Connect with us

Sfilate

MFW – Han Kjøbenhavn presenta Staying On The Moon

Published

on

Han Kjøbenhavn presenta Staying On The Moon, il fashion film della collezione Primavera/Estate 2022, all’interno del calendario ufficiale di Milan Fashion Week’s official.

La collezione Primavera/Estate 2022 Men’s Prêt àPorter di Han Kjøbenhavn’s verrà presentata all’interno del calendario ufficiale di Milan Fashion Week. Il 20 Giugno alle 15:00 CET, il fashion film prodotto per l’evento, verrà trasmesso sulla piattaforma CNMI (milanofashionweek.cameramoda.it).

Per la quarta stagione consecutiva Han Kjøbenhavn presenterà all’interno della Milan Fashion Week, questa volta con una sfilata focalizzata sul mens wear.

Questa stagione ho voluto presentare a Milano una collezione incentrata esclusivamente sull’abbigliamento maschile, che rappresenta dopo tutto le origini e le radici di Han Kjøbenhavn. Volevo creare un contenuto forte e di spessore, che trasmettesse il concetto di questa collezione, ma anche le ambizioni e il percorso creativo di Han Kj benhavn. Come designer, devo ammettere, ho apprezzato il processo creativo di direzione a produzione di fashion film in queste ultime stagioni, ma ora sono impaziente di tornare a Milano con una sfilata fisica“, racconta il fondatore e direttore creativo di Han Kjøbenhavn, Jannik Wikkelsø Davidsen.

La scala di colori della collezione SS22   dominata dal nero, grigio argento e bianco. Questa gradazione cromatica e interrotta da capi realizzati in pelle di color verde pallido.
Lo show movie presenta una collezione di silhouette voluminose, linee dritte e contrasti decisi sotto forma di dettagli metallici e intarsi intrecciati a mano. Tessuti come pliss  e palette ricorrono costanti nella collezione, accompagnati da abiti sartoriali realizzati in pelle conciata a mano e denim riciclato.
Inoltre, la collezione presenta una selezione estesa di pezzi della linea di gioielli di Han Kjøbenhavn e di borse in pelle lavorate artigianalmente e decorate con manici-scultura in ceramica, creati in collaborazione con l’artista della ceramica di Bruxelles, Naomi Gilon.

Intitolato, come la collezione, Staying On The Moon, lo show movie   un’esecuzione creativa del concetto stagionale della collezione. Rappresenta un omaggio all’imperfetto e all’ignoto. Vuole descrivere l’esser fedeli al proprio viaggio, alla sensazione di sentirsi lontani o incompresi, ma sinceri con se stessi. Mentre svela la collezione uomo SS22 di Han Kjøbenhavn con le sue silhouette voluminose e con i contrasti accessi di forme morbide e dure, il film   un invito a rimanere diversi e a essere fedeli alla propria personalità.

Sembra diffusa l’aspettativa che le persone si adattino alle norme della società“, secondo il direttore creativo di Han Kjøbenhavn, Jannik Wikkels  Davidsen – “Ho sempre amato l’imperfetto e lo sconosciuto. Credo sia importante poter essere se stessi“, racconta Davidsen, riferendosi al titolo della collezione, Staying On The Moon, che pu  essere percepito come un invito a rimanere diversi e fedeli alla propria personalità.
Il fashion movie sar  accompagnato da una serie di fotogrammi che mostrano l’intera collezione Prét-à-Porter maschile di Han Kjøbenhavn.
La collezione donna SS22 di Han Kjøbenhavn sarà  presentata sulla passerella della Copenhagen Fashion Week in agosto, dove il marchio terr  la sua prima sfilata dedicata alle creazioni womenswear del brand.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 1 =

Sfilate

CHANEL Fall-Winter 2021/22 Haute Couture Collection

Published

on

Painting is at the heart of the CHANEL Fall-Winter 2021/22 Haute Couture collection: “It was when I rediscovered these portraits of Gabrielle Chanel dressed up in black or white 1880s-style dresses, that I immediately thought about tableaux,” explains Virginie Viard.Works by Berthe Morisot, Marie Laurencin and  douard Manet. There are impressionist-inspired dresses, skirts that look like paintings and a long white satin dress punctuated with black bows like Morisot’s…

It made perfect sense for this show, bursting with colours, to be held at the Palais Galliera, City of Paris Fashion Museum, a veritable institution of art and fashion, where the exhibition dedicated to Gabrielle Chanel continues. “Because I love seeing colour in the greyness of winter,” continues Virginie Viard. “I really wanted a particularly colourful collection that was very embroidered, something warm.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mikael Jansson, who took the pictures for the press kit while Sofia Coppola made the film and the teasers for the collection, photographed the actress and ambassador of the House, Margaret Qualley, wearing a jacket and A-line skirt in multicolour tweed over a bustier in pink broderie anglaise. Like an Impressionist painting, the sequinned tweed of a coat seems to be made up of a multitude of paint strokes. Blouses embroidered with mauve and pink sequinned motifs, or with little red, blue and yellow daisies on a black background, are tucked into low-waisted skirts in multicolour striped tweed. Pale pink and yellow tulle pompoms embellish a black paletot jacket, just like splashes of paint…

There are dresses embroidered with water lilies, a jacket in a black tweed crafted from feathers with red and pink flowers,” says Virginie Viard. “I was also thinking about English gardens. I like to mix a touch of England with a very French style. It’s like blending the masculine and the feminine, which is what I’ve done with this collection too. That twist is very much a part of who I am.

#CHANELHauteCouture

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Sfilate

La Métamorphose Couture Fall Winter 2021 2022 Collection Madame Butterfly

Published

on

It’s time to take the masks off and find out the truth about ourselves . This is the message that La Métamorphose delivers to us through this new collection.

A multifaceted woman, sometimes a silvery and sequined chrysalis sculpted in an ultra sexy jumpsuit or in a mermaid dress, sometimes draped in silk organza or satin, mikado and lace of transparent evening dresses. The masterpiece of the collection, the midnight blue butterfly dress, with its cut-out handpainted wings painted , in a cloud of silk chiffon.

La Métamorphose delivers a very feminine, structured and sequined collection for the day, and vaporous, transparent and sexy gowns  for the evening.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Sfilate

Viva i contrasti! Ossia, tutto il meglio della Parigi Fashion Week

Published

on

E ancora una volta cala il sipario sul mese della moda e a chiudere il tradizionale circolo delle “Big 4” è come sempre Parigi, ormai casa per alcuni grandi big dell’industria del fashion. Da Dior a Miu Miu, da Chanel a Louis Vuitton fino a Chloé (con l’atteso debutto del nuovo direttore creativo Gabriela Hearst), sono tante le maison che non rinunciano a sfilare nell’ineguagliabile atmosfera romantica e sofistica di Parigi.

Ma quest’anno sono stati tanti anche gli assenti, a partire da Kenzo che, proprio come Moschino a Milano, ha deciso di optare per un “fashion film” (atteso fuori calendario il 26 marzo) per presentare la prossima collezione, fino a Balenciaga che invece l’ha già fatto a dicembre scorso attraverso un originalissimo videogioco.

Sono mancati all’appello anche tanti altri big come Maison Margiela, Alexander McQueen e Saint Laurent che hanno annunciato di voler presentare le loro linee fuori calendario ma senza anticipare alcun dettaglio al riguardo.

Nonostante la mancanza di questi grandi nomi, però, Parigi come sempre ci ha regalato delle passerelle (per lo più digitali) che non dimenticheremo, anticipandoci alcune delle migliori tendenze che non potremo fare a meno di seguire durante la prossima stagione fredda.

Dior

Al primo posto non potevamo non mettere Dior che, come sempre, grazie all’estro di Maria Grazia Chiuri ha presentato una collezione da incanto, a metà fra il post-moderno e il favolistico. Sarà l’ascendente femminista e la capacità della Chiuri di mettere sempre al centro l’idea di una donna dai tratti vivaci e sofisticati, fatto sta che la silhouette e i motivi fiabeschi di questi abiti riscrivono la storia dei costumi femminili, impreziosendo il tutto con delle suggestioni contemporanee e una spiccata vivacità.

Dai toni più classici – soprattutto nelle linee e nel concept – Chanel, con la solita classe che la contraddistingue. Questa volta, però, complici magari i lunghi mesi casalinghi dell’ultimo anno, la maison ha puntato sul confort ma senza mai rinunciare neanche per un secondo all’eleganza di sempre.

Ed ecco quindi che gli abiti declinati normalmente in uno stile più “sporty” diventando estremamente chic. È il caso dell’irresistibile salopette con il tipico motivo matelassé delle sue borse, con ricami ed inserti preziosi. Un vero gioiellino insomma.

Sulla stessa lunghezza d’onda, ma con un’anima più sbarazzina, sono gli outfit outdoor di Miu Miu che riprendono anche la vecchia e amatissima tendenza “teddy bear”. Sarà che quelle sfumature cromatiche così vivaci sono un vero e proprio inno alla vita, sarà anche che vedendo questi look non possiamo non avere voglia di indossarli, ma qui la nostalgia per la settimana bianca di altri tempi si fa sentire più che mai…

La parola d’ordine di questa PFW però possiamo dire che è stata “contrasto”. Alcune delle collezioni più belle e originali, infatti, sono state all’insegna di look eccentrici, radicali e dagli innumerevoli contrasti. È il caso di Givenchy ovviamente, che con il suo strepitoso abito total black in cui le stratificazioni di tessuti rigidi e le frange intrecciate come corde si alternano alle trasparenze e a tessuti avvolgenti.

Ma è anche il caso di Louis Vuitton che ha fatto del contrasto e del mix and match una vera e propria cifra stilistica, accantonando quindi quell’idea (forse oggi non più così vincente) del semplice motivo “loggato” sinonimo di solo lusso.

Meno estroso e forse anche meno originale Versace, che si attiene ad un gusto più classico e tradizionalista – ma non per questo meno ricercato. L’unico look su cui forse ha osato di più, almeno nei dettagli, è sicuramente il total yellow in cui, con grande maestria, ci dimostra ancora una volta come il ton sur ton sa essere di grande impatto se scelto con cura e impreziosito dai dettagli giusti.

Chiudiamo così il nostro “best of” del mese della moda e vi diamo appuntamento alla prossima sfilata.

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending