Connect with us

Style & Luxury

Si alza il sipario sul mese della moda: tutto il meglio della New York Fashion Week

Published

on

Si parte dalla Grande Mela per dare il via al mese della moda con le mitiche “Big 4”. Ma con la pandemia, tutto è diverso. A un anno esatto dall’inizio dell’emergenza, molte cose sono cambiate e, probabilmente, continueranno a cambiare.

Dalle passerelle virtuali, all’uscita dal calendario ufficiale di molti brand, possiamo dire che è stata una NWFW molto diversa a quella a cui eravamo abituati.

Infatti Tom Ford, presidente del Council of Fashion Designers of America, ha creato un nuovo calendario in cui alcuni dei designer americani più famosi e amati nel mondo presenteranno le loro collezioni al di fuori della solita cornice della Fashion Week. I grandi assenti, quindi, dalla settimana della moda newyorkese sono stati: Carolina Herrera (23 febbraio); Coach 1941 (25 febbraio); lo stesso Tom Ford (26 febbraio); Oscar De La Renta (2 marzo); Altuzarra (3 marzo); Thom Browne (5 marzo); Laquan Smith (9 marzo); Jonathan Cohen (15 aprile); Michael Kors (20 aprile).

Eppure, “the show must go on”. E così è stato. Tra passerelle contingentate e passerelle virtuali, il grande spettacolo della moda è andato comunque in scena. Magari più fiacco e provato di altri anni (almeno per quanto riguarda alcuni designer), ma comunque qualche piccola punta di diamante capace di segnare con forza espressiva le prossime tendenze dell’autunno-inverno c’è stata.

È il caso di 1017 Alyx 9SM che, con la combinazione cromatica di un rosso splendente e un azzurro un po’ pastellato un po’ vivace (a seconda dell’esposizione della luce), non solo ci mostra un abbinamento irresistibile, ma con quella carica espressiva ci invita a trovare una nuova forza per andare avanti.

Sulla stessa linea, si muove anche l’outfit di DSquared2, con il piumino rosso fuoco e fuxia abbinato ad un mini abito floreale ed altri piccoli (ma estremamente significativi) dettagli dalle tonalità cromatiche più disparate. In questi look si leggono proprio la grande voglia e la determinazione nell’andare avanti, nel ricominciare con grande energia.

Suggestioni, queste, manifestate più nella scelta cromatica che nei tagli sartoriali. La stessa che ci saremmo aspettati da un Custo Barcelona, vero e proprio caposaldo degli abbinamenti vivaci e dall’impatto immediato. Un segno distintivo del brand che abbiamo imparato ad amare. Ma che, invece, sembra battere un po’ la fiacca e strizzare troppo l’occhio a stilemi tipici più di un brand come Sportmax, perdendo così tutta quella forza espressiva ed irriverente che l’ha reso tanto celebre negli anni.

Ma la vitalità persa da Custo Barcelona viene immediatamente recuperata dallo strepitoso look di Libertine che fonde il patchwork alla Pop Art in un unico ed irresistibile outfit.

Patchwork anche per Collina Strada, che però guarda con nostalgia agli anni Settanta e crea un look che sarebbe stato davvero perfetto per il mitico Coachella Valley Music and Arts Festival

Estroso e capace di rivelare una forte personalità l’outfit con maxi gonna a quadri e lupetto floreale di R13. Nuovo must-have che, siamo sicuri, segnerà il prossimo streetwear.

Un po’ dark e un po’ pop, con tratti a suo modo anche romantici, la jumpsuit floreale di Naeem Khan. Sulla stessa linea, forse più ricercato e attento ai dettagli il completo total red di Prabal Gurung.

Ma il podio lo conquistano, in ordine: il completo in paillettes oro con pantalone e blusa dalla sofisticatezza ineguagliabile di Badgley Mischka; quasi ex equo con il primo, il lungo abito total black con maniche a palloncino e guanti di pizzo di Alice + Olivia by Stacey Bendet; l’abito di paillettes sulla blusa dagli inserti ricamati e le forme che richiamano l’inglese Sister Jane di Anna Sui.

Insomma, nonostante i grandi assenti e nonostante la grande difficoltà del momento nel trovare nuove ispirazioni, possiamo dire che è stata tutto sommato un’interessante edizione che speriamo possa segnare anche un nuovo inizio.

E adesso, occhi sulla prossima “Big 4”.

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 4 =

MFW Woman FW 21/22

MFW – Collezione Borsalino AI 2021/22 -Dialoghi col Presente

Published

on

“Un marchio con più di 160 anni di storia non può che essere un sismografo sensibile del tempo che vive.”

In occasione della Milano Moda Donna, Borsalino e il Creative Curator Giacomo Santucci celebrano la collezione Autunno-Inverno 2021/22 affrontando i temi della contemporaneità. Lo fanno, come di consueto, attraverso la lente creativa dell’arte: l’ispirazione Arts & Crafts, coi suoi simboli e i suoi stilemi, diventa così uno strumento per parlare dell’impellente necessità di riconnettersi con la natura e con la propria dimensione interiore, ridando valore all’autenticità e al savoir-faire attraverso il recupero della memoria.

I cappelli sono ormai lontani dall’essere pensati col solo scopo di coprirci, ma piuttosto per quello più ambizioso e audace di scoprirsi e scoprirci, di rivelarsi e rivelarci a noi stessi. La collezione Borsalino Autunno-Inverno 2021/22 segue un unico credo: “Il vero lusso è stare bene con se stessi e far star bene gli altri.”

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’ispirazione si traduce in una collezione femminile che gioca con gli elementi decorativi esaltando le intramontabili forme Audrey, Claudette, Sophie e Violet, affiancate dalle due novità Lucy e Eveline. Rigorose e al tempo stesso poetiche, le proposte Borsalino per la donna hanno la dolce debolezza di non rinunciare mai al dettaglio romantico: dal girocinta in cuoio alla guarnizione in ciniglia, dal nastro in patchwork optical al mohair rigato. Si preannuncia un bestseller il modello Eleonora con decorazioni a motivi foliage che si rincorrono dal nastro alla fodera: viene proposto nei toni pastello Cipria e Astrale, oltre che nell’elegantissimo Nero.

Nella collezione spicca sempre la predilezione per le classiche forme Borsalino a tesa piccola, media e larga, affiancate dall’ormai imprescindibile Traveller arrotolabile. Patchwork optical, decorazioni foliage, dettagli in pelle e impunture a vista disegnano armoniosi contrasti con i preziosi mélange di feltro, declinato quest’anno nell’inedita versione in lana. Cult della collezione è il modello Plate con back-patch in cuoio e doppia pince realizzata a mano su morbido feltro Alessandria, proposto nelle tinte Nero, Mirtillo, Dattero e Porto.

Immancabili le proposte unisex in tessuto, che riflettono ed esaltano i temi di stagione Borsalino. Accanto agli immortali modelli baseball, marinaio e basco, si ritaglia un ruolo da protagonista il bucket, proposto nell’inedito tessuto effetto calfskin con motivo “mucca”, in vernice nera Mistero e in versione antipioggia. Prezioso eco-cachemire per i beanie tricot realizzati in maglia rasata e a coste.

Questo slideshow richiede JavaScript.

BORSALINO PRESENTA
HAT YOUR DIVERSITY
Borsalino presenta in anteprima un breve videoclip intitolato “HAT YOUR DIVERSITY” in occasione della settimana Milano Moda Donna per celebrare la bellezza femminile, l’individualità e lo stile personale. Girato nel centro di Milano dal videomaker Riccardo Rolandi, il video cattura le protagoniste durante una vera passerella mentre mostrano il proprio legame stilistico attraverso la scelta di un cappello appartenente alla nuova collezione FW 21/22 di Borsalino.
Il cast comprende alcune delle donne più eleganti di Milano che provengono dal mondo della moda, della fotografia, della filantropia, dell’arte, del design e degli affari. Il video “HAT YOUR DIVERSITY” illustra un energico caleidoscopio di espressività naturale e vede come protagoniste: la tattoo artist Jessica Aaron, l’imprenditrice digitale Giulia Accardi; la stylist Marta Achini; la modella Keita Frida Andrea; la tattoo artist Eva Banks; la giornalista/editor Sofia Celeste; la fotografa Sandra De Feudis; l’artista Samantha Gandin; la platform developer Stefania Gatta; la brand consultant Isabelle Harvie-Watt; la stylist Johana Kouame; la designer di scarpe Alessandra Lanvin; la Charity Advisory & Fashion entrepreneur Maria Mantero; la violinista Laura Marzadori; narratrice digitale Deirdre McCready; la consulente creativa Carolina Neri; la DJ e sound designer Norabee; la giornalista Selene Oliva; la fondatrice del brand Tearose Carola Rovati; l’imprenditrice Lina Pusateri; la giornalista Miki Tanaka.

I cappelli sono ormai lontani dall’essere pensati con il solo scopo di coprirci, ma piuttosto per quello più ambizioso e audace di scoprirsi e scoprirci, di rivelarsi e rivelarci a noi stessi.

CREDITS
Video Maker:
Riccardo Rolandi
Cast:
Jessica Aaron, Tatuatrice
Giulia Accardi, Imprenditrice digitale e attivista
Marta Achini, Stilista e creatrice digitale
Keita Frida Andrea, Modella
Eva Banks, Tatuatrice
Sofia Celeste, Giornalista e editor digitale
Sandra De Feudis, Fotografa
Samantha Gandin, Pittrice e scrittrice
Stefania Gatta, Sviluppatrice di piattaforme digitali
Isabelle Harvie-Watt, Consulente per brand
Johana Kouame, Stilista
Alessandra Lanvin, Designer di scarpe
Maria Mantero, consulente per attività di beneficenza e imprenditrice
Laura Marzadori, Violinista
Deirdre McCready, Narratrice digitale
Carolina Neri, Consulente creativa
Norabee, DJ & Sound Designer
Selene Oliva, Giornalista
Carola Rovati, Fondatrice del brand Tearose
Lina Pusateri, Imprenditrice
Miki Tanaka, Giornalista

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Woman FW 21/22

MFW – ANTEPRIMA FW21 Collection

Published

on

RECONNECT
Nuovi orizzonti senza confini artificiali e linee culturali
Connessione e autenticità, un nuovo modo di rapportarsi con la realtà, seguendo la scia di un momento imprevedibile in cui la creatività di matrice artistica e dal design senza tempo crea un’armonia di contrasti: moda e arte, unità e tradizione, natura e artificio, realtà e irrealtà, maschile e femminile, passato e futuro.

TRIBUTE TO 1994 ANTEPRIMA COLLECTION
guardare al passato per formare il futuro
La donna di Anteprima è sicura e decisa e sceglie forme essenziali che affondano le loro radici nella storia del brand (anno 1994) – rispettate ma non replicate- e indugiano su tessuti tecnici e silhouette moderne con un’ispirazione che nasce dalla bellezza del territorio italiano, nel cuore della Toscana, al Borro, paradigma ideale di tradizione, lusso e relax.

REWORK CLASSICS WITH NEW NEUTRALS
FOR HER, FOR HIM, FOR BOTH
È l’estetica minimal di Anteprima che, nella collezione FW 2021, si fa portavoce di uno stile no gender, iconico e fluido, in cui tutto è unità e segna l’inizio di una nuova epoca e di una diversa percezione di sé, inclusiva e contro ogni etichetta

COLOR
VERDE INVERNALE
GOLDEN HARVEST
ROSSO E LE SUE TONALITÀ
NEUTRO
CHRISTMAS ROSE

A MESSAGE FROM IZUMI OGINO
(Creative Director ANTEPRIMA)

“Per la collezione FW21, abbiamo riflettuto sulle priorità: a cosa ci colleghiamo e come, in un tempo imprevedibile. Esplorare il modo in cui ci relazioniamo a noi stessi e agli altri in un mondo di estrema interruzione. 

Nei giorni in cui non ho potuto interagire fisicamente con le persone né posso viaggiare, ho avuto tutto il tempo per riflettere su me stessa in una pacifica solitudine; ma allo stesso tempo mi sono accorta della meraviglia della comunicazione con gli amici e i miei cari.

Auguro a tutti di ripensare alle proprie personali connection con i propri cari, 
l’ambiente e se stessi. 

Izumi Ogino

 

New Horizon
Memories drift on the sand and breeze
Fading, slowly, readying the whole world for rest
Never again will we ever be the same?

Eyes gazing over a landscape bare
Warm, soft, and full of stillness
Self-discovery to Reconnect

A simple beauty with emotional sensitivity
Our free, unfettered spirits gives
You and Me to Reconnect

Path now set, laid before us known
A being breathing thoughtful breath

We now know to be true,
A vision of new horizon

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Woman FW 21/22

MFW – Moschino “JUNGLE RED” Autunno/Inverno 2021

Published

on

Lumière! Musique!  È il momento di un avventuroso viaggio a “fashion-land”.
Questa stagione inizia da uno show nello show, nello show, nello show, alimentato dalla sofisticatezza e della grandeur della vecchia Hollywood.
È un mashup di Moschino-ismi con accenni nostalgici, illuminati da riflettori dorati.

Ad ispirare la creatività di Jeremy Scott è stato il brillante film “The Women”- nel quale non compare alcun personaggio maschile – diretto nel 1939 dal precursore George Cukor.
Nello specifico è stata illuminante per il Creative Director di Moschino una scena in Technicolor nella quale viene rappresentato un fashion show (e che è anch’essa una scena nella scena).

The Women” inizia in un esclusivo beauty salon di Manhattan, nel quale le donne dell’alta società si recano per provare un nuovissimo smalto: Jungle Red!

Presentato con un cortometraggio, lo show prende il nome proprio da quella tonalità di smalto.

La collezione autunno/inverno include una vasta serie di capi che spaziano da completi gessati rivisitati ad un abito iconico-ironico con mucche stampate all-over.

Jeremy Scott prende inoltre un elemento quotidiano come il sacco di patate che trasforma in sbuffi e fiocchi: un elemento del tutto trascurabile viene improvvisamente infuso di una nuova irriverente identità.

Lo scenario agricolo lascia spazio alla fauna con un brillante coccodrillo oro, con tanto di coda.

Una Giraffa in paillettes, un Leopardo bustier e poi uno spettacolare Fenicottero il cui collo diventa la scollatura dell’abito.

Ma il viaggio continua.

Gonne, maniche a sbuffo e trench con cintura, dotati di un kit che contiene tutto il necessaire beauty di una donna: pennelli, pettini, pinzette ma anche un iconico Moschino Teddy Bear, tutto incluso!

La collezione poi si trasforma e propone abiti da sera dalla silhouette voluminosa che, attraverso pennellate post-Impressioniste, ricordano vere e proprie tele dipinte a mano.

Per concludere Jeremy Scott ci porta ad una serata di gala anni’40, con abiti rosa tenue, fucsia, neri, oro, che sembrano arrivare direttamente dai red carpet del Baltimore Hotel di Los Angeles.

Business attire? Check! Dame dell’alta società? Check! Una notte all’opera? Check! Eroine hollywoodiane? Check!

Ricorda quindi, in qualsiasi occasione, indossa sempre Jungle Red!

Creative Director: Jeremy Scott
Hair by Jimmy Paul
Make-up by Kabuki with product provided by @MACcosmetics
Nails by Yoko using the OPI New Hollywood collection
Photography by Marco Ovando
Videography by Jeremy Eichenbaum
Casting by Samuel Ellis Scheinman + Piergiorgio Del Moro for DM Casting

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending