Connect with us

Mood Town

Abu Dhabi: le 10 migliori spiagge per rilassarsi al sole tutto l’anno

Published

on

Voglia di scappare dal gelido inverno e crogiolarsi al sole di fronte ad acque cristalline? Abu Dhabi è la destinazione perfetta, con spiagge incontaminate su misura per ogni tipo di viaggiatore.

Da una rilassante distesa di soffice sabbia bianca vicino alla città a una fuga in famiglia su un’isola remota che ospita 17.000 animali in libertà, passando per una vacanza di lusso su una verdeggiante isola privata con altalene che ondeggiano sul mare.

Qualunque spiaggia preferiate, troverete senza dubbio quella giusta per voi per sfuggire al ritmo frenetico della quotidianità e rilassarvi al sole di Abu Dhabi prima di tuffarvi nelle scintillanti acque turchesi del Golfo Arabico.

  1. Saadiyat Beach

Con le sue incontaminate spiagge bianche che si estendono lungo la costa, Saadiyat Beach è senza dubbio una delle spiagge più spettacolari di tutti gli EAU. E se non disdegnate anche la sostenibilità, questa è la scelta giusta per voi! Le autorità locali qui si occupano della conservazione dell’ambiente naturale e impongono restrizioni ai progetti di sviluppo in cantiere. L’accesso alla spiaggia avviene tramite una passerella in legno sopraelevata e, anche per questo, l’area è ricca di specie selvatiche. Tra queste, le tartarughe Hawksbill, oggi in pericolo di estinzione, che nidificano proprio sulla spiaggia.

Numerose anche le attività disponibili a Saadiyat Beach, dalle lezioni di yoga sulla spiaggia agli sport acquatici eco-sostenibili, come il windsurf e la vela.

  1. Saadiyat Beach Club

Il lusso si fonde con la semplicità nel Saadiyat Beach Club, un luogo dove trascorrere l’intera giornata oppure soltanto qualche ora per ammirare uno splendido tramonto o gustare un pasto delizioso.

Distesi dal vostro lettino, lasciatevi stupire dalla bellezza mozzafiato di una spiaggia di 9 km certificata Bandiera Blu. Poi fate un tuffo rigenerante nella piscina esterna da 650 metri quadrati, circondati da meravigliose cabane private che sembrano galleggiare come per magia sulla superficie delle acque scintillanti. E se dopo tutta questa attività sentite un certo languorino, il club saprà saziarvi con la sua scelta di ristoranti di alta gamma e il calendario di eventi culinari, fra cui il brunch del venerdì.

  1. Corniche Beach

Tantissimi sono i motivi per cui questa spiaggia pubblica è gettonatissima sia dai residenti sia dai turisti. Il mare turchese, la vista su Lulu Island, le palme ondeggianti e i giardini la rendono perfettamente curata e Bandiera Blu – un tesoro nascosto nel cuore della capitale.

La Corniche Beach vanta una passeggiata lungomare, giardini curati alla perfezione con aree giochi per bambini, piste separate per pedoni e ciclisti, caffetterie e ristoranti. La spiaggia di 2 km è divisa in tre sezioni: Al Sahil (Gate 4, ingresso gratuito) è perfetta per single e gruppi più numerosi; Gate 2 è ideale per le famiglie e ha una zona tranquilla; Gate 3 è anch’essa ideale per famiglie.

Sono disponibili docce, spogliatoi e cabine, mentre lettini e ombrelloni possono essere noleggiati a pagamento. Gli impianti sportivi gratuiti comprendono campi da pallavolo, campi da calcio e campi da gioco. Se desiderate esplorare il mare, noleggiate un motoscafo o fate un’escursione di snorkelling.

  1. Yas Beach

Yas Island è una celebre meta a misura di famiglia dedicata al divertimento di Abu Dhabi e dista soli 30 minuti in auto dalla città. A Yas Island troverete un circuito di F1™, diversi parchi tematici, un campo da golf links, hotel esclusivi, uno strepitoso centro commerciale e la splendida Yas Beach. Yas Beach, sulla tranquilla costa meridionale di Yas Island, è il luogo ideale per rilassarsi e fare il pieno di sole, mare turchese e finissima sabbia bianca. Potrete usufruire di splendide cabane e lettini, oltre a gustare cibo delizioso e drink rinfrescanti nei ristoranti e chioschi della spiaggia. Gli ospiti che soggiornano presso gli hotel Yas Plaza avranno accesso gratuito alla spiaggia presentando la tessera o il voucher dell’hotel.

  1. Soul Beach

Scopri il nuovissimo stabilimento balneare privato di Aldar Properties ad Abu Dhabi! Soul Beach è la nuova accattivante location sulla spiaggia dell’isola di Saadiyat: un tratto di un chilometro di sabbia bianca curata che si affaccia sulle scintillanti acque azzurre del Golfo Arabico, con 400 lettini con ombrellone su cui rilassarsi. Tutti i lettini sono disposti nel pieno rispetto delle norme di distanziamento.

Per una esperienza di puro relax, i visitatori possono ordinare bevande o cibi attraverso un servizio WhatsApp, scansionando il QR code dai propri lettini per visualizzare il menu. L’ordine sarà consegnato direttamente da un golf buggy.

  1. Zaya Nurai Island

Per un’esperienza all’insegna del lusso, andate sul sicuro scegliendo questo boutique resort privato a soli 12 minuti di barca da Saadiyat Island e a un’ora dal centro della città. Questa meta è apprezzata da coloro che desiderano immergersi completamente nell’atmosfera della spiaggia, passando dalle lussuose ville con piscine private alle altalene sospese sul mare, fino alla vasta scelta di ristoranti.

Tutto qui è pensato per alleviare lo stress. Gli amanti del benessere possono fare yoga al tramonto, la Nurai Spa offre una selezione di trattamenti energizzanti proprio di fianco al mare, mentre la gamma di amache e lettini distribuiti in questo paradiso vi convinceranno a staccare la spina e rilassarvi.

  1. Nation Riviera Beach Club

Il Nation Riviera Beach Club è un esclusivo paradiso e centro fitness sul lungomare collegato all’hotel a cinque stelle The St. Regis Abu Dhabi sulla Corniche – aperto agli ospiti dell’hotel, ai membri e agli ospiti giornalieri. Se non volete rinunciare all’allenamento anche durante le vacanze, qui avrete solo l’imbarazzo della scelta, e non vi resta che provare tutte le attività con vista sul mare. Piscine, personal trainer, beach volley, boot camp e allenamenti a circuito all’interno o all’aperto. Il centro per gli sport acquatici del beach club propone anche kayak, paddleboard e altro ancora.

Preferite qualcosa di più rilassante? Il tratto di spiaggia incontaminata di 200 metri del club è perfetto per trascorrere ore di pace, seguite da un indimenticabile pasto sulla spiaggia al Cabana Bar and Grill.

  1. InterContinental Bayshore

L’InterContinental Abu Dhabi è una vera e propria istituzione, una delle strutture più antiche della città. L’hotel ospita un porto turistico privato con diversi ristoranti affacciati sulle sue acque, nonché l’InterContinental Abu Dhabi Bayshore Beach Club, con centro benessere e una spiaggia di 300 metri, rigogliose aree verdi, piscina a sfioro, piscina separata e aree giochi per bambini, strutture sanitarie e sportive di prima qualità, una spa e un ristorante.

Rilassatevi sui lettini nella spiaggia di sabbia bianca, nelle cabine private complete di servizio di maggiordomo o nella grande vasca idromassaggio all’aperto. Sorseggiate un drink e gustate uno snack nella piscina a sfioro con il suo bar galleggiante con vista sul Golfo Arabico. Giocate a squash o a tennis nei campi del club o scoprite la vasta scelta di sport acquatici sul lungomare.

  1. Marsana Hudayriyat

Da non perdere Marsana Hudayriyat, splendidamente soleggiata e piena di divertimento, nel nuovissimo Hudayriyat Leisure and Entertainment District di Abu Dhabi. Centrale e con un’ampia varietà di attrazioni, Marsana Hudayriyat è sicuramente in cima alla lista dei luoghi da visitare con la famiglia negli Emirati Arabi Uniti.

Per i più piccoli, troverete uno Splash Park pieno di avventure, una piscina dedicata ai bambini e una grande area giochi interattiva. Lo Skate Park offre una varietà di rampe e aree di pattinaggio per skateboarder di tutti i livelli, e tutta la famiglia amerà andare in bicicletta lungo la vasta rete di piste ciclabili. La spiaggia incontaminata vi rilasserà immediatamente, ma c’è anche il beach volley e una palestra all’aperto se vi sentite attivi. È possibile anche cimentarsi in una serie di attività acquatiche, dalle moto d’acqua ai gonfiabili fino al noleggio di case galleggianti.

Marsana Hudayriyat facilita i viaggi in famiglia: gli spazi aperti e puliti sono perfetti per socializzare, mentre il porticciolo panoramico vanta una selezione di favolosi ristoranti, food truck e boutique di lusso.

  1. Sir Bani Yas Island

Una delle isole deserte di Al Dhafra, questo paradiso unico con deserto, spiaggia e fauna selvatica è l’unico scalo balneare dedicato alle crociere del Golfo Arabico. Sir Bani Yas Island ospita attrazioni antiche tradizionali e lo spettacolare Arabian Wildlife Park, una delle riserve naturali più grandi della regione, con oltre 17.000 animali in libertà, fra cui orici d’Arabia, ghepardi e giraffe.

Sulla spiaggia potete cimentarvi negli sport acquatici come snorkeling, kayak e paddleboarding e, per un soggiorno top, scegliete fra i tre lussuosi resort Anantara che si trovano sull’isola.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei − quattro =

Mood Town

La guida definitiva per viaggiare sicuri in camper

Published

on

Il turismo all’aria aperta si conferma uno dei settori più attivi anche per il 2022, così come pure il trend Van Life continua inarrestabile con la sua crescita.

Goboony, piattaforma di camper sharing, ha registrato una crescita delle prenotazioni per il mese di aprile a tripla cifra (+477%) rispetto allo stesso periodo nel 2021, a conferma di quanto il trend stia crescendo anche nel Belpaese.

Complice la pandemia, le persone si sono avvicinate a un concetto di turismo più esperienziale, a contatto con la natura e più consapevole.

I turisti itineranti in Europa sono circa 20 milioni. Il parco circolante di camper e di caravan è di circa 6 milioni e centomila veicoli ricreazionali. La vacanza in camper o in caravan è diventata molto cool. Lo scorso anno, secondo i dati di campeggi.com, ha registrato un aumento del 40%.  E se fino a qualche tempo fa si trattava di una scelta legata a un turismo lento e con grande disponibilità di tempo, adesso si parla di una vera e propria scelta di vita legata a esigenze e sensibilità nuove. Il contatto con la natura, la libertà di muoversi senza troppi vincoli, il benessere regalato dal concedere del tempo a se stessi e ai propri interessi e passioni.

Il primo trimestre del 2022 ha visto un incremento del 9,6% delle immatricolazioni di camper rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo APC, Associazione Produttori Caravan e Camper. Un dato che conferma l’andamento estremamente positivo del settore, che aveva chiuso il 2021 con +11,92% di vendite di nuovi mezzi rispetto al 2020.

Il Van risulta il mezzo più richiesto, arrivando a coprire il 42,30% sul totale delle immatricolazioni, in aumento rispetto alla richiesta, comunque considerevole, registrata tra gennaio e marzo 2021 che era del 39,02%.

“Il van rientra in un segmento di mercato in forte espansione – spiega Gloria Oppici, Project leader di Fiere di Parma – perché permette di conciliare diverse esigenze. Si guida agevolmente come un’auto, si può parcheggiare senza difficoltà e ha consumi inferiori rispetto ai mezzi classici. Pur essendo di dimensioni contenute è perfettamente attrezzato e quindi consente di partire sia per weekend all’ultimo minuto che per itinerari più impegnativi. È molto apprezzato perché dà una risposta concreta alle nuove esigenze di vivere a contatto con la natura, di dedicarsi del tempo libero in contesti straordinari, di mettere al centro le proprie passioni, dalle avventure di esplorazione ai viaggi di scoperta, alle attività outdoor, trekking, bike, surf e molto altro”.

Ma per godersi le vacanze in camper e caravan in totale tranquillità è bene partire preparati e tenere a mente una serie di informazioni importanti in tema di sicurezza. Per questo motivo, Goboony propone una guida pratica con consigli e raccomandazioni utili da seguire per viaggiare sempre sicuri in camper.

Verificare la licenza necessaria
Fin dal momento della prenotazione del veicolo, è bene avere chiaro la tipologia di camper che si intende noleggiare. La normativa prevede che per i veicoli entro le 3,5 tonnellate è sufficiente avere la patente B, la stessa dell’auto. Per veicoli di massa superiore, è necessario avere (o conseguire) la patente C. Per evitare sanzioni piuttosto salate, è sempre bene verificare in anticipo la licenza necessaria per guidare il veicolo noleggiato.

Memorizzare le misure (altezza, larghezza, lunghezza e peso)
Ancor prima di mettere in moto il camper, è bene memorizzare tutte le misure del veicolo. Un camper è più alto, più lungo e più largo di una normale autovettura per cui, in caso di strade più strette o di ponti, è fondamentale essere certi di riuscire a passare tranquillamente e non ostruire il passaggio. Oltre a provocare danni al veicolo, incastrarsi in una strettoia rischierebbe di rovinare le tanto agognate vacanze. Da non sottovalutare poi l’Importanza di conoscere il peso a vuoto del camper e quello autorizzato. Prima di partire sarebbe bene quindi pesare il veicolo carico, passeggeri compresi. Un eventuale sovraccarico potrebbe costare caro in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine.

Familiarizzare con il veicolo
Se è la prima volta al volante di un camper o di un van, occorre concentrarsi sulla posizione di guida e sistemarla secondo statura e corporatura. La prima cosa che si nota è la seduta più rialzata rispetto a quella di un’auto: ciò permette di avere una maggiore visibilità. La seconda differenza è la maggiore grandezza degli specchietti esterni: indispensabili durante la guida e, in particolare, durante tutte le manovre, retromarcia inclusa. Per riuscire a vedere come si posiziona il veicolo sulla strada, è utile posizionare lo specchietto in modo tale da vedere un quarto del veicolo stesso.

Un altro step utile da seguire prima di partire è capire come funzionano tutte le attrezzature presenti a bordo (fari, climatizzatore, cruise control, drenaggio dell’acqua, apertura della valvola del gas…).

Adottare uno stile di guida idoneo
Esercitarsi è la chiave: prima di partire, fare un giro di prova potrebbe essere utile, testando in questo modo ad esempio il comportamento in frenata e la tenuta in curva. Data la larghezza del veicolo, è bene tener presente che le curve e le rotonde devono essere ben calibrate e prese a una velocità adeguata e che il peso elevato del veicolo richiede un maggiore spazio di frenata.

Viste le dimensioni è consigliabile controllare spesso se si è entro le linee della strada e mantenere una velocità moderata, in questo modo si risparmia anche il carburante. Prudenza anche in fase di sorpasso: rispetto all’auto, l’accelerazione di un camper è nettamente inferiore, per cui le manovre di sorpasso richiedono una distanza e un tempo maggiore. Per i parcheggi o le manovre più complesse, inclusa la retromarcia, il gioco di squadra può fare la differenza: avere qualcuno che possa dare istruzioni al guidatore in fase di manovra o di parcheggio può rivelarsi estremamente utile.

Tenere le cinture allacciate sempre durante la marcia
La cintura di sicurezza è fondamentale, oltre che obbligatoria. Tutti i passeggeri, infatti, devono allacciare le cinture di sicurezza anche se seduti nella parte posteriore del camper. Come in auto, i bambini devono sempre viaggiare seduti su seggiolini idonei al loro peso, fin dal loro primo viaggio e fino a quando non raggiungono l’altezza di 1,50 metri e il peso di 36 kg. In caso di viaggi con bambini, occorre prestare attenzione, perché sono pochi i camper equipaggiati di sistema Isofix sui sedili anteriori o posteriori. In caso di assenza, bisogna assicurarsi che il seggiolino possa essere allacciato con una cintura di sicurezza.

Fare un controllo del veicolo prima della partenza
È sempre consigliabile controllare che tutto sia perfettamente in ordine e funzionante prima della partenza per non incappare in spiacevoli contrattempi. Come per tutti i veicoli, è utile controllare gli pneumatici: la pressione delle gomme ha effetti sui consumi di carburante oltre che sulla maneggevolezza del mezzo, e di conseguenza anche sulla sicurezza. Verificare che i documenti e il kit di emergenza siano a portata di mano in caso di necessità e, per un confort di guida ottimale, assicuratevi che i tergicristalli puliscano bene senza lasciare residui e che il parabrezza sia perfettamente integro. Basilare per la sicurezza, accertarsi sempre che tutte le luci – fari, stop, frecce – funzionino al 100%, per evitare multe indesiderate, e tenere sotto controllo il livello dell’olio per evitare danni al motore.

Caricare il camper in modo corretto
Ogni cosa all’interno del camper deve essere riposta con attenzione e cura. Prima di partire, sarebbe bene quindi controllare che tutti gli oggetti siano bloccati, senza possibilità di cadere o scivolare in caso di brusche frenate o curve strette. Non solo i bagagli, ma tutti gli oggetti devono essere riposti in modo corretto: bottiglie, stoviglie o piccoli accessori possono essere pericolosi in caso di incidente o tamponamento. In linea di massima, è consigliabile posizionare gli oggetti pesanti in basso e quelli leggeri in alto, in modo da abbassare il baricentro e stabilizzare il veicolo.

Concedersi delle pause durante il viaggio
Non è saggio guidare senza sosta per lunghi tratti per raggiungere la destinazione il prima possibile, soprattutto in camper. Guidare in caso di stanchezza è pericoloso per se stessi e per gli altri. Fermarsi di frequente, mantenersi idratati e darsi il cambio alla guida sono le mosse giuste per godersi il viaggio senza inutile stress e senza correre rischi.

Godersi il viaggio!
Ultimo consiglio: godersi il viaggio! È pur vero che la destinazione delle vacanze è importante, ma è il viaggio a contare davvero, soprattutto in camper. Seguendo questi consigli, sarà possibile guidare rilassato e in sicurezza verso la prossima destinazione.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Finlandia: alla scoperta della terra del sole di mezzanotte

Published

on

Con l’estate alle porte è tempo di programmare le vacanze. Visit Finland racconta la magia del sole di mezzanotte offrendo una prospettiva privilegiata su un momento unico in cui il sole si dimentica di tramontare e i sogni diventano realtà.

Il sole di mezzanotte è il fenomeno naturale che si verifica nella stagione estiva in Finlandia e nei luoghi a sud e a nord del Circolo polare artico. Uno spettacolo mozzafiato in cui si assiste ad un tramonto che si prolunga fino a fondersi con l’alba e che tinge il cielo e la terra di una calda luce sui toni del giallo e del rosso. Non è dunque strano che l’estate sia la stagione più attesa in Finlandia. Dopo un inverno artico avvolto dalle tenebre, infatti, con la bella stagione si torna alla vita e grazie al sole che splende giorno e notte ci si può dedicare a tante attività all’aria aperta dimenticandosi di guardare l’orologio. Con l’avvicinarsi dell’estate, Visit Finland suggerisce alcuni modi per scoprire il paese e i suoi caratteristici paesaggi naturali incontaminati illuminati dal romantico sole di mezzanotte, grazie al quale ci si può godere ogni attimo della giornata scordandosi dello scorrere del tempo.

Tra falò, saune, barbecue, escursioni di pesca e gite in barca, in Finlandia c’è davvero l’imbarazzo della scelta per rilassarsi, celebrando l’estate in compagnia. Una nuotata notturna o una sauna al chiaro del sole di mezzanotte sono dei veri e propri must per i finlandesi nella stagione estiva. Con le acque del mare e dei laghi che si riscaldano, il modo per eccellenza per trascorrere l’estate e godersi il sole di mezzanotte è vivere le notti luminose in un cottage di campagna – proprio come fanno i finlandesi! Molte persone hanno un cottage di famiglia, un piccolo rifugio privato in riva a un lago dove trascorrere il periodo estivo a contatto con la natura. I finlandesi amano la quiete, e anche per il turista non c’è modo migliore per sperimentarla che lasciarsi alle spalle il trambusto della vita quotidiana e trovare rifugio in una pittoresca casetta di legno immersa nella natura. Un nido da cui vivere intensamente giorni estesi all’infinito, facendo lunghe passeggiate ed escursioni in canoa, andando a pesca, facendo le ore piccole giocando a golf o conquistando la vetta di un monte. Se per le vacanze estive si è alla ricerca di esperienze uniche en plein air, allora affittare un cottage in Finlandia potrebbe essere la soluzione ideale così come fare un’escursione in canoa di notte nella regione dei Laghi.

Più ci si avventura verso il Circolo polare artico più splende il sole. Per questo uno dei luoghi più incantevoli per vivere il sole di mezzanotte è la Lapponia finlandese, magari con escursione a piedi notturna. E dal momento che un momento tanto speciale merita di essere celebrato, la regione si anima di feste ed eventi indimenticabili, come il Midnight Sun Film Festival (fondato dai famosi fratelli Kaurismäki) e il festival del folklore Jutajaiset. Se si è in cerca di ispirazioni per un viaggio nel mese di giugno che coniughi divertimento e natura, allora la Lapponia è la destinazione ideale con tanti appuntamenti che permettono di scoprire la cultura locale e godersi i benefici del sole di mezzanotte.

Nel sud della Finlandia, il momento migliore per godersi questo straordinario fenomeno naturale è in occasione del solstizio d’estate. Juhannus è la tradizionale festa nazionale finlandese che celebra il giorno più lungo dell’anno e segna l’inizio della stagione estiva, nonché di un periodo di vacanza per molti finlandesi. Un momento magico in cui ogni luogo diventa teatro di eventi e feste. Proprio nell’isola di Seurasaari a Helsinki ogni anno si celebra la tradizionale festa di mezza estate, mentre nel cuore della regione dei laghi si organizza un festival rock che attira visitatori da tutto il paese.

Con il sole di mezzanotte le notti bianche ravvivano ogni angolo della nazione. Persino Helsinki, sulla costa meridionale, ha la luce del giorno 24 ore su 24 e solo a tarda notte, il sole scende brevemente oltre l’orizzonte prima di sorgere di nuovo. Lambita dal mare, Helsinki è la città perfetta in cui approfittare della luce del sole di mezzanotte per praticare ogni tipo di attività all’aperto anche di notte – come un escursione in kayak –  e dedicarsi all’island-hopping visitando la costa e l’Arcipelago vicino. Il Mar Baltico e la capitale sono il luogo perfetto per apprezzare l’immenso splendore di uno dei fenomeni naturali più iconici della Finlandia.

Per informazioni: www.visitfinland.fi

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Spring Vibes: alla scoperta dei giardini in fiore più belli del mondo

Published

on

La primavera è nel pieno ed è proprio in questo periodo che a poco a poco, milioni di campi in tutto il mondo si colorano grazie alla fioritura dei boccioli che li popolano, dai tulipani, ai papaveri e girasoli, dando vita ad uno spettacolo mozzafiato che li rende una vera delizia per la vista (e l’olfatto).

Se si è alla ricerca di ispirazioni per il prossimo viaggio,  Civitatis – sito per la prenotazione di esperienze ed escursioni al mondo – suggerisce i 10 luoghi imperdibili in cui è possibile trovare i giardini in fiore più belli al mondo, godersi un panorama suggestivo e assistere allo straordinario risveglio della natura. Noi ne abbiamo aggiunto uno, tutto italiano, che merita anch’esso una visita proprio in questo periodo.

Keukenhof, Paesi Bassi

Keukenhof, l’iconico giardino di tulipani dei Paesi Bassi, è un vero e proprio must nella lista dei campi di fiori più spettacolari al mondo. Passeggiare tra i suoi laghi, mulini a vento e foreste, è una delle esperienze più popolari per i turisti in questo periodo dell’anno. I giardini si trovano a Lisse, ma si possono visitare da Amsterdam, Rotterdam o L’Aia, da soli o con tour organizzati.

Campi di lavanda in Provenza, Francia
Durante i mesi primaverili sconfinate distese viola ricoprono i campi della Provenza, in Francia. Questi meravigliosi prati di lavanda e i suggestivi borghi circostanti hanno ispirato alcuni dei più importanti pittori impressionisti e post-impressionisti, da Cezanne a Pissarro, fin anche Van Gogh. Da rimanere davvero incantati di fronte a tanta bellezza e a un tale profumo.

Fuji Shibazakura, Giappone
Ai piedi dell’imponente monte Fuji si trova uno dei campi di fiori più duggestivi al mondo. Nei mesi di aprile e maggio, gli Shibazakura, fiori rosa, magenta e bianchi, crescono e sbocciano in questi prati giapponesi dove ogni anno si tiene il festival Fuji Shibazakura. Qui si può passeggiare nell’erba rosa e godersi la bellezza della montagna più celebre del Giappone.

Giardino dei Miracoli, Dubái
È difficile da credere, ma si può trovare un meraviglioso campo fiorito anche nel bel mezzo del deserto. Nel Giardino dei Miracoli di Dubai si può ammirare il più grande arazzo floreale del mondo. Più di 150 milioni di fiori rivestono i suoi 72.000 metri quadrati, così come una moltitudine di sculture e persino un aeroplano. A Dubai, niente è impossibile.

Hitachi, Giappone
Avete sentito parlare della Nemofilia? Sono piccoli fiori blu il cui sbocciare segna il passaggio dalla primavera all’estate. Nei paesi di lingua inglese sono conosciuti come baby blue eyes e in Giappone si possono ammirare nel parco costiero di Hitachi. Questa oasi naturale di quasi 190 ettari ospita diversi giardini ricchi di questi piccoli fiori, ma anche di tulipani, crochi e narcisi.

Campi di girasoli in Toscana, Italia

Anche se sono i vigneti ad aver sancito la fama internazionale della Toscana, in questa regione d’Italia ci sono anche bellissimi scorci bucolici con infinite distese di fiori, come i campi di girasoli delle valli d’Orcia e dell’Era. Con l’arrivo della primavera, il verde dei cipressi, gli arbusti tipici della zona, si arricchisce delle nuance dorate dei fiori, dando vita ad un paesaggio mozzafiato, caratterizzato da vivaci contrasti cromatici.

Campi di papaveri a Zamora, Spagna
Solo un paio di anni fa, l’immagine di uno dei campi di papaveri della provincia di Zamora è diventata così popolare tanto da farla includere nella lista dei campi di fiori più spettacolari del mondo. L’arazzo scarlatto creato da questi delicati fiori ha da allora attirato visitatori da ogni parte, e anche alcuni noti influencer che hanno voluto condividere la bellezza del paesaggio con i loro follower. Non è un caso che la Spagna sia tra i primi tre paesi al mondo per la raccolta e vendita di papaveri.

 Campi di colza a Luoping, Cina
Nella contea di Luoping, nella Cina orientale, tra febbraio e marzo compare un vasto mare giallo. Sono i campi di colza, il fiore da cui si estrae l’omonimo olio, che si estendono a perdita d’occhio e che sono diventati una meta imperdibile per gli appassionati di fotografia. Questi fiori dai colori sgargianti attirano molte api, rendendo quindi la zona anche un’importante área di produzione del miele.

Deserto di Atacama, Cile
Talvolta, un fenomeno naturale tanto raro quanto curioso si verifica nel deserto dell’Atacama in Cile: si tratta della comparsa di oltre 200 specie floreali diverse nella zona più arida della terra. Questo fenómeno è chiamato “deserto in fiore” e si verifica a seguito di precipitazioni particularmente abbondanti. Centinaia di specie di fiori endemici, come sospiri, don diego e gigli, appaiono nelle fessure più profonde del deserto, regalando ai visitatori uno spettacolo naturale affascinante.

Valle Skagit, Stati Uniti
Le distese colorate di tulipani in fiore fanno della Skagit Valley di Washington uno dei campi più spettacolari del mondo durante la bella stagione. Proprio qui, ogni anno si tiene il Festival dei tulipani, che ospita esposizioni, eventi, mostre d’arte e degustazioni, rigorosamente dedícate a questo bellissimo fiore dall’essenziale eleganza.

Parco Giardino Sigurtà, Italia
E sempre in tema di tulipani non si può non menzionare il più vicino e accessibile Parco Giardino Sigurtà, in Veneto. Il 19 marzo 1978, in una giornata soleggiata Giuseppe Carlo Sigurtà decise di aprire il Giardino al pubblico. I primi visitatori potevano entrare solo a bordo di una vettura, in quella che al tempo veniva chiamata “auto-guida”. Questa scelta cambiò radicalmente con l’avvento degli anni 2000, da quando il Parco è visitabile a piedi o in golf car. Oggi i figli di Enzo, Magda e Giuseppe, continuano con dedizione a preservare e a far conoscere questo tesoro verde e in questi anni inoltre è stata fatta una approfondita ricerca sulla fioritura dei tulipani che colora il parco in primavera. A oggi, con il suo milione di bulbi, è considerata la più importante del Sud Europa e si è aggiudicata diversi riconoscimenti come “Parco Più Bello d’Italia 2013”, “Secondo Parco Più Bello d’Europa 2015”, “World Tulip Award 2019” e “Miglior Attrazione al Mondo 2020”.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending