Connect with us

Sfilate

DROMe collezione primavera estate 2018

DailyMood.it

Published

on

Dalla struttura alla forma. Una collezione delicata, in continuo divenire. Un messaggio in evoluzione, forte ed energico, contemporaneo nell’animo, romantico e deciso nella ritrovata sensualità. Marianna Rosati, creative director della collezione DROMe, continua il suo viaggio creativo alla ricerca della visione più intima della realtà femminile; non ha paura di scoprirla, di tradurla in silhouette diverse, più nude e sensuali, dove è la fluidità dei materiali a ridefinire linee e forme.

Un racconto che parte dalla leggerezza e dalla decostruzione: un approccio deciso al minimalismo – sempre presente in DROMe – accentuato da linee cascanti, abbinate a giacche costruite con spalle sostenute e proporzioni inusuali. Ci sono riferimenti agli anni 90, ad un vibe più rilassato dove il dettaglio sartoriale decostruito diventa elemento di comunicazione. I colori sono clinici, delicatissimi e trasparenti: il bianco puro è la base di tutto, il powder mint e il lilla sono i suoi sovratoni, interrotti da forti accenti di rosa fucsia, giallo lime e blue pavone.

La giacca è come un origami che si trasforma e svela ogni volta nuove e inaspettate silhouette: molto corta, oversize, di taglio maschile oppure ultra femminile, genderless, sempre con un aspetto irriverente, dove il “difetto” sartoriale è elemento distintivo. Materia e forma si uniscono e si svelano attraverso abiti e gonne fluide e voluminose in organza, crepe de chine e pelle mescolate insieme. Le maniche sono elaborate e ridisegnate, con elasticature e bombature.

Nappa a profusione: pelli liscissime e leggerissime ridisegnano pannelli e arricciature, diventano macro balze o reggiseni corazza, da indossare come top. Layers di organza trasparente si posizionano sopra e sotto i capi in pelle, come un filtro ultraleggero. Elementi vittoriani appaiono su abiti, giacche ed accessori. Unico decoro: un ramage a specchio a sottolineare le due anime della collezione, minimal e sensuale, chiavi di lettura della stessa donna.

La maglieria strizza l’occhio al baule della nonna, un tripudio di crochet che decostruisce l’estetica di maglie vintage e le trasforma in top, gonne ed abiti avvolgenti e drappeggiati, capi rielaborati che rivelano dettagli inaspettati.

Ancora quintessentially DROMe sono le scarpe, con tacchi sagomati e sinuosi, linee affilate e dettagli cut-out derivanti dal ready to wear. Per la prima volta in passerella sfilano anche le borse di DROMe: sono in nappa di vitello bianco, geometriche e voluminose, con i profili delineati da borchie a sfera.

materiali_ Nappa Basic, Superfine Nappa, Viscosa Fluida, Vintage Cotton Knitwear, Vernicetta
colours_ White, Powder Mint, Office Grey, Stardust, Lilac, Peacock, Lime, Fuxia

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × quattro =

Sfilate

Tutto il meglio della Parigi Fashion Week 2018

Polici Francesca

Published

on

E con Parigi si chiudono le “Big 4” delle Fashion Weeks più ambite nella moda (New York, Londra, Milano, Parigi). Tante le tendenze e i look che abbiamo visto sfilare in passerella e che ci hanno fatto sognare. E così, prima che si chiuda questa stagione fredda (fin troppo fredda oseremo dire…), vediamo come ci vestiremo per l’autunno inverno 2018-2019 e quali sono i designer che ameremo di più.

Iniziamo subito con Hermés, tra i primi ad aprire la settimana della moda parigina e che ha letteralmente spiazzato per la scelta della suggestiva location. Il giardino del lycée Victor Duruye, infatti, si è trasformato in un vero e proprio bosco incantato. Il rosso è stata la tonalità primeggiante in questo splendido contesto fiabesco, caratterizzato dal contrasto della pelle indossata dalle modelle. La donna di Hermés, come sempre, è una donna di gran classe che non ha bisogno di eccessi barocchi, perché in grado di sprigionare (e spesso ostentare) la sua eleganza con uno stile semplice e classico. Un lusso fatto da piccoli dettagli in grado di fare la differenza e di contrastare un look, solo all’apparenza, estremamente minimal. Abbiamo visto quindi lunghi stivali arancioni in suede abbinati ad un completo di pelle color cuoio, oppure gialli con un intramontabile copricapo lungo total black, anch’esso rigorosamente in pelle. Tagli destrutturati e vita alta, si sono riconfermati come due trend ancora molto in voga. Sicuramente, molto amati dalla maison francese.

Balenciaga-(Credits-Getty-Images)

Dalle fiabe di Hermés all’underground di Balenciaga – divenuto ormai un vero e proprio tratto distintivo del brand. Una montagna fatta di graffiti, che ricordava molto una sorta di skateboard park, ha fatto da cornice a una delle sfilate più irriverenti di questa Fashion Week, con un vero e proprio inno allo streetwear. La donna di Balenciaga, infatti, è una donna che ama apparire con forme oversize all’interno di un contesto street. Riconfermati anche qui i punti cardine su cui si basa la cifra stilistica del marchio: colori fluo che giocano con stampe animalier e tessuti a metà fra il tecnico e il couture. E nella prossima stagione, continueremo a vedere abbinamenti cromatici apparentemente causali e contrastanti insieme a forme maxi, per una donna che ama il comfort ma vuole essere sempre trendy. E, come sempre, per tutte coloro che si sentono un po’ Mary Poppins, nulla è più azzeccato delle super borse a puff firmate Balenciaga.

Nessuna location particolare, invece, per Valentino. Lo stilista che ha contribuito a rendere grande il nome dell’Italia nel mondo, infatti, ha preferito uno sfondo neutro perché a far sognare, come sempre, sono i suoi abiti, capaci di rendere delle vere e proprie principesse chiunque li indossi. Simbolo di eleganza e raffinatezza, Valentino ha continuato sulla strada delle tinte pastellate – specie il rosa che ha esplorato in moltissime varianti cromatiche. Lunghi completi ton sur ton, monospalla, foulard e balze hanno fatto innamorare tutti gli ospiti della sfilata, specie la super top model e blogger americana Karlie Kloss che non poteva certo perdersi questo evento.

Esattamente come Balenciaga, anche se con uno stile certamente più smorzato e

Hermés-(Credits-Getty-Images)

più minimal, anche Stella McCartney ha riconfermato il suo assioma assoluto fatto di comfort e big size. In questo caso, a farci emozionare non è stata tanto la location quanto il finale del fashion show che, omaggiando e ricordando la stella del pop George Michael, ha visto le modelle tornare in passerella per cantare e ballare tutte assieme sulle note dell’iconica Faith.

Per finire, una delle sfilate più attese di questa Fashion Week è stata senza dubbio quella di Chanel, il cui tocco sofisticato è riconoscibile in tutto il mondo. Perle e twill hanno accompagnato tutti i look, in cui abbiamo visto piumini corti abbinati a lunghi abiti da sera, forme morbide e immancabili tailleur che hanno sfilato all’interno di una foresta, ricostruita appositamente per l’occasione, dai connotati magici. Non c’è niente da fare, in ogni collezione della storica maison riusciamo a riconoscere il tratto artistico e inconfondibile del marchio senza che questo risulti mai datato, grazie a quella capacità unica di mantenere uno sguardo verso la tradizione ma essere sempre e comunque al passo con i tempi.

Che dire? Questa Fashion Week parigina ci ha fatto tornare la voglia di freddo per poter sfoggiare già tutti i trend che diventeranno ben presto un must. E voi quale look sceglierete?

di Francesca Polici per DailyMood.it

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Sfilate

The Maison Margiela Autumn-Winter 2018 – An ‘unconscious glamour’

DailyMood.it

Published

on

La collezione di Ready-to-Wear di Maison Margiela è stata presentata al Grand Palais nell’ambito della Fashion Week di Parigi.
Maison Margiela spinge la sua visione verso un linguaggio e un guardaroba nuovi basati sul vocabolario stabilito attraverso la collezione Artisanal.

An ‘unconscious glamour’

Le silhouette dell’Haute Couture per la nuova Collezione Autunno-Inverno 2018 di Maison Margiela vengono declinate in capi realizzati con volumi scolpiti: il capispalla si trasforma in vestito quando si ha necessità di vestirsi e in fretta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW A/I 2018

La moda di Antonelli: essere donna oggi (tra contraddizioni e ricerca di futuro)

T. Chiochia Cristina

Published

on

L’attuale settimana della moda sta abituandoci a vedere la donna oggi tra le sue contraddizioni e una nuova ricerca di futuro. Un futuro non più possibile in tutto e per tutto, ma perseguibile tra volontà e capacità personale. Per questa donna fantasiosa e ricca di personalità, la moda proposta da Antonelli Firenze anche per il prossimo inverno, è fatta di linee fluide ed essenziali che giocano in abbinamento o in contrasto, tra di loro sia con i colori molto energici e brillanti, sia nei toni dei bianchi e dei grigi.

Una nuova collezione per la FW 18_9, che Antonelli Firenze ha presentato giovedì 22 febbraio nello showroom via Tortona 21 Milano in una vera e propria tavolozza di colori e materiali declinati in liscio, a righe o stampati. Da segnalare la lavorazione del velluto ma anche quella della lana e dei montoni che diventano però leggeri e quindi portabilissimi, per una donna al passo con i tempi ma un pò guerriera “bon ton” che non ha paura di essere nè di apparire. Gli accostamenti si giocano poi sui dettagli come per la scelta dei bottoni, molto grandi e di colore differente al fine di esaltare, qualora ce ne fosse bisogno, ancor di più il tessuto monocromatico acceso dei vari modelli o, la scelta di non metterne alcuno, per esaltarne invece la fantasia.

Una donna che affronta la vita come affronta l’inverno, quella di Antonelli, con cappotti che l’avvolgono come un caldo kimono a vestaglia per approdare come un porto sicuro, tra contraddizioni e ricerca del futuro, mentre le gonne dalle linee fluide e le tinte dai bellissimi colori molto “energetici”, spaziano sempre su una pseudo tavolozza ideale: dal grigio al bianco fino ai colori più accesi e cromaticamente interessanti e sempre molto luminosi.

Nelle più tipiche lavorazioni made in Antonelli, ecco un liscio ed uno stampato sia per le gonne che per i pantaloni ed un velluto lavorato a coste davvero molto bello.
In modo eccezionale come solo il velluto sa fare, ecco che questo tessuto cattura tutte potenzialità dei modelli di Antonelli Firenze.
Il Velluto, tanto amato a livello artigianale per la sua resa di filati scelti che ne determinano la lucentezza e l’estrema morbidezza, rievocando i velluti di ordito, dove il pelo è formato da tanti fili disposti nello stesso senso, quello dell’ordito appunto.
Il velluto come luce e specchio della donna di oggi; questa donna che Antonelli non solo vuole rappresentare ma che vuole anche mostrare con le sue fragilità e caratteristiche.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending