Connect with us

Collezioni Donna

Paris – 31 Rue Camcon 2019/20 Métiers D’art Collection – Chanel

Published

on

Who hasn’t dreamt of climbing the mythical Art Deco staircase at 31 rue Cambon in Paris, of entering Gabrielle Chanel’s apartment, of discovering this intimate, baroque space filled with her books and favourite objects, before going downstairs to attend a show in the salon? On December 4th 2019, it’s the entire atmosphere of 31 rue Cambon that has been recreated at the Grand Palais, to present the 2019/20 Métiers d’art collection. This emblematic address, the heart of CHANEL’s Fashion creation, was transposed to the nave of the Grand Palais, transformed for the occasion into a timeless space. An extremely refined écrin for a collection that renders the codes and the allure of CHANEL sublime.

There is a sort of simplicity in going back to Chanel’s ABC. We don’t need to do too much,” confides Virginie Viard,I didn’t want the usual long-distance travelling of the Métiers d’art collections, I wanted to stay in Paris. So, we had to think of a new way of doing things. And then there are the codes invented by Gabrielle Chanel and made sublime by Karl Lagerfeld, which I like mixing up too. I like the idea of a patchwork. For me, it has to be on the same level as in real life. I always question the context, which has nothing to do with the way we lived decades ago: what would a woman like today? How would she wear it?

This very contemporary collection of an iconic elegance comes as jumpsuits made of tweed so fine it is as supple as knitwear, and as short suit jackets with rounded edges, worn with low waisted skirts, slit at the front to liberate legs in motion; and on the ribbon of bare skin between the two, a fine belt in chains and pearls.
A little black jacket buttons up the side, a suit becomes a dress with an asymmetric décolletage and a long pointed train attached to one shoulder, flowing down the back. Inspired by a pink tweed suit created by Gabrielle Chanel in 1960, whose lining was tie-dyed in black, blue, pink and mauve, here the tie-dye is on the outside of the tweed of several suits, and all over the chiffon of a long dress cut into a pointe, trimmed with ethereal feathers, as well as on the braids and on the iconic bags of the House, the 11.12 and the 2.55. Finally, the BOY CHANEL and CHANEL’s GABRIELLE become miniature bags which are worn as jewellery.

Emotion vibrates in the air as the models descend the white-trimmed beige steps of the grand staircase and walk through the salon. Straight, double-breasted coats in black fine bouclé cashmere with belts in long chiffon ribbons embroidered with wheat, ribbons and chains in sequins and beads, appear in succession.
Slender silhouettes pass by in a dress of embroidered black lace, neckline framed with feathers, or in a diaphanous dress of pearl-coloured lace sprinkled with tulle camellias embroidered in relief, accessorised with a minaudière in the shape of a golden cage constellated with strass, a reference to the little bird cage present in Mademoiselle’s apartment.

A long dress in white duchess satin with a pure line, worn with a cape, double-breasted black strapless dresses and a champagne-hued lace ensemble – inspired by the legendary portrait of Gabrielle Chanel photographed by Cecil Beaton in 1937 – of a sensual suppleness that swathes the body like a second skin. The silhouette is punctuated with a godet in the same lace that floats like a trail of perfume…
The camellias made by Lemarié become sculptures and completely cover little evening bomber jackets: one is quilted, with flowers made of duchess satin, with strass at their centre, and worn with black sequinned trousers; the other is white with flowers in silk pongee, their centres embroidered like jewels.

The two-tone, another CHANEL code, features on the shoes made by Massaro – like these gold leather pumps embellished with little bows with black toes – and the graphic suits that alternate black with white.
The wheat, the ribbon, the pearls are embroidered by the House of Lesage onto a precious strapless dress accompanied by a tulle coat of an exceptional refinement.
While black and gold are very present, pink appears as one of the key colours of the collection: soft pink, apricot, raspberry and even garnet on the tweed of both skirt and trousers suits, and also on a tweed jumpsuit. The suit is also revisited in a fuchsia pink satin, trimmed with braid made from an intense pink tweed, while the skirt, pleated at the front and straight at the back, imposes a fluid and liberated allure.

Diaphanous and regal, dresses in the colour of weather, as if they’ve been dipped in a summer sky as well as a long dress in silk chiffon with its entirely pleated skirt, streaked with braids made of flowers, halo the show with an otherworldly aura.

Silhouettes are accessorised with an accumulation of costume jewellery: cuff bracelets, plastron necklaces in pearls and strass from which sautoir necklaces and other pendants all seem to spark, chokers with white strass stars, while chain belts are embellished with rows of pearls, bows and camellias.

Behind this collection is the constant creative dialogue between Virginie Viard and the Métiers d’art that has lasted three decades. A vision of pure magic that, on December 4th 2019 at the Grand Palais, within a showcase of Gabrielle Chanel’s talismans, transcended the very notion of fashion to achieve a timeless elegance, allure and beauty according to CHANEL.

The actresses and CHANEL ambassadors Kristen Stewart, Vanessa Paradis, Lily-Rose Depp, Penélope Cruz, Alma Jodorowsky, Marine Vacth and Yara Shahidi attended the runway show, as did friends of the House Sofia Coppola, Marion Cotillard, Isabelle Adjani, Carole Bouquet, Angèle, Margaret Qualley and Sébastien Tellier.

The show was followed by dinner at La Coupole, with a performance by the Belgian singer Angèle and a soirée at the dancing of La Coupole.

#CHANELMetiersdArt

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 2 =

Collezioni Donna

Byblos FW 24/25

Published

on

Un ponte tra natura e tecnologia attraverso la spirale

In un mondo in cui la fusione tra natura e tecnologia diventa sempre più raffinata e innovativa, la collezione Byblos fw 24.25 esplora questa sinergia attraverso il prisma della spirale. La spirale, simbolo universale di evoluzione e connessione, funge da chiave interpretativa per un viaggio che abbraccia tanto il micro quanto il macrocosmo, dalle strutture del DNA alle volute delle galassie, illustrando il percorso dell’innovazione dal passato verso il futuro.

BYBLOS è l’incarnazione di come elementi della natura si intrecciano con l’avanguardia tecnologica. Le nostre creazioni sono ispirate da forme naturali come conchiglie e geometrie vegetali, reinterpretate attraverso materiali high-tech per esprimere un’estetica futuristica. I capi si distinguono per l’uso di tessuti tecnici, come il tessuto Russell luminescente, che creano effetti tridimensionali luminosi, variando la percezione in base all’angolazione di osservazione.

Un esempio emblematico è il trench iconico, che reinventa la sua forma classica attraverso l’aggiunta di elementi spiraliformi che aggiungono un volume circolare distintivo, specialmente nelle maniche e nella parte inferiore della cintura. La sinuosità organica si manifesta anche attraverso l’uso innovativo di lamine termoadesive, che abbracciano e valorizzano la figura femminile con flussi organici, trasformando il capo in una fusione di rigore e fluidità.

La collezione spazia dal nero profondo a tocchi di blu, bianco e un rosso vivace che ricorda l’essenza urban high-tech di BYBLOS, integrando anche eco-pellicce che adottano forme ovoidali per un’interpretazione contemporanea e consapevole. L’evoluzione del trench da solido a liquido, trasformandosi in abiti di seta che fluiscono liberamente, rappresenta la nostra visione di versatilità e cambiamento, sottolineando la transizione continua tra diverse forme e stati.

In BYBLOS, i tradizionali confini tra i vari tipi di capi si dissolvono, dando vita a una collezione che esplora nuovi orizzonti creativi attraverso il gioco di volumi e proporzioni. Ogni pezzo è una testimonianza del nostro impegno a fondere insieme bellezza, innovazione e sostenibilità, offrendo un nuovo linguaggio di design che celebra la fusione tra l’eredità naturale e il progresso tecnologico.

La collezione BYBLOS, un omaggio alla spirale come simbolo di connessione tra il mondo naturale e quello tecnologico, una collezione che non solo si distingue per il suo design innovativo ma anche per il suo impegno verso un futuro più sostenibile, inclusivo e consapevole.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

ACT N°1 Collezione Autunno Inverno 2024/25

Published

on

La nuova collezione ACT N°1 e la sua rappresentazione attraverso gli abiti e le immagini è un omaggio al cinema, una poesia d’amore per l’arte cinematografica e il suo linguaggio analogico, dal passato ad oggi. Non solo amore per le immagini che scorrono sul grande schermo ma per il rito, ormai scomparso, di sedere in una grande sala al buio e lasciarsi incantare dal silenzio e dallo schermo argentato. La nascita del cinema, le tecniche di ripresa, il linguaggio espressivo tolto alle parole e lasciato ai volti, è ciò che Luca Lin ha scelto per comunicare la sua nuova collezione.

Nel video, sono i volti dei personaggi intepreti della collezione a raccontare un sentimento quotidiano che diventa dolore, angoscia, sofferenza del vivere oggi. Ogni look è studiato per comunicare un animus diverso. La collezione parte dalla decostruzione del guardaroba maschile e di un capo femminile, il corsetto con i suoi lacci e le sue limitazioni. La stratificazione parla di sovrastutture sociali da superare. L’effetto è loose e over, con capi scivolati e sovrapposti. Il fit è ampio sia nei capospalla sia nei pantaloni con elastico in vita. Le giacche sono super-over, esasperate nelle proporzioni. La camicia è il prodotto della stratificazione di tre camicie, le t-shirt sono una sopra all’altra, così come le giacche.

Anche i colori usati in degradè, parlano di un incontro tra il grigio urbano e i toni della terra. Antracite, cemento, nuvola, terra, beige, neutri, il contrasto tra bianco e nero. Il verde militare.

Nella storia, alla fine, c’è un senso di liberazione e di integrazione attraverso la rappresentazione del Mahjong, gioco tradizionale in Cina, che unisce diverse età e culture. E una lezione intensa: la guerra è sofferenza e non importa quale guerra sia, non importa da quale parte stai. La guerra è giusta solo se si chiama pace.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Collezioni Donna

Alla scoperta di Fez con la collezione Primavera/Estate 2024 di Niù

Published

on

«Un viaggio in Marocco, per conoscere, comprendere e ricordare.
Un incontro cercato, preparato, studiato per poi lasciarsi
sorprendere dalla magia dei luoghi e delle persone.
Un’esperienza di vita autentica, per guardare con i nostri occhi,
senza lasciarci condizionare dai racconti altrui».

Serena Cibischino, fondatrice e CEO di Niù.

Per la collezione Primavera/Estate 2024, Niù è volato in Marocco, pronto ad assaporare appieno la cultura, la spiritualità, l’energia potente e dinamica delle sue terre.

Il profumo del tè alla menta si spande per i vicoli di Fez, luogo d’ispirazione per la prima parte della collezione, con la sua Medina brulicante di vita, con gli stucchi che rivestono i palazzi e lo zullayi, il mosaico in terracotta smaltata di cui moschee e le scuole coraniche sono ricoperte. Qui si incontrano le tante nuance della terra, del grano, delle spezie come la curcuma, oltre al verde sgargiante della torre simbolo della città. Qui si respira il Maghreb più colto e le persone si muovono con una spontaneità che lascia il segno.

Queste suggestioni danno vita a fantasie, abbinamenti di colore e di stoffe, giochi di volumi e lunghezze da cui prendono corpo i capi Niù. Gli ampi pantaloni palazzo sono abbinati a capispalla dal peso leggero in vista della primavera, a top annodati sotto al seno o a lunghi abiti con stampe che richiamano i decori geometrici tipici del luogo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending