Connect with us

Sfilate

Tutto il meglio della London Fashion Week

Published

on

È da poco calato il sipario sulla London Fashion Week, la seconda “Big 4” che, ancora una volta, ha spostato la maggior parte delle passerelle al digitale.

Ma mentre ci lasciamo prendere dalla nostalgia di quando potevamo ammirare dal vivo le collezioni mozzafiato di alcuni dei designer più innovativi ed irriverenti, partiamo subito dalle grandi novità.

Il vento di cambiamento nel mondo della moda ha inevitabilmente toccato anche Londra. Così, uno dei brand manifesto della moda britannica, Burberry, per questa edizione, ha deciso di non mostrare come di consueto la collezione uomo e donna. La prêt-à-porter donna, infatti, è stata utilizzata solo per mostrare capi e accessori da uomo. Ma il talentuosissimo direttore creativo del brand Riccardo Tisci ancora non ha svelato la data di presentazione della collezione femminile. Quello che è certo è che sarà a ridosso della messa in vendita, seguendo le orme di tanti altri colossi della moda come Gucci, Michael Kors, Saint Laurent e Celine.

Nonostante tutto, ancora una volta Londra è riuscita a regalarci altissimi momenti di moda, con la solita attenzione alla sperimentazione artistica che la contraddistingue.

E allora partiamo subito da Bora Aksu che ha presentato una collezione in cui a farla da padrone sono stati merletto, pizzo, rouche e una silhouette dalle linee morbide e a tratti destrutturate. Ma, come sempre, in Bora Aksu sono i dettagli a fare la differenza – questi look senza l’abbinamento dei lunghi e sofisticatissimi guanti o delle calze di pizzo non sarebbero certo la stessa cosa.

Ma se Bora Aksu guarda con nostalgia ad un’epoca del passato fatta di romanticismo, Apujan punta dritto al futuro, studia, edifica per poi decostruire innovativi accessori stampati in 3D. All’innovazione digitale, poi, mischia capi e tessuti tecnici da sportswear a capi e dettagli sartoriali in cui si alternano in modo omogeneo lustrini e reticolati. Il risultato? Incredibili look facilmente declinabili in versione casual e trendy. Nessuna fashion addicted rimarrà indifferente a “In Dreams, We Investigate”.

Tra futuro e passato, però, c’è chi guarda al presente e alle necessità di pensare nuovi look per tutte le donne che in questo momento sono costrette al confinamento domestico. È il caso della designer greca Eftychia Karamolegkou che realizza look minimalisti con tagli estremamente morbidi che hanno un solo obiettivo: la comodità. Apprezzabilissimo l’intento, ma tutta questa sobrietà… come si dice? Ah, ecco: “More is more and less is bored”.

Ma a restituire un po’ di vitalità, per fortuna, ci ha pensato Eirinn Hayhow, presentando una collezione fatti di eccessi e contrasti. Colori e taglie oversize ci hanno restituito la giusta dose di ottimismo e leggerezza. E ovviamente anche di “green” – tutte le tonalità cromatiche di questi capi sono state realizzate con il riutilizzo di scarti naturali di frutta e verdura.

E ancora Yuhan Wang che, con questa collezione, cogliamo a pieno la sua maturità artistica, grazie alla quale si raggiunge un equilibrio perfetto tra romanticismo e contemporaneità. Wang qui ha mischiato il cropped al suede sintetico, riappropriandosi delle sue radici culturali (i classici dipinti cinesi) ma sapendo guardare avanti. Chapeau!

E poi 16Arlington, forse tra i brand più attesi. Non ci sarà più la nostra beniamina Lena Dunham a sfilare, ma lo spirito irriverente e dall’impronta fortemente femminista è più vivo che mai. Piume, paillettes, pelle, saitan e colori talmente vivaci da risultare a tratti accecanti sono solo alcuni degli ingredienti di questa esplosiva ed irresistibile collezione. Insuperabile come sempre.

Ma a proposito di look iconici, impossibile non parlare di una delle designer britanniche più talentuose di sempre. Ci riferiamo a Molly Goddard ovviamente. Lei è l’incarnazione vivente del motto di Iris Apfel che inneggia all’eccesso.

Soprattutto per quest’ultima collezione, però, possiamo dire che la Goddard si è assolutamente superata, realizzando dei look che sono un omaggio esplicito alla teatralità. Abiti che giocano con il tipico “ton-sur-ton”, utilizzando il tulle in abbondanza e mettendo sempre le tonalità cromatiche brillanti al primo posto. Insomma, un capolavoro a tutti gli effetti.

Chiudiamo il nostro resoconto di tutto il meglio della settimana della moda londinese con Simone Rocha che, al contrario della Goddard, scegli dei colori molto più tenui ma senza rinunciare alla giusta dose di audacia. Il pastellato si alterna al total black, ma ciò che non manca mai è il volume, concesso in gran parte dalle mitiche maniche a palloncino – ormai must indiscusso – e ovviamente da balze e ruches, veri e propri marchi di fabbrica della maison.

La cifra stilistica di Rocha è sempre più chiara e definita, impossibile non riconoscere un suo capo, con quello sguardo quasi lirico oseremo dire, che non rinuncia all’amore per il retrò (basta guardare all’uso che fa di perle e ruches), senza mai dimenticarsi della dimensione moderna (il gioco di mix and match ne è un chiaro esempio). Come dire, “genio e sregolatezza”…

di Francesca Polici per Dailymood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =

Sfilate

Viva i contrasti! Ossia, tutto il meglio della Parigi Fashion Week

Published

on

E ancora una volta cala il sipario sul mese della moda e a chiudere il tradizionale circolo delle “Big 4” è come sempre Parigi, ormai casa per alcuni grandi big dell’industria del fashion. Da Dior a Miu Miu, da Chanel a Louis Vuitton fino a Chloé (con l’atteso debutto del nuovo direttore creativo Gabriela Hearst), sono tante le maison che non rinunciano a sfilare nell’ineguagliabile atmosfera romantica e sofistica di Parigi.

Ma quest’anno sono stati tanti anche gli assenti, a partire da Kenzo che, proprio come Moschino a Milano, ha deciso di optare per un “fashion film” (atteso fuori calendario il 26 marzo) per presentare la prossima collezione, fino a Balenciaga che invece l’ha già fatto a dicembre scorso attraverso un originalissimo videogioco.

Sono mancati all’appello anche tanti altri big come Maison Margiela, Alexander McQueen e Saint Laurent che hanno annunciato di voler presentare le loro linee fuori calendario ma senza anticipare alcun dettaglio al riguardo.

Nonostante la mancanza di questi grandi nomi, però, Parigi come sempre ci ha regalato delle passerelle (per lo più digitali) che non dimenticheremo, anticipandoci alcune delle migliori tendenze che non potremo fare a meno di seguire durante la prossima stagione fredda.

Dior

Al primo posto non potevamo non mettere Dior che, come sempre, grazie all’estro di Maria Grazia Chiuri ha presentato una collezione da incanto, a metà fra il post-moderno e il favolistico. Sarà l’ascendente femminista e la capacità della Chiuri di mettere sempre al centro l’idea di una donna dai tratti vivaci e sofisticati, fatto sta che la silhouette e i motivi fiabeschi di questi abiti riscrivono la storia dei costumi femminili, impreziosendo il tutto con delle suggestioni contemporanee e una spiccata vivacità.

Dai toni più classici – soprattutto nelle linee e nel concept – Chanel, con la solita classe che la contraddistingue. Questa volta, però, complici magari i lunghi mesi casalinghi dell’ultimo anno, la maison ha puntato sul confort ma senza mai rinunciare neanche per un secondo all’eleganza di sempre.

Ed ecco quindi che gli abiti declinati normalmente in uno stile più “sporty” diventando estremamente chic. È il caso dell’irresistibile salopette con il tipico motivo matelassé delle sue borse, con ricami ed inserti preziosi. Un vero gioiellino insomma.

Sulla stessa lunghezza d’onda, ma con un’anima più sbarazzina, sono gli outfit outdoor di Miu Miu che riprendono anche la vecchia e amatissima tendenza “teddy bear”. Sarà che quelle sfumature cromatiche così vivaci sono un vero e proprio inno alla vita, sarà anche che vedendo questi look non possiamo non avere voglia di indossarli, ma qui la nostalgia per la settimana bianca di altri tempi si fa sentire più che mai…

La parola d’ordine di questa PFW però possiamo dire che è stata “contrasto”. Alcune delle collezioni più belle e originali, infatti, sono state all’insegna di look eccentrici, radicali e dagli innumerevoli contrasti. È il caso di Givenchy ovviamente, che con il suo strepitoso abito total black in cui le stratificazioni di tessuti rigidi e le frange intrecciate come corde si alternano alle trasparenze e a tessuti avvolgenti.

Ma è anche il caso di Louis Vuitton che ha fatto del contrasto e del mix and match una vera e propria cifra stilistica, accantonando quindi quell’idea (forse oggi non più così vincente) del semplice motivo “loggato” sinonimo di solo lusso.

Meno estroso e forse anche meno originale Versace, che si attiene ad un gusto più classico e tradizionalista – ma non per questo meno ricercato. L’unico look su cui forse ha osato di più, almeno nei dettagli, è sicuramente il total yellow in cui, con grande maestria, ci dimostra ancora una volta come il ton sur ton sa essere di grande impatto se scelto con cura e impreziosito dai dettagli giusti.

Chiudiamo così il nostro “best of” del mese della moda e vi diamo appuntamento alla prossima sfilata.

di Francesca Polici per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

MFW Woman FW 21/22

MFW – OOF WEAR FW21 collection

Published

on

OOF Winter Games è il corto d’autore firmato da Andrea Calvetti che sceglie Misurina, la perla delle Dolomiti, e l’occasione dei giochi sportivi invernali come cornice d’eccezione per raccontare la proposta del brand, nata all’insegna del colore e dell’energia, in cui i riferimenti all’universo athleisure trovano qui un approdo naturale e attuale.

Welcome to OOF Winter Games, let’s introduce today’s competing teams! Atmosfera fine anni 70 per il conduttore che si appresta a presentare le squadre partecipanti alle competizioni: 6 discipline diverse, tre atlete per ogni team, un unico, comune denominatore, la carica creativa e identitaria di quello che indossano. Che sono i modelli firmati dal brand, classici senza tempo sottoposti a un’evoluzione continua e dinamica che non accetta compromessi.
Nuove silhouette, materiali in antitesi, ricerca di colori, forme inedite: il linguaggio creativo di OOF WEAR permette a ogni capo di adattarsi alla storia di chi lo indossa mutando il racconto ma mantenendo la stessa, identica eccellenza aperta a nuove declinazioni. Come il piumino cropped e over in ovatta REPREVE 100% riciclata, un vero must have indossato dalle atlete della compagine sciistica che, in un’esplosione di colore, esalta l’attenzione alla sostenibilità del brand, perfetto sulle piste da sci come in città. O l’ecofur stampata mostrata orgogliosamente dalle pattinatrici dall’animo fashion consapevole passando per l’eco-montone reversibile che scalda le ragazze con le racchette da neve con i suoi inserti di ecopelle strategici e il bomber paillettato, vera e propria bandiera di stile delle cheerleader più cool. Una sfilata di capi di stagione, protagonisti di frame colorfull e di vittorie di stile che, dalle atmosfere innevate, si preparano a invadere le città.

La cinepresa visionaria e artistica di Andrea Calvetti, giovane regista italiano di base a Los Angeles, permette la libera espressione dell’individualità del brand trasposta in un contesto affine ma, al contempo, inconsueto, ideale per amplificare uno storytelling d’impatto attraverso un linguaggio cinematografico ironico e iconico.

Con la collezione FW 2021 e il corrispondente fashion film, OOF WEAR conferma quell’ approccio green e animal friendly che, da sempre, connota in maniera identitaria la sua signature stilistica: una sostenibilità a tutto tondo che passa necessariamente dall’impiego di materiali certificati ed ecosostenibili ma anche sul non utilizzo di texture di origine animale sostituite da materiali d’avanguardia e altamente performanti.

Un’idea di surrealismo retrò unita a tinte contemporanee, tipica dell’atmosfera del Gran Budapest Hotel, film icona di Wes Anderson, diventa l’ispirazione principale della collezione FW 2021/22 di OOF WEAR.
L’arte cinematografica è full color con gli opposti che non temono di avvicinarsi per esprimere l’idea di una femminilità complessa che brucia ogni convinzione e clichè all’insegna dell’art déco e si ispira ai personaggi e agli ambienti della pellicola.

La donna del brand è indipendente e sofisticata, con un twist audace che lascia a bocca aperta ravvisabile nell’esplorazione materica della collezione che si sofferma sulle ricche pellicce, tipiche dello scenario nevoso della città immaginaria di Zubrowka, sui tessuti fluidi e chic del lifestyle lussuoso dell’albergo, sui dettagli precisi traslati dalle divise dei concierge. Senza dimenticare l’esplorazione dei cromatismi, ricchi di colori brillanti ma caldi, e delle stampe, dal mood leggermente ironico, in cui esplode la vivacità dell’estetica andersoniana tra print animalier riletti e motivi floreali traslati dall’home décor della carta da parati.
Al contemporary luxury di matrice più squisitamente cinematografica, dal tono più fashion con label nera, si contrappone una proposta più basic ed essenziale- dall’etichetta bianca – in cui ai modelli iconici del brand se ne uniscono altri che esplorano materiali e cromie diverse, il nylon in primis.

Sono capispalla identificativi del dna di OOF WEAR e della sua voglia di sperimentazione che cerca sempre nuove declinazioni senza mai perdere di vista il suo heritage fatto di eco-pellicce e eco-montoni reversibili, memory, ecofur in patch con parti stampate, felpe over dal collo alto. Le linee sono studiate ma confortevoli, il gioco di cromie è accattivante, la ricerca materica fa la differenza come nella nuova imbottitura che utilizza l’ovatta riciclata ricavata da fibre di plastica, sostenibile e caldissima.
La tensione verso la novità diventa un surfing artistico tra i pezzi chiave del guardaroba il cui stile, apparentemente stravagante, nasce da contrasti e da sperimentazioni che si armonizzano all’insegna della meraviglia. È la giacca – bomber in velluto ricamato con paillettes full dedicata alla nightlife più chic accanto alla morbidezza avvolgente del cappotto in misto lana; è la mantella imbottita con nylon ripstop Water Repellent.

Manifesto della filosofia del brand, sempre attento alla sostenibilità e ad avere una filiera virtuosa, sono i tre capispalla realizzati con il 100% di tessuti riciclati – l’esterno, l’imbottitura, la fodera sono prodotti con fibre ricavate da bottiglie di plastica – che dimostrano, ancora una volta, come lo stile possa e debba passare anche per un atteggiamento consapevole e rispettoso dell’ambiente.
La suggestione cinematografica procede con toni più soft e improntati al dailywear nella maglieria che esplora due differenti modelli, e nella versione di pantalone che si piega alle diverse declinazioni di tessuti e stampe di collezione; e ancora focus sugli accessori, come cappelli e borse di diverse dimensioni e forme che si incantano con l’eco pelliccia e con il nylon imbottito.

Ancora una volta protagonista è la versatilità di una collezione pensata per abbracciare un concetto ampio di femminilità, in cui trovano posto giacche dall’imbottitura ultralight, ideali per chi viaggia, accanto a cappotti più strutturati; un’ampia proposta di eco-pellicce dall’animo fun (con incursioni in un mood più chic come nell’eco-cavallino) e giacconi più tecnici e performanti. Perché life is a set!

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Sfilate

Chanel Fall-Winter 2021/22 Ready-to-Wear collection

Published

on

“I love contrasts, so for the more voluminous winter pieces, I wanted a small space. I don’t know if this is because of the times we live in, but I wanted something warm, lively. I imagined the models doing a show for themselves, going from room to room, crossing each other in staircases, piling their coats up in the cloakroom and going up to the next floor to get changed. And I thought of the shows that Karl would tell me about, back in the day, a long time ago, when the models would dress themselves and do their own make-up,” says Virginie Viard describing the atmosphere of the CHANEL Fall-Winter 2021/22 Ready-to-Wear show.

“So, I decided to go to Castel. I like Castel so much for its many salons, the spiral staircase, its bar, the journey through this venue, its little house style, where the models can get changed, dressed and undressed, do their make-up together, and have fun like a girls night in. It’s very sensual.” A sensuality that also touches the collection teasers and press kit, staged by the duo Inez & Vinoodh who filmed this show playing with the contrasts so loved by Virginie Viard. Contrasts between volumes, materials and spirit. A long tweed coat with a chevron motif reveals bare legs wearing voluminous boots in black curly faux fur; a trouser suit in black tweed with small checks in blue lurex is adorned with thin braces in pearls and layers of sautoir necklaces. A white coat in patent sheepskin and lined with faux fur, is coupled with “down jacket” style two-tone boots, with unzippable legs giving way to a pair of silver heeled booties to go dancing in. The salopettes-ski suits in white quilting embroidered with red and blue motifs, or in fuchsia tweed, are worn with strappy sandals embellished with chains and little black bows or pumps adorned with a camellia, while delicate blouses in chiffon or crêpe de Chine are combined with pieces inspired by winter sportswear.
“This collection is a mix of two influences: the ambiance of ski holidays, which I adore, and a certain idea of cool Parisian chic, from the 1970s to now.”

Sequinned ballet flats, strass-covered minaudières worn like a sautoir necklace, a man’s black shirt with a white collar and cuffs under a precious suit in navy lurex, a tweed kilt over a knitted jumpsuit embellished with iridescent threads… “Today some of these silhouettes make me think of Stella Tennant’s allure, the way she wore certain pieces, it was so Chanel.”

#CHANELFallWinter

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending