigiana e soprattutto passione sono la carta d’identità perfetta per interpretare il futuro.

La palette colori predilige toni caldi e sensuali dal verde oliva al laguna, il marrone terra e il cinnamon, il rosso vino, il golden brown e il rosa.

0 Users (1 voto)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

Relive Ami’s Fall-Winter 22 show

Published

on

AMI presented its Menswear and Womenswear Fall-Winter 2022 collections. Held at Palais Brongniart, the physical fashion show marked the return of the brand on the catwalk, with a live audience, after a two-year intermission.

« My deepest desire, for the Fall-Winter 22, was to embrace AMI’s roots, to revive and reinterpret the fashion-for-all spirit of our beginnings. I was very much inspired by the fascinating combination of styles and people that you see every day in the métro: this is a perfect place to observe, to feel the social and cultural diversity of the city, to experience the zeitgeist, to watch trends develop. I like to think of it as an urban ballet, where everyone, regardless of age, origins and social status, mingles and coexists in ephemeral, fortuitous encounters. This is how I imagined this quintessential Paris, this elevated reality: it is an optimistic collection, for the Parisians. »
Alexandre Mattiussi, Founder & Creative Director, AMI

The Concept
Paris remains a steady source of inspiration for Alexandre Mattiussi and AMI. The Fall-Winter 22 show concept revolves around the métro, an omnipresent urban reference, a public space where everyone mixes and blends, without discrimination. It parallels a collection anchored in the Parisian universe, whose essence runs deep in AMI’s DNA and aesthetics. Like a mirror of the city’s style, a kaleidoscope of its inhabitants: audacious, multicolored, chic, fun, welcoming, diverse.

In real life, the métro transports from one neighborhood to another; in the show, through different metaphorical dimensions and atmospheres, like a travel in space and time. By recreating its tunnels in a mythical monument, AMI pays a playful tribute to its hometown.

In accordance with the recommendations of the French Government and the Fédération de la Haute Couture et de la Mode, AMI has implemented the respect of the strictest COVID-19 safety measures on location.

The Set
AMI’s Fall-Winter 22 fashion show was held at Palais Brongniart, the former headquarter of the Bourse, the French stock exchange, a historical landmark in the heart of Paris.

Upon arriving on Place de la Bourse, guests were ushered into the location through a long métro tunnel, paneled with the characteristic white tiles, specially recreated for the occasion. The collection was presented in the main hall of the Palais: a gigantic space framed by a double set of arcades, under a breathtaking vaulted ceiling, recalling the entrances of old neoclassical stations.

Entering the hall through another similar, white métro tunnel, the models walked into a minimalist grey set. This monochrome background provided a deep sense of space, adding further focus to the collection and highlighting the subtlety of its elevated pieces.

The Casting
This season, casting brought back the notion of community dear to AMI.

A deliberately eclectic crowd of people took to the catwalk, from different backgrounds and horizons, of all ages, genders and origins. It included an element of surprise, with the unexpected participations of iconic faces such Isabelle Adjani, Emily Ratajkowski, Laetitia Casta, Rebecca Dayan and Ben Attal.

Established model names, with the likes of Mariacarla Boscono, Kirsten Owen, Jill Kortleve, Julia Nobis, Mariam de Vinzelle, Leon Dame, Edie Campbell, Paloma Elsesser and her brother Sage Elsesser, Anna Ewers, Malika Louback and Fernando Cabral… mixed with AMI’s signature street-casted models and up-and-coming faces.

Each with their own style and personality, they embodied the broad diversity of Paris, echoing the Fall-Winter 22’s spirit.

The Collection
Luxurious, dynamic and effortlessly chic, the Fall-Winter 22 is a statement collection, celebrating AMI’s quintessential DNA. Its vibrant realism is reflected in audacious associations; in the free-spirited color palette, prints and motives; in the matching of rich textures and eccentric fabrics, lush faux fur and leather-printed fake leopard and python. Volumes are explored through a series of layered, oversized outerwear. Consciously focusing on AMI’s wardrobe, the collection encompasses a rich variety of silhouettes, including strong unisex pieces, together with tailored masculine shapes and more delicate, body-hugging feminine ones.

Questo slideshow richiede JavaScript.

The Accessories
On the runway, AMI unveiled Le Voulez-Vous, its newest it-bag, complementing the lively, urban vibe of the collection. Sharp lines and timeless symmetry, making for a contemporary sophistication. Elegant design characteristics include a supple and soft crinkled leather, a double chain and an AMI de Cœur clasp. Le Voulez-Vous  is available in classical tones: black, burgundy and white.

The show introduced a range of bags in strong colors, underlining the energetic spirit of the wardrobe – both Le Déjà-Vu and L’Accordéon have been reinterpreted in new materials and color palette.

The collection also features a collaboration with jeweler Alan Crocetti: contemporary pieces in sterling silver, whose design revisits the house’s symbolic Ami de Cœur.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AMI’s Friends
AMI’s guests at the Fall-Winter 22 fashion show included Catherine Deneuve, Jonathan Bailey, Isabelle Huppert, Miguel Herran, Carla Bruni, Pierre Niney, Philipine Leroy-Beaulieu, Manu Rios, Farida Khelfa, Noah Beck, Louane, Thilo Kehrer, Ama Lou, Eddy de Pretto, Fary, Ouissem Belgacem, Theo Christine, Dali Bensalah, Caroline de Maigret and Jean-Paul Goude among others.

Ahead of the event, members of the f.AMI.ly, including house ambassadors Enhypen, Camila Mendes, Pierre Niney, Isabelle Huppert, Timmy Xu and Carla Bruni, transported themselves into the universe of the Parisian métro, by participating in a series of digital activations with the brand, aimed at teasing the show to their communities and followers.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending