Connect with us

Fashion News

La moda solidale ai tempi del Covid-19

Published

on

Nel mondo della moda è gara di solidarietà. Da quando il Coronavirus ha paralizzato le nostre vite, il mondo del fashion ha annullato tutti gli eventi e le sfilate in programma ma non si è fermato. Anzi. A dare il via a questa straordinaria campagna solidale è stato in primis il mondo del beauty, con i grandi colossi Lvmh, Davines e Menarini che si sono dati alla produzione di gel disinfettanti.

A fargli eco i giganti della moda che hanno deciso di investire nelle mascherine, di cui c’è sempre enorme bisogno. Il gruppo Miroglio (Oltre; Motivi) che è stato tra i primi a rispondere all’emergenza sanitaria, per esempio, si è dedicato alla fabbricazione di mascherine in cotone riutilizzabili fino a dieci volte.

Stessa cosa per BC Boncar, che si è reinventato come produttore di mascherine.

Miroglio, Zara ed Ermanno Scervino invece hanno convertito gran parte della propria produzione direttamente in mascherine chirurgiche.

Ma l’elenco è straordinariamente lungo. Da Armani a Manila Grace, da Ermanno Scervino a Zara, da Elisabetta Franchi a Prada, solo per citarne qualcuno.

Giorgio Armani, che già alla Fashion Week di Milano aveva deciso di sfilare a porte chiuse, è stato uno dei pionieri delle donazioni, devolvendo 1 milione e 250mila euro agli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele e Istituto dei Tumori di Milano, allo Spallanzani di Roma e alla protezione civile.

Anche il gruppo francese Kering (Alexander McQueen; Balenciaga; Saint Laurent; Gucci; Brioni; Pomellato; Kering Eyewear; Bottega Veneta) ha devoluto 2 milioni di euro alle strutture sanitarie site nelle località in cui i suoi marchi sono presenti (Lombardia, Veneto, Lazio e Toscana).

Donatella Versace, invece, ha donato 200.000 mila euro alla terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano, già da tempo al collasso. Mentre l’amministratore delegato di Gucci Marco Bizzarri ha devoluto 100.000 euro all’Ausl-Irccs di Reggio Emilia, un’altra delle zone italiane maggiormente colpite.

E ancora Benetton che, attraverso una holding, ha fatto una donazione di 3 milioni di euro agli ospedali Ca’ Foncello di Treviso, Luigi Sacco di Milano, Spallanzani e Policlinico Gemelli di Roma.

Prada, invece, ha donato due intere postazioni di terapia intensiva e rianimazione agli ospedali milanesi Buzzi, Sacco e San Raffaele di Milano.

Bulgari ha donato allo Spallanzani di Roma un sofisticatissimo sistema di acquisizione di immagini microscopiche, necessario alla prevenzione e alla cura del virus.

Non ci scordiamo poi dei Ferragnez. La coppia Chiara Ferragni e Fedez, infatti, hanno lanciato sul web una campagna di raccolta fondi, grazie alla quale hanno raccolto ben 4 milioni di euro, devoluti interamente all’ospedale San Raffaele di Milano per la costruzione di un nuovo reparto di terapia intensiva.

Ma ogni giorno la lista dei designers e dei brand che si aggiungono ai nomi del fashion system che si mobilita per la più grande emergenza sanitaria dai tempi del secondo dopoguerra si allunga sempre di più.

D’altronde, l’unione fa la forza. #andràtutobene

di Francesca Polici per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − dieci =

Fashion News

Eleventy affida a Simonetta la licenza per la prima linea kids

Published

on

Simonetta, azienda italiana leader nell’abbigliamento per bambini, ed Eleventy, brand di moda promotore di un nuovo concetto di smart-luxury, annunciano un accordo di partnership per la realizzazione della prima linea junior Eleventy.
Alla luce dell’accordo quinquennale, Simonetta si occuperà dello sviluppo, della produzione e della distribuzione su scala mondiale della linea Eleventy a partire dalla collezione Autunno Inverno 2022-23.

La partnership strategica tra le due realtà italiane affini per tradizione, storia e know how si concretizza nel debutto della prima collezione per bambini firmata Eleventy icona di uno stile ed eleganza che non si “vedono” bensì si “percepiscono” e di un lusso che non si “grida” ma si nota.
La collaborazione vedrà entrambe le parti, coniugare l’estro creativo con l’artigianalità, uniti nel rispetto delle tradizioni e dell’ambiente per una prima collezione di abbigliamento
bambini ispirata ai canoni stilistici di Eleventy condividendone i principi di versatilità, stile ed eleganza.

Eleventy è una collezione per bambine e bambini dai 4 ai 16 anni, distribuita in selezionati punti vendita multi-brand e nei department store di tutto il mondo.

Niccolò Matteo Monicelli, Amministratore Delegato di Simonetta Spa, dichiara:
“Siamo entusiasti di essere i partner di Eleventy per il lancio della prima linea bambino, una sfida che ci permette di lavorare ad un prodotto innovativo e smart. Simonetta si conferma così la piattaforma di riferimento internazionale nel settore dell’abbigliamento per bambini con un innesto italiano e contemporaneo”.
Marco Baldassari e Paolo Zuntini fondatori Eleventy, dichiarano:
“L’ingresso nel mondo del bambino rappresenta per noi un ulteriore traguardo che siamo orgogliosi di poter intraprendere   insieme a Simonetta, azienda leader con alte competenze nel settore.
Con le nostre collezioni cerchiamo da sempre di promuovere non solo uno stile ma una filosofia di vita che oggi con orgoglio rivolgiamo anche ai più piccoli.”.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Tombolini si conferma official partner di AS Roma per la stagione calcistica 2021-22

Published

on

Per il terzo anno consecutivo si rinnova la sinergia tra la label marchigiana e il club giallorosso

La sinergia tra Tombolini e la AS Roma si rinnova per il terzo anno consecutivo: l’azienda marchigiana, vera eccellenza del Made in Italy, si conferma fornitore ufficiale delle divise della squadra giallorossa per la stagione calcistica 2021/22.
Due diverse declinazioni accomunate da una continuità di stile e da un’essenzialità che diventa sinonimo di un look sempre perfetto e up to date, in cui la signature elegante e sperimentale della label si unisce a un’attitudine disinvolta e sportiva, fuori e dentro il campo.

La prima squadra indosserà gli abiti della collezione TMB Running impreziositi dal T-way, con coulisse di colore giallo rossa, che graffia la classicità con un tocco sportivamente fuori dagli schemi.
Nelle occasioni pi  formali e istituzionali fuori dal campo, i giocatori, lo staff tecnico e i dirigenti vestiranno abiti Zero Gravity, di colore blu navy: una summa di sartorialità unita alla sperimentazione che fa la differenza in termini di leggerezza e di comfort.

Completa la proposta dolcevita, camicia, gilet sotto giacca e cravatta bra ndizzata inseriti nel kit fornito a ogni giocatore, manager e membro dello staff, oltre all’iconico draghetto posto sul rever della giacca.

Le divise disegnate per l’AS Roma rappresentano la quintessenza dello stile firmato Tombolini : ricercato e funziona le, contraddistinto da capi confortevoli e al contempo innovativi dal punto di vista materico, riscrivono le regole dell’eleganza in chiave contemporanea.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Max Mara 1951 – Anniversary Coats

Published

on

Trionfante e inarrestabile Max Mara ha fatto molta strada dal 1951, anno in cui Achille Maramotti ha fondato il marchio, da allora costantemente proiettato nel futuro. E ora è tempo di festeggiare.
Un importante anniversario che verrà celebrato in modo concreto e guardando – come sempre – in avanti, riproponendosi “di ri-collezionare” piuttosto che “di ricordare”. Come? Con una Anniversary Collection che riedita e riattualizza capi iconici, che hanno segnato non solo il tradizionale percorso di Max Mara, ma soprattutto la Storia della Moda. Veri e propri “punti esclamativi” nel guardaroba di ogni donna, come il leggendario 101801, il cappotto Ludmilla, l’iper fashionable Teddy Coat e la borsa glamour Anita. Must assoluti, sono ora rivisitati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In sintonia con il concetto di lusso funzionale tipico di Max Mara: l’iconico cappotto cammello 101801, pezzo unico e unione di generazioni di donne in tutto il mondo, il lussuoso Ludmilla, noto per essere il cappotto in doppio di puro cashmere per eccellenza nel suo storico color cacha. E ancora il Teddy Bear, ‘It Coat’ e must-have per le donne di tutto il mondo come Kim Kardashian e Rita Ora, nel nuovo colore iconico vigogna, e la borsa Anita con il suo fascino glamstreet.
Diventano ora tutti reversibili grazie a una doublure in nylon. Sono inoltre caratterizzati dal ricamo Max Mara 1951, nell’inconfondibile font maxmaragram.
In un sofisticato clin d’oeil tra presente, passato e futuro.
E la storia continua…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending