Connect with us

Mood Town

10 buoni motivi per viaggiare verso il Circolo Polare artico.

Ventrella Valeria

Published

on

10 buoni motivi per viaggiare verso il Circolo Polare artico.

Oltre a Santa Claus e alle sue renne, Rovaniemi ospita diverse attrazioni di grande interesse culturale: non stupisce quindi che 50 anni fa Babbo Natale abbia deciso di aprire qui il suo ufficio postale. Sono almeno 40mila, ogni anno, i visitatori del Villaggio di Babbo Natale sul Circolo Polare Artico, Napapiiri in finlandese. Se non siete tra quelli, vi elenchiamo 10 motivi per cui vale la pena andarci o sognare di andarci.

1. Per scoprire che le Poste qui funzionano bene.
L’ufficio postale di Babbo Natale riceve lettere da 198 Paesi. Il suo indirizzo? Santa Claus, Santa Claus’s Main Post Office, 96930 Napapiiri (Circolo Polare Artico). Solo nel periodo natalizio arrivano in media 32.000 lettere al giorno, alle quali Santa Claus risponde personalmente entro la Vigilia. Quando si dice stacanovista.

2. Per vedere l’aurora boreale. Un sondaggio internazionale ha incoronato l’Aurora Boreale come la meta più ambita per i viaggi nel mondo. Anche se a prima vista potrebbero sembrare irraggiungibili, in realtà le aurore si formano nell’atmosfera terrestre a circa 100 km di altitudine, e sono causate da particelle elettricamente cariche provenienti dal sole. Si avvistano da novembre a marzo, quando il cielo è limpido, illuminato dalle stelle. Gli spettacoli multicolore prendono forma quando i vari gas presenti nell’atmosfera si agitano a causa di questo vento solare. Potete consultare molti siti di previsioni locali per avvistarla con maggiore facilità.

3. Per dormire in un igloo. Affascinanti, ecologici, effimeri. Sono gli hotel costruiti con neve e ghiaccio che durano il tempo di un inverno. Vere e proprie sculture di ghiaccio che ospitano i turisti in strutture rigorosamente cold, costruite con il ghiaccio dai pavimenti ai soffitti, per un’atmosfera davvero indimenticabile. Le calde pellicce stese sul letto dell’Artic Snow Hotel saranno amiche preziose per proteggersi dal freddo e accompagnarvi in questa vacanza da brivido.

4. Per imparare il concetto che muove il design finlandese. Un’idea che va al di là dell’apparenza, dell’intendere un oggetto come più o meno carino. È uno stile di vita. Il design si intreccia con la vita di tutti i giorni, è senza tempo. Una volta trovato qualcosa che funziona, lo si tiene per sempre. Niente è troppo vecchio. Non a caso il famoso architetto finlandese Alvar Aalto ebbe occasione di dire: “Niente rinasce, ma al contempo niente scompare totalmente. E quello che è nato una volta, ricomparirà di nuovo sotto un’altra forma.” Alcune persone sognano a colori, altre in bianco e nero. I finlandesi prendono i propri sogni e li trasformano in un design da amare.

5. Vi suggeriamo di andare a conoscere the “Big Chief” per capire il vero significato della parola multitasking ovvero, come si fa a fare tutto il lavoro di un anno in una sola notte. Non è una cosa semplice, affatto. Ci vuole un meccanismo come una grande ruota legno con ingranaggi e ruote più simile a un grosso orologio Medioevale, ma si basa su un meccanismo di fisica quantistica sofisticatissima… Sennò come potrebbe farcela Babbo Natale a consegnare i regali a tutti i bambini del mondo la stessa notte? Semplice: viene qui, ordina a un elfo di tirare la leva e la terra rallenta la rotazione. Un modello da esportare su larga scala.

5. 66°34´N 023°51: le coordinate del Circolo Polare Artico scolpite nel terreno sono uno dei punti più fotografati della Finlandia. Ma anche uno degli angoli più segreti. Appena fuori Rovaniemi, potete guidare per ore e non vedere nessuno, perché siete ai confini del mondo. Poi è solo natura. Nella foresta boreale tutto è immobile tranne il cielo sopra. Portate il Gps.

6. Per fare una sauna tradizionale, lanciarsi con un tuffo bomba nudi nella neve e imparare che la sopravvivenza a volte è questione di attimi.

7. Per capire che anche a meno 30 si sopravvive. Ma niente scollature. Qui ci si veste da astronauti del ghiaccio, pronti per un safari estremo, trainati dagli husky, dalle renne o con le pelli di foca. Calzamaglia di tecnopile, due paia di calze, pantaloni in tecnopile, maglia della salute di lana, maglietta in tessuto tecnico, maglione, scarponi da neve, sciarpa, tuta termica da motoslitta, cappello, guanti, sottocasco, casco. Con questa “cipolla” addosso ti sembra di aver lasciato il mondo di tutti i giorni alle spalle.

8. Per bere un thé bollente nella kota, la tenda finlandese, partecipare al rituale del battesimo lappone ed entrare nella leggenda dei Sámi, che vi accoglieranno nella capanna avvolta nella fredda taiga, la foresta boreale, per raccontarvi le storie degli sciamani, dei quattro venti e quelle magiche gesta tramandate nel tempo che evocano una ricca eredità culturale. Con la fuliggine di un tizzone di legno l’emissario dei Sami vi disegnerà le corna di renna in fronte e potrete così eliminare dal vostro scenario gli spiriti cattivi. Morale: rinascerete renna e diventerete poi brasato.

9. Perché Babbo Natale è uno che bisogna conoscere prima o poi nella vita. Ma se proprio non riuscite ad affrontare la trasferta artica, Santa Claus è un mito di ultima generazione che potrete seguire on line, collegandovi al sito Noradsanta. Mentre visitando il sito www.santaclauselive.com, avrete l’opportunità di dare, 24 ore su 24, una sbirciatina a come si svolge una giornata tipo del nonnino più famoso del mondo.

10. Per credere alle favole. Un viaggio meraviglioso, da fare certamente con i bimbi, ma utile anche agli adulti che vogliono riscoprire la magia dell’inaspettato, la poesia del Natale. E perché no, riaccendere il sorriso.

di Valeria Ventrella per Dailymood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − otto =

Mood Town

Un tocco “ghiacciato” alla vostra vacanza?

DailyMood.it

Published

on

5 destinazioni europee dove potrete vivere una vacanza “on the rocks” dormendo tra il ghiaccio

Gli esperti di Hotels.com® hanno selezionato degli spettacolari hotel, o strutture simili, tra igloo o location di/nel ghiaccio, in cui poter soggiornare in Europa.
Mettete in valigia maglioni pesanti e giacche termiche e preparatevi per una vacanza “on the rocks”.

Northern Lights Village, Finlandia

Northern Lights Village__Kelo-Glass_Igloo

Suite di ghiaccio e cabine di vetro, ecco l’offerta del lussuoso Northern Lights Village in Finlandia: un must to be per coloro che adorano paesaggi ghiacciati. Situato a Saariselka, questo hotel è un luogo magico da cui ammirare l’aurora boreale e le stelle cadenti. Ricordatevi la videocamera per catturare questo spettacolo.

Il Northern Lights Village è disponibile per prenotazione su Hotels.com a partire da €499 per camera a notte.*

Sorrisniva Igloo Hotel, Norvegia

Refrigeratevi al Sorrinsniva Igloo Hotel in Norvegia. Fatto con 250 tonnellate di ghiaccio e 7000 metri cubi di neve, questo albergo è il luogo perfetto per gli amanti dell’avventura Gli ospiti inoltre possono godere di entusiasmanti attività sulla neve come le corse in slitta con cani o safari sulle motoslitte.

Sorrinsniva Igloo Hotel è disponibile per prenotazione su Hotels.com from €442 per camera a notte. *

Blacksheep Village Igloo, Francia

Con vista sul Monte Bianco e situato in uno dei più grandi comprensori sciistici del mondo, il

Blacksheep Igloo Village Francia

Blacksheep Village dovrebbe essere su ogni lista degli appassionati della neve. Ogni igloo viene fornito completo di piumini speciali per mantenere gli ospiti caldi e coccolati durante le notti fredde. Quando non siete tra le piste, gustate un drink accanto al fuoco o concedetevi una fonduta.

Blacksheep Village è disponibile per prenotazione su Hotels.com a partire da €448 per camera a notte. *

Igloo Are, Svezia

Le famiglie in cerca di un’avventura sulla neve troveranno

l’Igloo Are in Svezia il loro paradiso. Cioccolata calda a bizzeffe, bagni termali e le stelle cadenti in abbondanza, sarà difficile non farsi incantare stando in questo hotel. L’albergo ospita anche due piscine all’aperto con acqua caldissima e una grande sauna.

Igloo Are è prenotabile su Hotels.com a partire da €302 per camera, a notte.*

 

Ice Hotel, Svezia

Questa location, immersa e costruita nella tundra ghiacciata, è il primo hotel di ghiaccio costruito al mondo e vanta 1000 tonnellate di ghiaccio e 30.000 tonnellate di mix neve/ghiaccio. L’Ice Hotel è aperto da dicembre a metà aprile offrendo molte opportunità per rilassarsi e godersi l’aurora boreale. Ogni anno l’hotel ha interni di ghiaccio differenti creati da vari artisti e designer del mondo. Tra la selezione di camere disponibili, sia calde sia fredde, spiccano le Art Suites, ognuna individualmente intagliata a mano e mantenuta tra -5 e -8°C.

Ice Hotel è prenotabile su Hotels.com a partire da €259 per camera, a notte.*
* I prezzi segnalati comprendono oneri e tasse per una camera doppia con due occupanti e sono stati rilevati il 30 ottobre 2018. Le camere sono soggette a disponibilità e i prezzi possono variare.

 

 

 

 

 

 

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Avventura nel circolo polare artico: aperte le iscrizioni al Fjällräven Polar

Published

on

Torna anche quest’anno Fjällräven Polar, l’evento di successo mondiale organizzato da Fjällräven e che ogni aprile porta una trentina di persone – provenienti da tutto il mondo – nelle regioni artiche scandinave per l’avventura della vita: guidare una muta di cani da slitta per 300 chilometri attraverso la tundra. I partecipanti non devono necessariamente avere esperienze precedenti, perché si tratta di un’opportunità che Fjällräven offre per dimostrare al mondo che, con la giusta attrezzatura e un supporto adeguati, chiunque può affrontare una spedizione invernale nella natura, anche in condizioni estreme.

Fjällräven Polar si rivolge infatti a persone “normali”, con lavori normali e senza particolari esperienze outdoor, a cui offre la possibilità di scoprire quanto può essere fantastica la vita all’aria aperta durante l’inverno. Durante tutto il percorso gli esperti Fjällräven sono sempre al fianco dei partecipanti per aiutarli a gestire situazioni di cui non hanno alcuna esperienza.
Durante il viaggio, ognuno sarà chiamato a guidare la propria slitta, prendersi cura dei propri cani, farsi da mangiare ed allestire il proprio accampamento.

Il punto di partenza sono le montagne innevate norvegesi che, lasciate alle proprie spalle, danno l’inizio all’avventura nell’inverno selvaggio.
Prima tappa Pältsa, con gli epici paesaggi innevati che attraverso una delle aree più estese d’Europa di gelo permanente. Il percorso prosegue poi su una delle antiche tratte commerciali Sami per approdare poi a Kattuvuoma, sul letto del Torneälven River, ricoperto da uno spesso strato di neve e ghiaccio. Si arriva in seguito a Sevujärvi, dove il panorama inizia a diventare più dolce e foreste rade iniziano a dominare la vista. Il traguardo è Väkkäräjärvi e alla fine del percorso, sauna e cibo caldo aspettano i partecipanti, per concludere in bellezza questo viaggio entusiasmante.

Lo scorso anno sono state caricate 4.573 richieste e il sito dedicato alle iscrizioni ha ricevuto quasi 3 milioni di visualizzazioni, mentre i candidati hanno raccolto un totale complessivo di circa 987.000 voti.
Il periodo di presentazione delle domande per l’edizione 2019 va dal 15 novembre al 13 dicembre 2018. Anche quest’anno tutti i paesi del mondo sono raccolti in 10 macroregioni, ciascuna delle quali ha a disposizione due posti, uno per chi ottiene il maggior numero di voti online e uno per chi verrà selezionato dalla giuria.
Per inviare la propria candidatura, gli aspiranti partecipanti devono registrarsi sul portale dedicato – https://polar.fjallraven.com/ – dove sono chiamati a caricare un video o delle foto che spieghino al meglio il perché dovrebbero essere scelti.

Ma come è nata questa straordinaria quanto adrenalinica avventura? Tutto ha avuto inizio nei primi anni ’90 quando il fondatore di Fjällräven – Åke Nordin – incontrò Kenth Fjellborg, uno dei più conosciuti sleddog drivers in Sveza, in occasione della più importante competizione di sleddog: la leggendaria Iditarod Race in Alaska. Åke, infatti, rimase talmente colpito dalla gara e dai suoi partecipanti che pensò di creare qualcosa di simile in Svezia.
Nel 1997 venne quindi lanciata la prima edizione di Fjällräven Polar e per circa una decade proseguì con il format di una gara, seguendo l’esempio dell’Iditarod Race. Ma è nel 2012 che, dopo circa sei anni di perfezionamento delle modalità di partecipazione, degli aspetti logistici e tecnici, il Polar ha assunto le sue forme attuali: non una gara, non un modo per mettere alla prova le capacità di esperti in sleddog, ma un evento per persone comuni. All’inizio sembrò un’idea folle portare una trentina di persone senza alcuna abilità ed esperienza nella natura selvaggia in uno degli ambienti più difficili del mondo, la tundra artica. Ma Fjällräven ha sempre creduto che con il giusto supporto, equipaggiamento e mentalità, questa sarebbe potuta diventare per chiunque l’avventura dei propri sogni.

E ha avuto ragione. L’evento ha avuto sempre più successo, in particolare grazie allo spirito dei suoi primi partecipanti che hanno dimostrato come con coraggio, consigli, la guida degli esperti e un equipaggiamento di altissima qualità sviluppato per resistere alle temperature più rigide, chiunque può accettare la sfida del Fjällräven Polar.
Nel corso degli anni, i partecipanti si sono trovati ad affrontare di tutto: dalle bufere di neve ai -30°C di temperatura, fino ai meravigliosi e soleggiati paesaggi ricoperti da una coltre scricchiolante di neve bianca. Per alcuni partecipanti si tratta di un modo per ricongiungersi con la natura, per altri di un’occasione per testare i propri limiti.
Ve la sentite di provare?

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

La magia del Natale in Lussemburgo: un tuffo tra i tanti Christmas Markets a tema e un Villaggio di Natale Medievale

DailyMood.it

Published

on

Lo spirito del Natale sta per arrivare in Lussemburgo: nella Capitale, e non solo, tutti gli amanti di questa festività potranno trovare il modo perfetto per trascorrere le feste! Ogni angolo del Paese proporrà infatti i caratteristici Christmas Markets, per un’esperienza di shopping natalizio unica e coinvolgente.

Lussemburgo, 22 novembre-24 dicembre
Ogni anno, i tradizionali mercatini di Natale trasformano la città di Lussemburgo in un grande villaggio di Natale. Impossibile non rimanere colpiti dalla suggestiva atmosfera festiva che caratterizza la città in questo periodo dell’anno: luci natalizie illuminano le strade e addobbi di ogni tipo vivacizzano le case, la musica festosa fa da sottofondo alla ruota panoramica, le giostre e gli spettacoli portano allegria in ogni piazza. Infine, i tradizionali mercatini con i loro chalet di legno offrono qualsiasi genere di prodotti: artigianato, vestiti, scarpe, borse e accessori, ma anche delizie da mangiare e bevande tipiche come il Glühwäin (vino caldo) e cibi tipici come il Grillinger, il Mettwurscht (salsicce lussemburghesi) o le Gromperekichelcher (frittelle di patate).

Sparsi per la città si troveranno diverse tipologie di mercatini, ognuno con un tema diverso: quello “cosmopolita” a Place de la Constitution: gli chalet in legno offrono specialità culinarie e artigianato provenienti da tutto il mondo, rendendolo il luogo perfetto per scoprire le tradizioni natalizie anche degli altri Paesi; quello “tradizionale” a Place d’Armes, caratterizzato da un’atmosfera natalizia tipicamente lussemburghese, con stand che offrono artigianato locale e cucina tipica tradizionale; quello “artigianale” a Place de Paris è il classico mercatino dell’Avvento dove, oltre a bevande calde e cibo, si può trovare una selezione di oggetti artigianali e decorazioni natalizie; il mercatino “gastronomico” nella zona del Grund, dedicato agli amanti del cibo e ricco di prodotti locali e regionali come sanguinaccio, lumache, patate al forno ripiene, foie gras, panini a base di Angus e specialità di formaggi grigliati; infine, i mercatini di “Roude Pëtz” nella Grand-Rue, dove associazioni di beneficenza locali vendono i loro prodotti per raccogliere fondi, un ottimo modo per celebrare il vero spirito del Natale.

Dopo una lunga passeggiata e tanto shopping natalizio non c’è niente di meglio di un po’ di relax nei tanti caffè, pasticcerie e shop gastronomici che si trovano lungo le vie del centro della città e dove si possono gustare prodotti di alta qualità. Da non perdere, per i più dinamici, anche la pista di pattinaggio sul ghiaccio, proprio al centro della città.

Dudelange (Regione delle Red Rock), 7-12 dicembre
Per chi è alla ricerca di qualcosa di diverso dal solito da non perdere sono i mercatini di Natale Medievale del pittoresco villaggio di Dudelange, a sud del Paese. Accanto al classico Mercatino di Natale con i tipici chalet che vendono ogni tipo di prodotto e dove si
possono acquistare i regali natalizi, ci saranno anche concerti quotidiani sul palcoscenico e animazione nel borgo, il tutto a tema medievale! Un’esperienza che porta turisti e visitatori indietro nel tempo, fino all’epoca medievale, per vivere questo Paese in maniera originale e divertente insieme a tutta la famiglia.

Echternach (Regione Müllerthal), 14-16 dicembre
Il mercatino di Natale di Echternach è uno dei più antichi mercatini di Natale in Lussemburgo. Questo famoso mercatino di Natale conta più di 80 espositori e artigiani locali e permette ai visitatori di fare una passeggiata attraverso le vie di questa caratteristica cittadina medievale.

Tutti gli amanti del Natale e dei mercatini possono volare in Lussemburgo facilmente grazie a Luxair, compagnia aerea di bandiera che opera tutto l’anno con voli da Milano, Roma e Venezia.
Un’ottima occasione per approfittare dei comodi voli e trascorrere le festività natalizie in Lussemburgo!

Per maggiori informazioni: www.luxair.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending