Connect with us

MFW SS20

MFW SS20 ANNAKIKI – Collezione “2080”

DailyMood.it

Published

on

MFW SS20 ANNAKIKI

Prendendo ispirazione dal cartone retrò “Jem and The Holograms”, Anna Yang, Creative Director del brand ANNAKIKI, immagina una ragazza del futuro che intraprende un viaggio onirico andando indietro nel tempo:

info@imaxtree.com

dal 2080 approda nel 1980! Durante anni di ripresa economica globale, le classi sociali si dividono e gli abiti divengono per la gente un importante mezzo di espressione delle propria individualità. Figure femminili indipendenti, intraprendenti ed emancipate stravolgono la tradizione e mostrano la propria originalità tramite colori, energia e look eccentrici.

Nell’era antecedente all’avvento di internet e dei social media, le attività sociali coinvolgevano le persone in modo diretto, in diverse occasioni quali cocktail parties, balli, cene ed eventi con sottofondo pop, da Madonna a Prince. La viaggiatrice del tempo ANNAKIKI mescola brillantemente lo stile sfolgorante del femminismo anni ‘80 alla moda del futuro.

La collezione “2080” abbraccia il contrasto maschile/femminile, ormai divenuto un segno di riconoscimento del design singolare di ANNAKIKI, con elementi tratti dal mondo degli anni ‘80 come le strutture delineate, abiti con spalline larghe e cravatta, maniche esasperate, fermacapelli vistosi. La destrutturazione futuristica rielabora i completi da lavoro della piccola-media borghesia. Eleganti tagli a vita alta, silhouettes leggere, abiti sfarzosi per dar via alle danze durante feste, scintillanti sabati sera o nottate psichedeliche. Tutto è arricchito da tocchi speciali come accessori oversize, esagerati occhiali metallici e lussuose applicazioni di cristallo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 7 =

MFW SS20

Il futuro come mood nelle collezioni della MFW con Alcoolique

T. Chiochia Cristina

Published

on

Il futuro come mood nelle collezioni della MFW con Alcoolique

Il futuro come mood: ecco il vero incipit di questa MFW. Mai come quest’anno, la città si apre all’unicità della moda, al fine di includere, diversificare e rendere pienamente se stessi. E non è meno di quanto ci si potesse aspettare da un marchio come quello di Alcoolique che, da quando è nato, è stato per il suo creatore Rocco Adriano Galluccio proprio questo: un’idea di raffinatezza ricercata, un modo particolare per rifinire e cucire addosso alla donna moderna un dettaglio, un “inedito di moda”, attraverso il mix sapiente di una ricerca sui colori e sui materiali, al fine di renderla “unica”.

Il futuro come mood” si potrebbe intitolare, quindi, la nuova collezione presentata nella splendida cornice del Green Wise del District di Brera. Scelta non casuale, perché volta a mettere in risalto le donne che vestono Alcoolique e che, spesso, si vedono ritratte sulle riviste glamour: femminili, generatrici e forti come la natura che, seppur spesso “ingabbiata”, può diventare prorompente e piena di forza.
E così, se la moda finora ha voluto per la donna occidentale uno stile androgino, spesso valorizzato da abiti dai tagli quasi militari e maschili (senza però perdere il suo carattere femminile), il futuro, inteso come mood della moda, ha altro in serbo per noi.

La moda di Alcoolique per esempio, punta sul contatto diretto con la parte “divina”, naturale, sebbene non stereotipata, e creatrice dell’essere donna. Gli abiti diventano pieni di dettagli e i materiali di prima qualità: gli orli, le cuciture, portano ad un taglio nuovo, in cui il femminile deve essere riconosciuto, apprezzato e rispettato. Ecco come gli abiti della nuova collezione enfatizzano il contenuto, il corpo che li indosserà.
Rocco Adriano Galluccio reinventa la ricerca del dettaglio affidandosi a materiali di qualità, mentre si concentra nuovamente sui colori. Donne sexy e volitive che hanno uno stile, in cui si riconoscono, si piacciono.

Lontano, insomma, dall’anno della partecipazione televisiva al programma Project Runway, complice forse questo contesto milanese diffuso sulle passerelle, ecco Alcoolique, fedele a se stesso ma con un modo del tutto nuovo di accostarsi al proprio lavoro: sicuramente più cosmopolita (come la nuova collezione evoca) una “maturità” intesa come pienezza sartoriale rivolta a una donna giovane, intenta ad emanciparsi dagli stereotipi, dinamica e proiettata verso il proprio futuro. Proprio come il marchio.

di Cristina T. Chiohia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW SS20

MFW SS20 Philosophy di Lorenzo Serafini -Jet Set Romance

DailyMood.it

Published

on

MFW SS20 Philosophy di Lorenzo Serafini -Jet Set Romance

“Mi sono lasciato ispirare dalle atmosfere di Monaco alla fine degli anni 70 e inizio 80, da Caroline e Stephanie e dalle loro personalità così diverse. Questa collezione gioca sulla dualità delle loro nature e del loro stile: Stephanie da sempre ribelle e contro le regole, Caroline impeccabile e dall’eleganza classica. Insieme creano la mia donna”.
Lorenzo Serafini

La collezione Philosophy di Lorenzo Serafini Primavera/Estate 2020 si ispira a Monte Carlo e al jet set che frequentava il Principato a cavallo degli anni 80, mixando silhouette classiche a stampe e combinandole con mini abiti in taffettà e pantaloni ricamati di pietre.
Abiti in chiffon plissè e pantaloni a vita alta leggermente a campana – cardini del guardaroba del jet set negli anni 70 – sono il punto di partenza della stagione insieme alle iconiche righe alla Bretone capaci di racchiudere lo spirito di Monaco.
Il tweed di denim diventa una stampa su chiffon ed è il protagonista di mini abiti a corsetto e di fiori che diventano un elemento caratterizzante della collezione.
Dallo spirito più ribelle della donna di questa stagione emerge un lato glamour che si ispira alle fotografie che Helmut Newton scattò a Carolina di Monaco negli anni 80 in cui lei indossa scultorei abiti da sera.
Questa è la vera essenza della donna Phiosophy di Lorenzo Serafini per questa stagione: una principessa del jet set mai eccessiva.
I gioielli che completano i look sono una selezione vintage di Eleuteri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW SS20

MFW Tiziano Guardini – ATLANTIS Collezione P/E 2020

DailyMood.it

Published

on

MFW Tiziano Guardini – ATLANTIS Collezione P/E 2020

Quando si varca l’arco di ingresso al tempio dei sogni, lì, proprio lì, c’è il mare…
(Luis Sepúlveda)

Ritorno ad Atlantide, per ritrovare la connessione con la natura e tra le persone. Questo il sogno di Tiziano Guardini per la Primavera/Estate 2020, una visione poetica che il designer romano traduce in una collezione concreta e totalmente sostenibile, realizzata in collaborazione con alcuni player del settore.

«Sono affascinato dal mito di Atlantide e credo che rappresenti il legame ancestrale tra l’umanità e la natura, un rapporto oggi molto a rischio. Ma ritengo sia altrettanto importante promuovere un contatto tra gli individui, propagare consapevolezza e generare aiuto reciproco. Ho cercato le aziende, chiedendo un supporto nella realizzazione di stampe e stoffe sostenibili e da parte di tutti la risposta è stata entusiasta», spiega lo stilista vincitore nel 2017 del Premio Franca Sozzani Green Carpet Challenge Fashion Award per il suo impegno nel produrre moda green.

Albini Donna, Aquafil, Isko, Mantero, Red e Swarovski sono alcune realtà che hanno sostenuto Guardini nella realizzazione dei capi pensati come manifesto di valori fortemente condivisi.

Completi dallo spiccato rigore sartoriale italiano che strizzano l’occhio all’universo maschile e si mischiano a capi fluttuanti estremamente femminili dai colori vividi, per raccontare una donna dinamica, non costretta da ruoli, con il solo desiderio di esprimere, con libertà e gioia, l’amore per la vita.

Tra i materiali che raccontano al meglio questa filosofia c’è la “Peace silk” che a differenza della seta tradizionale, utilizza i bozzoli abbandonati dalle crisalidi, pronte a spiccare il volo, dopo aver completato il loro ciclo evolutivo.

Un impegno alla sostenibilità raccolto dall’azienda storica Mantero, la tessitura comasca specializzata nella produzione di stoffe e accessori di lusso al femminile, che ha attinto al proprio archivio per ideare un pattern ispirato alla leggendaria isola sprofondata. E su precisa richiesta di Guardini, ha sperimentato per la prima volta la stampa su seta bio e cruelty free, utilizzando una lavorazione a quadro certificata GOTS, Global Organic Textile Standard, ovvero l’attestazione dell’utilizzo di criteri di natura ecologica e sociale dell´intera filiera di produzione tessile.

Il viaggio nella sostenibilità continua con Albini Donna: sulle righe lucide e multi color create in esclusiva per Guardini utilizzando il Tencel™ Lyocell, la fibra registrata da Lenzing e ricavata dalla cellulosa proveniente dalle foreste di eucalipto del Sud Africa, la cui coltivazione viene gestita in maniera sostenibile con certificazione internazionale FSC, specifica per il settore forestale e per i prodotti legnosi e non derivati dalle foreste.

Prosegue anche la partnership con Isko, tra i più importanti produttori di denim a livello mondiale, che ha nuovamente fornito della tela di Genova in 100% cotone organico della collezione Earth Fit. Il tessuto è stato poi laserato anziché stampato, su disegni dell’artista Luigi Ciuffreda, per ridurre il consumo di acqua.

I riflessi di luce di creature e forme marine sono frutto della collaborazione di Tiziano Guardini con Swarovski che ha invece fornito una selezione di cristalli nell’esclusiva formulazione «Advanced Crystals», conforme ai più rigorosi requisiti di eco-sostenibilità.

 “Listen to the EarthBeat” e “Love Me Again” sono i claim “urlati” sulle t-shirt che invitano ad essere fieri di essere sostenibili frutto della co-creazione con il brand teeshare, il progetto di Made in Italy a filiera trasparente lanciato nel 2012 da Francesca Mitolo per T-shirt in 100% cotone organico certificato GOTS.

La ricchezza e la preziosità del mare viene decisamente raccontata e preservata grazie al filo Econyl® di Aquafil. Un filo di nylon totalmente rigenerato e rigenerabile ricavato dal recupero di reti da pesca disperse in mare e da altri rifiuti di nylon come vecchi tappeti altrimenti destinati alla discarica. Guardini lo ha scelto per la terza volta e lo ha utilizzato per tutte le proposte di maglieria dal sapore più tecnico, nelle sue iconiche gonne ad onde e sulle acconciature delle muse.

Red, invece, ha prodotto apposta per la collezione delle calze in cotone organico con la minor percentuale possibile di elastan.

Ogni capo costruito grazie alla sinergia tra il designer e le aziende verrà consegnato con un’etichetta esplicativa relativo alla sostenibilità del materiale o della lavorazione.

CALZATURE ADIDAS x PARLEY

Dal 2015 adidas supporta Parley for the Oceans nei suoi programmi di comunicazione e sensibilizzazione, sviluppando parallelamente innovazioni ecologiche creative e processi produttivi all’avanguardia volte a proteggere gli oceani dall’inquinamento dei rifiuti plastici: un esempio su tutti è Parley Ocean Plastic®, materiale ottenuto riciclando rifiuti plastici recuperati prima che raggiungano le spiagge e le comunità costiere.

Nel 2016 adidas ha creato i primi prodotti con i rifiuti plastici riciclati e nel 2019 ha prodotto undici milioni di paia di scarpe adidas x Parley, intercettando grandi quantità di plastica prima dell’ingresso negli oceani, con l’obiettivo di usare solo poliestere riciclato al 100% entro il 2024 per tutte le collezioni apparel e footwear.

Ogni nuova adidas Parley permette di recuperare circa 11 bottiglie di plastica che altrimenti rischierebbero di finire in mare, mediante l’impiego del materiale Parley Ocean Plastic®. Questa rivoluzionaria innovazione a favore dell’ambiente nasce dai rifiuti plastici raccolti sulle spiagge, che vengono rilavorati fino a ottenere il prodotto finale.

GIOIELLI futuroRemoto

Bacterium Spring Summer 2020 Collection di Gianni De Benedittis per futuroRemoto, in armonia con il mood della couture collection di Tiziano Guardini, è stata realizzata in favore di un mondo sostenibile. Come gli esseri viventi, anche i gioielli si adattano alle mutate condizioni dell’ambiente, persino nell’inquinamento. Pertanto, piccole sfere -realizzate con la tecnica della microfusione e l’uso di smalti colorati – si agglomerano o gemmano con peduncoli e bastoncelli, riproducendo in pendenti, orecchini, anelli e bracciali i piccoli batteri che vivono nel mare e si nutrono di plastica.

Thanks to LAMPA

Lampa accessori. L’intero processo produttivo presta particolare attenzione alla sostenibilità, per ridurre al minimo l’impatto ambientale, garantendo la massima qualità per i clienti in un contesto di lavoro ideale per i dipendenti. Le materie prime sono conformi alle normative europee e vengono elaborate mirando a zero scarti.

Thanks to TEXMODA

Texmoda Tessuti è molto sensibile all’ecologia e al rispetto dell’ambiente, agendo su molteplici fronti per raggiungere l’obiettivo di una moda ecosostenibile attraverso una costante attenzione alla virtuosa filiera produttiva. Texmoda Tessuti ha partecipato al progetto DETOX di GREENPEACE da marzo 2016, produce prodotti di alta qualità con filati rigenerati e ha ricevuto la certificazione Grs per i suoi tessuti riciclati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending