Connect with us

Sfilate

Viva i contrasti! Ossia, tutto il meglio della Parigi Fashion Week

Published

on

E ancora una volta cala il sipario sul mese della moda e a chiudere il tradizionale circolo delle “Big 4” è come sempre Parigi, ormai casa per alcuni grandi big dell’industria del fashion. Da Dior a Miu Miu, da Chanel a Louis Vuitton fino a Chloé (con l’atteso debutto del nuovo direttore creativo Gabriela Hearst), sono tante le maison che non rinunciano a sfilare nell’ineguagliabile atmosfera romantica e sofistica di Parigi.

Ma quest’anno sono stati tanti anche gli assenti, a partire da Kenzo che, proprio come Moschino a Milano, ha deciso di optare per un “fashion film” (atteso fuori calendario il 26 marzo) per presentare la prossima collezione, fino a Balenciaga che invece l’ha già fatto a dicembre scorso attraverso un originalissimo videogioco.

Sono mancati all’appello anche tanti altri big come Maison Margiela, Alexander McQueen e Saint Laurent che hanno annunciato di voler presentare le loro linee fuori calendario ma senza anticipare alcun dettaglio al riguardo.

Nonostante la mancanza di questi grandi nomi, però, Parigi come sempre ci ha regalato delle passerelle (per lo più digitali) che non dimenticheremo, anticipandoci alcune delle migliori tendenze che non potremo fare a meno di seguire durante la prossima stagione fredda.

Dior

Al primo posto non potevamo non mettere Dior che, come sempre, grazie all’estro di Maria Grazia Chiuri ha presentato una collezione da incanto, a metà fra il post-moderno e il favolistico. Sarà l’ascendente femminista e la capacità della Chiuri di mettere sempre al centro l’idea di una donna dai tratti vivaci e sofisticati, fatto sta che la silhouette e i motivi fiabeschi di questi abiti riscrivono la storia dei costumi femminili, impreziosendo il tutto con delle suggestioni contemporanee e una spiccata vivacità.

Dai toni più classici – soprattutto nelle linee e nel concept – Chanel, con la solita classe che la contraddistingue. Questa volta, però, complici magari i lunghi mesi casalinghi dell’ultimo anno, la maison ha puntato sul confort ma senza mai rinunciare neanche per un secondo all’eleganza di sempre.

Ed ecco quindi che gli abiti declinati normalmente in uno stile più “sporty” diventando estremamente chic. È il caso dell’irresistibile salopette con il tipico motivo matelassé delle sue borse, con ricami ed inserti preziosi. Un vero gioiellino insomma.

Sulla stessa lunghezza d’onda, ma con un’anima più sbarazzina, sono gli outfit outdoor di Miu Miu che riprendono anche la vecchia e amatissima tendenza “teddy bear”. Sarà che quelle sfumature cromatiche così vivaci sono un vero e proprio inno alla vita, sarà anche che vedendo questi look non possiamo non avere voglia di indossarli, ma qui la nostalgia per la settimana bianca di altri tempi si fa sentire più che mai…

La parola d’ordine di questa PFW però possiamo dire che è stata “contrasto”. Alcune delle collezioni più belle e originali, infatti, sono state all’insegna di look eccentrici, radicali e dagli innumerevoli contrasti. È il caso di Givenchy ovviamente, che con il suo strepitoso abito total black in cui le stratificazioni di tessuti rigidi e le frange intrecciate come corde si alternano alle trasparenze e a tessuti avvolgenti.

Ma è anche il caso di Louis Vuitton che ha fatto del contrasto e del mix and match una vera e propria cifra stilistica, accantonando quindi quell’idea (forse oggi non più così vincente) del semplice motivo “loggato” sinonimo di solo lusso.

Meno estroso e forse anche meno originale Versace, che si attiene ad un gusto più classico e tradizionalista – ma non per questo meno ricercato. L’unico look su cui forse ha osato di più, almeno nei dettagli, è sicuramente il total yellow in cui, con grande maestria, ci dimostra ancora una volta come il ton sur ton sa essere di grande impatto se scelto con cura e impreziosito dai dettagli giusti.

Chiudiamo così il nostro “best of” del mese della moda e vi diamo appuntamento alla prossima sfilata.

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + nove =

Sfilate

FARHAD RE PARIS FASHION WEEK – Collection ready to wear spring summer 2022 ROUND-TRIP TO THE MOON

Published

on

Farhad Re drew his inspiration from current events: fascinated by the conquest of space, he imagined a modern woman, conquering the world, while connecting her to her Roman origins, like a vestal of the future …

Expected continuation of the couture collection, Farhad Re presents its first Prêt-à-Porter collection. We find the warrior and conqueror woman, signature of the creator, in dresses 100% chiffon and silk tulle. The very elaborate details attest to Farhad’s desire for high-end, such as the silk organza squares, cut and folded by hand to form a flower, a detail that can be found in the couture collection. Note that the dyes in the collection – green, blue, pink – are 100% ecological and specially developed for this collection, giving it a unique character. The gold armor created for sewing has been used here as a belt, bustier and dress. A deliberately sexy collection, with dizzying slits, reminiscent of women’s gowns from ancient Rome. The fluidity contrasts with the rigidity of the gold armor and organza flower belts. A woman aware that the earth is fragile and that the answer to all our questions lies beyond our planet.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW SS 2022

EXCLUSIVE PARIS debutta alla MFW con l’artista Alec Monopoly

Published

on

Grande successo per il debutto alla MFW di Exclusive Paris con un evento alchimico tra arte, lusso e moda. Per l’occasione le iconiche tute del brand, che coniuga vivacità creativa a un’attitude vitale, incontrano l’estro di Alec Monopoly, artista internazionale e giunto appositamente dagli USA, con una live performance e dj set. A fare da cornice alla presentazione della nuova collezione A/I 2021-2022, che si caratterizza per la scelta della ciniglia come tessuto principe, un corpo di ballo che ha indossato le nuove tute Exclusive Paris.

L’azienda di streetwear, nata a Roma nel 2018, si è subito imposto all’attenzione di una clientela giovane e metropolitana grazie un giusto mix tra social media e testimonial d’eccezione.

Una storia autentica che racconta del successo di un giovane creatore e imprenditore Patrizio Fabbri, classe 1988, che dopo anni di lavoro nel mondo retail, ha realizzato il sogno di lanciare una linea di abbigliamento che definisce nuovi standard in materia di streetwear.

Così è nato Exclusive Paris. Un progetto che Patrizio, fondatore e direttore artistico del marchio, segue in ogni singolo aspetto, come spiega lui stesso: «Sviluppo e supervisiono tutto io, dalla scelta tessuti e grafiche alla vestibilità, fino alla scelta dei testimonial». Appassionato di moda fin da bambino, l’imprenditore romano ha alle spalle una lunga esperienza nel mondo fashion, un perfetto esempio di self made man made in italy.

Exclusive Paris punta su due valori: la continua ricerca stilistica e una cura maniacale dei particolari, declinando il gusto street di Fabbri in tessuti pregiati e dettagli sofisticati, per capi dallo stile cosmopolita e originali, che hanno conquistato numerosi protagonisti della scena trap, hip-hop e più in generale musicale del nostro paese. Tutti personaggi che sono diventati fan del marchio in modo naturale grazie all’originalità delle proposte firmate Exclusive Paris. Un successo che ha premiato il modus operandi di un’azienda in cui la sperimentazione nell’ambito dello streetwear di tendenza va di pari passo con la qualità. Non a caso tutti i capi sono prodotti in Italia e utilizzano tessuti premium.
La filosofia di Exclusive Paris è riassunta dal claim ‘Be Exclusive’, che fa riferimento alla capacità di interpretare uno stile unico nel proprio genere, dinamico e trasversale, scegliendo abiti in costante evoluzione, originali e dall’appeal internazionale pur senza risultare mai estremi.

La tuta resta un caposaldo delle collezioni disponibile in innumerevoli colori, ma nel tempo l’offerta è stata ampliata ad altre categorie uomo, donna e bambino, e spazia ora tra completi felpa e pantalone, bodysuit, shorts, giubbini, giacche a mo’ di pelliccia in ciniglia, t-shirt con scritte a contrasto, tracksuit arricchite da inserti fluo o motivi animalier.

Convinto che avere un brand «non significa prendere una maglietta e metterci sopra il proprio marchio ma equivalga, invece, alla ricerca ossessiva di esclusività e novità», Fabbri è determinato a portare Exclusive Paris in tutto il mondo, convinto che «il momento passerà e usciremo da questa crisi con un nuovo spirito di collaborazione, più forti di prima.». Una storia tutta italiana di coraggio e saper fare che da Roma si sta espandendo verso il mondo, anche grazie al potere pervasivo della musica e dei social.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW SS 2022

MFW – La sostenibilità nel mood della eleganza rilassata da Eleventy

Published

on

La Milano Fashion Week diventa scrigno per le donne in generale, per una collezione che merita attenzione in una giornata che ha offerto al suo pubblico in presenza un’occasione per ritrovare qualità e sostenibilità per un brand, Eleventy, che continua a stupire ed a far sognare. Una bella e nuova interpretazione dove la leggerezza sta al passo con la sostenibilità e dove la parola d’ordine è “eleganza rilassata”.

Guardaroba insomma come scrigno. Dove i capi diventano i veri “mood” per una scelta dove le contaminazioni sono un must che mescola stili, cerca nel classico per approdare al naturale ed al sartoriale in modo inedito e moderno. Una interpretazione della prossima moda SS22 che pensa non tanto ad “una donna” ma “alle donne”, donne moderne e femminili che hanno voglia di scegliere. Una scelta tra tante diverse possibilità di abbinamenti e che risponde alla semplice domanda di “di cosa hanno veramente bisogno le donne?”. E come è il loro guardaroba?

Come recita il comunicato stampa si passa dalla “sartorialità sportiva”, alle contaminazioni tra generi. Come nelle gonne plissè “in tessuto tecnico mostrano pieghesoleil arricchite da ritocchi a contrasto dipinti a mano. Le felpe si impreziosiscono di punti luce nelle bande laterali e gli effetti matelassé danno un tocco glamour al mondo athleisure.Diventa un capo versatile lo spolverino con frange mentre i bomber di estrazione sportiva sono impreziositi da stampe foulard piazzati e i track pants hanno fluidità grazie all’uso della techno silk. Il denim è arricchito da una costruzione patchwork con varie tonalità di bleach sia nella versione indaco che nella versione del grezzo sbiancato”. Ma non solo. ecco che la seta, il lino ed il cotone diventano protagonisti ma in modo inedito attraverso delle stampe esclusive che richiamano l’estate  e la leggerezza per mostrare una “attitudine contemporanea” attraverso una sartorialità glamour ed un sofisticato uso del vello naturale  per il cashmere e del cotone crepe super ritorto.
Guardaroba femminile che cerca nei colori di quello maschile. Ed ecco che i colori diventano grezzi fino ad arrivare al beige.
Una donna che si impreziosisce con una femminilità data da una eleganza quasi naturale, con bomber leggerissimi ma di gusto sartoriale.
Ma sono i gessati in tela strech a stupire e a far riconoscere nella femminilità che esprime la donna Eleventy per la prossima estate tutto quel gusto di donna moderna pronta ad essere sempre se stessa.
Gusto di essere e di sentirsi vivi. Voglia di vita e di essere e sentirsi “preziose” in modo unico, perche’ naturale Sostenibilità e leggerezza..

E ben venga se tutto questo può essere grazie a una vestibilità a tutto tondo dei capi, con filati preziosi per la maglieria per esempio o piccoli punti di traforo che renderanno i look della prossima stagione estiva unici, leggeri e sostenibili che si tratti di uno spolverno con frange o un bomber.Unici. Come le donne moderne che li indossano.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending