Connect with us

Style & Luxury

Un weekend a Praga: alla scoperta della “città dorata”

Published

on

La città d’oro, la città delle mille torri… Sono alcuni degli appellativi con cui è conosciuta Praga, capitale della Repubblica Ceca capace di attirare ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo. E non è difficile capire il perché! Praga è una città magica – non a caso fa parte del triangolo esoterico insieme a Torino e Lione – capace di incantare con le sue molteplici bellezze architettoniche, culturali e paesaggistiche.

Essendo a poco più di un’ora di volo da Milano, Praga è anche la città perfetta per un fine settimana fuori porta. Certo in 2 o 3 giorni non si potrà vedere proprio tutto, ma si potrà avere un’idea più che chiara di quanto questa città possa affascinare e rimanere nel cuore.

Se anche voi state programmando un city break nella capitale ceca, ecco cinque cose assolutamente da non perdere.

Ponte Carlo

Simbolo famosissimo di Praga, il ponte Carlo collega la Città Vecchia al quartiere Mala Strana sovrastando il fiume della Moldava. I lati del ponte sono impreziositi da splendide statue, che svettano nello scenario naturale circostante e, secondo tradizione, toccarle porta fortuna. Per godere ancora meglio della vista del ponte potete prenotare un tour su piccole imbarcazioni con guida anche in italiano che vi spiegherà tutti gli edifici storici posti sulle rive del fiume e l’affascinante storia legata alla costruzione del ponte.

L’Orologio Astronomico

Situato sulla facciata del palazzo municipale, è uno dei simboli più famosi di Praga. L’orologio astronomico non è soltanto uno spettacolo per gli occhi ma è anche uno degli orologi più antichi ed elaborati che siano mai stati costruiti. Allo scoccare di ogni ora si attiva l’intero meccanismo: le statuette dei personaggi religiosi e civili si muovono e si inseguono in un antico rituale da osservare sorseggiando un bicchiere di tipico vino caldo.

Il quartiere ebraico

Uno dei quartieri ebraici meglio conservati d’Europa che ospita la più antica sinagoga europea (1270). Da non perdere il suggestivo cimitero ebraico che ospita tombe risalenti anche alla fine del ‘400. La tomba più importante è quella del leggendario Rabbino Loew, da sempre associata all’affascinante leggenda del Golem di Praga. Secondo questa leggenda il Golem è una creatura di fango creata dal Rabbino Loew per difendere gli ebrei del ghetto dalle persecuzioni.

La Casa Danzante

Un edificio insolito e innovativo, sede degli Uffici Nazionali Olandesi, che spicca tra gli edifici storici della città in stile barocco e art nouveau creando un forte contrasto: è la Casa Danzante. Questa struttura è simbolo del decostruttivismo, uno stile caratterizzato dal controllo di caos e distorsione. Fu progettata dall’architetto croato Vlado Milunić in partnership con il canadese Frank Gehry per riempire un vuoto lasciato da un edificio distrutto il 14 febbraio 1945 durante un bombardamento aereo da parte degli americani ed è conosciuta anche come “Fred e Ginger”, dalla celebre coppia di ballerini Fred Astaire Ginger Rogers. Al piano terra ospita il Bar Celeste, mentre all’ultimo piano c’è il Ristorante Celeste, uno dei più famosi della città.

Complesso Klementinum

Il Klementinum, uno dei più grandi complessi architettonici d’Europa sorto tra la metà del XVI secolo e la metà del XVIII secolo, venne edificato come collegio gesuita. La visita guidata comprende la Torre Astronomica, dalla quale vengono effettuate misurazioni meteorologiche sin dal 1775, il Salone del Meridiano e la meravigliosa Sala della Biblioteca Barocca, con bellissimi affreschi e mappamondi di valore storico. Nella Cappella degli specchi, la cui ricca soluzione degli interni e la disposizione degli specchi non ha eguali in Boemia, si svolgono anche concerti di musica classica.

Cosa assaggiare

Ovviamente Praga non è solo cultura, storia e monumenti.

Mentre siete in giro alla scoperta della città impossibile resistere al profumo del manicotto di Boemia, dolce tipico della cucina ceca. Si prepara con un impasto che ricorda un pane dolce e la cui forma ricorda quella di un cannoncino formato extra. Al suo interno qualsiasi tipo di leccornia: gelato, panna montata, frutta, cioccolata…

E dopo una giornata passata tra i vicoli e le strade cittadine niente di meglio che concedersi una cena in uno dei tanti locali tipici: da non perdere assolutamente è il Gulash magari in uno dei ristorantini della città vecchia come Krcma, a due passi dalla piazza principale. E per un dopo cena alternativo potrete sorseggiare un cocktail a base di assenzio alla Absintherie, situata sempre nella città vecchia.

Dove soggiornare

Le proposte di soggiorno a Praga sono le più svariate: dai piccoli hotel a ridosso del fiume a quelli di più ampio respiro ai margini della città vecchia.

Se cercate qualcosa di semplice, in una posizione eccellente a due passi da Ponte Carlo e dalla piazza dell’Orologio, l’hotel Clementin saprà fornirvi tutto il necessario in un ambiente informale e curato.

Se volete un soggiorno in grande stile boemo, però, il massimo è il Carlo IV The Dedica Anthology, elegante 5 stelle in stile neorinascimentale sorto in quella che fu una banca.

All’interno di questo maestoso palazzo, non lontano da piazza della Repubblica, stucchi, affreschi e preziosi oggetti d’antiquariato appartenenti a un’altra epoca che si integrano con un’architettura dai tratti contemporanei e dettagli lussuosi.

Le 152 camere e suite dell’hotel sono tutte molto confortevoli e sono state progettate singolarmente, miscelando pezzi antichi e moderni. Sono disponibili opzioni di ristorazione rilassata o di alta cucina, e per un po’ di relax a fine giornata potete godervi la piscina interna riscaldata in mosaico blu, la sauna, il bagno turco, l’idromassaggio o farvi coccolare con uno dei trattamenti signature offerti nella SPA dell’hotel.

Il consiglio in più

Molto utile potrà essere l’acquisto della Praga Multicard, una speciale card che vi consentirà di utilizzare senza limiti i mezzi di trasporto, metropolitana inclusa, e vi darà diritto a sconti e offerte speciali in molti negozi e locali di Praga. Anche i tour della città – in auto, bus, Segway, bicicletta e e-Scooter – sono tra le attività per le quali potrete ricevere uno sconto se in possesso della card che potete comprare prima di partire direttamente qui: https://www.praguemulticard.com

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + 17 =

Fashion News

Mille righe per la primavera 2024 di QL2

Published

on

QL2 – brand ready to wear interamente prodotto in Lombardia – per la Primavera 2024 reinterpreta la stampa a righe, uno dei più apprezzati trend di stagione. La collezione include completi caratterizzati da pantaloni con fusciacca e gilet, blazer doppiopetto e camicie che si declinano su tessuti di alta qualità come il lino e le preziose tele di lana. Per la palette colori i classici toni neutri, leitmotiv del brand, si alternano a nuance più estive come il bianco, l’azzurro e l’arancione; le proporzioni attentamente studiate donano ai capi un’attitudine effortless e una piacevole sensazione di comfort, ma senza prescindere dall’eleganza e da un tocco di glamour.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

Franco Ferrari – Autunno-Inverno 2024/2025

Published

on

Per l’Autunno-Inverno 2024/2025, Franco Ferrari presenta una collezione ispirata alle ricche culture orientali.

Realizzata con pregiati tessuti come velluto, seta, tulle e lana questa stagione intreccia sapientemente colori e motivi dell’arte tipica indiana dando vita ad un armonioso dialogo estetico.

Abiti, vestaglie e pigiama palazzo diventano una tela bianca per l’illustratrice Silvia Tassone, che, con i suoi disegni tutti realizzati a mano, arricchisce i capi con motivi floreali di giacinti, narcisi e fresie, fiori che sbocciano d’inverno e che anche nelle peggiori condizioni riescono a regalarci sfumature meravigliose.

Giacche, camicie e gonne adornate con simboli tradizionali presentano mosaici raffiguranti tigri o stampe animalier.

Un tocco di astrologia si fa notare con un omaggio al sole, alla luna e alle stelle che sembrano festeggiare insieme un carnevale celestiale.

Un mondo magnifico e fiabesco quello di Franco Ferrari che si estende anche nella collezione degli accessori, dove altre culture lontane si fondono alla perfezione. Foulard di seta, cappe di lana o cashmere si vestono con stampe di grandi margherite psichedeliche, grifoni e pignatte messicane, persino il gioco del domino come elemento ludico, sempre presente nel dna del brand.

Franco Ferrari è un universo dove tradizione e innovazione si uniscono in armonia, le sue collezioni non sono solo capi d’abbigliamento ma autentici portali magici che conducono chi li indossa in un incantevole viaggio attraverso cultura, bellezza e creatività.

Questo slideshow richiede JavaScript.

GLI ACCESSORI

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

5 Users (1 voto)
Criterion 15
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Quali giacche Barbour acquistare ? Una descrizione dei migliori modelli per le stagioni

Published

on

Ashby, Beaufort, Bedale, Northumbria…. questi sono i nomi delle giacche Barbour storiche, universalmente riconosciute, utilizzate da personaggi famosi, così come non. Oggi andremo nel particolare di ogni giacca storica di Barbour, capendo insieme per quale stagione si adatta e quale è la differenza.

Partiamo dalla più lunga, la Northumbria. E’ un giacca molto pesante, parliamo di un tessuto sylkoil di 227g, realizzata interamente in Inghilterra, che ci protegge da tutte le tipologie di intemperie, e permette comodamente, grazie al fit relaxed, di avere sotto un completo in tweed, o uno o più maglioni. E’ un ever green del mondo della campagna, amata per la sua comodità e impermeabilità. Chiaramente, è anch’essa dotata di bottoni per il cappuccio, e Wind flap, che una volta chiuso, vi proteggerà da qualsiasi tipologia di vento incontriate. Direi che, personalmente questa giacca può andare bene per le stagioni invernali, con clima particolarmente cruento, e può essere indossata ovunque. Importante: ricordiamoci sempre la lunghezza della giacca!

Giacca classica cerata Northumbria

Passiamo poi alla Beaufort, giacca di lunghezza media, prodotto storico di barbour, che ne ha appena festeggiato i 50 anni di creazione. E’ una giacca perfetta per tutte le occasioni, comoda perché non è corta, ma nemmeno lunga come la Northumbria e leggermente meno pesante.
Personalmente è il modello basic che preferisco, da tenere sempre con me, perché non si sa mai in quale contesto ci troveremo durante la giornata, ma con la Beaufort siamo sicuri di essere sempre ben vestiti. Anche questo modello, viene presentato da WP Lavori In Corso, che ricordiamo essere il distributore italiano di Barbour, e proprietario del marchio Baracuta, celebre per le sue Harringtons, in colore classico Olive, ma anche in altre versioni, di cui vi consiglio di dare uno sguardo. Anche questa giacca la consiglio per la stagione invernale, e da il massimo, quando equipaggiata con il gilet interno, che permette di stare ancora più caldi.

Barbour Beaufort

La Bedale. Che dire, un icona di stile, pratica, corta al punto giusto. Questa giacca la definirei la più trasversale, in senso che, mentre la Beaufort e la Northumbria, per me, sono giacche prettamente invernali, questa no. Mi spiego. La tengo sempre attiva, tutto l’anno, perché anche in estate magari può capitare di alzarsi presto, o andare in montagna dove si necessita di più copertura, quindi la utilizzo sempre. Variando la sua “ straticita” data appunto dalla presenza di una zip che consente, nelle stagioni invernali, di equipaggiarla con un gilet. E’ più cittadina come costruzione, infatti proprio lì è molto comoda, in quanto permette di girare senza preoccuparsi della lunghezza, e passare da ambienti freddi a iper riscaldati senza problemi. Che dire, il giusto mix.

Barbour Bedale

Ultima, ma non per importanza, la Ashby. E’ il modello più recente, e anche il più leggero delle giacche Barbour. Il fit e’ tailored, quindi parliamo comunque di una vestibilitá stretta. Le differenze? I bottoni color oro e i polsini in corduroy che riprendono il colletto, che non ha il bottone classico. Un modello che definirei di approccio a Barbour, e sicuramente da utilizzare nelle stagioni intermedie per comprendere appieno l’essenza del brand. Ottima da usare anche con un dolcevita, ma la sua forza principale è la pesantezza, che la rende la giacca perfetta da utilizzarsi in quei mesi dove con un maglione fa caldo e senza fa freddo. Ovviamente il tutto in stile barbour. E’ un go to, che e’ poi stato reinterpretato anche in una versione estiva, molto bella, di un verde militare delicato, che si ancora perfettamente allo stile senza tempo del brand.

Barbour Ashby

Considerazione finale:
Qualsiasi modello sceglierete, ogni giacca del brand va considerato un investimento. Va usata tantissimo, perché più la porterete più la giacca si adatterà al vostro corpo, e, in un futuro, potrete tramandarla ai vostri figli. Cosa c’è di più bello e di più sostenibile di questo?

Info:
www.wpstore.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending