Connect with us

Eventi

The “Gabrielle Chanel. Fashion Manifesto” exhibition at the Victoria and Albert Museum, London

Published

on

The “Gabrielle Chanel. Fashion Manifesto” exhibition at the Victoria and Albert museum, London
16 September 2023 – 25 February 2024

V&A opens first UK exhibition dedicated to the work of Pioneering Fashion Designer Gabrielle ‘Coco’ Chanel Tickets available at vam.ac.uk/chanel
Gabrielle Chanel. Fashion Manifesto
Exhibition presented in partnership with Palais Galliera, Fashion Museum of the City of Paris, Paris Musées
With the support of CHANEL
The Sainsbury Gallery
16 September 2023 – 25 February 2024 vam.ac.uk | @V_and_A

Opening this Saturday, Gabrielle Chanel. Fashion Manifesto is the first UK exhibition dedicated to the work of French couturière, Gabrielle ‘Coco’ Chanel, charting the evolution of her iconic design style and the establishment of the House of CHANEL, from the opening of her first millinery boutique in Paris in 1910 to the showing of her final collection in 1971.
Featuring almost 200 looks seen together for the first time, as well as accessories, perfumes and jewellery, the exhibition explores Chanel’s pioneering approach to fashion design, which paved the way for a new elegance and continues to influence the way women dress today.

Based upon the Gabrielle Chanel. Fashion Manifesto exhibition organised by the Palais Galliera, Fashion Museum of the City of Paris, the exhibition is re-imagined by the V&A, with over 100 new objects including 60 new looks. It features rarely seen pieces from the V&A’s collection, alongside looks from Palais Galliera and the Patrimoine de CHANEL, the heritage collections of the fashion House in Paris. Highlights include one of the earliest surviving Chanel garments from 1916; original costumes designed by Chanel for the Ballets Russes production of Le Train Bleu in 1924; outfits created for Hollywood stars Lauren Bacall and Marlene Dietrich; an early example of Chanel’s ground-breaking evening trousers and ensembles from Chanel’s final collection of 1971.

Chanel designed first and foremost for herself. By creating clothes fit for an independent and active lifestyle, she anticipated the needs and wants of the modern woman. Through ten themed sections, the exhibition explores Chanel’s innovative approach to fabric, silhouette and construction, and will examine how she drafted a new framework for fashion in the twentieth century. Showcasing a stunning array of some of Chanel’s most notable designs from her sixty years in fashion, the exhibition analyses her professional career, the emergence and the development of her style, and her contribution to the history of fashion. The exhibition also highlights Chanel’s British inspirations, such as her adoption of tweed, partnerships with British textile firms and textile factory in Huddersfield.

Tristram Hunt, Director of the V&A, said: “As one of the most successful fashion houses in existence, CHANEL owes much to the templates first laid down by its founder Gabrielle Chanel, over a century ago. We are delighted to be partnering with CHANEL and the Palais Galliera on this exhibition, which provides us with the opportunity to explore the origins and elements of this enduring style and to display little-known historic Chanel garments from the V&A collection.”

Director of the Palais Galliera, Miren Arzalluz said: “Gabrielle Chanel devoted her long life to creating, perfecting and promoting a new kind of elegance based on freedom of movement, a natural and casual pose, a subtle elegance that shuns all extravagances, a timeless style for a new kind of woman. That was her fashion manifesto, a legacy that has never gone out of style.”
“Her success was based not only on the functionality, comfort and chic elegance of her designs, but also on her ability to grasp and interpret the needs and desires of the women of her time.”

Bruno Pavlovsky, President of CHANEL SAS and President of CHANEL Fashion, said: “We are happy and honored that the first exhibition dedicated to Gabrielle Chanel to be held in the UK, will be presented at the V&A, one of the most prestigious museums in the world. Gabrielle Chanel was a legend in her own lifetime. This exhibition will analyze her contribution to fashion and her radical vision of a style that created modernity and reflected the aspirations of women and the evolution of their place in society.”

“CHANEL is delighted to contribute to this project, providing access to the Patrimoine de CHANEL, and thanks the V&A for hosting this exceptional exhibition.”

Across ten sections, Gabrielle Chanel. Fashion Manifesto showcases the exquisite skill and innovation from the founder of the House of CHANEL:

Towards A New Elegance offers an introduction to the beginning of Gabrielle Chanel’s career as a milliner, opening her first boutique on the rue Cambon in Paris in 1910, and further boutiques in the fashionable coastal resorts of Deauville and Biarritz. The section outlines how the success of this business enabled her expansion into clothing. It will feature one of the earliest surviving Chanel garments, characterised by minimalism and precision – a streamlined way of dressing that contrasted with the excessively decorative fashions of the day, and would lay the foundations of her design principles.

The Emergence of a Style focuses on how Chanel developed an immediately identifiable signature style in the 1920s and 1930s. With clean lines, fluid materials and a simplistic colour palette, her understated designs were radical in their practicality yet displayed a refined elegance. Several sub-sections will also examine the role of textiles and manufacturing, her use of embroidery in her designs and spotlight Chanel’s famous little black dress. This section also includes Chanel’s British influences and
business ventures, and her creations being worn on the theatre stage and silver screen.

The Invisible Accessory showcases the creation and impact of Gabrielle Chanel’s debut perfume N°5 which became the world’s best-selling fragrance. Designed as an extension of her clothing and echoing her vision of modernity, Chanel made N°5 the signature of her fashion house. This section will also explore the launch of Chanel’s range of make-up in 1924 and skincare in 1927. Visitors will walk-through a gold tinted installation referencing the iconic No°5 perfume bottle.

Luxury and Line focuses on how Chanel’s eveningwear demonstrated a refined mix of inventiveness and classicism which subtly accentuated the female form. She harmonised proportions and materials aiming to create garments which expressed elegance, freedom and simplicity. The resulting designs conveyed the tension between garment and body, described in French as the ‘allure’. This section will also look at “Bijoux de Diamants”, her first and only 1932 collection of fine jewellery commissioned by the International Diamond Corporation of London.

Closing the House will outline the impact of the outbreak of war in 1939 on her personal and professional life. The exhibition will continue with Chanel’s official Return to Fashion on 5 February 1954, with the relaunch of her couture house at the age of seventy-one. Chanel’s return collection featured the signature hallmarks that she had so successfully introduced during the 1920s and 30s, representing her updated vision of the modern woman’s wardrobe.

The Suit will spotlight the defining garment of Gabrielle Chanel’s post-war contribution to fashion, with over fifty ensembles in a range of colours on display across two levels. A declaration of her vision of modern femininity, the Chanel suit combined ease and comfort with simplicity and style. Described by Vogue in 1964 as “the world’s prettiest uniform,” the Chanel suit, which has since become a timeless classic, remains a staple reference for fashion today.

Chanel Codes will focus on how accessories were fundamental to Chanel’s conception of a harmonious silhouette. They reflected her pragmatic vision of fashion and provided recognisable codes which underlined the unity of her style. Since the 1950s, the Chanel 2.55 handbag and two-tone slingback shoes have become two of the most enduring accessories in the world of fashion.

Into the Evening showcases eveningwear as an important part of Chanel’s couture collections in the latter part of her career. From the late 1950s onwards, she adapted her suits to include a range to be worn into the evening. These cocktail suits followed the same form as her day suits, realised in a plethora of richly decorative fabrics such as gold and silver lamés, textured weaves and intricately patterned silks. This section draws inspiration from the golden colour palette and black lacquer coromandel screens of Chanel’s own apartment.

Costume Jewellery will explore this essential part of Gabrielle Chanel’s distinct style. Rejecting the conventions of fine jewels, Chanel gave costume jewellery a new status. From the beginning of the 1920s, Chanel’s boutiques offered a dazzling range of
costume jewellery to wear with her sleek fashionable garments. The couturière’s costume jewellery drew inspiration from many places and historical epochs.

A Timeless Allure – the exhibition finale – celebrates the evening dress as Chanel’s exercise in style with looks displayed on a recreation of the iconic mirrored staircase based on the designer’s atelier. She proposed a relaxed version of the formal dress that was both discreet and refined, revisiting the foundations that had governed her aesthetic and punctuated her career. This section will showcase that right up until her final collection of Spring-Summer 1971, Gabrielle Chanel reinterpreted, updated and perfected her rules and principles, continuously refining her quintessential style.

The “Gabrielle Chanel. Fashion Manifesto” exhibition at the Victoria and Albert museum, London
16 September 2023 – 25 February 2024

The V&A is to stage the first UK exhibition dedicated to the work of French couturière, Gabrielle ‘Coco’ Chanel, charting the evolution of her iconic design style and the establishment of the House of CHANEL, from the opening of her first millinery boutique in Paris in 1910 to the showing of her final collection in 1971.
This exhibition will be presented in partnership with Palais Galliera, Fashion Museum of the City of Paris, Paris Musées. With the support of CHANEL.
On Tuesday 12th September ambassadors and friends of the House attended a dinner at the Victoria & Albert Museum in London to celebrate the exhibition.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ambassadors and Friends of the House

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × tre =

Eventi

BECAUSE YOU ARE A WOMAN Fotografie di Dina Goldstein, Maurizio Forcella, Keila Guilarte e Donatella Izzo

Published

on

In occasione della XIII Edizione di MIA PHOTO FAIR, la prima e più importante fiera d’arte dedicata alla fotografia in Italia, in programma all’ALLIANZ MiCo MILANO CONGRESSI dall’11 al 14 aprile 2024, Tallulah Studio Art presenta BECAUSE YOU ARE A WOMAN. Un progetto speciale, a cura di Patrizia Madau e Rebecca Delmenico, sviluppato attraverso l’accostamento visivo di quattro artisti della fotografia: Dina Goldstein, Maurizio Forcella, Keila Guilarte e Donatella Izzo. Ciascuno di loro esprime con stili differenti l’identità femminile e il suo cambiamento.

BECAUSE YOU ARE A WOMAN è lo sguardo sulle donne, il racconto delle loro suggestioni etiche, morali, amorali, contemporanee e i relativi contrasti sociali e culturali. Nella prospettiva di questi artisti la donna si libera di tutta una serie di imposizioni legate alla cultura occidentale, dove bellezza, giovinezza e ricchezza, veicolate da una perfetta apparenza, sono sinonimo di felicità. Una narrazione sull’universo femminile dove le donne vengono celebrate per la forza che dimostrano quotidianamente, per il loro essere indipendente di fronte alle sfide poste dalla contemporaneità.

Dina Goldstein (Tel Aviv, 1969) è nota a livello internazionale per le sue serie fotografiche, che si sviluppano in elaborate tableaux, in cui l’artista, con un linguaggio pop e irriverente, muove una critica sociale mostrando la propria versione degli archetipi della cultura di massa occidentale. Con le sue graffianti opere, Dina Goldstein affronta il cambiamento sotto diversi aspetti. Attraverso un racconto ironico e tagliente nella serie “In the Dollhouse” la fotografa scoperchia i lati oscuri di una dinamica ormai tossica nel rapporto di coppia, quella tra Barbie e Ken, caratterizzata dall’apparenza e dalla finzione. Con “The Fallen Princess” invece, abbatte il falso mito del “vissero per sempre felici e contenti”, creato da Disney ad uso e consumo di intere generazioni, ricontestualizzando le eroine Disney per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sfide della società contemporanea. Con “The Last Supper” dalla serie “God of Suburbia”, si affronta il cambiamento che la società dovrebbe avere nei confronti delle persone in difficoltà. Nella ricostruzione della cena più famosa della storia religiosa, la Goldstein rappresenta gli apostoli di Gesù come appartenenti a una gang del Downtown Eastside di Vancouver, luogo noto per essere tra i più malfamati e disagiati del Canada. Invece di un banchetto, troviamo lattine di birra vuote e zuppe in ciotole di plastica.

Le donne di Maurizio Forcella (Premio Arte Cairo Editore 2023), sovvertono l’estetica dell’apparenza, decostruendo l’idea di un’estetica contemporanea, dove tutto deve apparire in maniera perfetta, levigata e senza incrinature. Nei suoi ritratti l’artista cerca quell’imperfezione che da sempre è fonte di creatività e innovazione, e la racconta attraverso i volti sinceri, segnati dal tempo. Occhi chiusi, volti rugosi, niente sguardi ammiccanti, né filtri camuffanti: queste sono le signore sognanti di Forcella. Donne gentili, libere che hanno riaffermato per tutte il diritto alla diversità. La lavorazione, affidata alle cosiddette AI-TTI (Ar7ficial Intelligence Text-To-Image), permette di elaborare contenuti fotografici intervenendo su aspetti estetici caratterizzanti e grazie ad un preciso lavoro di post-produzione i risultati sono quelli di una fotografia pittorica.

Il reportage di Keila Guilarte I mille volti dell’Uganda” è stato realizzato in collaborazione con l’associazione To Get There, l’ETS (Ente Terzo Settore) fondata da Massimo Leonardelli e Piero Piazzi, con l’intento di aiutare le persone in difficoltà. Lo sguardo della fotografa cubana ci porta in mezzo a una realtà fatta di povertà e indigenza estrema, incontrando al tempo stesso la forza, la speranza, l’energia e l’attaccamento alla vita di questa popolazione caratterizzata dalla grande dignità. Scatti in bianco e nero, poetici ed evocativi raccontano gli sguardi inconsapevoli dei bambini e omaggiano soprattutto la personalità femminile ugandese, mostrata nella consuetudine di donne, madri e lavoratrici dalla grande tempra e fede.

Donatella Izzo nelle opere “Silent Time” e “She Wanted”dalla serie “No Portrait”, mostra l’anti-ritratto della donna in una società basata sull’apparenza e sulla moda dell’essere perfetti a tutti i costi attraverso i selfie, i filtri e i social. La vera rivoluzione è mostrarsi per quello che si è con le proprie fragilità e imperfezioni, anche dal punto di vista psicologico. Nelle opere della Izzo il viso è parzialmente nascosto per sottolineare l’idea dell’imperfezione che rende unici e fa sì che le personalità emergano scavando nell’io più profondo, andando oltre la superficie.

TALLULAH STUDIO ART
Tallulah Studio Art nasce nel 1999 su iniziativa di Patrizia Madau mente creativa, consulente di arte, design e fotografia. Da sempre alla ricerca di giovani talenti emergenti, dedica attenzione alle proposte delle nuove generazioni, promuovendo forma e materia nel design e nell’arte contemporanea in ogni sua espressione. La forza che contraddistingue Tallulah Studio risiede nella sua continua evoluzione estetica e nell’esprimere sempre concretamente i risultati di una ricerca costante. Patrizia Madau si è appassionata al lavoro di giovani artisti presenti nel recente panorama internazionale come Donatella Izzo, Federico Unia, Federica Angelino, Patrick Corrado, Riccardo Bonfadini, Ian Gamache, Fabio Roncato, Daria Dziecielewska McDouglas, Jono Nussbaum, Jordi Suñé Ferrús, Andrea Floris, Lorenzo Santy.

Dal 1999 ad oggi Tallulah Studio Art ha presentato molteplici mostre di arte, fotografia e design collaborando con artisti di fama internazionale come: Gerry De Bastiano, Melvin Anderson, , Nigel Coates, Michael Roberts, Dusciana Bravura, Dario Zucchi, Giada Barbieri, Gian Piero Gasparini, Thomas Berra, Fabio Roncato, Pier Lorenzo Salvoni, Gian Paolo Barbieri, Donata Clovis, Edland Man, Bruna Rotunno, Piero Figura, Carlo Bevilacqua, Keila Guilarte, Gianluigi Di Napoli, Maurizio Forcella, Dina Goldstein.

 INFORMAZIONI
MIA PHOTO FAIR 2024
ALLIANZ MiCo MILANO CONGRESSI | Via Gattamelata, 13 Milano
Tallulah Studio Art sarà presente allo Stand G005 corridoio G

ORARI
Orari di apertura MIA PHOTO FAIR dall’11 al 14 aprile 2024 | dalle 12.00 alle 20.30
BIGLIETTI ACQUISTABILI SU: MAILTICKET
www.miafair.it
tallulahstudioart.com
+39 3355929562

DINA GOLDSTEIN

Questo slideshow richiede JavaScript.

DONATELLA IZZO

Questo slideshow richiede JavaScript.

KEILA GUILARTE

Questo slideshow richiede JavaScript.

MAURIZIO FORCELLA

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

Gli anni novanta della moda (e non solo) negli scatti iconici di Thierry Le Gouès: arriva a Milano la grande mostra fotografica organizzata da MKS Milano Fashion Agency

Published

on

Un’estetica che ha fatto epoca, un artista tra i maggiori a livello internazionale: “’90” (alla Galleria Rubin, dal 16 al 24 febbraio 2024) ritrae volti, espressioni e gesti di miti del mondo fashion, quali Kate Moss, Carla Bruni, Karen Mulder, Tatjana Patitz, Naomi Campbell e tante altre

Anni Novanta: un’estetica che ha fatto epoca. Colta dall’obiettivo di un grande fotografo, capace di immortalare l’essenza di quel periodo in maniera inequivocabile e di fissare quindi volti, gesti ed espressioni di alcune delle principali icone internazionali del fashion – e non solo – che han fatto di quei momenti irripetibili il loro trampolino di lancio verso la storia. È questo il tema dirompente di “90’s”, la straordinaria mostra fotografica che verrà inaugurata il prossimo 16 febbraio a Milano, in Galleria Rubin, al civico 10 di via Santa Marta. Protagonisti, gli scatti di uno dei fotografi più importanti nell’universo patinato della moda, il francese Thierry Le Gouès. Che ha saputo cogliere da par suo l’essenza estetica e caratteriale di donne inimitabili, che hanno calcato i red carpet, le passerelle e i palcoscenici più prestigiosi di New York, Parigi, Milano, Londra: parliamo di miti, come le top Kate Moss, Carla Bruni, Karen Mulder, Tatjana Patitz, Naomi Campbell e tante altre.

GLI ANNI NOVANTA – Dunque, una mostra fotografica da non perdere. Capace di cogliere l’identità profonda di un decennio sempre più attuale, ripreso e reinventato dalle nuove generazioni in una sorta di sindrome nostalgica. Edulcorato, mitizzato, artefatto: è nel mondo della moda che bisogna scavare per cogliere l’essenza di questo periodo storico. Ossia dell’ultimo capitolo del secolo scorso, che ha premuto l’acceleratore sull’immaginario femminile, mettendo in costante competizione generazioni di donne stimolando in loro un ulteriore bisogno di emancipazione. Il 900 è donna, si potrebbe dire… A conclusione di questo immaginario, i 90’s sono diventati dunque l’emblema di una concezione di femminilità intramontabile, insuperabile, pura e dichiaratamente ribelle. La conferma si ritrova nella mostra 90’s: una serie di rappresentazioni autentiche di ciò che è stato; ritratti che catturano l’essenza del percepito dell’epoca e al contempo il motivo per cui ancora oggi suscita così tanto fascino. Autoaffermazione, istinto provocatorio, bellezza esatta, estetica minimalista: l’ideale dell’irraggiungibilità ritratto attraverso purezza in bianco e nero e le immagini scultoree di Thierry Le Gouès.

L’AUTOREThierry Le Gouès è uno dei nomi più acclamati della fotografia mondiale, rappresentato in Italia da Mks Milano Fashion Agency. Nasce a Brest, in Francia, nel 1969. A soli 18 anni inizia la sua carriera di fotografo di moda lavorando per il gruppo Condé Nast. Da allora ha collaborato con le più importanti testate internazionali del settore (Vogue, Harper’s Bazaar, Marie Claire, Elle, Vanity Fair, Rolling Stone, solo per solo citarne alcune). In Italia è stato pubblicato da Vogue, l’Uomo Vogue, Per lui, Per Lei, Vogue Pelle, Vanity Fair, Marie Claire, Amica e Grazia. Nei decenni ha curato le campagne pubblicitarie fotografiche e videografiche di diversi brand del lusso, tra i quali Armani, Cartier, Alexander McQueen, Levi’s, Louis Vuitton, Pierre Cardin, Fendi, Gucci, Hermés, Ralph Lauren, Bottega Veneta, Nike, Paco Rabanne. Ha ritratto celebrità del calibro di Beyoncé, Mary J. Blige, Pete Doherty, Britney Spears, Harrison Ford, Isaac Hayes, Alicia Keys, Lenny Kravitz, Neymar e Sharon Stone. Ma una delle più grandi ragioni del successo di questo straordinario artista è la singolarità dei ritratti delle modelle più celebri del pianeta: Kate Moss, Naomi Campbell, Linda Evangelista, Stephanie Seymour, Carla Bruni, Amber Valletta, Eva Herzigova, Kristen McMenamy, Yasmeen Ghauri, Helena Christensen, Tatjana Patitz e Karen Mulder. I suoi scatti son presenti ormai nelle più importanti gallerie del mondo. Ha anche pubblicato numerosi libri di successo, l’ultimo dei quali è l’omonimo “90’s, da cui sono tratti i contenuti della mostra, edito da PowerHouse Books: è l’emblema di ciò che viene considerata la massima espressione di fotografia di moda dell’ultimo decennio del Novecento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Eventi

CANEMORTO. THE PAINTING RACE

Published

on

Giovedì 25 gennaio 2024 alle ore 19.30, a Palazzo Vizzani, sede dell’associazione bolognese Alchemilla, apre al pubblico The Painting Race, progetto espositivo e performativo del trio di artisti CANEMORTO, a cura di Antonio Grulli. Promossa da Alchemilla, la mostra è realizzata nell’ambito di ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in concomitanza di Arte Fiera.

The Painting Race prevede la messa in scena di sei “quadri radiocomandati” provvisti di ruote, disposti all’interno di un circuito chiuso che attraversa tutte le sale dello spazio espositivo. The Painting Race mira a ribaltare la percezione comune dei dipinti su tela, oggetti preziosi, statici e intoccabili che normalmente vanno ammirati senza contatto fisico. All’interno della mostra, al contrario, i dipinti diventano opere mobili, a disposizione del pubblico per essere pilotati lungo il tracciato che si snoda attraverso le suggestive sale settecentesche di Alchemilla. Al circuito, che visivamente evoca una scultura brutalista e minimale, fanno da contraltare una serie di opere in tessuto, dipinte a candeggina e realizzate su misura per inserirsi all’interno delle specchiature già presenti sulle pareti delle sale del Palazzo.

Tramite questa dimensione ludica e partecipativa, The Painting Race annulla le distanze canoniche tra opere e visitatori, ironizzando sulle dinamiche fortemente competitive che caratterizzano il contesto delle fiere d’arte. Il pubblico, in questi casi generalmente relegato al ruolo di spettatore passivo, diventa protagonista all’interno della mostra, guidando le opere in solitaria oppure arrivando a sfidare altri visitatori in una gara di “pittura su ruote”.

Durante le giornate di ART CITY Bologna, sono in programma una serie di gare performative a squadre pensate per mettere in competizione dei rappresentanti di diverse categorie professionali del mondo dell’arte.

CANEMORTO è un trio di artisti italiani anonimi, attivi dal 2007. Indossano maschere, parlano un idioma

sconosciuto e venerano una divinità canina chiamata Txakurra, diffondendo il suo culto misterioso tramite opere “a sei mani” che sfruttano i media più disparati. CANEMORTO ha esposto il proprio lavoro in mostre personali presso Museo TAM (Matera), MATTA (Milano), Spazio C21 (Reggio Emilia), Centre Culturel Jean-Cocteau (Parigi), Litografia Bulla (Roma), Studio Cromie (Grottaglie), Kapow (Gent), Viafarini (Milano). Ha partecipato a esposizioni collettive, performance e proiezioni in gallerie e istituzioni tra cui MACRO (Museo d’Arte Contemporanea di Roma), MARCA (Museo delle Arti di Catanzaro), Artmossphere Biennale (Mosca), Triennale (Milano), Museo Etnografico del Friuli (Udine), Galleria Varsi (Roma), Palazzo Fazzari (Catanzaro), Encore (Brussels), USF Verftet (Bergen), Above Second Gallery (Hong Kong), V9 Gallery (Warszawa), Urban Spree (Berlin),TOLK Gallery (Nizhny Novgorod) e FIFTY24MX Gallery (Mexico City). www.canemorto.org

Alchemilla è un’associazione culturale non-profit che sostiene la ricerca, la sperimentazione e la produzione di progetti nell’ambito delle arti visive e performative, mettendo in relazione le figure professionali coinvolte, con particolare riguardo e cura verso i giovani talenti. Lo spazio di Alchemilla è pensato per ospitare artisti, curatori, performer e intellettuali, di passaggio o in residenza. L’associazione dispone di quattro studi dove ospita artisti per lunghi periodi, una stanza dedicata alla residenza di artisti under 30, organizza mostre, performance, incontri, presentazioni e workshop. La natura ibrida e interdisciplinare dei progetti proposti rende Alchemilla un luogo di sperimentazione e di contaminazione. Gli ambienti dell’associazione sono multifunzionali e versatili e si trovano all’interno di Palazzo Vizzani, uno degli edifici più significativi della fine del ‘500 bolognese, dove il passato e il presente si incontrano vivificandosi reciprocamente.

CANEMORTO. The Painting Race
A cura di: Antonio Grulli
Periodo: 26 gennaio – 16 marzo 2024

Inaugurazione: giovedì 25 gennaio, ore 19.30>22
Sede: Alchemilla | Palazzo Vizzani, via Santo Stefano 43, Bologna
Promossa da: Alchemilla

Nell’ambito di: ART CITY Bologna
Orari: venerdì e sabato, h 16>19. Mercoledì su appuntamento.
Orari speciali nei giorni di ART CITY Bologna (1, 2, 3, 4 febbraio 2024):
1, 2, 4 febbraio h 11>13 e 14>19; sabato 3 febbraio (ART CITY White Night) h 11>13 e h 14>23
Ingresso: libero
Si ringrazia: Zunarelli Studio Legale Associato
Informazioni: info@alchemilla43.it | www.alchemilla43.it
Ufficio stampa: Irene Guzman | irenegzm@gmail.com | +39 349 1250956

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending