Connect with us

Cine Mood

McQueen: arriva il documentario sul visionario stilista inglese

Published

on

Da quando Lee Alexander McQueen si tolse la vita nel 2010, l’aura mitica che avvolgeva il suo personaggio e il suo lavoro ha assunto dimensioni ancora più imponenti, e gli omaggi postumi a questa figura geniale e anticonvenzionale sono stati innumerevoli. Così, dopo che gli è stata dedicata un’importante mostra a Londra e New York, intitolata Alexander McQueen: Savage Beauty, la vita e la creatività dello stilista inglese sbarcano ora sul grande schermo.

D’altronde, il cinema ha spesso rivolto la sua attenzione nei confronti del mondo della moda. L’ha fatto con taglienti commedie (su tutte Il diavolo veste Prada), parodie esilaranti (vedi il dittico di Zoolander), graffianti satire di costume (Pret-à-porter di Robert Altman), oppure con i classici biopic su figure di spicco che hanno segnato la storia della moda, sia opere di finzione (ricordiamo quelle su Coco Chanel o Yves Saint Laurent, tra le ultime) sia documentari (bellissimo, Valentino – The Last Emperor).

Inevitabile, quindi, che un personaggio come McQueen venisse prima o poi raccontato dalla Settima Arte. Di progetti in cantiere e in procinto di arrivare nelle sale ce ne sono ben tre, ed il primo è un intenso documentario firmato dai registi Ian Bonhôte e Peter Ettedgui. McQueen, questo il semplice e diretto titolo della pellicola, dopo la presentazione all’ultimo Tribeca Film Festival, giunge in questi giorni nelle nostre sale ed è pronto ad emozionare anche il pubblico italiano, coinvolgendolo nell’estro visionario del suo protagonista. Quasi due ore di narrazione che trascinano lo spettatore in un appassionante viaggio nella vita dello stilista britannico, dall’adolescenza agli esordi, dall’exploit internazionale ai suoi ultimi giorni. I due registi raccontano dunque il suo apprendistato come sarto, i suoi studi alla prestigiosa Central Saint Martins, il suo lavoro come Direttore Creativo di Givenchy, la sua amicizia con Isabella Blow e la stilista Katy England.

Grazie a filmati di repertorio, home movies, backstage inediti, interviste a familiari ed amici, il film ci immerge nel mondo privato di McQueen, nei meandri del suo genio, nella sua follia creativa. Ci porta dietro le quinte delle sue provocatorie sfilate e, soprattutto, scava oltre la sua icona, affrontando la sua depressione, il suo tormento, i suoi dolori.

McQueen è un’opera che ci restituisce con poesia e malinconia l’esistenza di una figura fuori dagli schemi, che ha saputo rinnovare ed infiammare il mondo della moda. Ma è un film che, allo stesso tempo, ci lascia anche con un forte rimpianto: quello di aver perso troppo presto un grande talento. Chissà cosa avrebbe potuto ancora regalarci e chissà se, in un’epoca in un cui anche gli stilisti passano dietro la macchina da presa (vedi Tom Ford), lui avrebbe intrapreso la stessa strada.

di Antonio Valerio Spera per DailyMood.it
Photo Credit:@gettyimage

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + sedici =

Cine Mood

Terni Pop Film Fest – Festival del Cinema Popolare

DailyMood.it

Published

on

Presentato il Terni Pop Film Fest – festival del cinema popolare

È stato presentato questa mattina in conferenza stampa il Terni Pop Film Fest – Festival del Cinema Popolare che si terrà a Terni dal 27 al 30 settembre, alla presenza dei direttori artistici Simone Isola e Antonio Valerio Spera, il direttore organizzativo Michele Castellani, il Vice Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Terni Andrea Giuli e l’artista che ha firmato le opere che verranno consegnate ai premiati Lauretta Barcaroli.

Ad aprire la conferenza è stato il Vice Sindaco Giuli che ha espresso subito molto entusiasmo nei confronti della manifestazione: “Sono davvero felice di questa splendida iniziativa. Grazie al coraggio dei due direttori artistici Simone Isola e Antonio V. Spera e a quello del direttore organizzativo Michele Castellani, Terni torna a splendere, risollevando le sorti culturali della nostra città con il cinema”. Gli ha fatto eco il direttore organizzativo Michele Castellani: “Ho avuto la fortuna di conoscere Isola e Spera che mi hanno coinvolto in questa bellissima ‘follia’. Il nostro è un festival che vuole rendere omaggio al cinema popolare, restituendogli il peso culturale che merita”.

Simone Isola, invece, ci ha tenuto a porre l’accento sull’importanza di “legare il pubblico al cinema” e di farlo “in un luogo diverso da Roma, cercando di instaurare un forte legame con il territorio. Un’idea necessaria, nata da un’intuizione di Spera, perché oggi i meccanismi di distribuzione e di fruizione sono cambiati. Quello che speriamo di riuscire a fare con questo festival è cercare di ricreare una sinergia fra il pubblico e la sala cinematografica”.

Il cinema popolare è cultura” – ha esordito Spera – “Anche se, purtroppo, negli ultimi tempi non è più considerato tale. Il nostro obiettivo è proprio quello di restituire al cinema popolare il suo giusto ruolo, specie perché parliamo di un’arte, quella cinematografica, che è l’arte popolare per eccellenza”.

Pop ieri, pop oggi ma anche pop domani. È sulla scia di queste tre linee guida che si svolgeranno le quattro giornate interamente dedicate al cinema popolare. “Abbiamo fortemente voluto omaggiare il passato, e per questo abbiamo scelto proprio un grande del passato con cui aprire questa prima edizione, Bud Spencer. Un omaggio a cui prenderà parte anche la famiglia Pedersoli e di cui siamo molto felici” – ha spiegato Spera. A rappresentare il “pop di oggi e di domani”, invece, saranno le due anteprime nazionali Un nemico che ti vuole bene di Denis Rabaglia (nelle sale dal 4 ottobre con Medusa) e Non è vero ma ci credo di Stefano Anselmi (nelle sale dal 4 ottobre con Notorious Pictures). A chiudere il festival sarà la consegna del Premio alla carriera a Christian De Sica durante la cerimonia di chiusura, in cui l’artista si concederà a un incontro con il pubblico, ripercorrendo i migliori momenti della sua carriera.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

NeeMakeUp | London Fashion Week 2018 | 17.09

DailyMood.it

Published

on

Nee Make Up
Nee Make Up Milano a Londra per la London Fashion Week.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

Speciale Dailymood | London Fashion Week 2018 | 17.09

DailyMood.it

Published

on

Nee Make UpSegui lo speciale di DailyMood.it sulla London Fashion Week. Oggi è stato il giorno di Delpozo e Victoria Beckam.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending