Connect with us

Mood Town

Benvenuta primavera! Le 5 città europee dove trascorrere lo “spring break”

DailyMood.it

Published

on

Un appuntamento che in molti associano ai college americani, ma che sta prendendo sempre più piede anche in Italia. Stiamo parlando dello spring break, ovvero le vacanze di primavera che studenti, lavoratori e appassionati si concedono con l’arrivo della bella stagione. Martedì 20 marzo è la data da segnare sul calendario: dopo mesi di freddo, neve e piogge da record, stiamo finalmente andando incontro a un clima più mite, e la vicinanza di Pasqua (1 aprile) potrà regalare a molti l’opportunità di qualche giorno di relax da trascorrere in Europa.

Per indirizzare i suoi utenti nella scelta della destinazione, TravelFool, portale del Network Valica specializzato nella selezione di offerte di viaggio dai principali tour operator del mercato nazionale, ha selezionato le cinque migliori località europee, in cui trascorrere una vacanza in primavera.

La città più apprezzata secondo gli utenti di TravelFool è Berlino, l’economica capitale tedesca che riesce a conquistare giovani, adulti, single e coppie. E non potrebbe essere altrimenti: da Alexanderplatz all’Isola dei Musei, senza dimenticare la Porta di Brandeburgo e lo storico quartiere Mitte, Berlino è una città che si rivolge davvero a tutti. Una vacanza a Berlino per cinque giorni, hotel e volo A/R incluso, costa in media circa 180 euro, scegliendo una struttura a meno di dieci chilometri dal centro città.

Decisamente interessante, e altrettanto economica, è anche Praga, elegante (e romanticissima) capitale della Repubblica Ceca. Qui i prezzi sono addirittura più bassi di Berlino, e con circa 150 euro è possibile approfittare di un pacchetto volo + hotel 5 notti, mentre se si sceglie una struttura centralissima, i prezzi superano solo di poco i 200 euro.

Certamente più costosa, ma non per questo impossibile da godere anche in modalità low-budget, è la sempre affascinante Parigi. Tra una passeggiata sulla Senna, una visita al quartiere di Montmartre e la “scalata” alla Tour Eiffel, trascorrere un weekend lungo nella Ville Lumière costa tra i 250 e i 300 euro, optando per un volo A/R low-cost e un albergo 3 stelle; per chi volesse, invece, godersi la capitale francese al top, i prezzi di un hotel in pieno centro variano tra gli 80 e i 120 euro a notte.

La chiamano la “Parigi dell’est”, e non ha nulla da invidiare alla Città delle Luci. Stiamo parlando di Budapest, capitale ungherese e città amatissima per i suoi antichi bagni termali, dove sempre più turisti decidono di godersi una pausa dal quotidiano. Bastano poco più di 100 euro per un weekend a Budapest, con volo A/R dalle principali città italiane e un buon hotel a meno di cinque chilometri dal centro.

Non può non conquistare anche il globetrotter più navigato, infine, la suggestiva Istanbul, ovvero l’antica Bisanzio. Stretta tra le due sponde del Bosforo, la seconda città più grande della Turchia è ormai stabilmente ai piani alti delle classifiche delle città più visitate del mondo, e anche su TravelFool è amatissima dagli utenti.

Con collegamenti quotidiani dall’Italia, Istanbul si raggiunge in meno di tre ore di volo, e trovare l’hotel che fa al caso proprio è facilissimo. I prezzi, poi, sono piuttosto abbordabili: volo + hotel cinque notti si possono prenotare a circa 260 euro, una cifra adatta al budget di (quasi) tutti!

Quale destinazione vi alletta di più, per il vostro spring break?

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × tre =

Mood Town

Vacanze in Sicilia con la macchina: come organizzare il viaggio

DailyMood.it

Published

on

La Sicilia è una delle regioni italiane più ricche di località turistiche: tra spiagge, zone archeologiche, paesini pittoreschi e monumenti, la soluzione migliore per visitare queste attrazioni è girare l’isola in auto. Ovviamente non è indispensabile partire con la propria autovettura, perché c’è sempre la possibilità di prenderne una a nolo. Vediamo quale delle due opzioni scegliere e dove organizzare il tour in auto della Sicilia.

Portare l’auto o noleggiarla?
Quando si parte in autonomia, bisogna decidere se arrivare fino all’estrema punta della Calabria con la macchina o se imbarcarsi su un traghetto presso il porto più vicino alla località di partenza. Nel caso si preferisca fare tutto il tragitto in auto, bisogna seguire l’autostrada fino a Villa San Giovanni, per poi imbarcarsi per u breve tratto su uno dei traghetti che fanno la spola tra le due coste. Se si vogliono evitare tutti questi chilometri in auto, l’alternativa è prendere la nave, imbarcandosi in un porto che sbarca in Sicilia, come Genova, Civitavecchia, Napoli o Salerno. Per chi preferisce tragitti brevi, c’è anche l’opzione dell’aereo. Molto ben serviti sono gli aeroporti di Palermo, Trapani e Catania e il viaggio aereo, soprattutto se prenotato in tempo, costa meno della soluzione auto e nave. In questo caso, una volta giunti a terra, basta prendere un’auto a nolo da scegliere tra varie opzioni. Per avere un’idea delle auto disponibili e dei costi del noleggio auto basta andare sul sito di Sicily by Car, dove è anche possibile prenotare in anticipo il proprio veicolo. Si può optare, ad esempio, per una formula “nolo a resa altrove”, che consente di restituire il mezzo in una città diversa, e aggiungere anche l’opzione “chilometraggio illimitato”, indispensabile se ci si discosta dall’itinerario programmato. Vale la pena, infatti, allungarsi per scoprire anche la parte montana della Sicilia, tra Enna, il Parco delle Madonie e i corsi d’acqua sui Nebrodi.

Itinerario di viaggio
Gli itinerari, in Sicilia più che altrove, dipendono dal tempo che si vuole dedicare a visitarne le bellezze, oltre che dall’interesse prevalente, che può essere del tipo “spiagge e mare” oppure “siti archeologici e monumenti”, senza sottovalutare le riserve naturali. Partendo da Catania, ad esempio, dopo aver visitato l’Etna, ci si può dirigere verso Messina, costeggiando le mitiche spiagge di Taormina, dopo aver visitato il paese, e il Teatro Antico con la spettacolare vista sul mare. Poi si prosegue per Palermo, marciando sulla Statale 113, ricca di paesi che si affacciano sul Tirreno, da quelli dell’Orlandino, tra cui la splendida Gioiosa Marea, a quelli del Palermitano, lungo la costa tra Cefalù e Bagheria. Arrivati a Palermo ci si può bagnare nella cala sabbiosa di Mondello, dominata dal Monte Ercta, con la Grotta di Santa Rosalia, e dirigersi poi verso il suo Centro Storico, uno dei più ricchi d’Italia come storia e monumenti. Volendo invece andare a sud, verso Capo Passero e la sua Isola delle Correnti, si costeggiano le spiagge di Vendicari, della greca Siracusa coi suoi templi, per proseguire per i lidi di Scoglitti a Ragusa, la Valle dei Templi ad Agrigento, passando per Noto e il suo magico Barocco, fino a toccare Sciacca, Mazara e Selinunte. Da qui si risale verso Palermo costeggiando le coste trapanesi, con le vigne a filo mare, e le riserve dell’Isola di Mozia e dello Zingaro. E in ciascuna di queste città, tra monumenti e storia, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Tokyo svela la sua anima antica, tra samurai, ninja e geisha

DailyMood.it

Published

on

Nel mese di maggio la capitale del Sol Levante invita i viaggiatori a fare un tuffo nel passato,
con tanti eventi ed esperienze per scoprire la più autentica cultura giapponese

In un anno ricco di eventi e novità che renderanno ancora più attraenti alcuni quartieri di Tokyo, la capitale nipponica non dimentica la sua anima più tradizionale, confermando quel mix perfetto riassunto nel claim TokyoTokyo where Old meets New. Nel mese di maggio i visitatori hanno la possibilità di fare un tuffo nel passato e immergersi nella più autentica cultura giapponese, percorrendo un itinerario tra eventi, quartieri, luoghi iconici e ristoranti a tema in cui scoprire le antiche tradizioni di samurai, ninja e geisha.

Fino al 27 giugno il Keio Plaza Hotel Tokyo, uno dei più prestigiosi hotel internazionali situato nella zona di Shinjuku, ospita una mostra speciale in cui è possibile ammirare le immagini originali del fumetto manga “KATANA” di Kimiko Kamata. Questa mostra fa parte dell’esposizione più ampia intitolata “The Soul and Beauty of Japan’s Swords and Armor by Legendary Artisans”, che include preziosi esemplari di antiche spade e armature giapponesi realizzate durante il periodo Heian e “tsuba“, termine utilizzato per indicare la guardia della spada giapponese. Per entrare completamente nello spirito dei samurai, il 6 giugno sarà possibile incontrare di persona Kimiko Kamata in occasione di una speciale lezione dedicata ai segreti dell’antica tradizione delle spade, insieme all’esperto artigiano Ippei Kawachi. L’evento include un pranzo dedicato agli ospiti, in cui provare la cucina giapponese del ristorante “Kagari”.

Se la mostra offre un assaggio dell’arte delle spade, a Tokyo ci sono tanti altri luoghi per approfondire la storia e la cultura dei samurai. Un esempio è il Samurai Museum, una tappa consigliata per tutti coloro che vogliono fare un salto nel passato feudale del Giappone. Qui è possibile mettersi letteralmente nei panni dei samurai: oltre ad ammirare le settanta armature esposte, se ne può indossare una riproduzione completa di elmo e assistere a combattimenti tra abili spadaccini. Per un’esperienza ancora più completa, il consiglio è di prenotare una lezione di calligrafia o spada giapponese.

A pochi passi dal Samurai Museum, nel vivace quartiere di Kabukicho, si trova il Ninja Trick House, dove i viaggiatori possono diventare ninja per un giorno. Per entrare subito nello stile, l’edificio non è facile da trovare ma ne vale assolutamente la pena! Una volta entrati in questo luogo lontano anni luce dai neon e dal caos della città, una guida ninja accoglie piccoli gruppi di visitatori per svelare trucchi e segreti dello spionaggio sotto copertura. Dopo tante emozioni, niente di meglio che godersi una cena a tema nel ristorante Ninja Shinjuku, dove degustare le specialità della cucina giapponese allietati dai trucchi di magia dei ninja e immersi nell’atmosfera di un vero covo di spie!

Infine per respirare l’atmosfera del passato con un tocco più femminile, si può concludere la giornata con una passeggiata a Kagurazaka, una piccola ed elegante zona situata vicino a Shinjuku, che un tempo fu un vivace quartiere dei piaceri. Oggi, grazie alle sue stradine lastricate, i negozi chic, le scuole e i locali francesi, questa area viene chiamata “la piccola Parigi a Tokyo”, ma nelle sue caratteristiche vie secondarie sembra quasi di sentire ancora il rumore dei passi delle geisha che si affrettano ai loro appuntamenti. Qui i ristoranti tradizionali e i negozi di kimono riportano i viaggiatori indietro nel tempo ed esaltano quel contrasto tra antico e moderno che rende unica la città di Tokyo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Le 5 mete alternative per un’estate indimenticabile

DailyMood.it

Published

on

L’estate si avvicina e c’è ancora tutto il tempo per decidere la vacanza più adatta alle proprie esigenze. Il mare è sempre un must per ricaricare le energie, ma non è facile trovare nuovi spunti per goderselo in modo alternativo. Click&Boat, la piattaforma online leader nel noleggio di barche a vela, yacht, motoscafi e houseboat, con 4.000 imbarcazioni disponibili solo in Italia, e una community di viaggiatori formata da oltre 300.000 persone, ha stilato, grazie all’esperienza dei suoi skipper, la lista definitiva per una vacanza fuori dai soliti schemi. Dalla spiaggia che cambia forma alla festa più pazza della Spagna, passando per una chiesa in mezzo al mare, fino al sole di mezzanotte, ecco tutti i segreti delle località assolutamente da esplorare in questo 2019.

Malaga – Spagna
A metà agosto a Malaga, una delle perle della Costa del Sol, si tiene l’evento estivo più famoso e travolgente di tutta l’Andalusia: la Feria del Malaga, chiamata anche Gran Fiesta del Verano, ovvero Gran Festa dell’Estate. Per una settimana (quest’anno dal 15 al 24 agosto) nelle strade e nelle spiagge della città i malagueños si scatenano nei più sfrenati festeggiamenti. Ce n’è davvero per tutti i gusti: balli tradizionali, musica dal vivo, degustazioni di tapas, corride, sfilate, concerti rock e pop e spettacoli pirotecnici. Non resta che immergersi, dalla tarda mattinata fino alle prime luci dell’alba, in questa incredibile atmosfera fatta di luci, colori e suoni.

Ovviamente Malaga è anche un punto strategico da dove salpare, magari a bordo di un catamarano a noleggio, per scoprire lo splendido scenario costiero.

La baia di Kotor – Montenegro
Speroni di roccia che sorgono direttamente dalle acque di un azzurro opalino fanno da cornice al paesaggio selvaggio della baia di Kotor, nota alle persone del posto come Boka Kotorska o solo Boka (dall’italiano ‘bocca’). Le numerose insenature che la compongono, dalla lussureggiante vegetazione, hanno incantato nei secoli i viaggiatori ed ispirato alcuni dei più celebri poeti come Lord Byron, innamorato di questa regione.

Il consiglio è quello di navigare attraverso la baia: da Herceg Novi, antica cittadina situata all’estremità occidentale, a Perast, caratterizzata dall’eleganza e dall’architettura di un avamposto veneziano da dove si può raggiungere la piccola isola dove sorge la chiesa di Nostra Signora delle Rocce. Per giungere infine a sud, sulla penisola di Luštica, celebre per le sue spiagge remote e bucolici oliveti ma anche ricca di gallerie d’arte, chiese e monasteri.

Isole Aland – Finlandia
Situate al confine tra il Mar Baltico e il Golfo di Botnia, le Isole Aland sono un gioiello ancora poco conosciuto. Da Dalsbruk si raggiunge in barca il porto di Mariehamn, la città principale dell’isola Fasta, la più grande dell’arcipelago. In alternativa è possibile partire anche da Stoccolma. Qui la parola d’ordine è relax: una passeggiata a piedi è il modo migliore di godersi questa deliziosa cittadina costiera, con le sue tipiche casette di legno e i suoi caffè dai quali ammirare lo splendido panorama.. Se volete invece allontanarvi da tutto e da tutti, l’isoletta di Kökar è quella che fa per voi. Qui potrete anche divertirvi ad esplorare i resti di un antico monastero francescano. Gli amanti delle attività all’aria aperta si troveranno in paradiso: tra escursioni in biciletta, gite in kayak e partite a golf in uno dei tre campi presenti nell’arcipelago, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Cosa rende tutto questo ancora più magico? Ovvio, il sole di mezzanotte: nel periodo estivo infatti c’è luce fino a notte inoltrata.

Brac – Croazia

In passato nota come Isola della Brazza, Brac è l’isola più grande della Dalmazia. Posizionata di fronte alla città di Spalato, è lunga 175 km ed è ricca di calette da sogno. Impossibile non nominare subito la spiaggia di Zlatni Rat, una vera meraviglia della natura. Situata vicino a Bol, la città costiera più antica dell’isola, è conosciuta anche come “spiaggia del corno d’oro” ed è formata da una lingua di sabbia e piccoli ciottoli che per oltre 400 metri si allungano nel mare turchese. La particolarità risiede nel fatto che la “punta” del corno modifica costantemente la sua forma a seconda dei venti, delle maree e dei diversi momenti della giornata. Un danza continua tra terra e mare che è sicuramente emozionante ammirare dalla propria imbarcazione.

Per gli amanti delle immersioni consigliatissima la baia di Lucice situata a Sud-Est dell’isola, vicino a Milna. Imperdibili anche le spiagge di Murvica, con la famosa Caverna del Drago, e di Lovercina, che nella sua sabbia racchiude le fondamenta di una antica villa romana di campagna.

Marmaris – Turchia
Un piccolo angolo di paradiso nel Sud-Ovest della Turchia: ecco Marmaris, cittadina che sorge nell’esatto punto d’incontro tra Egeo e Mediterraneo, in un porto naturale di grande bellezza. Le colline circostanti, ricoperte da fitte foreste di pini, platani e “günlük” (un albero tipico della regione, unico al mondo), regalano una vista davvero suggestiva.

Una località che si adatta a tutte le tipologie di vacanza: celebre per la sua vivace vita notturna, la più stravagante dell’intera costa, presenta anche zone immerse nella natura, dove è possibile visitare villaggi tradizionali e godersi spiagge incontaminate.

Tanti gli itinerari che è possibile percorrere in barca partendo da Marmaris: verso Est, passando Ekincik e il delta del fiume Dalyan dove si trova la celebre spiaggia Iztuzu, fino ad approdare nella superba baia di Fethiye, nominata nella storia come “la vergine della patria della luce”. Se invece si sceglie di andare a Ovest si passa da Bozburun e ci si spinge fino al pittoresco golfo di Datca, perfetto per chi cerca una pausa di puro relax, lontano dalla folla.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending