Connect with us

Mood Town

Ciak, si gira…per l’Italia, nelle locations dei film!

DailyMood.it

Published

on

L’estate sta arrivando, accompagnata da costumi, pantaloncini corti, occhiali da sole e un profumo inebriante di crema solare! Con il piacevole caldo e la brezza marina arriva anche un’altra gioia: i cinema all’aperto. Cosa c’è di meglio che godersi i grandi classici o le nuove uscite al chiaro di luna fra un popcorn e l’altro? E quale posto migliore per farlo se non nelle città che più hanno ispirato i grandi registi di film e serie televisive? Alcuni grandi classici hanno consacrato molte delle nostre bellissime città italiane, non solo come locations cinematografiche d’eccellenza, ma come vere e proprie protagoniste sul set! Ecco perché ​Holidu, il motore di ricerca per case vacanza​, ha stilato una classifica all’ultimo ciak delle città più amate dai registi come locations per i propri film utilizzando il sito ​IMDb​, e dando anche qualche consiglio su dove godersi un buon film all’aperto e dove andare per ritrovare i luoghi più celebri delle città ripresi nelle scene dei film.

Le città italiane dove sono stati girati più film e serie televisive:

1. Roma – 1511 film
“In questi giorni di città ne ho visitate tante… ma la mia preferita è di sicuro stata Roma!” Ann (Audrey Hepburn) in Vacanze romane

Al primo posto si trova Roma, la città eterna, da sempre fonte di ispirazione per registi italiani e stranieri, con ben 1511 film, che sono stati girati proprio qui. In alcune pellicole la capitale è talmente presente, che avrebbe dovuto essere addirittura premiata come miglior attrice protagonista! Basti pensare a film capisaldi della cinematografia mondiale, vincitori di Oscar e Golden Globe, come ​Vacanze romane,​ film che rese famosa Audrey Hepburn, ​La dolce vita​ di Fellini, uno dei più grandi capolavori della storia del cinema, o al più recente ​La grande bellezza di Paolo Sorrentino. Ci sono anche amatissime serie tv ambientate a Roma, basti pensare alla commedia ​I Cesaroni​,​ o​ alla serie drammatica Netflix ​Suburra​. In tutti questi esempi, la città eterna non fa solo da location ma si riempie di simbolismi e significati, che un’altra città non sarebbe riuscita a far trasparire.

Sulle orme dei film più famosi:
Fontana di Trevi:​ Gli amanti del cinema non potranno lasciare Roma senza visitare la
Fontana di Trevi, nel pieno centro città, e rivivere la celeberrima scena del bagno di Anita Ekberg e di Marcello Mastroianni, diventata un simbolo del cinema del XX secolo. L’originalità di questa scena, lunga neanche due minuti, è senza eguali, tanto da aver ispirato molti film successivi, smosso critiche e tabù; è, quindi, un vero must per coloro che amano la storia del cinema!

Il colle del Gianicolo:​ Un altro luogo imperdibile è il Gianicolo con tanto di panorama mozzafiato su Roma e il tradizionale cannone che spara un colpo ogni giorno a mezzogiorno. Proprio da questo colpo di cannone Sorrentino ha voluto far iniziare il proprio film ​La grande bellezza e​ proprio da qui si dovrà passare per un’esperienza cinematografica e romana senza eguali!

Cinema all’aperto di Roma:
L’isola del cinema:​ Si tratta di un cinema all’aperto tradizionale, che i locali sicuramente
conosceranno! Con oltre 80 serate tra film ed eventi culturali, sull’isola Tiberina. Nel cuore della città, potrete guardare i vostri film preferiti circondati dal Tevere e finire la serata in un locale nel vicino e romanticissimo quartiere di Trastevere. ​Costo del biglietto:​ 6€ ​ isoladelcinema.com
Il Cinema in piazza: ​Nella suggestiva Piazza San Cosimato, ogni sera poco dopo le 21, sarà possibile assistere alla visione di un film per tutto il periodo estivo, da giugno a settembre. Quest’anno verrà fatto omaggio a grandi registi del cinema italiano e internazionale e agli intramontabili classici Disney. ​
Costo del biglietto: ​gratuito il cinemainpiazza.it

2. Milano – 352 film
“Adesso che siamo a Milano finalmente, vogliamo andare a vedere questo famoso Colosseo?” Antonio (Totò) in Totò, Peppino e..la malafemmina

Milano al secondo posto, si distacca completamente dal numero esorbitante di Roma, pur mantenendosi sul podio con ben 352 film! Il capoluogo si è prestato nel tempo come location per più di una pellicola ed è stato spesso rappresentato in maniera ironica per la dedizione al lavoro dei suoi abitanti o per l’accento considerato “da ricchi”. Tra alcuni dei film più celebri girati qui, troviamo l’intramontabile commedia cult ​Totò, peppino e…la malafemmina ​o il film drammatico Miracolo a Milano​ del grandissimo Vittorio De Sica: in entrambi il “principe della risata”, Totò, fa da protagonista. Il tema ricorrente del “trasferimento a Milano per lavoro” si trova anche tra film comici più recenti, tra cui ​Benvenuti al Nord,​ interpretato da Claudio Bisio e Alessandro Siani, o Cado dalle nubi,​ con Checco Zalone. Milano sa essere molto ironica, forse per questo è così amata dai registi!

Sulle orme dei film più famosi:
Il Duomo: ​Il Duomo di Milano, con la sua famosa “Madonnina” è il punto di partenza per
tutti i cinefili d’Italia; qui, infatti, sono state fatte molte riprese, tra queste la più celebre è forse proprio la scena del vigile di ​Totò, peppino e…la malafemmina​,​ ​in cui Totò e Peppino de Filippo chiedono informazioni. Se anche voi​ volete sapere per andare dove dovete andare, per dove dovrete andare.​..bisognerà partire proprio da qui!
Piazza dei Mercanti: ​A due passi dal Duomo, si trova la bellissima piazza dei Mercanti, dove è stata girata una famosissima scena, in c’entrano ancora una volta dei vigili! Si tratta della partita di basket memorabile che Aldo, Giovanni e Giacomo fanno di notte nel film ​Chiedimi se sono felice​. La pellicola ha avuto tra gli incassi più alti di sempre in Italia ed è forse uno dei più bei film del trio comico. Chi vorrà rivivere la “Coppa America” dovrà venire qui!

Cinema all’aperto di Milano:
● Cinema sui Tetti:​ Questo sì che è qualcosa di inusuale, il cinema Bianchini di Milano,
offre proiezioni sui tetti! Avete capito bene…ad un passo dal cielo e dalla Madonnina, sopra la Galleria Vittorio Emanuele II, ci si potrà godere un bel film nelle due sale più alte di Milano! Ogni giorno alle 21, fino a fine ottobre, ci si potrà godere un panorama mozzafiato e la più romantica delle esperienze, tra omaggi per Woody Allen e Sorrentino. Costo del biglietto:​ 12€ ​cinemabianchini.it
● AriAnteo:​ Si tratta di proiezioni all’aperto nelle storiche sedi di Palazzo Reale, Umanitaria e Chiostro dell’Incoronata fino a fine luglio. Qui potrete non solo godere alla vista dei bellissimi edifici attorno al grande schermo, nei quartieri simbolo di Milano, ma anche di classici e anteprime uniche sotto le stelle. ​Costo del biglietto: ​7,50€ spaziocinema.info/arianteo-milano-2019.

3. Venezia – 287 film
“Ah…Adoro Venezia!” Indiana Jones (Harrison Ford) in Indiana Jones e l’ultima crociata

Chiude il podio Venezia, che tra un giro in gondola e l’altro, è stata scelta come location per ben 287 film oltre ad essere visitata ogni anno da registi e attori internazionali, per l’attesissimo festival del cinema. Alcuni grandi classici l’hanno vista protagonista, tra questi ​Morte a Venezia​ di Luchino Visconti, uno dei registi più importanti del XX secolo e rappresentante del cinema neorealista italiano. Tra le pellicole più recenti, ce ne sono anche molte internazionali; Venezia ha, infatti, accolto Daniel Craig in veste di James Bond nel film ​Casino Royale​, così come Johnny Depp e Angelina Jolie in ​The Tourist​.

Sulle orme dei film più famosi:
Chiesa di San Barnaba: ​Molti amanti del cinema riconosceranno la facciata della
Chiesa di San Barnaba. Qui davanti è stata, infatti, filmata una famosa scena di ​Indiana Jones e l’ultima crociata​ di Spielberg, in cui l’esterno della chiesa è stato usato come l’entrata di una libreria immaginaria e anche nell’omonimo campo di fronte, altre scene sono state girate.
Conservatorio di Musica Benedetto Marcello: ​Un altro famoso film è stato girato in più di una location a Venezia. Si tratta di ​Casino Royale​, il primo film in cui Daniel Craig impersona l’agente segreto più famoso di sempre: James Bond, ancora inesperto e appena promosso a doppio zero. Nel chiostro del Conservatorio di Musica Benedetto Marcello, si svolge la sparatoria tra Bond e gli uomini per cui Vesper a sua insaputa lavorava ed è proprio a Venezia che Bond pronuncerà per la prima volta la celeberrima frase “Il mio nome è Bond, James Bond”.

Cinema all’aperto di Venezia:
Cinemoving:​ Quando si tratta di cinema, Venezia non è seconda a nessuno, ecco
perché ha ideato questa bellissima iniziativa per ritrovare il “piacere di stare insieme” in alcune delle piazze più belle. Per una settimana, dal 20 al 28 luglio, il cinema sarà non solo open air, ma anche itinerante! I film cominciano sempre verso le 21 e si troveranno di volta in volta in quartieri diversi: Favaro, Malcontenta, Chirignago-Gazzera, Campalto, Lido-Malamocco, Pellestrina. L’ultima sera ci sarà una grande festa! ​Costo del biglietto: gratuito ​comune.venezia.it/cinemoving
Arena di Campo San Polo:​ A Campo San Polo, il cinema estivo è ormai una tradizione! Sarà per la grandezza e la bellezza della piazza, che ospita ben 1300 posti a sedere, sarà per l’ampiezza dello schermo , ben 150 mq, ma una serata qui è davvero un must! In questa suggestiva “sala” ospita una rassegna fino a fine agosto, dove potersi godere i film più suggestivi dell’anno e anche tante anteprime. ​Costo del biglietto: ​6€ invenicetoday.com/Cinema-Arena-Campo-San-Polo-Venezia

4. Napoli – 227 film
“La doccia è milanese perché ci si lava meglio, consuma meno acqua e fa perdere meno tempo. Il bagno invece è napoletano: un incontro con i pensieri.” Bellavista (Luciano De Crescenzo) in Così parlò Bellavista

Subito fuori dal podio, al quarto posto, si trova Napoli, con un totale di 227 film. Qui il cinema è di casa, sarà per la teatralità dei suoi abitanti o per le sonorità del dialetto napoletano, melodico in ogni forma d’arte, cantata o recitata. La città partenopea è stata scelta come location per molte pellicole classiche, come: ​Totò, Peppino e…la malafemmina,​ ​Miseria e nobiltà​, con Totò la grandissima Sofia Loren, e ​Paisà​ di Rossellini, capolavoro del cinema realista. Altri film più recenti sono, ad esempio, i due diretti da Matteo Garrone: ​Gomorra​, basato sul romanzo di Roberto Saviano, e l’attuale e teatrale ​Reality​. E’ chiaro: Napoli è una tappa immancabile per gli amanti del cinema!

Sulle orme dei film più famosi:
Chiesa del Gesù Nuovo: ​“Dummi’, sto chiagnenno… Quant’è bello a chiàgnere…” ​quale
cinefilo non si ricorda questa celebre frase pronunciata da Sofia Loren nel film Matrimonio all’italiana​ in risposta a Marcello Mastroianni? Si tratta proprio della fine del film cult e, poco prima, i due protagonisti passavano proprio in una piazza napoletana, di fronte alla maestosa Chiesa del Gesù Nuovo. La facciata “bugnata” e gli interni riccamente decorati la fanno essere un luogo unico nel suo genere, che merita sicuramente una visita!
Villa Pignatelli di Montecalvo: ​In provincia di Napoli, a San Giorgio a Cremano per l’esattezza, si trova Villa Pignatelli, dove alcune delle scene del capolavoro di Matteo Garrone, ​Reality​, sono state girate. Questo palazzo storico in stile liberty in rovina è stato l’ambiente ideale per trasmettere la felicità illusoria, poi diventata paranoia, del protagonista del film, Luciano. Lo stato di degrado della villa è evidente, ma alcune iniziative si sono susseguite per ridare lustro all’edificio.

Cinema all’aperto di Napoli:
● Drammaturgia per il cinema: ​Come dicevamo, la grande tradizione teatrale di Napoli si
vede anche nel cinema, ecco perchè uno dei più bei cinema all’aperto della città è la rassegna “Drammaturgia per il cinema”, che in occasione del Festival del teatro, propone da giugno pellicole, che partono dalla mente di grandi drammaturghi per poi prendere vita sul grande schermo. La cornice di questo appuntamento da non perdere sono i bellissimi Giardini di Palazzo Reale. ​Costo del biglietto: ​3€ napolidavivere.it/film-sotto-le-stelle/
● Cinema intorno al Vesuvio: ​Da giugno ad agosto, nel quartiere di San Giorgio a Cremano, c’è una rassegna cinematografica “intorno al Vesuvio”, per l’esattezza a Villa Bruno. Bohemian Rapsody, Green Book e Dumbo sono solo alcune delle pellicole che verranno proiettate, ogni sera dalle 22.30. L’orario d’inizio delle proiezioni sarà verso le 9 di sera. ce di questo appuntamento da non perdere sono i bellissimi Giardini di Palazzo Reale. ​Costo del biglietto: ​4€ ​napolike.it/cinema-intorno-al-vesuvio-2019

5. Torino – 173 film
“Torino è una città bellissima. Come spaziosità supera, io penso, tutto ciò che è stato immaginato prima” Mark Twain

La classifica si chiude in bellezza con Torino, che può contare ben 173 film girati tra le sue vie. La capitale piemontese è stata scelta più di una volta come location di celebri film, da registi italiani e stranieri oltre ad essere sede del bellissimo Museo del Cinema, il più famoso d’Italia, proprio all’interno del simbolo della città: la Mole Antonelliana. Tra i film più importanti girati qui ci sono ​Profondo Rosso ​di Dario Argento, uno dei primi film che segna il suo passaggio da thriller a horror, ​Torino Nera​ con l’amatissimo Bud Spencer e ​Stanno tutti bene ​di Giuseppe Tornatore, in cui dirige Marcello Mastroianni con la colonna sonora di Ennio Morricone.

Sulle orme dei film più famosi:
Teatro Carignano: ​Nonostante ​Profondo Rosso​ venga girato in più di una città, per
disorientare e creare una sorta di “città immaginaria”, secondo il volere del regista, molte scene all’esterno vengono riprese a Torino. Tra le più importanti proprio quella iniziale sulla conferenza, che trattava i fenomeni telepatici. La scena della conferenza è stata, infatti, girata al celebre Teatro Carignano, a soli 10 minuti a piedi dalla Mole Antonelliana, tappa d’obbligo per gli amanti del brivido!
Piazza della Repubblica: ​Stanno tutti bene​ di Tornatore viene girato tra diverse città italiane, tra queste c’è anche Torino. Alcune delle scene più significative sono proprio a Piazza della Repubblica; quando Matteo, il protagonista viene fermato dalla polizia, e quando viene invitato a dormire in un cartone da un immigrato: in questa scena sognerà i suoi figli piccoli.

Cinema all’aperto a Torino:
● Cinema a Palazzo Reale: ​Dal 12 luglio al 31 agosto, nella Piazzetta Reale dei Musei Reali di Torino, si terrà la ormai consueta rassegna cinematografica, con tante pellicole di fama internazionale di ieri e di oggi. La prima serata è dedicata al classico ​Via col vento​ e la rassegna in generale si concentrerà su Riccardo Gualino, imprenditore, mecenate e regista. ​Costo del biglietto:​ gratuito guidatorino.com/cinema-palazzo-reale-2019-torino/
Le Serre del Cinema: ​Fino a fine agosto, nel Parco Culturale delle Serre di Grugliasco, si terrà una rassegna cinematografica di tutto rispetto! Tra classici del cinema e successi degli ultimi anni, ci saranno ben 22 appuntamenti con 4 eventi speciali gratuiti. Particolare attenzione verrà data al cinema muto e alle pellicole ambientate Torino o proprio nel parco! ​Costo del biglietto:​ 4.50€ ​leserre.org/eventi-in-evidenza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − cinque =

Mood Town

Natale e Capodanno al caldo, lontano da freddo e pioggia

DailyMood.it

Published

on

Il portale specializzato in offerte di viaggio ha registrato un boom di prenotazioni verso mete balneari lontane. Maldive e Madagascar le più richieste, grazie a offerte particolarmente convenienti

Gli italiani sembrano essere già stufi di freddo e pioggia. È quanto emerge dalle preferenze di viaggio in vista delle prossime festività, tutte rivolte verso mete calde. A dirlo è TravelFool, portale del gruppo Valica, specializzato in offerte di viaggio, che ha registrato un boom di richieste verso mete lontane, all’insegna di sole e mare.

Complici anche pacchetti vacanze a prezzi particolarmente vantaggiosi, Natale e Capodanno non vengono più associati a destinazioni sciistiche, ma, oltre una persona su due, preferisce andare al mare. Tra i paesi che destano maggior interesse ai primi posti si classificano Maldive e Madagascar.

Le Maldive costituiscono una destinazione di viaggio evergreen. Fino ad una decina di anni fa, era considerata la meta privilegiata per i viaggi di nozze, per via dei suoi tramonti romantici e dei panorami suggestivi, e per i prezzi considerati eccessivi. Oggi il turismo che interessa queste aree si è ampliato, grazie anche alla possibilità di partire con budget inferiori (su TravelFool si trovano offerte per l’Atollo di Haa per 7 giorni, in hotel 4 stelle, pensione completa, a partire da 1.200 €, volo compreso), e ad una diversa promozione delle isole, che ne ha mostrato anche altri aspetti. Le Maldive continuano oggi ad attirare molte coppie di innamorati (neofidanzati, coppie in luna di miele o sposate da anni), ma anche moltissimi gruppi di viaggiatori in cerca di avventure, che vengono negli atolli maldiviani per ammirare la bellezza della natura, fare immersioni ed escursioni.

Altra meta molto gettonata per le prossime festività è il Madagascar, una terra che negli ultimi anni sta vivendo un periodo molto florido per il turismo. Posta nella parte meridionale del continente africano, al largo delle coste del Mozambico, più che una semplice isola, il Madagascar è un vero e proprio micro-continente, con caratteristiche uniche, che lo rendono molto diverso dagli altri stati africani. Una delle principali caratteristiche del territorio, oltre ad un mare da sogno, è la presenza di moltissimi Parchi Nazionali, popolati da moltissime specie animali, alcune delle quali vivono solamente qui, come i lemuri, mammiferi dell’ordine dei primati, tra i quali sono considerati i più piccoli al mondo. Per l’unicità dei paesaggi, la bellezza delle spiagge e il calore degli abitanti del luogo, è consigliabile prenotare per soggiorni più lunghi, così da visitare bene tutta l’isola. Su TravelFool, il pacchetto volo più hotel 4 stelle a mezza pensione, per 13 giorni, è disponibile a partire da 2.200 €.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

I mercatini di Natale da non perdere

Published

on

Natale si avvicina e l’atmosfera natalizia sta pian piano invadendo strade e piazze di ogni città. Le luminarie sono accese in ogni viale e portano allegria e colore persino nelle cittadine più grigie, facendo da sfondo allo shopping dicembrino per i regali di Natale.
A proposito di shopping natalizio: che ne dite di dare un’occhiata ai mercatini di Natale più belli in Italia e nelle zone limitrofe? Lasciatevi immergere nel clima festivo, immaginando il profumo di cannella e marzapane, il tepore emanato da una tazza di vin brulé e le carole natalizie che risuonano dagli altoparlanti…

In Alto Adige

Il Natale in Alto Adige non è solo una festa, ma un vero e proprio modo di vivere. Nell’aria si sprigiona l’inconfondibile fragranza dei biscotti appena sfornati e quella speziata del vin brulè; per le strade si odono le rassicuranti melodie natalizie. A dicembre, passeggiare per le vie e le piazze altoatesine diventa un’esperienza memorabile.
Le principali città altoatesine sono infatti pronte ad inaugurare i Mercatini Originali Alto Adige Südtirol: Bolzano, Merano, Bressanone, Vipiteno e Brunico si preparano a stupire anche per questo 2019.

Bolzano: un Natale tra gastronomia e cultura

Il Mercatino di Natale di Bolzano si staglia da Piazza Walther, centro vibrante della città, e si anima per tutte le vie, donando alla città un’atmosfera magica. Gli ospiti vengono accolti dalle melodie tradizionali delle bande folcloristiche e dei cori cittadini. Qui si susseguono numerosi appuntamenti dedicati all’Avvento: dalle esposizioni dell’artigianato locale agli stand gastronomici, dove gustare piatti a base di prodotti regionali e legati alla tradizione locale, una vera e propria festa per tutti i sensi. Da non perdere l’Inaugurazione della mostra “C’era una volta… giochi e giocattoli d’altri tempi” all’interno del Palazzo Mercantile: un viaggio nei ricordi che incanta piccoli e grandi visitatori (dal 7 dicembre – ore 17).

Merano: design, musica e tanto divertimento per le famiglie
I Mercatini di Natale di Merano animano il centro cittadino con una lunga serie di iniziative. Si può pattinare in Piazza Terme, scoprire angoli suggestivi della città a lume di lanterna, assistere a concerti natalizi. Tra questi, degno di nota è il Concerto della Merano Pop Symphony Orchestra & Marcella Bella in calendario l’8 dicembre. Anche Merano mette in mostra le sue grandi capacità culinarie, dove prodotti del territorio, cucina alpina e influssi mediterranei si alternano e si uniscono. Tante iniziative anche per i più piccini, per i quali la città organizza divertenti attività. Presso il Villaggio Storico Natalizio di Merano – Piazza della Rena, tutti i bimbi potranno incontrare la mascotte Goldy nella sua casetta: uno spazio dedicato alla fantasia e alla creatività in compagnia delle associazioni meranesi.

Bressanone
È considerato uno dei più bei mercatini di Natale delle Alpi. Circondato dalla cattedrale di Bressanone, dalla chiesa di San Michele e dal municipio recentemente ristrutturato, non c’è posto migliore in cui potersi immergere nell’atmosfera natalizia che nella venerabile città vescovile. Il mercatino di Natale di Bressanone brilla sotto una stella verde: non solo irradia un’atmosfera autentica, ma è anche certificato come “green event”. Un riconoscimento dell’impegno a favore dell’ambiente e del rispetto della natura. Ogni anno circa 35 stand presentano opere artigianali e prelibatezze natalizie. Sculture in legno, ceramiche fatte a mano, erbe alpine, saponi al latte di pecora, ciabatte di feltro, decorazioni tipiche tirolesi per l’albero di Natale, candele decorate con amore, palle di vetro dipinte a mano, presepi e statuine e molte altre ottime idee per i regali sono offerti negli stand che si allineano intorno al grande albero di Natale in piazza Duomo. E naturalmente anche il palato avrà di che godere tra vari gustosi dolci e prelibatezze della Valle Isarco.
Gli stand gastronomici del mercatino di Natale viziano i loro ospiti con prelibatezze altoatesine come zuppa d’orzo, zuppa di gulasch, patate arrosto, salsicce, carne alla griglia, canederli e Tirtln. I dolci sono particolarmente invitanti: Lebkuchen, Strauben, biscotti, Zelten, Stollen si apprezzano meglio accompagnati da una tazza di cioccolata calda, succo di mela o vin brulè.
Diversi cori e gruppi musicali offrono momenti di contemplazione e tranquillità e, per i romantici, si consiglia un’escursione in carrozza trainata da cavalli attraverso il centro storico.

Brunico: Il Natale nel borgo di montagna

.

Graziose casette di legno, il centro storico dal fascino medievale e sullo sfondo la cima innevata del Plan de Corones: è il suggestivo ritratto del Natale a Brunico.
Qui, il piacere di una passeggiata tra i mercatini si alterna all’adrenalina di una giornata sugli sci circondati dal meraviglioso paesaggio delle Dolomiti. Uno scenario affascinante in cui tutto si intreccia e si fonde in armonia. Brunico offre un vero e proprio percorso natalizio tra i suoi vicoli, pensato per offrire agli ospiti la migliore esperienza possibile dei suoi mercatini.
Da non perdere il Fienile dei profumi, allestito ai Bastioni prolungati, dove gli ospiti vengono trasportati in un viaggio sensoriale fatto di erbe e profumi. Altra novità riguarda la città alta che si trasforma in una mostra d’arte a cielo aperto grazie alla realizzazione di un’istallazione luminosa reinterpretata in chiave moderna di un artista locale. Quattro oggetti luminosi, ispirati alla corona dell’Avvento, sono collocati attorno alla colonna Mariana nella Oberstadt e invitano i passanti a immergersi nel vero e proprio spirito natalizio di un tempo. Castel Brunico, inoltre, apre i suoi battenti tutti i giorni a partire dal 7 dicembre e nelle giornate dell’8 e del 15 propone il programma natalizio.

Vipiteno: la magia del Natale in carrozza

.

Il mercatino di Natale in Piazza Città a Vipiteno offre opportunità per tutti i gusti: decorazioni natalizie dipinte a mano, saponi di latte di pecora, erbe alpine, pantofole in feltro, candele profumate e delizie culinarie. E cosa c’è di più romantico di un giro in carrozza per le viuzze del centro storico di Vipiteno? Un’occasione unica per soddisfare grandi e bambini, alla scoperta dei mercatini che questo piccolo borgo offre, senza dimenticare la mostra dei presepi fatti a mano nella Torre delle Dodici. Un appuntamento da non perdere è lo spettacolo “Il Natale dimenticato, il viaggio musicale di Sterzl attraverso il passato” realizzato in collaborazione con il gruppo musicale Tellura X e altri cantanti e musicisti ospiti presso la Chiesa di Santo Spirito, in Piazza Città a Vipiteno.

Mercatini di Natale di Montagna

Dal 1° dicembre al 6 gennaio 2020 la Val Gardena si trasforma nella “Valle di Natale delle Dolomiti”. A Ortisei viene allestito il Paese di Natale che accoglie i visitatori nelle “Lodenlounges”, piccole casette gastronomiche. Qui i visitatori possono degustare prodotti locali e prelibatezze culinarie in una romantica atmosfera. A S. Cristina si svolge il Magic Town, con lo zoo delle carezze con gli alpaca per tutta la famiglia. A Selva di Val Gardena, nel cuore delle Dolomiti non può mancare il mercatino a “tema sci”, il Mountain Christmas dove la montagna si trasferisce in paese.
In Alta Badia, il paesino di San Cassiano si trasforma invece in Paisc da Nadé, paesino di Natale delle Dolomiti, mentre Corvara diventa Marcé da Nadé ed entrambe propongono un’autentica immersione all’interno del mondo ladino e della tradizione altoatesina, con canti natalizi, specialità gastronomiche e prodotti artigianali locali.
L’Avvento Alpino in Val Sarentino significa riscoperta della tranquillità e del silenzio, in un tempo ormai scomparso. Il paese di Sarentino ogni fine settimana durante l’Avvento diviene un romantico villaggio natalizio legato all’originalità delle sue tradizioni e delle sue usanze tramandate da anni, ai canti e all’artigianato tradizionale.
All’interno del Parco Nazionale dello Stelvio, in Val Martello, si estende il mercatino di Natale più alto delle Alpi che viene allestito nella stalla dell’Enzianalm. Qui è possibile far rivivere ai visitatori l’atmosfera natalizia, la contemplazione e la nostalgia, dove il contatto tra l’uomo e la natura è diretto. Inebriati dal profumo di pino e di cannella è possibile girovagare tra le bancarelle che offrono prodotti tipici della zona. La stalla costituisce il palcoscenico festivo per i concerti degli orfani Martell, dei suonatori di corno delle Alpi Proveis e dello Schianbliamltol Choir della Val Martello. Si può ammirare anche il Latscher Tuifl, con le sue “maschere inquietanti”.
Per maggiori informazioni: www.suedtirol.info

In Piemonte: a Viverone il Natale è sul lago
Terza edizione di Natale sul Lago, l’atteso mercatino di Natale che animerà le sponde del lago di Viverone. Il paese si trasforma in un villaggio incantato e il lago diventa il suggestivo scenario di un evento unico e a ingresso gratuito. Luci, colori, sapori e profumi della tradizione, idee regalo particolari, ma anche live show, animazione a tema per vivere tutto l’incanto del periodo più atteso e magico dell’anno. Per immergersi nella più tradizionale e affascinante atmosfera di Natale il mercatino sarà animato da spettacoli divertenti e ad interazione con il pubblico, da mattino a sera.
Tra le esibizioni da non perdere quelle di The Gipsy Marionettist, con le sue marionette di legno fatte a mano. Sarà la performer Valentina Sparvieri ad incantare il pubblico con il suo spettacolo di “Poesie di fuoco Gitane” e l’inarrestabile Dom Urban Drummer che farà divertire grandi e piccini con show musicali unici: percussioni con oggetti di uso quotidiano, tip tap, interazioni con il pubblico e clownerie saranno gli ingredienti di uno spettacolo unico e divertente.
Sarà inoltre l’occasione giusta per portare alla ribalta di un grande pubblico i prodotti, le professionalità e le tradizioni della cucina di questo angolo di Piemonte affacciato sul Lago di Viverone, compreso tra le province di Torino, Biella e Vercelli.
Tutti i giorni dal 23 novembre al 22 dicembre.
Per informazioni: www.natalesullago.it

Fuori dall’Italia
A Friburgo
Strade addobbate, luci che si accendono all’arrivo della sera, musiche d’Avvento e il profumo delle spezie e delle mandorle tostate nell’aria. A Friburgo, i mercatini di Natale allestiti nelle belle piazze e strade medieval-rinascimentali della città raccolte attorno all’elegante duomo gotico sono una festa per gli occhi e per il palato. Particolarmente conosciuti per la variegata offerta di prodotti artigianali e lavorati a mano, sono il luogo perfetto per trovare le ultime decorazioni per l’albero o i regali da finalizzare – fra filati in lana, candele fatte a mano, vetro soffiato, oggettistica in legno e proposte ecologiche. Non mancano, naturalmente, le specialità gastronomiche come il prosciutto della foresta nera, il cioccolato, i formaggi, i dolcetti dell’Avvento o il vino speziato caldo. Un’ulteriore attrazione dei mercatini di Friburgo è il presepe formato da sculture di legno giganti presso la chiesa di San Martino. E per chi cerca un momento di raccoglimento e tranquillità, tutte le sere alle 17.30, nella stessa chiesa, si tengono i canti dell’Avvento.
Tutti i giorni dal 21 novembre al 23 dicembre 2019.
Per informazioni: https://visit.freiburg.de/it

A Francoforte
Il Mercatino di Natale di Francoforte è uno dei più antichi e pittoreschi della Germania e si sviluppa dalla zona dell’Haptwache, prosegue lungo il Römerberg, la parte antica della città, fino ad arrivare alle rive del fiume Meno. È in questo mercatino che si trova il più grande albero di Natale della Germania, collocato proprio di fronte al Römer, l’antico comune della città.
L’aria frizzante dell’inverno si riempie del profumo del vin brulé, delle caldarroste, delle mele al forno e e si mescola alla fragranza degli aghi di pino. Questo periodo è anche il momento ideale per lasciarsi ispirare da idee per regali unici o riscoprire le tradizioni natalizie.
Altro punto focale del Mercatino di Natale di Francoforte è lo stand di legno a forma di casa tradizionale che viene eretto tutti gli anni sulla Paulsplatz e si possono trovare idee regalo realizzate con miele e cera d’api naturale.
La particolarità del mercatino di Francoforte è di aver conservato il legame con gli artigiani locali. Dato che per anni non sono stati ammessi artigiani provenienti da fuori regione, si è salvaguardato il valore delle lavorazioni locali. Quindi anche oggi gli oggetti che si trovano esposti sulle bancarelle degli stand, sono realizzati in loco. Ad esempio, si dice che i giocattoli del mercatino di Francoforte siano i più belli, dal cavallo a dondolo ai pupazzi di tela, passando per i carri in legno.
Tutti i giorni dal 25 novembre al 22 dicembre 2019.
Per informazioni: www.frankfurt-tourismus.de

A Stoccarda
Con l’arrivo dell’Avvento Stoccarda si trasforma in una magica città del Natale. Oltre ad ospitare uno dei mercatini più grandi e antichi della Germania, il capoluogo del Baden-Württemberg si accende letteralmente, illuminando il buio invernale con imponenti addobbi e installazioni – come le sculture di luce, gli alberi della Königstrasse e il Christmas Garden presso il giardino botanico e zoologico Wilhelma. Quest’anno, inoltre – per la prima volta – lo spettacolo della città illuminata si potrà ammirare anche da uno speciale bus natalizio, che accompagna i suoi passeggeri alla scoperta della storia cittadina. E Sono ben 290 gli stand riccamente addobbati che compongono il mercatino di Natale di Stoccarda, fra i più grandi e antichi – attestato da fonti scritte del 1692, ma probabilmente di molto anteriore – di tutta la Germania. Dalla piazza del mercato a Schillerplatz, costeggiando il Castello Nuovo e il Castello Vecchio, le tradizionali casette in legno propongono addobbi natalizi, oggetti di artigianato, candele, bevande calde tra cui punch e vin brulè e – naturalmente – le specialità gastronomiche della regione come l’Hutzenbrot, delizioso pane dolce alla frutta. Ai bambini piaceranno soprattutto le attrazioni pensate appositamente per loro – come il giro in trenino, la mini-ruota panoramica, gli animali del presepe vivente o la fontana di frutta e cioccolato. Ma si divertiranno anche ad assistere ai tradizionali concerti di Natale, organizzati tutte le sere nella fiabesca cornice della corte del Castello Vecchio.
Tutti i giorni dal 27 novembre al 23 dicembre 2019.
Per informazioni: https://www.stuttgart-tourist.de

Sul lago di Costanza
A Natale si torna tutti un po9 bambini. E nel periodo più magico dell’anno a Stein am Rhein e a San Gallo, in Svizzera, sembra di entrare in una vera fiaba, tra atmosfere incantate, musica e favolosi allestimenti. Durante l’Avvento, la deliziosa medievale cittadina di Stein am Rhein (4 – 31 dicembre ) ricorda le ambientazioni delle favole dei fratelli Grimm. Decine di stand propongono oggetti d’artigianato e dolciumi, la sentinella notturna racconta un passato di streghe e contrabbandieri, e nel chiostro del convento di San Giorgio rivive, con fabbri, falegnami e giocolieri, il tempo del medioevo.
Anche San Gallo (28 novembre – 22 dicembre), racchiusa fra le mura del suo nucleo abbaziale patrimonio UNESCO, riporta i visitatori a un passato lontano, con un mercatino ricco di stand di artigiani, musiche e cori. A dicembre San Gallo diventa la “città delle stelle”, grazie ad un allestimento composto da 700 luminosi astri giganti, che regala alla città un’allure fiabesca e che compie, quest’anno, il decimo compleanno. In entrambe le cittadine è d’obbligo assaggiare alcune golosissime specialità svizzere, come i dolcetti Biber, le mele essiccate, la salsiccia di San Gallo o la raclette.
Per maggiori informazioni: https://www.bodensee.eu

In Lussemburgo
Ogni anno, i tradizionali mercatini trasformano la capitale del Granducato di Lussemburgo,in un grande villaggio di Natale. Una suggestiva atmosfera festiva caratterizza la città in questo periodo dell’anno, grazie alla musica festosa che fa da sottofondo alla ruota panoramica, le giostre e gli spettacoli che portano allegria in ogni piazza. Infine, i tradizionali mercatini con i loro chalet di legno offrono qualsiasi genere di prodotti: artigianato, vestiti, scarpe, borse e accessori, ma anche delizie da mangiare e bevande tipiche come il Glühwäin (vin brulé) e cibi tipici come il Grillinger, il Mettwurscht (salsicce lussemburghesi) o le Gromperekichelcher (frittelle di patate).
Sparsi per la città si trovano diverse tipologie di mercatini, ognuno con un tema diverso: quello “cosmopolita” a Place de la Constitution, luogo perfetto per scoprire le tradizioni natalizie di altri Paesi passeggiando tra chalet in legno che offrono specialità culinarie e artigianato provenienti da tutto il mondo; quello “tradizionale” a Place d’Armes, caratterizzato da un’atmosfera natalizia tipicamente lussemburghese; il mercatino “artigianale” del quartiere della stazione, dove oltre a bevande calde e il classico street food dei mercatini dell’Avvento si può acquistare una selezione di oggetti e decorazioni natalizie di fattura artigianale e il mercatino “gastronomico” nella zona del Grund dedicato agli amanti del buon cibo e ricco di prodotti locali come sanguinaccio, lumache, patate al forno ripiene, foie gras, panini a base di Angus, formaggi grigliati e l’imperdibile bouneschlupp, una gustosa zuppa di fagioli verdi, patate, pancetta e cipolle.
Tutti i giorni dal 22 novembre al 24 dicembre 2019.
Per informazioni: https://www.visitluxembourg.com

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Una casa sull’albero per vivere immersi nella natura

DailyMood.it

Published

on

Un’oasi di pace e di benessere, realizzata interamente in legno, secondo criteri di bioedilizia. 

Tutto nasce da un albero, o meglio da un Nussbaum, un rigoglioso albero di noce che da oltre un secolo si affaccia su una ridente vallata in Val d’Ultimo e intorno al quale è stata realizzata una deliziosa casa vacanza. Siamo a San Pancrazio, un piccolo borgo alle porte di Merano, a oltre 700 m di altezza. Se, stufi dello stress cittadino, si desidera staccare la spina per qualche giorno, un soggiorno qui potrebbe essere la ricetta ideale per ritrovare il piacere olistico del contatto con la natura. Perché, entrando nel Laugenlodge, il benessere avvolge tutti i sensi: l’occhio spazia nel verde, si respira aria pulita dall’intenso profumo di legno, mentre gli unici suoni che l’orecchio riesce a percepire sono il cinguettio degli uccelli e il mormorio dell’acqua del ruscello…

Tutto nace da un albero – dicevamo – o meglio dalla volontà del committente di valorizzare il terreno di famiglia per costruire una casa dove poter dimenticare i ritmi frenetici cittadini e poter vivere all’insegna della sostenibilità. Una motivazione che lo ha portato a rivolgersi allo Studio Solarraum, che ha fatto della ecocompatibilità la mission dei suoi progetti.

Io sono cresciuto qui  – spiega Thomas Egger – volevo che tutto rimanesse intatto esattamente come nei miei ricordi. Volevo costruire una casa nella quale poter ritrovare il benessere, in estate come inverno. L’albero “abbraccia” la struttura, ha l’effetto di un ombrellone naturale, regala una deliziosa frescura d’estate e fa filtrare la luce del sole d’inverno, quando le foglie si diradano”.

Legno sì, ma a chilometro zero

Rigorosamente naturali e alternativi anche i complementi d’arredo: dagli armadi costruiti con assi di legno non trattati, al ramo utilizzato come corrimano della scala, al paiolo trasformato in lavandino. E soprattutto, nel processo costruttivo, non è andato perso nulla: sono stati recuperati anche i minimi scarti del legno per realizzare per esempio le maniglie e l’oggettistica domestica.

Una stufa riscalda gli ambienti in una morbida atmosfera, ma è prevista a breve anche l’installazione di un impianto fotovoltaico da 10 kW, dotato di sistema di accumulo. I consumi sono comunque ridotti a 45 kWh/m2 anno, un valore ottimo, considerando che ci troviamo a 750 m di altitudine.

La casa sull’albero oggi è una deliziosa casa vacanza. Costruita su 2 piani, con un ampio soggiorno con vetrate e balconata affacciate sul Nussbaum, angolo cottura, una camera da letto e un bagno a piano terra, una scala che conduce al piano superiore, un’altra deliziosa camera da letto dotata di servizi. Un piccolo angolo di natura in  73 m2 netti. https://www.laugenlodge.it/it/

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending