Connect with us

Style & Luxury

Una linea prodotto dedicata ad una giovane clientela

Published

on

FARAONE GIOIELLI, TESORI SENZA TEMPO INCARNANO IL SAVOIR-FAIRE DI SECOLI DI STORIA

Marchio italiano di alta gioielleria, Faraone, fondato nel 1860, fu l’artefice del successo di Tiffany&Co. Con quest’ultima, allora poco conosciuta in Europa, nel 1989 Faraone siglò un accordo, determinandone l’espansione nell’area e che durò fino al 2001 quando i due marchi intrapresero percorsi differenti. Estimatori del brand Faraone furono e tuttora sono membri di nobili famiglie come la Regina Margherita di Savoia, e la Famiglia Reale Monegasca, recentemente Charlotte Casiraghi, e star internazionali della lirica e del cinema come Maria Callas, Anna Magnani, Ava Gardner, Ingrid Bergman. Il marchio ebbe un rilancio nel 2012, con un nuovo spazio ed una nuova filosofia di prodotto, introdotta dal giovane e talentuoso CEO Vittoria Bianchi.

Oggi la Maison presenta una nuova collezione di gioielleria prêt-à-porter, “Via Montenapoleone”che include le le linee “Sfera”,“Campanelle”e “F di Faraone”. Una linea di prodotto, sostituente la precedente collezione “I Composable”, creata per una clientela giovane o per coloro che semplicemente si appassionano di una icona. Una linea più “rilassata” e leggera in termini di peso, strutture e materiali ma comunque rifinita con gli standard più elevati. La più tradizionale linea di alta gioielleria vanta veri e propri lavori di arte da indossare, i pezzi della collezione “One of a Kind”sono unici e tesori senza tempo che incarnano il savoir-faire di secoli di storia. La prestigiosa casa d’aste Christie’s ha battuto all’asta pezzi di questa collezione di fronte alla più esclusiva clientela. La stessa che frequenta solitamente lo showroom di Milano, in via Montenapoleone al 9, o il corner permanente presso il Baglioni hotel di Londra, senza menzionare le due vetrine presso il Baglioni Milano.

FARAONE DIFFONDE GIOIA CON LA NUOVA COLLEZIONE DI CHARM A FORMA DI CAMPANA, LA LINEA CAMPANELLE.
Ogni volta che una campanella suona si dice che un angelo ha appena ottenuto le sue ali. Il dolce tintinnio di una campana è sempre stato associato in ogni cultura con qualcosa di positivo, creando un suono gioioso. Oggi Faraone, maison di alta gioielleria fondata nel 1860, punta a diffondere gioia introducendo la “ Linea Campanelle”, una nuova collezione di charm a forma di campana declinata anche in orecchini e pendenti. Disponibili in tre misure differenti, da 0.8 a 1,4 cm di altezza, questi gioielli, in oro bianco e rosa, sono parte della nuova collezione prêt-à-porter “Via Montenapoleone”. Il rinomato logo composto dal doppio ovale Faraone è riprodotto su tutti i singoli petali che compongono la campana a forma di tulipano. Il gancio della campana può essere abbellito con diamanti bianchi e marroni rispettivamente nelle versioni in oro bianco e rosa. Piccoli capolavori di oreficeria, che emettono anche ad ogni movimento un piacevole suono, possono essere indossati e collezionati aumentando, con le loro varie combinazioni, lo stile e il mood quotidiano di ogni donna.

FARAONE PRESENTA LA LINEA DI ALTA GIOIELLERIA“SFERE DIFARAONE”.
La maison di alta gioielleria Faraone, le cui prime tracce risalgono al 1860, conosce perfettamente il significato d’innovazione e presenta sempre nuove idee e design senza dimenticare le più tradizionali tecniche di manifattura. Ispirata dall’intrigante e misterioso concetto della “Sfera”, Faraone decide di esplorarlo in una nuova linea di gioielli. La maison presenta quindi le “Sfere di Faraone”, parte di una collezione prèt-à-porter più ampia, la “Via Montenapoleone”. Dotata di forte e marcata identità, con l’iconico doppio ovale riprodotto in quasi ogni dettaglio, la linea è caratterizzata da una piccola gabbia sferica, uno scrigno in oro bianco o rosa, che protegge una gemma in pietra dura o una perla. Il gioiello altamente versatile, offre l’opportunità a chi lo indossa di un’apertura agevole della gabbia in modo da cambiare la gemma rotonda al suo interno e di conseguenza avere un oggetto diverso ogni giorno. Insieme al gioiello, una selezione di quattro pietre rotonde di diversi colori (pasta di corallo e di turchese, onice sabbiata e bianco kogolong) verrà offerta alla clientela in un comodo kit. Altamente individuali e personalizzabili, questi gioielli, caratterizzati dalla forma sferica, sono declinati in pendenti, orecchini e anelli in tre dimensioni differenti che vanno da 0,47 a 1,8 cm di diametro. Da ultimo e non meno importante queste sfere, rotanti come pianeti, possono anche risplendere con pavé completi o a pioggia di diamanti bianchi o brown.

Per Info: http://www.faraonegioielli.com

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Fashion News

L’iniziativa Second Life si aggiunge al programma di impegno sostenibile di Pronovias Group attraverso un progetto di circolarità e trasformazione dell’abito da sposa.

Published

on

PRONOVIAS GROUP, leader mondiale nel bridal luxury, svela “Second Life”: un programma inedito di moda circolare e nuova sostenibilità nel mercato della moda sposa a livello internazionale. Grazie a questo progetto innovativo le ragazze potranno vedere trasformato il loro abito da sposa in un capo che potrà essere indossato più di una volta. Le trasformazioni dell’abito sono state ridisegnate da Alessandra Rinaudo, Chief Creative Director di Pronovias.
Con il progetto Second Life l’abito da sposa sarà trasformato dopo il matrimonio e potrà essere indossato in altre occasioni speciali dopo il grande “sì”.
Le spose che sceglieranno un abito Second Life presso i flagship store di Pronovias e Nicole Milano in Italia, potranno riportare l’abito in atelier dopo il matrimonio e chiederne la trasformazione sartoriale gratuitamente: l’abito da sposa prenderà una seconda vita e potrà essere indossato in altre numerose occasioni.

Il progetto pilota “Second Life” consiste in una selezione di 70 abiti da sposa, ognuno con una specifica proposta di trasformazione ridisegnata da Alessandra Rinaudo Chief Creative Director di Pronovias e Nicole Cavallo, Creative Director di Nicole Milano.

Il progetto “Second Life” è un’iniziativa che si aggiunge ai numerosi programmi di Pronovias Group per sostenere un’industria fashion sempre più sostenibile e circolare.
Secondo un recente studio, durante il periodo della pandemia l’interesse nei confronti della sostenibilità è notevolmente aumentato, e il 65% degli intervistati ha intenzione di acquistare capi di moda più duraturi per ridurre il proprio impatto ambientale (1). E rispetto a questo il mercato globale della moda etica dovrebbe crescere ad un CAGR del 9,7%, raggiungendo più di 15 miliardi di dollari entro il 2030 (2)
Amandine Ohayon, CEO di Pronovias Group, commenta “La moda sposa non è propriamente nota per la circolarità del suo prodotto. Per questo il progetto Second Life rappresenta una vera e propria innovazione nel mercato e speriamo che questo possa spronare tutto il settore verso migliori standard di sostenibilità. Questa trasformazione del mercato é vitale per futuro della nostra industria e per l’eredità che vogliamo lasciare“.
“Questo è un progetto davvero importante a cui tengo molto perché dà una seconda possibilità all’abito da sposa che tradizionalmente è indossato una sola volta”,spiega Alessandra Rinaudo, Chief Creative Director di Pronovias Group: “Vedere un abito che abbiamo realizzato con passione entrare a far parte del guardaroba quotidiano di una donna mi rende molto felice ed è la concretizzazione del nostro impegno a sostegno di una moda sempre più sostenibile e consapevole.” 

“Second Life” si aggiunge ad altre iniziative sostenute da Pronovias Group per promuovere e diffondere standard sempre più sostenibili per l’industria del bridal.

  • #WeDoEco: Ogni brand del Gruppo propone una scelta di abiti #WeDoEco: realizzati con tessuti e materiali ecologici al 100% e in alcuni casi prodotti localmente, riducendo notevolmente le emissioni di carbonio. Le nuove collezioni 2022 hanno aumentato le proposte di abiti sostenibili e l’azienda si impegna ad incrementare sempre di più la proposta #WeDoEco in ogni nuova collezione.
  • Pronovias Group fa parte del Programma Global Compact delle Nazioni Unite, unendosi a rinomati Gruppi del lusso come LVMH e Kering. Pronovas Group è orgogliosa di far parte di un movimento per creare un mondo migliore, tenendo il proprio business responsabile in termini di diritti umani, lavoro, impatto sociale, ambiente e pratiche anticorruzione. Seguendo i principi del Global Compact delle Nazioni Unite, l’azienda intraprenderà azioni strategiche per contribuire a promuovere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.
  • Pronovias Group stringe la partnership con RECOVO: una piattaforma che promuove il riciclo del tessuto in eccedenza per ridurre l’impatto ambientale dei rifiuti tessili, convertendoli in materie prime per altre Aziende.  Secondo i dati forniti da RECOVO, durante il 2021, Pronovias Group ha contribuito a risparmiare 2070 kg di CO2 e a coprire 606.916L di H2O.
  • Attraverso l’iniziativa #MyDressxHerFuture Pronovias Group sostiene Brides do Good in Europa e Brides for a Cause negli Stati Uniti, due organizzazioni non-profit che sostengono donne in situazioni di difficoltà attraverso programmi di sostegno sociale. Con #MyDressxHerFuture la sposa può donare il suo abito da sposa che verrà rivenduto dalle Associazioni a supporto dei progetti di sostegno.  L’anno scorso in Europa, i fondi raccolti dalla vendita degli abiti donati dalle spose e dal marchio da Brides Do Good sono stati investiti nel programma Safe Schools for Refugees in Etiopia. Secondo Plan International, che gestisce il progetto, si stima che più di 6.800 bambini siano stati sostenuti dalla campagna.

Pronovias e Nicole Milano presentano “SECOND LIFE”, una selezione di abiti da sposa ridisegnati da Alessandra Rinaudo e Nicole Cavallo.

Un progetto speciale di moda circolare per trasformare l’abito da sposa e indossarlo anche dopo il matrimonio, per un “sì” sempre più green

Pronovias e Nicole Milano svelano “Second Life”: un progetto inedito di moda circolare e nuova sostenibilità nel mercato della moda sposa a livello internazionale, portando avanti l’impegno del Gruppo Pronovias (leader nel settore del luxury bridal) per una moda sempre più sostenibile nel giorno del matrimonio. Questa iniziativa rappresenta un grande passo in avanti e permette alle spose, per la prima volta, di acquistare un abito che potrà essere indossato più di una volta.
Con il progetto Second Life l’abito da sposa sarà trasformato dopo il matrimonio e potrà essere indossato in altre occasioni speciali dopo il grande “sì”.

Le spose che sceglieranno un abito Second Life presso i flagship store di Pronovias e Nicole Milano in Italia, potranno riportare l’abito in atelier dopo il matrimonio e chiederne la trasformazione sartoriale gratuitamente: l’abito da sposa prenderà una seconda vita e potrà essere indossato in altre numerose occasioni come l’anniversario o una festa speciale. I look trasformati sono ispirati a quattro stili diversi: romantico, country-boho, elegante e party.

Il progetto pilota “Second Life” consiste in una selezione di 70 abiti da sposa, ognuno con una specifica proposta di trasformazione ridisegnata da Alessandra Rinaudo Chief Creative Director di Pronovias e Nicole Cavallo, Creative Director di Nicole Milano. E il numero degli abiti “Second Life” è destinato a crescere in ogni nuova collezione che lanceranno i due brand.
Questo è un progetto davvero innovativo a cui tengo molto perché dà una seconda possibilità all’abito da sposa che tradizionalmente è indossato una sola volta”, spiega Alessandra Rinaudo: “Vedere un abito che abbiamo realizzato con passione entrare a far parte del guardaroba quotidiano di una donna mi rende molto felice ed è la concretizzazione del nostro impegno a sostegno di una moda sempre più sostenibile e consapevole.” 

Penso che il progetto Second Life rappresenti una novità assoluta che combina al meglio i desideri delle spose di oggi: essere alla moda e farlo in un modo sempre più sostenibile. Sono davvero entusiasta di poter offrire alle ragazze questa opportunità di scelta” commenta Nicole Cavallo.

Il progetto è sostenuto da sette influencers di fama internazionale che sui loro profili suggeriscono i migliori abbinamenti per un total look dopo la trasformazione dell’abito: Arianna Cirrincione e Cristina Musacchio in Italia, Iera González in Spagna, Julia Mateian e Alexandra Zimny in Francia, Julia Friedman in USA e Iga Wysocka nel Regno Unito.

Il progetto Second Life si aggiunge alle numerose iniziative promosse da Pronovias Group per migliorare gli standard sostenibili nell’industria della moda sposa:

  • #WeDoEco: Ogni brand del Gruppo propone una scelta di abiti #WeDoEco: realizzati con tessuti e materiali ecologici al 100% e in alcuni casi prodotti localmente, riducendo notevolmente le emissioni di carbonio. Le nuove collezioni 2022 hanno aumentato le proposte di abiti sostenibili e l’azienda si impegna ad incrementare sempre di più la proposta #WeDoEco in ogni nuova collezione
  • #MyDressxHerFuture Pronovias Group sostiene Brides do Good in Europa e Brides for a Cause negli Stati Uniti, due organizzazioni non-profit che sostengono donne in situazioni di difficoltà attraverso programmi di sostegno sociale. Con #MyDressxHerFuture la sposa può donare il suo abito da sposa che verrà rivenduto dalle Associazioni a supporto dei progetti di sostegno.  L’anno scorso in Europa, i fondi raccolti dalla vendita degli abiti donati dalle spose e dal marchio da Brides Do Good sono stati investiti nel programma Safe Schools for Refugees in Etiopia. Secondo Plan International, che gestisce il progetto, si stima che più di 6.800 bambini siano stati sostenuti dalla campagna
  • Partnership con RECOVO: una piattaforma che promuove il riciclo del tessuto in eccedenza per ridurre l’impatto ambientale dei rifiuti tessili, convertendoli in materie prime per altre Aziende.  Secondo i dati forniti da RECOVO, durante il 2021, Pronovias Group ha contribuito a risparmiare 2070 kg di CO2 e a coprire 606.916L di H2O
  • Pronovias Group fa parte del Programma Global Compact delle Nazioni Unite, unendosi a rinomati Gruppi del lusso come LVMH e Kering. Pronovas Group è orgogliosa di far parte di un movimento per creare un mondo migliore, tenendo il proprio business responsabile in termini di diritti umani, lavoro, impatto sociale, ambiente e pratiche anticorruzione. Seguendo i principi del Global Compact delle Nazioni Unite, l’azienda intraprenderà azioni strategiche per contribuire a promuovere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

ABOUT THE “SECOND LIFE” PROJECT:
https://www.pronovias.com/it/second-life
https://www.nicolemilano.com/it/second-life

#PronoviasSecondLife #NicoleSecondLife

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Campagne Pubblicitarie

Alexander McQUEEN ADV Campaign Spring Summer 2022

Published

on

Alexander McQueen is pleased to announce its Spring/Summer 2022 womenswear campaign starring Awar Odhiang, Lucia Fairfull, Celina Ralph, Sora Choi, Anok Yai, Arta Gee, Lara Stone, Eny Jaki, Wali Deutsch, Jill Kortleve, Cassie Wong, Fran Summers, Achenrin Madit, Florence Nicholls, Guinevere Van Seenus, Modupe Oluwalade and Jennifer Ball.
Photography by Steven Meisel.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Campagne Pubblicitarie

Missoni Campagna ADV PE22

Published

on

La campagna adv PE22 di Missoni canalizza l’energia cinetica della stagione attraverso interpretazioni contemporanee ed esuberanze prismatiche, articolando una realtà fresca e lungimirante. Raggiante di positività e di vibranti sfumature ed emozioni, la campagna di questa stagione racchiude la spensierata joie de vivre che può venire solo dal vivere la vita a colori.

La fotografa londinese Marili Andre infonde a ogni immagine uno splendore dinamico ed evocativo, catturando sia l’atmosfera elettrizzata che la sensuale spontaneità incarnate dal cast protagonista di questa stagione: Georgia May Jagger, Louise DeChevigny e Clement Chabernaud. Tra lo splendore di un frenetico paesaggio di luciin movimento, i modelli appaiono come se brillassero di luce propria, ed un’aura di innocente romanticismo emerge mentre l’amore rimane immutato e si oppone al passare del tempo.

La coloratissima collezione di abiti da giorno e da sera di questa stagione risuona in un ambiente urbano luminoso e animato. Inedite rielaborazioni della maglieria in lurex, insieme agli iconici motivi a zigzag e all’uso magistrale del colore di Missoni, sono il punto focale che si staglia su uno sfondo di sfaccettature convergenti. Un energico e palpabile senso del movimento e dell’espressione prende forma man mano che gli impulsi vengono amplificati e i ritmi accelerati.

La campagna adv Missoni PE22 coglie le tonalità pulsanti, l’entusiasmo spensierato e l’ottimismo sfrenato di quei momenti singolari che si muovono al proprio ritmo incandescente. Questo è vivere la vita a colori. Questo è Missoni.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending