Connect with us

On the Road

Ritorno in scena per un’icona dell’automobilismo

DailyMood.it

Published

on

Nuovo ingresso in scena per un’icona dell’automobilismo: nettamente migliorata sotto il profilo tecnico ed estetico, la Mercedes-Benz SL sarà disponibile da aprile 2016 e potrà essere ordinata a partire dall’inizio del 2016. Motori più potenti, cambio automatico 9G-TRONIC, DYNAMIC SELECT con cinque programmi di marcia e Active Body Control con funzione di inclinazione in curva ‘Curve’ portano questa vettura leggendaria ad un nuovo livello di dinamismo. La grande idoneità all’uso quotidiano è aumentata ancora, grazie alla capote, che ora può essere azionata fino a 40 km/h, e al divisorio automatico del vano bagagli. Le modifiche estetiche riguardano soprattutto la linea decisamente più sportiva del frontale, che presenta, tra l’altro, cofano motore, paraurti e fari nuovi.

La Mercedes-Benz SL è la numero uno nelle più svariate discipline: Roadster elegante per viaggiare rilassati e in pieno comfort o Coupé dinamico per la guida sportiva su strade tortuose. Ola Källenius, Membro del Consiglio Direttivo di Daimler AG e Responsabile della Divisione Vendite di Mercedes-Benz Cars, ha affermato: «La SL è una vettura per tutto l’anno perfettamente idonea all’uso quotidiano, ma soprattutto un’auto da sogno per le ore piacevoli da trascorrere in due. Grazie alla sua perfezione tecnica soddisfa qualunque desiderio dei suoi proprietari».

Colpisce in particolare il frontale ridisegnato della nuova SL. L’originale mascherina del radiatore Matrix, inclusa nella dotazione di serie, si allarga nella parte inferiore. Due powerdome accentuano la linea allungata del cofano motore. A rendere inconfondibile la nuova immagine della SL contribuisce anche il nuovo Intelligent Light System con tecnica LED di serie, con gli alloggiamenti dei fari molto allungati verso l’esterno. La silhouette sportiva è accentuata dalle prese di uscita dell’aria maggiorate con funzione estetica, inserite nei parafanghi larghi e dinamici e provviste di modanature cromate dalla forma simile ad ali, come pure dai retrovisori esterni posizionati sulla linea di cintura.

La gamma di modelli comprende ora la SL 400 con motore V6 potenziato da 270 kW (367 CV) e 500 Nm (+25 kW/35 CV e +20 Nm) e la SL 500 con potente propulsore V8 da 335 kW (455 CV). La trasmissione della potenza è affidata di serie al nuovo cambio automatico a nove marce 9G-TRONIC. Con il DYNAMIC SELECT basta premere un pulsante per cambiare in pochi secondi le caratteristiche distintive della vettura. Su richiesta del guidatore il sistema modifica, infatti, il settaggio di motore, cambio, assetto e sterzo. Sono inoltre disponibili i due modelli Mercedes-AMG: SL 63 e SL 65, quest’ultimo con motore V12.

Per info: http://www.mercedes-benz.it/

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

On the Road

La nuova campagna FCA #NOICISIAMO

DailyMood.it

Published

on

La nuova campagna di FCA è un omaggio che il gruppo ha voluto realizzare per l’Italia.
Un video dal forte impatto emotivo che richiama la bellezza più autentica del Paese, quella bellezza intrisa di luce e storia millenaria ma anche di forza, solidarietà, etica e orgoglio.
A questo link è possibile visionare il filmato e condividere un messaggio di speranza.

Le immagine evocative del video “Inno alle Strade” realizzato dall’agenzia creativa Leo Burnett per il Gruppo FCA, riprendono alcuni famosi scorci del Belpaese, quasi cristallizzati in questi giorni di marzo. La Voce narrante è dell’attore Riccardo Scamarcio.
Perché il nostro viaggio ricomincia da qui, tutti insieme. #NOICISIAMO

FCA scende in campo per l’emergenza sanitaria. A partire da questa settimana sono state avviate tutte le attività necessarie per convertire uno dei stabilimenti alla produzione di mascherine facciali. L’obiettivo è di iniziare la produzione nelle prossime settimane e arrivare a produrre oltre un milione di mascherine al mese che saranno donate ai primi soccorritori e agli operatori sanitari.

Inoltre, i team di engineering e del manufacturing di FCA e Ferrari stanno collaborando con Siare Engineering, il più grande produttore di respiratori del Paese, per aiutarli a raddoppiare la loro produttività.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

On the Road

BMW Concept i4. All’avanguardia con stile.

DailyMood.it

Published

on

Il BMW Group sta aprendo un nuovo capitolo della sua storia con la presentazione di una Gran Coupé completamente elettrica. La BMW Concept i4 porta la trazione elettrica al centro del marchio BMW e inaugura una nuova era del piacere di guidare. La BMW Concept i4 rappresenta uno sguardo al futuro della BMW i4, che dovrebbe entrare in produzione nel 2021 come il primo modello completamente elettrico del BMW Group nella classe premium di medie dimensioni. Fornisce una visione completamente nuova dell’eccellenza dinamica per cui BMW è celebre e fonde un design moderno ed elegantemente sportivo con la spaziosità e la funzionalità di una Gran Coupé a quattro porte, il tutto generando zero emissioni locali.

La BMW Concept i4 porta l’elettrificazione al centro del marchio BMW“, afferma Adrian van Hooydonk, Senior Vice President BMW Group Design. “Il design è dinamico, pulito ed elegante. In breve: una BMW perfetta che è anche a zero emissioni.” I numeri di spicco del propulsore comprendono un’autonomia di 600 km (WLTP), una potenza fino a 530 CV, un’accelerazione da 0 a 100 km/h in circa 4,0 secondi e una velocità massima superiore a 200 km/h. Tuttavia, le qualità di guida della BMW Concept i4 non possono essere espresse solo in cifre. L’erogazione virtualmente silenziosa della potenza crea una sensazione completamente nuova di dinamismo.
Il design della BMW Concept i4 mostra proporzioni fantastiche, un carattere fortemente espressivo e, naturalmente, molta attenzione ai dettagli“, aggiunge Domagoj Dukec, responsabile di BMW Design. “Con il BMW Curved Display, abbiamo ridefinito il tipico orientamento al guidatore di BMW in un modo estremamente elegante. Allo stesso tempo, la BMW Concept i4 offre una sensazione di piacere di guida sostenibile.” Come parte del pacchetto, Concept i4 include diversi elementi di design esterno e interno che appariranno sia nella BMW i4 che in altri veicoli di produzione ad alimentazione elettrica.

L’esterno – estetica elettrizzante.
L’esterno moderno ed elegante rappresenta un contrappunto deliberato al fascino dinamico dell’esperienza di guida. Le proporzioni da Gran Coupé perfettamente risolte creano un aspetto autentico, moderno e sicuro di sé. Il passo lungo, la linea del tetto fastback e gli sbalzi corti formano un profilo di base ricco di eleganza e dinamismo. Con le sue quattro porte, la BMW Concept i4 offre non solo un alto livello di usabilità e praticità quotidiane, ma anche un interno molto più grande di quanto le proporzioni moderne e dinamiche dell’auto suggerirebbero immediatamente.

Superfici chiare e dettagli aerodinamici.
Linee nitide e morbide e volumi tesi si fondono in una scultura ricca e dai contorni uniformi e creano un linguaggio chiaro e superficiale. La moderna tinta degli esterni Frozen Light Copper riprende una sfumatura di colore vista sulla BMW Vision iNEXT e mette in mostra l’interazione delle superfici con effetti visivamente sbalorditivi. Gli elementi blu nella parte anteriore, sui fianchi e nella parte posteriore indicano le origini BMW i dell’auto. Accendono i riflettori sulle icone distintive di BMW i e mettono in primo piano la tecnologia che sta sotto la superficie – ad esempio, i reni nel loro ruolo di pannello intelligente, le cornici nelle minigonne laterali nascondono la tecnologia della batteria e gli elementi del diffusore nella parte posteriore, che riempie lo spazio di progettazione lasciato libero dai tubi di scappamento e migliora l’efficienza aerodinamica.

Una serie di altre misure aerodinamiche massimizza l’autonomia elettrica dell’auto. La griglia del rene chiusa e gli evidenti labbri aerodinamici forniscono esempi dettagliati di sofisticata ingegneria del flusso d’aria all’opera. Un’altra area distintiva dell’auto sono i cerchi. Questi sono stati progettati esclusivamente per la BMW Concept i4 e fondono design aerodinamico e leggero; le superfici lisce – e quindi aerodinamicamente ottimizzate – contrastano con raggi ultraleggeri e ad alta resistenza. I cerchi estendono la gamma di colori e materiali della vettura, sottolineandone il carattere lussuoso.

Il frontale: il volto accattivante di una nuova era.
Il trattamento frontale della BMW Concept i4 presenta le familiari icone BMW in un nuovo look, conferendo un volto visivamente potente all’era elettrica di BMW. La griglia prominente e chiusa fornisce un collegamento tangibile tra passato e futuro di BMW. L’icona BMW acquisisce anche nuove funzionalità: senza motore a combustione che necessita di raffreddamento, la griglia ora serve principalmente come un “pannello intelligente” che ospita vari sensori. La griglia fa intuire la tecnologia che sta dietro le quinte con un design speciale per questo modello. Allo stesso modo i fari forniscono un ponte tra passato e futuro; il classico frontale a quattro occhi viene qui ripreso con un’interpretazione molto moderna e minimale. Due intricati elementi LED indipendenti su entrambi i lati integrano tutte le funzioni di illuminazione necessarie. Superfici pulite e poche linee nitide intorno alla griglia creano una grafica frontale contemporanea con un notevole impatto visivo. Un accento blu BMW in stile i nella cornice della griglia fissa il sigillo sulla parte anteriore.

Primi passi della nuova identità di marca BMW.
Nel corso della presentazione della BMW Concept i4, BMW presenta per la prima volta il nuovo look del marchio. Il nuovo logo per le comunicazioni fornisce anche la base per il badge sulla BMW Concept i4. Il suo design bidimensionale e trasparente garantisce una perfetta integrazione e porta la speciale tonalità di colore esterno Frozen Light Copper a una visibilità ancora maggiore. La concept car non ha solo il compito di guardare al futuro in termini di estetica, tecnologia e innovazione, ma esplora anche il potenziale di progettazione all’interno del nostro marchio BMW.

Estremità posteriore appariscente con caratteristiche aerodinamiche.
La parte posteriore della BMW Concept i4 è bassa sulla strada e taglia una figura ampia, sottolineata orizzontalmente. Le superfici avanzano attraverso la parte posteriore in un movimento morbido e lussureggiante, e le conferiscono un aspetto molto moderno e calmo. Le luci posteriori lunghe e sottili a forma di L continuano il tema. Sotto le luci posteriori, le superfici inclinate verso l’interno formano labbra che migliorano l’aerodinamica e incorporano prese d’aria verticali. La verticalità del design qui sottolinea la sportività dell’auto. Più in basso, la grembialatura posteriore ha una presenza forte e migliora l’efficienza aerodinamica. Laddove un tempo sarebbero stati trovati i terminali di scarico, gli elementi del diffusore in colore blu BMW i indicano la presenza di un sistema di trasmissione completamente elettrico e fanno riferimento al design della BMW i Vision Dynamics.

Gli interni: l’innovazione incontra il minimalismo.
L’interno della BMW Concept i4 si concentra su quei momenti in cui il guidatore sceglie di guidare la vettura in prima persona. Per questo, ogni elemento nella parte anteriore dell’abitacolo è rivolto verso il guidatore. Il nuovo Curved Display BMW si unisce al volante per rivelare una nuova interpretazione dell’orientamento al guidatore e offre un’anticipazione del display delle versioni di produzione della BMW iNEXT e della BMW i4. Qui, le superfici di presentazione del display informazioni e del display di controllo si fondono in un’unica unità inclinata verso il conducente. Questo raggruppamento dello schermo ottimizza la presentazione delle informazioni e rende più intuitivo l’utilizzo del display tramite touch. L’avanzata tecnologia di visualizzazione con vetro antiriflesso elimina inoltre la necessità di una copertura protettiva per oscurare i display e contribuisce quindi a un abitacolo estremamente ordinato e arioso.

Il BMW Curved Display occupa gran parte della sezione davanti al guidatore e sopra la consolle centrale e conferisce alla zona anteriore un aspetto molto moderno. La sua forma sottile e senza bordi suggerisce qualità e raffinatezza. Quasi tutte le funzioni operative sono integrate nel display come parte di un approccio globale incentrato sulla riduzione al minimo del numero di controlli tattili. Anche il sistema di controllo del clima ora funziona con il controllo touch.

Concentrati sull’essenziale.
Anche la parte anteriore degli interni attorno al BMW Curved Display è caratterizzata da un design essenziale. L’uso discreto di materiali diversi e la disposizione essenziale dei comandi creano un ambiente moderno ma anche lussuoso. Con questo in mente, elementi come le prese d’aria sono integrati quasi invisibilmente nella geometria generale e nascosti dietro pattern decisi.

I particolari nel caldo colore Gold Bronze che si mescolano al cromo conferiscono agli interni un tocco di classe. Il pannello di controllo centrale sostituisce un comando del cambio tradizionale con un cambio a leva. Elementi come il controller iDrive e i pulsanti di memoria del sedile nelle porte hanno una elegante finitura in cristallo. La combinazione tessuto / pelle per i sedili – composta da microfibra con grafica lineare e pelle naturale conciata con foglie di ulivo – crea all’interno un sigillo di alta qualità e sostenibile. Il risultato complessivo è un abitacolo chiaramente strutturato, luminoso e arioso, che veicola la tranquillità e l’autorità dei sistemi di azionamento elettrici.

Ampio comparto posteriore.
I passeggeri dei sedili posteriori sono accolti da un vano di dimensioni generose che offre livelli di spazio per la testa e le gambe che superano le aspettative di una coupé. I poggiatesta integrati per i sedili anteriori e posteriori aggiungono ulteriore sensazione sportiva. Il taglio nei poggiatesta è un dettaglio di classe che rimanda ai modelli BMW sportivi dell’attuale gamma.

I sedili posteriori estendono la grafica orizzontale che emerge dalle porte per creare un’atmosfera lounge nella parte posteriore. Nel frattempo, i sedili esterni riprendono la forma dinamica dei sedili anteriori, accentuando il sapore sportivo. Usano anche pochissime cuciture, il che enfatizza ulteriormente l’aspetto pulito e moderno.

Ulteriore sviluppo dell’interfaccia utente con modalità Experience.
Il raggruppamento dello schermo con il nuovo BMW Curved Display fornisce un portale di accesso digitale nell’era elettrica di BMW. L’aspetto e la sensazione sono chiaramente influenzati dagli ultimi dispositivi elettronici e sono stati deliberatamente resi meno “automobilistici”. Nel display stesso, gli strati piatti offrono una notevole profondità visiva. Nel complesso, il BMW Curved Display e il nuovo approccio alla presentazione si combinano per offrire un’esperienza di visualizzazione dei contenuti di prima classe.

Tre diverse modalità di esperienza consentono agli utenti di esplorare le varie sfaccettature del sistema di azionamento elettrico e di dare uno sguardo, almeno in termini visivi, al sistema operativo di prossima generazione dal 2021. La differenziazione visiva diversa tra le tre Experience Mode (“Core”, “Sport” ed “Efficient”) riguarda tutto, da come l’utente vede il display e la grafica a come si presentano gli interni. L’illuminazione d’ambiente del cruscotto, delle porte e (indirettamente) sotto il display indica le regolazioni tecniche in atto.

La modalità “Core” introduce l’area del conducente a un’interpretazione aggiornata dei quattro “widget” familiari dal modello di visualizzazione dei modelli esistenti. Qui, la grafica riprende il motivo sopra le prese d’aria e il colore dell’accento in Gold Bronze, facendo volutamente riferimento al design degli interni dell’auto. Nell’area in cui era posizionato il display centrale, ora una mappa e i widget si allineano uno accanto all’altro. L’utente può spostarsi tra i widget diagonali usando un movimento di scorrimento e disporli in modo intuitivo trascinandoli. Questo consente di adattare il display alle proprie preferenze personali.

In modalità “Sport”, i “widget” si avvicinano e creano una visione focalizzata. I movimenti laterali dietro le zone sono usati per mostrare quanto è stretta la curva successiva, facilitando la guida anticipata. Questa forma di presentazione del contenuto consente anche un’efficace visualizzazione periferica. L’area a destra del display mostra funzioni specifiche in modo simile all’app cronometro BMW M.

Nella modalità “Efficient” fa il suo debutto la “Assisted Driving View”, che mostra al guidatore cosa stanno rilevando i sensori dell’auto. Questa Experience Mode apre approfondimenti sulla tecnologia dell’auto, come ad esempio come comunica con l’ambiente circostante. Nella BMW Concept i4, l’attenzione è rivolta alla guida anticipata ed efficiente e sono incorporate le informazioni chiave per una guida efficiente. L’area a destra del display mostra ulteriori informazioni sul veicolo, come il livello di carica e l’autonomia.

Il sound della BMW Concept i4.
La BMW Concept i4 non è caratterizzata solo dal suo design particolare, ma anche dal suo suono visionario e unico. È stato sviluppato con il marchio BMW IconicSounds Electric dal compositore di fama mondiale Hans Zimmer insieme al sound designer BMW Renzo Vitale. BMW IconicSounds Electric mira a emozionare i veicoli elettrici BMW e renderli udibili utilizzando mondi sonori unici. Il suono della BMW Concept i4 realizza questo obiettivo alla perfezione: unisce il passato e il futuro della BMW. Dà al guidatore la sensazione che non ci siano limiti di espressione. Il suono è molteplice, sorprendente e fornisce un senso di leggerezza e trasparenza. I mondi sonori della BMW Concept i4 spaziano dai suoni di guida in modalità “Core” ai suoni più intensi e pronunciati della modalità “Sport”. Sono inclusi anche i suoni dell’apertura della porta e lo scenario iniziale.

La tecnologia destinata alla prossima BMW i4.
La tecnologia BMW eDrive di quinta generazione è una caratteristica distintiva della BMW i4 e quindi anche della futura mobilità elettrica. La BMW iX3 che entrerà in produzione nel 2020 aprirà la strada all’applicazione della nuova tecnologia, che sarà introdotta in una serie di veicoli BMW alimentati elettricamente – come la BMW iNEXT e la BMW i4. Il motore elettrico, l’elettronica di potenza, l’unità di ricarica e la batteria ad alta tensione che utilizzano la tecnologia BMW eDrive di quinta generazione sono sviluppi completamente nuovi che consentono al BMW Group di compiere un altro significativo passo avanti nel campo dei sistemi di trasmissione elettrificati. Il motore elettrico sviluppato per la BMW i4 genera una potenza massima fino a 390 kW / 530 CV, che lo colloca al pari di un attuale motore a combustione BMW V8. La sua erogazione istantanea della potenza conferisce alla BMW i4 prestazioni straordinarie e un’eccezionale efficienza.

La quinta generazione di BMW eDrive porta anche una batteria ad alta tensione di nuova concezione con la più recente tecnologia delle batterie. La versione della batteria sviluppata per la BMW i4 colpisce per la sua costruzione estremamente sottile e la densità energetica ottimizzata. Pesa circa 550 chilogrammi, ha un contenuto energetico di circa 80 kWh e raggiunge un’autonomia fino a 600 km nel ciclo WLTP. Tutto sommato, la tecnologia BMW eDrive di quinta generazione stabilisce nuovi standard in termini di densità di potenza, efficienza e autonomia nella guida locale priva di emissioni.

Produzione in serie della nuova BMW i4.
La produzione in serie della nuova BMW i4 inizierà nel 2021 presso lo stabilimento principale del BMW Group a Monaco. Ciò significa che, in futuro, i veicoli a combustione, gli ibridi plug-in e i veicoli completamente elettrici a Monaco saranno fabbricati sulla stessa linea di montaggio.
L’integrazione della BMW i4 nel sistema di produzione esistente rappresenta un compito impegnativo per lo stabilimento di Monaco. Il concetto di carrozzeria della BMW i4 differisce dalle architetture dei modelli di veicoli prodotti nell’impianto fino ad oggi a causa della necessità di ospitare la sua batteria ad alta tensione. Circa il 90% dell’attrezzatura di produzione esistente nella carrozzeria può essere incorporata nel processo, ovvero adattata alla fabbricazione dell’i4. Tuttavia, il restante dieci per cento, in particolare i macchinari coinvolti nella costruzione della struttura posteriore, dovrà essere di nuova costruzione.
Nuovi macchinari dedicati verranno inseriti nello stabilimento di produzione per l’installazione della batteria ad alta tensione, poiché la batteria deve essere installata nell’auto dal basso. Una sfida particolare nel processo di conversione / installazione sono le strutture affollate delle sale di assemblaggio. Lavorando all’interno di questi confini ristretti, i vecchi macchinari dovranno essere rimossi e le nuove apparecchiature installate e messe in funzione entro un periodo di sei settimane. Ciò richiede una pianificazione a lungo termine e un’implementazione precisa.
La società sta investendo un totale di circa 200 milioni di euro nello stabilimento di Monaco per portare a compimento la produzione in serie della BMW i4.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

On the Road

Giulia GTA: l’impetuoso ritorno di un mito Alfa Romeo

DailyMood.it

Published

on

Il Marchio Alfa Romeo, a 110 anni dalla fondazione, rinnova il proprio mito con un ritorno alle origini, facendo risorgere una delle leggende dell’automobilismo e una pietra miliare della propria storia: la Giulia GTA.
• La nuova Giulia GTA si ispira tecnicamente e concettualmente alla Giulia GTA del 1965: la “Gran Turismo Alleggerita” sviluppata da Autodelta a partire dalla Giulia Sprint GT che collezionò successi sportivi in tutto il mondo.
Giulia GTA deriva da Giulia Quadrifoglio ed è equipaggiata con una versione potenziata del motore Alfa Romeo 2.9 V6 Bi-Turbo, da 540 CV. Grazie all’adozione estesa di materiali ultraleggeri beneficia di una riduzione di peso pari a 100 kg rispetto a Giulia Quadrifoglio, raggiungendo un rapporto peso/potenza eccezionale di 2,82 kg/CV che la rende best in class.
• Inoltre, sono state sviluppate soluzioni tecniche specifiche anche per aerodinamica, assetto ed handling.
• Sotto i riflettori anche la celebre variante GTAm: è la versione estrema della GTA, caratterizzata da due
posti secchi, roll bar e cinture a 6 punti, 100% “street legal”.
Alfa Romeo raccoglierà da subito le manifestazioni di interesse su Giulia GTA e GTAm, disponibili in soli
500 esemplari certificati e numerati. Per i fortunati acquirenti Alfa Romeo ha sviluppato una customer experience esclusiva, con un processo di vendita one-to-one e un experience package dedicato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tra i tanti aspetti straordinari del marchio Alfa Romeo, ce n’è uno che lo rende davvero unico nel panorama automobilistico: l’inimitabile capacità di coniugare aspetti apparentemente inconciliabili. Alfa Romeo vanta infatti una storia unica, e il 24 giugno taglierà il traguardo dei 110 anni, che nel tempo ingegneri e designer hanno sfruttato in costante proiezione futura. Radici solide e riconoscibili, che alimentano il mito di un Marchio abituato a stupire, innovare e rinnovarsi sempre in coerenza con il proprio DNA. E la linfa che scorre in queste radici racchiude in sé un’altra eccezionale alchimia: un perfetto connubio tra sportività ed eleganza che rende ogni Alfa Romeo sempre a proprio agio sia in pista sia a un concorso di eleganza. Da questa combinazione, negli anni, sono nate alcune tra le vetture più iconiche mai costruite, e in occasione del suo centodecimo compleanno, Alfa Romeo sorprende gli Alfisti e tutti gli automobilisti con una vettura che rappresenta pienamente un ritorno alle radici e un omaggio a uno dei modelli più rappresentativi del Biscione: la Giulia GTA.

Una sigla dal sapore leggendario: GTA
L’acronimo GTA sta per “Gran Turismo Alleggerita” e nacque nel 1965 con la Giulia Sprint GTA, una versione specifica derivata dalla Sprint GT, allestita per l’omologazione sportiva e presentata al Salone di Amsterdam di quell’anno. La carrozzeria della Giulia Sprint GT venne sostituita con una identica in alluminio, per un peso totale di 745 kg contro i 950 kg della versione stradale. Una seconda modifica riguardò il propulsore bialbero da 1570 cm3 che nella configurazione stradale, con doppia accensione, raggiungeva la ragguardevole potenza di 115 CV. I tecnici dell’Autodelta, la squadra corse ufficiale di Alfa Romeo, la scelsero come vettura di riferimento per la categoria Turismo, e la elaborarono sino a una potenza massima di 170 CV. Il successo nelle competizioni fu immediato: tre “Challenge Europeo Marche” consecutivi, decine di campionati nazionali e centinaia di gare singole in ogni parte del mondo. E fu considerevole anche il ritorno di immagine sulla gamma: la Giulia Sprint GTA esprimeva infatti al meglio il claim “una vittoria al giorno con la macchina di tutti i giorni”. Da allora dunque la GTA entrò nell’immaginario collettivo come icona indiscussa della sportività del Biscione e la forza della sigla finì per spingere il pubblico a identificare con GTA le Alfa Romeo sportive in generale.

La leggenda si rinnova con soluzioni tecniche d’eccellenza
Per il lancio dell’eccezionale Giulia GTA, Alfa Romeo intende sovvertire qualche regola: non vuole parlare di storia, specie della storia che ha scritto, e non vuole ricevere regali per il compleanno. Preferisce farne uno a tutti gli appassionati presentando una vettura che rappresenta oggi un autentico ritorno alle radici di Alfa Romeo, quelle che affondano nel mondo delle prestazioni e del granturismo.

Dotazioni tecniche specifiche e stile funzionale
La Giulia GTA è immediatamente riconoscibile grazie a una caratterizzazione esclusiva non solo estetica, ma funzionale alle prestazioni: le nuove Alfa Romeo non sono un esercizio di stile, ma vetture ad alte prestazioni derivate da un modello di serie, l’eccezionale Giulia Quadrifoglio. Gli ingegneri Alfa Romeo hanno lavorato al fine di migliorare l’aerodinamica e l’handling, ma soprattutto per ridurre il peso: le stesse linee guida seguite per la Giulia GTA del 1965. L’aerodinamica attiva è stata appositamente studiata per aumentare il carico aerodinamico. In queste soluzioni si ritrova un know-how tecnico che arriva direttamente dalla Formula 1 grazie alla sinergia con Sauber Engineering e all’utilizzo del Sauber AeroKit. Lo stesso compito è affidato alle minigonne laterali, allo spoiler posteriore specifico e allo splitter anteriore attivo. Sono nuovi anche il sistema di scarico centrale Akrapovič in titanio integrato nel diffusore posteriore in fibra di carbonio e specifici cerchi da 20 pollici monodado, per la prima volta su una berlina. L’handling è stato migliorato attraverso l’allargamento di 50 mm delle carreggiate anteriori e posteriori e con lo sviluppo di un nuovo set di molle, ammortizzatori e boccole per i sistemi di sospensione. Su GTAm, il fronte aerodinamico è stato estremizzato con l’utilizzo di uno splitter anteriore maggiorato e una vera e propria ala posteriore in carbonio, che garantiscono un aumento e un ottimale bilanciamento del carico ad alta velocità. Per quanto riguarda le prestazioni, il motore Alfa Romeo 2.9 V6 Bi-Turbo realizzato interamente in alluminio e capace di sprigionare, nella configurazione di serie, ben 510 CV, su Giulia GTA raggiunge una potenza di 540 CV, grazie al minuzioso lavoro di sviluppo e calibrazione dei motoristi Alfa Romeo, capaci anche di ottimizzare l’impatto positivo dell’adozione del nuovo sistema di scarico centrale Akrapovič in titanio dal sound inconfondibile. Spostandosi nell’abitacolo, spiccano i rivestimenti completamente in Alcantara® sulla plancia, sui pannelli porta, sull’imperiale, sui montanti laterali e sul rivestimento centrale dei sedili. Ancora più esteso l’utilizzo di Alcantara® sulla versione GTAm, dove l’eliminazione della panchetta posteriore lascia spazio ad una “vasca” interamente rivestita, dove campeggiano sagomature specifiche destinate ad ospitare caschi ed estintore. I nuovi inserti in carbonio opaco esprimono ricercatezza tecnica ed estetica, donando distintività al nuovo interno, che su GTAm si differenzia, oltre che per la presenza del rollbar, per l’assenza dei pannelli porta e dei sedili posteriori, anche per l’apertura porta con il nastro al posto della maniglia, un altro tocco tipicamente ispirato al mondo delle corse.

Un rapporto peso/potenza eccellente
Ma la potenza, da sola, non è sufficiente a garantire prestazioni straordinarie. Estremamente accurato il lavoro sulla leggerezza, che è stata portata all’estremo: la riduzione del peso ammonta a circa 100 chilogrammi grazie all’adozione di materiali leggeri, come ad esempio la fibra di carbonio per l’albero di trasmissione, il cofano, il tetto, il paraurti anteriore, i passaruota anteriori e gli inserti passaruota posteriori, i sedili sportivi specifici con monoscocca in carbonio e cinture a 6 punti Sabelt per GTAm. Non manca l’alluminio per motore, porte e sistemi di sospensione e materiali compositi diversi per molti altri componenti. Su GTAm l’utilizzo del Lexan, particolare resina appartenente alla famiglia dei policarbonati che proviene direttamente dal mondo del motorsport, per la finestratura laterale e posteriore, contribuisce ulteriormente all’alleggerimento. Il risultato è un peso che si attesta sui 1.520 kg, che grazie all’aumento di potenza a 540 CV, portano il rapporto peso/potenza a un livello eccellente, 2,82 kg/CV, rendendo Giulia GTA best in class e in grado di esprimere prestazioni straordinarie. L’accelerazione da 0 a 100 km/h è fulminea. Grazie al sistema di Launch Control, il cronometro si ferma a soli 3,6 secondi. La Giulia GTAm prevede, a differenza della GTA, una configurazione a due posti, ma resta omologata per l’utilizzo stradale, con splitter anteriore e ala posteriore maggiorati in carbonio a vista, la massima espressione della sportività. Nell’allestimento GTA, a parità di potenza, Giulia offre quattro posti, senza roll-bar posteriore; spoiler e splitter ottimizzati per un uso quotidiano; pannelli porta, sedili e finestrini derivati dalla Giulia Quadrifoglio. Il risultato è una supercar da utilizzare tutti i giorni.

Un privilegio per 500 fortunati clienti…
Alfa Romeo Giulia GTA e la sua variante estrema Giulia GTAm saranno costruite in una serie limitata da 500 unità complessive, numerate e certificate, pronte ad affiancare la progenitrice del 1965 tra gli oggetti da collezione più desiderati, non solo da ammirare ma pronte a sprigionare su strada una potenza grande e fruibile grazie alle raffinatissime soluzioni tecniche. La stessa esclusività di Giulia GTA e Giulia GTAm caratterizzerà anche una customer experience dedicata e particolarmente esclusiva, pensata per far vivere ai 500 fortunati possessori un’esperienza unica, al 100% Alfa Romeo. Dopo le prenotazioni anticipate, ora ufficialmente aperte e che si chiuderanno tassativamente alla 500esima unità, il processo di vendita sarà one- to-one, con uno specialista di prodotto ambasciatore del Marchio che seguirà ciascun cliente dall’ordine alla consegna. Ma l’esperienza d’acquisto non si esaurisce con il processo di vendita dedicato. È previsto infatti un experience package personalizzato, che comprende un casco Bell in livrea speciale GTA, abbigliamento racing completo Alpinestars (tuta, guanti e scarpe) e un telo coprivettura Goodwool personalizzato, per proteggere la propria GTA o GTAm. Oltre ad altri equipaggiamenti da vero appassionato, la customer experience Alfa Romeo comprende anche un corso di guida specifico realizzato dall’Accademia di Guida Alfa Romeo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending