Connect with us

Mood Town

La Top 10 delle metropoli europee più mainstream e le loro perle nascoste

Published

on

Alcune attrazioni sono ben conosciute dai turisti di tutto il mondo e sono un vero must: il Colosseo a Roma, gli Uffizi a Firenze o il Park Guell a Barcellona. In questi casi, si sa già che bisognerà prenotare per tempo e sgomitare in mezzo ai tanti turisti per il posto migliore o la foto perfetta e spesso la bellezza di quello che si sta visitando può essere rovinata dal grande afflusso di persone. Holidu, il motore di ricerca per case vacanza, ha pensato, quindi, di dedicare uno studio alle perle nascoste delle città europee: quei luoghi poco conosciuti ma tanto apprezzati dai locali e dai turisti che ci capitano per caso, dove sentirsi trasportare dall’atmosfera della città e stare a contatto con la gente del posto. La classifica è stata creata tenendo in considerazione le attrazioni che hanno da 50 a 500 recensioni su Google e un punteggio da 4.8 a 5 stelle. Ecco la lista delle destinazioni europee che racchiudono più perle nascoste, e tre chicche imperdibili per ciascuna, scelte da Holidu:

  1. Mosca, Russia – 23 perle nascoste

Al primo posto, con ben 23 perle nascoste, si posiziona la capitale russa: tra la sua magia e le sue tante bellezze non può certamente mancare una visita alla Piazza Rossa, al Cremlino o al famosissimo Teatro del Bolshoi. Ma tralasciando queste famose attrazioni, cosa nasconde davvero Mosca per i turisti, che vogliono lasciare le strade conosciute?

  • Museo sulla storia della medicina: Forse non molti sanno che a Mosca si trova la più antica università di medicina di tutta la Russia. Fondata nel 1758 nel quartiere di Chamovniki, l’università Sechenov ospita anche un bellissimo museo. La particolarità di questo posto sono i reperti locali unici, che vi sono racchiusi all’interno, e la quantità di informazioni relative al progresso della medicina nel paese. 54 recensioni – 4.9 stelle
  • Casa di Stanislavskij: Un altro luogo imperdibile è l’appartamento del regista teatrale Konstantin Stanislavskij, oggi diventata un museo. Proprio nel centro di Mosca, questo luogo legato alla storia teatro vi darà la possibilità di conoscere da vicino il cosiddetto metodo Stanislavskij, o psicotecnica come lui stesso la chiamava, vedere dal vivo il suo ufficio e scoprire qualcosa in più sui suoi ultimi anni di vita. 54 recensioni – 4.9 stelle
  • Podpol’naya Tipografiya: La terza chicca è un’antica copisteria sotterranea, e non si tratta di una qualunque: per più di 100 anni ha, infatti, ingannato i passanti con la falsa insegna di “commercio all’ingrosso di prodotti caucasici”, stampando e diffondendo volantini rivoluzionari durante la Prima Rivoluzione Russa (1905-07). La copisteria si trova proprio vicino alla prigione di Butyrskaya e alla stazione di polizia. 68 recensioni – 4.8 stelle
  1. S. Pietroburgo, Russia – 16 perle nascoste

Al secondo posto, ci troviamo ancora in Russia con la bellissima San Pietroburgo, capitale imperiale per oltre due secoli, che si affaccia sul Mar Baltico. Chi ci è stato vi dirà sicuramente di visitare l’Hermitage, il Palazzo d’Inverno e la suggestiva chiesa del Salvatore sul Sangue Versato, ma se si vuole seguire un itinerario diverso dal solito? S. Pietroburgo offre 16 perle nascoste, ecco le più belle:

  • Casa di Lev Nikolaevič Gumilëv: Nel quartiere Tsentralny, il cuore della città, si trova l’appartamento di Gumilëv, famoso storico e antropologo sovietico dalla vita travagliata, che dopo aver speso 14 anni in un campo di lavoro, visse in questa casa gli ultimi anni di vita. Una visita potrà accompagnare tutti gli appassionati di storia a comprendere il suo pensiero e la sua influenza sulla geopolitica post sovietica. 71 recensioni – 4.9 stelle
  • Porta Trionfale di Narva: Un po’ fuori dal centro, nella Piazza Staček, si trova la Porta Trionfale di Narva. Costruita per celebrare la vittoria contro le armate di Napoleone, fu inizialmente costruita in legno, per essere poi ricostruita in bronzo e rame. Il colore verdastro dei materiali utilizzati offre una certa inusualità all’opera, che al proprio interno ha anche un piccolo museo di armi. Per i più curiosi, a S. Pietroburgo, si trova anche lo Studio di Mikhail Anikushin, lo scultore della Porta. 416 recensioni – 4.8 stelle
  • Dom Arkhitektora: La terza e ultima perla di S. Pietroburgo è davvero nascosta! A due passi dalla Cattedrale di Sant’Isacco si trova la Dom Arkhitektora, conosciuta come la “Casa degli Architetti” e creata nel 1932. Dall’esterno sembra un edificio privo di importanza, eppure gli interni vi stupiranno davvero: ricchezza dei dettagli, ampie stanze e decorazioni di classe vi faranno immergere in un ambiente davvero magico. 98 recensioni – 4.8 stelle
  1. Kiev, Ucraina – 9 perle nascoste

Andando verso ovest, chiude il podio la capitale ucraina, con ben 9 perle nascoste per i visitatori più curiosi. Si certo, chi va in vacanza a Kiev, non può farsi mancare il Monastero delle grotte e la cattedrale di S. Sofia, ma quali sono i posti più inusuali, che solo la gente del posto conosce o dove sentirsi meno turisti?

  • Victoria Museum: Si tratta di una chicca davvero imperdibile, che si trova nel quartiere storico di Pecherskyi. La storia dei costumi e dello stile dal 18esimo al 20esimo secolo e tutti gli abiti originali aspettano gli appassionati di moda di tutto il mondo, che si trovano nella capitale, per una visita da lasciare a bocca aperta. 81 recensioni – 5 stelle
  • Artkvadrat: Poco lontano dal centro, ecco un’altra perla nascosta…l’Artkvadrat! Si tratta di un teatro davvero inusuale: dal 1991 è, infatti, l’unico in Ucraina completamente basato su improvvisazione e live show. Per chi vive alla giornata, è possibile godersi uno spettacolo senza sapere cosa aspettarsi proprio qui. 130 recensioni – 4.8 stelle
  • Muzey Komp’yuteriv Ta Prohramnoho Zabezpechennya: In un mondo sempre più tecnologico, una vista all’originalissimo museo della storia dei computer è certamente d’obbligo. Il museo si trova a ovest del Dnepr, il fiume che attraversa Kiev, ed è apprezzato non solo dai fanatici del settore, ma anche da chi è curioso di scoprire di più! 425 recensioni – 4.9 stelle
  1. Berlino, Germania – 7 perle nascoste

La capitale tedesca non poteva certo mancare in questa classifica: alternativa, originale e piena di storia, Berlino nasconde ben 7 chicche tra i suoi meandri, che allieteranno i turisti più esigenti, coloro che non si accontentano di visitare la Porta di Brandeburgo, il Reichstag e i resti del muro di Berlino.

  • Theater im Keller: La prima chicca si trova a sud della città, nella zona di Reuterkiez: il Theater im Keller. In questo teatro, aperto dal 1987, vengono organizzati più di 100 spettacoli l’anno, di cui i più importanti seguono il genere travesti, e sono anche quelli per cui è più conosciuto. I Travestieshow sono perfetti per chi vuole godersi uno spettacolo diverso dal solito e ridere a crepapelle. 144 recensioni – 4.8 stelle
  • Flimrauschpalast: Proiezioni originali, ottima qualità audio-video e un’atmosfera intima e rilassata: tutto questo è possibile al Flimrauschpalast. Si tratta di un piccolo cinema dall’anima indie, all’interno di una vecchia fabbrica, situato nel quartiere multiculturale di Moabit. Per gli amanti dei manga, ogni secondo lunedì del mese vengono organizzate proiezioni anime con sottotitoli in inglese! 92 recensioni – 4.8 stelle
  • SALZIG Berlin: La street art di Berlino è forse conosciuta in tutta Europa ed esiste un posto davvero speciale dove poterla osservare. Stiamo parlando di SALZIG Berlin: una galleria d’arte, un negozio…un’esperienza! Questo luogo magico si trova nel quartiere più punk e alternativo di Berlino: il Friedrichshain. Qui è possibile trovare opere di street artist locali e anche portarsene a casa qualcuna, facendosi consigliare dal gentile proprietario, per non dimenticare il proprio viaggio in Germania. 67 recensioni – 5 stelle
  1. Londra, Regno Unito – 7 perle nascoste

Non c’è dubbio che la capitale del Regno Unito sia una delle mete più gettonate d’Europa e che la maggior parte dei visitatori vogliano visitare il Big Ben, Buckingham Palace o fare un giro sulla London Eye, ma perchè non partire alla ricerca delle perle nascoste che solo una città dinamica come Londra può offrire?

  • Howard Griffin Gallery: Nell’elegante quartiere di Mayfair, a due passi da Hyde Park, si trova questa suggestiva e colorata galleria d’arte. Le sue peculiarità sono l’ambiente informale e le diverse esposizioni che si susseguono, incentrate soprattutto sulla street art: si tratta di una vera e propria perla in mezzo alle tante gallerie della zona! 58 recensioni – 4.9 stelle
  • The Castle Cinema: Per coloro che amano i cinema piccoli e accoglienti, questo luogo è davvero un must. Vicino al Parco olimpico dedicato alla Regina Elisabetta, questo edificio è nato come cinema indipendente nel 1913 e dopo aver cambiato gestione negli anni, dal 2016 è un cinema con tanto di bellissimo lounge bar. Vi innamorerete del soffitto curvo e della lunga storia, che racconta questo luogo! 221 recensioni – 4.8 stelle
  • Parasol Unit: Si tratta di una fondazione no-profit di arte contemporanea nel quartiere Hoxton, a est di Londra. L’atmosfera hipster e creativa dell’area accoglie armoniosamente questo luogo d’arte, che ha come unico scopo la condivisione, in un ambiente stiloso e inusuale. 53 recensioni – 4.9 stelle

 

  1. Budapest, Hungary – 6 perle nascoste

Per il settimo posto, ci spostiamo a Budapest con le sue 6 chicche per i viaggiatori più curiosi! Chi è stato nella capitale ungherese, sarà sicuramente andato alle terme di Széchenyi, e sarà anche stato spiacevolmente sorpreso dall’incredibile numero di persone! Ecco quindi qualche perla nascosta per evitare le folle di turisti:

  • Stúdió K Színház: Spettacoli originali in un luogo alternativo, indipendente e intimo: tutto questo è lo Stúdió K Színház, un piccolo teatro a est del Danubio, poco lontano dal centro città. Qui è possibile rilassarsi e godersi uno spettacolo diverso dal solito in un ambiente intimo, in compagnia. 164 recensioni – 4.9 stelle
  • Arnoldo: Nel quartiere culturale di Újbuda, l’Arnoldo vi stupira sul serio! Si tratta di una galleria d’arte, dove poter sorseggiare caffè e mangiare buonissimi cioccolatini fatti a mano, mentre si contemplano opere di artisti locali. Il locale piccolo e accogliente è stato proprio creato da un artista, Arnold Gross, e prende proprio il suo nome. 89 recensioni – 4.9 stelle
  • Koller Galeria: Chi fosse interessato a conoscere più da vicino gli artisti locali, potrà visitare la Galleria Koller, nel quartiere del castello di Buda. Si tratta di una piccola galleria d’arte dedicata a dipinti, sculture, litografie e tanto altro! Particolarmente suggestivo è il giardino circostante, con bellissime sculture immerse nel verde. 118 recensioni – 4.8 stelle

 

  1. Vienna, Austria – 5 perle nascoste

Al settimo posto si assesta la bellissima capitale austriaca con un totale di 5 perle nascoste. Vienna è una città per gli amanti dell’arte e della musica ed è conosciuta soprattutto per il Palazzo di Sissi, Schönbrunn e il Museo del Belvedere…ma c’è molto altro da scoprire!

  • Third Man Museum: Si tratta di un museo dedicato al celebre film noir degli anni ‘40 “Il terzo uomo”, ambientato nella Vienna del dopoguerra. Il museo si trova nel quartiere universitario di Wieden e celebra questa pellicola grazie a incredibili reperti e retroscena, interessanti per gli amanti del film e del cinema in generale! 77 recensioni – 4.9 stelle
  • Salone di Gala della Libreria Nazionale Austriaca: Forse alcuni conoscono già la libreria nazionale austriaca, ma non sanno quale stanza sia la più bella da visitare! Stiamo parlando della Salone di Gala, forse tra le più belle al mondo: lunga 80 metri, con un’altezza di 20, è sovrastata da una cupola squisitamente affrescata e contiene più di 200.000 volumi…vale sicuramente la pena di visitarla e fotografarla! 107 recensioni – 4.8 stelle
  • Schlosstheater Schönbrunn: Proprio dietro al castello di Schönbrunn, si trova questo delizioso gioiello. Si tratta di un piccolo teatro, riccamente decorato, che vi lascerà a bocca aperta per la sua bellezza! Qui si potrà assistere a concerti e pièce teatrali di ogni tipo. 59 recensioni – 4.8 stelle
  1. Barcellona, Spagna – 4 perle nascoste

All’ottava posizione si trova Barcellona, il bellissimo capoluogo catalano dall’eccezionale urbanistica, con ben 4 perle nascoste. Questa maestosa città risente fortemente dei lavori e dai progetti di Antoni Gaudì e tutti conoscono sicuramente la Sagrada Familia, il Park Güell e Casa Batlló. Ma cos’altro c’è di sconosciuto da scoprire in una città così turistica?

  • Circo Raluy Legacy: Non ci si aspetterebbe mai che a soli due passi dalla famosissima spiaggia della Barceloneta, si nasconda una vera perla. Creato da un grande acrobata, il circo Raul Legacy allieta sia grandi che piccini a Plaça de l’Ictineo, con clown e artisti di ogni genere: qui ci si potrà fermare per una pausa rilassante e divertente! 477 recensioni – 4.8 stelle
  • Galería Maxó Petritxol 18: Sempre all’interno del bellissimo quartiere gotico troviamo la seconda perla. Si tratta di un’originale galleria d’arte, dove trovare il prossimo souvenir di Barcellona! Tra le tantissime opere, forse le più particolari sono proprio le cornici 3D: quadretti pieni di personalità, con scenette sovrapposte, che faranno invidia a tutti i vostri amici. 108 recensioni – 4.8 stelle
  • Teatro de los Sentidos: Chi fosse alla ricerca di un’esperienza surreale, originale e intima non può non fermarsi al teatro de los Sentidos, nel distretto Sants-Montjuic. Il nome è già tutto un programma: qui vi aspetta un’esperienza senza eguali, dove il tempo si ferma e chi guarda è parte integrante dello spettacolo, un piacere per i sensi in uno spazio ristretto e intimo. 107 recensioni – 4.8 stelle
  1. Zagreb, Croazia – 3 perle nascoste

Visitare Zagabria non vuol dire solo vedere la Cattedrale, il cimitero Mirogoj e il Museo Mimara. La capitale croata offre infatti altri luoghi, meno conosciuti dai turisti, ma molto apprezzati dai locali, che potrebbero essere la soluzione in un’affollata giornata d’estate.

  • Image of War: Situato nella città bassa, a due passi dal centro storico di Zagabria questo museo di fotografie di guerra lascerà ogni visitatore con il fiato sospeso. Al momento vengono mostrate fotografie della guerra d’indipendenza della Croazia (1991-95), scattate da celebri fotografi o da gente comune. Lo scopo di questa inusuale scelta è di avere diverse prospettive sulla guerra, per capirne la sua natura distruttiva. 79 recensioni – 4.9 stelle
  • Ljetna Pozornica Tuškanac: Nella parte della città alta, una chicca progettata da un illustre architetto croato trova spazio in mezzo all’area boschiva a nord della città. Si tratta di una sorta di arena, che funge da cinema all’aperto, per godersi un bel film in compagnia della dolce metà al chiaro di luna. 99 recensioni – 4.8 stelle
  • Backo Mini Express: In pieno centro, si trova questo delizioso museo di modellini di treni. Attenzione al dettaglio, effetti speciali spettacolari (vengono ricreati anche temporali) e tanto divertimento. Con la scusa dei più piccoli, anche i più grandi potranno giocare con i trenini o condurne addirittura uno! 321 recensioni – 4.8 stelle.
  1. Monaco di Baviera, Germania – 3 perle nascoste

Chiude la Top 10 Monaco di Baviera, conosciuta in tutto il mondo per l’Oktoberfest, altre sue celebri attrazioni sono Marienplatz e i Giardini Inglesi, tra i parchi urbani più grandi al mondo. Questi sono certamente dei must, ma siamo sicuri che sia tutto qui?

  • Alexander Krist Magic Theater: Nei pressi di una delle aree più dinamiche di Monaco, Sendlinger Tor, si trova un teatro davvero diverso dal solito! Il padrone di casa, Aleksander Krist, ama stupire con i suoi spettacoli divertenti, magici e originali in un ambiente intimo e confortevole. Se vi sentite pronti per uno spettacolo di magia questo è il posto giusto! 367 recensioni – 4.9 stelle
  • The TU film: Monaco è anche una città molto costosa e girare tutto il giorno può diventare dispendioso. Ecco perché questo cinema è una vera chicca! Si tratta di un’aula universitaria (si avete capito bene!), che diventa per l’occasione una sala cinematografica, al prezzo di soli 3€ a persona. La zona universitaria circostante, piena di pub e bar, è il posto perfetto per concludere la serata con un drink! 149 recensioni – 4.9 stelle
  • KUNSTLABOR: 50 stanze, 50 artisti e 5.000 m2 di arte, tutto questo è il Kunstlabor. Si tratta di un progetto portato avanti dal museo di arte contemporanea (MUDEC), per dare spazio alla creatività di artisti internazionali, che hanno spruzzato vernice, dipinto, distrutto e creato opere d’arte nei piani di un edificio in disuso a Laim, a ovest di Monaco. Qui è possibile immergersi nella street art come mai prima d’ora! 75 recensioni – 4.8 stelle

Le perle nascoste più bizzarre

Tra i luoghi più nascosti e molto apprezzati, ci sono spesso posti davvero inusuali! Tra questi, alcuni dei più particolari sono, ad esempio, il Museo de Historia de la Computación a Càceres, in Spagna. Qui si ripercorre la storia della Apple, con una collezione completa e più di 300 computer. Un altro luogo nascosto è la Crack house di Zurigo: qui è possibile scoprire di più sulla storia del crack, in un ambiente colorato e familiare, aperto solo durante il weekend. Un’ultima chicca si trova a Mönchengladbach, nord-est della Germania, e si tratta di Stars of the Galaxy: un museo dedicato agli amanti di Star Wars con figure ad altezza naturale, modellini lego e tanto divertimento. Qui è possibile anche vedere dal vivo il camminatore AT-AT, costruito per la premiere di Star Wars “Special edition” nel 1999.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 1 =

Mood Town

Pantone 2023: ecco le mete color Viva Magenta da visitare

Published

on

Il Viva Magenta 18-1750 è il colore dell’anno 2023 secondo Pantone, che lo ha presentato come una tonalità ricca di vigore, coraggiosa e senza paura, “la cui esuberanza promuove ottimismo e gioia”. Scelto per trasmettere un nuovo segnale di forza, vuole incoraggiare la sperimentazione e l’espressione di sé senza timori e senza confini.

E senza confini è anche il viaggio di Volagratis.com, che è andato alla ricerca delle destinazioni del mondo dove ammirare da vicino il Viva Magenta e le sue sfumature. Ecco, quindi, 8 luoghi, dall’Italia al Vietnam, dalla Cina al Perù, ideali per immergersi nel “Magentaverse”.

Magenta, l’origine di un nome
Menzione d’onore alla città italiana che dà il nome al Color of the Year 2023 secondo Pantone. Magenta, nella provincia di Milano, è nota per essere stata teatro della battaglia combattuta il 4 giugno 1859, considerata da molti il primo vero tassello dell’unificazione nazionale. Proprio a quello scontro, il chimico francese François-Emmanuel Verguin dedicò il colore creato nello stesso anno e nato dall’ossidazione dell’anilina grezza con il cloruro stannico.

Vietnam: l’incenso di Quang Phu Cau
Il piccolo villaggio di Quang Phu Cau, in Vietnam, si tinge di magenta una volta l’anno in occasione dei festeggiamenti di Capodanno. Il merito è della tradizionale e secolare lavorazione dell’incenso, ricavato dalle canne di bambù essiccate, tagliate e tinte di rosso, un colore scelto perché ritenuto di buon auspicio. Secondo l’usanza locale, per attirare a sé la buona sorte bisognerebbe bruciare un numero dispari di bastoncini, solitamente compreso tra 1 e 7.


Giappone: l’autunno all’Hitachi Seaside Park
Affacciato sull’Oceano Pacifico, l’Hitachi Seaside Park (Kokuei Hitachi kaihinkōen), a circa 150 chilometri da Tokyo, è una tavolozza di colori che regala un paesaggio diverso in ogni stagione. In autunno, la protagonista è la Kochia Scoparia, una pianta usata spesso con scopo ornamentale e che tra la fine di settembre e novembre si tinge di mille sfumature di rosso e rosa, magenta compreso.

Cina: la Red Beach di Panjin
Nel Nord-Est della Cina e bagnata dal Mar Giallo, la Red Beach di Panjin è un luogo più unico che raro tinto di un colore molto simile al Viva Magenta dalla Suaeda Salsa, una pianta tipica delle zone umide e costiere che qui ricopre una vastissima area come se fosse un enorme tappeto rosso. Oggi la spiaggia è una riserva naturale, solo parzialmente accessibile ai visitatori, che vanta oltre 600 specie di animali selvatici ed è considerata uno dei più grandi canneti del mondo.


Paesi Bassi: le fioriture del Keukenhof Gardens
I Keukenhof Gardens di Lisse, nei Paesi Bassi, nacquero nel 1949 per ospitare una grande esposizione floreale all’aperto. Oggi quest’area verde è il più grande parco di fiori a bulbo del mondo, una delle principali attrazioni del paese e uno dei luoghi più fotografati d’Europa, almeno in primavera, quando vi fioriscono più di 4 milioni e mezzo di tulipani di 100 varietà diverse, oltre ad altri fiori come giacinti e narcisi. La tavolozza è ricchissima e nei prati non può mancare il magenta.

Sicilia: il sommacco e la cucina mediterranea
Tipico dell’area mediterranea, il sommacco siciliano (noto anche come sumac o sumach) è un piccolo arbusto dal quale si ricava una spezia di colore magenta scuro. Per ottenerla si utilizzano i frutti, raccolti prima che giungano a maturazione, fatti essiccare e poi tritati fino a essere ridotti in polvere. Questo ingrediente, dal sapore acidulo, viene utilizzato anche nella cucina libanese, siriana, irachena e turca ed è noto per il suo potere antiossidante.

Stati Uniti: le sfumature dell’Antelope Canyon
L’Antelope Canyon, in Arizona, regala a chi lo visita un paesaggio extraterrestre. Gli strati geologici, formatisi in milioni di anni e resi visibili dagli agenti atmosferici e dallo scorrere dell’acqua, spaziano dall’arancione al rosa, dal rosso al magenta e si tingono di centinaia di sfumature diverse a seconda dell’ora del giorno, dando il meglio di sé al calar del sole, quando il magenta vira, in alcune aree, verso il viola.

Perù: la Montagna dei Sette Colori
Il Vinicunca, noto anche come “Montagna dei Sette Colori” o “Rainbow Mountain” è uno dei luoghi più spettacolari delle Ande, una zona a 5.200 metri sul livello del mare caratterizzata da striature di sette colori diversi. La colorazione è dovuta ai differenti minerali presenti nel terreno: il granito, responsabile del nero; il rame, che una volta ossidato tende al blu e al verde; lo zolfo, giallo; il carbonato di calcio, bianco; l’unione di roccia e magnesio, che tende al marrone; e l’ossido di ferro e il manganese che donano rispettivamente il rosso e il rosa e che, insieme, tingono la terra di magenta.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Ungheria: le meraviglie da non perdere e i luoghi da visitare

Published

on

Inizia il nuovo anno e tra i buoni propositi che rendono entusiasmante il via non può esserci niente di meglio che la pianificazione di un nuovo meraviglioso viaggio alla scoperta dell’Ungheria con un itinerario rigenerante e stimolante a contatto con la natura e con sé stessi. Nel cuore dell’Europa, l’Ungheria propone mete imperdibili, luoghi naturali incantati e siti mozzafiato per scoprire una destinazione dove l’avventura e il benessere si incontrano, tra sentieri che attraversano formazioni geologiche e passeggiate immersi nel verde.

Da includere nella lista di luoghi da visitare in Ungheria, ecco 6 imperdibili meraviglie naturali che invitano i turisti a vivere il meglio del territorio tra laghi, foreste, grotte e cascate. Qui i suggerimenti da non perdere.

Il laghetto di Megyer-hegy
Il Megyer-hegy Tarn, di origine vulcanica, è una delle destinazioni più popolari delle Colline di Zemplén. Il laghetto è stato classificato come riserva naturale nel 1997. In passato, l’oasi naturale era attiva, i cui resti sono ancora oggi visitabili per i turisti più curiosi. Lo specchio d’acqua è raggiungibile con un sentiero di trekking che attraversa la collina alta diversi metri, arrivati in cima la vista è mozzafiato.

Il Parco nazionale di Aggtelek
Il Parco nazionale di Aggtelek e ospita al suo interno la grotta più lunga dell’Ungheria: la Caverna di Baradla, che si snoda lungo 25 chilometri. La nascita di questo fenomeno naturale, attraverso uno studio ricavato dai dati geologici, viene collocata a circa due milioni di anni fa. L’acqua gocciolante ha lentamente costruito le stalattiti di varie forme che ogni anno stupiscono e affascinano i turisti. Gli esploratoti che hanno scoperto la caverna hanno assegnato nomi espressivi e divertenti alle formazioni come Testa di drago, Tigre, Lingua della suocera, Camera colonnata o Sala dei giganti. La Sala dei Concerti, con la sua eccellente acustica e gli splendidi spettacoli, ospita ancora oggi concerti di musica classica e popolare.

Le colline di sale di Egerszalók
Dopo un sentiero che si snoda nella natura circostante, si arriva davanti ad una delle tre uniche meraviglie di sale esistenti al mondo che si trova a Egerszalók. Nascosta nella Valle delle Acque Medicinali, la collina di sale è formata dall’acqua che sgorga da 410 metri di profondità. Gli altri due posti al mondo dove si possono osservare formazioni naturali simili sono a Pamukkale, in Turchia, e nel Parco Nazionale di Yellowstone, negli Stati Uniti. La collina di sale è stata creata nel 1961, quando l’area era sottoposta a lavori di trivellazione alla ricerca di gas naturale e petrolio. L’acqua medicinale contiene calcio, sodio, magnesio e zolfo.

Foresta di Gemenc
Situata nel cuore dell’Ungheria, la Foresta di Gemenc è un luogo unico in Europa ed è un’area naturale protetta dal 1977. Ogni anno, la sua superficie di 180 chilometri quadrati viene allagata, consentendo la formazione di una fauna davvero speciale. Tra i salici e i pioppi trovano rifugio ernie, falchi saker, cicogne nere e aironi, ma anche cervi, caprioli e cinghiali sono ampiamente presenti nell’area. La foresta è un luogo magico per gli amanti delle escursioni e per chi vuole immergersi in una fiaba naturale fatta di sentieri e angoli idilliaci.

Parco geologico della bauxite
A soli 25 chilometri a sud di Oroszlány, è possibile camminare tra le rocce rosse del Parco Geologico della Bauxite a Gánt e visitare la Mostra delle Miniere di Bauxite di Balás Jenő. Il museo, realizzato proprio accanto alla cava, custodisce utensili da miniera e vecchie fotografie, inoltre nel cortile ospita anche due locomotive utilizzate per il trasporto della bauxite. L’esperienza trasporta i turisti in una dimensione senza tempo e senza spazio e li avvolge in un’atmosfera completamente naturale regalata dall’unicità del parco. Il complesso non è solo una reliquia dell’estrazione della bauxite, ma anche una testimonianza di un mondo che esisteva milioni di anni fa.

Il sentiero naturalistico di 13 stazioni intorno alla miniera è una piacevole passeggiata che permette ai turisti di conoscere la storia geologica della zona, come si è creato il giacimento di bauxite di Gant e quali minerali si trovano nell’area.

Cascata del Velo
L’elenco dei tesori naturali più belli dell’Ungheria non sarebbe completo senza l’attrazione più bella della Valle di Szalajka: la Cascata del Velo. L’acqua carsica scroscia per 17 metri, formando delle splendide barre di pietra. Una volta che l’acqua risale in superficie, l’anidride carbonica intrappolata fuoriesce e il calcare accumulato dà vita a una struttura a gradini. La primavera, dopo lo scioglimento delle nevi, è il periodo dell’anno migliore per visitare la cornice naturale.

Maggiori info: https://visithungary.com

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Capodanno in Brasile

Published

on

Mettete in valigia un vestito bianco e preparatevi a “saltare sette onde”: le migliori feste di Capodanno brasiliane vi aspettano!

Molte città brasiliane pulsano di nuova energia durante la notte di San Silvestro: ammiriamo quindi gli spettacolari fuochi d’artificio sulla spiaggia di Capocabana a Rio de Janeiro, balliamo sull’Avenida Paulista a San Paolo o viviamo un’esperienza nel metaverso durante la Festa do Taípe a Trancoso.

Festeggiare il Capodanno in Brasile è un’esperienza unica, non solo per le divertenti feste private e in spiaggia, per gli incredibili fuochi d’artificio e per l’atmosfera di gioia e felicità che si crea durante i festeggiamenti, ma è anche un intenso viaggio attraverso antiche tradizioni provenienti da diversi luoghi del mondo, specialmente perchè il Brasile è stato meta di importanti flussi migratori.

Ecco alcuni esempi di questo affascinante melting pot culturale:

  • Dagli italiani: per garantire abbondanza e prosperità, le lenticchie devono essere incluse nel menu di Capodanno.
  • Dai Fenici: bisogna mangiare un melograno per ottenere ricchezza e fertilità.
  • Dagli Arabi: le noci garantiscono una tavola abbondante. Tale credenza deriva dal fatto che sono alimenti che possono essere conservati e stoccati in caso di scarsità.
  • Dai portoghesi: per la cena, il pesce è un’alternativa al consumo di pollame (pollo, tacchino) che, come vuole la leggenda, poiché beccano all’indietro, rimandano a un “ritardo nella vita”.
  • Dagli africani: la pratica di saltare “sette onde” si riferisce alle tradizioni africane portate dagli schiavi. Il sette è considerato un numero spirituale e si ritiene che saltare le onde apra la strada per superare le difficoltà dell’anno a venire. Inoltre, i brasiliani si vestono interamente di bianco per la notte di Capodanno come segno di pace e prosperità. Si tratta di una tradizione ereditata dalle religioni africane e afro-brasiliane, come il Candomblé e l’Umbanda, che ha finito per diventare popolare in Brasile.

È bene sapere che basta qualche altro piccolo accessorio colorato per visualizzare i propri propositi per l’anno nuovo: il verde per la salute, il giallo per il denaro, il rosso per il romanticismo, il viola per l’ispirazione, l’arancione per i successi professionali e il marrone per una maggiore stabilità. Oltre ai colori, i brasiliani hanno molte tradizioni uniche per celebrare il nuovo anno. Tra queste, il lancio di fiori bianchi e l’invio di candele nell’oceano come offerta alla Regina dell’Oceano.

Il Brasile è noto per la sua cultura di festa; quindi, non sorprende che il Capodanno sia celebrato in una maniera gioiosa. Infatti, dal tramonto del 31 dicembre fino all’alba del 1° gennaio, i brasiliani accolgono il nuovo anno in compagnia di amici, famigliari e persino turisti.

Stato: Rio de Janeiro
Città: Rio de Janeiro
Luogo principale o evento principale: Spiaggia di Copacabana
La festa più grande si svolge sull’iconica spiaggia di Copacabana di Rio. L’emblematico spettacolo pirotecnico di Copacabana attira ogni anno milioni di turisti e, dopo due anni di pandemia, accoglierà nuovamente il pubblico con spettacoli speciali. Si prevede che più di 2 milioni di persone assisteranno agli oltre 10 minuti di fuochi d’artificio sulla spiaggia.  Alcuni dei luoghi migliori per godersi questo spettacolo sono il Forte di Copacabana, che ospita il Museo Storico dell’Esercito, e l’Avenida Atlântica, una delle strade principali di Rio.
Oltre alla grande festa di Copacabana, è possibile scegliere tra centinaia di feste, cene, balli e concerti.

Stato: San Paolo
Città: San Paolo
Luogo principale o evento principale: Réveillon on Paulista

Il Capodanno a San Paolo è considerato una delle feste più convenienti del Brasile, perché è possibile assistere a fantastici spettacoli gratuitamente, mangiare senza spendere troppo in uno dei food truck o dei tendoni sparsi in giro. Si tratta quindi di un modo molto inclusivo e democratico di godersi i festeggiamenti.

Infatti, San Paolo è solita organizzare una festa pubblica unica e monumentale a cavallo dell’anno, il Réveillon on Paulista. La festa pubblica inizia intorno alle 18.00 del 31, in un punto centrale strategicamente scelto. Spettacoli con diversi cantanti famosi e scuole di samba attirano più di 2 milioni di persone di San Paolo e di turisti in questo luogo, dove possono rilassarsi e festeggiare l’arrivo del nuovo anno, senza pagare nulla.  A Salvador, a Bahia, per esempio, i viaggiatori possono crogiolarsi ai ritmi afro dell’autentica musica brasiliana mentre camminano dalla spiaggia ai bar. Altrimenti, si può sorseggiare champagne in un ambiente intimo con una vista impareggiabile su Trancoso, a sud di Salvador, sulla costa bahiana.

La festa dura dal tramonto all’alba su una striscia di sabbia dorata lunga 3 miglia. Ci si aspetta un’atmosfera vivace, colorata e vibrante con concerti di cantanti nazionali e internazionali, samba, fuochi d’artificio strabilianti e un eclettico mix di culture.  La notte di Capodanno si svolge un vigoroso conto alla rovescia con milioni di voci, seguito da uno spettacolo pirotecnico che dura circa 10 minuti, con tonnellate di fuochi d’artificio.

 Stato: Bahia
Città: Trancoso
Luogo principale o evento principale: Festa do Taípe (metaverso)
Il Capodanno a Trancoso è vivace e divertente, perfetto per chi ama le feste frenetiche fino a tarda notte. Questi festeggiamenti si svolgono solitamente tra il 27 dicembre e il 2 gennaio, iniziando nel tardo pomeriggio e prolungandosi fino all’alba del giorno successivo. E ricevono anche nomi famosi della musica nazionale.

Considerata una delle feste di Capodanno più iconiche del Paese, la Festa do Taípe, a Trancoso, punterà quest’anno sulla tecnologia e sul Metaverso per rendere l’esperienza del pubblico ancora più speciale. In questa edizione, acquistando un biglietto, ogni cliente riceverà un NFT con vantaggi esclusivi. In collaborazione con Agência Haute, verrà creata una versione della festa nel metaverso Decentraland, accessibile a chi non può recarsi a Trancoso. L’evento avrà quindi un canale ufficiale su Discord, per lo scambio di messaggi, audio, set musicali e foto, e su Decentraland, una piattaforma di metaverso.

Stato: Bahia
Città: Salvador
Luoghi principali o eventi principali: Spiaggia di Barra, spiaggia di Rio Vermelho, spiaggia di Jardim de Alah, spiaggia di Patamares o spiaggia di Itapuã.
Salvador è la seconda destinazione più popolare in Brasile per trascorrere il Capodanno. La capitale di Bahia offre feste per tutti i gusti, che durano fino a una settimana. I festeggiamenti si svolgono solitamente tra il 27 dicembre e il 2 gennaio, iniziando nel tardo pomeriggio e protraendosi fino all’alba del giorno successivo.

In quasi tutti i principali quartieri di Salvador è possibile assistere a fuochi d’artificio. In caso di dubbi, è possibile recarsi alla spiaggia Barra, alla spiaggia Rio Vermelho, alla spiaggia Jardim de Alah, alla spiaggia Patamares o alla spiaggia Itapuã.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending