Connect with us

Mood Town

Viaggio a Tokyo attraverso i film e le serie TV

DailyMood.it

Published

on

Otto appassionanti storie sullo sfondo della capitale nipponica per vivere l’atmosfera della città tra film da Oscar, kolossal di successo mondiale, pellicole d’animazione e serie in streaming

In attesa di fare la valigia per ricominciare a viaggiare a lungo raggio, basta accendere la televisione per arrivare dall’altra parte del mondo, almeno con l’immaginazione. Ecco una carrellata di film e serie TV ambientati a Tokyo, dai classici ai kolossal, fino alle proposte più recenti di Netflix e Amazon Prime, che mostrano i posti più celebri e gli angoli meno conosciuti della capitale nipponica attraverso le storie appassionanti dei protagonisti.

Lost in Translation: la nascita di un’amicizia tra le due anime della metropoli
La pellicola, che nel 2014 è valsa l’Oscar a Sofia Coppola per la migliore sceneggiatura originale, è un must per chi ama le storie d’amore e amicizia non convenzionali, come quella di cui sono protagonisti Bill Murray e Scarlett Johansson. Il film esplora il tema della solitudine e dell’incomunicabilità, raccontando l’incontro di due anime perse che si scoprono in un momento di grande fragilità. Le luci di una Tokyo frenetica, fatta di insegne luminose e colorate si contrappongono al mondo interiore dei personaggi, che trovano la loro dimensione ideale nell’ambiente rilassato del Park Hyatt Tokyo Hotel e del suo New York Bar, il ristorante con vista panoramica situato al 52° piano dell’edificio nel cuore di Shinjuku, il vivace quartiere finanziario e dei divertimenti. Qui i due protagonisti si incontrano per la prima volta e approfondiscono la loro amicizia, confrontandosi spesso sulle differenze tra lo stile di vita di Tokyo e quello occidentale.

The Fast and the Furious – Tokyo Drift: il lato adrenalinico di Tokyo
Per chi preferisce i film d’azione da guardare con il fiato sospeso, il terzo capitolo della celebre saga di Fast & Furious, uscito nel 2006 e attualmente disponibile su Netflix, permette di lanciarsi letteralmente tra le strade di Tokyo attraverso riprese avvincenti e panorami metropolitani mozzafiato. Mentre i protagonisti si dedicano al mondo sotterraneo del drifting, sfidandosi in adrenaliniche corse automobilistiche clandestine, gli spettatori hanno l’occasione di scoprire il lato più “tosto” della capitale. Tra sgommate e manovre spettacolari, l’atmosfera travolgente della città è presente in ogni istante del film, raggiungendo il culmine nella celebre scena di inseguimento ambientata all’incrocio di Shibuya, famoso per essere uno degli attraversamenti più trafficati al mondo e una tappa imperdibile per ogni viaggiatore.

The Ramen Girl: uno sguardo spensierato sulla cucina e la cultura giapponese
Gli amanti della cucina orientale, e in particolare delle specialità gastronomiche giapponesi, non possono perdersi questo delizioso film del 2008. La protagonista è una giovane studentessa americana interpretata da Brittany Murphy: dopo essere stata lasciata dal fidanzato, si ritrova sola e demotivata a Tokyo, dove si rifugia nel bistrot di ramen sotto casa cominciando una lunga opera di convincimento nei confronti del burbero proprietario per farsi insegnare l’antica arte della preparazione di questo piatto. Il film, con il suo tono leggero e spensierato, mette in luce i grandi valori della cultura giapponese – fondamentali anche nella tradizione culinaria – come la passione, la pazienza e la dedizione per il proprio lavoro, offrendo un punto di vista non scontato sugli usi e costumi nipponici e facendo venire una gran voglia di assaggiare l’autentico ramen servito nei locali tradizionali della città.

Godzilla (1954) e Godzilla Resurgence (2016): fantascienza tra i palazzi nel quartiere di Kabukichō
Tokyo è immersa in uno scenario decisamente più irreale nella serie di kolossal giapponesi dedicati a Godzilla, divenuti ormai dei classici in tutto il mondo. Se il film degli anni Cinquanta dà inizio alla saga del kaijū, il mostro misterioso della tradizione giapponese, segnando le origini del genere cinematografico, il più recente remake (disponibile su Prime Video con il nome originale “Shin Godzilla”) stupisce con i suoi incredibili effetti speciali, che rendono le scene più che realistiche. Una curiosità: i film sono diventati così popolari nella cultura giapponese da diventare a una delle attrazioni turistiche di Tokyo; nel quartiere di Kabukichō, Shinjuku si può scorgere la Godzilla Head, una gigante scultura della testa del mostro che fa capolino tra i palazzi.

Your Name.: i luoghi più affascinanti della metropoli sotto forma di anime
Non può mancare una proposta tra gli anime: “Your Name.” ha riscosso un enorme successo anche tra chi non ha familiarità con il genere, affermandosi al primo posto tra i film giapponesi che hanno incassato di più in tutto il mondo.  Questa piccola perla di animazione del 2016, disponibile nel catalogo di Netflix, riproduce con estrema fedeltà i luoghi di Tokyo, che fanno da sfondo alla storia surreale di due adolescenti divise tra una piccola cittadina di montagna nei dintorni di Tokyo e il centro della metropoli. Dall’incrocio Nishi Shinjuku circondato dai grattacieli, al Shinjuku Kabukicho Yunika Building, per poi arrivare al Santuario Shintoista Suga, luogo centrale nella storia, lo spettatore ha l’occasione di ripercorrere i luoghi più amati della capitale del Sol Levante, raccontati con cura di dettagli attraverso lo sguardo visionario del regista Makoto Shinkai.

Midnight Diner -Tokyo Stories: le storie della città nell’atmosfera notturna di Tokyo
Per un’immersione nella vita notturna e nelle storie degli abitanti di Tokyo, questa serie TV prodotta in Giappone e da poco disponibile su Netflix – tratta dal mangaShinya Shokudo – racconta la realtà urbana della metropoli, vista attraverso gli occhi del proprietario di un piccolo ristorante izakaya. Aperto da mezzanotte fino all’alba, il locale apparentemente ordinario diventa teatro di incontri con i clienti occasionali, con cui si sviluppano dei rapporti profondi attraverso la condivisione dei piatti. Una storia fatta di contrasti, in cui si contrappongono la dimensione intima del ristorante e quella dinamica e caotica del quartiere di Shinjuku, che fa da cornice agli eventi.

Tokyo Girl: uno sguardo femminile sulla vita nella capitale del Giappone
Per chi ama le trame più profonde, è disponibile su Prime Video la serie Tokyo Girl, in cui la capitale nipponica fa da sfondo a una storia di crescita personale, che regala una prospettiva tutta femminile sulla cultura giapponese e sulla vita nella metropoli. Nell’ampio arco temporale in cui si svolge la storia, lo spettatore segue la storia di Aya, una giovane ragazza di paese che si trasferisce a Tokyo e cerca di adattarsi alla vita della grande città, imparando lezioni di vita tra carriera, amore e ambizioni personali. Tra i tanti quartieri che appaiono nella serie ci sono Ebisu, Ginza e Yoyogi Uehara.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 3 =

Mood Town

L’Irlanda celtica, dove tutto di Halloween ebbe inizio…

DailyMood.it

Published

on

Halloween sta arrivando: bisogna ringraziare l’Irlanda per i costumi e le tradizioni più popolari del periodo più spettrale dell’anno.

Gli irlandesi sono famosi per aver messo insieme in un calderone un miscuglio stregato di mistero e allegria nel periodo di Halloween…. e non c’è da stupirsi, l’Irlanda è dove tutto ebbe inizio.
Se si ripercorre la storia di Halloween fino alle sue origini, si ritorna alle nebbie dell’Ireland’s Ancient East e del festival celtico di Samhain, una grande celebrazione del fuoco e dei banchetti che ha segnato la fine della stagione della luce e l’inizio dei giorni bui dell’inverno.
In questo momento di passaggio, i Celti credevano che ci fosse un’interazione tra il mondo dei vivi e quello dei morti e che gli spiriti potessero muoversi da uno all’altro. Temendo che qualsiasi loro comportamento potesse trascinarli nell’aldilà prima del tempo, i Celti usavano travestirsi con costumi per confondere e spaventare i fantasmi, le fate, i folletti e i demoni.
La tradizione dei nostri giorni di mascherarsi ad Halloween è saldamente radicata in queste antiche usanze celtiche precristiane, così come quella di accendere falò, pratica che prese il via sulle colline irlandesi grazie a clan e comunità che si riunivano per accendere enormi fuochi cerimoniali a Samhain.

Uno dei più grandi festival celtici del fuoco si svolgeva sulla cima di Tlachtga, o collina di Ward nell’attuale contea di Meath. Recenti scavi archeologici hanno infatti evidenziato come, oltre 2000 anni fa, la collina fosse il luogo in cui si svolgevano banchetti e celebrazioni; inoltre, vecchi manoscritti rivelano che i Celti accesero qui un fuoco da cui poi sono stati alimentati tutti i fuochi sull’isola.
Fino ad oggi l’area circostante il promontorio di Ward e la vicina collina di Tara, dove regnarono i Supremi Re d’Irlanda, rimane uno dei fulcri delle tradizioni irlandesi di Halloween. Il Festival di Púca, una celebrazione di Samhain del XXI secolo, si svolge ogni anno nella contea di Meath e nella vicina contea di Louth.
Per celebrare l’Irlanda come il luogo di origine di Halloween, normalmente gli eventi di Púca includono un’emozionante rievocazione della luce simbolica del fuoco di Samhain, musica dal vivo e performance, incredibili installazioni luminose e altro ancora. Quest’anno, invece, i festeggiamenti saranno virtuali, con una messa in onda dell’accensione dei fuochi di Samhain prevista per il 31 ottobre.
Zucche illuminate con facce macabre sono un altro aspetto molto amato di Halloween: deriva dalla pratica irlandese di scavare rape e grandi patate, che venivano utilizzate come le originali Jack-o-lantern.
In effetti, questo nome discende da un racconto popolare irlandese che narra di un uomo di nome Stingy Jack che ha giocato uno scherzo al diavolo. Come punizione per il suo inganno, il diavolo condannò Jack a vagare per l’eternità con solo un tizzone ardente dai fuochi eterni dell’inferno all’interno di una rapa per illuminare la sua strada.
Successivamente, gli immigrati irlandesi portarono la tradizione in America, patria della zucca, e la zucca invernale è ora diventata parte fondamentale delle festività di Halloween.
“Dolcetto o scherzetto” è un’altra tradizione che ha origine in Irlanda, che vedeva bambini e poveri andare di porta in porta a chiedere cibo, legna o denaro. Cantavano canzoni o offrivano preghiere per l’anima dei morti in cambio del cibo, di solito una “soul cake”, cioè un pane appiattito che conteneva frutta. Questa usanza era conosciuta come “souling”.
La consuetudine di travestirsi e fare visite a domicilio per richiedere piccoli regali di dolci, frutta e denaro è viva e vegeta oggi in Irlanda e in molti altri Paesi del mondo.

In Irlanda le storie di fantasmi non mancano e Halloween è il momento perfetto per conoscerle
Case infestate, castelli maledetti e spazi dalla reputazione spaventosa sono presenti in tutta l’isola d’Irlanda. Ognuno ha la propria storia da raccontare e questi luoghi, grazie all’alone di mistero che li circonda, accendono la curiosità degli amanti del soprannaturale, bramosi di scorgere un fantasma o di rabbrividire per il rumore del respiro di qualche spirito.
È quasi certo che Loftus Hall, nella contea di Wexford, territorio dell’Ireland’s Ancient East, sia l’edificio più infestato dell’isola, nonché il luogo in cui, sotto mentite spoglie, si manifestò il Diavolo in persona.

E se si desidera vedere cosa succede a Loftus Hall dopo il tramonto, ogni notte è attiva addirittura una diretta streaming da sei stanze (https://www.loftushallafterdark.com/the-rooms). Il 10 ottobre, inoltre, andrà in scena uno speciale evento, anch’esso in diretta (https://www.loftushallafterdark.com/live-stream), che vedrà un team di esperti investigatori dell’occulto cercare di stabilire un contatto con gli spiriti.
Costruito dalla famiglia Shaw nel 1625, lo storico castello di Ballygally, affacciato sulla spettacolare Causeway Coast, in Irlanda del Nord, è famoso per il fantasma che abita la sua torre. Si narra, infatti, che Lady Isobel Shaw venne rinchiusa lì dal marito perché non riusciva a dare alla luce un erede maschio, ma lei, piuttosto che morire lentamente di fame, scelse di suicidarsi buttandosi dalla finestra. Oggi il castello è un albergo di lusso e molti ospiti affermano di aver visto il suo fantasma e di aver avvertito anche la presenza di altri spiriti.
Racconti di stregoneria, vendetta, rituali demoniaci e tradimenti abbondano nella bella città medievale di Kilkenny e una popolare rivista di viaggi l’ha inserita nella lista dei luoghi più infestati d’Europa.
Si dice che almeno due dei suoi edifici più famosi ospitino addirittura lo stesso fantasma: lo spirito di Alice Kyteler, che, accusata di essere una strega, riuscì a fuggire dalla città, facendo sì che per equivoco la domestica fosse bruciata sul rogo al posto suo.
Il fantasma di Alice, ma alcuni credono che sia quello della cameriera, è spesso avvistato alla Kyteler’s Inn, la più antica locanda di Kilkenny, fondata proprio da Alice verso il 1323. L’altro luogo in cui spesso si può incontrare il suo spirito è la Cattedrale di St Canice.
Lungo la Wild Atlantic Way, nei sotterranei di Westport House, nella contea di Mayo, pare che si possano sentire gli echi di coloro che erano tenuti prigionieri da Grace O’ Malley, la regina dei pirati vissuta nel XVI secolo. Questa splendida dimora signorile è costruita sulle fondamenta di uno dei castelli della O’ Malley e si può visitare attraverso tour autoguidato.
L’imponente castello di Dublino non può rivendicare propriamente dei fantasmi, ma ha forti legami con uno dei maestri del macabro per eccellenza: Bram Stoker, autore del celebre romanzo “Dracula”.
Nato all’apice della Grande Carestia, Stoker lavorò presso il castello di Dublino e si dice che l’ispirazione del personaggio di Dracula scaturì dalle storie sui non morti raccontategli da sua madre e che il suo celebre romanzo sia indirettamente un riferimento al popolo irlandese affamato e paragonabile, pertanto, ai morti viventi.
Ogni anno ad Halloween Dublino ospita il Bram Stoker Festival (https://bramstokerfestival.com/), un horrorfest a tema vampiresco in suo onore, che quest’anno prevede una serie di eventi sia dal vivo che online.
www.irlanda.com
www.irlanda.com/halloween

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Street Art irlandese: tesori a cielo aperto tutti da scoprire

Published

on

Che siano ritratti incredibili, installazioni elettriche, murales a sfondo politico o legati a un messaggio, l’arte che ricopre edifici e facciate in tutta l’isola d’Irlanda rivaleggia con le Winwood Walls di Miami, i graffiti di Berlino e le colorate strade di Bristol, città legata al famosissimo artista di strada Banksy.

La vivace comunità irlandese di street artists, graffitari e autori di murales è sempre più nota e influente nel panorama mondiale delle arti visive.

Con grandi opere d’effetto che catturano lo spirito contemporaneo del Pese e nuove forme d’arte che rapidamente fioriscono un po’ ovunque, dal centro ai quartieri periferici, Dublino è uno dei punti caldi più vivaci della street art irlandese

Gli artisti hanno scelto di popolare le strade e hanno dato vita a straordinarie opere di carattere umoristico, ispirate dalla politica o legate alla cultura. L’arte pervade veramente tutta la città e una creazione che deve essere assolutamente vista è quella che ricopre tutta la parte esterna del Blooms Hotel, a Temple Bar, il vivace quartiere popolato di artisti e intellettuali. Non può essere mancata anche perché fino a oggi detiene il primato di più grande opera di street art realizzata in Irlanda.

Da segnalare, a Portobello, The Bernard Shaw, che dall’esterno potrebbe sembrare uno dei tanti pub irlandesi nei quali trovare rifugio dalla pioggia, ma che in realtà nasconde uno spazio interno in cui gli artisti hanno potuto dar sfogo alla loro creatività.

E prima di lasciare la capitale, fate un salto nella la zona a nord: le opere di street art più belle, sono quelle dell’artista Subset in Burgess Lane.

Belfast è un’altra città in cui la street art è capillarmente diffusa e in cui gli artisti di tutto il mondo hanno lasciato il segno. E grazie alla quantità di murales variopinti, vibranti e fortemente espressivi, presenti nelle sue vie, Seedhead Arts, realtà specializzata nella progettazione di eventi legati all’arte, ha addirittura ideato un bellissimo tour interamente dedicato a questo volto in continua evoluzione della città.

Guidato dagli artisti locali che hanno dominato la scena negli ultimi anni, è uno dei modi migliori per comprendere come Belfast stia letteralmente dipingendo un nuovo percorso attraverso il ventunesimo secolo.

Anche Waterford, la città più antica d’Irlanda, ospita una ricca collezione a cielo aperto di street art, graffiti e murales, in grado di competere con qualsiasi altro luogo del mondo noto per questo tipo di opere. Il suo spettacolare festival annuale “Waterford Walls” è uno degli eventi più originali e importanti della fiorente scena della street art irlandese: in programma di solito nel mese di agosto, mette in mostra, anche con una serie di tour d’arte guidati, i migliori talenti irlandesi e internazionali, tra cui al momento segnaliamo l’inglese Curtis Hylton, il francese Beerens e il tedesco Case Maclaim.

E questa estate si è svolto anche SEEK 2020, un altro entusiasmante festival di arte urbana contemporanea che ha riunito alcuni dei principali artisti, sprayers e stencillers irlandesi.

Si è tenuto a Dundalk, nell’Ireland’s Ancient East, e ha visto la partecipazione di artisti nazionali e internazionali che attualmente vivono sull’isola d’Irlanda. Nomi come Aches, Claire Prouvost, Omin, Friz e Chula Mente hanno trasformato la città della contea di Louth in un’enorme tela artistica per illustrare la storia locale, unica nel suo genere. E visto che questo evento si è svolto interamente all’aperto, tutti hanno potuto partecipare senza particolari restrizioni.

Maggiori info su: www.irlanda.com

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

El Nido Beach Spa & Resort – Un inizio perfetto per scoprire il meglio delle Filippine

DailyMood.it

Published

on

Ci sono luoghi che sembrano rami del paradiso in terra e Palawan, nelle Filippine, è sicuramente una di quelle destinazioni. Il modo migliore per vivere la quintessenza di questa meravigliosa provincia arcipelagica in tutto il suo splendore è visitare El Nido Beach Spa & Resort, un nuovo progetto ad alto rendimento che è diventato il vincitore del Luxury Lifestyle Awards nella categoria The Best Luxury Beach Resorts in Sud-est asiatico. Oltre all’indimenticabile esperienza della vita su un’isola paradisiaca, questo resort offre grandi opportunità di investimento.

El Nido Beach Spa & Resort è un progetto pionieristico di un completo resort a 5 stelle che dovrebbe essere completato nel 2022. La sua prima fase includerà 55 ville di lusso con piscina con pittoresche viste sull’oceano e 20 suite con piscina sull’acqua con servizi straordinari per una vita idilliaca. Le ville si ispirano al design tradizionale, alla ricchezza della terra e alle attività marine. Il resort occupa un’area di 101.000 mq, tra cui una club house e un centro benessere, ristoranti, passerelle, area giochi per bambini, bar sulla spiaggia, molo delle barche, ponti panoramici, casa del personale e infrastruttura del resort con edifici ausiliari, parcheggi e paesaggio completo.

La posizione del resort è conosciuta come uno dei luoghi più belli del mondo. El Nido si trova sulla punta settentrionale dell’isola di Palawan, che è la migliore destinazione per trascorrere vacanze tranquille e tranquille. Allo stesso tempo, quest’isola offre un ambiente all’aperto perfetto per il turismo d’avventura, come le immersioni, lo sci d’acqua, il trekking nella giungla e il kayak.

La direzione di El Nido Beach Spa & Resort considera la sostenibilità al centro dello sviluppo. Tra gli elementi principali di questo aspetto vi sono un impianto di desalinizzazione e pannelli solari a supporto della fornitura di energia elettrica.

Creiamo qualcosa di più di un semplice luogo in cui venire per le vacanze. Il resort offrirà agli ospiti esperienze autentiche dello stile di vita dell’isola di fascia alta. Lo sviluppo supporta anche la gente del posto formandola e assumendola. Siamo felici che i risultati dei nostri sforzi siano già stati apprezzati dagli esperti di Luxury Lifestyle Awards “, ha affermato Gemmalyn Crosby, Presidente.

Agli investitori di El Nido Beach Spa & Resort è garantito un rendimento elevato, oltre all’opportunità di trascorrere gratuitamente 4 settimane all’anno nelle proprie unità.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending