Connect with us

Cine Mood

Speciale Dailymood | London Fashion Week 2018 | 17.09

DailyMood.it

Published

on

Nee Make UpSegui lo speciale di DailyMood.it sulla London Fashion Week. Oggi è stato il giorno di Delpozo e Victoria Beckam.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 17 =

Cine Mood

C’era una volta a… Hollywood. Credete nel cinema. Come Quentin Tarantino

Published

on

Se in un romanzo compare una pistola, bisogna che spari, diceva Anton Cechov. Se in un film compare un lanciafiamme, bisogna che prima o poi dia fuoco a qualcosa, diciamo noi, iniziando a parlarvi di C’era una volta a… Hollywood, il nono, attesissimo film di Quentin Tarantino, il suo film più riflessivo, maturo, nostalgico: un nuovo modo di fare cinema, e allo stesso tempo il Tarantino di sempre. Non appena si inizia a seguire il film, ci si sente subito a casa: atmosfere, parole e immagini sono inconfondibili. C’era una volta a… Hollywood racconta la storia di Rick Dalton (Leonardo Di Caprio), attore famoso per i suoi ruoli d’azione negli anni Cinquanta e nei primi Sessanta, che, nel 1969 in cui si svolge il film, sta vivendo una fase di declino: nessuno gli fa fare più il protagonista, ed è cercato solo per fare ruoli da cattivo. Il suo agente (Al Pacino) gli propone di andare in Italia e fare gli Spaghetti Western, ma lui non è convinto. Accanto a Rick c’è il fidato Cliff Booth (Brad Pitt), che gli fa da controfigura, in tutte le sue sequenze d’azione, da anni: ma è molto più che uno stuntman, è un tuttofare, un’ombra che lo segue, un grande amico. I due sono alle prese con l’inizio di un nuovo film, mentre nella villa accanto a quella di Rick arriva una giovane coppia: sono Roman Polanski, regista europeo reduce dal successo di Rosemary’s Baby, e la sua bellissima moglie Sharon Tate, in costante ascesa nel firmamento di Hollywood.

Tutti i film di Quentin Tarantino non sono ambientati nella realtà, ma in un mondo a se stante, creato dal geniale cineasta americano, un mondo che è quello del cinema. L’universo nel quale si svolgono storie come Le iene, Pulp Fiction, Jackie Brown e tutte le altre è costruito con mattoncini presi da tutta una serie di altri film e, come se fossero dei Lego, sono smontati e rimontati per creare qualcosa di nuovo. Ma C’era una volta a… Hollywood è ancora più di questo. È una dichiarazione d’amore verso il cinema. È l’Effetto notte di Tarantino, metacinema come il classico di Truffaut, ma ovviamente alla maniera del nostro. È un intricato gioco di scatole cinesi, un film che al suo interno ne contiene molti altri, probabilmente tutti i precedenti film di Tarantino, e ovviamente tutto il cinema di cui si nutrono. Sin dalle prime scene, C’era una volta a… Hollywood è un continuo entrare e uscire dai film, dai set, dalle sale cinematografiche, un continuo passaggio dalla realtà al cinema: solo che anche la realtà, come dicevamo, è fatta di cinema, e questo rende il film come una di quelle case degli specchi in cui ogni immagine si specchia in un’altra creando un riflesso infinito.

C’era una volta a… Hollywood, dicevamo, racchiude tutto il cinema di Quentin Tarantino. Il regista americano non ha paura di metterci dentro tutto quello che ama e che ha contribuito a creare il suo cinema. Oppure siamo noi che amiamo così tanto i suoi film da rivederli ovunque, e all’infinito. Così nel suo nono film vediamo il Cliff Booth di Brad Pitt sfrecciare in auto nella notte e pensiamo subito alle corse di Vincent Vega in Pulp Fiction. Arriviamo sul set e, come direttore degli stunt, troviamo proprio Kurt Russell, cioè lo Stuntman Mike di Grindhouse: A prova di morte, e accanto a lui ecco Zoe Bell, anche lei protagonista di quel film, e anche controfigura di Uma Thurman in Kill Bill. A proposito, ricordate la tuta gialla e nera che riprendeva quella di Bruce Lee? In quella scena con Russell e la Bell c’è anche il personaggio di Lee, in uno dei momenti più esilaranti del film, in cui Brad Pitt – come per tutto il film del resto – è ai livelli di Bastardi senza gloria.

Sì, C’era una volta a… Hollywood è un film di attori, e un film sugli attori, quei tipi “falsi, che dicono battute scritte da altre persone”. Riunisce Brad Pitt e Leonardo Di Caprio, già con Tarantino rispettivamente in Bastardi senza gloria e Django Unchained: il primo irresistibile, ammiccante, sexy, il secondo drammatico, dolente, tormentato. Il verso per richiamare il cane del primo, e le lacrime del secondo, dopo aver girato una scena che gli fa capire di essere ancora un grande attore, sono tra le cose che resteranno. Ma, ovviamente, c’è di più. Quando sentiamo dire al Rick Dalton di Di Caprio che quando un attore comincia a fare il cattivo è a fine carriera, Tarantino sembra parlare proprio del suo cinema e dei suoi attori, di quelle star come John Travolta, o Kurt Russell, che il regista ha preso, ridipinto come villain e rilanciato verso una nuova carriera. L’ironia sta anche nel fatto che, un tempo, fare il cattivo era visto come un passo indietro, mentre oggi gli attori fanno a gara per i ruoli da villain diretti dai grandi registi (pensiamo a Tom Cruise in Collateral o a Heath Ledger ne Il ritorno del Cavaliere Oscuro). E proprio Di Caprio, l’attore protagonista per eccellenza, l’eroe di Titanic, in carriera si è evoluto spesso in personaggi tormentati, creando un villain da antologia proprio per Tarantino.

A un certo punto di C’era una volta a… Hollywood, un set si apre, una quinta scivola di lato e svela ciò che c’è dietro, rivela la finzione e il gioco che tutti noi, dal regista allo spettatore, accettiamo ogni volta che parliamo di cinema. Il cinema, con film reali o inventati per l’occasione, entra spesso, in tutti i modi (il suono di una mitragliatrice, il dietro le quinte di un set, una scena che, mentre viene girata, ha già i movimenti di macchina e le luci del film finito) nel racconto principale, spezzando un film che, a parte questi inserti, ha un andamento piuttosto lineare, un respiro ampio, un ritmo più assorto rispetto agli altri prodotti di Tarantino, che partono in quarta e sparano subito alcune delle migliori cartucce. Sono film che prendono subito una direzione precisa, per poi cambiarla. Qui siamo a lungo in attesa di capire che direzione prenderà Tarantino, ma quando lo capiamo vediamo che tutto aveva un senso. A Quentin Tarantino, che era un commesso in una videoteca, il cinema ha probabilmente salvato la vita. E, in C’era una volta a… Hollywood, capiamo che il cinema le vite le può salvare davvero. Basta scrivere le storie con un altro finale. Basta crederci. E Quentin Tarantino crede talmente nel cinema da immaginare che possa fare qualsiasi cosa. Credeteci anche voi.

di Maurizio Ermisino per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

E poi c’è Katerhine – al cinema dal 12 settembre

DailyMood.it

Published

on

Dopo circa trenta anni di onorata carriera, una pionieristica e leggendaria conduttrice di talk-show teme di poter perdere a breve il suo ambito posto alla guida di un noto programma in onda a tarda notte se non accetta di intraprendere una rivoluzionaria trasformazione. Questo è ciò vedrete in E poi c’è Katherine, primo lungometraggio sceneggiato da Mindy Kaling, produttrice e scrittrice nominata agli Emmy.

La leggendaria conduttrice di talk-show Katherine Newberry (interpretata dal Premio Oscar® Emma Thompson) è stata una vera pioniera nel circuito dei talk show di tarda notte. Unica donna ad avere un suo programma di lunga durata, tiene al guinzaglio e sotto stretto controllo il suo personale manipolo di scrittori e sceneggiatori formato da soli uomini. Quando gli ascolti crollano e il suo indice di gradimento cala vertiginosamente a causa dell’accusa di essere una “donna che odia le donne”, Katherine mette in atto una serie di azioni atte a ristabilire la parità di genere tra i suoi collaboratori e d’impulso prende la decisione di assumere Molly Patel (Mindy Kaling), esperta dell’efficienza per un’industria chimica proveniente dalla periferia della Pensilvania, come prima e unica donna all’interno del suo staff di scrittori.

Voci sempre più insistenti insinuano che Katherine verrà presto rimpiazzata da una conduttrice più bella, giovane e cool, così Katherine incarica il suo staff di scrittori di renderla di nuovo alla moda e divertente. Molly, fan di lunga data, è determinata a provare che non è stata assunta solo in qualità di quota rosa, ma che è la persona giusta per dare una svolta alla carriera della sua conduttrice preferita. Ribaltare tutti gli elementi su cui Katherine ha costruito la sua longeva carriera e rendere il programma più attuale, autentico e personale potrebbe essere un trampolino di lancio per la carriera di Molly, oppure un grande azzardo che potrebbe riportarla definitivamente nell’industria chimica da dove proviene.

Al cinema dal 12 Settembre 2019.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Cine Mood

Cerimony Red Carpet | Venezia 76

Venezia 76 | Day 11: Scopri tutti i look indossati dalle celebrity durante la 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

DailyMood.it

Published

on

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending