Connect with us

Tv Mood

Fino All’Ultimo Indizio: È dalle piccole cose che si vede un gran film. E da Denzel Washington

Published

on

Sono le piccole cose che contano. Sono le piccole cose che ti fanno beccare. Sono le piccole cose che ti fanno a pezzi”. Le piccole cose, Little Things, è il titolo originale di Fino All’Ultimo Indizio, il thriller con Denzel Washington, Rami Malek e Jared Leto, che per la sua interpretazione in questo film ha ricevuto la nomination ai Golden Globe come Miglior attore non protagonista. Le piccole cose sono anche quelle che ti permettono di capire il carattere di un film, e in Fino All’Ultimo Indizio ce ne sono tante. È uno di quei film che saremmo andati a vedere volentieri al cinema, e che ora arriva in Italia in esclusiva digitale da venerdì 5 marzo, disponibile per l’acquisto e il noleggio premium su Amazon Prime Video, Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMVISION, Chili, Rakuten TV, PlayStation Store, Microsoft Film & TV e per il noleggio premium su Sky Primafila e Infinity. E, siccome parliamo di acquisto o noleggio, ve lo diciamo: è un film che vale il prezzo del biglietto. A dirigere c’è John Lee Hancock (The Blind Side, Saving Mr. Banks, The Founder) che ha anche scritto la sceneggiatura originale.

Il Vice Sceriffo della Kern County, Joe “Deke” Deacon (Denzel Washington) viene mandato a Los Angeles per un veloce incarico di raccolta di prove. Ma finisce per essere coinvolto nella caccia a un serial killer che sta uccidendo una serie impressionante di giovani ragazze. L’indagine è del Sergente Jim Baxter (Rami Malek), che chiede a Deke di aiutarlo, anche se in maniera non ufficiale. Deke è uno di quei poliziotti che hanno un istinto innato. Ma è anche tormentato da fantasmi, traumi, da alcune situazioni vissute in passato. Ha dei segreti scomodi che potrebbero mettere a repentaglio il caso, ma anche la carriera stessa dei poliziotti.

Se vi piace il thriller, saprete che ormai c’è un sottogenere – in bilico tra il thriller e l’action – che potremmo chiamare proprio genere Denzel Washington. Chi ha imparato a conoscere e ad amare questo attore, sa che ogni suo film di questo tipo (che sia Man On Fire, o Déjà Vu, o The Equalizer) la sua presenza riempie lo schermo, e invita lo spettatore a entrare nella storia grazie all’empatia che riesce a creare. Al centro di questi film c’è sempre un cavaliere solitario, duro, ma estremamente umano. Denzel è incorruttibile, è deciso, ha doti fuori dal comune (l’abilità nel combattere, o nella deduzione, come qui), sai che è dalla tua parte, ti affidi a lui perché sai che ti porterà al di là del guado. È così anche in questo film, dove Washington aggiunge altre sfumature di colore alla sua tavolozza, con un personaggio che ha fatto anche degli sbagli, e in qualche modo sa che li farà ancora. Un personaggio imperfetto, fallibile, non allineato. E per questo molto vero.

In quello che è un film di sceneggiatura e un film di attori, accanto a lui ci sono altri due cavalli di razza. Uno è Rami Malek che, passati alcuni minuti per toglierci dalla testa che sia Freddie Mercury (tanta è stata l’identificazione della star con quel ruolo in Bohemian Rhapsody) ci conquista pian piano con un personaggio molto particolare, un personaggio freddo, elegante, apparentemente impeccabile che però finirà per mostrare qualche crepa. Con Washington forma una strana coppia in cui gli opposti finiranno per attrarsi: il vecchio e il giovane, il poliziotto messo da parte e quello in carriera, il dimesso e l’elegante, l’emotivo e il freddo. L’altro grande attore è Jared Leto (che vedremo presto come Joker nella Snyder’s Cut di Justice League), che aggiunge un altro tassello alla sua galleria di personaggi borderline della sua carriera. Il suo personaggio, uno degli indiziati per i delitti, è smunto, unto, ha lo sguardo folle e affebbrato. Ed è irridente, indisponente. Uno di quei personaggi che ami odiare. Un po’, con modi e aspetto molto diversi, come il John Doe di Kevin Spacey in Seven.

E in effetti ha qualcosa del film di David Fincher, Fino All’Ultimo Indizio, pur senza la sua malattia e i toni estremi. Perché, come accadeva con Kevin Spacey, dal momento in cui Jared Leto entra in scena, e da quando resta da solo con un poliziotto, c’è un’aria di attesa, di paura che qualunque cosa possa accadere da un momento all’altro. Anche quello che crediamo sia il finale (e invece è uno dei sottofinali, che sono tutti riusciti e funzionali alla storia), in quel trovarsi isolati, soli, in una distesa deserta, abbiamo trovato molto di Seven. Come abbiamo trovato qua e là tracce di True Detective, per l’attenzione ai fantasmi degli investigatori e il senso di ossessione che permea tutto il film.

Una delle chiavi di Fino All’Ultimo Indizio è proprio questa. L’ossessione. L’impossibilità di lasciarsi alle spalle un caso. “Diventa la tua responsabilità. Le vittime diventano tue. Diventi il loro angelo. E ti fai in quattro per far tornare i conti”. In queste parole del Deke di Denzel Washington c’è tutto il senso del lavoro di un poliziotto, un lavoro da cui non si può uscire, che ti avvolge e non ti lascia più. In quello che è un thriller malinconico e crepuscolare, disturbante e ipnotico, ci sono, sì, tante piccole cose che ci hanno conquistato. Come la scena in cui Deke, all’obitorio, parla con il cadavere di una vittima perché, come ci spiegherà in quel monologo, è sua. E lo capiremo da un’altra scena in cui, nel buio della sua camera, le vittime si materializzano, perché non possono lasciarlo, e lui non può lasciarle. Tra le piccole grandi cose c’è il confronto diretto tra i due poliziotti e l’indiziato, carico di tensione, rabbia, fastidio. E quell’uso delle musiche, spesso il soul degli anni Sessanta, che ricorda a Deke quando in macchina ci usciva per spassarsela, mentre ora la macchina per lui vuol dire solo appostamenti e pedinamenti. Ascoltiamo, in maniera ironica, I Will Follow Him, quella vecchia canzone soul cantata da Little Peggy March, Petula Clark e Betty Curtis. Una canzone d’amore che recita “Io lo seguirò, lo seguirò ovunque vada, e gli starò sempre vicino, perché niente può tenermi lontana, lui è il mio destino”, se la ascolti nel momento in cui stai pedinando un potenziale serial killer, cambia immediatamente significato. È anche da queste piccole cose che si vede un grande film.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + otto =

Serie TV

Confronting a serial killer | dal 18 aprile su Starzplay

Published

on

Questa docuserie, prodotta e diretta dal regista nominato all’Oscar® e vincitore di un Emmy® Joe Berlinger, racconta la sorprendente storia della relazione senza precedenti tra l’acclamata autrice e giornalista Jillian Lauren e il serial killer più efferato della storia americana, Samuel Little.

Dopo aver evitato la giustizia per decenni, Samuel Little è stato finalmente condannato per tre omicidi nel 2014, ma ha continuato a dichiararsi innocente. Quattro anni dopo, Jillian Lauren si ritrova faccia a faccia con l’assassino, il quale inizia improvvisamente a confessare una moltitudine di altri omicidi, spingendo Jillian Lauren verso una storia che inizialmente doveva essere un libro.

Samuel Little rivela gradualmente informazioni cruciali a Jillian Lauren, la quale aiuta le forze dell’ordine a venire a capo di una serie di casi irrisolti in tutto il paese. Man mano che il numero dei morti cresce, fino a raggiungere 93 omicidi, la serie ci svela i dettagli sui fallimenti delle indagini passate, esplora i pregiudizi sociali impliciti che Samuel Little ha sfruttato per sfuggire agli arresti e aiuta in tempo reale a risolvere alcuni casi, fornendo risposte alle famiglie in lutto che hanno trascorso decenni nell’incubo di non sapere cosa fosse successo ai loro cari.

Confronting a Serial Killer è una serie incentrata sulle vittime. Le donne della serie, in veste di investigatrici, fanno luce sulla cecità istituzionale delle forze dell’ordine e sulle questioni sistemiche che permeano la nostra società, tra cui il pregiudizio verso le comunità emarginate, le persone alle prese con dipendenze, malattie mentali e traumi, e soprattutto verso le donne di colore.

Jillian Lauren scopre i segreti più oscuri di Samuel Little e allo stesso tempo deve riconciliare la sua storia di dipendenza e di vittima di abuso con la sua missione volta a restituire le identità ai corpi senza nome di donne dimenticate, ma scopre di non essere in grado di mantenere questo sordido mondo separato dalla sua famiglia e dalla sua vita personale e si rende conto che potrebbe essere, psicologicamente, l’ultima vittima di Samuel Little.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi TV

Judas And The Black Messiah: Black Lives Matter, ieri come oggi

Published

on

Judas and Black Messiah, il film di Shaka King candidato a 6 Premi Oscar, tra cui miglior film e miglior attore non protagonista, arriva in Italia in esclusiva digitale da venerdì 9 aprile, disponibile per l’acquisto e il noleggio premium su tutte le principali piattaforme. Judas and the Black Messiah ha ottenuto sei nomination: miglior film, miglior attore non protagonista (Daniel Kaluuya e LaKeith Stanfield), miglior fotografia (Sean Bobbitt), miglior canzone originale (Fight For You, musica di H.E.R. e Dernst Emilie II, testo di H.E.R. e Tiara Thomas), e miglior sceneggiatura originale (sceneggiatura di Will Berson & Shaka King, soggetto di Will Berson & Shaka King e Kenny Lucas & Keith Lucas).  Daniel Kaluuya ha vinto il Golden Globe 2021 come miglior attore non protagonista.

William O’Neal (LaKeith Stanfield), ladruncolo che viene incastrato per un ingenuo furto, diventa un informatore dell’FBI e viene infiltrato nel partito delle Black Panther dell’Illinois. Il suo compito sarà tenere d’occhio il loro leader, il Presidente Fred Hampton (Daniel Kaluuya), il Black Messiah, il Messia nero in grado di riunire non solo il popolo afroamericano ma le minoranze di tutti i colori in nome di una rivoluzione che porti finalmente giustizia sociale. Mentre seguiamo l’ascesa politica di Hampton, assistiamo anche all’amore con la sua compagna di rivoluzione Deborah Johnson (Dominique Fishback). E in O’Neal comincia a farsi strada un dubbio: sposare la causa delle Black Panther, o affossare Hampton e le Pantere come richiesto dal direttore dell’FBI J. Edgar Hoover (un impressionante Martin Sheen), per cui il Messia nero è il pericolo numero uno dell’America?

Prodotto da Ryan Coogler, il regista dei successi Black Panther, Creed, Fruitvale Station, Judas And The Black Messiah fa parte di una nuova ondata di cinema afroamaericano militante, che da qualche anno porta alla luce le istanze di una comunità ancora fortemente discriminata. Parliamo di film come The Hate U Give, Moonlight, Il coraggio di opporsi, Detroit, Se la strada potesse parlare. Proprio questi ultimi tre film hanno in comune con Judas And The Black Messiah un tratto importante in comune: parlare del passato per parlare del presente. Andare a rievocare fatti a cavallo tra gli anni Sessanta e i Settanta, anni di rivolte e violente repressioni, una vera e propria guerra senza quartiere tra il governo americano e chi chiedeva giustizia, vuol dire fare una profonda riflessione sul punto in cui è arrivata l’America oggi, su una situazione che in fondo non è cambiata molto. Una situazione che la morte di George Floyd, il 25 maggio 2020, ha solo portato alla luce, e che il movimento Black Lives Matter sta continuando, con forza, a denunciare.

È una lotta lunga decenni. Le immagini di Martin Luther King che aprono il film, i riferimenti a Malcom X, le immagini di repertorio dei Black Panther che scorrono sui titoli di testa sono lì a dimostrarlo. È come se volessero dirci di non abbassare la guardia sulle diseguaglianze, sulle discriminazioni, sull’annullamento dei diritti civili. Il messaggio di Fred Hampton ci arriva forte e chiaro. La guerra è la politica con spargimento di sangue, la politica è la guerra senza spargimento di sangue. La guerra Fred non la voleva vincere con le pistole, le granate, i lanciarazzi. La guerra può essere vinta con il popolo: la forza sta nei numeri, tutti sono indispensabili. La forza di Fred, tradito dal suo Giuda, che alla fine incassa anche i suoi proverbiali 30 denari, continua ancora. Guardate il film fino alle scritte in sovraimpressione prima dei titoli di coda. Il figlio e la compagna di Fred stanno continuando la sua battaglia.

Vedere la loro foto oggi è il finale più bello di un film duro, teso, senza sconti. In cui la fotografia, sui toni caldi del marrone, dona quella patina d’epoca che ci porta immediatamente indietro nel tempo. E la musica soul non fa altro che farci rimanere in quegli anni e in quel mondo. Guardate il film in lingua originale e ascoltate i comizi accorati del Fred di Daniel Kaluuya, ritmati sopra delle percussioni incalzanti, come se fossero una sorta di proto-rap. Se l’Academy deciderà di dare un segnale forte alla notte degli Oscar, Judas And The Black Messiah avrà il suo riconoscimento.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Serie TV

Sky Rojo: La nuova serie dai creatori de La casa di carta vira ancora sul rosso. Su Netflix

Published

on

A volte ritornano. E Álex Pina, il creatore de La casa di carta, la prima serie spagnola di Netflix che ha avuto un successo clamoroso, torna di nuovo tra noi con la sua nuova serie, la terza realizzata per Netflix (è disponibile dal 19 marzo) dopo la sua più famosa e dopo White Lines. Sky Rojo è la storia di tre donne, tre prostitute. Coral, Wendy e Gina lavorano in un bordello, il Club delle Spose. Per un motivo o per un altro, tutte e tre sono in qualche modo prigioniere di quella realtà. Ma un giorno provano a scappare in cerca della libertà. E si trovano ad essere inseguite da Moisés e Christian, gli scagnozzi di Romeo, il protettore e proprietario della casa di piacere. Le tre donne si lanciano in una corsa frenetica durante la quale devono affrontare mille pericoli. Il loro unico piano? Sopravvivere per altri cinque minuti.

Vi ricordate una delle famose frasi de La casa di carta? Era “Inizia il matriarcato”, pronunciata orgogliosamente da Nairobi. La casa di carta aveva colpito per la forza e l’empatia di alcuni personaggi femminili. E ora, con Sky Rojo, Álex Pina riprende questa idea e crea la sua prima serie interamente al femminile, un mondo dove le donne sono le protagoniste, le “buone”, e non c’è un uomo che si salvi. Sono tutti violenti, o pervertiti, o deboli. O, molto spesso, tutte e tre le cose insieme. Sky Rojo è prima di tutto una storia di solidarietà femminile, ovviamente alla maniera di Álex Pina, eccessiva, sopra le righe, violentissima. Coral, Wendy e Gina sono delle Thelma, Louise e Louise, in fuga da un men’s world, un mondo maschile per cui le donne altro non sono se non oggetti, passatempi e poco altro. Ma le tre donne vogliono provare a cambiare le cose.

Se c’è una cosa riuscita ne La casa di carta, e che era invece fallita in White Lines, era la costruzione dei personaggi e la scelta degli attori. Se nella serie ambientata a Ibiza i caratteri erano definiti male e abbinati a dei volti poco carismatici, nella serie del Professore e la sua banda invece personaggi e interpreti sono perfetti, tanto da essere entrati nell’immaginario collettivo. Il gioco, in Sky Rojo, per fortuna riesce di nuovo. Coral (Verónica Sánchez), Wendy (Lali Espósito) e Gina (Yany Prado) sono dei personaggi bellissimi, come le attrici che le interpretano. Hanno un volto, hanno un corpo, hanno anche un’anima e una storia. Coral è già alla sua terza vita: prima era una casalinga, e prima ancora una biologa. E ora ha una pericolosa dipendenza da farmaci e anestetici. Wendy arriva dall’Argentina (come l’attrice che la interpreta), da un quartiere di Buenos Aires dove non c’era posto per una lesbica. E Gina è originaria di Cuba (Yani Prado, la sua interprete, è proprio cubana), dove ha lasciato un figlio ed è arrivata in Europa con la promessa di una vita migliore, di un lavoro da cameriera, e si è trovata nel posto che sappiamo.

Le backstory delle protagoniste, i volti intensi delle attrici, e una direzione che le fa dare il massimo in ogni scena fa sì che ci si innamori subito di queste tre ragazze sfortunate e di buon cuore, traviate ma sognatrici, che si crei l’empatia e che si faccia il tifo per loro e per la loro rivincita, come fu per La Sposa di Kill Bill. Citiamo questo nome non a caso, perché c’è molto di Tarantino in questa serie di Álex Pina. Ma il pulp alla spagnola è meno geniale e raffinato di quello del Maestro americano. E così molte situazioni sembrano già viste, certe svolte di sceneggiatura appaiono forzate, scelte per colpire lo spettatore più che per essere funzionali al fluire del racconto.

C’è qualcosa che ci lascia perplessi nella visione di una serie (che, va detto, scorre velocissima con puntate di 25 minuti e un ritmo altissimo). In una storia che vuole raccontare la forza delle donne, la loro capacità di trarsi in salvo da sole in un mondo dove i principi azzurri non esistono più, c’è però un continuo, reiterato, forse compiaciuto uso di una violenza che, a tratti, ci sembra insostenibile. Certo, potrebbe essere funzionale alla storia, visto che l’obiettivo è denunciare un mondo maschilista ormai fuori da ogni tempo e ogni grazia di Dio che però è ancora duro a morire. Certo, dovrebbe essere anche virato in chiave pop e pulp, così eccessivo da diventare irreale, ma non ci sembra raccontato con l’ironia giusta. Eppure, nonostante tutto, abbiamo l’impressione che tutto questo sia usato prima di tutto per fare spettacolo, nella maniera più facile e diretta.

Se La casa di carta, a suo modo, metteva in scena un mondo duro, violento, ma attraverso una sorta di stilizzazione, in Sky Rojo non ci sembra si sia riusciti a trovare la chiave giusta per raccontare una storia di violenza senza eccedere. Ecco, al di fuori de La casa di carta, successo strepitoso che probabilmente ha sorpreso lo stesso Pina, sembra che il creatore della banda con le maschere di Dalì non riesca a mettere sempre a fuoco le sue storie e i suoi personaggi.

Quel filo rosso che caratterizzava gli episodi de La casa di carta, quello delle tute dei rapinatori, torna in ogni caso anche qui come trait d’union dei prodotti di Pina. In Sky Rojo il rosso è quello dei divani in similpelle (lo sky rojo del titolo) dove le ragazze si offrono ai propri clienti, dei rossetti con cui si imbellettano e si creano una maschera, e delle luci rosse sotto alle quali sfilano in quel girone infernale che è il Club delle Spose. Si può uscire da questo inferno? Lo scopriremo nella seconda stagione, già annunciata.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending