Connect with us

Fashion News

La moda a Sanremo: il mood della transcultura in Waxewul

Published

on

Il mood della transcultura sale sul palco del recente festival di Sanremo andato in onda dal 2 al 6 Marzo 2021. Mai come quest’anno esserci o non esserci sul palco dell’Ariston era importante al fine di testimoniare quanto fosse importante “vedersi nell’altro”, in un mondo ancora fermato dalla pandemia a distanza di un anno. Un pò perché il grande rito della socialità musicale è adatto a questa trasversalità culturale, un pò perchè è da troppo tempo che il mood della musica si è interrotto a causa della pandemia con divieti di spettacoli dal vivo quali concerti o opere musicali, un pò perchè stare insieme e fare gruppo aiuta a farsi coraggio, anche davanti ad una televisione cantando le canzoni in gara,ecco che davanti a questo circo mediatico della musica, fatto di bravissimi cantanti che, come novelli gladiatori si offrono allo spettacolo mentre i presentatori ed i musicisti sul palco, come novelli imperatori, fanno da sfondo; quello realizzato a Sanremo quest’anno è un mix di poesia, arte, cultura e musica in un grande happening “di piazza” in un teatro, come quello dell’Ariston, purtroppo, senza pubblico. A veicolare tutto questo, l’immagine e la bellezza della moda che, come espressione di appartenenza ad un gruppo, han vestito i vari performers, cantanti, calciatori e ospiti della manifestazione più seguita d’Italia in modo trasversale, quasi una sorta di mood della transculturalità della moda che ha accompagnato i partecipanti della gara canora nel corso delle serate combinando elementi di tante culture diverse.

Tra colori energici di chi esibisce, spiccano quelli di Gio Evan targato Waxewul, o quelli evocativi, dal forte impatto simbolico di Dolce e Gabbana per Noemi e Blumarine per Annalisa fino agli abiti classici firmati Armani di chi accompagna il conduttore, come quelli scelti da Beatrice Venzi o Barbara Palombelli.
Tutti però con l’alto potere simbolico degli abiti che diventano espressione di valori personali che si fanno universali.
A titolo di esempio del mood della transcultura sul palco di Sanremo, gli abiti del cantante poeta Giò Evan in gare con la canzone “Arnica”.
Quasi in una sorta di legame-rituale, gli abiti che uniscono il cantante alla canzone diventano specchio, non costume ma quasi esempio della identità che esprime , a cui sente di appartenere. Il cantante ha infatti scelto gli abiti di Waxewul realizzati con gli esclusivi tessuti made in Italy BemBAZIN™ di Brunello, che , come recita il comunicato stampa : ” […]uniscono i vivaci colori tipici dell’Africa all’innovazione responsabile.Bellezza, innovazione, sostenibilità e impegno sociale: insieme nella moda si può, solo se si uniscono tutte le possibili dimensioni: l’arte e la giusta comunicazione da parte di un giovane cantante come Gio Evan, lo stile, grazie a designer di nuova generazione come Waxewul, che alla base ha un processo creativo indipendente, etico e con uno sguardo anche al sociale, mettendo al centro un paese come l’Africa e i suoi preziosi tessuti di indubbia bellezza, e materiali di elevata qualità grazie alla vision e al know-how di aziende impegnate e dalla produzione made in Italy, come Brunello, che utilizza la fibra Bemberg™ di Asahi Kasei, creando prodotti innovativi, creativi e sostenibili“.
Il mood della transcultura in questo modo, sul palco dell’Ariston prende forma e diventa, attraverso tessuti e colori, dal damascato ai colori accesi e vibranti delle stampe, un modo per sottolineare la performance del cantante e renderla ancora più ricca di slanci evocativi.
Ma che tessuto è il tessuto damascato africano BemBAZIN™  utilizzato sia per la camicia, la giacca e la bermuda?  Realizzati dal brand Waxewul di Francesca Cosentinocon i tessuti del marchio Brunello, che dal 1927 è produttore di tessuti e che ha brevettato questa nuova formula di bazin e l’uso del cotone, tra artigianato e tecnologia: grazie alle fibre high-tech e responsabili di Bemberg™ di Asahi Kasei, presenti all’interno dei tessuti BemBAZIN™.
Concludendo, come ha detto Francesca Cosentino, fondatrice di Waxewul, se “Waxewul nasce dall’idea di realizzare artigianalmente in piccola tiratura, una linea di abbigliamento e accessori artigianali dallo style urban-afro che si fondino su principi etici come sostenibilità ambientale e sociale, circolarità e inclusività. La scelta di Gio, che abbiamo incontrato e conosciuto tre anni fa, ci ha onorato perché ci ha permesso di scoprire di condividere gli stessi valori e di avere la stessa volontà di diffonderli”.  E’ nella scelta del materiale ideato da Brunello che si esprime appieno il mood della transcultura. Anche nel modo di creare tessuti nella moda. Perchè, come ha detto Manuela Della Vedova, responsabile Marketing e Comunicazione: “Il nostro impegno è creare tessuti made in Italy che siano sinonimo di eccellenza, sostenibilità e tracciabilità, ricercando sempre la massima qualità del prodotto. Tutti questi valori hanno sicuramente guidato la scelta di Waxewul sui nostri tessuti e quella di Gio Evan sul brand, scelte che ci spingono a procedere verso una direzione di innovazione responsabile. BemBAZIN™ è un marchio registrato da Brunello, che ne è l’unico produttore, unisce la tradizione africana all’innovazione italiana”. Un esempio di come il mood della transcultura possa trovare spazio anche sul palco di Sanremo, tra abiti classici bellissimi, come quello di Carlo Pignatelli per Willie Peyote e sontuosi e divini come quello di Valentino per la Rappresentante di Lista. Moderni guerrieri di un mondo che affronta i cambiamenti con stile ed ironia, voglia di ricominciare e classe. Versioni di tanta umanità differente nel segno della vera transcultura. Come le canzoni di Sanremo di quest’anno, così diverse e così lontane tanto da decretare la vittoria dei Maneskin. 

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Tessuti utilizzati per Gio Evan

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + 19 =

Fashion News

INTIMISSIMI IN ACTION everydaywear dinamico e cool

Published

on

Forte, energica, dinamica: Intimissimi ancora una volta celebra le donne e questa volta lo fa con una linea interamente dedicata all’everydaywear.
In-action, letteralmente una donna sempre più in azione, in movimento nel suo quotidiano, vestita con una serie di capi che fungono da veri e propri catalizzatori di energia positiva adatti quindi alle molteplici occasioni d’uso e al tempo libero.

La collezione comprende due diverse tipologie di prodotto: una dal carattere più sportivo e l’altra più soft, entrambe unite da una perfetta vestibilità per una linea nella quale il comfort è parte essenziale. Non solo: la collezione Intimissimi IN ACTION fa parte di #Intimissimicares, l’iniziativa focalizzata alla costante ricerca di materiali a minor impatto ambientale per unire bellezza e attitude ambientale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sporty-à-porter è la parte di collezione più sportiva e accattivante. Il tessuto è in doppia frontura; microfibra all’esterno (che contiene poliammide riciclata Q-nova®), perfetto per abbracciare ogni tipo di silhouette, cotone Supima® all’interno, super morbido sulla pelle. Tre differenti brassière per tre differenti occasioni d’uso: una imbottita, una con zip centrale e una con forma a triangolo. A completare il look, due modelli di leggings che regalano aderenza e sostegno realizzati in cotone organico coltivato senza l’uso di pesticidi e sostanze tossiche, nel pieno rispetto dell’ambiente e dei lavoratori.

Soft e dinamica è la parte più casual della collezione. Questi capi sono perfetti per accompagnare le donne in tutte le attività della giornata grazie al tessuto realizzato in modal e alga che li rende estremamente morbidi e confortevoli. La linea è composta da due brassière di cui una imbottita che valorizza le forme in maniera impeccabile, grazie alle coppe supersoft che garantiscono un sostegno ideale, da abbinare ai leggings che accarezzano le forme accompagnandone tutti i movimenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Weekend Max Mara – Nature Stills

Published

on

Eleganza e sobrietà sono le parole chiave per questa nuova stagione, declinate in una palette di colori neutri. Una sensazione di autentica naturalezza che è allo stesso tempo contemporanea e intramontabile. Soprabiti leggeri e trench con maxi logo, dalle silhouette destrutturate, indossati su pantaloni ampi, spesso dai colori vivaci come il verde smeraldo, sono i perfetti compagni per affrontare con stile i repentini cambiamenti della stagione primaverile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

VANCOUVER FASHION WEEK – Sulla piattaforma digitale di Fashion Vibes RoadWay show 16/18 aprile 2021

Published

on

Fashion Vibes Road Way ha proposto a tutto il mondo la moda della 36° edizione della Vancouver Fashion Week sulla sua piattaforma digitale……e  si adegua alla natura che detta il mood di stagione, dai toni caldi dell’ambra, dell’anice, del rosso mattone e del deep green ai ricordi della magia delle foglie d’autunno, i tessuti si arricchiscono di colori e fibre preziose per le collezioni FW 2021/22 per vestire preziose lane e fantasie intramontabili.

La keyword del guardaroba della prossima stagione fredda 2022 secondo i messaggi che sono arrivati dai designer della Vancouver Fashion Week, attraverso i brand, esorta ad intuire  i nuovi codici: il formale non si formalizza più di tanto, il loungewear diventa sofisticato come un abito sartoriale, la fluidità è sempre più presente, la libertà di espressione senza confini e la natura è il nuovo orizzonte di riferimento. Parola d’ordine dei designer arrivati da tutto il mondo, distanti dagli eccessi del trendy a tutti i costi ma alla ricerca di un nuovo formale codificato per scoprire l’eleganza, consapevole e votata al quotidiano, con misura e buon gusto, nuove declinazioni dei must-have del classico, un manipolo di brand giovani che si stanno conquistando un importante ruolo nel panorama della moda smart casual femminile, maschile e kidwear.

E poi le sfilate nella parte rivolta ai piccoli, Kidwear senza tempo e adatti ad ogni occasione, dalla cerimonia al tempo libero, fondamentali per valorizzare ogni look, dal classico allo sportivo. Anche per i piccoli tessuti ricercati che danno tepore e morbidezza per esaltare capi caldi e avvolgenti, focus su personalizzazione e cura dei dettagli per le produzioni che si rivolgono ad un target giovane e al tempo stesso attento alla qualità del prodotto.

Realtà produttive fortemente legate alle tradizioni storiche capaci di rinnovarsi mantenendo inalterato quel gusto riconoscibile del “fatto ad arte”, un mix fra alta moda e artigianato, brand che si rivolgono a target diversi, attenti alla qualità del prodotto, come in un viaggio, le contaminazioni con culture e mondi lontani sono disparate, dando grande risalto ai dettagli della natura.

Tre giorni di sfilate per la più incredibile e coinvolgente esperienza online dove sono state presentate le nuove collezioni della stagione FW 2021 dei designer partecipanti che provengono da ogni angolo del mondo, come ALÇA (Giappone), BlueTamburin (Corea), Danny Reinke (Germania), Guerline Kamp (Paesi Bassi), ISXNOT (Giappone), MTTC (Australia), Tanja Salem (Germania), e dal Nord America, nella nostra città natale, La Femme Roje (Vancouver), Ay Laylum (Vancouver) VCC (Vancouver), Dasha Beauty Wear (Nizhny Tagil, Russia), Sovana (Krasnodar).

Con le presentazioni della moda in digitale si registra un aumento delle vendite e-commerce del 200% alla fine del 2020 e, ad aver contribuito al bilancio finale, è stato in primis il mondo del fashion

Infatti l’incredibile crescita dell’e-commerce nell’anno della pandemia di Covid-19 che ha visto il prolungarsi dei lockdown e delle restrizioni e che ci ha portati a modificare i nostri stili di vita, comprese le modalità e i canali di acquisto. Dall’inglese Christie’s a Sotheby’s, passando per Finarte e Artcurial, le grandi auction houses worldwide hanno deciso di puntare sulla rimodernazione, si sono aperte ai giovani talenti e alle nuove esigenze digitali, e in particolare ai luxury brand fino al  luxury streetwear.

La Vancouver Fashion Week si conferma dunque come la settimana della moda in rapidissima ascesa nel mondo del fashion ed è l’unico evento del settore che cerca attivamente di mettere in  luce designer pluripremiati internazionali provenienti da oltre 25 capitali mondiali della moda, celebrando il multiculturalismo e gli stilisti emergenti sulle sue passerelle sia in presenza che in digitale.

Per info:
www.fashion-vibes.comwww.vanfashionweek.com

press.fashionvibes@gmail.com

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending