Connect with us

Fashion News

Se la mascherina è (anche) un accessorio

DailyMood.it

Published

on

Dal Master IED in Fashion Design 14 concept di mascherine protettive con appeal moda. I protagonisti “sono i designer di domani. Ed il colore del futuro.

Sappiamo tutti (e ormai ci stiamo rassegnando all’evidenza) che le mascherine protettive ci accompagneranno ancora per diverso tempo, anche in questa fase 2 post lockdown generale. Perché non farle diventare allora dei veri e propri accessori del nostro modo di vestire quotidiano? Perché non immaginarle e disegnarle con lo stesso “trasporto” o “estro” che si metterebbe per un altro dettaglio di stile?

Partendo da questa intuizione, 14 studenti di provenienza internazionale del Master in Fashion Design IED Milano hanno immaginato, con il coordinatore Fabio Di Nicola, diversi concept di mascherine in stoffa, progettandoli come veri capi di abbigliamento e ragionando, quindi, in termini di tagli, materiali, colori e forme, partendo da mood concettuali.

Quando entrammo in lockdown mi chiesi come impiegare in modo creativo il tempo degli studenti master IED – racconta Di Nicola.– Avevamo appena terminato il corso di Methodology of Project Development e avevamo creato collage in chiave dadaista che raggruppavano tutte le idee emerse. Chiesi dunque di creare un collage sul coronavirus. Gli studenti crearono lavori incredibili animati dal forte disagio del momento. Successivamente chiesi di creare una mascherina con appeal moda usando tutte le loro skill. Siamo stati i primi e ne è uscito un lavoro egregio. Alcuni risolvendo con colori accesi, altri con pattern fantastici, altri ricordando il loro paese d’origine.”

I 14 studenti del Master IED in Fashion Design protagonisti del progetto ( “I designer  di domani. Ed il colore del futuro“, aggiunge il coordinatore Di Nicola) sono: PIA BECHARA (@piamariabechara), YA GAO (@gloriayayaaa), KASUNI HEWA PATHIRANALAGE (@kasuni.h), LUCIANA LOBATO (@lobatolu), MICHELLE MANTHEY (@michelle.manthey.mm), NASTARAN HASHEMI (@nastaraaan), KUSHIP PARMAR (@warp_by_kuship_parmar), LUDOVICO PORTOGALLO (@lowd0), FARHAT SHARIF (@farhat.sharif), GINEVRA SOLERI (@ginevras_design), JING JING WEI (@jingjing_weii), JIE XIN XIA (@czaerax), ANDREA LEE GARCIA REPPER  (@andrealeeg),  SHIVANI MANISH RATHI (@rathishivani2029).

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × due =

Fashion News

Voglia di mare con i costumi Kristina Ti

DailyMood.it

Published

on

Voglia di mare? In attesa di poter programmare le nostre tanto agognate vacanze, possiamo iniziare a scegliere i nostri outfit per apparire splendide sulle  meravigliose spiagge italiane.
Di seguito una selezione di costumi e outfit by Kristina Ti.

COSTUMI

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

OUTFIT

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

Look grunge e identità per ripartire con AGL

T. Chiochia Cristina

Published

on

Ci sono tanti modi per ritornare alla normalità. Uno di questi è riappropriarsi della propria vita. Scrollarsi di dosso le paure, le ansie e le circostanze di questi mesi e diventare un po’ gladiatori. Ripartire, come vere e proprie guerriere, facendosi largo tra le sneaker di primavera armate, in modo fortemente identitario, di un vero must have.

Forse con queste “reminiscenze da gladiatore”, come recita il comunicato stampa, le sorelle Giusti di AGL riescono a incarnare bene il concetto di ripartenza al femminile, in una città come Milano che ha sempre puntato, e punta anche stavolta, a uno stile identitario della donna nelle calzature, che si rispecchia anche nella vera comodità. Ne è un esempio lo stivale DROMODECOR, che fonde in sé ricerca e innovazione.

Avevamo lasciato le sorelle Giusti durante l’ultima settimana della moda, poco prima dell’ordinanza per la pandemia a Milano e, già allora, la loro proposta appariva a chi scrive ricca di una forte identità personale. Poi è arrivata la nuova campagna pubblicitaria di Paolo Roversi, che ci ha dimostrato che non si tratta solo di una nuova estetica calzaturiera, bensì di una vera e propria proposta per chi vuole farsi accettare per la donna che è davvero.

A vederli ora gli stivali calzati dalla figlia di Michael Jackson nella foto di Roversi, che mostrano una donna dal look casual e chic insieme, con quei dettagli caratterizzati da ganci in metallo, sembrano rappresentare perfettamente la donna che vuole ripartire dopo mesi lunghi e difficili, all’insegna del “mood delle sneaker”, pensato però in modo quasi atletico, anche se femminile.

Un po’ scarpa da montagna, un po’ amazzone di città, con la maxi suola in gomma ideata in esclusiva per AGL, DROMODECOR è adatto a chi è pronto ad osare, tra innovazione e tradizione, calzando il Made in Italy in attesa di ripartire davvero, per vincere.

Concludendo, l’avere nuovamente come testimonial Paris Jackson, vista con gli occhi di Paolo Roversi, ha fatto la differenza, come l’uso del bianco e nero per definire il modello di calzatura, mettendone in risalto il carattere. Così, in questa nuova campagna pubblicitaria, la figlia di Michael Jackson rappresenta appieno l’idea che sta alla base di DROMODECOR: sensualità e femminilità in attesa di un nuovo giorno, o un giorno nuovo, per somigliarsi e volersi bene sempre di più.

di Cristina T. Chiochia per DailyMood.it

Questo slideshow richiede JavaScript.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Fashion News

International Museum Day 2020 | La HUI Foundation e il Centennial Fashion Museum celebrano il valore dell’uguaglianza e inclusività nella cultura

DailyMood.it

Published

on

IL CENTENNIAL FASHION MUSEUM E LA HUI FOUNDATION CELEBRANO IL VALORE DELLA CULTURA TRANSNAZIONALE NELLA GIORNATA DEI MUSEI

I progetti di Zhao Huizhou, designer della maison HUI, promuovono una visione autentica della cultura e della memoria creando un legame virtuoso e fecondo tra il passato e il futuro dei popoli

Il 18 maggio, la giornata internazionale dei musei, è l’occasione per pensare, una volta di più al valore della cultura e della memoria che, insieme, creano l’identità dei popoli e la trasmettono nel tempo.  Un appuntamento annuale che oggi, in periodo di emergenza sanitaria, acquista un ulteriore ed emblematico significato non solo ergendosi a testimonianza attiva dalla quale imparare ma ponendosi come un importante strumento di scambio e di arricchimento culturale, di sviluppo della comprensione reciproca e di cooperazione  e di pace tra i popoli.

È in questo contesto che hanno preso vita due importanti progetti, capaci di fondere mirabilmente tradizione e modernità, celebrando le radici per proiettarsi in un futuro solido che, soprattutto, conosca la potenza dell’unione e del sapere: sono il Centennial Fashion Museum e la HUI Foundation, entrambi nati dalla volontà di Zhao Huizhou. Designer della maison HUI, un legame forte con l’Italia riconoscibile in uno stile che unisce l’eleganza sartoriale italiana al gusto decorativo tipicamente orientale, la signora della moda cinese ha riunito, con il suo spirito collezionista e di ricerca, un patrimonio di testimonianze capaci di raccontare la cultura della moda e della sua storia. Uno scrigno potente che si fa custode del patrimonio cinese, raccogliendo il materiale più svariato (dai costumi della dinastia Qing all’arte del ricamo capace di attraversare i secoli e tutta la storia millenaria della Cina) con l’obiettivo di riflettere l’evoluzione storica della moda e accrescerne la valenza culturale.

Un’attenzione per la bellezza e per la cura della tradizione che non prescinde dal capitale umano riassunto nell’attività della Fondazione HUI il cui fine – al netto della protezione e della promozione dell’artigianalità tipica della cultura cinese – punta al benessere delle persone promuovendo progetti solidali e benefici atti a migliorare la vita e a perpetuare attività ancestrali che, ancora oggi perpetuate, costituiscono la ricchezza di un territorio.

I musei sono e devono essere hub culturale al centro della comunità che stabiliscono un dialogo tra culture diverse per affrontare tematiche sociali contemporanee con l’ausilio della storia e valorizzando, al contempo, il patrimonio culturale in maniera proattiva e interattiva con il futuro” ha dichiarato Zhao Huizhou. Una filosofia alla quale aggiunge l’essenza stessa del patrimonio culturale di un popolo che deve uscire dai suoi confini per confrontarsi con quello degli altri paesi per creare sinergie virtuose e, soprattutto, capaci di unire.

0 Users (0 voti)
Criterion 10
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Continue Reading

Trending