Connect with us

Eventi

SPRING BREAK -A group exhibition of paintings and sculptures

DailyMood.it

Published

on

On the occasion of its third anniversary, Custot Gallery Dubai is delighted to present Spring Break, a group exhibition of paintings and sculptures by the international modern and contemporary artists Etel Adnan, Ron Arad, Fernando Botero, Ian Davenport, Barry Flanagan, Richard Höglund, Fernand Léger, Umberto Mariani, Joan Miró, Jedd Novatt, Marc Quinn, Pablo Reinoso, Hervé van der Straeten, Sophia Vari, Bernar Venet and Fabienne Verdier.

Highlights of the show include some works by Marc Quinn, the most prominent figures of the Young British Artists group, who makes art about what it is to be a person living in the world. His work The Eye of History (Polar Perspective) Red, 2012 comments on the paranoid world we live in, and the notion of 24-hour news where the whole world is connected through ever-present media, syncopating with notions of our eroding and changing geographical world. The painting presents the image of the world from a Polar perspective. Also, on view, three bronze sculptures from The Nurseries of El Dorado series. These works place together botanical elements which would never be found together in nature to transport the viewer into a mythical world.

Also, on view Black Sand, 2018 by the renowned Argentinian sculptor Pablo Reinoso. This work is the first black painted steel bench from the Spaghetti Bench series. First conceived in 2006 in wood, this series made Pablo Reinoso’s name and was the starting point for many of his signature sculptures. Drawing from the public bench with slats, Reinoso re-appropriates this anonymous design. The artist gives the bench a dynamic, a unique extension and opens up a field of possibilities by bringing it to life, rising up beyond the seat. In his sculptures, the artist evokes the concepts that transcend the boundaries of the object and exceed the life of them, stimulating the public bench’s role place of meeting and conversation.

The exhibition presents Ascèse, 2015, a masterpiece by the French artist Fabienne Verdier. This circular composition explores the relationship between negative and positive space. For the artist, the circle, the most elementary of forms is a symbol of the center of the cosmos. While Verdier stands in the middle of the canvas with her brush, she uses herself as a sort of compass and with a 360-degree rotating movement, she sets the mark of the circle around herself into the space of her canvas.

The exhibition Spring Break opens on Monday 18 March from 6 to 9 pm.

SPRING BREAK
18 March – 30 May 2019
Opening reception : Monday 18 March, 6-9pm

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × uno =

Eventi

100 globi per un futuro sostenibile

DailyMood.it

Published

on

100 ARTISTI INTERPRETANO UN FUTURO SOSTENIBILE IN UNA ESPOSIZIONE D’ARTE E DESIGN OPEN AIR 1° Edizione Milano 2020

100 GLOBI PER UN FUTURO SOSTENIBILE è un progetto di Weplanet, Gruppo Mondadori e Media- mond con il Patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia: una grande mostra collettiva open air di installazioni ecosostenibili che invaderà le strade di Milano dal 12 aprile al 21 giugno 2020.
Un progetto che, sfruttando la capacità dell’arte e della creatività di stimolare una coscienza critica nel cit- tadino, mira a sottolineare l’urgenza di affrontare la transizione sostenibile e a ribadire quanto sia cruciale il ruolo individuale nel processo di guarigione del pianeta.
100 globi realizzati e riprodotti con materiale riciclato di grandi dimensioni – un diametro di oltre 1,30 cm e un’altezza complessiva di 170 cm – diventeranno il supporto affidato a cento artisti, designer e creativi, per interpretare da un lato il tema dell’inquinamento e dei cambiamenti climatici e, dall’altro, informare il pubbli- co rispetto al tema dell’innovazione sostenibile.

Grazie a questa installazione d’arte diffusa, ambiente e innovazione si fondono contribuendo ad ampliare le azioni del progetto “Milano Plastic Free” avviato dall’Amministrazione, nei mesi scorsi, per sensibilizzare i milanesi al rispetto del pianeta e fare della nostra città la prima realtà italiana a eliminare l’utilizzo delle pla- stiche monouso” così l’Assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio del Co- mune di Milano Cristina Tajani commenta l’iniziativa. “Come Amministrazione – conclude l’Assessora – affianchiamo con piacere tutte le iniziative, realizzate da operatori privati e pubblici, che possono contribuire a quest’opera di educazione ambientale. E’ attraverso i piccoli gesti quotidiani che si contrastano i grandi cambiamenti climatici, è proprio questo che i tanti giovani della generazione Thumberg ci stanno chieden- do”.

WePlanet è una mostra che si propone di essere interattiva grazie all’impiego della realtà aumentata che permetterà di raccontare la singola opera e l’insieme del progetto consentendo al pubblico di conoscere l’artista che li ha interpretati, il mecenate che ha adottato la singola opera e la sua visione di sostenibilità, ma anche di visualizzare la mappa completa dei globi esposti e di potersi interfacciare con i canali tematici dedicati del Comune di Milano.
I Mecenati dell’iniziativa sono aziende, enti e fondazioni che, avendo già assimilato l’urgenza del cambia- mento, racconteranno come sono riusciti a coniugare l’innovazione con la sostenibilità. Il globo rappresen- terà proprio quel punto di incontro, tra la volontà di progresso e il rispetto per il nostro pianeta.
Una tela sferica a completa disposizione di artisti, designer e studenti delle più importanti accademie e scuole milanesi, che interpreteranno queste storie virtuose portandole all’attenzione del grande pubblico. Per la conferenza stampa di oggi due importanti firme della creatività milanese hanno già aderito al progetto e presenteranno la loro interpretazione di “WePlanet” attraverso le loro installazioni: Giulio Cappellini con Antonio Facco e Fabio Pietrantonio.

Milano è una città del mondo. Milano è bella. Milano, come tutte le città, va salvata” dichiarano Cappellini e Facco “Il nostro impegno deve essere totale e costante. Solo così la terra tornerà ad essere verde ed i mari blu. Insieme possiamo farcela”.

Come in un effetto domino, un piccolo cambiamento ne genera uno analogo” spiega Fabio Pietrantonio introducendo la sua opera. “React è l’invito a mettere in atto questo cambiamento dalle radici del nostro sistema. L’opera vuole mettere in risalto la potenzialità dei colossi mondiali, nell’investire nella nuova neces- sità Planetaria”.

L’esposizione di queste cento opere accompagnerà il ricco palinsesto di eventi che caratterizzano la prima- vera milanese da 12 aprile al 21 giugno: Milano Art Week, Milano Design Week, Milano Piano City, Milano Food City, Milano Arch Week, Milano Photo Week e Milano Fashion Week.

WePlanet vanta la prestigiosa collaborazione di Grandi Stazioni Retail che ha aderito alla sua visione e produzione in qualità di ‘simbolo’ e principale porta di ingresso a questo viaggio visionario intorno alla ter- ra. Nella condivisione dei valori di sostenibilità che rappresenta per l’intero Paese Italia, Grandi Stazioni ha messo a disposizione il ‘Laboratorio’ centrale per la realizzazione delle installazioni: come in una futuristica ‘fabbrica dell’universo’ questa bottega creativa sarà il palcoscenico urbano dove creare e dar vita alla prossima partenza del viaggio, ospitando artisti e giovani studenti delle più importanti scuole d’arte di Mila- no. Un grande spazio della Stazione Centrale, a cui accedere dal sottopasso Mortirolo, che dimostra l’im- pegno di Grandi Stazioni Retail nel riqualificare e condividere con la città di Milano spazi aperti all’arte, al design e alla cultura.

Il primo appuntamento in calendario è fissato per il 24 di ottobre e rientra tra gli eventi che definiscono il cartellone della Milano Fall Design Season 2019: il pubblico, i cittadini, la stampa, le aziende, gli enti no profit e i creativi sono invitati a partecipare ad un talk di presentazione del progetto e ad assistere ad una performance di live light and painting indoor e outdoor. Dopo questo primo momento pubblico, il laborato- rio sarà ufficialmente operativo e visitabile ogni giorno previo appuntamento.

WePlanet è il nuovo mecenatismo per un’alleanza tra il mondo produttivo e la sfera delle arti – dichiara Paolo Casserà, ceo e ideatore del progetto – che pone al centro la visione e l’impronta comune del nuovo millennio della nostra civiltà”. “Il Rinascimento artistico di una bellezza sostenibile – afferma Beatrice Mo- sca, coordinatrice generale per WePlanet 2020 – La messa in scena di Milano e del Paese Italia come vola- no di idee e valori condivisi sul futuro del nostro pianeta”.

WePlanet è realizzato in partnership con il Gruppo Mondadori e sarà sostenuto da CasaFacile, Focus, Grazia, Icon Design e Interni.

Il Gruppo Mondadori ha intrapreso da circa dieci anni un percorso di responsabilità sociale d’impresa in cui si impegna a favorire ogni giorno la diffusione della cultura e delle idee al più ampio pubblico possibile”, ha dichiarato Carlo Mandelli, direttore generale Periodici Italia del Gruppo Mondadori. “Come primo editore italiano nei magazine e nel digitale, sappiamo di avere una grande responsabilità nei confronti dei 18 milioni di lettori e gli oltre 28 milioni di utenti con cui interagiamo ogni mese. Perseguiamo il nostro obiettivo garantendo loro un’offerta di intrattenimento e informazione di qualità e promuovendo su tutti i nostri canali contenuti che premiano la pluralità di pensiero, l’inclusione e la diversità di genere, con un approccio sem- pre volto all’innovazione”, ha concluso Mandelli.

Siamo molto contenti di partecipare a un’iniziativa incentrata nel divulgare un messaggio così importante.” Dice Davide Mondo, Amministratore Delegato di Mediamond. “La nostra concessionaria, in sinergia con il più importante editore italiano, assicurerà all’iniziativa la copertura mediatica che merita. Raccontando al grande pubblico come già le aziende si stanno muovendo per un futuro più sostenibile”.

Oltre al patrocinio e alla collaborazione del Comune di Milano, della Regione Lombardia e di importanti enti pubblici e privati, il progetto vanta il forte legame con la Federazione Nazionale dei Diplomatici e dei Consoli Esteri in Italia: un’apertura internazionale che rafforza l’universalità del messaggio che l’iniziativa vuole di- vulgare.

Un messaggio inclusivo che punta a coinvolgere un pubblico vasto e che prevede una serie di iniziative pensate per i più piccoli: nel mese di maggio Weplanet attiverà il Villaggio Kids, un’area dove i più giovani e le loro famiglie potranno partecipare a iniziative e workshop educativi sul tema ambientale, e al contempo giocare trasformandosi in futuri artisti attraverso divertenti laboratori creativi.

Al termine della manifestazione, il 29 giugno 2020, un comitato artistico sarà chiamato a selezionare alcune delle opere che verranno battute all’asta benefica organizzata da Sotheby’s i cui proventi saranno devoluti al Comune di Milano, a sostegno di un progetto dedicato alla sostenibilità della città.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

Di Uomini e Ferro – Viaggio negli archivi fotografici delle Ferrovie dello Stato

DailyMood.it

Published

on

Il patrimonio storico e documentale della Fondazione FS Italiane in mostra a Milano.

È stata inaugurata oggi Di Uomini e Ferro – Viaggio negli archivi fotografici delle Ferrovie dello Stato, mostra fotografica allestita in via Dante e curata da Fondazione FS Italiane e Rizzoli Illustrati con il patrocinio del Comune di Milano.

Gratuita e aperta a tutti, la mostra permette ai visitatori, fino a mercoledì 6 novembre, di scoprire il patrimonio storico delle Ferrovie dello Stato: 38 fotografie selezionate dall’archivio della Fondazione FS Italiane, e in parte raccolte nel volume Di Uomini e Ferro, pubblicato da Rizzoli nel gennaio 2019.

Presenti Claudia Maria Terzi Assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, e Luigi Cantamessa Direttore Generale della Fondazione FS Italiane. Ospite d’eccezione Mara Venier.

L’operazione Di Uomini e Ferro, libro e mostra, fa riemergere pagine importanti della nostra storia, evidenziando quanta passione e quanto sacrificio è stato necessario per costruire e far funzionare la cosiddetta “strada ferrata” che ha modernizzato il Paese”, dichiara Claudia Maria Terzi Assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Regione Lombardia. “Un plauso dunque all’opera portata avanti dalla Fondazione FS: un investimento di carattere culturale che diventa così patrimonio storico di tutto il Paese”.

Di Uomini e Ferro – Viaggio negli archivi fotografici delle Ferrovie dello Stato è una mostra unica nel suo genere che racconta, attraverso le immagini inedite ritrovate nel nostro archivio, la storia dell’Italia”, spiega Luigi Cantamessa Direttore Generale della Fondazione FS Italiane. “Il nostro Paese, infatti, è riuscito a rialzarsi dopo la Seconda Guerra mondiale anche grazie alle migliaia di ferrovieri al lavoro da Bolzano alla Sicilia. La grande famiglia dei ferrovieri, infatti, ha contribuito alla modernizzazione dell’Italia, dalla ricostruzione all’avvento dell’Alta Velocità. Passeggiando, quindi, a Milano nella centralissima via Dante, a pochi passi dal Duomo, è possibile ammirarne il ritratto. Ci piacerebbe che le persone, visitando la mostra, comprendano come dietro al viaggio di un treno ci siano tecnologia d’avanguardia e il lavoro di chi, ieri come oggi, rende tutto questo possibile”.

La mostra Di Uomini e Ferro – Viaggio negli archivi fotografici delle Ferrovie dello Stato racconta il treno non solo come mezzo di trasporto, ma soprattutto come luogo della memoria dal fascino senza tempo. Il treno, infatti, simbolo della rivoluzione industriale, ha radicalmente modificato la mobilità delle persone tra l’Ottocento e il Novecento.

Inoltre, rappresenta un viaggio lungo la Penisola attraverso le immagini degli italiani che, negli anni, hanno scelto il treno per i propri spostamenti. Immagini che non solo raccontano i tanti ferrovieri che con il loro lavoro hanno contribuito alla creazione dell’identità nazionale, ma testimoniano anche il ruolo determinante che lo sviluppo della rete ferroviaria ha avuto per l’Unità d’Italia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

A Napoli a Villa Domi International Excellence Awards

DailyMood.it

Published

on

Napoli, città bellissima piena di contraddizioni e dalle mille sfaccettature, dove stile, creatività ed eleganza si incontrano nei suoi vicoli e si scontrano con una realtà a volte problematica, città  dalla grande cultura e tradizione ammalia tutti come una sirena, affacciata sul mare, e nessuno resiste al fascino di questa città, con la sua storia, il folklore, l’arte, la musica, la buona cucina, e la sua tradizione sartoriale. E fedeli alla tradizione dalla cultura del capoluogo campano l’imprenditore Gianfranco Unione e Luciano Carino, famoso image counsulting  Rai firmano la terza edizione dell’International Excellence Awards celebrata nella meravigliosa location di Villa Domi a Napoli.

Arte, Cultura, Medicina, Teatro, Cinema, Scienza, Imprenditoria, Cucina intesa come Arte, Abbigliamento e Moda Couture, Giornalismo, Musica, Sociale, Design, la manifestazione è stata presentata dalla conduttrice Stefania Maria, e ha avuto una grande risonanza, è stata seguita da stampa, media ed emittenti TV e si è conclusa con una cena gourmet organizzata dall’Istituto Alberghiero San Giorgio di Quarto (Na) dove il cibo, abbinato alla degustazione di vini pregiati,  ha preso la connotazione di  vera Arte come logico epilogo di un evento che vuole evidenziare tutte le categorie dove si sono contraddistinti personaggi internazionali nell’arco dell’anno.

I Premi International Excellence Awards 2019

Premio Medicina Cattedra Unesco alla Prof.ssa  Annamaria Colao per l’educazione alla Salute e allo Sviluppo Sostenibile

Premio categoria Moda a Ester Gatta (Eles Couture) e al Brand Hanna Moore Milano

Premio categoria Cinema all’On. Nicola Acunzo Presidente Intergruppo Parlamentare Cinema e Arti nello Spettacolo, al produttore audiovisivo  Eduardo Angeloni, al  produttore Gaetano Di Vaio – BronxFilm e a Ivan Castiglione

Premio Categoria Beauty a Miriam Carino HM Makeup Italy – consulente d’immagine

Premio Categoria Arte a Carlo Di Santo per la fotografia, a Daniele Unione per “la Cucina come forma d’Arte” e a Nancy Calamatta Storica  dell’Arte

Premio Categoria Giornalismo al Direttore Lorenzo Crea, impegnato nel sociale, e a Camilla Nata, giornalista inviata Rai 1Mattina

Premio Categoria Musica a Maria Nazionale

Premio Categoria Sociale a UTIC Pozzuoli

Premio Categoria Imprenditoria a Ciro Guarino, a Mario Cozzolino, a Chogan, a Carolina Amato, a Eugenio Maisto, a Claudio Carino.

Premio Categoria Design a Ester Gatta
Si chiude la terza edizione del International Excellence Awards, premio ideato dall’imprenditore  Gianfranco Unione con la direzione artistica di Luciano Carino,  nato con l’obiettivo di  celebrare e insignire con un prestigioso riconoscimento “le Eccellenze” che si sono distinte nel corso dell’anno nei vari segmenti,  diventato in breve tempo una importante realtà che evidenzia come il modello italiano e il nostro sistema del Made in Italy hanno qualcosa di inimitabile, la creatività, che fa sì che l’italian style sia diventato nel mondo sinonimo del frutto di un lungo mixer tra cultura, arte, artigianato, abilità manifatturiera, comunicazione, fotografia, cucina, territorio e principalmente la memoria storica dei nostri inimitabili maestri artigiani e questo insieme ha contribuito a costruire, nel corso degli anni, la più importante filiera del mondo occidentale.

Crediti PH: Photo by Carlo Di Santo. Com group

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending