Connect with us

Eventi

A Napoli a Villa Domi International Excellence Awards

DailyMood.it

Published

on

Napoli, città bellissima piena di contraddizioni e dalle mille sfaccettature, dove stile, creatività ed eleganza si incontrano nei suoi vicoli e si scontrano con una realtà a volte problematica, città  dalla grande cultura e tradizione ammalia tutti come una sirena, affacciata sul mare, e nessuno resiste al fascino di questa città, con la sua storia, il folklore, l’arte, la musica, la buona cucina, e la sua tradizione sartoriale. E fedeli alla tradizione dalla cultura del capoluogo campano l’imprenditore Gianfranco Unione e Luciano Carino, famoso image counsulting  Rai firmano la terza edizione dell’International Excellence Awards celebrata nella meravigliosa location di Villa Domi a Napoli.

Arte, Cultura, Medicina, Teatro, Cinema, Scienza, Imprenditoria, Cucina intesa come Arte, Abbigliamento e Moda Couture, Giornalismo, Musica, Sociale, Design, la manifestazione è stata presentata dalla conduttrice Stefania Maria, e ha avuto una grande risonanza, è stata seguita da stampa, media ed emittenti TV e si è conclusa con una cena gourmet organizzata dall’Istituto Alberghiero San Giorgio di Quarto (Na) dove il cibo, abbinato alla degustazione di vini pregiati,  ha preso la connotazione di  vera Arte come logico epilogo di un evento che vuole evidenziare tutte le categorie dove si sono contraddistinti personaggi internazionali nell’arco dell’anno.

I Premi International Excellence Awards 2019

Premio Medicina Cattedra Unesco alla Prof.ssa  Annamaria Colao per l’educazione alla Salute e allo Sviluppo Sostenibile

Premio categoria Moda a Ester Gatta (Eles Couture) e al Brand Hanna Moore Milano

Premio categoria Cinema all’On. Nicola Acunzo Presidente Intergruppo Parlamentare Cinema e Arti nello Spettacolo, al produttore audiovisivo  Eduardo Angeloni, al  produttore Gaetano Di Vaio – BronxFilm e a Ivan Castiglione

Premio Categoria Beauty a Miriam Carino HM Makeup Italy – consulente d’immagine

Premio Categoria Arte a Carlo Di Santo per la fotografia, a Daniele Unione per “la Cucina come forma d’Arte” e a Nancy Calamatta Storica  dell’Arte

Premio Categoria Giornalismo al Direttore Lorenzo Crea, impegnato nel sociale, e a Camilla Nata, giornalista inviata Rai 1Mattina

Premio Categoria Musica a Maria Nazionale

Premio Categoria Sociale a UTIC Pozzuoli

Premio Categoria Imprenditoria a Ciro Guarino, a Mario Cozzolino, a Chogan, a Carolina Amato, a Eugenio Maisto, a Claudio Carino.

Premio Categoria Design a Ester Gatta
Si chiude la terza edizione del International Excellence Awards, premio ideato dall’imprenditore  Gianfranco Unione con la direzione artistica di Luciano Carino,  nato con l’obiettivo di  celebrare e insignire con un prestigioso riconoscimento “le Eccellenze” che si sono distinte nel corso dell’anno nei vari segmenti,  diventato in breve tempo una importante realtà che evidenzia come il modello italiano e il nostro sistema del Made in Italy hanno qualcosa di inimitabile, la creatività, che fa sì che l’italian style sia diventato nel mondo sinonimo del frutto di un lungo mixer tra cultura, arte, artigianato, abilità manifatturiera, comunicazione, fotografia, cucina, territorio e principalmente la memoria storica dei nostri inimitabili maestri artigiani e questo insieme ha contribuito a costruire, nel corso degli anni, la più importante filiera del mondo occidentale.

Crediti PH: Photo by Carlo Di Santo. Com group

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + dodici =

Eventi

FILIGRANA Stefano Arienti, Pierpaolo Campanini, Maurizio Mercuri

DailyMood.it

Published

on

Inaugura venerdì 24 gennaio 2020 alle ore 18.00 a Palazzo Vizzani a Bologna (via Santo Stefano 43) la mostra Filigrana, che propone un dialogo tra le opere, per la maggior parte inedite, di Stefano Arienti, Pierpaolo Campanini e Maurizio Mercuri, a cura di Fulvio Chimento. Filigrana è promossa e organizzata dall’Associazione Alchemilla in collaborazione con Associazione Controcorrente nell’ambito di ART CITY Segnala 2020 e in occasione di Arte Fiera.

L’idea di coinvolgere Arienti, Campanini e Mercuri nella mostra Filigrana, nata per gli ambienti settecenteschi di Palazzo Vizzani, ha lo scopo di offrire al pubblico un percorso espositivo ricercato dal punto di vista teorico ed estetico. La filigrana, antica tecnica di impressione visibile su carta solo in trasparenza o in controluce, rimanda infatti alla preziosità e alla sapienza del processo di elaborazione artistica, ma costituisce simbolicamente anche l’anima dell’opera d’arte che può manifestarsi o rimanere quieta, in attesa di un atto critico in grado di ridestarla.

Stefano Arienti presenta esclusivamente opere inedite, frutto della sua attuale ricerca, che prevede la stampa di immagini, prodotte dallo stesso artista, su materiali di uso comune, come tappetini in ciniglia o carta da manifesto sapientemente lavorata fino a ottenere una resa quasi scultorea. In altra serie di lavori la superficie fotografica è cucita a macchina, l’ordito della trama costituisce il codice-segno impresso dall’artista sulla propria opera. Arienti si serve di un raffinato linguaggio metamorfico che gli consente di manipolare gli oggetti con cui si misura, trasformandoli in veicolo e supporto di forme e colori, a un primo sguardo non riconducibili alla realtà.

Le opere realizzate da Pierpaolo Campanini dialogano con affreschi, tessuti e carte da parati che decorano gli ambienti di Palazzo Vizzani: la pittura diviene quasi “araldica” e infonde carica simbolica al percorso espositivo. Gli interventi di Campanini rifuggono dalla classificazione di “dipinti” o di “oggetti”: l’artista accentua la dimensione mimetica delle opere. Uno di questi interventi contempla la presenza di un’opera preesistente di Luca Bertolo, in un confronto teso a esplorare le potenzialità del linguaggio pittorico nel misurarsi con un contesto ambientale caratterizzato dall’azione del tempo.

Il suono, la luce e la fotografia sono gli elementi che qualificano la presenza in mostra di Maurizio Mercuri (che presenta un consistente numero di lavori inediti), artista dotato di un talento cristallino che gli permette di formalizzare con immediatezza la sorgente concettuale delle sue intuizioni artistiche. Alcuni lavori installativi di Mercuri si misurano con lo stesso grado di magnificenza degli ambienti di Palazzo Vizzani, mentre altri interventi minimali (alcuni pensati come “opere da viaggio”) risultano quasi incastonati nella memoria delle strutture architettoniche.

La filigrana è espressione di una stratificazione di senso, di un presente sul quale incide un involontario processo di conservazione/disgregazione esercitato dal tempo, lo stesso che ha permesso agli ambienti di Palazzo Vizzani (la cui direzione artistica è affidata a Camilla Sanguinetti) di mantenere intatta la sua essenza.

ASSOCIAZIONE ALCHEMILLA – APS
L’Associazione Alchemilla nasce nel 2019 da un incontro fortunato tra persone già impegnate a vario titolo in ambito culturale: artisti, curatori, collezionisti, performer, appassionati d’arte. L’intento del progetto Alchemilla è di sostenere la ricerca e la sperimentazione in ambito artistico, la programmazione annuale si arricchisce della presenza di artisti in studio e in residenza. Gli spazi messi a disposizione di artisti e performer costituiscono un luogo ideale che permette a questi di dare sostanza alle loro istanze creative. I sostenitori di Alchemilla credono nella funzione pubblica dell’arte quale collante sociale e di crescita individuale, veicolo di opportunità lavorative e di sviluppo in ambito economico.

Mostra: FILIGRANA
Artisti: Stefano Arienti, Pierpaolo Campanini, Maurizio Mercuri
Sede: Palazzo Vizzani, via Santo Stefano 43, Bologna

A cura di: Fulvio Chimento

Periodo: 24 gennaio – 7 marzo 2020

Organizzata da: Associazione Alchemilla APS nell’ambito di ART CITY Segnala 2020 in occasione di Arte Fiera

Con il sostegno di: Associazione culturale Contro-corrente, Studio legale associato Zunarelli, Modern English Study Center, Rotary Club Bologna.
Progetto grafico: Elisa Campagnaro
Ingresso: libero

Inaugurazione: 24 gennaio, ore 18

Anteprima riservata alla stampa: mercoledì 22 gennaio ore 11:30 presso Palazzo Vizzani (a seguire, visita alla mostra con artisti e curatore)

Il 25 gennaio il curatore conduce due visite guidate gratuite, alle ore 19 e alle ore 21.

Il 25 e 26 gennaio alle ore 11 e alle ore 12 vengono eccezionalmente proposte visite guidate negli studi/atelier messi a disposizione degli artisti dall’Associazione Alchemilla.

Info e prenotazioni per visite guidate alla mostra e agli studi: info@alchemilla43.it (consigliata prenotazione)

Dal 20 novembre 2019 al 28 febbraio 2020 gli spazi dell’associazione accolgono anche la residenza del duo artistico formato da Saggion-Paganello, a cura di Fulvio Chimento.

ORARI
Nei giorni di ART CITY Bologna
Venerdì 24 gennaio: ore 18-22.30
Sabato 25 gennaio (Art City White Night): ore 10-24
Domenica 26 gennaio: ore 10-20
Nei giorni successivi
Tutti i venerdì e sabato: ore 16-20
Gli altri giorni la mostra è visitabile su appuntamento: tel. 340 4700468 – 333 2915615

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

Torna il mood del fiabesco con Pinocchio ed i suoi costumi

T. Chiochia Cristina

Published

on

Già anni fa, su Dailymood.it parlammo del mood del fiabesco come risposta a un mondo sempre più complesso e difficile. Ora, questo magico mood torna al cinema come riflessione della consapevolezza delle proprie azioni attraverso l’alta sartoria cinematografica.
Il regista di Gomorra, infatti, pare essere un amante delle storie a lieto fine, tanto da riproporre sul grande schermo la bellissima storia di Carlo Collodi “Le Avventure di Pinocchio” (anche se in una prima versione la storia si concludeva con l’impiccagione del burattino): film che va ad aggiungersi al patrimonio commemorativo di Collodi insieme al celebre parco situato in provincia di Pescia.

Nel mood di Pinocchio e della storia-fiaba, che da sempre incanta grandi e piccini, è stata inaugurata la bellissima mostra temporanea sui costumi del film creati da Massimo Cantini Parrini al Museo del Tessuto di Prato. Aperta dal 21 dicembre al 22 marzo 2020, la mostra riporta una sezione dedicata alle immagini e agli oggetti di scena provenienti direttamente dal set del film.
Un Museo, quello del Tessuto di Prato, da sempre molto attento al mondo del cinema, tanto che nel 2018 ha ospitato anche la mostra sui costumi del film di Marie Antoniette che si è rivelata un grande successo.

Il “Pinocchio” nei costumi di Massimo Cantini Parrini è strepitoso, così come il suo ideatore (vincitore di 3 David di Donatello consecutivi e di molti altri premi) che quest’anno conquista meritatamente una mostra a lui dedicata in un museo tanto prestigioso.
Il burattino Pinocchio, con i suoi meravigliosi abiti, diventa un bambino vero facendosi portatore di questo “mood del fiabesco”, grazie in particolare al lavoro di Massimo Cantini Parrini sulla storia del costume per i bozzetti e la realizzazione finale dei costumi, che non solo sono di altissima qualità, ma frutto di abile maestria sartoriale ed artigianale. A differenza di altri costumi realizzati per analoghi film, quelli di Pinocchio si distinguono probabilmente per questa sorta di “moodboard” nello storyboard della fiaba più amata di sempre, aggiungendo ad abiti molto semplici (quasi stracci) dettagli davvero complessi (cuciture e drappeggi).
E cosi, a Prato, presso il Museo, si sono dati appuntamento il costumista, Massimo Cantini Parrini e la Storica del costume Cristina Giorgetti, oltre a Francesco Nicola Marini, presidente della Fondazione Museo del Tessuto, Simone Mangani, assessore alla cultura del Comune di Prato, Filippo Guarini e Daniela Degl’Innocenti, direttore e conservatrice del Museo del Tessuto.

Gli oltre 30 abiti presentati rispecchiano molto bene lo spirito del film (che è una coproduzione Italia-Francia) e portano con sé una sorta di “magia” in occasione dell’imminente Natale: la magia di vestire personaggi quali Pinocchio e Geppetto, il Grillo Parlante e la Fata Turchina, Lucignolo e Mangiafuoco, il Gatto e la Volpe e molti altri, dando forma e colore a personaggi tanto celebri ed amati, senza snaturarli, traghettandoli verso il famoso lieto-fine. Anche la scelta della fisicità degli attori è stata determinante e lo si evince proprio dai costumi che ne amplificano la loro caratterizzazione. A solo titolo di esempio cito il binomio Roberto Benigni-Geppetto, Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini in Il Gatto con la Volpe e Gigi Proietti che interpreta Mangiafuoco, così come Maria Pia Timo nel ruolo della Lumaca.
Costume e bozzetto sono perfettamente in armonia. Una vera e propria “progettazione” che vanta la collaborazione con grandi sartorie italiane, tra le quali spicca la celebre Sartoria Tirelli di Roma. A questo aggiungiamo l’amore per la moda e l’abbigliamento storico che diventa fonte di ispirazione per un percorso espositivo dei personaggi che, come recita il comunicato stampa è articolato in due sezioni: “la prima dedicata al costumista, alle sue fonti d’ispirazione e al suo lavoro creativo attraverso video, campionature di tessuti, capi d’abbigliamento storici del XVIII e XIX secolo provenienti dalla sua straordinaria collezione personale, utilizzati come fonti di ispirazione diretta per la creazione degli abiti del film. La seconda sezione invece, prevede l’esposizione di oltre trenta costumi dei principali personaggi del film, accompagnati da immagini tratte dal film stesso e da alcuni, simbolici oggetti di scena”.

Concludendo si segnala lo strepitoso lavoro dei truccatori sugli attori, che hanno reso i costumi ancora più belli e, sicuramente, hanno fatto la differenza nel film.
A solo titolo di esempio cito il costume della Lumaca proposto dalla Sartoria Tirelli: personaggio spesso assente nelle trasposizioni cinematografiche del libro di Collodi che nel film di Garrone non solo c’è ma, con un trucco curatissimo ed un costume molto complicato, dà vita a un incredibile effetto scenico.
La Lumaca, interpretata da Maria Pia Timo diventa quasi l’essenza del film attraverso il suo costume elaborato. Il costumista Massimo Cantini Parrini, infatti, è stato in grado di raggiungerne la profondità con un lavoro incredibile nella “stratificazione” dei vari tessuti e strutture utilizzate, rendendolo simile al vero personaggio del libro (è difficile riconoscere la stessa attrice che lo interpreta). Un vero capolavoro di costume come elogio della lentezza e della riflessione che si fa abito-scultura, diventando l’architettura portante dello stesso personaggio. L’abito della Lumaca è “scorza” e guscio insieme, è accogliente e protettivo nel suo significato più profondo, che è poi il tema stesso del libro e del film: la riflessione e la consapevolezza delle proprie azioni. Bentornato Carlo Collodi.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

Il cinema oltre il cinema: un nuovo mood nato dal progetto cinematografico per Prada “LE STUDIO D’ORPHÉE”

T. Chiochia Cristina

Published

on

Dal 2 dicembre 2019, presso la Fondazione Prada a Milano, è stato presentato il nuovo progetto “Le Studio d’Orphée” di Jean-Luc Godard, visitabile a partire dal 4 dicembre 2019.
Si tratta di un’opera permanente aperta al pubblico, ma accessibile solo su prenotazione e in determinati orari. All’interno de “Le Studio d’Orphée” è possibile assistere alla proiezione di nove cortometraggi e di un film, ad orari definiti e con lo stesso criterio per piccoli e grandi gruppi: un vero e proprio mood cinematografico per molti, ma non per tutti.

Come recita il comunicato stampa “le Studio d’Orphée (studio di Orpheus) è un atelier, uno studio di registrazione e montaggio, un luogo di vita e di lavoro trasferito al primo piano della galleria Sud. Il cineasta ha deciso di trasferirvi il materiale tecnico, utilizzato nelle riprese dei suoi ultimi film dal 2010, nonché mobili, libri, dipinti e altri oggetti personali dal suo studio a Rolle, in Svizzera“. Un nuovo progetto cinematografico, quindi, per la Fondazione Prada, sempre più all’avanguardia per questo genere di contaminazioni artistiche, dove l’arte viene coinvolta a 360 gradi.

Oltre, quindi, al concetto di installazione, il nuovo progetto va oltre il cinema come mood emozionale, proponendo un vero e proprio cinema artigianale che si veste di particolari, dipinti e oggetti (compreso il Leone d’Oro che diventa fermalibro facendo intravedere un libro di Celine e, forse, non a caso) ricomposti come nella stanza originale: l’atelier – parola scelta per mettere in risalto l’esperimento e lo spunto autobiografico dell’utilizzo dello spazio.
Ecco, così, prendere forma la storia del cinema di Godard, narrata in prima persona quasi a sottolineare, da un momento all’altro, il ritorno dell’alter ego del regista, pronto a riappropriarsi di tutto.

Come anticipato, nel nuovo spazio creato per questa installazione, entrata a far parte del patrimonio permanente della Fondazione, “Le Studio d’Orphée” offre la possibilità di assistere al film Le Livre d’image (The Image Book) del 2018, concepito come miscelazione di suoni, direttamente su un monitor, il monitor del regista, dove solitamente questi lavora e opera. Lo stessa vale per i nove cortometraggi, sintesi di un vero e proprio processo creativo. Insomma, un viaggio nel cinema come catarsi dello spettatore che, piano piano, penetra nel luogo fisico in cui il film è nato.

Non stupisce, pertanto, che questo percorso cinematografico continui e culmini con la possibilità di un ascolto “sonoro” del cinema, proprio nell’ascensore della Torre: una sorta di anabasi ottenuta con “Accent Soeur”, volta a raccontare la storia della settima arte grazie a una particolare installazione sonora. Abbandonate quindi le scale, l’utente della Fondazione Prada diventa pioniere di un nuovo mondo emozionale, protagonista di una spedizione da novello Orfeo alias “spettatore di cinema sonoro“, fruitore, non di immagini, bensì di arte cinematografica: un viaggio a partire dalla “costa” che ha, naturalmente, come punto di partenza la poltrona del regista, il suo monitor, i suoi attrezzi da lavoro, oggetti e film, e che continua verso l’interno, in un territorio cinematografico “allargato”, quasi dilatato, che propone l’esatto contrario nell’ascensore.
Una spedizione dall’interno paragonabile, quindi, a una novella catabasi di “buon ritorno” allo stato di fruitore di arte (e non di festival cinematografici), anche se involontario e, forse, un po’ confuso e inconsapevole, nuovamente, senza la Euridice.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending