Connect with us

Mood Your Say

Le “Vibration Room” di Nicola Artico: la musica come effetto dei suoni

T. Chiochia Cristina

Published

on

Nicola Artico

nicolaarticoIncontriamo Nicola Artico poco prima di entrare in una sua classe di “vibration room”, ovvero una stanza definita “immersiva” dove i partecipanti hanno la possibilità “di vivere un’esperienza multisensoriale”: proiezioni sul soffitto, essenze profumate e massaggi sonori.
Per Nicola Artico, musicista milanese interessato al mondo orientale da sempre, la felice intuizione dell’effetto benefico della musica sul corpo diventa un modo per sviluppare non solo la sua arte, con concerti , ma anche i suoi studi sulle vibrazioni: partendo proprio dai suoni infatti, le vibrazioni diventano lo strumento di misura del corpo umano, nasce il concetto di “vibration room” e l’idea che offrendo benefici anche emozionali al corpo, in modo particolare attraverso strumenti antichi ed ancestrali come il flauto, il bambù, le percussioni e le “chitarre” indiane, in modo particolare la campana tibetana e la tampura, si possano produrre effetti rilassanti.
Facendo esperienza di una vibration room, sia singola che di gruppo, si diventa quasi strumenti “di misura” per le proprie vibrazioni, per “ispezionare” le proprie emozioni, in modo nuovo. Allo stesso modo, anche gli strumenti musicali utilizzati ed appoggiati direttamente sul corpo delle persone, diventano degli strumenti “di misura per vibrazioni” perchè sono utilizzati secondo il metodo della “risonanza interiore”. Il mood delle emozioni quindi viene declinato nell’unità di misura delle vibrazioni, per misurare le proprie “oscillazioni personali” e offrire parametri fisici da ascoltare, per ascoltarsi.
Attraverso l’uso del suono degli strumenti, la sua accelerazione attraverso le vibrazioni sul corpo ed il loro cambio di velocità e variazione , le vibrazioni musicali diventano strumento di misura di relax, ansia o stress in quello che il musicista Nicola Artico, chiama “silenzio dinamico”.

Ci dice infatti il musicista stesso: “Il massaggio sonoro si basa sul metodo di risonanza interiore. I suoni vengono utilizzati per riequilibrare l’energia del corpo e indurre uno stato di quiete interiore e assenza del pensiero compulsivo. Durante il massaggio sonoro, infatti, attraverso l’appoggio sul corpo di strumenti come la tampura, il flauto di bambù e la campana tibetana, viene prodotta nel suono la nota più adatta: per creare un percorso sonoro (che potrà poi essere utilizzato abitudinariamente). Inoltre, attraverso l’utilizzo di tecniche innovative di realtà virtuale, il massaggio sonoro diventa una vera e propria esperienza multisensoriale”.

Il mood delle emozioni nuovamente declinato attraverso la musica. In questo caso attraverso l’effetto dei suoni sul corpo umano.

di Cristina T.Chiochia per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 2 =

Mood Your Say

Ambizione e talento per la nuova capsule di “Lake View”

DailyMood.it

Published

on

Il team dei tre giovani fondatori del marchio Lake View è determinato nel proporre nuove idee nel mondo del fashion, brillanti idee e spirito manageriale emergono in modo sorprendente nelle loro creazioni.

La presentazione della seconda Capsule, presentata il 20 aprile 2018, ha riscontrato un grande successo confermando il grande talento di Greta Schettino, Pietro Floris e Pietro Fadda. Insieme nel 2016 hanno fondato il brand Lake View, tutti classe 97’ hanno frequentato, il Liceo Volta di Como per poi intraprendere studi diversi rispettivamente di sociologia, giurisprudenza e fashion design. La produzione dei capi è stata, come nel caso della prima collezione, totalmente artigianale e volta allo scopo di creare capi unici e dotati di una valenza artistica. I capi sono dunque prodotti in una quantità estremamente limitata ed assumono pertanto un valore aggiunto di unicità e cura al dettaglio, sebbene vi sia l’interesse in futuro di sviluppare il brand verso una produzione industriale.
La collezione è caratterizzata concettualmente da un immaginario punk che non vuole tuttavia connotarsi di sfumature di protesta e ribellione quanto piuttosto incarnare il senso di una gioventù unita, indipendente e creativa. La presentazione della nuova Capsule, ha rivelato la fusione tra i vari elementi, quali: la moda, l’arte e la musica, una sinergia perfetta che ha catturato l’attenzione dei presenti.
Un altro aspetto fondamentale, per il giovane brand Lake View è il riciclo e la rielaborazione di capi vintage.
In particolare emerge l’idea di selezionare accuratamente di capi unici che già di per sé raccontano una storia, e donare loro una seconda vita tramite la loro attualizzazione.

Tale modernizzazione dei capi vintage vede in questa capsule numerosi passi avanti rispetto a quella dell’anno precedente, esplorando concettualmente il tema del decostruttivismo, con immancabili riferimenti al mondo di Martin Margiela. I capi spalla derivati dal mondo militare quali parka, sahariane e bomber, sono accompagnati dalle giacche ed i pantaloni in denim, tutti scomposti e riassemblati tra loro al fine di esplorare nuove soluzioni volumetriche e stilistiche.
Un grande traguardo raggiunto per il giovane team, che con uno sguardo al passato si proietta con attenzione nella modernità del futuro.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Your Say

Comunicare la moda:il mood dell’etica ed estetica del gioiello

T. Chiochia Cristina

Published

on

Il mood dell’etica (ed estetica) nella moda l’abbiamo più volte incontrato e descritto. Quello che colpisce questa volta, in concomitanza con il nuovo libro di Bianca Cappello edito da Skira Edizioni è quella attenzione al comunicare la moda attraverso il suo accessorio più amato: il gioiello. Questa volta bene “immateriale” perchè di semplice carta ma che diventa di grade valore estetico, un bene da valorizzare appunto e non sprecare, non solo per il concept di base di voler comunicare la moda e l’arte -ed il design- del gioiello in modo inedito, ma affiancandolo,

Paolo Ulian bracciale fotocredits Michele Zanin

come più volte è stato descritto da chi scrive, proprio attraverso un materiale esteticamente buono e riciclabile, come appunto la carta, nella sua sintesi più affascinante.
Il nuovo libro “Carta Preziosa” di Bianca Cappello quindi, nel pieno del mood dell’etica della moda, rappresenta e quindi quell’essere “prezioso ogni giorno” del gioiello e lo declina in modo curioso ed accattivante nelle pieghe preziose e sfaccettate della carta che “veste” così il gioiello non solo di un materiale, la carta, che si fa “preziosa” , come recita il comunicato stampa “in un senso più effimero, ma anche più attraente, grazie al suo utilizzo nella sfera del design e, più in particolare, del fashion design. Ambito in cui la creazione di elementi decorativi, in primo luogo i gioielli, trova una delle espressioni contemporanee più innovative grazie anche ad artisti di fama internazionale che hanno saputo intuire le potenzialità estetiche, e funzionali, di un materiale così eclettico”. Il libro, presentato con successo la scorsa settimana a Milano, promosso dal Consorzio Comieco sempre attento al recupero e riciclo è un forziere dove i gioielli di artisti della carta: Gian Luca Bartellone, Sarah Kate Burgess, Ela Cindoruk, Dario Cestaro, Caterina Crepax, Eleonora Cumer, Sandra Di Giacinto, Noémi Gera, Martine Horstman, Maria Teresa Illuminato, Zoe Keramea, Parth Kothekar, Tithi Kutchamuch, Edoardo Malagigi, Fernando Masone, Angela Nocentini, Daniele Papuli, Angela Simone, Sounds of Silence, Paolo Ulian, Roberto Zanon, 21 in totale, realizzano in carta sostenibile qualcosa di magico: “21 gioielli “preziosi”, realizzati in carta 100% riciclata con processi ad alta sostenibilità ambientale, colorata in pasta con tinte di origine vegetale e sapientemente fustellata a mano” per 21 schede dove molte sono anche le curiosità sulla storia antica e moderna del gioiello e la realizzazione di oggetti in carta. Un viaggio , comunicare la moda come etica ed estetica del gioiello, che la docente Bianca Cappello conduce magistralmente per Skira Editore con cui ha pubblicato anche i libri Storia della Bigiotteria Italiana (2016) e Il Gioiello nel Sistema Moda. Storia, Design, Produzione (2017).

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Mood Your Say

La storia è una storia: intervista a Davide Radice e Alessandra Tavella

T. Chiochia Cristina

Published

on

La propria personale esperienza nell’editoria. Ecco come Amazon Publishing, marchio editoriale di Amazon, una sorta di “longa manus” nel mondo dei libri di Jeff Bezos che da quando è arrivato in Italia, punta sui lettori che comprano online ma anche sugli autori di lingua straniera offrendo per Amazon Crossing (marchio editoriale di selezione di libri di narrativa tradotti) esempi di stile narrativo e titoli curiosi ed interessanti, al fine di renderli accattivanti.
Un colosso della e-commerce che diventa trampolino di lancio per una narrativa globale? Si gira la domanda a Davide Radice, editor del progetto e Alessandra Tavella, editor responsabile per Amazon Italia incontati alla manifestazione Tempo di Libri a Milano.

DailyMood.it: Cosa significa l’e-commerce nel mondo dei libri?
Davide Radice: La domanda dovrebbe essere posta a Alessandra Tavella che è la nostra referente, ma credo che sia non solo accattivante ma anche una scelta chiara del mercato dei libri.

DM: e per lei?
Alessandra Tavella: l’e-commerce dei libri sulla piattaforma online con il nostro marchio (Amazon Crossing) è attiva dal 2009, e quando è arrivata in Italia nel 2015 ovviamente era molto legata a quello che Amazon rappresentava online.

DM: Il progetto prevede solo la sezione per tradotti dall’inglese o anche italiani?
AT: Amazon ha deciso di dar vita a questo progetto anche in Italia, con grande slancio e molte professionalità coinvolte [vedi i traduttori n.d.r.]e continua a crescere , diffondendo molti titoli sia stranieri che non.

DM: Quindi il ruolo dell’ecommerce in questo settore sta crescendo?
AT:
E’ sicuramente un invito; una proposta oltre che un’offerta. Da quando abbiamo cominciato, i nostri titoli offrono una raccolta molto vasta sia nella versione in formato elettronico che in quella cartacea che va incontro ai gusti dei lettori.

DM: E questo aiuta nella scelta il lettore “targato” Amazon?
AT
: Assolutamente.Le storie sono storie. Belle storie. In qualsiasi lingua le si legga. Scelga un genere di libro. Lo troverà di certo. Troverà quello che segue i suoi gusti: ci sono tutti dal genere thriller a quello fantasy, dalle storie romantiche a quelle d’amore, dalle fiction ai gialli. Ed in italiano. Sia che si tratti di formato elettronico che cartaceo.

Dal 2009, AmazonCrossing ha pubblicato in oltre 35 paesi e ben 20 lingue.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending