Sergio Castellito alla regia del film Fortunata, al cinema dal 20 maggio.

0

Fortunata è un aggettivo qualificativo femminile singolare. Ma è anche il nome di una donna. E soprattutto un destino. E non è detto che quel destino uno se lo meriti. Ci sono uomini in questa storia che non sono d’accordo sulla felicità di Fortunata. Vedremo…” Ha affermato Sergio Castellitto, regista in merito al film.

Fortunata ha una vita affannata, una bambina di otto anni e un matrimonio fallito alle spalle. 
Fa la parrucchiera a domicilio, parte dalla periferia dove abita, attraversa la città, entra nelle case benestanti e colora i capelli delle donne. Fortunata combatte quotidianamente con determinazione per conquistare il proprio sogno: aprire un negozio di parrucchiera sfidando il suo destino, nel tentativo di emanciparsi e conquistare la sua indipendenza e il diritto alla felicità. Fortunata sa che per arrivare fino in fondo ai propri sogni bisogna essere fermi: ha pensato a tutto, è pronta a tutto, ma non ha considerato la variabile dell’amore, l’unica forza sovvertitrice capace di far perdere ogni certezza.
Anche perché, forse per la prima volta, qualcuno la guarda per la donna che è e la ama veramente.

La drammaturgia di questa storia, scritta da Margaret Mazzantini, è suggerita direttamente dai personaggi. È Fortunata stessa, la sua natura primordiale e sconnessa ad indicare la composizione della storia. I fatti, i colpi di scena, sono frutto naturale e inevitabile del comportamento di lei. Perché la vita materiale di questa donna ne nasconde un’altra, fatta di psiche, sogni rimossi, un disegno misterioso che si comporrà. Fortunata non ricorda i suoi sogni, ma sono quei sogni che cambieranno la sua realtà. E naturalmente l’amore. L’amore è una forza rivoluzionaria, l’unica che ci trascina sempre lontano dai nostri obiettivi prestabiliti. Per amore, questa donna imperfetta, impulsiva, affamata, bisognosa, perderà tutte le sue certezze, cambierà ma approderà a un’altra idea di se stessa.
Ogni personaggio di questa storia, Chicano, Patrizio, Franco, Lotte … è portatore di un destino, personalissimo eppure, credo, riconoscibile da tutti. E certamente umanissimo.
Racconteranno loro questa favola di periferia.

Le musiche originali del film sono firmate da Arturo Annecchino .

Mentre la Colonna Sonora è composta dai seguenti brani:

– SINFONIA N° 9 “CORALE” – INNO ALLA GIOIA
Chengdu Children Palace Choir (Ludwig Van Beethoven)

FRIDAY I’M IN LOVE
The Cure
(Smith / Gallup / Thompson / Williams/ Bamonte)

– LOVE THEME FROM PHAEDRA (AGAPIMOU FROM PHAEDRA)
Mikis Theodorakis, Melina Mercouri (M.Theodorakis)

– L’AMORE E’ UNA COSA SEMPLICE
Edoardo Pesce (T.Ferro)

– OGNI VOLTA
Noyz Narcos
(D. Mungai / E. Frasca)

– LET’S TWIST AGAIN
Chubby Checker
(Kal Mann / David Appell)

– YOU ARE MY SISTER
Antony and the Johnsons (Antony Hegarty)

– HAVE YOU EVER SEEN THE RAIN?
Creedence Clearwater Revival (John Cameron Fogerty )

– VIVERE
Vasco Rossi (V.Rossi – T.Ferro – M.Riva)

Share.

About Author

DailyMood.it

Leave A Reply

diciotto − 6 =