Connect with us

Eventi

Tra arte e moda. Alla scoperta del progetto Ferragamo

DailyMood.it

Published

on

La dicotomia che per tanti anni ha caratterizzato arte e moda è da considerarsi ormai superata. A dimostrazione di quanto detto, nel “Museo del tessuto di Prato” si tiene una mostra dal nome: “Tra arte e moda. Nostalgia del futuro nei tessuti d’artista del dopoguerra”, con data d’inizio prevista per il 21 maggio e prosegue fino al 19 febbraio 2017. Essa fa riferimento al progetto denominato “tra arte e moda” ideato e promosso dal Museo Salvatore Ferragamo di Firenze in collaborazione con la Fondazione Salvatore Ferragamo. Il progetto espositivo è proposto su più sedi da un’idea di Stefania Ricci, che coinvolge sedi dislocate in: Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze; Galleria degli Uffizi; Galleria d’arte moderna e Galleria del Costume di Palazzo Pitti Firenze; Museo del Tessuto di Prato e Museo Marino Marini Firenze.

Il contesto da cui è partita l’idea di effettuare una mostra tra arte e moda è quello novecentesco, che vede protagonista l’Italia del Dopoguerra: parliamo degli anni ’50, dove la nazione investe le proprie risorse nel rilancio di un’industria che valuta la qualità non solo attraverso i canoni classici economici ma anche in base alla componente creativa posta al fine di migliorare il livello di vita spirituale e pratico del cittadino all’interno della società. Periodo di grandi cambiamenti, quello del Novecento, che mettono a confronto arte e moda con numerose innovazioni: da qui nasce una collaborazione e contaminazione tra le due.

SEZIONE 1

14

Rosa Genoni, Manto da corte “Pisanello”, 1906, velluto di seta con ricamo ad applicazione di merletto, filati metallici, canutiglia, cannucce e perle. Firenze, Gallerie degli Uffizi, Galleria del Costume di Palazzo Pitti. Il manto, ispirato a un acquerello di Pisanello (Un homme et une femme en habits de cour, 1450 circa, Chantilly, Musée Condé) fu presentato all’Esposizione Internazionale di Milano del 1906 insieme all’abito della Primavera.

La moda può essere arte? Domanda lecita considerando che essa è normalmente volta alla funzionalità e tende a riferirsi concretamente alla vita reale, sembra essere lontana dall’Art por l’art, concetto non sempre rappresentativo nemmeno per l’arte stessa. La prima a promuovere negli anni ’50 il concetto di moda come arte è stata l’istituzione Triennale di Milano che, con varie edizioni, ha reso possibile la sperimentazione da parte degli artisti all’interno di questo campo.

È ancora possibile parlare di arte e moda come organi opposti? Il progetto è volto ad analizzare le contaminazioni, sovrapposizioni e collaborazioni instaurate tra le due. Da esperienze preraffaelliti a quelle del Futurismo, Surrealismo, fino ad arrivare al Radical Fashion, si vuole concentrare l’attenzione anche sull’importante figura di Salvatore Ferragamo, che affascinato e ispirato dalle Avanguardie artistiche, cerca di porre in dialogo arte e moda. A lui e alle sue calzature viene dedicata la prima sezione della mostra, che vennero giudicate già dagli anni ’30 “manufatti di valore artistico”, facendo riferimento all’arte come punto di incontro tra tecnica e creatività concettuale. Le videoinstallazioni chiariscono come le calzature si confrontino con la loro fonte d’ispirazione, il mondo classico, l’oriente, le Avanguardie e via dicendo. Nella sala sono esposti anche i bozzetti pubblicitari originali.

SEZIONE 3

La moda s’ispirò all’arte già nei primissimi anni del Novecento. In primo luogo furono gli artisti a dedicare molto spazio agli abiti e ai loro dettagli all’interno dei quadri, tramandando così gli usi e costumi delle varie epoche; successivamente a partire dall’Ottocento la moda dilagò nelle città grazie al contributo svolto dalle imprese tessili che si lanciarono nella grande distribuzione. Questo mise in atto una rivoluzione mai vista prima d’ora e permise il dialogo tra moda e arte.

Molti artisti hanno iniziato a lavorare per il mondo della moda. Uno dei più celebri e ricordati è Andy Warhol, che nacque come artista dal mondo della moda degli anni ’50, poiché fu uno dei celebri disegnatori di “Glamour”, “Vogue” e “Harper’s Bazaar”. Celebre il vestito di carta dal nome “The Souper Dress”, presentato in mostra come un concentrato tra moda, arte e logica industriale. Originalità del vestito, oltre al materiale di cui è composto ovvero cellulosa, è il motivo stampato su di esso: la celebre Campbell Soup, immagine ripetuta in sequenza stampata in serigrafia dalla lattina della zuppa.

SEZIONE 4

Una sezione è dedicata a Germana Marucelli: porta all’interno della mostra un luogo di incontro tra operatori della moda, artisti e intellettuali uniti nella ricerca di nuove forme espressive in grado di interpretare il proprio tempo. La sezione comprende le opere di Pietro Zuffi, getulio Alviani, Paolo Scheggi, esposte alle pareti e, in più, gli abiti che furono sodalizio tra questi artisti.

Si passa dall’atelier al mood board, dove l’immaginario dei fashion designer è improntato sullo storytelling per immagini dal flusso di informazioni, basato su due qualità: attirare attenzione e innescare la memoria.

Nella mostra viene reso evidente il modo in cui Yinka Shonibare usa la moda per plasmare il linguaggio critico dell’arte. Con le sue installazioni propone una riflessione sulla multiculturalità, analizzando principalmente la questione coloniale. Le figure che animano le sue opere sono composte da manichini in pose teatrali e drammatiche vestite con abiti di stoffe batik richiamando le fogge tratte da dipinti del XVIII e XIX secolo.

SEZIONE 5

La mostra è impostata interamente sui giochi di ruolo che intercorrono, a partire dal Novecento, tra moda e arte e volti a dimostrare come la distanza sia del tutto svanita col passare del tempo. Durante il periodo novecentesco è emerso il settore del tessuto stampato per arredamento da cui, successivamente, è nato un altro nucleo di tessuti stampati considerati vera e propria “arte da indossare”: foulard di seta stampata su disegno d’autore, idea ben lontana da quella della triennale di Milano ma rivoluzionaria che crea ancor di più legame tra arte e moda. Da citare, come presenti all’interno della mostra, alcuni dei più importanti foulard disegnati da Edmondo Bacci, Franco Gentilini, Roberto Crippa, Giuseppe Capogrossi.

Non finisce qui, presente in esposizione opere del gruppo MAC (Movimento Arte Concreta) che trovano nell’arazzo, considerato il linguaggio maggiormente vicino alla pittura, una materia d’ispirazione su cui lavorare. All’interno della Scuola degli Arazzi di Esino Lario, manifattura lombarda fondata nel 1936, gli artisti lavoravano su disegni preparatori per lo più di stampo astratto, mentre l’organo della manifattura si dedica alla creazione di un nuovo tessuto per rendere maggiormente fedele il risultato ottenuto sull’arazzo rispetto agli originali proposti dagli artisti.

SEZIONE 7

In mostra si trovano esposti arazzi importanti tra cui quello di: Atanasio Soldati, entrato in contatto con il movimento “abstraction –creation” a Parigi nel 1933 e considerato uno dei primi esponenti italiani ad aderire all’arte astratta; Alfredo Chighine, promotore di un’arte astratta fatta di linee e colori rappresentanti l’essenza vitale della natura.

Oltre ad arazzi e foulard sono presenti materiali di manifattura pratese, proveniente dall’esperienza di Guido Pugi, che presenta tappeti realizzati con disegni e tecniche di tradizione centro asiatica, europea e moderna. Nel 1956 il tappeto denominato “jungla”, realizzato dalla ditta Figli di Guido Pugi seguendo il disegno di Giuseppe Ajmone, ha vinto il prestigioso premio del compasso d’oro, e venne presentato l’anno successivo presso la Fiera mondiale di New York.

SEZIONE 8

Esposte inoltre importanti esclusive mondiali come: inedite collezioni per tessuti stampati, manufatti tessili, opere d’arte create da artisti italiani importanti del periodo, prestate per l’occasione al museo. Tra queste si ricordano le opere di: Gio Ponti, Bruno Manari, Gio Pomodoro e tanti altri.

La mostra vanta diversi collaboratori al suo interno, tra cui: curatori, in cui si trovano nomi di Maria Luisa Frisa, Enrica Morini, Stefania Ricci e Alberto Salvadori; per la parte delle installazioni artistiche e videoinstallazioni si trovano rispettivamente: Riccardo Benassi e Karmachina; nel progetto di allestimento si nominano Silvia Cilembrini e Fabio Leoncini.

Photo Credit: Museo del Tessuto di Prato

NOSTALGIA DEL FUTURO NEI TESSUTI D’ARTISTA DEL DOPOGUERRA

PRATO, MUSEO DEL TESSUTO, 21 MAGGIO 2016 – 19 FEBBRAIO 2017

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 2 =

Eventi

Da Fondazione Prada il mood dello sguardo altrove nei sipari di Liu Ye

T. Chiochia Cristina

Published

on

Ci sono storie personali, come quelle narrate dal pittore cinese Liu Ye, che hanno la capacità di creare quella “quarta parete” immaginaria, abbattendo quel muro fittizio tra il palcoscenico e il pubblico che osserva la performance, in questo caso artistica.
Con “Storytelling” a cura di Udo Kittelmann, in mostra dal 30 Gennaio al 28 settembre 2020 presso la Fondazione Prada di Milano, il mood dello sguardo altrove si fonde appieno nei sipari di Liu Ye e nella sua pittura.

A Milano questa quarta parete si trasforma: a differenza di Shangai, dove le opere del pittore interagivano anche con i colori e l’armonia degli arredi, la Galleria Nord di Milano diventa palcoscenico a tutto tondo, dove immaginare, grazie ai quadri esposti su muri scarni ed essenziali, palco e teatro, pubblico ed opera, attraversando quella “porta immaginaria” su altri mondi.

L’arte drammatica delle opere offre storie a tutto e tutti: una estetica “del proprio pensiero personale” che, come ha dichiarato Udo Kittelmann, si sviluppa sulla percezione: “Percepisco l’opera di Liu Ye come un messaggio pittorico sensibile che passa tra due mondi spesso considerati contraddittori: cultura occidentale e tradizione orientale. La sua pittura ha subito suscitato in me un grande interesse perché esprime una costellazione dialettica. Crea una relazione non solo con i complessi sviluppi della cultura in Cina, ma si fa testimone di una profonda conoscenza della storia culturale e pittorica europea. Le sue immagini affondano le proprie radici nei movimenti artistici ed intellettuali tanto occidentali quanto orientali, facendo convergere le forze del passato e del futuro“.
Una quarta parete quindi, che si dilata e diventa punto immaginario tra questi due mondi, cosi vicini ma allo stesso tempo cosi lontani.

La bellezza dell’allestimento della mostra sta nelle sedute, che richiamano la semplicità del materiale, catturando la direzione dello sguardo, esaltando il principio del bello e della voglia di osservare.
Sia che si tratti di uno spettatore distratto, sia che si tratti di un estimatore del genere, Liu Ye, classe 1964, offre nei suoi lavori esposti in “Storytelling” il suo modo di essere e di sentirsi vivo nell’incontro con persone che “sappiano raccontare qualcosa”, alle quali si ispira nella sua pittura.

Concludendo, la mostra di Liu Ye presso la Fondazione Prada, parla di un incontro, di tante lingue e viaggi in giro per il mondo, dai tratti tipici della cultura cinese contemporanea, ma con quel tocco capace di “svelare” qualcosa in più. Prima di abbandonare lo spazio espositivo, infatti, lo spettatore viene posto di fronte a una scelta: “sbirciare” dietro al sipario allestito accanto all’uscita o lasciarlo li, senza mai scoprire cosa c’è dietro.

L’occasione di uno sguardo “altrove”, come quello del pittore, rappresenta la grande verità dell’uomo universale. Come insegna “L’uomo senza Qualità” di Musil “l’uomo ha due stati di vita, due di coscienza e due di pensiero, e si difende dalla paura morale che ciò dovrebbe incutergli, prendendo gli uni per la vacanza degli altri”. Accessibile, quindi, ma impenetrabile, come appunto la pittura di Liu Ye.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

L’amarcord dello sguardo di Fellini a Palazzo Reale

T. Chiochia Cristina

Published

on

A m’arcord, io mi ricordo, è un neologismo nato con Federico Fellini e il suo cinema e credo non vi sia parola più adatta che possa identificare la rievocazione, in chiave nostalgica, del convegno internazionale che si è svolto a Milano il 20 Gennaio 2020, nel giorno dell’anniversario della sua nascita, durante il quale è stato presentato il programma delle iniziative per il centenario.
Tra gli invitati i familiari, gli amici e quelli che, in quel “amarcord”, hanno ritrovato un po’ della loro vita, dei loro sogni, del loro fare progetti, in un periodo in cui l’Italia era tutta da ricostruire e pensare.

Un convegno internazionale, quindi, la scelta che il Comune di Milano, cultura e Palazzo reale, insieme al C.O.R. (Creare Organizzare Realizzare) ha organizzato, a testimonianza di un itinerario tra simboli ed enigmi del cinema felliniano e della sua vita. Evento che, come recita il comunicato stampa, “vede la partecipazione dell’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, del Direttore del Palazzo Reale di Milano, Domenico Piraina, dei curatori delle mostre internazionali e della mostra di Palazzo Reale Milano, Vincenzo Mollica, Alessandro Nicosia e Francesca Fabbri Fellini, nipote del maestro, degli eredi Masina, degli amici e di coloro che hanno collaborato con lui”, tra cui Milo Manara.

Il coordinamento scientifico del convegno è stato a cura di Maurizio Porro che ha ben sottolineato l’importanza di avere un calendario di mostre di altissimo profilo a livello internazionale, poi realizzate in Italia e all’estero, per testimoniarne il lustro del linguaggio cinematografico. Continua poi il comunicato stampa: “la notorietà di Federico Fellini nel mondo è infatti enorme; egli appartiene a quella cerchia ristretta di italiani che, per milioni di europei e di americani, in qualche modo riassumono l’Italia. Fellini è giunto a un simile risultato attraverso un itinerario colto: prima sceneggiatore, poi regista, ha dato vita a una galleria di fantasmi divertiti e appassionati, registrando come pochi altri il cambiamento del costume italiano e al tempo stesso cogliendo, in modo esemplare, i simboli del nostro passato e del nostro enigmatico presente”.

Un vero e proprio “glossario felliniano” quello proposto, fatto di riferimenti alla vita vissuta, come si è detto, “un po’ ad occhi aperti ed un po’ ad occhi chiusi” che culminerà con la mostra a lui dedicata che si terrà a Milano, presso il Palazzo Reale, dal 17 settembre al 15 Novembre 2020: un’occasione unica per imparare, scoprire, stupire e divertirsi.
Un Amarcord interessante, e a tratti struggente, che vede in Vincenzo Mollica un testimone sincero e appassionato.

Un altro importante centenario che ricorre nel 2020 è quello di Alberto Sordi, quell’attore che lo ha accompagnato nei suoi primi film da regista e che tutt’oggi lo accompagna nei ricordi delle persone che lo hanno amato, come se il tempo non fosse mai trascorso.
In occasione di questo centenario emerge il senso profondo del “fare un film” che, come ha sempre sostenuto questo grande regista italiano, non è solo qualcosa legato al talento: è necessario, infatti, averne anche la consapevolezza in quanto, per il riconoscimento del talento ci vuole tempo.

Oltre al convegno si svolgerà la mostra itinerante “Il centenario. Fellini nel mondo” promossa dagli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dalla Direzione generale per la promozione del Sistema Paese, in collaborazione con Istituti italiani di cultura nel mondo e appunto, la mostra a Palazzo Reale promossa dal Comune di Milano, oltre a tutte una serie di interessanti iniziative collaterali.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

SANREMO 2020 “Meeting del Mare” presenta SanRemo 2020 al Fifty Five a Milano 27 gennaio ore 19/30

DailyMood.it

Published

on

SANREMO 2020 si presenta in anteprima con una serata/spettacolo spumeggiante al mitico Fifty Five 55 a Milano, situato in Via Piero della Francesca 55, ricavato da un ex deposito ferroviario, per una serata dove saranno abbinate forme d’arte, espresse con la musica, moda, cinema, cucina, glamour…. tenendo fede ai temi che animano la mission del Meeting del Mare, che rimane identica anche dopo 23 edizioni, rimanendo dunque quella di portare i giovani creativi in una vicenda di protagonismo, di farli sentire gli artefici di un processo sociale, culturale, portando avanti una storia locale, di territorio, un fenomeno accompagnato dall’evoluzione delle tecnologie, la nascita dei social, tutto quello che coinvolge via web la cultura odierna dei giovani per un evento di costume grazie al quale avvicinare il grande pubblico e soprattutto i giovani ai nuovi linguaggi espressivi della creatività, dalla fotografia alla moda, dall’arte alla musica, dal cinema all’importante messaggio di solidarietà, passando per la musica,  all’insegna di inclusione, diversità e unicità.

L’evento sarà una festa di arte, musica, charity, beauty, imprenditoria, personaggi e fashion, attrici bellissime come Valeria Marini, Antonella Salvucci, Maria Monsè,   dove la moda di Hanna Moore Milano, brand di Gianfranco Unione Management, intesa come arte inclusiva, parlerà direttamente alle persone presentandosi attraverso uno spettacolo articolato, sarà infatti una sfilata “destagionalizzata”, nella quale le nuove tendenze delle collezioni autunno/inverno 2020 troveranno posto accanto ai capi più desiderabili che saranno presentati alla prossima Milano Fashion Week in febbraio. La serata avrà la direzione artistica di Luciano Carino, fondatore di HM Make Up Italy e Miriam Carino, art director per lo Staff e gestione defilè.

L’ eccellenza italiana del food sarà celebrata nella serata e vuole essere un importante appuntamento gastronomico per il menù che sarà ripetuto all’evento di SanRemo al Victory Morgana Bay per il Gran Galà “Meeting del mare” “SanremOn” durante il Festival della Canzone il 7 febbraio, alla scoperta dei sapori e colori con lo chef stellato Daniele Unione, che presenterà sapori e fragranze del cibo della sua terra campana.

TEMA LA SOLIDARIETA’, dare il nome all’emozione dei presenti, davanti ad un pubblico stellare di attori e attrici, personaggi della finanza, televisioni, comunicatori e media verrà premiato anche l’imprenditoria che si impegna e opera nel settore della solidarietà, un team-building di imprenditori, il legame di ciascuno con tutti esternando un sentimento che diventa pronto a comprendere e quindi a condividere.

Gianfranco Unione Management, in procinto di portare in Cina le sue aziende, produttore di ScaccoMatto production e fortemente impegnato nel sociale, il Dr. Ciro Guarino e il Dr. Valerio Iovinella, imprenditori di successo, ma anche empatia e una grande attenzione agli altri, esempi di solidarietà sicuramente  appresi in famiglia, per riconoscere le emozioni del mondo che li circonda.

Il Dr. Ciro Guarino Amministratore Unico della Società T.S.M.  S.R.L, con sede a Melito di Napoli, fresco per avere consolidato una recente importante partnership  con Iveco Bus di Annonay in Francia, è riuscito a  trasformare un’officina meccanica riconosciuta in ambito nazionale in una delle realtà del settore meccatronico, in particolare nella meccanica e nella carrozzeria, utilizzando il proprio know-how con tecniche all’avanguardia, personale altamente specializzato ed attrezzature di ultima generazione, ottenendo grandi risultati anche in ambito internazionale. TSM si occuperà dei lavori di rifinitura di autobus per le principali cittá francesi per importanti aziende di trasporto come la Sytral, la Akamir e non solo, alla TSM anche l’incarico per i bus sul suolo italiano in città come Milano e Genova.

80133 – Napoli; Sede Operativa via Campania, 35 80017 – Melito di Napoli

Il Dr. Valerio Iovinella Presidente e fondatore di Union Security, Nuove e innovative tecnologie applicate al mondo della vigilanza privata, un mondo completamente trasformato, che conta su circa 850 uomini e donne, 109 auto, 36 moto e circa 8500 clienti con mezzi altamente sofisticati come  il sistema di VideoAnalisi Intelligente che permette mediante regole ben stabilite di prevenire l’ evento criminoso mediante telecamere intelligenti e altra innovazione tecnologicamente avanzata rivolta non solo alle donne vittime di violenza o di stalking, ma anche ai ragazzi vittima di bullismo è il PERSONAL TRAKER WATCH. Un semplice orologio indossato e in grado, in caso di necessità, di inviare la propria posizione, l’audio bidirezionale e foto in tempo reale cosi da permettere agli operatori di una Sala Operativa ed una Control Room, entrambe presidiate H 24, di far intervenire le forze dell’ordine.

Via S. Francesco a Patria, 208, 80014 Giugliano in Campania NA

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending