Connect with us

Mood Town

Il Canada da scoprire

DailyMood.it

Published

on

Il Canada è un paese immenso, con le coste più lunghe al mondo. La sua superficie è di quasi 10 milioni di chilometri quadrati. E’ lo stato con più laghi al mondo, ci sono regioni che hanno le targhe a forma di orso polare e gli abitanti di Churchill (città che si affaccia sulla Baia di Hudson) lasciano spesso le auto aperte per offrire una via di fuga o un nascondiglio da chi scappa dagli orsi polari!
La regione del Quebec è il maggior produttore di sciroppo d’acero al mondo. La foglia di quest’albero è anche nella bandiera canadese. Per un litro di succo sono necessarie 40 litri di linfa che viene estratta dai tronchi, in un periodo stabilito, e da alberi di oltre 80 anni.

Scopriamolo grazie a Evolution Travel

AVVENTURA NEL FIORDO DI SAGUENAY
Una vacanza per il viaggiatore attivo, alla scoperta di questa favolosa zona del Quebec e dell’inverno canadese, con gli alberi coperti di neve e i laghi ghiacciati. Si parte da Montreal, l’affascinante capitale economica e culturale del Québec con la Città Vecchia, la Mount Royal (la montagna in città), la Basilica di Notre Dame e il Quartiere degli Affari. Percorrendo il fiume San Lorenzo si arriva allo storico sito degli Huron-Wendat, un tuffo nel passato e nella storia degli aborigeni canadesi. Si prosegue per Saguenay e e quindi per Pourvoirie du Cap au Leste, con vedute spettacolari sul fiordo immersi nella foresta. Escursioni in zona: una in motoslitta fino al villaggio di Sainte Rose du Nord, una con le ciaspole per ammirare il paesaggio, un’altra con le slitte trainate dai cani e poi un tuffo nella piscina riscaldata o una sauna per rigenerarsi godendo di magnifiche vedute. Non manca la lezione di tecniche di sopravvivenza nella foresta per imparare a pescare nel ghiaccio, come accendere un fuoco sulla neve e come costruire un “quinze”, un tipico igloo del Québec meridionale. Si riparte per Québec City, bellissima città il cui centro storico è patrimonio UNESCO.
L’itinerario di 8 giorni/7 notti parte da 1.149 euro a persona, in camera doppia, in mezza pensione con trasferimenti (Montréal-Québec City-Cap au Leste e viceversa).

IL MERAVIGLIOSO OVEST
Uno dei viaggi più belli da fare nel Canada dell’Ovest, dove la natura rigogliosa ed incontaminata regna sovrana, con scenari senza eguali e ospitalità sincera e cordiale. Si parte da Calgary, la città più grande della regione dell’Alberta, situata ai piedi delle Montagne Rocciose e sede dei giochi olimpici del 1988 e si prosegue attraverso le vaste praterie dell’ovest, lungo la Trans-Canada Highway, per arrivare a Banff, la cittadina circondata dal primo Parco Nazionale del Canada (1885) che protegge le sorgenti termali naturali. Si prosegue per Lake Louise, uno dei laghi più fotografati del Canada, poi la famosa Icefields Parkway (considerata una tra le strade più belle e spettacolari del mondo), poi la Columbia Icefield, e a bordo dell’Ice Explorer si percorre l’antico ghiacciaio Athabasca per arrivare a Jasper. Si punta a ovest lungo la Yellowhead Highway entrando nel cuore della Columbia Britannica, si segue il fiume Thompson attraverso le pittoresche Shuswap Highlands con destinazione Kamloops, quindi Whistler attraversando un territorio pieno di ranch e montagne, poi lungo la Sea-to-Sky Highway si arriva a Horseshoe Bay per prendere il traghetto per attraversare lo stretto di Georgia e arrivare a Victoria, con il suo caratteristico spirito coloniale e le bellissime composizioni floreali, famose nel mondo, dei Giardini Butchart. Si riparte per una crociera lungo la zona turistica delle isole di Gulf puntando verso la città di Vancouver, adagiata sull’oceano, con visite dello Stanley Park, English Bay, Gastown e Chinatown. L’ultima tappa del tour sarà il Capilano Suspension Bridge Park per testare la saldezza dei nervi: il lungo ponte collega i due lati di una profonda valle in un ambiente boscoso incontaminato.
L’itinerario di 10 giorni/9 notti parte da 2.437 euro a persona, in camera doppia, con prima colazione (+ 1 pranzo e 3 cene), pullman privato e accompagnatore parlante italiano.

ATMOSFERA INVERNALE DELL’EST CANADESE
Il Canada in inverno è un’esperienza unica, irripetibile: un’atmosfere da fiaba. Per chi non teme le basse temperature ed anzi è pronto a vivere esperienze fuori dall’ordinario, è una destinazione perfetta! Molto panoramiche le zone della Cascate del Niagara e dei Grandi Laghi, cosi come il territorio dove scorre il fiume San Lorenzo, che attraversa le regioni dell’Ontario e del Québec.
Si comincia da Toronto, la città più popolosa del Canada, centro finanziario e capoluogo della provincia dell’Ontario. La sua particolarità è di essere su due livelli, uno “strada” e l’altro “sotterraneo”, The Path, con 27 chilometri di strade create agli inizi degli anni sessanta dello scorso secolo per via dei venti nordici che d’inverno portano le temperature “in superficie” anche a -30°C. Ci si muove solo a piedi o con mezzi per disabili ma ci sono numerosi punti di contatto con la viabilità esterna e con la fitta rete di stazioni del trasporto pubblico (sotterraneo e di superficie). The Path è completamente attrezzato come una città con ristoranti, bar, banche, supermercati. Le stazioni ferroviarie e molte aziende hanno l’accesso multiplo in superficie e sotterraneo. Si parte per un’escursione alle maestose Cascate del Niagara con visita all’ottocentesca cittadina di Niagara-on-the-Lake. Si riparte, lungo il Lago Ontario per la storica Kingston, prima capitale del Canada, e si arriva ad Ottawa, l’attuale capitale, famosa per i musei e le sue architetture. Da vedere: il canale Rideau (inaugurato nel 1832 è un canale artificiale Patrimonio UNESCO che unisce la città a Kingston), Rideau Hall (il palazzo del Governatore con un bellissimo parco), la Corte suprema del Canada e il mercato di fiori, frutta e verdura Byward (esiste dal 1820). Si prosegue per il meraviglioso Omega Park per osservare i tipici animali canadesi immersi nel loro habitat naturale. A bordo di un classico scuolabus giallo si percorre un sentiero di 10 chilometri tra i paesaggi ricchi di laghi, praterie, colline rocciose e piccole valli fino al leggendario Fairmont Chateau Montebello. Quindi la città di Québec, il più antico insediamento europeo del Canada, con la città vecchia (Vieux Québec) e il centro storico dichiarato Patrimonio UNESCO. Da vedere: la piazza Reale, la collina del Parlamento, lo spettacolare Chateau Frontenac e le Pianure di Abramo, a Battlefields Park (108 ettari di colline erbose, alberi, giardini, fontane e monumenti). Escursione verso la zona rurale, per un viaggio indietro nel tempo, attraversando lo storico Chemin du Roi, costellato di caratteristici villaggi con fattorie e casette tipiche dell’800, la Basilica di Sainte Anne de Beaupré e le magnifiche cascate di Montmorency. Si prosegue per un Capanno dello zucchero, per conoscere la tradizionale arte della produzione dello sciroppo d’acero per arrivare a Montreal e vedere: il Giardino Botanico (il terzo al mondo per grandezza), la neogotica Basilica di Notre Dame nel cuore della città vecchia (Vieux Montreal) a Place d’Armes, i murales a Saint-Laurent street e a St Catherine street oppure salire sulla collina di Mont Royal per vedere la città dall’alto. Anche Montreal ha la sua parte sotterranea: Resò, con oltre 30 chilometri di strade, che collegano gli edifici del centro, piene di ristoranti e negozi.
L’itinerario di 7 giorni/6 notti parte da 21.297 euro a persona, in camera doppia, con prima colazione (+ 2 pranzi), pullman privato e accompagnatore parlante italiano.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + 16 =

Mood Town

10 mete alternative per viaggiatori temerari

Published

on

Il viaggio è per molti sinonimo di scoperta e avventura e le vacanze sono spesso un modo per evadere dalla routine quotidiana, immergersi nella natura e scoprire nuovi modi di viaggiare.

Lo dimostrano i dati di momondo.it, la piattaforma digitale per la ricerca di voli e hotel, secondo cui quest’anno più della metà degli italiani (67%) ha scelto di abbandonare la vacanza tradizionale, pianificando viaggi all’insegna dello sport e del contatto con la natura.

Non sorprende, quindi che quasi un italiano su 10 quando è in vacanza spende la maggior parte del suo budget in attività sportive e avventurose.

Ma quali sono le “avventure” preferite dai viaggiatori dello Stivale? Prima tra tutte l’escursionismo, scelto da quasi un quarto degli italiani (19%), seguito da campeggio (11%), viaggio in bicicletta (10%), vacanze dedicate allo sport (10%), e infine l’interrail (7%), partire zaino in spalla (4%) o il pellegrinaggio (6%).

“Il viaggio ha sempre fatto parte della storia e della cultura italiana ed è uno strumento importante per aprire la mente, confrontarsi con usanze e costumi diversi affrontando nuove sfide,” spiega Cristina Oliosi, spokesperson per momondo.it. “Grazie al supporto dei suoi esperti di viaggio, momondo è in grado di offrire soluzioni adatte ad ogni tipo di viaggiatore, qualunque siano le sue esigenze e qualunque sia il tipo di vacanza che cerca, anche quella meno tradizionale. Attraverso la ricerca tramite filtri e diverse funzionalità, la piattaforma offre gli strumenti ideali per programmare al meglio il proprio viaggio.”

Se state già pensando alla prossima vacanza, magari per un break autunnale o in occasione della fine dell’anno e volete organizzarlo all’insegna dell’adrenalina e dell’avventura, ecco 10 destinazioni con itinerari adatti anche ai più temerari.

Rio delle Amazzoni e Nicaragua per chi ama natura e adrenalina

Coloro che sono alla ricerca di una vacanza alternativa dove unire natura e sapore di avventura, possono scegliere il Brasile e risalire il Rio delle Amazzoni, con una suggestiva crociera lungo le rive della giungla. Questo viaggio affascinante permette di ammirare foreste fitte di vegetazione e animali esotici… Addormentandosi su un’amaca risveglierà l’Indiana Jones che è racchiuso in ogni viaggiatore.

Chi invece vuole assaporare un po’ di sana adrenalina può volare verso il Nicaragua, dove è possibile scendere le pendici del vulcano Cerro Negro con una slitta in legno ad una velocità di 95 km orari. Il vulcano, infatti, negli ultimi anni, è diventato la location ideale per lo slittino estremo.

In campeggio tra i fiordi e la natura scandinava

Il campeggio è uno dei metodi migliori per trascorrere le vacanze, in grado di mettere d’accordo tutti, adulti e bambini, risparmiando anche sui costi. I Paesi scandinavi sono tra i più attrezzati in Europa per chi sceglie una vacanza in campeggio. Il fiordo Fennefjorden – vicino a Molde, nella costa ovest della Norvegia – dispone di un’area camping fornita di elettricità, Wi-Fi, servizi igienici, bar e tutto l’occorrente per avere ospiti in ogni periodo dell’anno.

In Finlandia, invece, è possibile campeggiare all’interno del parco nazionale dell’arcipelago, mentre in Svezia il governo consente di accedere liberamente ai luoghi pubblici, dando quindi la possibilità di soggiornare praticamente ovunque.

Dalle Alpi alla campagna inglese: i migliori itinerari per una vacanza in bicicletta

Abbandonati stress e fatiche lavorative si è pronti per concedersi una pausa e concentrarsi sulla forma fisica, circondati da panorami unici. Sella, casco, gambe e fiato allenati sono tutto ciò che serve a chi vuole affrontare un viaggio in bicicletta. Per i più temprati, i 684 km della Route des Grandes Alpes, in Francia, portano dalle rive del lago Lemano fino alle spiagge della Costa Azzurra, con paesaggi che sembrano disegnati e la possibilità di soddisfare anche il palato, con degustazioni di formaggi e vini locali.

Per chi invece vuole unire la visita ad una città e una gita fuori porta in sella alle due ruote, a Londra è possibile esplorare la campagna circostante in bicicletta. Costeggiando le rive del Tamigi e il fiume Wey si incontra la London Cycle Route che collega Putney con Weybridge, un itinerario di tre ore per sfuggire allo smog e al traffico cittadino.

Viaggiare in treno a tutte le età

Il viaggio non consiste solo nella destinazione di arrivo ma è fatto soprattutto di tutto ciò che si incontra durante il percorso. Questo è il pensiero che guida coloro che scelgono di spostarsi in treno da una destinazione all’altra, affrontando tappe diverse che li porteranno ad altrettante nuove esperienze. Il Glacier Express, che attraversa le Alpi svizzere, è il treno più lento al mondo ma in grado di offrire una vista spettacolare sulle montagne. Collegando Zermatt a St. Moritz consente di ammirare panorami incredibili tra cui la gola del Reno, conosciuta anche come il Gran Canyon della Svizzera.

Chi vuole ammirare in prima fila le bellezze che la natura norvegese offre, può farlo dai finestrini di un treno, sulla ferrovia Flåm. Lunga appena 20 km, la tratta consente di ammirare i panorami di montagna a ovest del Paese, attraversa l’Aurlandsfjord – tra i più caratteristici al mondo – e raggiunge la stazione di Myrdal, da cui si può poi proseguire verso Bergen o Hønefoss.

Infine, gli appassionati di magia non possono perdersi un viaggio sullo Jacobite, il treno scozzese a vapore, reso famoso dalla celebre saga cinematografica. Per coloro che invece decidono di recarsi oltreoceano, in Canada c’è la possibilità di assaporare uno dei percorsi a rotaie tra i più belli al mondo, che parte da Vancouver e arriva sino a Banff. In due giorni di viaggio, questo treno con finestrini che arrivano sino al soffitto dei vagoni, consente una visuale panoramica da brividi sul parco nazionale e sulle Montagne Rocciose locali.

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Le 10 scuse per una fuga d’autunno alle Canarie

DailyMood.it

Published

on

Per chi non si rassegna alla fine delle vacanze, alcuni suggerimenti per giustificare un break fuori stagione

Per chi sta cercando un motivo valido per pianificare il prossimo viaggio o una scusa plausibile per darsi assente a qualche appuntamento in agenda di troppo, le Isole Canarie offrono la ragione giusta. Anzi, ben 10 buone ragioni da poter spendere con amici, parenti e datori di lavoro per giustificare un viaggio in autunno, a sole poche settimane dalle vacanze estive.

1. Per combattere la carenza di Vitamina D
L’arcipelago delle Canarie è la zona con più ore di luce in tutta Europa: 4.800 all’anno. Al posto dell’ennesimo integratore, perché non scegliere una delle otto isole dove splende sempre il sole per fare il pieno di Vitamina D? Oltre ad aumentare il livello vitaminico nell’organismo e mantenere così in salute le ossa, la luce solare diminuisce il rischio di depressione e ha un effetto benefico su molteplici infezioni della pelle.
www.ilmigliorclimadelmondo.com

2. Per vincere l’allergia alle brutte giornate
Se non ci si rassegna all’arrivo dell’autunno o si soffre di una non definita allergia al brutto tempo, urge prenotare un volo diretto per Fuerteventura o Tenerife: qui le temperature sono miti e costantemente attorno ai 24 gradi, con lievi oscillazioni nell’arco dei mesi e pochissimi giorni di pioggia anche d’inverno. Questo clima unico e confortevole si deve ai venti alisei, alla corrente marina del Golfo e alla calda influenza dell’anticiclone delle Azzorre: fattori di cui le Canarie godono grazie alla strategica posizione geografica.

3. Per schiarirsi le idee

Potrebbe sollevare qualche perplessità, ma spiegare ai colleghi che il viaggio improvviso, e le conseguenti riunioni cancellate e scadenze posticipate, è dettato dalla necessità di schiarirsi le idee è una scusa alquanto verosimile. La luce dell’unico faro che oggi indica la rotta ai naviganti è quello che serve per mettere in ordine i pensieri e far chiarezza sulle questioni irrisolte. Alle Canarie ci sono ben 28 fari che per secoli hanno vegliato sulla navigazione transoceanica, l’unico ancora in funzione è quello di San Cristobal a La Gomera, tutti gli altri edifici dismessi, dal Faro del Tostòn di Fuerteventura al quello di Maspalomas a Gran Canaria, godono
comunque di un estremo fascino, in questo panorama mozzafiato.

4. Per la salvaguardia del Pianeta
La probabilità di avvistare delfini e balene alle Canarie è elevata: se ne possono vedere fino a 21 specie differenti, dalla balena azzurra all’orca. Le imbarcazioni che portano i visitatori a scoprire le meraviglie del mare esibiscono il distintivo Blue Boats che garantisce la salvaguardia ambientale e di tutela del loro delicato ecosistema. Sono quattro i principali siti per l’osservazione dei cetacei: la costa sud-est dell’isola di Tenerife, le acque a sud dell’isola di Gran Canaria – nella zona di Puerto Rico, la costa di Tazacorte sulla costa occidentale dell’isola di La Palma e la costa di Valle Gran Rey, le acque del sud dell’isola di La Gomera. www.ciaoisolecanarie.com/avvistamento-dei-cetacei/

5. Per ritrovare la bussola

Otto isole e molte mappe per scoprire tutto ciò che l’arcipelago può offrire agli appassionati di orienteering. Un esempio è il percorso Llanos de la Pez sull’isola di Gran Canaria, nel cuore della Reserva de la Biosfera. Una giornata qui permetterà di “ritrovare la bussola” e unire la pratica dello sport di orientamento con la visita alla piccola città di Tejeda e l’escursione verso l’emblematico Roque Nublo, uno dei monumenti naturali più importanti dell’isola.
www.ciaoisolecanarie.com/orienteering-nelle-isole-canarie/

6. Per andar a caccia di leggende
Ogni angolo delle Canarie è carico di magia: boschi incantati, grotte preistoriche e montagne sacre che fanno delle isole uno scenario con un’aura unica. Non si può ripartire dall’arcipelago senza aver scoperto tutti questi luoghi. Magari si avrà la fortuna di avvistare San Borondón, isola che secondo la leggenda compare e scompare ormai da secoli in qualche punto sperduto dell’oceano. I primi racconti risalgono a Tolomeo e Plinio. Anche le popolazioni indigene delle isole hanno sempre inserito nelle loro tradizioni l’esistenza di un’isola-che-non-c’è tra La Palma, La Gomera ed El Hierro. Motivo in più per provare a scorgerla all’orizzonte.
www.ciaoisolecanarie.com/luoghi-leggendari/

7. Per la sete di conoscenza

Nel cuore dell’isola di Lanzarote c’è il museo etnografico, il Tanit: si trova nel comune di San Bartolomé, nell’antica cantina di una villa del secolo XVIII. Il museo offre una completa esposizione del patrimonio etnografico di Lanzarote e, visitando le sue sale, si potrà conoscere profondamente la storia degli abitanti isolani, il loro folclore e le loro tradizioni.
http://www.museotanit.com/

8. Per la ricerca del gusto
Nessun pasto sulle Isole Canarie è completo senza pane locale, un buon vino e soprattutto il formaggio. I prodotti caseari di Gran Canaria e Fuerteventura sono tra i migliori al mondo. Nell’edizione 2018 dei World Cheese Awards, non meno di 35 formaggi realizzati sulle Isole Canarie hanno ricevuto premi. Tra i formaggi contadini spiccano il Maxorata, un formaggio di capra con paprika affumicata, e il Flor de Guàa, un formaggio cremoso e leggermente salato che combina latte di mucca e capra e liquido estratto dai fiori di cardo.

9. Per scoprire un segreto
Per gli spiriti avventurieri, esplorare alcune delle grotte che si affacciano sul mare di Fuerteventura è un’esperienza irrinunciabile. Sono gioielli naturali di straordinaria bellezza, con rocce dalle forme peculiari e il granito come protagonista. Situate nel Parque Rural de Betancuria, si segue un piccolo sentiero che attraversa la gola di Las Peñitas: un vero e proprio un salto nel tempo di milioni di anni, quando l’isola era una montagna ripida, senza colline coltivate. Con la bassa marea si possono visitare alcune grotte direttamente dalla spiaggia.
www.ciaoisolecanarie.com/alicein7wonderlands/isole/fuerteventura/

10. Per il benessere a fior di pelle

Ed ecco la scusa migliore per chi ha bisogno di una pausa rigenerante prima di piombare nel cuore dell’inverno. I centri Spa delle Isole Canarie sfruttano tutte le risorse naturali disponibili per offrire trattamenti come la talassoterapia, la geoterapia e soprattutto l’aloeterapia, che si effettua con aloe vera ed è tipica delle Isole Canarie. Questa terapia consiste in una pulizia corporea con latte e tonico, un peeling, un impacco con aloe vera e si conclude con un massaggio rilassante. L’aloe, detta anche “pianta miracolosa”, ha dimostrato nel tempo la sua efficacia come antibatterico, antisettico e antinfiammatorio.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Town

Un assaggio d’ Irlanda in autunno

Published

on

L’isola d’Irlanda si prepara a mettere in mostra il suo incredibile repertorio gastronomico quest’autunno grazie ad un nuovo grande evento: Taste the Island, una celebrazione dei cibi e delle bevande irlandesi.

Taste the Island è un nuovissimo evento che si terrà in molteplici località di tutta l’isola, sottolineando l’eccezionale qualità dei prodotti gastronomici e delle bevande che si producono in Irlanda e in Irlanda del Nord. L’iniziativa è la prima del suo genere nell’isola e si terrà dal 6 settembre al 30 novembre, cominciando con il festival A Taste of West Cork nella Contea di Cork con i suoi oltre 250 eventi è uno dei migliori festival gastronomici d’Irlanda.

Innovativi produttori artigianali e chef di fama mondiale, si ritroveranno nelle cucine di tutta l’isola per creare uno degli eventi gastronomici più entusiasmanti al mondo, con oltre 500 esperienze legate alla gastronomia e alle bevande locali che potranno essere degustate dai visitatori.

Chiunque verrà in Irlanda si renderà conto che non c’è mai stato periodo migliore di questo per scoprire il panorama gastronomico dell’isola. Tra le molteplici esperienze a disposizione ci sono percorsi gastronomici e tour lungo le coste spazzate dal vento della Wild Atlantic Way e della Causeway Coastal Route; visite a distillerie e birrifici che prevedono workshop pratici; entusiasmanti festival gastronomici e mercati contadini e centinaia di opportunità di incontrare i produttori e coloro che utilizzano i freschissimi ingredienti locali per trasformarli in sapori incredibili.

Alcuni degli eventi più attesi sono: la Harvest Moon Supper presso l’Hook Lighthouse il 14 settembre, in cui gli ospiti potranno cenare ammirando lo spettacolo del tramonto del sole e del sorgere dell’Harvest Moon – la luna piena prima dell’equinozio d’autunno – sulla penisola di Hook nella Contea di Wexford; una celebrazione del cibo e del sidro nella Conta di Armagh, conosciuta come “il frutteto d’Irlanda” dal 19 al 22 settembre; una festa ai piedi del monte Errigal in cui chef della Contea di Donegal il 30 settembre, daranno vita ad un’esperienza culinaria indimenticabile; il festival A Taste of West Cork dal 6 al 15 settembre; il Galway International Seafood and Oyster Festival dal 27 al 29 di settembre; Taste Causeway, una serie di tour ed eventi gastronomici lungo la costa della Contea di Antrim; lo Slow Food Festival a Derry-Londonderry il 12 e 13 ottobre; esperienze di Wild Food Foraging, in cui i partecipanti raccolgono in natura e poi cucinano i loro ingredienti, campionati di apertura delle ostriche e percorsi alla scoperta delle distillerie.

Alla scoperta del folklore

Oltre alla dimensione gastronomica, un aspetto fondamentale del folklore irlandese è il gran numero di credenze popolari e superstizioni su fate e folletti nate in Irlanda e tramandate per secoli. Perché, quindi, non approfittarne per addentrarsi in questo affascinante ambito?

Attrazioni turistiche come il The Leprechaun Museum nella contea di Dublino oppure la Leprechaun Cavern a Carlingford, vi offriranno un’impareggiabile esperienza interattiva se volete scoprire l’oscura, ma meravigliosa, storia del folklore irlandese. Esistono anche diversi Fairy Trails in tutta l’isola d’Irlanda, percorsi che offrono esperienze magiche per tutta la famiglia come ad esempio The Loughcrew Fairy Trail nella Contea di Meath o The Well’s House Fairy Trail nella Contea di Wexford.

Una cosa però è certa: le creature mistiche sono rimaste parte integrante della cultura irlandese per molti secoli e non c’è da sorprendersi se di tanto in tanto, girando per l’Irlanda, si trovano cartelli che ne segnalano il loro passaggio.
Persino giganti letterari quali W.B. Yeats e Samuel Beckett parlarono dei loro incontri con il popolo fatato irlandese e vi fecero spesso riferimento nelle loro opere. Se queste siano creature mitiche o spiriti fiabeschi che realmente hanno abitato le verdi colline d’Irlanda, nessuno può dirlo con certezza. Perciò, perché non organizzare un viaggio in queste antiche terre e scoprire di persona la verità?

Dove soggiornare

Hotel, b&B, pensioni ecc. si sprecano in tutta l’isola ma se volete provare un’esperienza davvero unica vi consigliamo il Lough Eske Castle Hotel nella selvaggia Contea di Donegal, famoso per i suoi sontuosi interni, per l’eccellente ristorazione e gli scenari maestosi.
L’edificio storico restaurato, risalente al quindicesimo secolo, si trova in una location da favola che abbraccia le sponde dello scintillante Lough Eske, circondato da 17 ettari di foreste.
Con le sue 96 stanze spaziose tra cui la maestosa Tower Suite nella torre del castello, una SPA attrezzatissima, due bar e un ristorante di prima categoria da cui godere di una vista spettacolare sulla tenuta, il Lough Eske Castle trasuda opulenza nel cuore dello spettacolare paesaggio del nord-ovest d’Irlanda.

Che l’obiettivo sia di abbandonarsi al lusso senza lasciare la stanza d’albergo oppure scoprire le meraviglie del Donegal e della Wild Atlantic Way, il Lough Eske Castle merita l’esperienza.

Per maggiori informazioni:  www.ireland.com

di Lidia Pregnolato per DailyMood.it

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending