Connect with us

Cine Mood

Juliet, Naked: il libro di Nick Hornby diventa un film con Ethan Hawke

Published

on

Avevamo viaggiato dall’America a Minneapolis per visitare dei gabinetti”. Inizia così Tutta un’altra musica, il romanzo di Nick Hornby che arriva finalmente, come tutti i suoi libri, al cinema, con il titolo Juliet, Naked – Tutta un’altra musica, che è anche il titolo originale del libro. Il film inizia invece con un video di Duncan, professore universitario di cinema e fan di un misterioso artista, Tucker Crowe, che si rivolge all’appassionata community dei suoi fan. Sono poco più di duecento, ma sono ossessionati da Tucker: oltre vent’anni prima era scomparso nel nulla, nel bel mezzo di un concerto, proprio dopo essere andato in bagno in quel locale. E quel disco di culto, Juliet, nato dalla rottura con la donna di cui era innamorato, era rimasto il suo ultimo lavoro. Un po’ come un J.D. Salinger della musica indie, o come un Jeff Buckley senza quel finale tragico. Duncan vive con Annie da 15 anni. Non hanno figli. E lei è consapevole di aver vissuto tutto questo tempo con qualcuno che è innamorato di un altro uomo. Quell’uomo, ovviamente, è il fantomatico Tucker Crowe.

Juliet, Naked è uno di quei film che partono già con un grande vantaggio. Si chiama, ovviamente, Nick Hornby. Ogni libro dello scrittore di Alta fedeltà e Febbre a 90° è diventato un film, e la scrittura dell’autore inglese è perfetta per diventare cinema. È brillante, avvincente, pop, e riesce a cogliere negli esseri umani quelle piccole debolezze che fanno parte di ognuno di noi. Il che permette, se non di identificarci, di essere in qualche modo vicini ai protagonisti. Quelli di Hornby sono un po’ indolenti, un po’ stronzi, passionali e maniacali per alcune cose, distratti e poco impegnati per molte altre. Anche Duncan (Chris O’Dowd) è uno di questi. In più, per chi di noi è un fan di qualche band o qualche artista, riesce a ricordarci qualcosa di noi, quel pizzico di follia e ossessione che abbiamo nel rapportarci con il nostro idolo, e di vedere cose che solo noi vediamo. Nella curiosa storia di Juliet, Naked il tranquillo (noioso?) menage di Duncan ed Annie (Rose Byrne) viene sconvolto dall’arrivo di un demo. Si chiama Juliet, Naked (da qui il titolo del film) ed è la versione spogliata (solo voce e piano o chitarra) di quel mitico disco di vent’anni prima. Accade così che Duncan lo ascolti e lo recensisca sul suo blog. E che Annie, evidentemente esasperata, o solamente sincera, nei commenti scriva una recensione negativa del disco. E che venga contattata via e-mail da Tucker Crowe (Ethan Hawke) in persona, e che questo le dia ragione. Da lì è destinata a nascere una corrispondenza epistolare dagli esisti sorprendenti.

Abbiamo detto che un film tratto da un libro di Nick Hornby parte già in vantaggio. Però poi una pellicola ha il compito di tradurre in immagini tutto quello che abbiamo immaginato. Jesse Peretz prima di essere un regista è stato un musicista, ha suonato nei Lemonheads, una band che ha fatto parte di quella scena rock anni Novanta che qui viene evocata. E ha il pregio di aver costruito intorno a Tucker una sovrastruttura musicale, fatta di immagini e canzoni, che rende credibile la storia. Il suo team è riuscito anche a mettere in scena quella cittadina inglese sul mare (così diversa dalle metropoli che di solito frequenta il cinema) narrata da Hornby alla perfezione. E di aver dato un background a Tucker, mostrando la sua vita e la sua famiglia in America, mentre nel libro tutto è evocato solo dalle sue parole nelle e-mail. Ne viene fuori un film estremamente fedele al libro di Hornby, eppure anche nuovo, più movimentato, con grandi gag (vedi la ricerca delle batterie, o l’incontro in spiaggia tra Tucker e Duncan), con un’attenzione diversa al rapporto tra Tucker e i suoi figli, e un bilanciamento maggiore tra i tre protagonisti: nel libro tutto è più spostato verso Duncan, che è il personaggio in cui Hornby, chiaramente, si identifica.

I tre protagonisti ci appaiono leggermente diversi da come ce li eravamo immaginati. Duncan è più buffo, più comico di quello che traspare dalle pagine, e gran merito va all’espressività di Chris O’Dowd. Annie è più attraente, più giovane, più vitale. È un vero piacere vederla con le fattezze di Rose Byrne, bellezza dolce e garbata, attrice espressiva che è adorabile anche quando, come spesso accade qui, è acida. Quanto a Tucker Crowe: beh, è Ethan Hawke, e basterebbe dire questo. Più giovane, più affascinante del Crowe del libro, riesce a dare un’anima particolare al personaggio e, di fatto, a tutto il film. Per sua stessa ammissione, è come se il Troy di Giovani, carini e disoccupati, che cantava in una band, fosse scomparso per vent’anni e ricomparso in questo film. Con lui nel cast, anche la storia di Hornby trova una luce nuova.

Juliet, Naked è una storia di pieni e vuoti. Chi non ha figli e vorrebbe, come Annie, e chi ne ha troppi e non riesce ad avere un rapporto con loro, come Tucker. Chi ha una compagna, come Duncan, ma in fondo non è interessato alla sua vita, e chi, come Tucker, è solo ma con questa persona ha una sintonia particolare. Juliet, Naked è un film delizioso, stratificato, a più facce: potreste vederlo come una commedia romantica, ma quelle di Hornby non sono mai commedie romantiche, sono pezzi di vita in cui l’amore si mescola a molte altre cose. Potreste vederlo come un film sulla musica, e le passioni che scatena. Juliet, Naked è anche questo. E ci dice che i nostri miti invecchiano e cambiano. E che loro stessi non si vedono assolutamente come li vediamo noi.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 10 =

Venezia 76

American Skin: Venezia76 sezione “Sconfini”

DailyMood.it

Published

on

AMERICAN SKIN
un film di Nate Parker

Produzione diTARAK BEN AMMAR – MARK BURG

Con: NATE PARKER, OMARI HARDWICK, THEO ROSSI, BEAU KNAPP

Eagle Pictures porta a Venezia la sua prima coproduzione targata USA.
Sarà presentato alla 76ª edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, nella sezione “Sconfini”AMERICAN SKIN, scritto, diretto e interpretato da Nate Parker (The Birth of a Nation – Il risveglio di un popoloBaselines). Al suo fianco Omari Hardwick (Miracolo a Sant’AnnaPower), Theo Rossi (Sons of Anarchy) e Beau Knapp (Southpaw). Un film potente che affronta i temi della violenza della polizia e del razzismo ancora radicato nell’America dei nostri giorni.

Il film, interamente ambientato e girato a Los Angeles, è prodotto da Mark Burg, Tarak Ben Ammar e Lukas Behnken.
Tarak Ben Ammar ha così dichiarato: “Sono molto orgoglioso di aver contribuito a dare voce a un talento straordinario, che ha scelto di raccontare una storia stimolante, necessaria e attuale ora più che mai. Il fatto che questo film sia una coproduzione italiana lo rende ancora più unico.”
Mark Burg ha commentato: “Dal primo momento in cui ho letto questa sceneggiatura originale e avvincente di Nate Parker, ho saputo che dovevo fare parte del progetto, cofinanziando e producendo questo film. Era una storia che doveva essere raccontata e Nate Parker nel suo ruolo è magnifico.

Spike Lee ha aggiunto: “Mio fratello, Nate Parker, ha ideato un tour de force coraggioso. Non ero colpito da un film come questo da tanto, tanto tempo. Spero e prego che il pubblico cinematografico comprenda questa battaglia tra AMORE e ODIO, che ha diviso il nostro mondo. Bravo Nate, davvero bravo.”

SINOSSI

Privato di un processo equo a seguito della morte di suo figlio adolescente (il suo unico figlio) per mano di un poliziotto bianco, American Skin segue le orme di La parola ai giurati Quel pomeriggio di un giorno da cani di Sidney Lumet, raccontando le azioni disperate di un veterano di guerra di colore che cerca giustizia per suo figlio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

Venezia 76 Fuori Concorso – Tutto il mio folle amore di Gabriele Salvatores

DailyMood.it

Published

on

Liberamente tratto dal romanzo di Fulvio Ervas “Se ti abbraccio non aver paura” edito da Marcos Y Marcos

Il viaggio, la musica, le strade senza nome dove emozioni e sentimenti trovano lo spazio per volare. Insomma rock and roll! Di nuovo in strada, dove a volte ho bisogno di tornare.

Come il Pifferaio Magico o un “fool” shakespeariano, un ragazzo di 16 anni si trascina dietro, per strade deserte, i tre adulti più importanti della sua vita. E li costringe a fare i conti con se stessi e con l’amore che ognuno di loro è riuscito a conservare dentro di sé.

Visto da vicino, nessuno è normale. E si può scoprire che è possibile riuscire ad amare anche chi è diverso da noi.
A patto di non aver paura di questa diversità.

Ora capisco cosa cercavi di dirmi e quanto soffrivi sapendo di avere ragione.
Ma avrei potuto dirti, Vincent, che questo mondo non è adatto a uno così bello come te”.
Don Mc Lean

Gabriele Salvatores

SINOSSI
Sono passati sedici anni dal giorno in cui Vincent è nato e non sono stati sedici anni facili per nessuno. Né per Vincent, immerso in un mondo tutto suo, né per sua madre Elena e per il suo compagno Mario, che lo ha adottato.

Willi, che voleva fare il cantante, senza orario e senza bandiera, è il padre naturale del ragazzo e una sera qualsiasi trova finalmente il coraggio di andare a conoscere quel figlio che non ha mai visto e scopre che non è proprio come se lo immaginava. Non sa, non può sapere, che quel piccolo gesto di responsabilità è solo l’inizio di una grande avventura, che porterà padre e figlio ad avvicinarsi, conoscersi, volersi bene durante un viaggio in cui avranno modo di scoprirsi a vicenda, fuori dagli schemi, in maniera istintiva. E anche Elena e Mario, che si sono messi all’ inseguimento del figlio, riusciranno a dirsi quello che, forse, non si erano mai detti.

con
CLAUDIO SANTAMARIA, VALERIA GOLINO, DIEGO ABATANTUONO
e per la prima volta sullo schermo GIULIO PRANNO

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Venezia 76

Venezia 76 in concorso: J’Accuse di Roman Polanski

DailyMood.it

Published

on

J’ACCUSE
(L’UFFICIALE E LA SPIA)

 

Regia: ROMAN POLANSKI

Sceneggiatura: ROBERT HARRIS – ROMAN POLANSKI 

Basato sul romanzo di: ROBERT HARRIS

Con: Jean DUJARDIN, Louis GARREL, Emmanuelle SEIGNER, Grégory GADEBOIS

Produzione di: LEGENDE e R.P. PRODUCTIONS

Co-produzione FRANCIA – ITALIA con ELISEO CINEMA e RAI CINEMA

In co-produzione con GAUMONT, FRANCE 2 CINEMA, FRANCE 3 CINEMA, KINOPRIME FOUNDATION, KENOSIS, HORUS MOVIES e RATPAC.

 

Gennaio del 1895, pochi mesi prima che i fratelli Lumière diano vita a quello che convenzionalmente chiamiamo Cinema, nel cortile dell’École Militaire di Parigi, Georges Picquart, un ufficiale dell’esercito francese, presenzia alla pubblica condanna e all’umiliante degradazione inflitta ad Alfred Dreyfus, un capitano ebreo, accusato di essere stato un informatore dei nemici tedeschi.
Al disonore segue l’esilio e la sentenza condanna il traditore ad essere confinato sull’isola del Diavolo, nella Guyana francese. Un atollo sperduto dove Dreyfus lenisce angoscia e solitudine scrivendo delle lettere accorate alla moglie lontana.
Il caso sembra archiviato.
Picquart guadagna la promozione a capo della Sezione di statistica, la stessa unità del controspionaggio militare che aveva montato le accuse contro Dreyfus. Ed è allora che si accorge che il passaggio di informazioni al nemico non si è ancora arrestato.
E se Dreyfus fosse stato condannato ingiustamente? E se fosse la vittima di un piano ordito proprio da alcuni militari del controspionaggio?
Questi interrogativi affollano la mente di Picquart, ormai determinato a scoprire la verità anche a costo di diventare un bersaglio o una figura scomoda per i suoi stessi superiori. L’ufficiale e la spia, adesso uniti e pronti ad ogni sacrificio pur di difendere il proprio onore.

L’affare Dreyfus è uno dei più clamorosi errori giudiziari della storia, avvenuto in Francia tra il 1894 e il 1906 e che vide protagonista il soldato ebreo francese Alfred Dreyfus, ingiustamente accusato di essere una spia e quindi processato per alto tradimento.
Dreyfus sostenne fermamente la sua innocenza combattendo contro un’intera nazione. Il suo caso ebbe una notevole risonanza mediatica dividendo l’opinione pubblica del tempo, tra chi ne sosteneva l’innocenza e chi lo riteneva invece colpevole.
Tra gli innocentisti si schierò Émile Zola, il quale scrisse un articolo in cui puntava il dito contro il clima di antisemitismo imperante nella Terza Repubblica francese. Tale intervento venne intitolato proprio J’Accuse.

Polanski ha scritto la sceneggiatura insieme a Robert Harris, autore del romanzo da cui il film è tratto, L’ufficiale e la spia (The Dreyfus Affair), in Italia edito Mondadori. Da un romanzo di Harris il regista premio Oscar per Il pianista aveva già tratto nel 2010 il suo L’uomo nell’ombra.

DAL 21 NOVEMBRE AL CINEMA

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending