Connect with us

Lifestyle

Gli elementi decorativi ispirati alla natura

Published

on

L’elemento  fondamentale è  la lavorazione artigianale. MOS design si distingue per la produzione interamente realizzata a mano nello studio di Roma.

I fondatori sono Sara Chiarugi e Michele Morandi che creano e realizzano soluzioni funzionali per interni come tavoli, tavolini sedute, librerie ed elementi decorativi. Dall’incontro delle personalità e professionalità dei fondatori nascono progetti volti a sperimentare la fusione tra decoro e architettura d’interni.

La qualità delle materie prime utilizzate sono  alla base del processo produttivo e partano  dalla scelta degli  elementi più pregiati. L’attività dello studio è rivolta al design, che utilizza antiche   tecniche manuali per produrre superfici tridimensionali. La ricerca ha dato frutto ad una ricetta di stucco personalizzato con caratteristiche di alta resistenza e di plasmabilità.

La qualità nei materiali si ritrova all’interno dell’intera filiera produttiva, dalle basi metalliche, alla ferramenta, ai pellami in svariate gamme di colori che sono in grado di creare nuove  rivoluzionarie superfici.

Il tratto riconoscibile di ogni articolo  MOS trae origine dalla scelta produttiva, caratterizzata da una meticolosa cura del dettaglio, il cui processo viene sviluppato internamente all’azienda. Dall’idea al prodotto finito, attraverso le varie fasi di lavorazione, dallo stucco modellato a mano per le superfici, la pressione a caldo su pelle, al legno tornito a mano e la patinatura dei metalli. L’abilità artigianale si fonde con la forza della materia, portando il singolo pezzo ad essere un oggetto unico.

Gli elementi decorativi più classici vengono reinterpretati in chiave moderna per realizzare pannelli decorativi, trasformando semplici superfici in ambienti dalla forte personalità.

La lavorazione che rende ogni pezzo unico e la possibilità di creare soluzioni customizzate, hanno fatto apprezzare MOS design in Italia e all’estero.

Il marchio è presente in tutta Europa, in Nord America e in Israele. Lo stile MOS design si esprime non solo in tavoli e sedute ma anche nella produzione pittorica di elementi e pannelli decorativi della propria collezione di arredi. Rueverte in Danimarca, Claude-Cartier in Francia, Habitat in Israele e Slettvoll in Norvegia sono alcuni degli store dove sono presenti le  collezioni Mos Design .

MOS design partecipa a Maison & Objet Parigi e al Salone Internazionale del Mobile Milano con una selezione di complementi d’arredo, interamente realizzati a mano nello studio di Roma.   Michele Morandi, nato ad Arco (Trento), dopo gli studi di design, progetta e realizza arredi per alberghi, uffici, negozi ed abitazioni in collaborazione con alcune tra le maggiori aziende Italiane.

Il suo lavoro e la sua ricerca spaziano dalla grafica al design. Sara Chiarugi, nata a Roma, dopo la laurea all’Accademia di Belle Arti, si dedica al fashion design , tanto da farne oggetto di docenza presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. Negli anni collabora con stilisti come Tom Ford, Romeo Gigli e Saverio Palatella.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − sette =

Lifestyle

Pandemic fatigue: come vivere meglio nonostante la pandemia

Published

on

I dati delle ultime ricerche mostrano che larga parte della popolazione sta in qualche misura soffrendo della pandemia, anche chi non ha avuto il Covid-19: la maggioranza delle persone presenta sintomi da stress che, nella comunità scientifica, sono chiamati “pandemic fatigue”, logoramento psichico da pandemia.

“Se è vero che prima o poi usciremo da questa situazione, è altrettanto vero che è necessario prevenire il rischio di uscirne troppo logorati” commenta la psicologa e psicoterapeuta Maria Beatrice Toro.

“Specialmente con la seconda ondata abbiamo capito che le limitazioni al nostro modo di vivere e le conseguenze economiche della pandemia sono una realtà destinata ad andare avanti a lungo e si è innescato un forte affaticamento psicologico e scoraggiamento. Non cantiamo più sui balconi, non disegniamo arcobaleni, ma siamo ansiosi e irritabili. La violenza verbale e fisica è aumentata, per la strada, in ufficio, in famiglia”.

Secondo i dati diffusi in ottobre dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 60% della popolazione europea presenta segni della pandemic fatigue, la sindrome da stress da pandemia, con un sentimento di sfinimento e una visione negativa del futuro.

Oltre all’effettivo pericolo per la salute, con le relative paure di contagio per sé e i propri cari, la realtà pandemica comporta infatti altri importanti stress dovuti ai cambiamenti nel proprio stile di vita. Questi cambiamenti coinvolgono quattro livelli: personale, lavorativo ed economico, familiare, relazionale.

“Con la seconda ondata, sono aumentate demotivazione, apatia, paura, reazioni irrazionali, manifestazioni negazioniste, comportamenti aggressivi, ritiro relazionale e trascuratezze che rivelano che stiamo perdendo energie come persone e come collettività” osserva la dott.ssa Toro. “Il problema è che l’emergenza sta durando da tanto tempo e il sovraccarico emotivo pesa ogni giorno di più. Da qui il logoramento da pandemia”.

La pandemic fatigue è una forma di disturbo da stress prolungato della famiglia delle “fatigue”, ovvero le sindromi di logoramento e affaticamento dovute a situazioni che comportano un eccessivo carico emotivo per lungo tempo, come malattie croniche, problemi familiari, relazionali, sociali, economici costanti e persistenti. I sintomi più comuni rilevati da studi effettuati a livello internazionale sono riconducibili all’eccesso di stress, ma anche ansia, ritiro sociale, impulsività e difficoltà nel gestire la rabbia.

Praticamente tutte le ricerche hanno evidenziato che lo stress e l’ansia dovuti a una situazione che viene percepita come qualcosa di fuori controllo alimentano insonnia e incapacità di rilassarsi, creando un circolo vizioso in cui più ci si preoccupa, meno si dorme, peggiore diventa la salute mentale.

“Senza dubbio le persone anziane corrono, a livello fisico, maggiori rischi per la salute, ma sembra che siano le persone più giovani a risentire di più dal punto di vista emotivo. Secondo studi in Spagna, Cina e Slovenia, sono proprio i giovani che tendono ad essere più depressi, ansiosi, stressati e traumatizzati. Lo stesso vale per le donne, che, oltre a tutto ciò, si sentono mediamente più sole” commenta la dott.ssa Toro.

Un vademecum per vivere meglio

Una delle chiavi vincenti per affrontare la situazione è usare la razionalità, ovvero, anzitutto, acquisire delle competenze reali da fonti affidabili su cosa sta succedendo. Il secondo pilastro della resilienza è l’acquisizione di validi strumenti di autoregolazione emotiva, dalle tecniche di respiro lento al recupero di un senso di padronanza di se stessi. E poi ci sono la creatività, la capacità di perdonare, l’abilità di costruire nuove relazioni con le persone che ci sono vicine, a partire da chi ci abita accanto. Uscire a piedi consente di riappropriarsi del luogo in cui viviamo e di restare connessi con gli altri.

Al di fuori delle situazioni più gravi, per le quali è consigliabile l’intervento di un medico specialista o psicologo, sono diversi gli strumenti di self help basati sulla psicologia positiva che possono venire in aiuto. Si tratta di un approccio basato sulla fiducia nella fondamentale capacità di evolvere di ogni essere umano: questa visione della psiche ha mostrato che spesso sono proprio le situazioni di crisi che inducono a far emergere risorse interne che non si sapeva di possedere, o a sviluppare meglio i propri punti di forza.

Ecco allora una sintesi di alcuni accorgimenti alla portata di tutti, estratti dal libro Oltre la Pandemia – Superare (bene) ansia, stress e rabbia, di Maria Beatrice Toro, per vivere meglio in questo periodo pandemico e ridurre l’effetto di logoramento:

  1. Ristabilire una routine: mantenere i ritmi biologici durante la pandemia protegge da alterazioni dell’umore e stati di ansia. Dunque svegliarsi a orari fissi, mangiare regolarmente, fare esercizio, vestirsi e mantenere la cura del proprio aspetto quando si resta a casa.
  2. Accogliere il proprio disagio, accettare le proprie emozioni difficili e adottare un dialogo interno positivo: “Altre volte ho pensato di non riuscire e invece ce l’ho fatta”, “Non sono il solo ad avere problemi”, “Sono più forte di quello che penso”
  3. Usare la musica: offre uno stimolo distraente e distoglie dai pensieri negativi.
  4. Dialogare con chi la pensa diversamente da noi o si comporta in modi che non condividiamo: dobbiamo riscoprire il valore del perdono. Attenzione specialmente a bambini e adolescenti, che sono stati duramente colpiti e manifestano tante regressioni. Non è il momento di essere punitivi.
  5. Confidarsi con gli altri. Parlare con qualcuno di cui ci si fida, che riesce a mantenere un atteggiamento positivo e confidati senza vergogna, pensando che non giudicherà, ma, piuttosto, che può davvero aiutare e probabilmente desidera farlo.
  6. Coltivare i propri interessi. Che si tratti di lettura, cucina, lavoro a maglia o attività sportiva è importante che non abbandonare i momenti di ricarica personale. Per chi ha un animale domestico, poi, è importante non smettere di prendersene cura e passare del tempo di qualità con lui.
  7. Imparare le tecniche per l’autoregolazione: uno dei più validi strumenti per sostenere l’autoregolazione emotiva è la mindfulness, una pratica di meditazione laica con dimostrata efficacia sperimentale per una vasta serie di problematiche da stress. Non è una tecnica di rilassamento, ma un modo per recuperare presenza a noi stessi.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Lifestyle

Come viaggeremo nel 2021: i sei trend individuati dagli esperti

Published

on

Agli Italiani manca viaggiare e non vedono l’ora di ricominciare a farlo. A dimostrarlo sono i picchi nelle ricerche di voli fotografati nei diversi giorni in cui le aziende farmaceutiche hanno annunciato il vaccino contro il Coronavirus. Un esempio è la crescita del 19%, superiore alla media europea, nelle ricerche da parte dei nostri connazionali di voli sulle piattaforme del gruppo eDreams ODIGEO il giorno del primo annuncio di un vaccino.

Una delle poche certezze per il 2021 è quindi che, con il diffondersi delle vaccinazioni, tornerà anche voglia di viaggiare. Se trend come Staycation o Workation risultano ormai consolidati e familiari per tantissimi, quali saranno le novità che si prospettano per il 2021 (e per gli anni a venire)?

Trainline, app leader per viaggiare in treno e pullman in Europa, ha identificato alcune tendenze che prenderanno inevitabilmente piede per quanto riguarda viaggi e vacanze per il prossimo futuro.

Aria aperta e grandi spazi
Dopo mesi di restrizioni e limiti, per il 2021 i viaggiatori saranno più inclini a prenotare vacanze all’aria aperta: il “richiamo della natura” si farà più forte anche per chi di solito ama scoprire nuove città e le esperienze en plain air avranno grande rilievo, a maggior ragione se in grandi spazi incontaminati, dove mantenere le distanze sarà più semplice.

Viaggi sostenibili: lo dice l’Europa!
Il trend legato ai viaggi sostenibili troverà nuova linfa dopo la pandemia. Uno dei modi per sposare a pieno questo trend è viaggiare in treno e non a caso il Parlamento Europeo ha deciso di nominare il 2021 come Anno Europeo delle Ferrovie, con lo scopo di promuovere le ferrovie quale modo di trasporto sostenibile, innovativo e sicuro: le ferrovie emettono una quantità di CO2 molto inferiore rispetto al trasporto equivalente su strada o per via aerea e sono il solo modo di trasporto ad aver ridotto le emissioni di CO2 in maniera costante dal 1990[2]. Una recente indagine condotta da Eumetra per conto di Trainline evidenzia come il 76% degli italiani raccomanderebbe un viaggio in treno, descrivendolo in termini qualitativi come “confortevole” (47%), “ecosostenibile” (53%) e “facile da prenotare” (58%).

Mai più senza app per organizzare il proprio itinerario
La sempre maggiore dimestichezza con tecnologia e app che gli italiani hanno guadagnato nel corso di questo travagliato 2020 porterà i viaggiatori ad avvalersi sempre di più di app di viaggio, come evidenziato dalla ricerca commissionata da Trainline in questo particolare periodo: il 61% degli italiani ha utilizzato app di viaggio per gestire i propri spostamenti. Tra questi, quasi tutti (98%) hanno affermato che l’utilizzo di app li ha fatti sentire più sicuri negli spostamenti e il 68% ha affermato che è stato più facile verificare modifiche nel proprio itinerario. Le app hanno inoltre favorito i viaggi contactless: il 35% ha affermato che disporre di biglietti digitali sul proprio smartphone ha permesso di evitare contatti con persone o emettitrici di biglietti cartacei.

Meraviglie artistiche, storiche e culinarie “a portata di mano”
Se il 2020 ha avuto un pregio, è stato quello di far rivalutare il territorio in cui si vive, che spesso in passato è stato sfavorito rispetto a viaggi di lungo raggio o mete più esotiche. Dopo un’estate trascorsa prevalentemente in Italia, rimarrà la voglia di scoprire le peculiarità storiche, artistiche, culinarie e paesaggistiche del proprio territorio, andando alla ricerca di sistemazioni vicine a casa, ma che permettano di “staccare la spina”. D’altronde, pur essendo il 72esimo paese per superficie e il 23esimo per popolazione al mondo, l’Italia conta il maggior numero di siti dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, ben 55: molti dei quali raggiungibili in treno.

Turismo lento in sicurezza
Il cosiddetto turismo lento, che va a braccetto con il turismo sostenibile e si contrappone al turismo “mordi e fuggi” e di consumo, sarà un trend in crescita nel 2021. Una modalità di viaggio, in Italia e Europa, perfettamente in linea con questo trend è quella dei treni notturni: mezzi comodi e al passo dei tempi che già prima della pandemia hanno riscontrato un incremento di preferenza da parte dei viaggiatori e che per natura permettono di evitare assembramenti anche durante gli spostamenti grazie alla prenotazione di cuccette.

Viaggiatori in controllo del proprio itinerario
Viaggiare in gruppo con gli amici ha sempre il suo fascino, ma sarà auspicabile per il 2021 organizzare sempre più di frequente viaggi “FIT”, ovvero dedicati ai Free Independent Travelers: singoli viaggiatori o al massimo coppie/famiglie che organizzano e svolgono il proprio viaggio in completa autonomia, senza avvalersi di itinerari o pacchetti prestabiliti, e prediligono esperienze uniche, autentiche e fuori dal comune.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Lifestyle

Kidsrevolution- la rivoluzione nell’acquisto della moda bimbo

Published

on

Da un’attenta analisi dei mercati Pasquale Corvino Ceo del brand, lancia nel 2019 www.kidsrevolutionstore.com/it, la prima piattaforma market-place dedicata all’abbigliamento bambino 0-16, realizzata da collezioni nuove  o da articoli in rimanenza, pronta a rivoluzionare le dinamiche di acquisto convenzionali. Attraverso una raffinata e-boutique, la cui attività è stata estesa in tutto il mondo, ha l’obiettivo di semplificare la routine domestica delle famiglie spesso impegnate negli acquisti per i propri figli.

Mai come adesso lo shopping online è entrato nelle abitudini di molti utenti, che riescono a sopperire, tra chiusure e limitazioni, in questo modo alle esigenze dei ragazzi.

Nella piattaforma www.kidsrevolutionstore.com/it si possono trovare tutti gli articoli indispensabili per i cambi di stagione per i propri figli, in una selezione di  150 brand famosi, che si differenziano per stili, struttura e taglie.  E’ possibile inoltre trovare le ultime novità  sul tema Natale,  consigli e proposte-regalo, in un momento in cui gli spostamenti sono difficoltosi.

Con un’offerta di oltre 2000 modelli a stagione,  l’e-commerce di abbigliamento 0-16 anni Kidsrevolution  riesce a soddisfare le esigenze di tutte le età  (anche fino a 18 anni), il portale ha infatti  dedicato un’intera sezione a: tutine, abiti, accessori, costumi, intimo, pigiami, felpe e t-shirt per neonati, bambini e ragazzi, da abbinare a jeans, giacchetti e sneakers per sfoggiare lo stile giusto in ogni occasione.

Quella dedicata ai capi griffati è solo una delle sezioni che compongono l’offerta di Kidsrevolution, costantemente aggiornata con le ultime novità dei top brand dell’abbigliamento per bambini e ragazzi. Kidsrevolution sviluppa infatti, con il proprio team, ricerche sui nuovi marchi per nuove  proposte in cui gli utenti si possiamo imbattere per la selezione di articoli.

Il primo marketplace dedicato ai bambini  contiene infatti marchi prestigiosi, come Alberta Ferretti, Armani, Burberry kids, Chloe’, Fendi, Gucci, il Gufo, MSGM, Moncler, e molti altri..

Tante inoltre le categorie di prodotti: dall’intimo alle scarpe, agli accessori  agli abiti, t-shirt, tute e jeans.

Le mamme attente alla moda su Kidsrevolution  possono scoprire le ultime tendenze sfogliando la sezione “Ultimi arrivi”, dove vengono  presentate tutte le novità,  mentre le promozioni in corso sono visibili sulla pagina “Outlet”. Attualmente l’e-commerce applica uno sconto del 50% in questa sezione,  su una selezione di capi con una buona disponibilità di taglie.

Le  transazioni per i pagamenti possono avvenire in tutte le modalità previste e solo con metodi sicuri, carte di credito, paypal, bonifico bancario e contrassegno.  La consegna prevede tempi molto brevi mentre per ordini a partire da 50 euro la spedizione è gratuita. Tutti gli ordini vengono  evasi entro due giorni lavorativi: tutte le spedizioni partono da Kidsrevolution , solo nei giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle 17.30. Gli ordini inseriti nei giorni di Sabato e Domenica verranno gestiti il Martedì successivo.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending