Connect with us

Style & Luxury

Alta gioielleria: nuove creazioni in legno d’acacia maculato, il materiale portafortuna caro alla prestigiosa Maison e riscoperto come un autentico tesoro

DailyMood.it

Published

on

04 novembre 2012

Raro, naturale e prezioso, il bois d’amourette (legno d’acacia maculato) decora le creazioni di Van Cleef & Arpels dall’inizio del XX secolo. Apprezzato per il suo rivestimento maculato, dai riflessi rossi, veicola elegantemente uno dei simboli di buona sorte a cui la Maison è molto legata. “Tocchiamo legno”, consigliano le pubblicità Van Cleef & Arpels fin dal 1910.

Oggi la Maison esalta questo materiale portafortuna grazie ad una felice scoperta. Infatti, negli anfratti del 22 di Place Vendôme, indirizzo storico del celebre gioielliere parigino, riposava un tesoro insospettato: tavole di bois d’amourette acquistate più di venticinque anni fa dal nipote di Estelle Arpels, Jacques Arpels.

Da sempre sensibile alle numerose manifestazioni del destino, la Maison decide di offrire una nuova vita a queste tavole preziose attraverso un’edizione limitata d’eccezione.

Cinque modelli Alhambra Vintage numerati e creati per l’occasione: sautoir, collier, orecchini, bracciali e un pendente impreziosito da un diamante al centro. L’oro rosa e il bois d’amourette si dividono la scena, andando ad impreziosire insieme i noti motivi trilobati simbolo di fortuna, salute, amore e felicità.

                                Info: www.vancleefarpels.com

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Collezioni Donna

Genny Fall/Winter 2020 – 2021

DailyMood.it

Published

on

Un sogno verso mondi e civiltà lontane: Genny firma il viaggio nella più moderna eleganza.

Per l’autunno-inverno 2020/21, il Direttore Creativo Sara Cavazza Facchini inizia con il ricordo dell’Orient-Express, ancora oggi un viaggio leggendario in cui ognuno può però immedesimarsi. Queste carrozze, dai tessuti sontuosi ma moderni, dall’eleganza di modi oltre che di pose, erano fin dai tempi di Agatha Christie un lusso personale, per pochi seppure ambito da molti. Un’esperienza da vivere anche oggi, senza pensare ai drammi delle pellicole di Sidney Lumet o Kenneth Branagh, lasciandosi piuttosto trasportare da feste e momenti indimenticabili, compagnie e affetti con cui celebrare attimi speciali.

Le mete di oggi sono ancora Istanbul, Londra o Parigi ma in questa collezione ci portano in tempi e dimensioni immaginari. Come lo scrittore Paul Theroux che ama i viaggi in treno, Sara Cavazza Facchini arriva fino all’Oriente più estremo ed esplora con stile evocativo ma preciso esotismi tessili per raccontare una bellezza che è fusione di realtà e ricerca.

Tutte le giacche da business woman sono ricostruite sartorialmente per lasciare un’allure femminile ma anche per stupire con dettagli couture. Che indossi spille Art Déco come chiusure, si adorni di bottoni in stile Suzanne Belperron o sfoggi luccicanti collane-passamaneria con speciali Swarovski, la donna Genny non è prigioniera del suo ruolo di seduttrice ma alterna gusti e abbinamenti da diva e da business woman.

Ha come capo prediletto il jump suit, un’elegante tuta perfetta per chi vuole esaltare la propria silhouette di giorno come di sera. Anche la cravatta diventa quasi un pendente in seta ricamato da ramages floreali in bianco e nero. I Principe di Galles, i gessati e gli spigati si ingentiliscono con borse manicotto e le sete hanno motivi di fiori e germogli giapponesi. I preziosi jacquard riprendono scene mitologiche dell’Asia imperiale e altri ancora in trame metalliche delineano petali e segni grafici sui nuovi cappotti kimono. Le cinture obi diventano fiocchi, incroci e nodi per rendere originale ogni look. Al pari dei guanti lunghi al gomito ma ampi, calati e scenografici.

Fra il candore del bianco ghiaccio, il verde giada o il rosa quarzo, non mancano i beige e sabbia oltre agli abiti in lamé bordeaux o grafite e oro. Un occhio di riguardo va ai tessuti come alle lane sostenibili (create con Tencel e jojoba), riciclate e anche naturali. La seta è di tipo Gots ovvero Global Organic Textile Standard, biologica e certificata. Anche il denim usato ha una tintura che riduce gli sprechi d’acqua e non danneggia l’ambiente. Infine, l’uso di alcantara dona un effetto daino eco-friendly visto le qualità intrinseche della materia.

Un viaggio che dimentica le solite rotaie del vestire per tracciare nuove traiettorie di garbata femminilità, donanti proporzioni e soffusi esotismi. Con il pensiero ultimo di speranza e fortuna dato dai biscotti beneauguranti asiatici, dedicati agli ospiti della sfilata e a tutta la popolazione cinese.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Gli anfibi di Cult per… combattere Halloween!

DailyMood.it

Published

on

Per…combattere i fantasmi di Halloween con stile c’è una sola regola, indossare lo Zeppelin di Cult!

Più che un anfibio, è una dichiarazione di intenti che porta in primo piano il carattere di una donna forte e guerriera che non ha paura di osare, anche e soprattutto nella festa più paurosa dell’anno.

Bando ai ripensamenti e ai piedi il modello, letteralmente, culto del brand proposto nella stagione invernale con accenti che, senza prescindere dall’heritage, rileggono le nuove tendenze in maniera assolutamente unica.

Volumi importanti e, al contempo, leggeri; lacci e attitudine underground dialogano con la silhouette classica e la suola a carrarmato, insieme all’immancabile guardolo a zip che contraddistingue la suola, evolvendosi in maniera equilibrata tra accenti rock e carattere estremamente femminile.

Gli anfibi di Cult sono ribelli, ma non troppo perché la tendenza li vuole a contrasto con il resto del look; e se per la notte di Halloween saranno perfetti con un outfit più aggressivo, per il resto dell’inverno diventeranno complici di un mood sofisticato e contemporaneo, trasgressivo ma solo quanto basta.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

Autumn-Winter 2020 Collection #D25

DailyMood.it

Published

on

The low slung, skinny and hiked high silhouettes mixed with the sexiness and attitude of Dsquared2 25 years ago are redefined for 2020 to give new spirit to the brand Dean and Dan Caten founded.

lconic pieces from the archive are redesigned by playing with proportions, super tight and shrunken or oversize, with a tactile washed look and feel in warm, earthy tones. Every look appears as if individually treated with a lived-in soul. The pieces Dsquared2 made its own remain pure to the brand’s roots, with added contemporary finish; a Montgomery coat is cropped high, a mini bustier dress in soft, pale baby blue mohair, and the underwear V-front jeans twisted and wrinkled on the legs over hidden 10cm high platform heeled men’s square-toe biker boots. Masculinity is blurred with femininity through the slightly exposed midriffs, cropped shirt sleeves, and jewelry that dangles with colored crystal rock pendants or leather feathers.

Cardigan coats, vests, in ribbed silk, fuzzy mohair and cashmere are layered one over the other in sensual styling, and the check shirt-a staple of the Dsquared2 wardrobe-in linen for winter has a worn-in finish. Thenatural shades of the line-up connect to nature outdoors, a piace where Dsquared2 designed its fashion to play in for a quarter of a century. Canadian country wilderness is seen in lumberjack checked coats and pants fringed on their sides. Mountain blanket red stripes are in bandeau style miniskirts and a poncho. Shearling coats are draped long around denim and Western boots. Hammered metal medallions and suede fringing embellish half-moon shaped bags with large buckles or metal ring handles.

Pumped up long parkas are worn over a men’s look that appears from anime, contrasting in cartoon-like sizes over clinging rubber high neck, long sleeve tops, wrinkled leather pants and mini cropped knitted vests. Women’s waist grazing raw cut jackets have collars decked with a flourish of eco fur, super low waist leather shorts. Oversized hanging military style pockets are built onto the classic Dsquared2 cotton canvas pant. Jeans, Dsquared2 DNA, are presented long, bleached on the thighs and wrinkled on the calf; or as a pair with two waists, one dropped to the hip, button fly open to reveal the front zip and button of another, looped in a leather belt with oversized gem stone buckle.

The collection reveals its heart in the phrase ‘love is•••‘, taken from a comic strip by cartoonist Kim Casali which was inspired by a series of love notes she drew for her future husband. A cherished motif from their childhood, Dean and Dan put the short statement in its curled lettering in jacquard knits, with a view that two simple words capture the sentiment the world needs right now.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending